Il netbook Packard Bell ha un cuore AMD

Svelato un mini-laptop con schermo da 11,6 pollici. Utilizza un processore a basso consumo di Sunnyvale con una GPU Radeon integrata

Roma – Questa estate Packard Bell lancerà sul mercato europeo quello che definisce il primo netbook ad utilizzare un processore AMD. Il portatile, denominato dot m/a , appartiene alla nuova generazione di netbook con schermo da 11,6 pollici e tastiera di dimensioni paragonabili a quella di un laptop standard.

il netbook Come si è detto, la peculiarità del dot m/a è quella di utilizzare una CPU a basso consumo di AMD, l’Athlon 64 L110, affiancato dal chipset 690G con GPU Radeon Xpress 1270 integrata. A quanto pare quello di Packard Bell non è soltanto il primo netbook ad utilizzare un chip AMD, ma è anche il primo computer al mondo a rivelare l’esistenza dell’Athlon 64 L110, una CPU fino ad oggi ignota.

Stando alle poche informazioni disponibili, l’L110 sarebbe un processore a basso consumo con clock di 1,2 GHz, 512 KB di cache L2 e thermal design power (TDP) di 13 watt. Dal momento che il consumo energetico è molto simile a quello del primo e al momento unico modello di Athlon Neo , l’MV-40 (con clock di 1,6 GHz e TDP di 15 watt), è ipotizzabile che l’L110 sia stato sviluppato da AMD sulla base di quest’ultimo.

Se si cerca online l’Athlon 64 L110 spunta il nome del netbook Gateway LT3104g/LT3105g , che a giudicare dalle caratteristiche non è altro che la versione asiatica del dot m/a: ciò non sorprende visto che i brand Packard Bell e Gateway appartengono entrambi ad Acer (il primo viene generalmente utilizzato nel mercato europeo mentre il secondo in quello americano e asiatico).

La GPU Radeon X1270 integrata nel dot m/a è in grado di gestire fino a 512 MB di memoria utilizzando la tecnologia HyperMemory e fornisce il supporto alla tecnologia AVIVO per la decodifica in hardware dei video con definizione standard.

Il netbook di Packard Bell è equipaggiato con 2 GB di RAM, un hard disk magnetico da 160, 250 o 320 GB, e una batteria a 3 celle o, opzionalmente, a 6 celle: quest’ultima è accreditata di fornire “almeno 4 ore di autonomia” (mentre nella scheda tecnica del Gateway LT3104g/LT3105g sono 5). Presenti inoltre connettività WiFi (802.11g), microfono, webcam, lettore di schede 5-in-1, porta Fast Ethernet, uscita VGA e porte USB. I moduli Bluetooth e 3G sono opzionali. La risoluzione del display è di 1366 x 768 pixel con formato 16:9 mentre il peso del portatile è di 1,25 Kg. L’utente potrà ordinare il sistema con le edizioni Home Basic o Home Premium di Windows Vista.

Vale la pensa segnalare che il touchpad del dot m/a supporta il multi-touch, grazie al quale è possibile eseguire tre differenti gesture: un movimento circolare, che permette di ricaricare l’attuale pagine del browser o aggiornare il contenuto di una finestra; un movimento orizzontale, con il quale sfogliare pagine web, foto ecc.; e un movimento con indice e pollice per attivare la funzione zoom.

Come gli altri modelli della serie dot, il dot m/a è corredato della versione completa di Adobe Photoshop Elements 6 e del tool PB XSync, che permette di copiare i file dal o sul netbook oppure sincronizzare i documenti con un PC desktop.

Dot m/a sarà disponibile verso la fine di luglio nella colorazione nera (con cover lucida e interno opaco) o in una versione rosso acceso/nero. Il prezzo base sarà di 399 euro IVA inclusa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nutria scrive:
    gran fregata
    Mi pare una gran fregata. Sembra un pò un modo per tirare su soldi facili. Un amico dopo che era arrivata a casa la pubblicità di un operatore wifi-m che diceva che copriva l'intera zona era interessato. Ha richiesto l'uscita del tecnico che ha verificato eeeee "purtroppo la sua casa non ha abbastanza segnale"fanno 70 comunque....mmmmmmmchiedendo in zona è successa ad un po di persone.....mmmmmmmsento puzza di fregatura...che dite?:)
  • Mirko Sacripanti scrive:
    Ma dei giochi finanziari non se ne parla
    AriaDSL non è più israeliana da almeno un anno! E' russa-americana!The Russian private equity firm ICON Private Equity together with Goldman Sachs and consortium of private investors acquired a majority stake in AriaDSL, an Italian telecom operator that holds WiMAX licenses to operate across Italy for $100 million from the Israeli billionaire Davidi Gilo, reported business daily Vedomosti. Each investor paid approximately one-third of the transaction amountIn pratica, Davidi Gilo, comprò il 75% della piccola azienda umbra, poi spese 50 milioni di euro per le licenze WiMax per tutta l'Italia e dopo... ha venduto tutto ad un fondo russo-americano per 100 milioni! Senza aver ancora fatto nulla di concreto... un bel guadagno no?http://blog.quintura.com/2008/05/23/russian-private-equity-firm-invests-in-italian-wimax-operator
  • Dof Daf scrive:
    A Brescia c'è Linkem
    Se vi interessa.Francamente speravo in tariffe migliori. Adsl a 20 euro al mese più telefono con costi a parte.Con absolute adsl di wind / infostrada ho adsl a 25 euro al mese più telefono con costi a parte.Non è che sia questo gran risparmio, considerato anche che le telefonate verso fisso con linkem sono a tempo e con wind infostrada no.Facile andare a pari o magari anche perderci. Dovrei confrontare bene i costi telefonici.Non mi esalta come offerta. Però magari a qualcuno interessa e secondo il proprio profilo conviene.
    • ImXs scrive:
      Re: A Brescia c'è Linkem
      Io ho da poco fatto il Max20 di Linkem in azienda e per il momento sono soddisfatto (linea di back up, che però sto testando intensamente).Per 20 al mese hai l'equivalente di una buona adsl senza costi aggiuntivi.Se il segnale arrivasse anche a casa, saluterei mamma Telecom e zie varie (Wind, Tele2 ecc.) con i loro canoni visibili ed invisibili, ma comunque tangibili.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 giugno 2009 14.07-----------------------------------------------------------
  • Emanuele Polidoro scrive:
    Aria come Telecom Italia
    Io abito in una zona dell'Umbria (fascia appenninica nord est) soggetta a digital divide. Aria ha coperto le zone a più alta densità ma anche già coperte da banda larga, lasciando proprio la nostra area senza servizio.E adesso inizia a coprire altre regioni, lasciando le zone montane senza copertura.E allora, tanto valeva tenersi Telecom Italia, se l'unico motivo di diffusione è il profitto aziendale. Come al solito, le licenze wimax sono state assegnate senza garanzie sugli investimenti per il superamento del Digital Divide.
    • nico scrive:
      Re: Aria come Telecom Italia
      ma secondo te le antenne le danno gratis.... è normale che cerchino prima di tutto le zone ad alta densità
      • Mav scrive:
        Re: Aria come Telecom Italia
        certo che no, ma non vadano in giro a raccontare che il WiMax è il paladino del Digital Divide perchè è solo l'ennesima presa in giro.
      • Paolo T. scrive:
        Re: Aria come Telecom Italia
        Visto che qualcuno considera "logico" che i servizi essenziali vadano solo nelle zone ad "alta redditività", vorrei che allo stesso modo si considerasse logico che a noi che viviamo in zone a "bassa redditività" venissero chieste tasse più basse. Con quello che risparmieremmo potremmo farci da soli le nostre antenne.
        • ullala scrive:
          Re: Aria come Telecom Italia
          - Scritto da: Paolo T.
          Visto che qualcuno considera "logico" che i
          servizi essenziali vadano solo nelle zone ad
          "alta redditività", vorrei che allo stesso modo
          si considerasse logico che a noi che viviamo in
          zone a "bassa redditività" venissero chieste
          tasse più basse. Con quello che risparmieremmo
          potremmo farci da soli le nostre
          antenne.Fossi in te comincerei a farle comunque... il risparmio arriva anche senza tasse ridotte.Invece di belare pecorilmente comincia a darti da fare e mettere assieme e condividere i costi e la loro riduzione con gli altri come te.Si... si può fare!!!è già stato fatto!e ... si io sono uno di quelli che lo ha fatto!e si... conviene anche economicamente.. basta essere in un certo numero!e... Si bisogna pure avere conoscenze "tenniche".... ma come sai la libertà costa non tanto soldi quanto impegno personale...Difficile ehh?Quando si parla di condividere da pari a pari (come si fa sempre più in altri paesi) nel nostro paese (il paese dei furbi in cui io frego te e tu freghi me) ci si ferma o si cerca di custruire il proprio piccolo privilegio!Che furbi che siamo!Se invece non sei ne pecora ne furbo.... e... Se vuoi una mano te la do più che volentieri!Non hai che da chiedere ....Ma (ripeto) non da pecora e non da furbo!
          • Luca O scrive:
            Re: Aria come Telecom Italia
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: Paolo T.

            Visto che qualcuno considera "logico" che i

            servizi essenziali vadano solo nelle zone ad

            "alta redditività", vorrei che allo stesso modo

            si considerasse logico che a noi che viviamo in

            zone a "bassa redditività" venissero chieste

            tasse più basse. Con quello che risparmieremmo

            potremmo farci da soli le nostre

            antenne.

            Fossi in te comincerei a farle comunque... il
            risparmio arriva anche senza tasse
            ridotte.

            Invece di belare pecorilmente comincia a darti da
            fare e mettere assieme e condividere i costi e la
            loro riduzione con gli altri come
            te.
            Si... si può fare!!!
            è già stato fatto!
            e ... si io sono uno di quelli che lo ha fatto!
            e si... conviene anche economicamente.. basta
            essere in un certo
            numero!
            e... Si bisogna pure avere conoscenze
            "tenniche".... ma come sai la libertà costa non
            tanto soldi quanto impegno
            personale...

            Difficile ehh?
            Quando si parla di condividere da pari a pari
            (come si fa sempre più in altri paesi) nel nostro
            paese (il paese dei furbi in cui io frego te e tu
            freghi me) ci si ferma o si cerca di custruire il
            proprio piccolo
            privilegio!
            Che furbi che siamo!

            Se invece non sei ne pecora ne furbo.... e...
            Se vuoi una mano te la do più che volentieri!
            Non hai che da chiedere ....
            Ma (ripeto) non da pecora e non da furbo!Mi sembra che tu abbia risposto con una cattiveria ingiustificata.
          • ullala scrive:
            Re: Aria come Telecom Italia
            - Scritto da: Luca O
            - Scritto da: ullala

            - Scritto da: Paolo T.


            Visto che qualcuno considera "logico" che i


            servizi essenziali vadano solo nelle zone ad


            "alta redditività", vorrei che allo stesso
            modo


            si considerasse logico che a noi che viviamo
            in


            zone a "bassa redditività" venissero chieste


            tasse più basse. Con quello che risparmieremmo


            potremmo farci da soli le nostre


            antenne.



            Fossi in te comincerei a farle comunque... il

            risparmio arriva anche senza tasse

            ridotte.



            Invece di belare pecorilmente comincia a darti
            da

            fare e mettere assieme e condividere i costi e
            la

            loro riduzione con gli altri come

            te.

            Si... si può fare!!!

            è già stato fatto!

            e ... si io sono uno di quelli che lo ha fatto!

            e si... conviene anche economicamente.. basta

            essere in un certo

            numero!

            e... Si bisogna pure avere conoscenze

            "tenniche".... ma come sai la libertà costa non

            tanto soldi quanto impegno

            personale...



            Difficile ehh?

            Quando si parla di condividere da pari a pari

            (come si fa sempre più in altri paesi) nel
            nostro

            paese (il paese dei furbi in cui io frego te e
            tu

            freghi me) ci si ferma o si cerca di custruire
            il

            proprio piccolo

            privilegio!

            Che furbi che siamo!



            Se invece non sei ne pecora ne furbo.... e...

            Se vuoi una mano te la do più che volentieri!

            Non hai che da chiedere ....

            Ma (ripeto) non da pecora e non da furbo!

            Mi sembra che tu abbia risposto con una
            cattiveria
            ingiustificata.Fammi capire quale è la parte di "Se vuoi una mano te la do più che volentieri!" che non ti è chiara?Secondo te la "cattiveria" e mia o forse c'è qualcosa che non ti è del tutto chiaro?
          • bubba scrive:
            Re: Aria come Telecom Italia
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: Luca O

            - Scritto da: ullala


            - Scritto da: Paolo T.



            Visto che qualcuno considera "logico" che i



            servizi essenziali vadano solo nelle zone ad



            "alta redditività", vorrei che allo stesso

            modo



            si considerasse logico che a noi che viviamo

            in



            zone a "bassa redditività" venissero chieste



            tasse più basse. Con quello che
            risparmieremmo



            potremmo farci da soli le nostre



            antenne.





            Fossi in te comincerei a farle comunque... il


            risparmio arriva anche senza tasse


            ridotte.





            Invece di belare pecorilmente comincia a darti

            da


            fare e mettere assieme e condividere i costi e

            la


            loro riduzione con gli altri come(...)
            Fammi capire quale è la parte di "Se vuoi una
            mano te la do più che volentieri!" che non ti è
            chiara?

            Secondo te la "cattiveria" e mia o forse c'è
            qualcosa che non ti è del tutto
            chiaro?sai, in italia non e' semplicemente una questione "pecorile"... e' che in italia abbiamo beghe come quelle inventate da Pisanu e altre.. vedansi :http://is.gd/T4OD questa e' l'ordinanza del Consiglio di Stato che dice "Ritenuto che, la licenza del Questore prevista dallart. 7 D.L. n. 144/05 (conv. in L. 155/05) è necessaria anche nel caso in cui lacXXXXX ad internet sia offerto mediante tecnologia wireless..."che a sua volta recita http://is.gd/T52S"chiunque intende aprire un pubblico esercizio o un circolo privato di qualsiasi specie, nel quale sono posti a disposizione del pubblico, dei clienti o dei soci apparecchi terminali utilizzabili per le comunicazioni, anche telematiche, deve chiederne la licenza al questore"Per coloro che già esercitano le attività di cui al comma 1, la licenza deve essere richiesta entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.3. La licenza si intende rilasciata trascorsi sessanta giorni dall'inoltro della domanda.e poi bisogna osservare tutte le norme cmq. in vigore per gli internet point: http://is.gd/T5c6Come dire, se uno vuole mettere un wifi in un albergo, deve seguire tutte le norme degli internet point, tra cui anche la licenza del Questore.
          • ullala scrive:
            Re: Aria come Telecom Italia
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: ullala

            - Scritto da: Luca O


            - Scritto da: ullala



            - Scritto da: Paolo T.




            Visto che qualcuno considera "logico" che
            i




            servizi essenziali vadano solo nelle zone
            ad




            "alta redditività", vorrei che allo stesso


            modo




            si considerasse logico che a noi che
            viviamo


            in




            zone a "bassa redditività" venissero
            chieste




            tasse più basse. Con quello che

            risparmieremmo




            potremmo farci da soli le nostre




            antenne.







            Fossi in te comincerei a farle comunque...
            il



            risparmio arriva anche senza tasse



            ridotte.







            Invece di belare pecorilmente comincia a
            darti


            da



            fare e mettere assieme e condividere i
            costi
            e


            la



            loro riduzione con gli altri come
            (...)

            Fammi capire quale è la parte di "Se vuoi una

            mano te la do più che volentieri!" che non ti è

            chiara?



            Secondo te la "cattiveria" e mia o forse c'è

            qualcosa che non ti è del tutto

            chiaro?
            sai, in italia non e' semplicemente una questione
            "pecorile"... e' che in italia abbiamo beghe come
            quelle inventate da Pisanu e altre.. vedansi
            :
            Le ho citate io giusto qualche post sopra!Proprio a me lo dici?

            http://is.gd/T4OD questa e' l'ordinanza del
            Consiglio di Stato che dice "Ritenuto che, la
            licenza del Questore prevista dallart. 7 D.L. n.
            144/05 (conv. in L. 155/05) è necessaria anche
            nel caso in cui lacXXXXX ad internet sia offerto
            mediante tecnologia
            wireless..."

            che a sua volta recita http://is.gd/T52S

            "chiunque intende aprire un pubblico esercizio o
            un circolo privato di qualsiasi specie, nel quale
            sono posti a disposizione del pubblico, dei
            clienti o dei soci apparecchi terminali
            utilizzabili per le comunicazioni, anche
            telematiche, deve chiederne la licenza al
            questore"
            Per coloro che già esercitano le attività di cui
            al comma 1, la licenza deve essere richiesta
            entro sessanta giorni dalla data di entrata in
            vigore del presente
            decreto.

            3. La licenza si intende rilasciata trascorsi
            sessanta giorni dall'inoltro della
            domanda.

            e poi bisogna osservare tutte le norme cmq. in
            vigore per gli internet point:
            http://is.gd/T5c6

            Come dire, se uno vuole mettere un wifi in un
            albergo, deve seguire tutte le norme degli
            internet point, tra cui anche la licenza del
            Questore.E quindi dopo la recita di tutta la sola che sapevo a memoria ?Lo so Anche per avere già fatto tutte queste pratiche... dove vorresti arrivare?Secondo te una associazione di cittadini non può ottenere (come da norma) la licenza (cosa semplicissima) ???E quale sarebbe di grazia il problema certo pisanu non facilita ma questo non significa granchè ai fini del discorsoTieni presente che:1) una associazione di cittadini può benissimo non "offrire nulla al pubblico" ma solo ai soci...2) Volendo "offrire al pubblico" non è che occorra granchè basta piuttosto poco e alla portata economicamente anche solo di poche decine di persone.3) Ripeto parlo di cose fatte non di chiacchere....4) se ti costa troppa fatica... vuole dire che aspetti che qualcuno ti porti (ma a quel punto non lamentarti delle SUE condizioni) quello che conviene a lui....Contento tu contenti tutti!Siamo in ITAGLIA!
          • etherodox scrive:
            Re: Aria come Telecom Italia
            Condivido l'esasperazione di Ullala (a meno che non sia più banalmente una nevrosi), ma non è menando fendenti a destra e manca che puoi dare un parere a un post intelligente come quello di Paolo T. Anche lui, come te vive in Itaglia e probabilmente gli fa schifo quanto a me l'(attuale) ignoranza del suo popolo.Leggo spesso su questi forum commenti feroci a proposito del posto in cui abitiamo e difese patriottiche di rimando, entrambe un po' naif. L'Italia è quel paese che trent'anni fa è stato domato da bombe nere, Gladio e P2. Gli effetti sono sotto i nostri occhi. Dal punto di vista patriottico c'è poco di cui andar fieri, ma ci vive sopra anche un sacco di gente che ragiona e che ricorda.
          • ullala scrive:
            Re: Aria come Telecom Italia
            - Scritto da: etherodox
            Condivido l'esasperazione di Ullala (a meno che
            non sia più banalmente una nevrosi)Carisimo etherodox più che esasperazionee nevrosi si tratta di fare se davvero si vuole fare...Può anche essere che il sottoscritto si sia effettivamente molto le scatole (e così è) ma....Quando vedo la lamentela trsformarsi da rivendicazione a semplice mugugno e nella inerzia e indiffernza nessuno fa altro che lamentarsi (piove governo/i ladro/i) salvo poi essersi puntualmente scelto una classe dirigente TUTTA MERITATA e MOLTO IMITATA da ciascuno dei pretesi lamentosi... (ma indifferenti e ignavi) mi chiedo se valga la pena di stare a disquisire su cose che sappiamo tutti!cioè:a) Sappiamo tutti quale è la situazion in Italia in termini di leggi leggine e concessioni (sappiamo tutti a cosa serve un regime "conXXXXXrio" vero?).b) Conosciamo tutti il compotamento degli operatori... che anche quando (raramente) sono magari costretti a essere più virtuosi in patria quando sbarcano nel bel paese si adeguano "tout de suite"....c) Abbiamo contezza di quali e quanti soldi ci sono stati fregati ma assistiamo imperterriti e speranzosi di raccattare qualche briciola per il nostro personale tornaconto alla creazione di nuovi "tavoli e comitati" (banda larga... infracom, dove hanno fatto prima di tutto il CDA ma per il resto nisba!)...E nonostante questo anche nei rari casi in cui con un pochino di sforzo e lo spirito giusto si può fare qualcosa di utile ce ne freghiamo.Mbhe permettimi non si tratta di esasperazione e nevrosi ma del tentativo di svegliare qualcuno con l'esempio non sempre funziona... ma ogni tanto si!Se invece preferiamo recitare l'elenco dei problemi e la nostra più usuale preghiera (che non è il "padre nostro" ma il "piove governo ladro") possiamo andare avanti per secoli con i "governi ladri" nessuno li manderà via e si succederanno (come fanno) facendo finta di essere una volta di destra e una volta di sinistra ma con una granitica certezza... quella della cadrega assicurata!
        • Draikan scrive:
          Re: Aria come Telecom Italia
          Non penso intendesse esattamente questo.Il discorso è che normalmente si comincia a investire dalle zone a maggiore redditività per poi espandersi alle altre; sinceramente mi sembra presto per una critica del genere in fondo è passato poco più di un anno (senza contare la crisi). Secondariamente penso che anche i comuni potrebbero metterci del loro stringendo accordi o altro per rendere più facile l'installazione delle antenne nelle zone meno densamente popolate.
  • Gussie scrive:
    Italia indietro
    La situazione Wi-Max en Italia è indietro questa è la realtà. In Francia sono 4 anni che è operativa sia a livello privato che aziendale, anche in Argentina da oltre 4 anni. In Italia sono indietro anche con la ADSL in province del nord come Trento o Bolzano il collegamento ADSL non supera i 640 K (quindi neanche banda larga). La realtà delle telecomunicazioni italiane è gravissima su tutti i versanti e ha portato a questo paese indietro da quasi 11 anni, comunque tutto questo da ringraziare alle "aziende" come Telecom e ai politici che non hanno la minima idea di cosa sono le telecomunicazioni e cosa significa essere indietro in questo campo. Ci sarebbe anche di parlare lungo sulle tariffe dei "servizi" che sono offerti in questo momento a fa ridere quando un imprenditore parla di "fibra" a la porta dell'utente finale.Saluti
    • fred scrive:
      Re: Italia indietro
      Non aspettarti che tecnologie che migliorano l'informazione e fanno concerrenza alla tv tradizionale, possano essere libere di espandersi nell'uso senza qualche reticenza da parte di chi su quei due argomenti che ho citato abbia degli interessi.
    • Cortisolo scrive:
      Re: Italia indietro
      Aggiungerei anche la questione anti digital divide. Perché mai i contributi per diminuire il digital divide vengono dati a Telecom e questa si ostina a portare l'adsl solo dove le conviene? Perché non li danno a persone che, invece, si fanno in quattro per portare davvero la banda larga ai digital divisi? E ce ne sono. E' gente che, pur di soddisfare il cliente, lavora anche di domenica per ripristinare un collegamento saltato!
    • dank scrive:
      Re: Italia indietro
      bravo ottimo post, e fortuna che la regione Veneto doveva essere una delle primissime coperte da wimax di aria, l'avevano detto loro un anno fa. Ma col XXXXX, qui sotto le montagne vicino a voi abbiamo ancora seri problemi con l'adsl e i pochi servizi wifi fanno pena.Ho capito da che parte fa aria Aria.....
    • cordialment e scrive:
      Re: Italia indietro

      La realtà delle telecomunicazioni italiane è
      gravissima su tutti i versanti e ha portato a
      questo paese indietro da quasi 11 anni, comunque
      tutto questo da ringraziare alle "aziende" come
      Telecom e ai politici che non hanno la minima
      idea di cosa sono le telecomunicazioni e cosa
      significa essere indietro in questo campo.guardate che telecom negli anni 90 tento' di lanciare il progamma socrate con cui voleva cablare a fibra tutto il paese, ma i dirigenti dell'epoca vennero bloccati perche' il progetto appariva troppo oneroso. Poi ci fu la liberalizzazione della posa dei cavi (1999) e la sciagurata svendita prima a debenetti (con la telecom tedesca che pagava in contanti 100mila miliardi di vecchie lire e l'han svenduta a meno di un decimo per garantire una fantomatica italianita'!) e poi a tronchetti provera che spolpo' l'azienda portandola a 44 miliardi di euro di debiti che tuttora stanno cercando di ripianare (mi par che siano a -34 o giu' di li').Ecco perche' non riescono a fare un piano serio di investimenti: il tronchetto si e' venduto tutto (sedi incluse) ed ha pagato lauti dividendi quando doveva reinvestire in infrastrutture.Per la cronaca stessa cosa sta avvenendo con le autostrade in mano a benetton...Ah tutti gli altri operatori stanno alla canna del gas e si guardano bene dall'investire in infrastruttura: basterebbe una leggina di una riga che rende la banda larga universale con obbligo degli intestatari di licenza di raggiungere tutto il territorio pena la revoca della stessa e per magia vedresti cablato anche il monte bianco :)
  • MaXimusXP scrive:
    Hiperlan
    Sinceramente non capisco il perché di tutto sto parlare di una cosa come il Wi-max che ha costi alti, licenze vincolate, ritardi... Da più di un anno, nella zona dove abito io (Ferrara), c'è l'hiperlan che funziona bene, fa quello che deve fare, ha costi ragionevoli e risolve pienamente i problemi di digital divide... Ma nessuno ne parla...Mah...ciao
    • MaestroX scrive:
      Re: Hiperlan
      Dove posso trovare qualche informazioni sull'hyperlan di Ferrara?
    • Lybra1983 scrive:
      Re: Hiperlan
      Guarda non me ne intendo, però leggendo su wikipedia dicono che l'hyperlan ha lo svantaggio che le due antenne devono vedersi tra loro senza ostacoli nell'inframezzo... questo secondo me é di per se un grande ostacolo a questa tecnologia, non sempre queste condizioni sono perseguibili.
      • fred scrive:
        Re: Hiperlan
        ci sono altri limiti, come ad esempio l'imossibilta' di concentrare piu' clienti connessi allo stesso nodo a distanza di pochi metri;leggo sulle faq che gia' due utenze su due appartamenti adiacenti hanno problemi ma a riguardo so poco;poi bisogna ricordarsi che il wifi e' canalizzato e le frequenza a disposizione sono poche, quindi se vi sono conflitti probabilmente abbiamo errori di comunicazione e caduta delle prestazioni.
        • Operatore hiperlan scrive:
          Re: Hiperlan
          - Scritto da: fred
          ci sono altri limiti, come ad esempio
          l'imossibilta' di concentrare piu' clienti
          connessi allo stesso nodo a distanza di pochi
          metri;Non è vero.Noi abbiamo utenti (antenne di) a distanza di 3/4 e vanno senza problemi.
          poi bisogna ricordarsi che il wifi e' canalizzato
          e le frequenza a disposizione sono poche, quindi
          se vi sono conflitti probabilmente abbiamo errori
          di comunicazione e caduta delle prestazioni.Non è proprio proprio vero. Anche qui, noi abbiamo sulle stesse frequenze diverse comunicazioni, parallele, e non hanno problemi. Ovviamente se fai XXXXXte e sovrapposizioni sciagurate, le scintille si vedono e come!
          • anonimo scrive:
            Re: Hiperlan
            diciamo che più che evitare sovrapposizioni, devi sperare che non ci sia qualcuno che un giorno decida di accendere un ap sulla tua stessa frequenza a qualche km di distanza@Lybre1983: è vero, Hyperlan ha il problema di funzionare solo se le antenne sono in vista (LOS), ma non è un problema di tecnologia, quanto di frequenza. WiMax in Italia è stato criticato perchè è stato scelto di farlo funzionare sulla banda dei 3.5GHz, e a queste frequenze hai lo stesso problema dell'Hyperlan. A meno di non sparare tanta potenza...
          • Operatore hiperlan scrive:
            Re: Hiperlan
            - Scritto da: anonimo
            diciamo che più che evitare sovrapposizioni, devi
            sperare che non ci sia qualcuno che un giorno
            decida di accendere un ap sulla tua stessa
            frequenza a qualche km di
            distanza
            Sovrapposizioni, per me, sono due AP che usano la stessa frequenza. Da me abbiamo 2 AP, a 1 metro di distanza, che tra trasmettono sulla stessa frequenza. E funzionano! Forse perché sono Alvarion?
          • ullala scrive:
            Re: Hiperlan
            - Scritto da: Operatore hiperlan
            - Scritto da: anonimo

            diciamo che più che evitare sovrapposizioni,
            devi

            sperare che non ci sia qualcuno che un giorno

            decida di accendere un ap sulla tua stessa

            frequenza a qualche km di

            distanza



            Sovrapposizioni, per me, sono due AP che usano la
            stessa frequenza. Da me abbiamo 2 AP, a 1 metro
            di distanza, che tra trasmettono sulla stessa
            frequenza. E funzionano! Forse perché sono
            Alvarion?Beh il fatto che siano Alvarion casomai è un motivo di preoccupazione dipende dai punti di vista!1) non c'è bisogno che siano Alvarion perchè funzionino, anzi!2) è molto più pratico e affidabile usare sistemi open (Alvarion non te lo ha ordinato il dottore) ciò detto ognuno è libero di fare le scelte che crede ma venire qui a fare pubblicità mi pare poco "fair"...
      • ullala scrive:
        Re: Hiperlan
        - Scritto da: Lybra1983
        Guarda non me ne intendo, però leggendo su
        wikipedia dicono che l'hyperlan ha lo svantaggio
        che le due antenne devono vedersi tra loro senza
        ostacoli nell'inframezzo... questo secondo me é
        di per se un grande ostacolo a questa tecnologia,
        non sempre queste condizioni sono
        perseguibili.è una questione di frequenza....e comunque non è che le frequenze wimax se la passano poi tanto meglio (a parità di potenza)...In ogni caso in america sono disponibili frequenze NLOS 180-280 MHz. 2.7-3.7 GHz. 760-780 MHz. 907-912 Mhz. 917-922 Mhz.Non è questione di tecnologia ma di miopia politica (una frequenza=un solo uso) sancita con mirabile "lungimiranza" nel PNRF (piano nazionale ripartizione frequenze favori e concessioni al fine di mantenere la mia cadrega)...FirmatoIl tuo amato eletto in cadrega permanente! :p p) :p :D
    • fabianope scrive:
      Re: Hiperlan
      ciao,ti quoto in pieno: abito a Tavagnacco (un paesino vicino a Udine) e la hiperlan mi funziona benissimo.ce l'ha anche il mio vicino di casa (le due antenne sono a una decina di metri l'una dall'altra, in linea d'aria) e non ci disturbiamo affatto.ce la fornisce la ditta multilink:http://www.multilinkfriuli.net/sono veramente bravi: in due anni ho avuto solo due brevissime interuzioni ed il loro call center ha risposto & risolto subito.ti danno l'antenna in comodato gratuito: il router (con dd-wrt per la sua gestione) me lo sono configurato da solo in massima liberta': ad es. mi sono implementato senza problemi una VNC+SSH (piu' il wake-on-lan) per l'acXXXXX al fedora casalingo e vado che e' un piacere...ciao,fabianope
      • pippuz scrive:
        Re: Hiperlan
        - Scritto da: fabianope
        ciao,
        ti quoto in pieno: abito a Tavagnacco (un paesino
        vicino a Udine) e la hiperlan mi funziona
        benissimo.
        ce l'ha anche il mio vicino di casa (le due
        antenne sono a una decina di metri l'una
        dall'altra, in linea d'aria) e non ci disturbiamo
        affatto.
        ce la fornisce la ditta multilink:
        http://www.multilinkfriuli.net/come si chiama il servizio? sul sito non ho trovato ragguagli, mentre sul sito del supporto tecnico http://support.multilink.net/ c'è la copertura dei vari servizi, ma senza uno straccio di indicazione di che cosa rappresentano...
        • fabianope scrive:
          Re: Hiperlan
          - Scritto da: pippuz
          - Scritto da: fabianope

          ciao,

          ti quoto in pieno: abito a Tavagnacco (un
          paesino

          vicino a Udine) e la hiperlan mi funziona

          benissimo.

          ce l'ha anche il mio vicino di casa (le due

          antenne sono a una decina di metri l'una

          dall'altra, in linea d'aria) e non ci
          disturbiamo

          affatto.

          ce la fornisce la ditta multilink:

          http://www.multilinkfriuli.net/

          come si chiama il servizio? sul sito non ho
          trovato ragguagli, mentre sul sito del supporto
          tecnico http://support.multilink.net/ c'è la
          copertura dei vari servizi, ma senza uno straccio
          di indicazione di che cosa
          rappresentano...ciao,prova a contattare il numero verde (io ho qui l'800-190-500) come ti ho detto, l'hanno implementata a tavagnacco, un paesino vicino a udine, e SOLO qui (infatti nei paesi vicini c'e' l'adsl e probabilmente non hanno voglia di fargli concorrenza).forse puoi chiedere che ti mettano in contatto con uno dei tecnici che la gestiscono qui localmente...per vedere se sa se l'hanno implementata anche da altre parti...comunque l'indirizzo della sede da cui sono andato a farmi il contratto e' questo:http://www.multilinkfriuli.net/ita/contatti.htmlspero di esserti stato utile,ciao,fabianope
    • Operatore hiperlan scrive:
      Re: Hiperlan
      Semplicemente perché, come sempre, non essendoci un grosso interesse monetario dietro (leggasi frequenze non pagate allo stato) non lo vogliono pubblicizzare.Vai a dire all'Aria che ha buttato (per ora) milioni di Euro di licenze ministeriali e poteva iniziare con l'HiperLan!In merito alla diffusione, fino a quando i costruttori di apparecchiature WiMAX non inizieranno a fare antenne qualitativamente superiori all'HiperLan, la concorrenza sarà "spietata" e difficilmente nelle zone di Hiperlan, WiMAX potrà rubare clienti!
  • Francesco scrive:
    Wimax come Wifi ?
    ho dato un'occhiata alle offerte wimax... si parla di modem forniti da loro, di costi di attivazione e di penali in caso di reXXXXXtutto come accadeva per il wifi? Ovvero dove l'apparecchio che compravi (router wifi + antenna) era a sua volta un nodo della rete, in pratica ti accollavi pure i costi per tenere in piedi la loro precaria infrastruttura (quindi paghi 2 volte il servizio)se fosse cosi, è l'ennesima presa in giro
    • bubba scrive:
      Re: Wimax come Wifi ?
      - Scritto da: Francesco
      ho dato un'occhiata alle offerte wimax... si
      parla di modem forniti da loro, di costi di
      attivazione e di penali in caso di
      reXXXXX

      tutto come accadeva per il wifi? Ovvero dove
      l'apparecchio che compravi (router wifi +
      antenna) era a sua volta un nodo della rete, in
      pratica ti accollavi pure i costi per tenere in
      piedi la loro precaria infrastruttura (quindi
      paghi 2 volte il
      servizio)

      se fosse cosi, è l'ennesima presa in giro+ che col wifi dovresti confrontarlo con l'hiperlan/2 (non mi riferisco tanto alle beghe di protocollo di basso livello, ma + al lato utente/alto livello)
      • carobeppe scrive:
        Re: Wimax come Wifi ?
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: Francesco

        ho dato un'occhiata alle offerte wimax... si

        parla di modem forniti da loro, di costi di

        attivazione e di penali in caso di

        reXXXXX



        tutto come accadeva per il wifi? Ovvero dove

        l'apparecchio che compravi (router wifi +

        antenna) era a sua volta un nodo della rete, in

        pratica ti accollavi pure i costi per tenere in

        piedi la loro precaria infrastruttura (quindi

        paghi 2 volte il

        servizio)



        se fosse cosi, è l'ennesima presa in giro
        + che col wifi dovresti confrontarlo con
        l'hiperlan/2 (non mi riferisco tanto alle beghe
        di protocollo di basso livello, ma + al lato
        utente/alto
        livello)Guarda,lavoro per un'agenzia che installa le antenne hiperlan per conto di Eutelia per il progetto banda larga per le aree rurali della toscana, e ti dirò che sarà anche una presa in giro ma la gente è di molto contenta del servizio che offriamo, visto che lavoriamo in zone dove anche il 56k fa fatica a funzionare e ISDN è un miraggio (fra centrali collegate via ponti radio e linee telefoniche lunghe chilometri e chilometri la situazione terrestre è disastrosa).
      • Jinx scrive:
        Re: Wimax come Wifi ?
        Per come la vedo io il Wimax è una ennesima fregatura atta a farti scucire un po' di soldi per l'acquisto di nuovi apparecchi. Basta aumentare la potenza del Wifi e forse aggiungere una banda di frequenze più alta e si avrebbero, a livello utente, le stesse funzionalità del Wimax. Certo, aumentare la potenza significa dover pagare per avere la concessione governativa della frequenza, per il gestore, ma avviene anche per il Wimax. La vedo come una duplicazione artificiosa di quanto c'è già con vantaggi impalpabili per gli utenti e palpabilissimi per altre figure.
        • Pao scrive:
          Re: Wimax come Wifi ?
          - Scritto da: Jinx
          Per come la vedo io il Wimax è una ennesima
          fregatura atta a farti scucire un po' di soldi
          per l'acquisto di nuovi apparecchi. Basta
          aumentare la potenza del Wifi e forse aggiungere
          una banda di frequenze più alta e si avrebbero, a
          livello utente, le stesse funzionalità del Wimax.E' arrivato il genio della tecnica :)
          Certo, aumentare la potenza significa dover
          pagare per avere la concessione governativa della
          frequenza, per il gestore, ma avviene anche per
          il Wimax. La vedo come una duplicazione
          artificiosa di quanto c'è già con vantaggi
          impalpabili per gli utenti e palpabilissimi per
          altre
          figure.Cioe' la copertura non e' un vantaggio? Ah gia' che tu la ottieni col WiFi dopato...:D
          • ullala scrive:
            Re: Wimax come Wifi ?
            - Scritto da: Pao
            - Scritto da: Jinx

            Per come la vedo io il Wimax è una ennesima

            fregatura atta a farti scucire un po' di soldi

            per l'acquisto di nuovi apparecchi. Basta

            aumentare la potenza del Wifi e forse aggiungere

            una banda di frequenze più alta e si avrebbero,
            a

            livello utente, le stesse funzionalità del
            Wimax.

            E' arrivato il genio della tecnica :)


            Certo, aumentare la potenza significa dover

            pagare per avere la concessione governativa
            della

            frequenza, per il gestore, ma avviene anche per

            il Wimax. La vedo come una duplicazione

            artificiosa di quanto c'è già con vantaggi

            impalpabili per gli utenti e palpabilissimi per

            altre

            figure.

            Cioe' la copertura non e' un vantaggio?
            Ah gia' che tu la ottieni col WiFi dopato...
            :DSaresti così gentile da spiegare agli ansiosi astanti la differenza pratica (a parità di frequenza e potenza) e considerando che a parte il "vecchio" (ma non per questo disprezzabile per certi usi e quando serve) 802.11b gli altri standards 802.11x usano OFDM (as for wimax)?Per quale motivo (la "copertura" oltre i 3 GHz è molto problematica anche per il wimax per via della frequenza/potenza se non voui arrostire in passeri in volo!) il wimax sarebbe cosi diverso dal wifi "dopato" come lo chiami tu!dal punto di vista elettromagnetico?Siamo tutti in attesa di tue illuminate spiegazioni!Grazie molte!
        • pippuz scrive:
          Re: Wimax come Wifi ?
          - Scritto da: Jinx
          Per come la vedo io il Wimax è una ennesima
          fregatura atta a farti scucire un po' di soldi
          per l'acquisto di nuovi apparecchi. Basta
          aumentare la potenza del Wifi e forse aggiungere
          una banda di frequenze più alta e si avrebbero, a
          livello utente, le stesse funzionalità del Wimax.
          Certo, aumentare la potenza significa dover
          pagare per avere la concessione governativa della
          frequenza, per il gestore, ma avviene anche per
          il Wimax. La vedo come una duplicazione
          artificiosa di quanto c'è già con vantaggi
          impalpabili per gli utenti e palpabilissimi per
          altre
          figure.Ecco perché il mio prof. di reti wireless ha perso i capelli! ha letto il tuo post!
          • Mav scrive:
            Re: Wimax come Wifi ?
            - Scritto da: pippuz
            - Scritto da: Jinx

            Per come la vedo io il Wimax è una ennesima

            fregatura atta a farti scucire un po' di soldi

            per l'acquisto di nuovi apparecchi. Basta

            aumentare la potenza del Wifi e forse aggiungere

            una banda di frequenze più alta e si avrebbero,
            a

            livello utente, le stesse funzionalità del
            Wimax.

            Certo, aumentare la potenza significa dover

            pagare per avere la concessione governativa
            della

            frequenza, per il gestore, ma avviene anche per

            il Wimax. La vedo come una duplicazione

            artificiosa di quanto c'è già con vantaggi

            impalpabili per gli utenti e palpabilissimi per

            altre

            figure.
            ahahahahahahahahahahahahah....ma hai studiato alla CEPU???
          • ullala scrive:
            Re: Wimax come Wifi ?
            - Scritto da: pippuz
            - Scritto da: Jinx

            Per come la vedo io il Wimax è una ennesima

            fregatura atta a farti scucire un po' di soldi

            per l'acquisto di nuovi apparecchi. Basta

            aumentare la potenza del Wifi e forse aggiungere

            una banda di frequenze più alta e si avrebbero,
            a

            livello utente, le stesse funzionalità del
            Wimax.

            Certo, aumentare la potenza significa dover

            pagare per avere la concessione governativa
            della

            frequenza, per il gestore, ma avviene anche per

            il Wimax. La vedo come una duplicazione

            artificiosa di quanto c'è già con vantaggi

            impalpabili per gli utenti e palpabilissimi per

            altre

            figure.

            Ecco perché il mio prof. di reti wireless ha
            perso i capelli! ha letto il tuo
            post!E tu invece hai perso il senso della realtà dato che il WiMax con la sua frequenza (e la sua potenza in più) non offre particolari vantaggi (a parità di frequenza e potenza) rispetto al wifi salvo essere più costoso, meno diffuso (guarda cosa hai sul tuo PC!!!) e più semplice per il providere che lo voglia gestire "stile ADSL" (aridaiie con sta asimmetria "televisiva").Nel caso comunque non lo sapessi puoi sempre spiegare al tuo professore senza capelli che in america esistono già le schede wifi (si ho detto wifi) per le seguenti frequenze: 180-280 MHz. 2.7-3.7 GHz. 760-780 MHz. 907-912 Mhz. 917-922 Mhz.A tuo comodo tu (e il professore senza capelli) Potete sempre verificare sul sito di uno dei tanti fabbricanti:www.ubnt.comFinito il viaggio puoi sempre cominciare a spiegare qui quali mirabolanti (e immaginari) vantaggi (ripeto a parità di frequenza e potenza e modulazione (OFDM)) offre il wimax (sul wifi) dal punto di vista del cosidetto inquinamento elettromagnetico...Many thanks
        • Zomas scrive:
          Re: Wimax come Wifi ?
          - Scritto da: fred
          ti proporrei per un dislaurea honoris causa :) in
          tecnologie
          ovvero se ce l'hai ti viene tolta e la regaliamo
          a qualche
          passante.LOOOOOOOOLLLL(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • CCC scrive:
      Re: Wimax come Wifi ?
      - Scritto da: Francesco
      ho dato un'occhiata alle offerte wimax... si
      parla di modem forniti da loro, di costi di
      attivazione e di penali in caso di
      reXXXXX

      tutto come accadeva per il wifi? Ovvero dove
      l'apparecchio che compravi (router wifi +
      antenna) era a sua volta un nodo della rete, in
      pratica ti accollavi pure i costi per tenere in
      piedi la loro precaria infrastruttura (quindi
      paghi 2 volte il
      servizio)

      se fosse cosi, è l'ennesima presa in gironon è tanto questione di wifi o wimax... è una questione del tutto generale, che vale per tutto: è il (sedicente) libero mercato... tutto qui...
    • fabianope scrive:
      Re: Wimax come Wifi ?
      Ciao, Francesco- Scritto da: Francesco
      tutto come accadeva per il wifi? Ovvero dove
      l'apparecchio che compravi (router wifi +
      antenna) non so se queste dritte ti possono servire...a casa ho l'hiperlan: mi hanno dato l'antenna in comodato gratuito e -se volevo- mi davano anche il router in noleggio.visto che volevo implementare alcune robette (WOL, VNC+SSH) ho chiesto se potevo configurarmi un linksys WRT54GL (con dd-wrt): risposta positiva e cosi' ho fatto...il mio vicino usa un netgear wgt624 -se non ricordo male- e si trova bene anche lui.in entrambi i casi la spesa non e' stata "trascendentale" e comunque IMHO il linksys ed il netgear sono dei begli "oggettini" che in futuro puoi usare per la tua LAN anche se cambi metodo di connessione alla WAN... :=))ciao,fabianope
Chiudi i commenti