Il mantello invisibile è 3D

Una nuova ricerca sul mantello dell'invisibilità usa metamateriali ingegnerizzati al punto da "nascondere" completamente un oggetto nell'intervallo infrarosso dello spettro elettromagnetico

Roma – L’ennesima novità nel campo della ricerca sul mantello dell’invisibilità si chiama “cloacking plasmonico”, vale a dire un nuovo sistema di ingegnerizzare i metamateriali del succitato mantello in modo da rendere l’oggetto coperto a tutti gli effetti invisibile. Anche se solo nello spettro elettromagnetico delle onde infrarosse, almeno per il momento.

Il mantello plasmonico usa metamateriali in grado di sfruttare l’ effetto omonimo che si verifica in associazione a una oscillazione longitudinale del campo elettromagnetico, coprendo per intero un oggetto tridimensionale e interferendo con le radiazioni elettromagnetiche emesse da quest’ultimo.

Il risultato, per lo meno nell’esperimento condotto dal professore Andrea Alu e colleghi, è una effettiva “cancellazione” della presenza elettromagnetica di un tubo cilindrico da 18 centimetri. I migliori risultati di “cloacking” si registrano nelle frequenze infrarosse sui 3,1 GHz, dicono i ricercatori.

Per quanto riguarda l’applicazione del principio di “invisibilità plasmonica” alla luce visibile a occhio nudo, però, Alu ci va con i piedi di piombo: in teoria la tecnica può essere usata per rendere invisibile il visibile, dice il ricercatore, ma l’efficienza del processo è ottimale solo a livello di oggetti di dimensioni “micrometriche”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Forse Falso Postivo scrive:
    Sgradito all'antivirus
    L'ho provato e devo dire che funziona, ma 3 antivirus testati su 3 (CIS, Avira, AVG) non lo gradiscono granché.
    • io si tu no scrive:
      Re: Sgradito all'antivirus
      Leggere qui:http://forum.tntvillage.scambioetico.org/index.php?showtopic=212606&hl=ultrasurf
  • qwerty scrive:
    l'anonimato non esiste
    ovviamente anonimato fino a un certo punto perchè il server proxy cui ci connettiamo conosce perfettamente il nostro IP...
    • johnny il fenomeno scrive:
      Re: l'anonimato non esiste
      - Scritto da: qwerty
      ovviamente anonimato fino a un certo punto perchè
      il server proxy cui ci connettiamo conosce
      perfettamente il nostro
      IP... Credo che sia il massimo possibile. Per sua natura, internet, non permette il vero l'anonimato.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: l'anonimato non esiste
        Con TOR ci si va molto vicini.Infatti al posto di questo programma si può benissimo usare TOR, che fa la stessa cosa ma sa molto più in anonimato. Non solo sulla carta, ma anche in realtà è davvero migliore di questo ultrasurf. Perchè viene realizzato e studiato da molti programmatori "capaci".
        • rasta scrive:
          Re: l'anonimato non esiste
          è la stessa cosa. Il "proxy" a cui ti connetti comunque sa il tuo ip. vale anche per la rete tor. Ci si deve fidare di questi server, che in teroria non loggano tali ip e quindi non è possibile rintracciarli. ma basterebbe volerlo...
  • Ultrasurf scrive:
    Funziona a metà
    Nel senso che funziona, ma i settaggi si perdono ogni volta che si chiude il programma. Ho settato in maniera tale da non far aprire IE insieme al software, ma non ne vuole sapere, sarà un bug?
Chiudi i commenti