Il multi-core nei compilatori Intel

Il gigante dei chip ha aggiornato i propri compilatori per i linguaggi C++ e Fortran aggiungendovi funzionalità ottimizzate per la nuova generazione di processori multi-core
Il gigante dei chip ha aggiornato i propri compilatori per i linguaggi C++ e Fortran aggiungendovi funzionalità ottimizzate per la nuova generazione di processori multi-core


Santa Clara (USA) – Intel ha annunciato nuove versioni aggiornate dei propri compilatori capaci, a suo dire, di “schiudere le potenzialità delle piattaforme multi-core”.

Le release 9.0 dei compilatori di Intel per C++ e Fortran sono state studiate per aiutare gli sviluppatori a scrivere codice ottimizzato per il multi-threading, una tecnica capace di incrementare le performance di calcolo eseguendo simultaneamente differenti parti di uno stesso programma. La programmazione multi-threading è di cruciale importanza per sfruttare a fondo le nuove generazioni di CPU, e in particolare quelle basate sulla tecnologia Hyper-Threading di Intel e quelle dotate di due o più core.

I compilatori, che si occupano di tradurre un linguaggio di programmazione (come il C++) nel linguaggio macchina comprensibile al processore, svolgono un ruolo importantissimo nell’ottimizzare le performance dei programmi. Quelli di Intel includono una funzione, detta auto-parallelization , che analizza il codice alla ricerca di opportunità per creare più thread di esecuzione: il chipmaker ammette che questa funzione non può sostituirsi alla perizia e all’abilità del programmatore ma, in molti casi, aiuta a generare binari più efficienti e ottimizzati per le moderne architetture multi-threading.

Il colosso californiano ha poi spiegato che i propri compilatori consentono il debugging anche del codice ottimizzato. “Tradizionalmente – ha dichiarato Intel – l’uso di un optimizer rende il debugging difficile o impossibile”.

Entrambi i compilatori sono compatibili con la recente specifica 2.5 di OpenMP , un’API (Application Program Interface) standard per il multi-processing, e includono funzionalità per la riduzione dei buffer overflow specifiche per Linux.

Intel aveva già introdotto nei propri compilatori il supporto alle proprie CPU Hyper-Threading a partire dalle versioni 7.0 , rilasciate alla fine del 2002. Un anno dopo il chipmaker ha lanciato invece le versioni 8.0 , ottimizzate per i processori con core Prescott e per le ultime generazioni di chip XScale.

L’Intel C++ Compiler e l’Intel Fortran Compiler sono disponibili per Windows e Linux al prezzo, rispettivamente, di 399 e 499 dollari.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 06 2005
Link copiato negli appunti