Il micromotore elettromagnetico

Le nanomacchine non sono ancora pronte per l'impiego in scenario di utilizzo reali, ma i motori per muoverle già ci sono. E funzionano con i campi elettromagnetici.

Roma – Non si chiamerà Proteus come l’altro prototipo di nanomotore realizzato in Australia, ma la tecnologia sviluppata presso l’Istituto Federale di Tecnologia di Zurigo condivide una parte non trascurabile delle soluzioni già adottate per dotare le nanomacchine della capacità di moto autonomo di cui necessitano per conquistare il corpo umano e, eventualmente, il mondo.

Come quello del progetto australiano, il prototipo svizzero è stato ispirato dalla struttura a spirale di taluni tipi di batteri, perfettamente in grado di “nuotare” nei fluidi degli organismi ospiti e di muoversi in maniera indipendente. Il nanomotore, sviluppato da Bradley Nelson e colleghi, è in grado di riprodurre gli stessi movimenti dei suddetti batteri e di muovere in giro una massa sostanzialmente similare, con la differenza che in questo caso il motore a forma di flagello viene alimentato e controllato attraverso un campo magnetico esterno .

La fonte di energia dell’engine è composto da tre paia di bobine elettromagnetiche posizionate in modo da coprire le tre dimensioni spaziali, messe all’esterno del contenitore d’acqua in cui il motore “nuota”. La “coda” a elica del nanodispositivo (lunga 47 micron) è composta da un nastro di materiale semiconduttore e da una “testa” magnetica di 4,5 micron fatta di cromo, nichel e oro.

La costante variazione del campo elettromagnetico prodotto dalle tre paia di bobine produce un campo magnetico rotante, a cui le testine del nanomotore tendono ad adattarsi facendo girare il flagello superconduttivo e spostando il prototipo in avanti . Fino a ora Bradley e il suo team sono riusciti a far percorrere all’engine 20 micrometri per secondo, “ma con alcune modifiche elettroniche minori contiamo di raggiungere i 100 micrometri per secondo” dice il ricercatore.

Sullo stesso principio dei campi elettromagnetici si basa poi un’altra ricerca sui nanomotori autonomi, questa volta condotta presso la Argonne National Laboratory in Illinois, USA. Qui Alexey Snezhko è il responsabile della creazione di “serpenti” magnetici composti da piccole sfere di nichel che se ne vanno a zonzo sulla superficie dell’acqua di un contenitore, il cui involucro è stato ancora una volta contornato da bobine in grado di produrre e alterare il campo elettromagnetico all’interno.

A causa del campo magnetico, una delle suddette sfere comincia a vagare senza meta e, quando passa sufficientemente vicina a un’altra sfera, e ripetendo questa azione più e più volte si giunge ad assemblare lunghe fila di “serpenti” di nichel tenuti insieme dall’attrazione elettromagnetica .

Anche in questo caso si prevede la possibilità, modificando opportunamente il campo magnetico indotto, di controllare il movimento dei nanodispositivi, utilizzandoli a mo’ di “cargo” per trasportare particelle a destinazione. Vista l’impossibilità di “immersione”, però, i serpenti di nichel potrebbero essere utili più come miscelatori di sostanze chimiche o spazzini di specchi d’acqua che come vettori di cure mediche all’interno del corpo umano.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • RISPARMIO scrive:
    COSTERANNO MENO?
    Quindi questo vuol dire che i pc costeranno MENO ... o VICEVERSA ... diminuendo la domanda AUMENTERA in modo esponenziale il prezzo per avere maggior PROFITTO?
  • Decrescita scrive:
    Crisi? Bene!
    Non tutto il male viene per nuocere: la diminuzione di vendite, significa diminuzione di produzione, quindi diminuzione della distruzione del pianeta.Non dimentichiamolo!
    • Nesso scrive:
      Re: Crisi? Bene!
      mmm la decrescita deve essere 'felice' e accompagnata da una fortissima organizzazione politica e poi sociale. Una descrescita incontrollata sarebbe un disastro imho.
      • Decrescita scrive:
        Re: Crisi? Bene!
        Il grande problema è la perdita di posti di lavoro. Attuando il vecchio "lavorare meno, lavorare tutti" la cosa potrebbe in gran parte risolversi. Tuttavia ciò avrebbe certo bisogno di una "fortissima organizzazione" per attuarlo. Ma, se riusciremo a garantire l'indispensabile a tutti, magari questa crisi servirà a capire che in fondo non è così importante cmabiare telefono ogni 6 mesi ed auto ogni 3 anni.
        • SonoIO scrive:
          Re: Crisi? Bene!
          - Scritto da: Decrescita
          Il grande problema è la perdita di posti di
          lavoro. Attuando il vecchio "lavorare meno,
          lavorare tutti" la cosa potrebbe in gran parte
          risolversi. IMHO il vecchio detto "lavorare meno lavorare tutti" non funziona.1) La maggior parte della genta ha stipendi bassi, decurtaglierli del 33% (per fare lavorare 3 persone al posto di 2) vorrebbe dire non pagare l'affitto o il cibo.2) Calerebbero parecchio anche i contributi e le tasse in generale (sono progressive) mentre i bisogni come istruzione, sanità e sicurezza rimangono costanti con un evidente problema di bilancio (facciamo altro debito?).3) E i lavoratori autonomi? Per loro che facciamo?4) E se l'azienda non sta sul mercato neacnhe diminuendo la produzione perché ad esempio ha molti costi fissi o perché compete con chi ha condizioni del lavoro completamente diverse come la Cina?In certi casi ogni pezzo fatto in più vuol dire perdere più soldi.
          • ninjaverde scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Vecchie domande e vecchie "storie".Qualcuno può pensare "a ragione" che serve una guerra...armi, vogliono dire produzione e lavoro... e poi per un bel pò c'è da ricostruire...Quindi ottima soluzione che fa anche lavorare ospedali e pompe funebri, chiese e compagnia bella.......Forse sarebbe utile produrre di meno, consumare meno, lavorare meno e occupare il tempo libero per fare arte, istruirsi, scrivere poesie ed al limite XXXXXXX senza per forza fare 10 figli.O forse è truppo utopistico tutto cio?Non mi pare ci siano molte altre alternattive. :D
          • decrescita scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            - Scritto da: SonoIO
            1) La maggior parte della genta ha stipendi
            bassi, decurtaglierli del 33% (per fare lavorare
            3 persone al posto di 2) vorrebbe dire non pagare
            l'affitto o il
            cibo.

            2) Calerebbero parecchio anche i contributi e le
            tasse in generale (sono progressive) mentre i
            bisogni come istruzione, sanità e sicurezza
            rimangono costanti con un evidente problema di
            bilancio (facciamo altro
            debito?).

            3) E i lavoratori autonomi? Per loro che facciamo?

            4) E se l'azienda non sta sul mercato neacnhe
            diminuendo la produzione perché ad esempio ha
            molti costi fissi o perché compete con chi ha
            condizioni del lavoro completamente diverse come
            la
            Cina?Le tue obiezioni sono molto interessanti.1) Non sono in effetti un economista, ma vedo che in molti uffici, nella benestante Emilia, si sta riducendo in modo significativo l'orario di tutti per non licenziare qualcuno. Finchè si riduce quasi a zero la quota di denaro che mensilmente veniva destinata a spese "superflue" (criterio soggettivo), come per esempio la rata dell'auto che DEVO assolutamente cambiare ogni tre anni, allora va bene. Il problema comincia dove dici tu, cioè comincia perché gli stipendi erano già bassi.2) Non è vero che i bisogni rimarebbero costanti: alcuni aumenterebbero (per es. spese per mantenere i disoccupati) ma molti altri diminuirrebbero: se sei a casa dal lavoro non devo pagarti l'asilo per tuo figlio, se hai un'auto in famiglia anziché tre sei meno soggetto ad incidenti stradali e costose cure erogate dallo Stato. Potrebbe anche darsi che, poi, se lavori meno di 50 ore alla settimana magari ti senti meglio, hai meno malattie: può darsi...3) Per gli autonomi, non saprei dirti, così du due piedi.4) La Cina prospera perché vogliamo tutto, sempre nuovo, a basso prezzo.
      • pabloski scrive:
        Re: Crisi? Bene!
        provarono a farlo i comunisti, ma per un secolo li hanno chiamati assassini, finchè non hanno distrutto quel poco che i comunisti avevano creatoil capitalismo è figlio dell'ingordigia, dell'avarizia, dell'asocialità e della malvagità dell'essere umanoe purtroppo i cattivi vincono sempre
    • MeX scrive:
      Re: Crisi? Bene!
      allora facciamo i campi di concentramento in cina e facciamone fuori 2 miliardi :)Ok... la decrescita in se puó essere un fattore positivo... ma in questi termini é piú una gisgrazia....
      • Decrescita scrive:
        Re: Crisi? Bene!
        Lo sai che tu (italiano) consumi energi come circa 20 cinesi?(fonte Ehrlich, Per salvareil pianeta, Muzzio, Padova 1992)
        • MeX scrive:
          Re: Crisi? Bene!
          sono italiano ma vivo in Irlanda... magari consumo di piú pure? bah chi lo sa...Il mio era un commento sarcastico, nel senso...che certo se ci fossero meno persone il pianeta starebbe meglio...Forse o male interpratato il tuo intervento... credo non volessi intendere che grazie alla crisi economica "spariscano" individui ma che forse ci educheremo a consumare di meno... su questo concordo!Peró temo che appena le cose tornano in regime... ci sará la corsa al consumo forse peggio di prima
          • decrescita scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Mex, vivi in Irlanda? Sei un grande!Lì credo che vi sia un impatto pro-capite inferiore all'Italia, ma dovrei verificare.In effetti hai colto il centro del problema, in senso letteralmente ecologico, e cioè: le grandi sfighe che affliggono il pianeta derivano dalla proliferazione imprevista di una sola specie; avrebbero potuto essere anche panda o funghi procini, il risultato è comunque la rottura dell'equilibrio auotsufficiente. Perciò la prima cosa da fare è in effetti una campagna mondiale per il birth-control.Il vero cambiamento è dunque, anche da questo punto di vista, nel cervello dei singoli...
          • MeX scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            si sto a Cork da un anno ormai.Per la proliferazione capisco il tuo punto di vista... spero che ci dimostreremo abbastanza evoluti da trovare il modo di continuare a proliferare nel rispetto del pianeta, il bith control é una cosa che mi spaventa, e che nei fatti non é cosí controllabile (vedi Cina appunto)
          • decrescita scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Certo "campagna mondiale per il birth-control" spaventa se penso a come la intendono i cinesi! Io non intendevo questo, ma un'azione educativa seria nelle scuole sulla contraccezione, unita a disincentivi economici per chi ha famiglie troppo numerose, mentre chi DECIDE di avere pochi figli deve essere aiutato in modo significativo (come in Francia, GB, non so in Irlanda).
          • MeX scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            ah ok, cosí mi suona meglio! :)
          • Er Puntaro scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            - Scritto da: decrescita
            Certo "campagna mondiale per il birth-control"
            spaventa se penso a come la intendono i cinesi!Ma dire controllo delle nascite è fuori moda? O dite birth control per renderlo più figo?Mah!Vado che c'ho il dinner.
          • decrescita scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Hai ragione, ma è un termine tecnico, proprio come OT, flame, troll, ecc.
    • Phabio76 scrive:
      Re: Crisi? Bene!
      Così suona troppo da ecologista buonista.È meglio parlare di sviluppo sostenibile piuttosto che augurarsi una recessione generalizzata.
      • decrescita scrive:
        Re: Crisi? Bene!
        Decrescita e sviluppo sostenibile sono due cose diverse, e se cerchi in rete "Maurizio Pallante", trovi degli scritti molto interessanti, a mio avviso.Nel mio primo commento volevo solo dire che, fra i pochissimi fattori positivi di questa crisi mondiale, c'è un indubbio e significativo rallentamento nella produzione di rifiuti ed erosione delle risorse, e un eventuale cambiamento (indotto/forzato dagli eventi) nei nostro cervelli: speriamo bene...
        • Cesare scrive:
          Re: Crisi? Bene!
          Ma c'è anche un lato negativo: mancando i soldi, non si investe più nelle fonti di energia alternative e nel loro sviluppo. E' così da sempre, senza le grosse crisi degli anni passati, saremmo a quest'ora molto meno dipendenti dal petrolio.
          • MeX scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            beh Obama spinge invece proprio su questo!
          • Lorenzo scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Obhama, purtroppo per lui, sta facendo molte e grosse promesse (lodevoli) ma che saranno mooolto difficili da attuare soprattutto per le lobby politico-affaristiche che esistono soprattutto in america.
          • Cesare scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Obama riuscirà a fare si e no il 10% delle cose promesse in campagna elettorale temo. Decisamente, il suo è stato solo un bel sogno, adesso è ora di svegliarsi e fare i conti con la realtà. E la realtà è che gli USA sono sul lastrico! :|
          • MeX scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            magari é cosí... ma almeno le direzione é quella...Sempre meglio che promettere di non far pagare piú le tasse e fare ponti sullo stretto... o no?
          • Cesare scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Anche quello di prima diceva che non avrebbe aumentato le tasse... non fidarti di nessuno, a destra, centro o sinistra che siano, quelle te le aumentano sempre! :P
          • MeX scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            si ma promettere di eliminare le tasse come l'ICI, illudendo che non torneranno da qualche altra parte (vedi le tasse comunali aumentate) oltre ad essere una promessa vuota é pure INUTILE!Promettere di investire sulle energie alternative puó essere una promessa difficile da mantenere, ma almeno é una bella promessa ed é anche educativa
          • Cesare scrive:
            Re: Crisi? Bene!
            Si infatti, cmq evitamo flame, dai. Hai ragione e spero che Obama ci riesca anche se la vedo dura.
    • Undertaker scrive:
      Re: Crisi? Bene!
      - Scritto da: Decrescita
      Non tutto il male viene per nuocere: la
      diminuzione di vendite, significa diminuzione di
      produzione, quindi diminuzione della distruzione
      del
      pianeta.
      Non dimentichiamolo!Difatti il pianeta lo sta distruggendo il malefico mondo occidentale con i suoi inquinanti computer...cose come queste avvengono per colpa dell'occidente e dei suoi computer..http://www.ursulagropper.com/images/artists_src/small/SS_Brazil86_cast_of_thousands.jpghttp://www.whrc.org/programs/images/2050-anim.GIFhttp://oceancolor.gsfc.nasa.gov/SeaWiFS/TEACHERS/ATMOSPHERE/ChinaPollution.htmlhttp://www.worstpolluted.org/files/FileUpload/pics/2008-Individual-Page-Images/mining_china.jpg
      • ziocamper scrive:
        Re: Crisi? Bene!
        - Scritto da: Undertaker
        - Scritto da: Decrescita

        Non tutto il male viene per nuocere: la

        diminuzione di vendite, significa diminuzione di

        produzione, quindi diminuzione della distruzione

        del
        pianeta.

        Non dimentichiamolo!

        Difatti il pianeta lo sta distruggendo il
        malefico mondo occidentale con i suoi inquinanti
        computer...

        cose come queste avvengono per colpa
        dell'occidente e dei suoi
        computer..

        http://www.ursulagropper.com/images/artists_src/sm

        http://www.whrc.org/programs/images/2050-anim.GIF

        http://oceancolor.gsfc.nasa.go
        v/SeaWiFS/TEACHERS/ATMOSPHERE/ChinaPollution.html

        http://www.worstpolluted.org/files/FileUpload/picsfoto poco significative. ...forse non sono i computer occidentali che che distruggono il mondo ma è la cultura occidentale della crescita nel suo complesso che lo fa.se questa crisi costringerà a ripensare il modello di sviluppo su cui è costruita l'american way of life e la cultura occidentale in generale, ben venga la crisi, con tutti i disagi che potrà comportare.
  • Phabio76 scrive:
    Il motivo c'è ed è semplice!
    Crisi a parte, il PC non è più la piattaforma da gioco per eccellenza che era negli anni 90, quando le killer applications erano Quake e compagnia bella e chi non aveva una 3Dfx era uno sfigato...Oggi il mercato è tirato dalle console e per fare le solite quattro XXXXXXXte su internet basta un qualsiasi (vecchio) pc o un (nuovo) netbook.La corsa all'upgrade per Vista è fallita miseramente e finchè il software non lo richiede perchè si dovrebbe cambiare?
    • Paolo scrive:
      Re: Il motivo c'è ed è semplice!
      Quoto!
    • Nesso scrive:
      Re: Il motivo c'è ed è semplice!
      - Scritto da: Phabio76
      Crisi a parte, il PC non è più la piattaforma da
      gioco per eccellenza che era negli anni 90,
      quando le killer applications erano Quake e
      compagnia bella e chi non aveva una 3Dfx era uno
      sfigato...
      Oggi il mercato è tirato dalle console e per fare
      le solite quattro XXXXXXXte su internet basta un
      qualsiasi (vecchio) pc o un (nuovo)
      netbook.
      La corsa all'upgrade per Vista è fallita
      miseramente e finchè il software non lo richiede
      perchè si dovrebbe
      cambiare?Quoto al 100% e penso che Big M abbia intuito da tempo questo andazzo per questo Xbox è la console che più si avvicina ai pc-gamers. Con una spesa, in confronto ridicola se paragonata a un pc ben carrozzato per giocare, si ha un hardware non certo potentissimo, ma con su giochi pensati e scritti ad hoc. Penso che siano stati i giochi il vero motore della rivoluzione informatica. Ricordate cosa successe al meraviglioso Amiga quando sui pc cominciarono ad apparire Suono e schede video a 16 milioni di colori a prezzi stracciati? :)
    • sdsd scrive:
      Re: Il motivo c'è ed è semplice!
      Torneremo all'Home computer. Un computer fatto per giocare, navigare in internet, vedere i film,ecc.
    • Steve Austin scrive:
      Re: Il motivo c'è ed è semplice!
      - Scritto da: Phabio76
      Crisi a parte, il PC non è più la piattaforma da
      gioco per eccellenza che era negli anni 90,
      quando le killer applications erano Quake e
      compagnia bella e chi non aveva una 3Dfx era uno
      sfigato...
      Oggi il mercato è tirato dalle console e per fare
      le solite quattro XXXXXXXte su internet basta un
      qualsiasi (vecchio) pc o un (nuovo)
      netbook.
      La corsa all'upgrade per Vista è fallita
      miseramente e finchè il software non lo richiede
      perchè si dovrebbe
      cambiare?Ma non puo essere che i netbook vengano comprati come secondo computer da affiancare al desktop?Mi sembra strano che uno con la necessità di sostiuire l'unico vecchio notebook in casa (o comprarne uno nuovo perché senza PC) scelga il netbook con i loro schermetti e tastierina micro e l'assenza del masterizzatore per 100/150 di differenza?
    • Aladar scrive:
      Re: Il motivo c'è ed è semplice!
      D'accordo, infatti io possiedo un vecchissimo portatile del 2002, perfettamente funzionante, ed un eee900. In più ho il portatile del lavoro.Perchè dovrei comprare un altro pezzo di ferro?
    • pabloski scrive:
      Re: Il motivo c'è ed è semplice!
      ahi ahi, ti daranno fuoco per quello che hai detto....i vari videogamer come dovella e nome e cognome, praticamente vivono di videogiochi per PC :Dperò da un punto di vista strettamente tecnico hai pienamente ragione
  • pseudopsiche scrive:
    Questa crisi annienterà Windows.
    Come da titolo badate NON ho detto Microsoft, ho detto più semplicemente e realisticamente WINDOWS.Il mercato dei netbook tirerà sempre più...e windows 7 non potranno svenderlo, come l'attuale e sempre verde (IMHO il migliore so che sia uscito da redmondo, semplice, linerare senza fronzoli..) windows xp ad 8$:Quando una licenza inciderà sul costo finale di un netbook..ecco allora che Linux diventerà più incisivo.Per il mercato desktop, NON è morto è semplicemente che chi vuol giocare compra una consolle da attaccare alla tv: decisamente più economico e longevo...per poter giocare senza sbattimenti di impostazioni e filtri vari.Aggiungeteci che i port su PC fanno sempre più XXXXXX e la frittata è fatta.Quindi il pc, è tornato alla sua funzione NON ludica e là basta un pc da 400 ...
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Questa crisi annienterà Windows.
      Più che annientare Windows(cosa impossibile, per via del preinstallato), questa crisi potrebbe annientare il modello Windows: "Nuova versione più pesante per acquistare nuovi computers e pompare l'hardware".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 marzo 2009 11.40-----------------------------------------------------------
      • Cesare scrive:
        Re: Questa crisi annienterà Windows.
        Purtroppo anche Linux va avanti così, specie nelle distro più diffuse (Ubuntu in primis). Per poterlo usare su PC meno potenti ci vuole sempre una qualche distro un po' più spartana ed un utente che sa dove mettere le mani, IMHO.
        • gnulinux86 scrive:
          Re: Questa crisi annienterà Windows.
          Ubuntu è gratis, ed ha requisiti hardware inferiori a Windows Vista e Windows 7.Per computer meno recenti o poco potenti c'è la variante Xubuntu sempre gratuità.Non vedo alcuna somiglianza con il modello Windows.
          • Cesare scrive:
            Re: Questa crisi annienterà Windows.
            Per carità una vera e propria analogia proprio non esiste, ma proprio Ubuntu la vedo avida di risorse - e tutte le sue derivate, anche Xubuntu (senza dubbio più leggera), senza ADSL non pressochè inutili, IMHO.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Questa crisi annienterà Windows.
            Forse non hai ben letto, il mio commento iniziale?Oltre tutto se Ubuntu è avida di risorse, Vista e Windows7 sono 2 sanguisughe!?
          • Cesare scrive:
            Re: Questa crisi annienterà Windows.
            - Scritto da: gnulinux86
            Forse non hai ben letto, il mio commento iniziale?
            Uhm... :P
            Oltre tutto se Ubuntu è avida di risorse, Vista e
            Windows7 sono 2
            sanguisughe!?Esatto :D (Windows 7 meno di Vista cmq, almeno per ora!)
          • pippo75 scrive:
            Re: Questa crisi annienterà Windows.
            - Scritto da: gnulinux86
            Ubuntu è gratis, ed ha requisiti hardware
            inferiori a Windows Vista e Windows
            7.gratis credo che dipenda da cosa consideri, per un oem è gratis solo il costo di licenza non quello di gestione.Per i requisiti HW, dire che Xubuntu ne vuole poche rispetto a Win7/Vista, è come dire che un auto consuma poco solo perchè il termine di confronto è un carro armato.
            Per computer meno recenti o poco potenti c'è la
            variante Xubuntu sempre gratuità.Ultimamente la mia preferita ( tra le distro linux ) , peccato ho dovuto cancellarla, l'ho rotta :).
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Questa crisi annienterà Windows.
            Ubuntu è gratis in ogni caso, Windows gratis non è in alcun caso che sia OEM o Retail.
    • FinalCut scrive:
      Re: Questa crisi annienterà Windows.
      - Scritto da: pseudopsiche
      Come da titolo badate NON ho detto Microsoft, ho
      detto più semplicemente e realisticamente
      WINDOWS.

      Quando una licenza inciderà sul costo finale di
      un netbook..ecco allora che Linux diventerà più
      incisivo.
      ti quoto, sono già in molti a parlarne... non possono "imboscare" 50$ di licenza su un PC da 250$...
  • Scarlight scrive:
    Fine di un'era, inizio di un'altra
    Non vedo dove stia il problema, i desktop stanno arrivando alla loro fine naturale e stanno per essere soppiantati dai notebook, netbook, sistemi touchscreen, gps, iphone e cellulari vari...quindi il mercato si stà solo riposizionando mantenendo i guadagni di sempre.Fine del pianto.
    • ruppolo scrive:
      Re: Fine di un'era, inizio di un'altra
      - Scritto da: Scarlight
      Non vedo dove stia il problema, i desktop stanno
      arrivando alla loro fine naturale e stanno per
      essere soppiantati dai notebook, netbook, sistemi
      touchscreen, gps, iphone e cellulari
      vari...
      quindi il mercato si stà solo riposizionando
      mantenendo i guadagni di
      sempre.
      Fine del pianto.Vero per il mercato consumer.L'office invece trae ancora vantaggi dai desktop. L'iMac, ad esempio, ha un monitor ampio e una occupazione di spazio minima, oltre che una estetica adatta a questo tipo di utilizzo: chi sta dalla parte opposta della scrivania non è costretto alla visione di obbrobri.
      • Homer S. scrive:
        Re: Fine di un'era, inizio di un'altra
        Non so se sei al corrente delle ultime novità, ma pare che in giro si vendano schermi LCD piatti.E funzionano pure su sistemi non Mac! Non è incredibile?(troll3)
        • simonegarfa nchel scrive:
          Re: Fine di un'era, inizio di un'altra
          - Scritto da: Homer S.
          Non so se sei al corrente delle ultime novità, ma
          pare che in giro si vendano schermi LCD
          piatti.
          E funzionano pure su sistemi non Mac! Non è
          incredibile?
          (troll3)Certo ma al lcd piatto ci devi attaccare il cassone (desktop) altrimenti rimane solo un lcd piattoL'iMac invece e' un lcd un po meno piatto ma con al suo interno un computer con (nel caso di connettivita' wireless) UN solo cavo che esce dal computer e va a terra, quello dell'alimentazione.Fatti una Duff :D
          • Undertaker scrive:
            Re: Fine di un'era, inizio di un'altra
            - Scritto da: simonegarfa nchel
            Certo ma al lcd piatto ci devi attaccare il
            cassone (desktop) altrimenti rimane solo un lcd
            piatto
            L'iMac invece e' un lcd un po meno piatto ma con
            al suo interno un computer con (nel caso di
            connettivita' wireless) UN solo cavo che esce dal
            computer e va a terra, quello
            dell'alimentazione.peccato che se devi cambiare il monitor devi buttare tutto il computer, se ti si guasta qualsiasi componente devi mandare tutto in assistenzahttp://www.myconfinedspace.com/watermark.php?src=wp-content/uploads/2008/06/mac-vs-pc-webcam-is-broken.jpghttp://finickypenguin.files.wordpress.com/2008/07/.jpg
    • Stein Franken scrive:
      Re: Fine di un'era, inizio di un'altra
      Eh? Guarda che solo sul desktop hai bassi costi rispetto alle prestazioni e possibilità di cambiare a piacimento i componenti.Non spariranno MAI.
    • Cesare scrive:
      Re: Fine di un'era, inizio di un'altra
      Che fine del pianto, inizio! Io adoro i PC desktop assemblati con le mie mani, non riuscire - e non riesco - ad accontentarmi di un notebook o di un computer preconfezionato come i Mac o i PC Dell, Acer, ecc... :(PS: non sono un modder, solo mi piace sapere cosa uso, del tipo che mi cambio la batteria dell'auto e l'olio da solo...
  • Enjoy with Us scrive:
    Dove sono i vari critici dei netbook?
    Come la mettiamo?Altro che Iphone e Apple!Come già più volte detto sono i netbook la verà novità del 2008, raggiungeranno una quota totale del 30% dei pc venduti! (sia desktop che notebook) e questo solo nel giro di un paio di anni!Ma tanto so già che i soliti noti saranno pronti a contestarmi anche oggi, invece di ammettere di aver sbagliato e di grosso sui netbook!
    • MeX scrive:
      Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
      eccolo il critico...Molti comprano il netbook come RIPIEGO ripsetto a comprare un laptop o un desktop per la sola questione del prezzo.Inoltre, come scritto da piú parti, gli utili generati dai netbook sono irrissori, appunto perché venduti ad un prezzo cosí basso.
      • linaro scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        se la gente non compra non puoi dargli della stupida. I mercati cambiano. Un pc a 500-600 euro lo comprano in pochi (solo chi ne ha bisogno), a 200-300 lo comprano in molti. Per venire in contro a questa necessità Asus (per prima poi le altre) si è 'inventate' i netbook. Hanno carattarestiche sufficienti per l'utilizzo richiesto dal 90% degli utenti.Si guardi anche il mercato dell'auto, appena i prezzi si abbassano con gli incentivi la gente compra; ma capire che probabilmente si sbaglia qualcosa e bisogna cambiare modo di vendere no eh? tanto c'è sempre lo Stato che ti salva il XXXX. Per il 90% degli automobilisti basterebbe una 500cc a 3-4.000 euro vedi che in un anno tutti ne comprerebbero una... bha.
        • MeX scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          - Scritto da: linaro
          se la gente non compra non puoi dargli della
          stupida. I mercati cambiano. Un pc a 500-600 euro
          lo comprano in pochi (solo chi ne ha bisogno), a
          200-300 lo comprano in molti. Per venire in
          contro a questa necessità Asus (per prima poi le
          altre) si è 'inventate' i netbook. Hanno
          carattarestiche sufficienti per l'utilizzo
          richiesto dal 90% degli
          utenti.se rileggi il mio post ho scritto che é un ripiego... non mi risulta sia sinonimo di "gente stupida"
          Si guardi anche il mercato dell'auto, appena i
          prezzi si abbassano con gli incentivi la gente
          compra; ma capire che probabilmente si sbaglia
          qualcosa e bisogna cambiare modo di vendere no
          eh? tanto c'è sempre lo Stato che ti salva il
          XXXX. Per il 90% degli automobilisti basterebbe
          una 500cc a 3-4.000 euro vedi che in un anno
          tutti ne comprerebbero una...
          bha.si tutti ne comprerebbero una cannibalizzando la vendita di tutte le utilitarie di fascia media, e riducendo gli utili dell'azienda, non esattamente un grande affare
          • pippo scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?

            si tutti ne comprerebbero una cannibalizzando la
            vendita di tutte le utilitarie di fascia media, e
            riducendo gli utili dell'azienda, non esattamente
            un grande
            affareE chissenefrega? Forse l'azienda si preoccupa di quanto guadagno io?Perchè dovrebbe XXXXXXX qualcosa a me, se loro guadagnano come dei maiali o tirano a campare? :D
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            ma infatti non deve XXXXXXX a te... sono loro che non vogliono darti la possibilitá di ottenere quello che ti serve spendendo il meno possibile...L'azienda DEVE venderti l'utilitaria con un dato sovrapprezzo, se fa uscire un modello con un margine di guadagno 4 volte inferiore, magari vende il doppio ma ci guadagnerebbe la metá, quindi non lo fa...Capito?
          • pippo scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?

            L'azienda DEVE venderti l'utilitaria con un dato
            sovrapprezzo, se fa uscire un modello con un
            margine di guadagno 4 volte inferiore, magari
            vende il doppio ma ci guadagnerebbe la metá,
            quindi non lo
            fa...

            Capito?Io capito ugh, io capire italiano, tu forse NON capire ;)
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            saluta Pluto :D
          • linaro scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            scusa se ho scritto male, non intendevo dire che tu definisci la gente stupida, era un discorso generale...comunque anche in riferimento a tue risposte piu' sotto... da quando esiste il mercato si basa su domanda/offerta. Non puoi obbligare la gente a comprare al prezzo che vuoi tu. Se tiri troppo la corda la gente smette di comprare. Alla gente non frega una cippa quanto costa produrre una cosa, sa solo quanto è disposta a spendere. Se non si è in grado di produrre cose al prezzo richiesto dal mercato si sta sbagliando buisness...
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: linaro
            scusa se ho scritto male, non intendevo dire che
            tu definisci la gente stupida, era un discorso
            generale...

            comunque anche in riferimento a tue risposte piu'
            sotto... da quando esiste il mercato si basa su
            domanda/offerta. Non puoi obbligare la gente a
            comprare al prezzo che vuoi tu. Se tiri troppo la
            corda la gente smette di comprare. Alla gente non
            frega una cippa quanto costa produrre una cosa,
            sa solo quanto è disposta a spendere. Se non si è
            in grado di produrre cose al prezzo richiesto dal
            mercato si sta sbagliando
            buisness...Vaglielo a spiegare ad Apple e ai vari produttori di smartphone da 500 e passa euro che massimizzano i profitti!un Iphone costa ad Apple per produrlo almeno meno della metà! Non mi credi, guarda il prezzo di vendita dell'Ipod Touch 220 euro, la sezione telefonia giustifica gli altri 280 euro?Forse gli utenti si sono scocciati del giochino!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            leggi bene e impara a memoria:"Alla gente non
            frega una cippa quanto costa produrre una cosa"
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?

            Vaglielo a spiegare ad Apple e ai vari produttori
            di smartphone da 500 e passa euro che
            massimizzano i
            profitti!
            un Iphone costa ad Apple per produrlo almeno meno
            della metà! Non mi credi, guarda il prezzo di
            vendita dell'Ipod Touch 220 euro, la sezione
            telefonia giustifica gli altri 280
            euro?
            Forse gli utenti si sono scocciati del giochino!500 non sono un problema.Perché il business della telefonia funziona cosí.Smartphone: generatore di altro profittoCarrier: paga parte del prezzo e offre lo smartphone ad un prezzo scontato guadagnando sul contrattoUtente: si fa allettare dallo sconto e si fidelizza al carrierEcco perhcé costa 500 (come i vari nokia serie n...)
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            esattamente! é quello che cerco di far capire a Enjoy da qualche settimana.Il prezzo non é il costo in se... ma il prezzo di mercato che un oggetto ha.Addirittura ci sono prodotti che non escono sul mercato perché i costi di produzione sono troppo alti rispetto al prezzo di mercato a cui riesci a venderlo.Con la crisi economica il costo degli smartphone é troppo alto... e i carrier in USA intervenendo sul prezzo hanno aumentato le vendite.Il probelma é che comunque il margine di guadagno scende, nel caso degli smartphone cercano di rifarsi sulla vendita degli acXXXXXri (che hanno margini di guadagno alto)
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            esattamente! é quello che cerco di far capire a
            Enjoy da qualche
            settimana.

            Il prezzo non é il costo in se... ma il prezzo di
            mercato che un oggetto
            ha.

            Addirittura ci sono prodotti che non escono sul
            mercato perché i costi di produzione sono troppo
            alti rispetto al prezzo di mercato a cui riesci a
            venderlo.

            Con la crisi economica il costo degli smartphone
            é troppo alto... e i carrier in USA intervenendo
            sul prezzo hanno aumentato le
            vendite.

            Il probelma é che comunque il margine di guadagno
            scende, nel caso degli smartphone cercano di
            rifarsi sulla vendita degli acXXXXXri (che hanno
            margini di guadagno
            alto)Il problema per gli smartphone è che sono surclassati da dispositivi come i netbook, dai tempo alla gente di apprezzare completamente la novità e vedrai che gli smartphone continueranno ad avere un mercato solo se li tagliano a meno di 250 euro!Non è un caso che nonostante la crisi i netbook si vendano come il pane e per gli smartphone sono alle superofferte!Apple con questa sua politica di massimizzare i prezzi rischia di essere abbandonata in massa dai suoi clienti.... sai quando ci si intaglia di essere stati fregati si perde fiducia in una azienda e prima di riottenerla tale fiducia...La vuoi sapere l'ultima?Punisher dice che ASUS ha l'esclusiva per l'assemblaggio dei MAC!Allora fatemi capire perchè mai i Mac debbano costare tanto, visto le politiche di prezzo di Asus e i componenti dei Mac che sono gli stessi di quelli dei PC compatibili!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?

            Il problema per gli smartphone è che sono
            surclassati da dispositivi come i netbook, indubbiamente, ma ripeto, il netbook NON telefono e non sta in una tasca.
            dai
            tempo alla gente di apprezzare completamente la
            novità e vedrai che gli smartphone continueranno
            ad avere un mercato solo se li tagliano a meno di
            250
            euro!ma infatti gli smartphone abbinati a contratto costano anche meno!
            Non è un caso che nonostante la crisi i netbook
            si vendano come il pane e per gli smartphone sono
            alle
            superofferte!i netbook giá in partenza erano in "offerta" perché il prezzo é molto basso in quanto chi li produce non pensava cannabalizzassero anche i laptop
            Apple con questa sua politica di massimizzare i
            prezzi rischia di essere abbandonata in massa dai
            suoi clienti.... sai quando ci si intaglia di
            essere stati fregati si perde fiducia in una
            azienda e prima di riottenerla tale
            fiducia...ah vero, dimentico che Nokia, Samsung e HTC vendono gli smartphone sottocosto... i prezzi degli smartphone sono quelli, e sono sempre restati quelli.Sono gli operatori telefonici a fare le offerte.
            La vuoi sapere l'ultima?
            Punisher dice che ASUS ha l'esclusiva per
            l'assemblaggio dei
            MAC!
            Allora fatemi capire perchè mai i Mac debbano
            costare tanto, visto le politiche di prezzo di
            Asus e i componenti dei Mac che sono gli stessi
            di quelli dei PC
            compatibili!ma chi é Punisher?ASUS? che c'entra la ASUS con la apple scusa? le ultime mainboard le ha ingenierizzate Apple, il chipset nVIDIA é stato sviluppato insieme ad Apple, sempre Apple ha un laboratorio all'interno di Intel... scusa... giusto per capire... hai qualche link al riguardo dell'esclusiva Asus?Thanks!
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX

            Il problema per gli smartphone è che sono

            surclassati da dispositivi come i netbook,

            indubbiamente, ma ripeto, il netbook NON telefono
            e non sta in una
            tasca.


            dai

            tempo alla gente di apprezzare completamente la

            novità e vedrai che gli smartphone continueranno

            ad avere un mercato solo se li tagliano a meno
            di

            250

            euro!

            ma infatti gli smartphone abbinati a contratto
            costano anche
            meno!


            Non è un caso che nonostante la crisi i netbook

            si vendano come il pane e per gli smartphone
            sono

            alle

            superofferte!

            i netbook giá in partenza erano in "offerta"
            perché il prezzo é molto basso in quanto chi li
            produce non pensava cannabalizzassero anche i
            laptop


            Apple con questa sua politica di massimizzare i

            prezzi rischia di essere abbandonata in massa
            dai

            suoi clienti.... sai quando ci si intaglia di

            essere stati fregati si perde fiducia in una

            azienda e prima di riottenerla tale

            fiducia...

            ah vero, dimentico che Nokia, Samsung e HTC
            vendono gli smartphone sottocosto... i prezzi
            degli smartphone sono quelli, e sono sempre
            restati
            quelli.

            Sono gli operatori telefonici a fare le offerte.


            La vuoi sapere l'ultima?

            Punisher dice che ASUS ha l'esclusiva per

            l'assemblaggio dei

            MAC!

            Allora fatemi capire perchè mai i Mac debbano

            costare tanto, visto le politiche di prezzo di

            Asus e i componenti dei Mac che sono gli stessi

            di quelli dei PC

            compatibili!


            ma chi é Punisher?
            ASUS? che c'entra la ASUS con la apple scusa? le
            ultime mainboard le ha ingenierizzate Apple, il
            chipset nVIDIA é stato sviluppato insieme ad
            Apple, sempre Apple ha un laboratorio all'interno
            di Intel... scusa... giusto per capire... hai
            qualche link al riguardo dell'esclusiva
            Asus?

            Thanks!Non conosci Punisher? fatti un giro su PI! Comunque la fonte è Lui, cercatelo e chiedigli lumi!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            senti... se mi citi come fonte un utente di PI stiamo apposto... se vuoi ti dico che ne pensa mio cugggino?Se le fonti non ce le hai, allora evita figura barbine
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            senti... se mi citi come fonte un utente di PI
            stiamo apposto... se vuoi ti dico che ne pensa
            mio
            cugggino?

            Se le fonti non ce le hai, allora evita figura
            barbineTi ho ben scritto nel post che queste sono informazioni date da Punisher, se sei interessato parla con Lui e fatti spiegare, tutto qua!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            sto parlando con te e mi confermi che non lo sai.Mi basta questo.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            sto parlando con te e mi confermi che non lo sai.

            Mi basta questo."La vuoi sapere l'ultima?Punisher dice che ASUS ha l'esclusiva per l'assemblaggio dei MAC!Allora fatemi capire perchè mai i Mac debbano costare tanto, visto le politiche di prezzo di Asus e i componenti dei Mac che sono gli stessi di quelli dei PC compatibili!"C'è qualcosa di poco chiaro in Punisher dice?Io non ho mai detto di saperne nulla!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            esatto, come ti ho detto mi basta sapere che tu non ne sai nulla.
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            grazie per la puntualizzazione, ora tutto ha piú senso :)Lo dicevo ad Enjoy di non mettersi in bocca le parole d'altri ;)
          • The Punisher scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            Tra lui e Dovella non saprei proprio chi scegliere dei due (rotfl)
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            grazie per la puntualizzazione, ora tutto ha piú
            senso
            :)
            Lo dicevo ad Enjoy di non mettersi in bocca le
            parole d'altri
            ;)Ah adesso va tutto bene, non ti bastava che ti avessi citato la fonte....Il succo comunque qual'è?Che Asus assembla i Mac?E allora lo vedi che non esiste proprio un solo motivo che non sia la massimizzazione dei profitti (visto che componenti e assemblaggio non sono certo migliori di Asus) a giustificare la differenza di prezzi fra un Mac e un normale compatibile... ah certo adesso tirerai fuori la storia del case in alluminio fresato ad acqua!
          • The Punisher scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Il succo comunque qual'è?
            Che Asus assembla i Mac?
            E allora lo vedi che non esiste proprio un solo
            motivo che non sia la massimizzazione dei
            profitti (visto che componenti e assemblaggio non
            sono certo migliori di Asus) a giustificare la
            differenza di prezzi fra un Mac e un normale
            compatibile...E dagli.mi riquoto, vediamo se cosi' la capisci."Quanto alla qualita', il fatto che siano costruiti nella stessa fabbrica non vuole assolutamente dire che siano hw identici.E' assai facile, invece, che Apple ed Asus abbiano siglato un accordo su piu' anni a determinati SLA che abbiano permesso alla seconda di allestire una catena di montaggio ad-hoc potendo ammortare il costo."Che poi io sia convinto che Asus faccia dei gran bei prodotti e' un altro paio di maniche.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: The Punisher
            - Scritto da: Enjoy with Us


            Il succo comunque qual'è?

            Che Asus assembla i Mac?

            E allora lo vedi che non esiste proprio un solo

            motivo che non sia la massimizzazione dei

            profitti (visto che componenti e assemblaggio
            non

            sono certo migliori di Asus) a giustificare la

            differenza di prezzi fra un Mac e un normale

            compatibile...

            E dagli.

            mi riquoto, vediamo se cosi' la capisci.

            "Quanto alla qualita', il fatto che siano
            costruiti nella stessa fabbrica non vuole
            assolutamente dire che siano hw
            identici.

            E' assai facile, invece, che Apple ed Asus
            abbiano siglato un accordo su piu' anni a
            determinati SLA che abbiano permesso alla seconda
            di allestire una catena di montaggio ad-hoc
            potendo ammortare il
            costo."

            Che poi io sia convinto che Asus faccia dei gran
            bei prodotti e' un altro paio di
            maniche.Abbi pazienza trovo difficile dare ragione a chi dice che gli Asus fanno schifo come qualità, quando poi vengo a sapere da te che i mac vengono assemblati dalla stessa azienda, quegli stessi mac glorificati come pietra di paragone per la qualità dei pc!Poi per carità avranno linee e standard di assemblaggio differenti... però è come dire che le Ferrari le assemblano in Cina e vantarsi della loro qualità costruttiva!
          • The Punisher scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            Nella mia esperienza personale le macchine Asus sono da sempre state dei bei pezzi di hardware.Devo dirti anche che, lavorandoci, in linea di massima i Macintosh hanno una cura progettuale in ogni minimo dettaglio che e' ad un livello nettamente piu' alto rispetto a qualunque altro hardware io abbia visto in 13 anni di carriera (eccetto gli AS/400 che erano piu' o meno allo stesso livello).Quello che, secondo me e come mia opinione personalissima, giustifica la differenza di prezzo tra un Mac ed un Pc pari caratteristiche e' il fatto che:_con un Pc compro dell'hardware su cui faccio girare un sistema operativo e del software._con un Mac compro un sistema Hw+So che sono strettamente integrati tra loro al punto da poter definire il Mac una "piattaforma" piuttosto che un Hw tout cour su cui, poi, faccio girare del sofware.Amiga, Atari St, ecc.. Seguivano tutti la stessa filosofia di base.
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            guarda che proprio con le auto è sucXXXXX così ma non in cina ma in giappone.Certo i primi anni magari facevano macchine da suicidio... ma dopo aver acquisito il knownhow hanno fatot il XXXX all'europa e agli USA...O la TOYOTA ti sembra faccia macchine qualitativamente scarse?La Ferrari inoltre è una produzione quasi artigianale, e molte parti vengono montate a MANO.Per l'elettronica credo che ormai ci siano catene di montaggio in Cina che sono molto più avanzate di qualsiasi catena di montaggio USA/EUE aggiungo... che nella stessa catena di montaggio in cui fanno la lancia Y fanno pure la Lancia Lybra... ti sembrano equivalenti?
        • di passaggio scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          io compro solo pc a 1000 euro...cmq, l'incentivo statale per le auto ha una sfumatura diversa secondo me... nn è fatto dai produttori per aiutare i clienti, ma dalla stato per aiutare i produttori.IMHO
        • ma_che_dici scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          - Scritto da: linaro
          Un pc a 500-600 euro
          lo comprano in pochi (solo chi ne ha bisogno), a
          200-300 lo comprano in molti. Perchè se io NON HO BISOGNO di un martello pneumatico,se lo trovo a 100 euro lo compro comunque?I netbook tranne per pochissimi che ne hanno reale necessità, sono giocattoli per comunicare assolutamente inutili.Aggiungi 100 euro e compri un "vero" portatile, o allo stesso prezzo compri un "vero" desktop.
          • Cesare scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: ma_che_dici

            Perchè se io
            NON HO BISOGNO di un martello pneumatico,
            se lo trovo a 100 euro
            lo compro comunque?
            Mai passato alla Lidl quando ci sono le offerte speciali? ;)
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?

        Molti comprano il netbook come RIPIEGO ripsetto a
        comprare un laptop o un desktop per la sola
        questione del
        prezzo.Questo va un po' in contraddizione con i vari detrattori che dicevano "con lo stesso prezzo ci viene un notebook entry level!". Che a conti fatti è anche vero.Ci sono notebook classici che costano quanto un netbook medio, vedi ad esempio:http://www.essedi.it/scheda_art.htm?SID=&ID=65120&ID_MCAT=0&ID_CAT=15&SHOP=5&LST=_BB_&PRT=Quindi personalmente non penso sia strettamente una questione di prezzo rispetto a comprare un pc "normale". Anche se è vero che in molti hanno un po' travisato lo scopo di un netbook...
        • MeX scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          bah quel catorcio?Intel Celeron 575 2.0 GHz Cache L2 1MBHa quel prezzo perché é praticamente un netbook voluminoso :)
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            bah quel catorcio?
            Intel Celeron 575 2.0 GHz Cache L2 1MB

            Ha quel prezzo perché é praticamente un netbook
            voluminoso
            :)Sì, di sicuro non è potente, ma per un uso da utente medio va bene. Quindi secondo me non ha senso dire che i netbook sono la causa della crisi delle vendite dei PC, quando comunque i pc entry level sono sempre esistiti, forse al limite la presenza dei netbook ha contribuito ad abbassarne i prezzi.In alcuni centri commerciali mi è capitato di vedere pc desktop a 299 euro... Magari pagabili pure a rate!Personalmente penso che il vero problema è che anche i componenti più economici sono ormai abbastanza potenti da gestire le attività tipiche di un PC personale (giochi a parte ovviamente) e se, come dicono, Windows Seven (per non parlare di linux) sarà molto scalabile e potrà girare anche su hardware di fascia bassa, la situazione non potrà che stabilizzarsi così.
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            ok... ma se compri il desktop da 300 compri un cassone e un prodotto "brutto"Se compri il netbook "almeno" ti dici ho il vantaggio della portabilitá...Tra ripiegare su un cassone o un netbook uno si sente meno "sfigato" a ripiegare sul netbook...Poi come dice Ruppolo, avrebbe sicuramente piú senso comprare l'Acer del netbook... se il budget é quello e non si ha la reale necessitá di mobilitá
          • ruppolo scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            bah quel catorcio?
            Intel Celeron 575 2.0 GHz Cache L2 1MB

            Ha quel prezzo perché é praticamente un netbook
            voluminoso
            :)Senza dubbio è un catorcio, ma altrettanto senza dubbio non ha limiti sul monitor, tastiera, DVD, proXXXXXre (che per quanto poco potente è sempre meglio di quelli dei netbook).Se sono senza computer e con pochissimi soldi, scelgo questo Acer da 359 euro.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: MeX
        eccolo il critico...
        Molti comprano il netbook come RIPIEGO ripsetto a
        comprare un laptop o un desktop per la sola
        questione del
        prezzo.

        Inoltre, come scritto da piú parti, gli utili
        generati dai netbook sono irrissori, appunto
        perché venduti ad un prezzo cosí
        basso.Veramente anche il mercato degli smartphone guarda caso è in forte crisi con l'Iphone che nell'ultimo trimestre dai dati preliminari in mio possesso pare dimezzerà il numero di pezzi venduti, da 4.7 milioni a 2.5!Siete ancora li che non volete capire... non è solo una questione di prezzo ma proprio la nuova tipologia di prodotto offerta che mette in crisi notebook e smartphone!Il netbook ha sostanzialmente le stesse possibilità di un notebook ma pesa 1Kg ed ingombra come un A5, come ho già più volte detto si pone in diretta concorrenza con gli smartphone vista l'elevata portabilità e ovviamente gli utenti che non sono tutti dei polli preferiscono spendere 350 euro per un netbook piuttosto che 500 per uno smartphone che comunque non gli sostituisce il portatile!Quanto ai supposti scarsi margini di guadagno è una mezza bufala, i margini caso mai sono più ridotti su certi notebook economici!
      • gerry scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: MeX
        eccolo il critico...
        Molti comprano il netbook come RIPIEGO ripsetto a
        comprare un laptop o un desktop per la sola
        questione del
        prezzo.Mi sembra una questione di lana caprina, avere il prezzo giusto al momento giusto è un fattore di sucXXXXX tanto quanto le caratteristiche tecniche o il brand appeal.
        • MeX scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          si ma il prezzo é giusto per il mercato... ma non é "salutare" per le aziende che li producono che hanno margini di guadagno troppo risicati.Pensavano di racimolare qualcosina "in piú" con i netbook ma si sono tirati la zappa sui piedi facendo calare le vendite di laptop
          • gerry scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            si ma il prezzo é giusto per il mercato... ma non
            é "salutare" per le aziende che li producono che
            hanno margini di guadagno troppo
            risicati.Saran c*zzi delle aziende, no? :DNon sta scritto da nessuna parte che un'azienda deve avere un certo margine, specie in tempi di crisi come questi.Avranno fatto i loro conti e avranno visto che magari avere un margine basso su un prodotto che vende è meglio che non avere un margine alto su un prodotto che non vende.O altrimenti hanno sbagliato di grosso i conti, ma saran tutti scemi?
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?

            Saran c*zzi delle aziende, no? :Dsi, ma se poi nessuno riesce a produrre PC ne risentiranno i consumatori, o resteranno pochissimi produttori che faranno cartello a scapito dei consumatori
            Non sta scritto da nessuna parte che un'azienda
            deve avere un certo margine, specie in tempi di
            crisi come
            questi.il margine un'azienda deve averlo per poter anche investire in ricerca e innovazione... ogni margine di guadagno é "scritto" nei piani dell'azienda
            Avranno fatto i loro conti e avranno visto che
            magari avere un margine basso su un prodotto che
            vende è meglio che non avere un margine
            alto su un prodotto che non
            vende.si perhcé probabilmente avevano pensato che chi volesse un laptop mai ripiegasse su un netbook
            O altrimenti hanno sbagliato di grosso i conti,
            ma saran tutti
            scemi?uhm... certo che non sono scemi... mica io sono un analista, infatti io mi limito a interpretare i dati di oggi, cosa molto piú semplice che prevedere le cose tra un anno... i dati di oggi dimostrano che il netbook ha cannibalizzato il mercato dei laptop... e questo ha ridotto gli utili delle aziende... hanno venduto piú pezzi ma guadagnato di meno
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX

            Saran c*zzi delle aziende, no? :D

            si, ma se poi nessuno riesce a produrre PC ne
            risentiranno i consumatori, o resteranno
            pochissimi produttori che faranno cartello a
            scapito dei
            consumatori


            Non sta scritto da nessuna parte che un'azienda

            deve avere un certo margine, specie in tempi di

            crisi come

            questi.

            il margine un'azienda deve averlo per poter anche
            investire in ricerca e innovazione... ogni
            margine di guadagno é "scritto" nei piani
            dell'azienda


            Avranno fatto i loro conti e avranno visto che

            magari avere un margine basso su un prodotto che

            vende è meglio che non avere un margine

            alto su un prodotto che non

            vende.

            si perhcé probabilmente avevano pensato che chi
            volesse un laptop mai ripiegasse su un
            netbook


            O altrimenti hanno sbagliato di grosso i conti,

            ma saran tutti

            scemi?

            uhm... certo che non sono scemi... mica io sono
            un analista, infatti io mi limito a interpretare
            i dati di oggi, cosa molto piú semplice che
            prevedere le cose tra un anno... i dati di oggi
            dimostrano che il netbook ha cannibalizzato il
            mercato dei laptop... e questo ha ridotto gli
            utili delle aziende... hanno venduto piú pezzi ma
            guadagnato di
            menoChe ragionamenti cialtroni!E' proprio perchè l'industria IT (a parte Intel e Microsoft) non è dominata da oligopoli che le aziende si fanno concorrenza sui prezzi, la favola dei margini alti sui notebook o sui desktop è appunto una leggenda metropolitana, tanto è vero che ci sono notebook tradizionali a meno di 400 euro!Non è quindi vero che i netbook abbiano margini più ridotti, visto che implementano un proXXXXXre/piastra madre più economici e il resto della componentistica è la stessa, anzi risparmiano sul display che ovviamente gli costa meno 9 pollici certo costano meno di 14 o 15, sulle batterie più piccole, sulla mancanza di un masterizzatore ecc...Asus e Acer sono state le prime a capire le esigenze dell'utenza e giustamente ne traggono i benefici!I margini più ampi caso mai esistono per Notebook di gamma medio/alta.... ma vedrai che quelle vendite a parte la crisi attuale saranno in futuro poco toccate dai netbook, a patire saranno i notebook economici e i subnotebook ultracostosi, gli All in One da 17 pollici o i 14-15 pollici con grafica dedicata e proXXXXXri veloci saranno le uniche altre categorie "mobili" a sopravvivere
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            http://www.google.ie/search?hl=en&q=netbook+margine+di+guadagno&btnG=Google+Search&meta=lr%3Dlang_en|lang_it
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            http://www.vnunet.it/it/news/2008/07/22/piccoli_pc__minori_guadagni
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            http://www.google.ie/search?hl=en&q=netbook+low+markup&btnG=Search&meta=lr%3Dlang_en|lang_it
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            http://www.google.ie/search?hl=en&q=netbook+low+maTutte favole per chi ci vuole credere, ti pare che specie in un momento di crisi non stiano tutti a piangere?
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            beh allora con il complottismo, cospirazionismo e qualunquisimo possiamo star qui raccontarci favole a vicenda.Queste sono le informazioni che si hanno, se poi tu, presupponi le cose diversamente e ne sai piú di loro o hai acXXXXX a veritá che i comuni mortali non hanno, buon per te.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            beh allora con il complottismo, cospirazionismo e
            qualunquisimo possiamo star qui raccontarci
            favole a
            vicenda.

            Queste sono le informazioni che si hanno, se poi
            tu, presupponi le cose diversamente e ne sai piú
            di loro o hai acXXXXX a veritá che i comuni
            mortali non hanno, buon per
            te.Basta ragionare con il proprio cervello, vediamo i costi dei singoli componenti di un normale notebook e paragoniamoli a quelli di un netbook!1. Mb con proXXXXXre2. Display3. HD4. Chip Grafico5. Masterizzatore DVD6. Batteria mi sai indicare un solo componente più costoso nei netbook? Se vuoi invece Io posso farti un elenco con tanto di link di quanto siano superiori i prezzi dei componenti normalmente presenti su un notebook, eppure e lo possono controllare tutti i centri commerciali sono pieni di notebook a 400 euro o meno.... allora dove sarebbero sti margini più ridotti?Questa fa il paio con l'Ipod Touch a 220 euro e l'Iphone a 500 euro, credi pure a quello che dicono le aziende!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?

            Basta ragionare con il proprio cervello, vediamo
            i costi dei singoli componenti di un normale
            notebook e paragoniamoli a quelli di un
            netbook!
            1. Mb con proXXXXXre
            2. Display
            3. HD
            4. Chip Grafico
            5. Masterizzatore DVD
            6. Batteria

            mi sai indicare un solo componente più costoso
            nei netbook?

            Se vuoi invece Io posso farti un elenco con tanto
            di link di quanto siano superiori i prezzi dei
            componenti normalmente presenti su un notebook,
            eppure e lo possono controllare tutti i centri
            commerciali sono pieni di notebook a 400 euro o
            meno.... allora dove sarebbero sti margini più
            ridotti?

            Questa fa il paio con l'Ipod Touch a 220 euro e
            l'Iphone a 500 euro, credi pure a quello che
            dicono le
            aziende!anche fosse, é indubbio che su allora su un notebook da 600 ci guadagnano di piú di un netbook da 250Il punto é che se vendo tanti netbook e meno notebook, di sicuro guadagno di meno, indipendentemente dalla differenza dei costi (che é sicuramente piú limitata della differenz di prezzo)Quindi, bene, siamo giunti alla giusta conclusione.VEndere netbook rende meno, troppo meno, alle aziende produttrici!Bravo!
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX

            Basta ragionare con il proprio cervello, vediamo

            i costi dei singoli componenti di un normale

            notebook e paragoniamoli a quelli di un

            netbook!

            1. Mb con proXXXXXre

            2. Display

            3. HD

            4. Chip Grafico

            5. Masterizzatore DVD

            6. Batteria



            mi sai indicare un solo componente più costoso

            nei netbook?



            Se vuoi invece Io posso farti un elenco con
            tanto

            di link di quanto siano superiori i prezzi dei

            componenti normalmente presenti su un notebook,

            eppure e lo possono controllare tutti i centri

            commerciali sono pieni di notebook a 400 euro o

            meno.... allora dove sarebbero sti margini più

            ridotti?



            Questa fa il paio con l'Ipod Touch a 220 euro e

            l'Iphone a 500 euro, credi pure a quello che

            dicono le

            aziende!

            anche fosse, é indubbio che su allora su un
            notebook da 600 ci guadagnano di piú di un
            netbook da
            250

            Il punto é che se vendo tanti netbook e meno
            notebook, di sicuro guadagno di meno,
            indipendentemente dalla differenza dei costi (che
            é sicuramente piú limitata della differenz di
            prezzo)

            Quindi, bene, siamo giunti alla giusta
            conclusione.

            VEndere netbook rende meno, troppo meno, alle
            aziende
            produttrici!

            Bravo!non seguo il filo del tuo ragionamento, dov'è che dimostri che un notebook da 600 euro offre maggiori margini rispetto ad un netbook da 350?fai i conti su quanto costa la CPU la MB l'Hd e tutto il resto, poi allora puoi parlare!http://www.novasystem.it/shop/index.php?main_page=product_info&products_id=1101499 euroe hai un diplay da 15 pollici ledHd da 2503 Gb di ramMasterizzatorehttp://www.freeshop.sm/catalog/product_info.php?set_currency=EUR&products_id=46851&idfrom=trovaprezzie hai a 299 euroun display da 9 polliciHD da 160 Gb1 Gb di rame niente masterizzatoreah ovviamente la batteria è di capacità inferiore, vediamo un pòcosto display65 euro per il netbookhttp://cgi.ebay.it/Display-LCD-Schermo-8-9-Acer-Aspire-One-A150-A110_W0QQitemZ360133661723QQcmdZViewItemQQptZComputer_portatili?hash=item360133661723&_trksid=p3286.c0.m14&_trkparms=72%3A758|66%3A2|65%3A12|39%3A1|240%3A1318Che salgono a 150 per un 15 pollicihttp://cgi.ebay.it/SCHERMO-LCD-NUOVO-X-NOTEBOOK-ACER-ASPIRE-5520-15-4_W0QQitemZ220358842452QQcmdZViewItemQQptZAltri_componenti_per_PC_e_Server?hash=item220358842452&_trksid=p3286.c0.m14&_trkparms=72%3A1385|66%3A2|65%3A12|39%3A1|240%3A1318Poi il masterizzatoreAltri 40 eurohttp://cgi.ebay.it/SONY-NEC-AD-7593A-MASTERIZZATORE-DVD-NOTEBOOK-SLIM-NERO_W0QQitemZ220366562388QQcmdZViewItemQQptZLettori_e_Masterizzatori_per_Portatili?hash=item220366562388&_trksid=p3286.c0.m14&_trkparms=72%3A1385|66%3A2|65%3A12|39%3A1|240%3A1318e siamo già ad un maggior costo di circa 130 euro rispetto al netbook, ha già ma poi ci sono i 2 Gb di ram in più e sono altri 27 eurohttp://cgi.ebay.it/Informatica_Componenti-per-Portatili__SO-DIMM-DDR2-800-2GB-RAM-NOTEBOOK-2-GB-SODIMM-DDRII_W0QQitemZ220357377374QQddnZInformaticaQQadiZ6468QQddiZ6466QQadnZComponentiQ20perQ20PortatiliQQcmdZViewItemQQptZMemorie_per_Portatili?hash=item220357377374&_trksid=p3286.c0.m14&_trkparms=72%3A1385|66%3A2|65%3A12|39%3A1|240%3A1308Poi il proXXXXXre eh già mica te lo regalanoquello che più si avvicina costa 199 eurohttp://www.computercityhw.it/computercity/ns.asp?wci=wnsa&cid=8DY26TN1H693406H8L977X0904Q67265&tcid=&did=790mentre un Atom compreso il chipset e la MB costa circa 70-80 euroQuanto fa il totale?Ora per carità ci sono economie di scala, i prezzi pagati dal costruttore saranno senz'altro inferiori, alcuni confronti sono imprecisi, ma in linea generale quello che emerge con chiarezza è che i margini sono casomai più stretti sui notebook economici che sui netbook!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            ma sei ridicolo!secondo te la Apple, la Asus, la Dell, HP etc etc... comprano i monitor su Ebay???Ma che ne sai te di quanto gli costa fare i PC a loro...Te sai che prezzo fa la Samsung per i suoi HD alla Apple? o agli Acer? non penso.Tu assumi che quelle che viene detto sui margini dei netbook siano aria fritta... e sono posizioni sostenute da analisti di mercato per guidare gli investimenti... magari lo fanno per complottismo?Smettila di far passare le tue supposizioni per la verità!Io magari ne so meno di te... ma mi limito a unire i puntini delle informazioni che circolano... se tu poi vuoi vivere nel tuo mondo e pensare che tutti stiano mentendo e che le notizie che girano siano tutte false... non so proprio su che piano continuare la discussione.PS: vedo che di links ne trovi tanti... ancora nessuno a cui hanno esteso la garanzia e sostituito gratis il case di un portatile Acer/Dell/Hp...
    • Kilias scrive:
      Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
      bravo, magari perchè i netbook stanno cannibalizzando il mercato dei notebooke soprattutto su un netbook "a basso costo" immagino che anche il guadagno di chi lo produce sarà basso.... se per guadagnare come con un notebook devo vendere 10 netbook mi sembra una grande XXXXXXXX.forse è per questo che i prezzi dei netbook continuano a salire
    • ruppolo scrive:
      Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Come la mettiamo?
      Altro che Iphone e Apple!Con Apple e iPhone non butti i tuoi soldi, con i netbook si.
      Come già più volte detto sono i netbook la verà
      novità del 2008, raggiungeranno una quota totale
      del 30% dei pc venduti! (sia desktop che
      notebook) e questo solo nel giro di un paio di
      anni!
      Ma tanto so già che i soliti noti saranno pronti
      a contestarmi anche oggi, invece di ammettere di
      aver sbagliato e di grosso sui
      netbook!Tu parli al passato, "aver sbagliato", basandoti sul futuro, "raggiungeranno".È quella che si dice "aria fritta".La realtà odierna è invece che i netbook sono troppo costosi. Per 100 euro in più hai un vero computer, e non un surrogato. Per questo sono soldi buttati.Apple non sentirà più di tanto la crisi, infatti, come puoi vedere, i prezzi restano quelli di sempre. Il cliente Apple non è e non è mai stato un cliente a cui mancano mille o duemila euro per acquistare un computer di classe superiore.Riguardo iPhone, i dati parlano da soli: due terzi dei palmari che navigano su Internet sono iPhone. Che, sommati agli iPod Touch, diventano tre quarti.Ovviamente anche iPhone non è il prodotto per i poveri. È il prodotto per chi può e desidera avere un telefono, un iPod, un navigatore web, un navigatore stradale (se pur limitato) e una console ludica in un unico apparecchio tascabile. Ai poveri serve la colazione, il pranzo, la cena e un tetto, non console ludiche, non iPod, non navigatori.Il titolo della notizia è corretto: sarà un anno nero per i PC.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Come la mettiamo?

        Altro che Iphone e Apple!
        Con Apple e iPhone non butti i tuoi soldi, con i
        netbook
        si.


        Come già più volte detto sono i netbook la verà

        novità del 2008, raggiungeranno una quota totale

        del 30% dei pc venduti! (sia desktop che

        notebook) e questo solo nel giro di un paio di

        anni!

        Ma tanto so già che i soliti noti saranno pronti

        a contestarmi anche oggi, invece di ammettere di

        aver sbagliato e di grosso sui

        netbook!

        Tu parli al passato, "aver sbagliato", basandoti
        sul futuro,
        "raggiungeranno".
        È quella che si dice "aria fritta".

        La realtà odierna è invece che i netbook sono
        troppo costosi. Per 100 euro in più hai un vero
        computer, e non un surrogato. Per questo sono
        soldi
        buttati.

        Apple non sentirà più di tanto la crisi, infatti,
        come puoi vedere, i prezzi restano quelli di
        sempre. Il cliente Apple non è e non è mai stato
        un cliente a cui mancano mille o duemila euro per
        acquistare un computer di classe
        superiore.

        Riguardo iPhone, i dati parlano da soli: due
        terzi dei palmari che navigano su Internet sono
        iPhone. Che, sommati agli iPod Touch, diventano
        tre
        quarti.
        Ovviamente anche iPhone non è il prodotto per i
        poveri. È il prodotto per chi può e desidera
        avere un telefono, un iPod, un navigatore web, un
        navigatore stradale (se pur limitato) e una
        console ludica in un unico apparecchio tascabile.
        Ai poveri serve la colazione, il pranzo, la cena
        e un tetto, non console ludiche, non iPod, non
        navigatori.

        Il titolo della notizia è corretto: sarà un anno
        nero per i
        PC.Veramente anche il mercato degli smartphone guarda caso è in forte crisi con l'Iphone che nell'ultimo trimestre dai dati preliminari in mio possesso pare dimezzerà il numero di pezzi venduti, da 4.7 milioni a 2.5!Siete ancora li che non volete capire... non è solo una questione di prezzo ma proprio la nuova tipologia di prodotto offerta che mette in crisi notebook e smartphone!Il netbook ha sostanzialmente le stesse possibilità di un notebook ma pesa 1Kg ed ingombra come un A5, come ho già più volte detto si pone in diretta concorrenza con gli smartphone vista l'elevata portabilità e ovviamente gli utenti che non sono tutti dei polli preferiscono spendere 350 euro per un netbook piuttosto che 500 per uno smartphone che comunque non gli sostituisce il portatile!Quanto ai supposti scarsi margini di guadagno è una mezza bufala, i margini caso mai sono più ridotti su certi notebook economici!
      • Undertaker scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: ruppolo
        La realtà odierna è invece che i netbook sono
        troppo costosi. Per 100 euro in più hai un vero
        computer, e non un surrogato. Per questo sono
        soldi
        buttati.qui non hai tutti i torti
        Apple non sentirà più di tanto la crisi, infatti,
        come puoi vedere, i prezzi restano quelli di
        sempre. Il cliente Apple non è e non è mai stato
        un cliente a cui mancano mille o duemila euro per
        acquistare un computer di classe
        superiore.diciamo che sono dei gonzi pieni di soldi
        Ovviamente anche iPhone non è il prodotto per i
        poveri. È il prodotto per chi può e desidera
        avere un telefono, un iPod, un navigatore web, un
        navigatore stradale (se pur limitato) e una
        console ludica in un unico apparecchio tascabile.vedi sopra
        Ai poveri serve la colazione, il pranzo, la cena
        e un tetto, non console ludiche, non iPod, non
        navigatori.vedi sopra
        Il titolo della notizia è corretto: sarà un anno
        nero per i
        PC.vedi sopra
    • MeX scrive:
      Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
      http://www.macitynet.it/macity/aA36868/il_mercato_degli_smartphone_cresce_in_usa.shtmltoh, a dimostrazione che la discriminante é il prezzo.Si vendono molti netbook perché per la gente é un ripiego per causa economiche...Infatti, come hanno abbassato i prezzi degli smartphone le vendite sono salite.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: MeX
        http://www.macitynet.it/macity/aA36868/il_mercato_

        toh, a dimostrazione che la discriminante é il
        prezzo.

        Si vendono molti netbook perché per la gente é un
        ripiego per causa
        economiche...

        Infatti, come hanno abbassato i prezzi degli
        smartphone le vendite sono
        salite.Cosa vera e solo in parte per il mercato USA a livello mondiale il calo è di oltre il 25%, poi voglio vedere quanto i carriere potranno continuare a sobbarcarsi vendite in perdita....
        • MeX scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          appunto, in USA il trend é in salita per il taglio di prezzi.Mi sembra una dimostrazione lampante.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: MeX
            appunto, in USA il trend é in salita per il
            taglio di
            prezzi.

            Mi sembra una dimostrazione lampante.Sono dati parziali e provvisori, staremo a vedere, altre fonti parlano di cali consistenti, nonostante i tagli di prezzo anche sul mercato nordamericano!
          • MeX scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            ecco stiamo a vedere va... visto che son giorni che vai in giro a dare dati spacciandoli per la veritá assoluta... e in USA giá il trend non é come da te denunciato.
    • Phabio76 scrive:
      Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
      Allora, facciamola semplice:sono sprovvisto di qualsiasi dispositivo informatico e ho 400 euro da spendere. Cosa compro?In ordine di necessità oggettive:1- desktop discreto per ogni uso2- notebook economico per esigenze di mobilità3- netbook pratico e leggero ma appena sufficiente4- smartphone per fare il figo
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: Phabio76
        Allora, facciamola semplice:
        sono sprovvisto di qualsiasi dispositivo
        informatico e ho 400 euro da spendere. Cosa
        compro?
        In ordine di necessità oggettive:
        1- desktop discreto per ogni uso
        2- notebook economico per esigenze di mobilità
        3- netbook pratico e leggero ma appena sufficiente
        4- smartphone per fare il figoRisposta esattaaaaa!Il signore ha vinto il primo premio!Ma una simile ovvietà per certa gente è molto difficile da comprendere che ci vuoi fareP.S. In molte situazioni potrebbe essere più utile l'abbinata desktop di discreta potenza (sui 600 euro di spesa con un buon assemblato) + netbook per la mobilità (sui 350 euro) totale 950 euro che è meno rispetto ad un buon notebook e hai la potenza dove ti serve e la portabilità estrema, oltre al vantaggio di avere due apparecchi distinti...
        • Phabio76 scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          Allora, visto che la cosa ti risulta ovvia, mi dai ragione quando affermo che i netbook, per gente mediamente informatizzata, sono poco più di un gadget e non rappresentano questa novità che vai sbandierando da mesi.Dov'è l'innovazione?Da questo punto di vista è invece l'iPhone ad aver aperto nuovi orizzonti per design, interfaccia, strategie commerciali ecc ecc...
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
            - Scritto da: Phabio76
            Allora, visto che la cosa ti risulta ovvia, mi
            dai ragione quando affermo che i netbook, per
            gente mediamente informatizzata, sono poco più di
            un gadget e non rappresentano questa novità che
            vai sbandierando da
            mesi.
            Dov'è l'innovazione?
            Da questo punto di vista è invece l'iPhone ad
            aver aperto nuovi orizzonti per design,
            interfaccia, strategie commerciali ecc
            ecc...No qui sbagli, il netbook come ti ho già detto va benissimo per sostituire un notebook in mobilità e anche uno smartphone! Chi usa sul serio un PC opta per un desktop a casa!
    • hiccup scrive:
      Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Come la mettiamo?
      Altro che Iphone e Apple!
      Come già più volte detto sono i netbook la verà
      novità del 2008, raggiungeranno una quota totale
      del 30% dei pc venduti! (sia desktop che
      notebook) e questo solo nel giro di un paio di
      anni!
      Ma tanto so già che i soliti noti saranno pronti
      a contestarmi anche oggi, invece di ammettere di
      aver sbagliato e di grosso sui
      netbook!Beh direi che le critiche te le tiri dietro ;-) A pochi piace il puffo quattrocchi (soprattutto sapendo che il sole batte anche sul sedere di un cane... ogni tanto).Dunque se ti spacci come analista dei mercati solo perche' ne hai imbroccata una beh che dire ti tiri dietro quello che ti tiri dietro... Non sto dicendo di approvarlo.Comunque mi spiegheresti le contingenze e il profilo economico/sociale/culturale che non ha portato un netbook ad essere famoso usato nel suo periodo.Parlo di uno dei prodromi:thinkpad z50 anno 1999Grazie
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: hiccup
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Come la mettiamo?

        Altro che Iphone e Apple!

        Come già più volte detto sono i netbook la verà

        novità del 2008, raggiungeranno una quota totale

        del 30% dei pc venduti! (sia desktop che

        notebook) e questo solo nel giro di un paio di

        anni!

        Ma tanto so già che i soliti noti saranno pronti

        a contestarmi anche oggi, invece di ammettere di

        aver sbagliato e di grosso sui

        netbook!

        Beh direi che le critiche te le tiri dietro ;-)

        A pochi piace il puffo quattrocchi (soprattutto
        sapendo che il sole batte anche sul sedere di un
        cane... ogni
        tanto).

        Dunque se ti spacci come analista dei mercati
        solo perche' ne hai imbroccata una beh che dire
        ti tiri dietro quello che ti tiri dietro... Non
        sto dicendo di
        approvarlo.


        Comunque mi spiegheresti le contingenze e il
        profilo economico/sociale/culturale che non ha
        portato un netbook ad essere famoso usato nel suo
        periodo.

        Parlo di uno dei prodromi:
        thinkpad z50 anno 1999


        GrazieA lume di naso essendo un IBM il prezzo astronomico?Sai qua tutti parlano come se i soldi non contassero, già prima del 2008 esistevano i vari portegè libretto e Vaio ultraleggeri, si solo che li pagavi da 2000 euro a salire, questi costano quasi 10 volte di meno, se a te sembra poco....Poi per quanto riguarda le analisi dei trend di mercato non è la prima volta che l'imbrocco e mi da fastidio vedere gente che non fa altro che attaccarmi, anche oggi, negando l'evidenza dei fatti!
        • hiccup scrive:
          Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
          - Scritto da: Enjoy with Us
          - Scritto da: hiccup

          - Scritto da: Enjoy with Us


          Come la mettiamo?


          Altro che Iphone e Apple!


          Come già più volte detto sono i netbook la
          verà


          novità del 2008, raggiungeranno una quota
          totale


          del 30% dei pc venduti! (sia desktop che


          notebook) e questo solo nel giro di un paio di


          anni!


          Ma tanto so già che i soliti noti saranno
          pronti


          a contestarmi anche oggi, invece di ammettere
          di


          aver sbagliato e di grosso sui


          netbook!



          Beh direi che le critiche te le tiri dietro ;-)



          A pochi piace il puffo quattrocchi (soprattutto

          sapendo che il sole batte anche sul sedere di un

          cane... ogni

          tanto).



          Dunque se ti spacci come analista dei mercati

          solo perche' ne hai imbroccata una beh che dire

          ti tiri dietro quello che ti tiri dietro... Non

          sto dicendo di

          approvarlo.





          Comunque mi spiegheresti le contingenze e il

          profilo economico/sociale/culturale che non ha

          portato un netbook ad essere famoso usato nel
          suo

          periodo.



          Parlo di uno dei prodromi:

          thinkpad z50 anno 1999





          Grazie


          A lume di naso essendo un IBM il prezzo
          astronomico?
          No non lo era. Non costava eccessivamente.
          Sai qua tutti parlano come se i soldi non
          contassero, già prima del 2008 esistevano i vari
          portegè libretto e Vaio ultraleggeri, si solo che
          li pagavi da 2000 euro a salire, questi costano
          quasi 10 volte di meno, se a te sembra
          poco....
          Si ma il thinkpad e' del 1999 voglio dire 8 anni prima di un netbook.Qualcosa sara' cambiato di certo. Qui volevo parlare del cosa sarebbe cambiato per portare ad usare un prodotto che in un periodo rigoglioso era stato considerato un flop mentre oggi viene considerato e comprato da molti (indipendentemente se poi fa la fine di molti giocattoli alla moda che finiscono nel cassetto).
    • Steve Austin scrive:
      Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Come la mettiamo?
      Altro che Iphone e Apple!
      Come già più volte detto sono i netbook la verà
      novità del 2008, raggiungeranno una quota totale
      del 30% dei pc venduti! (sia desktop che
      notebook) e questo solo nel giro di un paio di
      anni!
      Ma tanto so già che i soliti noti saranno pronti
      a contestarmi anche oggi, invece di ammettere di
      aver sbagliato e di grosso sui
      netbook!Mia opinione: ma non puo essere che i netbook vengano comprati come secondo computer da affiancare al desktop?Mi sembra strano che uno con la necessità di sostiuire l'unico vecchio notebook in casa (o comprarne uno nuovo perché senza PC) scelga il netbook con i loro schermetti e tastierina micro e l'assenza del masterizzatore per 100/150 di differenza?
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Dove sono i vari critici dei netbook?
        - Scritto da: Steve Austin
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Come la mettiamo?

        Altro che Iphone e Apple!

        Come già più volte detto sono i netbook la verà

        novità del 2008, raggiungeranno una quota totale

        del 30% dei pc venduti! (sia desktop che

        notebook) e questo solo nel giro di un paio di

        anni!

        Ma tanto so già che i soliti noti saranno pronti

        a contestarmi anche oggi, invece di ammettere di

        aver sbagliato e di grosso sui

        netbook!
        Mia opinione: ma non puo essere che i netbook
        vengano comprati come secondo computer da
        affiancare al
        desktop?
        Mi sembra strano che uno con la necessità di
        sostiuire l'unico vecchio notebook in casa (o
        comprarne uno nuovo perché senza PC) scelga il
        netbook con i loro schermetti e tastierina micro
        e l'assenza del masterizzatore per 100/150 di
        differenza?Ma certo è ovvio che sia così!Molti hanno già un desktop a casa e non hanno mai preso un notebook per i prezzi e gli ingombri nettamente superiori, in mobilità conta la leggerezza e l'ingombro ridotto, per scambiare i dati basta e avanza una chiavetta USB e la potenza di Atom è più che adeguata per rivedere una bozza su office o una presentazione su power point (o l'analogo di Open office che funziona anche meglio di Power point) e per navigare su internet!Il netbook non entra certo in competizione con i Desktop ma con i notebook economici e con gli ultraportatili costosissimi (e qui può aver ragione Mex sulla riduzione dei margini), oltre che ovviamente con gli smartphone di fascia alta, più costosi e limitati (non ti sostituiscono il portatile).
  • J3njy scrive:
    A me piace la nutella !
    Come da oggetto !
  • Ste scrive:
    Mi pare un buon risultato
    Vista la congiuntura attuale.Una perdita di "solo" il 10-13% è da considerarsi una crescita rispetto a tutto il resto.In fondo secondo me era (ed è) utopico considerare che domani staremo sempre meglio di ieri.Quindi in una fase recessiva secondo me i conti vanno fatti in termini di minori perdite anzichè di maggiori guadagni.Perchè l'economia non può sempre crescere (e chi lo pensa è uno stolto, visto che la crescita illimitata presuppone risorse illimitate...ma che illimitate non sono, direi).Riguardo ai netbook: sono un approccio razionale ai bisogni. La crisi attuale è anche figlia della persecuzione di bisogni inutili, ovvero dello spreco. I netbook incontrano i bisogni di una determinata fetta di clientela, senza generare sprechi (economici -monetari- e di risorse -consumi,tecnologie-).
    • Eugenio Odorifero scrive:
      Re: Mi pare un buon risultato
      - Scritto da: Ste
      Vista la congiuntura attuale.
      Una perdita di "solo" il 10-13% è da considerarsi
      una crescita rispetto a tutto il
      resto.
      In fondo secondo me era (ed è) utopico
      considerare che domani staremo sempre meglio di
      ieri.

      Quindi in una fase recessiva secondo me i conti
      vanno fatti in termini di minori perdite anzichè
      di maggiori
      guadagni.
      Perchè l'economia non può sempre crescere (e chi
      lo pensa è uno stolto, visto che la crescita
      illimitata presuppone risorse illimitate...ma che
      illimitate non sono,
      direi).

      Riguardo ai netbook: sono un approccio razionale
      ai bisogni. La crisi attuale è anche figlia della
      persecuzione di bisogni inutili, ovvero dello
      spreco. I netbook incontrano i bisogni di una
      determinata fetta di clientela, senza generare
      sprechi (economici -monetari- e di risorse
      -consumi,tecnologie-).Qui ci hai colto alla grande. Con certi pc desktop che arrivato a 500W solo di case, ti credo che poi fanno strada i portatili. Solo il consumo d'energia è già un buon motivo, e molti se lo fanno per fare le solite cose: sentirsi CD, DVD, mp3, battere un testo, vedere un sito e così via.
    • il mio scrive:
      Re: Mi pare un buon risultato
      - Scritto da: Ste
      Perchè l'economia non può sempre crescere (e chi
      lo pensa è uno stolto, visto che la crescita
      illimitata presuppone risorse illimitate...ma che
      illimitate non sono,
      direi).Sono d'accordo con te sul fatto che l'economia non possa crescere all'infinito, ma l'attuale sistema economico regge soltanto se l'economia cresce, almeno del 2-3% l'anno.E' sufficiente guardare l'attuale situazione di molti paesi: il PIL (ricchezza prodotta) non è diminuiti rispetto agli scorsi anni, anzi è cresciuto intorno all'1% eppure moltissime persone stanno peggio, ovvero sono più poveri, di prima. Pensa cosa succederebbe se andassimo a valori negativi...Il sistema regge solo se c'è crescita (è non è sufficiente una crescita modesta).O si riesce a mantenere la crescita degli scorsi anni o si deve trovare un altro sistema, se si vogliono evitare conclusioni catastrofiche.
      • Ste scrive:
        Re: Mi pare un buon risultato
        Bhà...in realtà la sola crescita in se non è un elemento discriminante di ricchezza o poverta. Occorre valutare tutto il sistema, non solo alcune parti, come stanno facendo i media attualmente.Ovvero sarebbe più opportuno parlare di povertà relativa e del concetto che vi è più direttamente collegato: distribuzione della richezza, omogeneità e varianza di questo valore. Perchè il vero pasticcio della crisi attuale non è tanto l'aumento della povertà assoluta (se siamo TUTTI più poveri allo stesso modo...che differenza fa?).Il problema è la crescita (che i media si guardano bene di riportare) della povertà relativa. Ovvero che la ricchezza è sempre più mal distribuita.In pratica il rischio attuale (ed è il vero problema) sarà quello di vivere da poveri in un mondo "tarato" per i ricchi.Detto questo: la crisi attuale ha radici nella crisi di liquidità, non nella crisi di risorse. Per cui basterebbe trovare la quadratura del cerchio prima che il sistema produttivo vada a farsi benedire per risolvere il tutto.Se fosse VERAMENTE una crisi dovuta a penuria di risorse...bhè bentornati all'età della pietra.
  • AS73 scrive:
    Buono a sapersi
    Il 2009 sarebbe quindi il momento giusto per aggiornare il proprio PC (bombandolo un bel pò in previsione di Windows 7) dato il generale crollo dei prezzi.Mah, sarà, ma a guardarsi bene in giro, i componenti classici (mobo, VGA, RAM e procio) non sembrerebbero scesi poi di molto. Se le principali mobo con socket 775 si attestano ormai sugli 80-120 Euro, le VGA di ultima generazione (512Gb DDR3, per giocare benino a "Crysis" o a "Mirror's Edge", per intenderci) sono ferme invece da mesi sui 150 Euro (minimo). La RAM invece è scesa bene, con 50 Euro ormai si hanno tranquillamente 4Gb di ottima marca DDR2 800. Il procio invece è il vero punto dolente del mercato. Il prezzo dei dual core rimane sempre alto, e a meno di 150-200 Euro un 3Ghz non lo si trova. Se poi si parla di quadcore oltre i 3Ghz, i prezzi salgono ulteriormente.Proverò ad aspettare l'estate, chissà che i prezzi siano scesi ulteriormente... 8)
    • rockroll scrive:
      Re: Buono a sapersi
      - Scritto da: AS73
      Il 2009 sarebbe quindi il momento giusto per
      aggiornare il proprio PC (bombandolo un bel pò in
      previsione di Windows 7) dato il generale crollo
      dei
      prezzi.

      Mah, sarà, ma a guardarsi bene in giro, i
      componenti classici (mobo, VGA, RAM e procio) non
      sembrerebbero scesi poi di molto. Se le
      principali mobo con socket 775 si attestano ormai
      sugli 80-120 Euro, le VGA di ultima generazione
      (512Gb DDR3, per giocare benino a "Crysis" o a
      "Mirror's Edge", per intenderci) sono ferme
      invece da mesi sui 150 Euro (minimo). La RAM
      invece è scesa bene, con 50 Euro ormai si hanno
      tranquillamente 4Gb di ottima marca DDR2 800. Il
      procio invece è il vero punto dolente del
      mercato. Il prezzo dei dual core rimane sempre
      alto, e a meno di 150-200 Euro un 3Ghz non lo si
      trova. Se poi si parla di quadcore oltre i 3Ghz,
      i prezzi salgono
      ulteriormente.

      Proverò ad aspettare l'estate, chissà che i
      prezzi siano scesi
      ulteriormente...

      8)Esatto, sto aspettando il momento giusto, e sarà quando macchine di tutto rispetto come i Phenom II X3 su AM2+ (720 BE per intenderci, che poi sappiamo anche come attivare il quarto core...), saranno sufficientemene maturi (bios in particolare) e se possibile ulteriormente scesi di prezzo... ed ovviamente ci monterò il mio onestissimo XP i dual boot con un ancor più onesto Linux, a meno che Seven non lo regalino e meriti davvero una volta vestito di tutti i XXXXXX (updates e c.) che verranno. Certo che se tu pensi solo ad Intel magari con tanto di Seven di soldi ne spendi ben di più, per non ottenere assolutemente nulla in più, a parte ovvviamente gli I7 se sei un nababbo ed hai esigenze Industrial/Professionali estreme (1 caso su mille).Se uno vuol risparmiare a come fare e basta cogliere il momento...
      • AS73 scrive:
        Re: Buono a sapersi
        Intel è una garanzia. Poi va a gusti personali. Personalmente preferisco Intel ad AMD, e Nvidia ad ATI...
    • attonito scrive:
      Re: Buono a sapersi

      Il procio invece è il vero punto dolente del
      mercato. Il prezzo dei dual core rimane sempre
      alto, e a meno di 150-200 Euro un 3Ghz non lo si
      trova. Se poi si parla di quadcore oltre i 3Ghz,
      i prezzi salgono ulteriormente.Trovato lunedi' un AMD Phenom 2 920 4core 2.8Ghz a 215E ivato.Anche su ebay trovi roba meno costosa, se ti va di fortuna.
      • AS73 scrive:
        Re: Buono a sapersi
        - Scritto da: attonito

        Il procio invece è il vero punto dolente del

        mercato. Il prezzo dei dual core rimane sempre

        alto, e a meno di 150-200 Euro un 3Ghz non lo si

        trova. Se poi si parla di quadcore oltre i 3Ghz,

        i prezzi salgono ulteriormente.

        Trovato lunedi' un AMD Phenom 2 920 4core 2.8Ghz
        a 215E
        ivato.Complmenti. Lo trovavi a 178 ivato... :Dhttp://www.prokoo.com/product_info.php?products_id=2216
        Anche su ebay trovi roba meno costosa, se ti va
        di
        fortuna.Non uso, nè userò mai, eBay. Specie per quanto riguarda l'hardware.
    • Cesare scrive:
      Re: Buono a sapersi
      Anche io voglio aggiornare la mia macchina dopo l'estate, magari con una nuova CPU AMD con Socket AM3 e memorie DD3. Spero che il PC non mi arrivi a consumare quanto un frigo, cmq :D
      • AS73 scrive:
        Re: Buono a sapersi
        - Scritto da: Cesare
        Anche io voglio aggiornare la mia macchina dopo
        l'estate, magari con una nuova CPU AMD con Socket
        AM3 e memorie DD3. Spero che il PC non mi arrivi
        a consumare quanto un frigo, cmq
        :DSe posso permettermi un piccolo suggerimento, lascia perdere per adesso le DDR3. Non sono sfruttate nemmeno le DDR2 1066, figuriamoci le DDR3. Per ora (e mi sa anche per un bel pezzo) vanno più che bene le DDR2 800. Poi per carità scegli quello che vuoi.
  • Nome e cognome scrive:
    Vista e Win7
    Prodotti costosi e pieni di incertezze pubblicati in un momento di crisiFlop.Noi di XP vogliamo le directX su Linux, fateci sta grazia.Non abbiamo piu soldi e siamo stufi delle prigioni implementate sull'NFTS.Abbasta... :(
    • Anunnaki from Nibiru scrive:
      Re: Vista e Win7
      Si, Linux che con tutte le distro messe insieme fa lo 0,88%...
      • z f k scrive:
        Re: Vista e Win7
        - Scritto da: Anunnaki from Nibiru
        Si, Linux che con tutte le distro messe insieme
        fa lo
        0,88%...e con cio'?su un netbook il suo XXXXX dovere lo fa (navigazione, posta, musica e pure filmati; volendo, pure voip e altro) e risparmi un centinaio di euro di xp alla cassa,.CYA
      • linaro scrive:
        Re: Vista e Win7
        Sfido pero' a negare che una parte di colpa in questa crisi sia da imputare a Vista. Se uno non ha 'bisogno' di un nuovo pc si tiene il suo vecchio caro XP e aspetta...
        • Zinis scrive:
          Re: Vista e Win7
          - Scritto da: linaro
          Sfido pero' a negare che una parte di colpa in
          questa crisi sia da imputare a Vista. Se uno non
          ha 'bisogno' di un nuovo pc si tiene il suo
          vecchio caro XP e
          aspetta...Errato, perchè la crisi riguarda i pc, non i portatili.Come si diceva sopra ora tutti fanno i portatili al posto del fisso (pc), non ho capito cosa c'entra Vista...
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: Vista e Win7
        Si ma su 361 milioni di computer connessi in rete, lo 0.88% quanto è? Qualcuno lo sa?
        • Steve Austin scrive:
          Re: Vista e Win7
          - Scritto da: Francesco_Holy87
          Si ma su 361 milioni di computer connessi in
          rete, lo 0.88% quanto è? Qualcuno lo
          sa?4 milioni circa, più o meno il mercato informatico del Belgio,pochino...
        • Undertaker scrive:
          Re: Vista e Win7
          - Scritto da: Francesco_Holy87
          Si ma su 361 milioni di computer connessi in
          rete, lo 0.88% quanto è? Qualcuno lo
          sa?Veramente linux ha il 60% per il mercato SERVER.Fate voi i conti quanto possa valere dal punto di vista economico, visto che é lí che Microsoft punta a fare cassa, non sulle licenze OEM da ipermercato, praticamente regalate per fare DUMPING. Solo lí windows ha il 99%
          • Zinis scrive:
            Re: Vista e Win7
            - Scritto da: Undertaker
            - Scritto da: Francesco_Holy87

            Si ma su 361 milioni di computer connessi in

            rete, lo 0.88% quanto è? Qualcuno lo
            sa?

            Veramente linux ha il 60% per il mercato SERVER.
            Fate voi i conti quanto possa valere dal punto di
            vista economico, visto che é lí che Microsoft
            punta a fare cassa, non sulle licenze OEM da
            ipermercato, praticamente regalate per fare
            DUMPING.

            Solo lí windows ha il 99%Vero, ma qua si parla di computer (pc e portatili), non di server...0,88: praticamente non esiste.
          • Francesco_Holy87 scrive:
            Re: Vista e Win7
            Se guardi un pò più su noterai che lo 0.88% sono quasi 4 milioni di persone.
          • Bob scrive:
            Re: Vista e Win7
            Io lavoro in una azienda che non ha niente a che fare con l'informatica e i computers e per lo più la gente non usa il pc tutti i giorni. Su 60 dipendenti circa tra i miei colleghi almeno 5 usano linux... non so il resto del mondo ma lo 0.88% mi sembra un po' pochino se paragonato a dove lavoro io (ditta di trasporti)forse bisognerebbe anche rivedere queste percentualianzi secondo me queste percentuali sono tutte pubblicità e niente di piùGoat calling Bob
  • Genovese scrive:
    Anche i netbook costano troppo
    Con la crisi che c'è e che non ha ancora visto il peggio, mi spiace, ma anche il costo dei netbook è troppo elevato.
    • MarcOsX scrive:
      Re: Anche i netbook costano troppo
      Quindi secondo te abbassare il prezzo dei computer migliorerebbe il mercato?A quanto ne so è proprio il mercato netbook che sta facendo aumentare la crisi.
      • FinalCut scrive:
        Re: Anche i netbook costano troppo
        - Scritto da: MarcOsX
        Quindi secondo te abbassare il prezzo dei
        computer migliorerebbe il
        mercato?

        A quanto ne so è proprio il mercato netbook che
        sta facendo aumentare la
        crisi.Avete ragione entrambi, è una spirale perversa, difficile uscirne fuori adesso senza bagni di sangue.Una cosa è certa, i produttori di hardware e di software stanno raccogliendo quello che hanno seminato, non possono pretendere far comprare un quad core per farci girare Vista, leggere la posta e navigare su Facebook... e farlo aggiornare ogni sei mesi.La wii è stato un primo segnale, i netbook sono un secondo, l'iPhone un terzo, Snow Leopard è un quarto (che nessuno ha colto)... anche articoli come questo sono un segnale:http://punto-informatico.it/2564180/PI/News/atom-dai-netbook-ai-server-passo-breve.aspxnonostante questo i grandi produttori sono ancora "clueless..."Non mi stupirei se Snow Leopard girasse bene su un netbook dual Atom...(linux)(apple)
        • MarcOsX scrive:
          Re: Anche i netbook costano troppo


          Non mi stupirei se Snow Leopard girasse bene su
          un netbook dual
          Atom...

          (linux)(apple)Sono veramente curioso di sto cacchio di Leopardoora spero veramente che il 24 facciano un evento per dare qualche anticipazione...Secondo me uscirà dopo l'estate.Ops... sono OT :D
        • Phil scrive:
          Re: Anche i netbook costano troppo
          - Scritto da: FinalCut
          La wii è stato un primo segnale, i netbook sono
          un secondo, l'iPhone un terzo, Snow Leopard è un
          quarto (che nessuno ha colto)...Cosa hanno in comune queste cose?
          • FinalCut scrive:
            Re: Anche i netbook costano troppo
            - Scritto da: Phil
            - Scritto da: FinalCut

            La wii è stato un primo segnale, i netbook sono

            un secondo, l'iPhone un terzo, Snow Leopard è un

            quarto (che nessuno ha colto)...

            Cosa hanno in comune queste cose?Wii = ha dimostrato che l'alta definizione e i superproXXXXXri non sono indispensabili per divertirsi con una consolleNetbook = mi sembra chiaro iPhone =non è primariamente un cell, ma un piccolo Mac da taschino e la gente lo usa al posto del portatile per molte coseSnow Leopard = sistema ottimizzato per lavorare a freddo (Snow) consumando pochissima CPU e quindi scaldando pochissimo, derivato dall'esperienza di iPhone OS per risparmiare al massimo la batteria
          • Cesare scrive:
            Re: Anche i netbook costano troppo
            Non vorrei aprire un flame ma il fenomeno del Wii va un po' ridimensionato. A parte che in Giappone, dove qualunque cosa sia Nintendo stravende, nel resto del mondo si l'hanno comprato quasi tutti, ma a parte i fan di Nintendo, il resto dei "casual gamer" lo compra per giocarci a Wii Sports e lo mette di lato dopo qualche tempo. Per non parlare della carenza cronica di titoli per hardcore gamer (colpa delle case, che hanno preso il Wii per una macchina per famiglie, con buona pace di Nintendo che evita così casi tipo quello di Rules of Rose della Sony).Il PC gamer di ieri, oggi compra l'Xbox360 per non dover comprare il PC nuovo ogni sei mesi per giocare il suo nuovo fps (io sono tra quelli). Il fan della PS2 di ieri, oggi compra l'Xbox360 per continuare a giocare come prima con solo grafica e sonoro migliori (in genere nessuno chiede poi altro, fidati). Alla fine, a spuntarla nella console war attuale è stata la Microsoft. Riguardo gli altri punti non so che dire, non mi piacciono i netbook/notebook e non ne uso, riguardo l'iPhone... non mi interessa nemmeno, io uso un banale telefono da 50 euro, ci chiamo, ci mando gli SMS, uso il vivavoce col bluetooth in auto. Anche riguardo Leopard non so cosa dire perchè non mi fido dei computer preconfezionati (Apple o PC della Dell, Acer, ecc), io me lo assemblo da solo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Anche i netbook costano troppo
            - Scritto da: Cesare
            Non vorrei aprire un flame ma il fenomeno del Wii
            va un po' ridimensionato. A parte che in
            Giappone, dove qualunque cosa sia Nintendo
            stravende, nel resto del mondo si l'hanno
            comprato quasi tutti, ma a parte i fan di
            Nintendo, il resto dei "casual gamer" lo compra
            per giocarci a Wii Sports e lo mette di lato dopo
            qualche tempo. Per non parlare della carenza
            cronica di titoli per hardcore gamer (colpa delle
            case, che hanno preso il Wii per una macchina per
            famiglie, con buona pace di Nintendo che evita
            così casi tipo quello di Rules of Rose della
            Sony).Oddio dalle vendità del wii non si direbbe. Il wii attualmente è la console che ha venduto di più delle altre. C'è da dire comunque che il "casual gamer" è stato il fattore determinate per il wii. Le esigue capacita HW tra l'altro scoraggiano moltissime software house nel fare giochi "seri" anche se è possibile fare giochi belli senza stare qui a "masturbarsi" sul HD e affini.Però c'è da dire che la dotazione HW modesta (un GC potenziato alla fine più o meno), fa rodere molte software house che non possono sfruttare la grande diffusione del wii per fare i loro giochi come su Xbox360 e Ps3. Comunque il cado Rules of Rose era solo pubblicità per un gioco tecnicamente mediocre. Guarda caso i distributori che hanno portato lo stesso il gioco erano molto vicine a sony, per non parlare dell'orrendo caso italiano :D
            Il PC gamer di ieri, oggi compra l'Xbox360 per
            non dover comprare il PC nuovo ogni sei mesi per
            giocare il suo nuovo fps (io sono tra quelli). Il
            fan della PS2 di ieri, oggi compra l'Xbox360 per
            continuare a giocare come prima con solo grafica
            e sonoro migliori (in genere nessuno chiede poi
            altro, fidati). Alla fine, a spuntarla nella
            console war attuale è stata la Microsoft.Non direi cosi, i PICISTI sono molto allergici al mondo delle console, perchè sono "inferiori" in tutto. Certo, molto "picisti" pensano che i soldi crescono sugli alberti e che sia normale spendere grosse cifre in HW dopo tot mesi per far girare bene l'ultimo gioco pompato. Comunque penso che il vero vincitore sia IBM visto che fornisce i proXXXXXri a tutti i concorrenti. Dopo c'è il Wii che vende come il pane, anche se non è un diretto concorrente.
            Riguardo gli altri punti non so che dire, non mi
            piacciono i netbook/notebook e non ne uso,
            riguardo l'iPhone... non mi interessa nemmeno, io
            uso un banale telefono da 50 euro, ci chiamo, ci
            mando gli SMS, uso il vivavoce col bluetooth in
            auto. Anche riguardo Leopard non so cosa dire
            perchè non mi fido dei computer preconfezionati
            (Apple o PC della Dell, Acer, ecc), io me lo
            assemblo da
            solo.Peccato che I computer della apple non siano come i preassemblati come dell e acer, per vari motivi.
          • Cesare scrive:
            Re: Anche i netbook costano troppo
            - Scritto da: Sgabbio

            Peccato che I computer della apple non siano come
            i preassemblati come dell e acer, per vari
            motivi.Per carità lo so, ma io sono un fissato, se non me lo monto io il PC è fatto male, anche se è un Apple! :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: Anche i netbook costano troppo
            - Scritto da: Cesare
            - Scritto da: Sgabbio



            Peccato che I computer della apple non siano
            come

            i preassemblati come dell e acer, per vari

            motivi.

            Per carità lo so, ma io sono un fissato, se non
            me lo monto io il PC è fatto male, anche se è un
            Apple!
            :DTi pigli un macpro che è una tower ed hai la possibilità di aggiungere dei pezzi :D Per dire, eh ? :D (che poi la apple fa solitamente degli All one con tutto dentro, poi ci stanno i notebook che quelli per forza di cosa sono cosi di natura :D)
          • Cesare scrive:
            Re: Anche i netbook costano troppo
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Cesare

            Oddio dalle vendità del wii non si direbbe. Il
            wii attualmente è la console che ha venduto di
            più delle altre.Certo, ma ti ripeto, la gente compra la console ma noni giochi, magari il fan di Nintendo si, ma il "casual"no, per lui il Wii è Wii Sport, e basta. IMHO, proprio perchè "casual", un utente del genere nonprevede di comprare un gioco nuovo ogni tanto come l'"hardcore".Quindi se da un lato gli vendi la console, il difficile è poitrasformare questo cliente occasionale in un cliente abituale.Ripeto, IMHO.
            Comunque il cado Rules of
            Rose era solo pubblicità per un gioco
            tecnicamente mediocre. Guarda caso i distributori
            che hanno portato lo stesso il gioco erano molto
            vicine a sony, per non parlare dell'orrendo caso
            italianoCerto, ma per lo Sony furono sempre rogne. Puntando su giochi con idraulici e folletti questi problemi non ne hai ;)

            Non direi cosi, i PICISTI sono molto allergici al
            mondo delle console, perchè sono "inferiori" in
            tutto. Certo, molto "picisti" pensano che i
            soldi crescono sugli alberti e che sia normale
            spendere grosse cifre in HW dopo tot mesi per far
            girare bene l'ultimo gioco pompato.
            Da ex pcista convinto ti quoto in pieno. L'Xbox360con l'XFPS Sniper Pro per me sono stati un male necessario! :D
            Comunque penso che il vero vincitore sia IBM
            visto che fornisce i proXXXXXri a tutti i
            concorrenti. Quotissimo ^__^
          • Sgabbio scrive:
            Re: Anche i netbook costano troppo
            - Scritto da: Cesare

            Certo, ma ti ripeto, la gente compra la console
            ma
            non
            i giochi, magari il fan di Nintendo si, ma il
            "casual"
            no, per lui il Wii è Wii Sport, e basta.
            IMHO, proprio perchè "casual", un utente del
            genere
            non
            prevede di comprare un gioco nuovo ogni tanto
            come
            l'"hardcore".
            Quindi se da un lato gli vendi la console, il
            difficile è
            poi
            trasformare questo cliente occasionale in un
            cliente
            abituale.
            Ripeto, IMHO. Il tuo è un Ragionamento "Imho", come dici giustamente, però se rifletti un attimo, se è come dici, il wii avrebbe fallito perchè nessuno comprerebbe i giochi su quella console e di conseguenza, nessuno svilupperebbe per questa console. Eppure come puoi vedere, fanno giochi per wii.Al meno che i fan della nintendo non siano milioni e milioni :D

            Certo, ma per lo Sony furono sempre rogne.
            Puntando su

            giochi con idraulici e folletti questi problemi
            non ne hai
            ;)Le "rogne" le ha avute negli usa e in italia, tra l'altro in italia si è fatta molta disinformazione come al solito, vedi panorama che cito quel gioco come "Il gioco dove vince chi sepellisce la bambina viva". Poi tra l'altra dai per scontato che sulle console nintendo ci siano solo giochi carini e colorati, cosa non vera, cioè mica e solo nintendo che fa giochi per la sua console, come Sony e Microsoft ecc ecc.. :D
            Da ex pcista convinto ti quoto in pieno. L'Xbox360
            con l'XFPS Sniper Pro per me sono stati un male
            necessario!
            :DMa io sono un convinto fautore delle console, gli innumerevoli vantaggi che ha rispetto ad un pc, ma certi generi su console sono duri, come i FPS e gli RTS che richiedono sistemi di controllo molto più versatile che un joypad, anche se ci sono perfetti esempi dove è possibile fare giochi di questo genere anche su console. Come Halo ad esempio, peccato che la microsoft abbia bruciato halo 2 per pc :(

            Quotissimo ^__^Molti ignorano questo dettaglio, perchè IBM ha fatto i soldi a palate per fornire i proXXXXXri su tutti i concorrenti. Mi domando se la prossima generazione sarà cosi.
    • El Duro scrive:
      Re: Anche i netbook costano troppo
      Hai proprio ragione,fino ad oggi ci hanno sempre spennatoed ora è venuto il bel momento anche per "loro"Chissà che cambino la politica...
  • FinalCut scrive:
    Lo avevo detto...
    I netbook cannibalizzano le vendite di notebook tradizionali specialmente per via della crisi economica, non c'entra nulla la crisi degli "smartphone"...http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2561360&m=2563309&is=0#p2563309
    • Anunnaki from Nibiru scrive:
      Re: Lo avevo detto...
      Tutti quelli che conosco ultimamente comprano i portatili anche se devono usarli esclusivamente a casa, e la motivazione è sempre la stessa: "per motivi di spazio e così non c'ho i fili in giro..."
      • MarcOsX scrive:
        Re: Lo avevo detto...
        per questo adesso vanno tanto gli iMac :)
        • Anunnaki from Nibiru scrive:
          Re: Lo avevo detto...
          Vero, ma tra quelli che conosco io nessuno era una Mac...erano dei portatili tipo Acer, ecc. tutti con Windows.E' incredibile che da un po' di tempo a questa parte tutti quelli che conosco fanno questa scelta: portatile con Windows.Io credo che andando avanti così scompariranno i computer fissi data anche la diffusione dei router (possibilità di navigare per tutta casa, perfino in giardino...), per non parlare poi della sempre più ampia diffusione delle chiavette per la navigazione...
          • Nesso scrive:
            Re: Lo avevo detto...
            Senza scordare che anche gli HD usb hanno sopperito alla necessità di spazio,comodi capienti e trasportabili!
          • Steve Austin scrive:
            Re: Lo avevo detto...

            E' incredibile che da un po' di tempo a questa
            parte tutti quelli che conosco fanno questa
            scelta: portatile con
            Windows.
            Io credo che andando avanti così scompariranno i
            computer fissi data anche la diffusione dei
            router (possibilità di navigare per tutta casa,
            perfino in giardino...)Rimaranno solo i towers per i videogamers e gli uffici.
      • gerry scrive:
        Re: Lo avevo detto...
        - Scritto da: Anunnaki from Nibiru
        Tutti quelli che conosco ultimamente comprano i
        portatili anche se devono usarli esclusivamente a
        casa, e la motivazione è sempre la stessa: "per
        motivi di spazio e così non c'ho i fili in
        giro..."Quoto
    • guast scrive:
      Re: Lo avevo detto...
      Visto il crollo dei consumi attuale non mi sembra mica che il settore dei PC vada così male. Il calo c'è, ma comparato ad altri settori sta tenendo. Quindi i netbooks non stanno cannibalizzando niente. Anzi stanno attirando clienti che probabilmente avrebbero continuato ad usare il vecchio PC.Se per navigare su internet un netbook è più che sufficiente lo stesso discorso vale per un vecchio pentium
    • Alessandro scrive:
      Re: Lo avevo detto...
      Bah, dipende dai punti di vista.Forse i netbook sono i portatili che tutti (o comunque molti) aspettavano, quindi più che "cannibalizzazione" (che tutto sommato ha un carattere un po' negativo direi) si potrebbe parlare di "equità", no?Con l'evoluzione dell'informatica e della mobilità, chi non ha bisogno (o trarrebbe giovamento) di avere un mini-computer in grado di svolgere tutti i compiti di base? Io l'ho sempre avuta, e fino ad ora non ho potuto soddisfare questa necessità perché buttare al vento migliaia di euro per un ultraportatile mi pareva un'assurdità (un oggetto che ti porti ovunque che vale quanto un auto usata, spesso delicato e volentieri anche molto poco potente) e quindi sopportavo il peso e l'ingombro di portatili più standard. Oggi con i netbook ho risolto, e non solo: in questo segmento per la differenziazione a breve verranno introdotti molteplici modelli con nuove funzionalità, come i tablet, che però avranno un prezzo molto più accessibile degli ultraportatili tablet attuali, permettendo quindi a molte persone (come me!) di non farsi troppi problemi a cambiare il proprio netbook con un nuovo netbook tablet (anche immaginando di non rifarci nemmeno 1 sul primo netbook, il prezzo di entrambi non raggiungerà ancora nemmeno la metà del costo di, ad esempio, un fujitsu lifebook).Quello che voglio dire è che forse un numero consistente ma limitato di persone inesperte avrà comprato un netbook invece di un notebook perché era piccolo e allo stesso prezzo (o inferiore) di uno grosso ed economico, ma non darei per scontato che le vendite dei netbook siano derivate in buona parte da un'effettiva necessità del mercato di un prodotto simile, mentre sempre più persone si rendono conto che ora come ora la corsa all'hardware più aggiornato ha senso solo per chi con il pc ci gioca o necessita di fare elaborazione pesante di dati per professione (il fatto che sia disponibile una tecnologia che garantisce maggiori prestazioni non significa che dobbiamo essere spinti ad usarla!).Alla fine io (e credo molti altri) sarei andato avanti con il mio vecchio portatile se non ci fosse stato un netbook da acquistare (e sto parlando di un Centrino M750, non certo di un C2D!), quindi IMHO il settore pc con i netbook ci sta ancora guadagnando e, per la prima volta, fa "guadagnare" un po' anche a noi consumatori (nel senso che ci dà un'alternativa in più).
      • Cesare scrive:
        Re: Lo avevo detto...
        Il problema è che se usi un netbook per vedere i film, fino al DivX va bene, ma adesso che arrivano gli x264 a 720p o addirittura a 1080p ... stai fresco con un Atom! :|
  • Anunnaki from Nibiru scrive:
    La crisi è generale. 11,9 punti va bene
    Solo 11,9 punti? Allora va bene. L'azienda per cui lavoro (multinazionale settore elettrodomestici) ha perso il 20%...Questa notizia, in tutta onestà, è superflua e scontata...(newbie)
Chiudi i commenti