Il naso della CIA negli affari europei

L'apertura di uno spazio europeo unico per i pagamenti potrebbe consentire ai servizi segreti americani di spiare ogni singola transazione finanziaria avvenuta all'interno dell'Unione
L'apertura di uno spazio europeo unico per i pagamenti potrebbe consentire ai servizi segreti americani di spiare ogni singola transazione finanziaria avvenuta all'interno dell'Unione

Bruxelles – L’ allarme arriva da Peter Schaar, commissario tedesco per la protezione dei dati, che dipinge uno scenario apocalittico per quanto riguarda i dati finanziari dell’Unione Europea nel futuro prossimo venturo: la creazione della Single Euro Payments Area , in discussione a Bruxelles, permetterà la semplificazione e la migliore gestione dei passaggi monetari all’interno del mercato comune, ma offrirà ad organizzazioni come la CIA una possibilità finora senza eguali di scrutare negli affari del vecchio continente. Ovviamente per meglio combattere il terrorismo internazionale, ma con tanti saluti alla “nostra nozione di sovranità”, denuncia Schaar.

Il pericolo viene ancora una volta da SWIFT Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunications – il colosso finanziario belga le cui propaggini statunitensi hanno accesso ad un archivio replicato dei dati gestiti per l’Unione: il consorzio si occupa già degli affari di quasi 7.800 società di prestito di oltre 200 paesi, e l’apertura dell’area unica europea di cui sopra la vedrebbe come naturale candidata ad occuparsi anche di tutti i trasferimenti domestici di denaro sul continente.

La sede dell'intelligence americana Già questo febbraio il Parlamento Europeo aveva espresso viva preoccupazione per le incursioni delle autorità statunitensi – agenti CIA inclusi – nei dati europei, replicati negli States in accordo alle policy interne al consorzio di SWIFT. La prospettiva è quindi che tale costume, in nome della difesa del suolo statunitense e della lotta al terrorismo di matrice internazionalista, divenga una pratica persino più estesa e capillare di quanto accaduto negli ultimi anni .

Una pratica, dicono le autorità garanti europee, condotta in totale violazione delle leggi sulla protezione dei dati , e che potrebbe altresì far comodo allo spionaggio economico e industriale. Ogni singolo trasferimento bancario, paventa Schaar, sarebbe in quest’ottica alla mercé della iniziative investigative statunitensi.

Un’accusa pesante a cui Francis Vanbever, chief financial officer di SWIFT, risponde con la promessa di migliorare drasticamente le policy di protezione dei dati della società: in tal senso le data facilty americane verranno fatte passare sotto l’egida dello statuto del Safe Harbor , grazie al quale i dati europei potranno godere delle dovute protezioni legali su territorio statunitense.

Iniziativa che a Schaar e alle autorità garanti dei paesi europei è parsa come semplice fumo negli occhi : “La risposta che stiamo ottenendo non è quella che stavamo aspettando” ha avvertito il Garante tedesco, perché il safe harbor non risolve il problema di base, ovvero l’esteso accesso delle autorità americane alle informazioni sensibili senza un occhio imparziale a giudicarne le azioni.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 04 2007
Link copiato negli appunti