Il naso della CIA negli affari europei

L'apertura di uno spazio europeo unico per i pagamenti potrebbe consentire ai servizi segreti americani di spiare ogni singola transazione finanziaria avvenuta all'interno dell'Unione

Bruxelles – L’ allarme arriva da Peter Schaar, commissario tedesco per la protezione dei dati, che dipinge uno scenario apocalittico per quanto riguarda i dati finanziari dell’Unione Europea nel futuro prossimo venturo: la creazione della Single Euro Payments Area , in discussione a Bruxelles, permetterà la semplificazione e la migliore gestione dei passaggi monetari all’interno del mercato comune, ma offrirà ad organizzazioni come la CIA una possibilità finora senza eguali di scrutare negli affari del vecchio continente. Ovviamente per meglio combattere il terrorismo internazionale, ma con tanti saluti alla “nostra nozione di sovranità”, denuncia Schaar.

Il pericolo viene ancora una volta da SWIFT Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunications – il colosso finanziario belga le cui propaggini statunitensi hanno accesso ad un archivio replicato dei dati gestiti per l’Unione: il consorzio si occupa già degli affari di quasi 7.800 società di prestito di oltre 200 paesi, e l’apertura dell’area unica europea di cui sopra la vedrebbe come naturale candidata ad occuparsi anche di tutti i trasferimenti domestici di denaro sul continente.

La sede dell'intelligence americana Già questo febbraio il Parlamento Europeo aveva espresso viva preoccupazione per le incursioni delle autorità statunitensi – agenti CIA inclusi – nei dati europei, replicati negli States in accordo alle policy interne al consorzio di SWIFT. La prospettiva è quindi che tale costume, in nome della difesa del suolo statunitense e della lotta al terrorismo di matrice internazionalista, divenga una pratica persino più estesa e capillare di quanto accaduto negli ultimi anni .

Una pratica, dicono le autorità garanti europee, condotta in totale violazione delle leggi sulla protezione dei dati , e che potrebbe altresì far comodo allo spionaggio economico e industriale. Ogni singolo trasferimento bancario, paventa Schaar, sarebbe in quest’ottica alla mercé della iniziative investigative statunitensi.

Un’accusa pesante a cui Francis Vanbever, chief financial officer di SWIFT, risponde con la promessa di migliorare drasticamente le policy di protezione dei dati della società: in tal senso le data facilty americane verranno fatte passare sotto l’egida dello statuto del Safe Harbor , grazie al quale i dati europei potranno godere delle dovute protezioni legali su territorio statunitense.

Iniziativa che a Schaar e alle autorità garanti dei paesi europei è parsa come semplice fumo negli occhi : “La risposta che stiamo ottenendo non è quella che stavamo aspettando” ha avvertito il Garante tedesco, perché il safe harbor non risolve il problema di base, ovvero l’esteso accesso delle autorità americane alle informazioni sensibili senza un occhio imparziale a giudicarne le azioni.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Kirisuto scrive:
    Ancora propaganda bigotta
    Dalli all'untore! Dalli al porno! Dalli ai pirati!Il popolo vuole dei colpevoli? Diamoglieli!http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1957608&m_id=1958162&r=PI
    • Anonimo scrive:
      Re: Ancora propaganda bigotta
      ma che stai dicendo? l'iniziativa statunitense è GIUSTA e speriamo sia introdotta presto anche da noi. Ricordati che si sta parlando di MINORENNI, non di adulti, quindi è giustissimo prevedere strumenti che li tutelino...
      • Kirisuto scrive:
        Re: Ancora propaganda bigotta
        - Scritto da:
        ma che stai dicendo? l'iniziativa statunitense è
        GIUSTA e speriamo sia introdotta presto anche da
        noi. Ricordati che si sta parlando di MINORENNI,
        non di adulti, quindi è giustissimo prevedere
        strumenti che li
        tutelino...Un attimo, per prima cosa mi riferivo di più all'iniziativa cinese, in secondo luogo anche in USA, come anche da noi, i minorenni sono quasi sempre usati come scusa per introdurre censure, paletti e impedimenti anche a danno di maggiorenni consenzienti.Senza contare che permane l'ipocrisia di "proteggere" i minori dalla visione del sesso, ma non della violenza.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ancora propaganda bigotta
        - Scritto da:
        ma che stai dicendo? l'iniziativa statunitense è
        GIUSTA e speriamo sia introdotta presto anche da
        noi. Ricordati che si sta parlando di MINORENNI,
        non di adulti, quindi è giustissimo prevedere
        strumenti che li
        tutelino...E' giusto che i bambini si scaccolino sui libri di fiabe e non rompano i cojoni su internet.
  • Anonimo scrive:
    Giusto!!!
    Solo immagini di guerra!!!Questa sì che è robbba da uomini, non due che scop...E basta con sto sesso virtuale. Quando avete voglia prendete e violentate donne, come veri uomini, magari approfittando di qualche guerra in nome della democrazia.Vi arruolate e andate a violentare le donne dei vostri nemici, dopo averli uccisi, così come è giusto fare.Anche il Times ha eletto uomo dell'anno il soldato statunitense. Invece quando uno che fa sesso verrà eletto uomo dell'anno? Mai!!!Via libera alla morte.Viva la guerra! Abbasso il sesso!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto!!!
      - Scritto da:
      Solo immagini di guerra!!!
      Questa sì che è robbba da uomini, non due che
      scop...

      E basta con sto sesso virtuale. Bhe'... effettivamente chi si eccita a guardare un insieme di pixel colorati non mi sembra sia da prendere a modello. Quando avete
      voglia prendete e violentate donne, come veri
      uomini, magari approfittando di qualche guerra in
      nome della
      democrazia.
      Vi arruolate e andate a violentare le donne dei
      vostri nemici, La violenza sessuale e' un fenomeno purtroppo presente anche in assenza di guerredopo averli uccisi, Gli omicidi avvengono anche senza guerre: vedi mafia per esempiocosì come è
      giusto
      fare.
      Anche il Times ha eletto uomo dell'anno il
      soldato statunitense. Invece quando uno che fa
      sesso verrà eletto uomo dell'anno?Mai. Mai, perche' tutti gli uomini fanno sesso ( tranne quelli che si eccitano con l'ADSL ) e quindi sarebbe impossibile la scelta
      Mai!!!
      Via libera alla morte.
      Viva la guerra! Abbasso il sesso!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto!!!
        Grazie della risposta.Mi hai aperto un mondo nuovo.Come avrei fatto senza te.Cmq, il "discorso guerra" si riferifa alla facilità con cui certe immagini di massacri sono disponibili e libere, mentre il sesso è tabù.La violenza sessuale forse sarebbe maggiore se molti non si sfogassero "via pixel" come dici tu.E poi "via pixel" sono anche altri tipi d'immagini. Magari che tu chiami arte e con cui ti sei divertito, o hai sognato, o hai imparato, o hai capito molte cose. O in questo caso non sono PIXEL? Solo se stimolano sessualmente sono Pixel?, o anche se stimolano altre emozioni?, o esprimono concetti?
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto!!!
        Ritengo che adottare una strategia come quella cinese non sia certo segno di democrazia.E' vero c'è un limite a tutto! Non si possono violare quelle norme basilari di quieto e sano vivere che regolamentano (o almeno dovrebbero) la vita sociale.Ma da li a dire o tutto o niente, credo che sia una decisione drastica.Del resto il proverbio "non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire" è sempre stato vero, così come lo sono tutti gli altri proverbi.E non saranno quindi leggi o cavilli legali o strumenti uniformi a fermare il pedopornografo incallito o semplicemente colui che prova piacere nel guardare immagini pornografiche dall'esimersi nella sua visione e utilizzo quotidinano di questi strumenti.Ben venga quindi un controllo da parte dello Stato, ben vengano quei provider che sfidano i loro stessi interessi economici e metteranno in atto strumenti di repressione (ma già qui, per via degli interessi citati, la cosa si fa più difficile), ben vengano società che sviluppano programmi, software e filtri attivi per la navigazione in internet .
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto!!!
          Ritengo che adottare una strategia come quella cinese non sia certo segno di democrazia.E' vero c'è un limite a tutto! Non si possono violare quelle norme basilari di quieto e sano vivere che regolamentano (o almeno dovrebbero) la vita sociale.Ma da li a dire o tutto o niente, credo che sia una decisione drastica.Del resto il proverbio "non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire" è sempre stato vero, così come lo sono tutti gli altri proverbi.E non saranno quindi leggi o cavilli legali o strumenti uniformi a fermare il pedopornografo incallito o semplicemente colui che prova piacere nel guardare immagini pornografiche dall'esimersi nella sua visione e utilizzo quotidinano di questi strumenti.Ben venga quindi un controllo da parte dello Stato, ben vengano quei provider che sfidano i loro stessi interessi economici e metteranno in atto strumenti di repressione (ma già qui, per via degli interessi citati, la cosa si fa più difficile), ben vengano società che sviluppano programmi, software e filtri attivi per la navigazione in internet come http://www.stopalporno.net
  • Anonimo scrive:
    Ai parrocchiani nostrani
    "Nessuno e nessun gruppo è autorizzato a dire a un adulto che per il suo bene non può fare della sua vita quel che sceglie di fare" John Stuart Mill
    • Anonimo scrive:
      Re: Ai parrocchiani nostrani
      - Scritto da:
      "Nessuno e nessun gruppo è autorizzato a dire a
      un adulto che per il suo bene non può fare della
      sua vita quel che sceglie di fare" John Stuart
      MillLo dicono anche satana! :o Repent!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ai parrocchiani nostrani
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        "Nessuno e nessun gruppo è autorizzato a dire a

        un adulto che per il suo bene non può fare della

        sua vita quel che sceglie di fare" John Stuart

        Mill

        Lo dicono anche satana! :o Repent!Ah dai... tanto i giovani Italiani fanno a marionetta quello che i media gli dicono di fare. Se dagli USA ( finalmente ) comincera' un giro di vite sulla pornografia, gli italiani si adegueranno. Cosi' oggi lo scaricatore p2p e' visto come un furbo, ma se l'America si incazza, finira' sta merdata della pirateria fai-da-te
        • Anonimo scrive:
          Re: Ai parrocchiani nostrani

          Ah dai... tanto i giovani Italiani fanno a
          marionetta quello che i media gli dicono di fare.
          Se dagli USA ( finalmente ) comincera' un giro di
          vite sulla pornografia, gli italiani si
          adegueranno. Cosi' oggi lo scaricatore p2p e'
          visto come un furbo, ma se l'America si incazza,
          finira' sta merdata della pirateria
          fai-da-teseeeee, come no!(devi essere il solito genio in borghese, eh?)perchè non ci dici COME? hanno intenzione di fare, invece?siamo pronti alle risate, inizia a spiegare, su... :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ai parrocchiani nostrani
            - Scritto da:

            Ah dai... tanto i giovani Italiani fanno a

            marionetta quello che i media gli dicono di
            fare.

            Se dagli USA ( finalmente ) comincera' un giro
            di

            vite sulla pornografia, gli italiani si

            adegueranno. Cosi' oggi lo scaricatore p2p e'

            visto come un furbo, ma se l'America si incazza,

            finira' sta merdata della pirateria

            fai-da-te

            seeeee, come no!
            (devi essere il solito genio in borghese, eh?)

            perchè non ci dici COME? hanno intenzione
            di fare,
            invece?
            siamo pronti alle risate, inizia a spiegare, su...
            :DMandandone in galera un paio... ma stavolta scelti anche tra i pesci piccoli, i piccoli utilizzatori. Il fenomeno si sgonfierebbe
          • Anonimo scrive:
            Re: Ai parrocchiani nostrani
            seee me li vedo a piombarti in casa alle 7 di mattina:"Lei si fa le pugnette davanti ai video zozzi, venga con noi per accertamenti"
        • Sgabbio scrive:
          Re: Ai parrocchiani nostrani
          - Scritto da:
          Ah dai... tanto i giovani Italiani fanno a
          marionetta quello che i media gli dicono di fare.
          Se dagli USA ( finalmente ) comincera' un giro di
          vite sulla pornografia, gli italiani si
          adegueranno. Cosi' oggi lo scaricatore p2p e'
          visto come un furbo, ma se l'America si incazza,
          finira' sta merdata della pirateria
          fai-da-teDeliro...questo è deliro, hai letto quello che hai scritto ?No, prechè prima di tutto dici che i giovani non hanno un senso critico (guardi studio aperto per caso?) poi vorresti delle restrizioni per una cosa come la pornografica che da quel che so, non ha mai fatto del male a nessuno, dimostri di essere un bigotto... il Sesso non è il male! Se i tuoi non facevano sesso tu non saresti nato...e poi le solite storie sul p2p.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ai parrocchiani nostrani

        Lo dicono anche satana! :o Repent!Della serie: Io ho capito...ma tu, che hai detto?
  • JoJo79 scrive:
    USA, popolo di bigotti...
    Si scandalizzano per 2 tette e per qualche birra e poi vendono tranquillamente armi e simili come se niente fosse a chiunque ne faccia richiesta. Sono patetici.
  • Anonimo scrive:
    att : redazione
    quindi per Punto Informatico la pornografia, i transessuali, la pedofilia, la coprofilia, e la zoofilia sono "conquiste di civilta' " devo supporre ?perche' non menzionare l'altrettanto "regime" di Singapore allora visto che la' hanno leggi ancora piu' draconiane tra cui la pena di morte per reati gravi di "spaccio di materiale pornografico" ?ergastolo per siti web ? mi risulta quello citato nell'articolo sia un caso limite, unico in un paese di 1.3 miliardi di persone.e comunque la Cina e' una nazione sovrana armata e indipendente, siete liberi di riportare e scopiazzare le notizie da XinHua e ChinaDaily ma oltre a questo le vostre punzecchiature non vanno oltre.siete solo sudditi a cui hanno insegnato che il paese in cui vivono e' libero e democratico.tra l'altro la vostra ignoranza dell'Asia e' abissale : la pornografia e' vietata in GRAN parte dell'asia, da Singapore alle Filippine alll'Indonesia alla Malaysia al Vietnam alla Cambodia etc etce anche nella "liberale" Hong Kong vi sfido a trovare dvd porno e riviste hard, il massimo che vendono e' roba soft-core.in china au contraire sono legali i sexy shops e tollerate le numerosissime prostitute quindi non vedo proprio il problema per i "diritti dei segaioli"...(perche' il porno altro non e' che "il mercato della pippa" come disse giustamente Rocco Siffredi)
    • Anonimo scrive:
      Re: att : redazione
      dimenticavo, sono Il Detrattore, se non si era capito.
      • Anonimo scrive:
        Re: att : redazione
        - Scritto da:
        dimenticavo, sono Il Detrattore, se non si era
        capito.Ovvio.
      • Anonimo scrive:
        Re: att : redazione
        - Scritto da:
        dimenticavo, sono Il Detrattore, se non si era
        capito.Ciao detlattole, Glande amico di cina, velamente glande e sottolineo Glande (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: att : redazione
      - Scritto da:
      quindi per Punto Informatico la pornografia, i
      transessuali, la pedofilia, la coprofilia, e la
      zoofilia sono "conquiste di civilta' " devo
      supporre ?Dove lo leggi?Cita, cita, anzicche' estrapolare come sempre.
      perche' non menzionare l'altrettanto "regime" diPerche' e' un articolo sulla Cina, USA e Internete Singapore non ha un grande ruolo in Internet, ammettiamolo.
      Singapore allora visto che la' hanno leggi ancora
      piu' draconiane tra cui la pena di morte per
      reati gravi di "spaccio di materiale
      pornografico" ?Ok, eccolo menzionato, grazie per il piccolo contributo sulla piccola citta' stato.
      ergastolo per siti web ?
      mi risulta quello citato nell'articolo sia un
      caso limite, unico in un paese di 1.3 miliardi di
      persone.Beh, e' successo. Altrove no. Quindi va citato.O preferisci che si taccia? Ti piacerebbe vero?
      e comunque la Cina e' una nazione sovrana armata
      e indipendenteBravo e quindi? Non bisogna mai dire cosa fa?
      siete liberi di riportare e
      scopiazzare le notizie da XinHua e ChinaDaily ma
      oltre a questo le vostre punzecchiature non vanno
      oltre.Le punzecchiature le vedi solo tu che ti sei sposato la Cina e con esse le sue cause.L'articolo in questione, come molti altri sulla Cina che puntualmente critichi, riporta in maniera molto neutra dei fatti di attualita' in Cina, fatti che tu nelle tue numerose critiche non riesci e non puoi mai negare, e ti limiti a giustificare ("La Cina e' nazione sovrana - accade anche altrove - le leggi sono leggi").
      siete solo sudditi a cui hanno insegnato che il
      paese in cui vivono e' libero e
      democratico.Ecco un altro tema che tiri sempre fuori per contestare gli articoli di PI che detesti ma continui a seguire. Ancora, non potendo negare le informazioni che giungono dalla Cina, critichi l'atteggiamento di chi ne scrive, come inficiato da ignoranza e lavaggio del cervello.Non manca quindi mai il tema "l'Italia non e' migliore", come se questo rendesse immediatamente la Cina illibata. Insomma critichi l'autore anzicche' lo scritto, senza mai provar che lo scritto e' falso.
      tra l'altro la vostra ignoranza dell'Asia e'
      abissale : la pornografia e' vietata in GRAN
      parte dell'asia, da Singapore alle Filippine
      alll'Indonesia alla Malaysia al Vietnam alla
      Cambodia etc
      etcNon viene mai detto il contrario, anche qui attacchi l'autore e non lo scritto, attaccando posizioni mai espresse per poter criticare l'insieme.Dialetticamente sei bravo. Come interlocutore sei sgradevolissimo.
      (perche' il porno altro non e' che "il mercato
      della pippa" come disse giustamente Rocco
      Siffredi)E con queste citazioni colte possiamo certamente dirci addio.
      • Anonimo scrive:
        Re: att : redazione
        ehm non sono il postatore originario ma non mi sento di dargli tutti i torti

        perche' non menzionare l'altrettanto "regime" di


        Perche' e' un articolo sulla Cina, USA e
        Internete Singapore non ha un grande ruolo in
        Internet,
        ammettiamolo.ma en passant si poteva citare, per completezza di informazione usa contestualizzare, per lo meno lo fanno gli articolisti decenti...


        ergastolo per siti web ?

        mi risulta quello citato nell'articolo sia un

        caso limite, unico in un paese di 1.3 miliardi
        di

        persone.

        Beh, e' successo. Altrove no. Quindi va citato.appunto va citato che era anche per evasione fiscale, false registrazioni, presentazione di false generalità e depistaggio in associazione con altri, non per 2 tette all'aria
        L'articolo in questione, come molti altri sulla
        Cina che puntualmente critichi, riporta in
        maniera molto neutra dei fatti di attualita' consentimi di dissentire, finchè si inseriranno SEMPRE e SISTEMATICAMENTE al volo frasi sulla cina come :"[pornografia] già invisa al governo, almeno quanto le esternazioni "sobillatorie" di blogger e cyberdissidenti"mentre per quel che riguarda i senatori usa "la parole dei politici fanno sfoggio di apprensione e risolutezza."senza nemmeno un accenno a ricordare tutte le forme di controllo sociale che la loro apprensione e risolutezza approva col pretesto del porno
    • Anonimo scrive:
      Re: att : redazione

      (perche' il porno altro non e' che "il mercato
      della pippa" come disse giustamente Rocco
      Siffredi)
      Beata ignoranza. C'è porno e porno. In cina ti arrestano anche se pubblichi foto di nudo. Rocco o ha fatto un abattuta o è solo un cazzone parlante. Il porno è libertà. La libertà è porno. L'hai capito o no?
      • Anonimo scrive:
        Re: att : redazione
        - Scritto da:


        (perche' il porno altro non e' che "il mercato

        della pippa" come disse giustamente Rocco

        Siffredi)




        Beata ignoranza. C'è porno e porno. In cina ti
        arrestano anche se pubblichi foto di nudo. Rocco
        o ha fatto un abattuta o è solo un cazzone
        parlante. Il porno è libertà. La libertà è
        porno. L'hai capito o
        no?il nudo artistico in China e' legalissimo come puoi constatare in qualunque libreria.se intendi "soft-core" e' invece illegale.ma per la gioia dei segaioli nelle "hi-tech areas" dove ci sono tutti i maggiori computer shops ci sono i pushers di DVD hardcore che ti chiamano per la strada come vendessero eroina con i DVD nascosti nelle mutande.fatevi un giro a ZhongGuangCun o ChaoYangMen per esempio...
    • Anonimo scrive:
      Re: att : redazione

      quindi per Punto Informatico la pornografia, i
      transessuali, la pedofilia, la coprofilia, e la
      zoofilia sono "conquiste di civilta' " devo
      supporre
      ?
      Si, anche la pirateria, il furto, il vandalismo e la mala educazione.Tieni presente che sono tutti ragazzetti immaturi che vivono alle spalle di papino, blaterando di cose che conoscono solo tramite wikimerda, conducendo un'esistenza inutile e vuota, da bravi sfaccendati sfigati.Si sentono forti perchè postano su questi forum assieme ad altri sfaccendati sfigati, e pensano di essere una elite di supergeni destinati a governare il mondo.Prima però devono abbattere i Governi Dispotici Asserviti Alle Multinazionali Del Profitto (devo ancora scoprire quali sono le Multinazionali Del No-Profit). Cosa che faranno quanto prima grazie alle Armi Tecnologiche (computer da quattro soldi con qualche distro Linux scaricata l'altro ieri e ricompilata cento volte per far funzionare la webcam).Quanto prima, cioè appena si saranno schiodati da World of Warcraft.
    • Sgabbio scrive:
      Re: att : redazione
      - Scritto da:
      quindi per Punto Informatico la pornografia, i
      transessuali, la pedofilia, la coprofilia, e la
      zoofilia sono "conquiste di civilta' " devo
      supporre
      ?Scusami ma la pedofilia ce l'hai messa solo tu.Poi non so cosa ti hanno fatto di male i transessuali, ma scusami ma questo che hai detto mi ha fatto ridere.
    • eI_barto scrive:
      Re: att : redazione

      tra l'altro la vostra ignoranza dell'Asia e'
      abissale : la pornografia e' vietata in GRAN
      parte dell'asia, da Singapore alle Filippine
      alll'Indonesia alla Malaysia al Vietnam alla
      Cambodia etc
      etcin giappone sono vietati i peli pubici in foto
      (perche' il porno altro non e' che "il mercato
      della pippa" come disse giustamente Rocco
      Siffredi)
      (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    the internet is for PORN
    http://www.youtube.com/watch?v=YjTbuUR7A5gwhy you think the net was born? PORN PORN PORN!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
Chiudi i commenti