Il giorno di MeeGo 1.1

Disponibile il nuovo aggiornamento del giovane sistema operativo Intel-Nokia. Per smartphone, netbook, TV e navigatori satellitari che lavorano con ARM o Atom

Roma – Intel e Nokia hanno rilasciato il primo aggiornamento veramente importante per MeeGo, il sistema operativo mobile nato nel febbraio del 2010. Dal sito ufficiale meego.com e dalle repository del progetto è ora possibile scaricare la release 1.1 dell’OS pensato per supportare ancora meglio smartphone, netbook, tablet, TV e sistemi di infotainment veicolare.

L’aggiornamento, dedicato ai device basati su architetture con CPU Intel Atom e ARMv7, è infatti disponibile in quattro versioni completamente diverse, dalla Core Software Platform, per gli addetti ai lavori, alla Handset User Experience, per gli smartphone. Tra le novità in comune troviamo comunque la correzione di diversi bug, il nuovo kernel Linux 2.6.35, X.Org Server 1.9.0, Web Runtime, Qt 4.7 e Qt Mobility 1.0.2.

Come promesso, la release handset include la possibilità di installare un doppio OS (Maemo-MeeGo) sul Nokia N900. Opzione riservata ai tecnici specializzati e agli utenti più smaliziati. Nei prossimi giorni, durante il summit MeeGo che si terrà a Dublino, arriverà anche una nuova cassetta degli attrezzi (SDK 1.1 Beta) per la gioia degli sviluppatori.

Anche se l’update del momento include diversi ritocchi alla GUI, Nokia fa presente che l’interfaccia grafica utilizzata per questa versione di MeeGo resta alquanto generica. I singoli produttori di device potranno comunque partire da qui per svilupparne una propria. MeeGo 1.2 verrà rilasciato tra sei mesi, nell’aprile del 2011.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Bella patata da pelare
    Non si parla del Liechtenstein, ma del paese che da solo ospita il 20% della popolazione mondiale (fonte: Wikipedia), che è rinomato, e efficientissimo, nel ricopiare dispositivi tecnologici di sucXXXXX nel resto del mondo, e ha un governo con una faccia di bronzo che non finisce più.Se per ripicca vendesse i diritti sul marchio ipad ad esempio ad una azienda come CECT ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate.
Chiudi i commenti