Il nuovo Democracy Player parla di IPTV gratis

La piattaforma open source ed intuitiva per vedere, scambiare e diffondere video su Internet è giunta alla versione 0.9. Gli inventori: oltre 600 canali completamente gratuiti

Roma – La Partecipatory Culture Foundation , un ente non profit che ha l’obiettivo di rivoluzionare la fruizione online dei contenuti multimediali autoprodotti, ha presentato la versione 0.9 del celebre Democracy Player . La piattaforma open source per la TV via Internet è adesso disponibile in oltre 30 idiomi e supporta la lettura di animazioni in formato Macromedia Flash.

Democracy Player, che gli entusiasti chiamano più semplicemente Democracy , permette a chiunque di aggregare e diffondere produzioni audiovisive, registrazioni o animazioni digitali. Basato su VLC Player , Democracy sfrutta le tecnologie BitTorrent e RSS per dar vita ad una comunità virtuale dotata di tutti gli strumenti per il broadcast many-to-many .

L’uso di BitTorrent permette di ridurre l’impiego delle risorse di rete, mentre attraverso RSS gli utenti possono creare video podcast personali ed inserirli all’interno della grande “guida televisiva” di Democracy: un’interfaccia gradevole per effettuare ricerche tra tutti i video condivisi dai membri della comunità Videobomb . Il sistema di ricerca interno si basa su tag testuali , in maniera simile a YouTube .

Il software, secondo Cory Doctorow di BoingBoing , avrebbe tutte le caratteristiche per scalare la vetta del successo: “Democracy Player 0.9 è l’ultima fermata verso una versione 1.0, che sarà veramente eccezionale”, scrive Doctorow, membro del consiglio amministrativo della Partecipatory Culture Foundation. “Finalmente non bisogna essere degli smanettoni per utilizzare e contribuire ad un medium televisivo partecipativo”, ha concluso il giovane scrittore di fantascienza .

L’intero pacchetto, comprensivo di tutti gli strumenti necessari a far parte della “rivoluzione mediale” auspicata da Doctorow, è disponibile per tutte le piattaforme più diffuse: Windows XP, MacOSX e Linux. Distribuito con licenza GPL , Democracy è sviluppato da volontari .

Attraverso Democracy è possibile accedere a circa 600 canali gratuiti : dalla controinformazione ai cortometraggi prodotti da registi indipendenti. La “scena” IPTV internazionale comincia a decollare. Nel frattempo la controparte europea dell’americanissimo Democracy, Tribler , è arrivato alla versione 3.5. Purtroppo, il progetto olandese non gode della stessa popolarità di Democracy ed è ancora poco diffuso.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Se lo fanno in italia...
    Faranno le macchinine con Windows che andra' in palla e ci saranno sempre i pompieri impegnati a estrarre turisti japponesi intrappolati dentro di esse.Tanto chi fa questi lavori non capisce niente, vuole vicere l'appalto facendo preventivi bassissimi e fornendo robaccia schifida ... come i terminali Windows montati dentro le corriere di linea a bologna che dovrebbero informare i poasseggeri di tante belle cose ma che in pratica, quando il conducente del mezzo spegne il motore spegne anche il terminale, in modo brutale ... quandi dopo 2 giorni vedevi tutti i windows xp avviare e resettarsi in loop ...Se avessero usato un sistema embedded basato su Linux, con un filesystem in readonly, fatto come si deve questi proplemi non ci sarebbero stati.
  • Anonimo scrive:
    bene per i tassisti
    che li soppiantino tutti con robot. i tassisti sono molte volte una categoria inutile (tra le tante) della nostra Bella Italia, con prezzi esorbitanti paragonati al resto d'Europa, un servizio scadente e per niente affidabile. Com'è che in qualsiasi altro paese europeo le città sono -piene- di taxi (non parliamo di stati uniti e cina)? perché ci sono le licenze libere. qui invece è una mafia, per avere la licenza o te la "vende" tuo padre/nonno/zio/cugino oppure sborsi centinaia di milioni. ma dico io, perché serve una licenza per fare il tassista? non basta la patente, che ti abilita al trasporto di cose e persone? queste sono le vere contraddizioni dell'italia FEUDALE. e la gente ha il coraggio di parlare di "stato democratico" e "liberale". siamo un regno feudale fermo al medioevo. ben vengano la concorrenza cinese ed i robot, che mandino questo paese nella malora, perché gli italiani pecoroni stanno avendo solo quello che meritano e si sono guadagnati in decenni di obbrobri socioeconomici.
    • Anonimo scrive:
      Re: bene per i tassisti
      Post sguaiato, però ne condivido la sostanza.
    • Anonimo scrive:
      Re: bene per i tassisti
      - Scritto da:
      Com'è
      che in qualsiasi altro paese europeo le città
      sono -piene- di taxi (non parliamo di stati uniti
      e cina)? perché ci sono le licenze libere.Ne sei davvero sicuro? A me non risulta. Negli stati uniti, ad esempio, la materia è regolata a livello statale o di contea. Certo, le licenze non sono distribuite con modelli mafiosi (almeno non dappertutto).Ma finisce lì.
      qui
      invece è una mafia, per avere la licenza o te la
      "vende" tuo padre/nonno/zio/cugino oppure sborsi
      centinaia di milioni. ma dico io, perché serve
      una licenza per fare il tassista? non basta la
      patente, che ti abilita al trasporto di cose e
      persone? Servirebbe. Per impedire abusi. Ma naturalmente concordo che il sistema attuale funziona al contrario...
  • Anonimo scrive:
    Altro che bersani
    Altro che bersani,tassisti senza licenza e senza stipendio.....
    • david74 scrive:
      Re: Altro che bersani
      - Scritto da:
      Altro che bersani,tassisti senza licenza e senza
      stipendio.....Tassisti senza lavoro, costretti a riciclarsi come guardiani d'albergo o sguatteri in un negozietto del centro per due spicci... ma che diamine siamo diventati, carne da macello?! Ovunque vai, in questo schifo di paese, prendi solo calci in bocca, ed il lavoro, quel poco che c'è, te lo fanno elemosinare, in qualsiasi settore!!! Al diavolo il "progresso", se danneggia l'uomo come in questo caso!!!
      • painlord2k scrive:
        Re: Altro che bersani
        Il progresso non danneggia l'uomo.L'uomo danneggia l'umo.Sopratutto quando ci fa leggi idiote che danneggiano il Mercato (in particolare quello del lavoro).Invece di stare li a fare protezionismi inutili per ogni categoria (tassisti, farmacisti, avvocati, dentisti, medici, notai, etc. - le riforme di Bersani sono scifose perché favoriscono solo alcuni e non liberalizzano veramente) si lasci la gente libera di lavorare come le pare, senza inutili pastoie burocratiche.L'Estonia quando è diventata indipendente dall'URSS era piena di fabbriche decotte, operai sull'orlo del licenziamento, e in piena crisi economica.Il primo ministro dell'epoca, un professore di 32 anni, ha implementato delle riforme liberali prese di peso dalle teorie di Milto Fridman.Sono passati 15 anni e adesso il problema in Estonia è che c'è più lavoro che gente disponibile e lo stato, dopo tante privatizzazioni e liberalizzazioni, ha un surplus (incassa più soldi di quanti ne spenda) nel bilancio statale che è cronico.La Svezia, da paese ultraliberista che era negli anni 1950, invece è diventata un paese ultrastatalista, e lo status economico degli svedesi è peggiorato (sono passati dal 120% del reddito medio dei paesi più industrializzati del 1950 al 92% di pochi anni fa).Quando è che la gente capirà che non c'è modo di vivere bene alle spalle degli altri attraverso lo stato sociale?
        • david74 scrive:
          Re: Altro che bersani
          - Scritto da: painlord2k
          Il progresso non danneggia l'uomo.
          L'uomo danneggia l'umo.
          Sopratutto quando ci fa leggi idiote che
          danneggiano il Mercato (in particolare quello del
          lavoro).Ma no?! :) Quanto affermi è vero ed indiscutibile, ma quando il progresso nuoce al diritto di lavorare di migliaia di persone, beh, permetti che comincino a girarmi un po' le pallette? ;) Se quest'idea dei taxi robotizzati dovesse portare ad un aumento dei taxi a disposizione, con meno inquinamento, un servizio più efficiente e soprattutto senza far perdere il lavoro a migliaia di persone, beh, allora ben venga!!! E te lo dice uno che con il progresso ci lavora, visto che sono un sistemista! ;) Ma se tanto per cambiare, come succede sempre in Italia, si dovesse attuare un servizio del genere esclusivamente per arricchire qualcuno, perdonami ma sarò pronto a farli saltare tutti in aria, sti taxi robotizzati!
          Invece di stare li a fare protezionismi inutili
          per ogni categoria (tassisti, farmacisti,
          avvocati, dentisti, medici, notai, etc. - le
          riforme di Bersani sono scifose perché
          favoriscono solo alcuni e non liberalizzano
          veramente) si lasci la gente libera di lavorare
          come le pare, senza inutili pastoie
          burocratiche.
          Nessun protezionismo, caro amico, ma se permetti l'idea di vedere una macchina al posto di mio padre e di tanta altra gente che fa onestamente il proprio lavoro, mandando sul lastrico intere famiglie, mi manda letteralmente in bestia. Permetti? ;)
          L'Estonia quando è diventata indipendente
          dall'URSS era piena di fabbriche decotte, operai
          sull'orlo del licenziamento, e in piena crisi
          economica.
          Il primo ministro dell'epoca, un professore di 32
          anni, ha implementato delle riforme liberali
          prese di peso dalle teorie di Milto
          Fridman.
          Sono passati 15 anni e adesso il problema in
          Estonia è che c'è più lavoro che gente
          disponibile e lo stato, dopo tante
          privatizzazioni e liberalizzazioni, ha un surplus
          (incassa più soldi di quanti ne spenda) nel
          bilancio statale che è
          cronico.
          Eh... e allora? Cosa vuoi dirmi? Che dovremmo arrivare a scinderci dal resto del mondo come l'Estonia, la Bielorussia, l'Ucraina, il Kazakistan, per poi passare ad una crisi socio-economica devastante e quindi ritrovarci FORSE con un buon guadagno dopo anni, guadagno che comunque servirebbe a coprire i buchi degli anni precedenti, quelli della crisi? No grazie... a sto punto scelgo il minore dei mali, e continuando a lamentarmi per le oltre 3000 vecchie lire al litro per il latte, continuerò a fare la spesa nel discount e nei supermercati pieni di offerte, girerò con la mia macchina piena di botte ma con il motore a posto, e continuerò a vedere Totti che gioca con la Roma anche se non ho una lira per andare allo stadio.
          La Svezia, da paese ultraliberista che era negli
          anni 1950, invece è diventata un paese
          ultrastatalista, e lo status economico degli
          svedesi è peggiorato (sono passati dal 120% del
          reddito medio dei paesi più industrializzati del
          1950 al 92% di pochi anni
          fa).
          E si lamentano pure, magari... :)
          Quando è che la gente capirà che non c'è modo di
          vivere bene alle spalle degli altri attraverso lo
          stato
          sociale?E quando lo capirete voi altri che chi si fa il culo da mattina a sera credendo nell'idea di un trattamento più equo per tutti, sta lavorando anche per voi? ;)
          • painlord2k scrive:
            Re: Altro che bersani
            - Scritto da: david74

            - Scritto da: painlord2k

            Il progresso non danneggia l'uomo.

            L'uomo danneggia l'umo.

            Sopratutto quando ci fa leggi idiote che

            danneggiano il Mercato (in particolare

            quello del lavoro).
            Ma no?! :) Quanto affermi è vero ed
            indiscutibile, ma quando il progresso nuoce al
            diritto di lavorare di migliaia di persone, beh,
            permetti che comincino a girarmi un po' le
            pallette? ;)Liberissimo. Ma sbagli.L'uomo ha diritto a lavorare e a godere del frutto del suo lavoro.Ma non ha nessun diritto a farsi pagare anche quando il suo lavoro non trova un cliente.Se hai un pezzo di terra, nessuno ti impedisce di coltivarci un orto.Ma dovremmo forse imporre l'obbligo di pagarti un prezzo stabilito e di comprare i prodotti che produci, se questi costano di più di quelli che vendono al mercato?Si tratta di lobby che limitano la libertà altrui di ottenere merci e servizi a prezzi concorrenziali, per non avere concorrenza e quindi poter guadagnare di più.Però, quando tutti fanno così, alla fine siamo solo tutti più poveri.Mostrami un paese che dopo un decennio di innovazioni tecnologiche e scientifiche, apertura al mercato e maggiori libertà sta peggio per quel motivo.Invece è pieno di esempi di paesi che si sono arroccati in difesa di categorie e classi di potere e sono andati a rotoli o sono rimasti miserabili.
            Se quest'idea dei taxi robotizzati
            dovesse portare ad un aumento dei taxi a
            disposizione, con meno inquinamento, un servizio
            più efficiente e soprattutto senza far perdere il
            lavoro a migliaia di persone, beh, allora ben
            venga!!! E te lo dice uno che con il progresso ci
            lavora, visto che sono un sistemista! ;) Ma se
            tanto per cambiare, come succede sempre in
            Italia, si dovesse attuare un servizio del genere
            esclusivamente per arricchire qualcuno, perdonami
            ma sarò pronto a farli saltare tutti in aria, sti
            taxi
            robotizzati!Non capisci che in una economia di mercato alla fine il risparmio ricade sui consumatori?Proprio perché chi sta in quel mercato, in concorrenza, non può tenere margini di guadagno elevati a lungo; margini elevati significa che qualcuno vorrà entrare nello stesso mercato.Margini bassi dovuti a prezzi bassi significa che non ci sarà meno gente disponibile ad investire in un mercato dove la concorrenza è troppo forte.Se il costo dei trasporti dovesse dimezzarsi con i robot, questo significa che la merce trasportata potrebbe aumentare moltissimo, richiedendo più mezzi e quindi più tecnici che mantengano i robot.Se vuoi leggere un libro intelligente su questo argomento, prova a leggere "The Long Tail".
            Nessun protezionismo, caro amico, ma se permetti
            l'idea di vedere una macchina al posto di mio
            padre e di tanta altra gente che fa onestamente
            il proprio lavoro, mandando sul lastrico intere
            famiglie, mi manda letteralmente in bestia.
            Permetti?
            ;)NO! ;-)Perché se applicassimo lo stesso concetto alla mia categoria, allora dovremmo vietare gli infermieri stranieri, e se non ce ne sono abbastanza per garantire una adeguata assistenza a tutti "chi se ne frega"? Io ho lo stesso diritto di vedere il mio lavoro protetto dalla concorrenza che ha tuo padre.E ai negozianti che hanno chiuso, perché c'è internet e si vende per corrispondenza invece che in negozio?
            Eh... e allora? Cosa vuoi dirmi? Che dovremmo
            arrivare a scinderci dal resto del mondo come
            l'Estonia, la Bielorussia, l'Ucraina, il
            Kazakistan, per poi passare ad una crisi
            socio-economica devastante e quindi ritrovarciNo, l'Estonia si è staccata dall'URSS (che era grande ma non conta come "resto del mondo") e si è unita al resto del mondo, aprendo frontiere, privatizzando i servizi e facilitando gli investimenti stranieri, nello stesso tempo smettendo si sovvenzionare fabbriche decotte che producevano roba invendibile.
            FORSE con un buon guadagno dopo anni, guadagno
            che comunque servirebbe a coprire i buchi degli
            anni precedenti, quelli della crisi? No grazie...Quindi restiamo fermi, chiusi, mentre il mondo avanza e ci lascia dietro.Una ricetta di isolamento.Vuoi garantire la piena occupazione?Manda la gente a lavorare i campi con dei cucchiai da tavola. Vedrai che la fai la piena occupazione.Che poi saranno tutti morti di fame è un particolare trascurabile.La realtà è che la ricchezza di una società è legata strettamente sul lungo periodo alla sua produttività media individuale.Ti può capitare di ereditare un pozzo di petrolio o una miniera di diamanti, ma alla fine quella è roba che prima o poi finisce.La produttività, invece, rimane e ti garantisce sempre e comunque un futuro.
            a sto punto scelgo il minore dei mali, e
            continuando a lamentarmi per le oltre 3000
            vecchie lire al litro per il latte, continuerò a
            fare la spesa nel discount e nei supermercatiNon dovremmo abolire i supermercati per preservare la fonte di reddito dei bottegai?O forse tuo padre non è un bottegaio, quindi non ti interessa dei bottegai?Ovvio che se fossi figlio di un bottegaio, degli autisti non ti interesserebbe, ma dei bottegai si.
            E si lamentano pure, magari... :)Se ti tagliassero un quarto dello stipendio saresti incazzato?Anche se è per mantenere qualcuno che non produce nulla che sia richiesto?
            E quando lo capirete voi altri che chi si fa il
            culo da mattina a sera credendo nell'idea di un
            trattamento più equo per tutti, sta lavorando
            anche per voi?
            ;)Se lavora per produrre qualche cosa che non voglio, può farsi il culo quanto gli pare; ma non gli devo nessuna riconoscenza, ne ho intenzione di pagarlo per qualche cosa che non ho chiesto.
          • david74 scrive:
            Re: Altro che bersani
            - Scritto da: painlord2k
            Ma non ha nessun diritto a farsi pagare anche
            quando il suo lavoro non trova un
            cliente.Parlando di taxi non si corre di certo questo pericolo... un taxi che non cammina non guadagna. Un taxi senza cliente a bordo non fa un centesimo.
            Ma dovremmo forse imporre l'obbligo di pagarti un
            prezzo stabilito e di comprare i prodotti che
            produci, se questi costano di più di quelli che
            vendono al
            mercato?Assolutamente no! Anche se comunque la mia verdura costerebbe meno, visto che non avrei costi di trasporto e distribuzione da sostenere, richiederei il solo prezzo del mio lavoro sulla terra, dalla semina alla raccolta. E tu mangeresti più sano... :)
            Non capisci che in una economia di mercato alla
            fine il risparmio ricade sui
            consumatori?Prego?! E le tasse che aumenterebbero a dismisura per mantenere questi robot tassisti chi le paga? L'imprenditore che li costruirà? O forse credi che lo stato non ci vorrà mangiare sopra, che non voglia lucrarci?
            Se il costo dei trasporti dovesse dimezzarsi con
            i robot, questo significa che la merce
            trasportata potrebbe aumentare moltissimo,
            richiedendo più mezzi e quindi più tecnici che
            mantengano i
            robot.
            Se vuoi leggere un libro intelligente su questo
            argomento, prova a leggere "The Long
            Tail".Grazie del consiglio. Lo leggerò senz'altro.

            Nessun protezionismo, caro amico, ma se permetti

            l'idea di vedere una macchina al posto di mio

            padre e di tanta altra gente che fa onestamente

            il proprio lavoro, mandando sul lastrico intere

            famiglie, mi manda letteralmente in bestia.

            Permetti?

            ;)

            NO! ;-)
            Perché se applicassimo lo stesso concetto alla
            mia categoria, allora dovremmo vietare gli
            infermieri stranieri, e se non ce ne sono
            abbastanza per garantire una adeguata assistenza
            a tutti "chi se ne frega"? Io ho lo stesso
            diritto di vedere il mio lavoro protetto dalla
            concorrenza che ha tuo
            padre.Ovviamente si!!! E chi dice il contrario?!
            E ai negozianti che hanno chiuso, perché c'è
            internet e si vende per corrispondenza invece che
            in
            negozio?Oggi come oggi aprire un sito di e-commerce costa veramente una bazzecola, ed il suo costo è ammortizzato in tre mesi... se il negoziante non vuole essere partecipe del progresso tecnologico è colpa mia?! :)
            No, l'Estonia si è staccata dall'URSS (che era
            grande ma non conta come "resto del mondo") e si
            è unita al resto del mondo, aprendo frontiere,
            privatizzando i servizi e facilitando gli
            investimenti stranieri, nello stesso tempo
            smettendo si sovvenzionare fabbriche decotte che
            producevano roba
            invendibile.Quindi dovremmo privatizzarci anche le mutande, insomma... :) Il caso dell'Estonia è appunto un caso. Quanti altri paesi dell'ex Unione Sovietica hanno provato a percorrere la stessa strada e sono rimasti a mangiare bucce di patate bollite? Vogliamo fare la stessa fine?
            Quindi restiamo fermi, chiusi, mentre il mondo
            avanza e ci lascia
            dietro.
            Una ricetta di isolamento.No, assolutamente! Ma neanche la rivoluzione totale! Ci vuole misura in tutto.
            Vuoi garantire la piena occupazione?
            Manda la gente a lavorare i campi con dei
            cucchiai da tavola. Vedrai che la fai la piena
            occupazione.Sai perché i campi di pomodori sono pieni di senegalesi, cingalesi, kenyoti, egiziani, marocchini, arabi? Perché a nessun italiano va di sporcarsi le mani con la propria terra... se hanno il trattore ci vanno pure magari, ma se devono chinarsi per raccogliere pomodori patate ed insalata da vendere al mercato non lo fanno, "perché non sono uno schiavo, perché non ci guadagno niente se non due lire, perché ho studiato da avvocato, perché io sono un esperto in sicurezza informatica, perché io so io e voi non siete un cazzo"...
            Che poi saranno tutti morti di fame è un
            particolare
            trascurabile.La mancanza di umiltà distruggerà questo paese... Se tutti ci dessimo un po' da fare con le mani mosse dal cervello invece che dal culo, questo paese andrebbe mooolto meglio.
            La realtà è che la ricchezza di una società è
            legata strettamente sul lungo periodo alla sua
            produttività media
            individuale.
            Ti può capitare di ereditare un pozzo di petrolio
            o una miniera di diamanti, ma alla fine quella è
            roba che prima o poi
            finisce.Basta saperla far fruttare finché dura. Ma non tutti sanno farlo, ed allora ecco che tante aziende come nascono muoiono miseramente. E succede sempre più spesso, qui...
            La produttività, invece, rimane e ti garantisce
            sempre e comunque un
            futuro.La produttività relativa a cosa?
            Non dovremmo abolire i supermercati per
            preservare la fonte di reddito dei
            bottegai?Non se il bottegaio mi fa pagare lo stesso prodotto tre volte tanto rispetto al supermercato o cinque volte rispetto al discount...
            O forse tuo padre non è un bottegaio, quindi non
            ti interessa dei
            bottegai?
            Ovvio che se fossi figlio di un bottegaio, degli
            autisti non ti interesserebbe, ma dei bottegai
            si.Mi interessa e come invece, perché ho amici e parenti bottegai! E sono preoccupato quanto te delle loro sorti, come di quelle di tutti i bottegai, artigiani, artisti di strada d'Italia! Vorrei che tutti avessero la possibilità di continuare a fare il proprio lavoro, o di trovarne uno adatto a loro e retribuito il giusto, proprio come te!
            Se ti tagliassero un quarto dello stipendio
            saresti
            incazzato?
            Anche se è per mantenere qualcuno che non produce
            nulla che sia
            richiesto?Che razza di ragionamento fai?! Se uno produce qualcosa di non richiesto, cioè inutile a qualsiasi scopo, gli si cambia la mansione! Anche perché devo ancora trovarlo un imprenditore che butta al vento i suoi soldi producendo qualcosa che sa già in partenza che non sarà mai venduto.
            Se lavora per produrre qualche cosa che non
            voglio, può farsi il culo quanto gli pare; ma non
            gli devo nessuna riconoscenza, ne ho intenzione
            di pagarlo per qualche cosa che non ho
            chiesto.La prossima volta che prendi un taxi allora pensaci bene... ti serviva quel taxi? O era meglio andare a piedi? Perché è di taxi che si parlava, in origine... un servizio inutile, che non hai richiesto? Non credo, perché il taxi viene da te quando lo chiedi, non è un obbligo. Hai anche l'autobus, la metropolitana, la tua macchina, il calesse col cavallo nel centro di Roma, un amico che ti da un passaggio, una passeggiata... Perciò, amico mio, se prendi un taxi, devi essere riconoscente al tassista che ti ha scarrozzato... e ringraziarlo del lavoro che ha fatto per te.
          • painlord2k scrive:
            Re: Altro che bersani
            - Scritto da: david74
            - Scritto da: painlord2k


            Ma non ha nessun diritto a farsi pagare anche

            quando il suo lavoro non trova un

            cliente.
            Parlando di taxi non si corre di certo questo
            pericolo... un taxi che non cammina non guadagna.
            Un taxi senza cliente a bordo non fa un
            centesimo.OK, ma non ha neanche il diritto di andare a dire ad un concorrente "Tu no, perché mi porti via il pane".

            Non capisci che in una economia di mercato alla

            fine il risparmio ricade sui

            consumatori?
            Prego?! E le tasse che aumenterebbero a dismisura
            per mantenere questi robot tassisti chi le paga?
            L'imprenditore che li costruirà? O forse credi
            che lo stato non ci vorrà mangiare sopra, che non
            voglia lucrarci?Allora il problema è lo stato e si lavora su quello per farlo diventare utile invece che dannoso.Altrimenti, quello che hai detto dovrebbe valere anche per tutte le imprese nuove:"Perché lo faccio? Tanto lo stato mi tassera via tutto quello che guadagno!"Con questo modo di pensare saremmo ancora nelle caverne e senza fuoco, dato che "potremmo bruciarci".

            Io ho lo stesso

            diritto di vedere il mio lavoro protetto dalla

            concorrenza che ha tuo

            padre.
            Ovviamente si!!! E chi dice il contrario?!Ma se facciamo tutti così, l'economia semplicemente crolla e ci troviamo alla fame.

            No, l'Estonia si è staccata dall'URSS (che era

            grande ma non conta come "resto del mondo") e si

            è unita al resto del mondo, aprendo frontiere,

            privatizzando i servizi e facilitando gli

            investimenti stranieri, nello stesso tempo

            smettendo si sovvenzionare fabbriche decotte che

            producevano roba

            invendibile.

            Quindi dovremmo privatizzarci anche le mutande,Quelle, se non ti sei accorto, sono già privatizzate (sono tue), o le tue mutande sono statali?
            insomma... :) Il caso dell'Estonia è appunto un
            caso. Quanti altri paesi dell'ex Unione Sovietica
            hanno provato a percorrere la stessa strada e
            sono rimasti a mangiare bucce di patate bollite?
            Vogliamo fare la stessa fine?Pochi.Ma sopratutto quelli che non l'hanno percorsa fino in fondo sono rimasti a mangiare bucce di patata.I falliti hanno fallito perché hanno avuto paura di cambiare e di abbracciare la libertà economica.In tutto il mondo i paesi che hanno migliorato la loro posizione economica sono quelli che hanno liberalizzato l'economia (poco o tanto).E più l'hanno liberalizzata (in quantità e qualità), più la loro economia è migliorata, la gente ha più soldi di prima da spendere e le cose gli vanno bene.
            No, assolutamente! Ma neanche la rivoluzione
            totale! Ci vuole misura in tutto.Ogni categoria vuole che le altre liberalizzino, ma trova sempre delle scuse per non liberalizzare lei stessa.

            Non dovremmo abolire i supermercati per

            preservare la fonte di reddito dei

            bottegai?

            Non se il bottegaio mi fa pagare lo stesso
            prodotto tre volte tanto rispetto al supermercato
            o cinque volte rispetto al discount...Lo stesso vale per il tassista robotico contro il tassista umano.Il negozietto ha costi di mantenimento superiori all'Iper. Così come un tassista umano ha costi superiori a quelli di un tassista umano.Perché il tuo discorso vale per i tassisti e non per i negozietti?

            O forse tuo padre non è un bottegaio, quindi non

            ti interessa dei

            bottegai?

            Ovvio che se fossi figlio di un bottegaio, degli

            autisti non ti interesserebbe, ma dei bottegai

            si.

            Mi interessa e come invece, perché ho amici e
            parenti bottegai! E sono preoccupato quanto te
            delle loro sorti, come di quelle di tutti i
            bottegai, artigiani, artisti di strada d'Italia!
            Vorrei che tutti avessero la possibilità di
            continuare a fare il proprio lavoro, o di
            trovarne uno adatto a loro e retribuito il
            giusto, proprio come te!Se hai amici e parenti bottegai, fai la spesa da loro. Ma non tirare fuori la scusa "se il bottegaio fa pagare di più che l'iper".

            Se ti tagliassero un quarto dello stipendio

            saresti

            incazzato?

            Anche se è per mantenere qualcuno che non
            produce

            nulla che sia

            richiesto?

            Che razza di ragionamento fai?! Se uno produce
            qualcosa di non richiesto, cioè inutile a
            qualsiasi scopo, gli si cambia la mansione!Appunto.Se fa il tassista, cambia lavoro.Oppure i tassisti hanno il cervello in ROM e non possono imparare un'altro lavoro?Anche
            perché devo ancora trovarlo un imprenditore che
            butta al vento i suoi soldi producendo qualcosa
            che sa già in partenza che non sarà mai
            venduto.Il mondo è pieno di gente che fa errori.Magari vende, ma non abbastanza da guadagnarci.In quel caso che facciamo, ci metti tu la differenza, che sei di buon cuore?
            La prossima volta che prendi un taxi allora
            pensaci bene... ti serviva quel taxi? O era
            meglio andare a piedi? Perché è di taxi che si
            parlava, in origine... un servizio inutile, che
            non hai richiesto? Non credo, perché il taxi
            viene da te quando lo chiedi, non è un obbligo.Non è il servizio che è inutile; ma se messo in concorrenza con un servizio robotico, che costa meno, è più veloce, etc., perché io dovrei essere costretto a pagare di più per avere un servizio inferiore?Solo per proteggere il reddito di una categoria?
            Hai anche l'autobus, la metropolitana, la tua
            macchina, il calesse col cavallo nel centro di
            Roma, un amico che ti da un passaggio, una
            passeggiata... Perciò, amico mio, se prendi un
            taxi, devi essere riconoscente al tassista che ti
            ha scarrozzato... e ringraziarlo del lavoro che
            ha fatto per te.Infatti, ho il massimo rispetto per chi lavora.Ma non considero giusto che impedisca alla concorrenza di mettersi sul mercato per tentare di darmi un servizio migliore.
          • david74 scrive:
            Re: Altro che bersani
            - Scritto da: painlord2k
            OK, ma non ha neanche il diritto di andare a dire
            ad un concorrente "Tu no, perché mi porti via il
            pane".Discorso impossibile, visto che esiste un regolamento che disciplina l'accoglimento a bordo dei clienti. Quando arrivi all'aeroporto con il taxi, vieni incanalato in una corsia specifica riservata solo ed esclusivamente ai taxi, nella quale si entra comprando un biglietto numerato. Dato che la corsia è a senso unico e larga quanto una macchina soltanto, non è possibile passare davanti ad un collega (non concorrente, non è una gara podistica), e si attende il proprio turno come dal panettiere.
            Allora il problema è lo stato e si lavora su
            quello per farlo diventare utile invece che
            dannoso.
            Altrimenti, quello che hai detto dovrebbe valere
            anche per tutte le imprese
            nuove:
            "Perché lo faccio? Tanto lo stato mi tassera via
            tutto quello che
            guadagno!"
            Con questo modo di pensare saremmo ancora nelle
            caverne e senza fuoco, dato che "potremmo
            bruciarci".Ma che razza di discorso è?! Io non ho fatto assolutamente un ragionamento del genere!
            Ma se facciamo tutti così, l'economia
            semplicemente crolla e ci troviamo alla
            fame.Se facciamo tutti così come, scusa? Se facciamo che tutti abbiamo diritto a lavorare finiamo nella miseria? Ma che stai dicendo?!
            Pochi.
            Ma sopratutto quelli che non l'hanno percorsa
            fino in fondo sono rimasti a mangiare bucce di
            patata.
            I falliti hanno fallito perché hanno avuto paura
            di cambiare e di abbracciare la libertà
            economica.
            In tutto il mondo i paesi che hanno migliorato la
            loro posizione economica sono quelli che hanno
            liberalizzato l'economia (poco o
            tanto).
            E più l'hanno liberalizzata (in quantità e
            qualità), più la loro economia è migliorata, la
            gente ha più soldi di prima da spendere e le cose
            gli vanno
            bene.Si, infatti gli imprenditori estoni stanno comprando tutto quello che c'è di più grande e redditizio in ogni parte del mondo... e l'Estonia è nel G8 infatti... stanno di un bene... che te lo dico a fà!
            Ogni categoria vuole che le altre liberalizzino,
            ma trova sempre delle scuse per non liberalizzare
            lei
            stessa.Ma che stai dicendo...?! Una liberalizzazione VERA, REALE, non si è mai vista in Italia, MAI! Prendi le telecomunicazioni... ti risulta che gli altri operatori abbiano potuto fare una propria rete senza appoggiarsi a Telecom?
            Lo stesso vale per il tassista robotico contro il
            tassista
            umano.
            Il negozietto ha costi di mantenimento superiori
            all'Iper. Così come un tassista umano ha costi
            superiori a quelli di un tassista
            umano.Ah si? L'iper paga decine di impiegati, dai cassieri ai banconisti, per non parlare dei contabili e dei tecnici di manutenzione. Il bottegaio, a parte se stesso, la moglie ed eventuale prole, chi altro deve pagare? E i consumi elettrici sono superiori in una bottega di 70 mq o in un iper di 1kmq? E dai su...
            Perché il tuo discorso vale per i tassisti e non
            per i
            negozietti?Categorie differenti, lavori totalmente differenti tra loro, paragone impossibile.
            Se hai amici e parenti bottegai, fai la spesa da
            loro. Ma non tirare fuori la scusa "se il
            bottegaio fa pagare di più che
            l'iper".Dai miei amici e parenti che hanno bottega ci vado e come, perché ho un trattamento di favore proprio perché li conosco bene. Altrimenti la pasta Barilla la pagherei 1,10 invece di 0,80 come al supermercato... e parliamo di economia? Economia è anche risparmio, non solo fare la spesa dal bottegaio.
            Appunto.
            Se fa il tassista, cambia lavoro.Il tassista non è inutile. E finché non sarà soppiantato completamente da un robot, non vedo perché dovrebbe cambiare lavoro.
            Oppure i tassisti hanno il cervello in ROM e non
            possono imparare un'altro
            lavoro?Ah, ma allora sei de coccio!!! :) Una persona di 60 anni, qualunque lavoro faccia, bottegaio, tassista, operaio siderurgico, ragioniere, esperto informatico, chirurgo, se deve cambiare lavoro, mi spieghi dove va a cercarlo a quell'età?! Chi te lo da un lavoro nuovo, partendo da zero e quindi dovendoti formare sulle nuove mansioni, a certe età? NESSUNO!
            Il mondo è pieno di gente che fa errori.Vero.
            Magari vende, ma non abbastanza da guadagnarci.Se cerca di vendere qualcosa di INUTILE, non vende. Semplicemente rimane con la sua azienda piena di articoli inutili ed invenduti. La gente è scema, ma fino ad un certo punto... o credi forse che là fuori siano tutti gnoccoloni come quelli che hanno dato milioni e milioni a Wanna Marchi?
            In quel caso che facciamo, ci metti tu la
            differenza, che sei di buon
            cuore?Non pago e non pagherò mai per gli errori di qualcun altro.
            Non è il servizio che è inutile; ma se messo in
            concorrenza con un servizio robotico, che costa
            meno, è più veloce, etc., perché io dovrei essere
            costretto a pagare di più per avere un servizio
            inferiore?
            Solo per proteggere il reddito di una categoria?E chi ti dice che il servizio costerebbe di meno? Quali certezze hai? Sai già quanto costerà la manutenzione di quei robot? E le spese per adattare eventualmente le nostre città a queste macchine, le hai già calcolate e hai visto che ci costeranno poco o niente? Che ti stiano sulle palle i tassisti l'ho capito da un pezzo, ma adesso esageri...
            Infatti, ho il massimo rispetto per chi lavora.Non mi sembra che tu abbia il massimo rispetto per tutte le categorie di lavoratori...
            Ma non considero giusto che impedisca alla
            concorrenza di mettersi sul mercato per tentare
            di darmi un servizio
            migliore.Quale concorrenza? Un robot adesso è concorrenza? Ma scherziamo? Stai mettendo una macchina sullo stesso livello di un uomo?! BAH!
          • painlord2k scrive:
            Re: Altro che bersani
            - Scritto da: david74

            - Scritto da: painlord2k
            Discorso impossibile, visto che esiste un
            regolamento che disciplina l'accoglimento a bordo
            dei clienti.Io sto parlando del impedire ad un concorrente di entrare nel mercato, limitando il numero di licenze o le tecnologie disponibili, con scuse come "qualità", "servizio", lavoro", sicurezza" e simili.
            Se facciamo tutti così come, scusa? Se facciamo
            che tutti abbiamo diritto a lavorare finiamo
            nella miseria? Ma che stai
            dicendo?!No, ma il tuo discorso è il contrario.Tu stai dicendo che qualcuno, perché ha "diritto" o "bisogno" può impedire a qualcun'altro di entrare in concorrenza.Stai dicendo che quelli che costruiranno in futuro delle auto-robot non potranno creare dei servizi di taxi, perché non dovono fare concorrenza ai tassisti.
            Si, infatti gli imprenditori estoni stanno
            comprando tutto quello che c'è di più grande e
            redditizio in ogni parte del mondo... e l'Estonia
            è nel G8 infatti... stanno di un bene... che te
            lo dico a fà!Ho forse detto che l'Estonia ha già raggiunto il top del reddito procapite?NO!Però il reddito procapite è aumentato molto di più che negli altri paesi ex-comunisti ed ex-sovietici in particolare.E l'Estonia non ha nessuna risorsa particolare da sfruttare che non siano le teste e le braccia della gente che vi abita.Cioè, produce quello che gli altri chiedono e lo vende loro e con quello che guadagna compra quello che le serve.Niente petrolio, carbone, diamanti, gas naturale o altro che sia rilevante.
            Ma che stai dicendo...?! Una liberalizzazione
            VERA, REALE, non si è mai vista in Italia, MAI!Vero, ma non è una scusa per non voler iniziare a farle giuste!!!Anche la liberalizzazione dei tassisti è stata fatta solo in modo da aiutare le coop.Avrebbero dovuto dare una licenza gratis per ogni licenza esistente a chi ne aveva una; e poi un'altra ogni 10 anni (in modo da farle lentamente crescere in modo esponenziale).In questo modo avrebbero tutelato i tassisti che avevano pagato per le licenze in passato, dando modo loro di capitalizzare almeno una parte del denaro pagato in passato. Avrebbero fatto crescere l'offerta di taxi e i servizi possibili.
            Prendi le telecomunicazioni... ti risulta che gli
            altri operatori abbiano potuto fare una propria
            rete senza appoggiarsi a
            Telecom?Fastweb?La tua affermazione è sbagliata, ma la liberalizzazione delle telecomunicazioni resta una schifezza per ben altri motivi.
            Ah si? L'iper paga decine di impiegati, dai
            cassieri ai banconisti, per non parlare dei
            contabili e dei tecnici di manutenzione. Il
            bottegaio, a parte se stesso, la moglie ed
            eventuale prole, chi altro deve pagare? E i
            consumi elettrici sono superiori in una bottega
            di 70 mq o in un iper di 1kmq? E dai su...Forse, ma un dipendente di un iper produce molto più reddito di un normale bottegaio, perché gioca su scale differenti. Altrimenti non ci sarebbe un motivo economico di costruire gli iper. E non mi sembra di vederne che chiudono.

            Perché il tuo discorso vale per i tassisti e non

            per i

            negozietti?

            Categorie differenti, lavori totalmente
            differenti tra loro, paragone
            impossibile.Dicono lo stesso i medici, quando paragoni il numero di pazienti guariti, morti o il periodo di degenza:"I miei erano più difficili di quelli degli altri".
            Il tassista non è inutile. E finché non sarà
            soppiantato completamente da un robot, non vedo
            perché dovrebbe cambiare
            lavoro.Infatti, qui stiamo parlando di quando sarà sostituibile dai robot.Per adesso, per me può rimanere a fare il suo lavoro. E spero che lavori anche tanto.

            Oppure i tassisti hanno il cervello in ROM e
            non


            possono imparare un'altro

            lavoro?

            Ah, ma allora sei de coccio!!! :)
            Una persona di 60 anni, qualunque lavoro faccia,
            bottegaio, tassista, operaio siderurgico,
            ragioniere, esperto informatico, chirurgo, se
            deve cambiare lavoro, mi spieghi dove va a
            cercarlo a quell'età?! Chi te lo da un lavoro
            nuovo, partendo da zero e quindi dovendoti
            formare sulle nuove mansioni, a certe età?
            NESSUNO!Ma quanti tassisti hanno 60 anni?E gli altri, quelli da 50?Io ho delle colleghe che hanno preso una laurea triennale ad quasi 50 anni per venire a lavorare.Queste hanno tutto il mio rispetto.Se c'è la necessità di pagare due o tre anni di contributi per andare in pensione, se ne può parlare; ma se sono di più possono rimboccarsi le maniche e imparare un nuovo mestiere.

            In quel caso che facciamo, ci metti tu la

            differenza, che sei di buon

            cuore?

            Non pago e non pagherò mai per gli errori di
            qualcun altro.Io non pago e non pagherò mai per l'obsolescenza delle capacità di qualcun'altro.
            E chi ti dice che il servizio costerebbe di meno?E chi ti dice il contrario?Ovviamente, se costasse di più la gente continuerebbe a preferire i tassisti umani.Quindi il problema non ci sarebbe.
            Quali certezze hai?E tu?
            Sai già quanto costerà la manutenzione di quei robot?In totale meno di quella degli umani, se si desidera un servizio economicamente competitivo.Se costerà troppo, niente robot tassisti.
            E le spese per
            adattare eventualmente le nostre città a queste
            macchine, le hai già calcolate e hai visto che ci
            costeranno poco o niente?L'idea è di non dover adattare le città alle auto, ma le auto alle città.Con dei taxi robot posso evitare di avere parcheggi, perché il taxi una volta non usato rientra alla sua base. Posso tenerne un numero minimo sempre disponibile nelle varie zone della città e spostare gli altri di conseguenza, per coprire i vuoti ed ottimizzare la copertura, i tempi di risposta e cose simili.Inoltre, negli orari di punta posso far arrivare più taxi dai depositi.
            Che ti stiano sulle
            palle i tassisti l'ho capito da un pezzo, ma
            adesso esageri...A me non stanno sulle palle i tassisti.Ne ho usati 4 o 5 in tutta la vita.Per me potrebbero anche non esistere.Il concetto non è valido per i tassisti, ma per tutte le categorie di lavoratori.

            Ma non considero giusto che impedisca alla

            concorrenza di mettersi sul mercato per tentare

            di darmi un servizio

            migliore.

            Quale concorrenza? Un robot adesso è concorrenza?
            Ma scherziamo? Stai mettendo una macchina sullo
            stesso livello di un uomo?!Un telaio meccanico fa lo stesso lavoro di un telaio manuale?Il fatto che tu ti possa vestire spendendo pochissimo rispetto a 100 anni fa o a 300 anni fa è dovuto esattamente al fatto che i telai manuali furono sostituiti da telai meccanici.Ma anche allora chi produceva stoffa a mano cerco di bloccare il progresso (John Ludd dovrebbe dirti qualche cosa).
          • david74 scrive:
            Re: Altro che bersani
            - Scritto da: painlord2k
            Io sto parlando del impedire ad un concorrente di
            entrare nel mercato, limitando il numero di
            licenze o le tecnologie disponibili, con scuse
            come "qualità", "servizio", lavoro", sicurezza" e
            simili.Ah, adesso qualità dei servizi e diritto al lavoro diventano pure scuse?!
            No, ma il tuo discorso è il contrario.No!!! Io sto dicendo che TUTTI hanno diritto a lavorare, e che chi ha già il suo lavoro non dovrebbe rischiare di perderlo a favore di un robot! Chiaro?!
            Ho forse detto che l'Estonia ha già raggiunto il
            top del reddito
            procapite?Mai parlato di reddito procapite, ma di ricchezza economica di una nazione. E' ben differente come discorso, e se analizziamo i dati, mi pare che l'Estonia, anche se ha fatto buoni progressi dal punto di vista delle entrate economiche con gli scambi commerciali che attua da qualche anno, è sempre con il bilancio in rosso e non è affatto un'isola felice come l'hai dipinta tu.
            E l'Estonia non ha nessuna risorsa particolare da
            sfruttare che non siano le teste e le braccia
            della gente che vi
            abita.
            Cioè, produce quello che gli altri chiedono e lo
            vende loro e con quello che guadagna compra
            quello che le
            serve.Né più né meno come l'Italia, che esporta beni di consumo (pasta, vino, olio, abbigliamento) e di lusso (gioielli, automobili di prestigio), comprando dall'estero persino l'energia elettrica ed il gas.
            Niente petrolio, carbone, diamanti, gas naturale
            o altro che sia
            rilevante.Certo, perché invece l'industria tessile, alimentare, e via dicendo sono totalmente irrilevanti, vero? Mah...
            Vero, ma non è una scusa per non voler iniziare a
            farle
            giuste!!!E chi dice il contrario?! Sono il primo a volere delle VERE liberalizzazioni, con trattamenti equi per tutti e possibilità di lavoro per tutti!
            Anche la liberalizzazione dei tassisti è stata
            fatta solo in modo da aiutare le
            coop.Ma de che?! L'unico scopo di Bersani era di levarsi dalle palle più costi possibili a discapito dei tassisti, che si sarebbero dovuti accollare la manutenzione di due o più vetture e lo stipendio di altrettanti tassisti come se fossero loro la cooperativa!
            Avrebbero dovuto dare una licenza gratis per ogni
            licenza esistente a chi ne aveva una; e poi
            un'altra ogni 10 anni (in modo da farle
            lentamente crescere in modo
            esponenziale).Lo stato, specialmente quello italiano, non ti da niente gratis! Lo vuoi capire si o no?! Non siamo più ai tempi di Mussolini (purtroppo, per certi versi)!
            Fastweb?Neanche per sogno! Fastweb ha steso la sua rete in fibra solo in parte dell'Italia, e non ha neanche cablato interamente tutte le più grandi città, mentre per il resto ha preso in affitto la vecchia rete in fibra di Telecom del progetto Galileo (e la conosco bene perché ho fatto parte di quel progetto). Inoltre, come tutti i carrier alternativi a Telecom, Fastweb è obbligata a passare per le centrali Telecom quando un suo cliente intende mettersi in comunicazione con clienti Wind/Infostrara, Tele2, Tiscali e via dicendo.
            Forse, ma un dipendente di un iper produce molto
            più reddito di un normale bottegaio, perché gioca
            su scale differenti. Altrimenti non ci sarebbe un
            motivo economico di costruire gli iper. E non mi
            sembra di vederne che
            chiudono.E ti smentisco anche qui... a Roma, nell'ultimo anno, hanno chiuso due ipermercati della catenza PAM, una delle più grandi d'Italia... morale della favola, 120 persone a spasso... In ogni caso, che stracavolo c'entra la produzione di reddito?! Io sto parlando di spese vive per la gestione di un punto vendita, come stipendi, corrente, materiali di consumo e via dicendo! Dei redditi, delle tasse e compagnia bella non ne ho parlato affatto.
            Infatti, qui stiamo parlando di quando sarà
            sostituibile dai
            robot.Spero presto, anche perché così mio padre riposerà tranquillamente senza rischiare ulteriori rapine (già tre quest'anno...). Ma questo, a patto di non vedere migliaia di nuovi disoccupati in Italia a favore di macchine costose... se l'investimento si rivelerà non eccessivamente oneroso per la popolazione, favorendo comunque la possibilità di continuare a lavorare per chi fa il tassista ora, ben vengano. Sarò uno dei primi ad usufruire di questo prodigio del progresso tecnologico con piacere.
            Per adesso, per me può rimanere a fare il suo
            lavoro. E spero che lavori anche
            tanto.Troppa grazia...
            Ma quanti tassisti hanno 60 anni?Tanti, te l'assicuro.
            E gli altri, quelli da 50?Sono tanti anche loro, oltre a quelli della mia età (31 anni o giù di lì), come ce ne sono di più giovani.
            Io ho delle colleghe che hanno preso una laurea
            triennale ad quasi 50 anni per venire a
            lavorare.Buon per loro... ma che c'entra?
            Queste hanno tutto il mio rispetto.Io le rispetterei anche se avessero la quinta elementare... il rispetto non si misura con il titolo di studio!!!
            Se c'è la necessità di pagare due o tre anni di
            contributi per andare in pensione, se ne può
            parlare; ma se sono di più possono rimboccarsi le
            maniche e imparare un nuovo
            mestiere.Niente, non lo vuoi proprio capire... chi cavolo ci spenderebbe mai soldi per formarti su un nuovo lavoro?! NESSUNO!!! Lo vuoi capire o no?!
            Io non pago e non pagherò mai per l'obsolescenza
            delle capacità di
            qualcun'altro.Fai l'infermiere o mi ricordo male? Beh, spero di non dover mai finire sotto le tue mani, perché se curi la gente come ragioni... :s
            E chi ti dice il contrario?
            Ovviamente, se costasse di più la gente
            continuerebbe a preferire i tassisti
            umani.
            Quindi il problema non ci sarebbe.Nel frattempo però le tasse saranno aumentate, per sostenere i costi di gestione di queste macchine, comunque sia. E secondo te le giunte comunali, il governo e chiunque ci guadagnerà sopra, rinuncerà a queste entrate? Sogna, sogna...
            In totale meno di quella degli umani, se si
            desidera un servizio economicamente
            competitivo.Ne sei assolutamente sicuro, vero? Beato te... evidentemente non conosci i costi della robotica...
            L'idea è di non dover adattare le città alle
            auto, ma le auto alle
            città.Una rete di comunicazione per comunicare le destinazioni a questi robot potrebbe anche servire, non credi? Adattamento della città... ed altre onde elettromagnetiche sulle nostre teste...
            A me non stanno sulle palle i tassisti.
            Ne ho usati 4 o 5 in tutta la vita.
            Per me potrebbero anche non esistere.Io purtroppo di infermieri ne ho visti e usati fin troppi nella mia vita, ma per fortuna erano tutti competenti e ci si poteva ragionare...
            Un telaio meccanico fa lo stesso lavoro di un
            telaio
            manuale?Fai paragoni impossibili e senza senso in continuazione... boh!
  • Anonimo scrive:
    qui non funzionera` mai....
    Appena i taxisti si acoorgono che e` qualcosa di piu` di una notizia iniziano a bloccare la tangenziale...povera italia :-(br1
    • david74 scrive:
      Re: qui non funzionera` mai....
      - Scritto da:
      Appena i taxisti si acoorgono che e` qualcosa di
      piu` di una notizia iniziano a bloccare la
      tangenziale...
      povera italia :-(

      br1Lavoraci tu con la paura di non poter più portare il pane a casa... poi ne riparliamo...
      • Anonimo scrive:
        Re: qui non funzionera` mai....
        il progresso non ha mai causato disastri, pensa solo all'introduzione delle macchine nell'industria.ora forse non esistono più gli operai?smettetela di parlare a vanvera solo per difendere una lobby!
        • Anonimo scrive:
          Re: qui non funzionera` mai....
          l'Italia ha bisogno di un grande uomo come te.....COMPLIMENTI!!!
        • david74 scrive:
          Re: qui non funzionera` mai....
          - Scritto da:
          il progresso non ha mai causato disastri, pensa
          solo all'introduzione delle macchine
          nell'industria.
          ora forse non esistono più gli operai?

          smettetela di parlare a vanvera solo per
          difendere una
          lobby!Ma quale lobby?! Ma che minchiazza dici?! Già il decreto Bersani stava per mandare sul lastrico mio padre e tanti altri tassisti, ci manca solo il "progresso"...! Sono un sistemista, perciò di progresso, quello vero, qualcosa ci capisco! Questo non è progresso, è profitto a discapito di chi lavora! Ma perché cacchio ve fanno aprì bocca a buffo...! Prima informati, poi potrai parlare di argomenti a te non certo cari né tantomeno noti!
          • Anonimo scrive:
            Re: qui non funzionera` mai....
            Ma che bel ragionamento.Fammi capire, ma se un giorno inventano un unico medicinale che cura il cancro (magari è già successo) tu che fai? non lo diffondi perchè manderesti a casa tutti gli oncologi e chi ci lavora intorno?
          • david74 scrive:
            Re: qui non funzionera` mai....
            - Scritto da:
            Ma che bel ragionamento.
            Fammi capire, ma se un giorno inventano un unico
            medicinale che cura il cancro (magari è già
            successo) tu che fai? non lo diffondi perchè
            manderesti a casa tutti gli oncologi e chi ci
            lavora
            intorno?Ma che cazzo di ragionamenti fai?! Una pillola magica che cura il cancro sarebbe benvenuta e come!!! Ma che razza di paragone fai?! Una pillola non toglierebbe mai e poi mai il lavoro all'oncologo e ai suoi assistenti, perché ci vorrebbe sempre un medico specializzato nel riconoscere certe malattie e certi problemi, perciò di che cavolo parli?! Un robot, al contrario, come è già successo (per fortuna in alcuni casi, e ringraziamo il cielo che esistono i robot anche perché la Fiat senza loro avrebbe chiuso da una vita!) potrebbe sostituire completamente l'uomo, rendendolo totalmente dipendente alle sue capacità, privandolo quindi del proprio lavoro. Un taxi robotizzato è il benvenuto a prescindere, ci mancherebbe! Significherebbe più taxi a disposizione, meno inquinamento perché PROBABILMENTE andrebbero ad energia solare o ad idrogeno o carica elettrica, tutt'al più a metano o gpl! Ma a che prezzo? Tasse più alte (perché di certo lo stato ci vuole mangiare, su questa storia!), e chi le pagherebbe? Indovina un po'? E se poi un giorno, tutt'altro che ipotetico, la maggior parte dei taxi fosse sostituita da questi robot, che succederebbe? Molta gente senza lavoro (e siamo già oggi il paese con la maggior percentuale di disoccupazione in Europa...!), famiglie che non saprebbero come fare la spesa e sopravvivere (e ti pare che lo stato si metterebbe a fornire sussidi a tutti i disoccupati d'Italia? Bah!)... Questa è la mia paura! Tutto qui! Non sono contro il progresso e l'innovazione, perché di queste cose ci campo anche io, visto che lavoro nell'informatica! Ma, come tutte le cose, anche progresso ed innovazione vanno prese nelle giuste dosi...
      • gerry scrive:
        Re: qui non funzionera` mai....
        - Scritto da: david74

        Lavoraci tu con la paura di non poter più portare
        il pane a casa... poi ne
        riparliamo...Non si può bloccare un innovazione solo per salvare posti di lavoro, questo si chiama luddismo.Anche io ho i miei interessi, leggevo oggi su metro che lo smog accorcia la vita di 8 mesi.Piuttosto protestate per venire formati e ricollocati in altri posti, sarebbe una richiesta più giusta.
        • david74 scrive:
          Re: qui non funzionera` mai....
          - Scritto da: gerry

          - Scritto da: david74




          Lavoraci tu con la paura di non poter più
          portare

          il pane a casa... poi ne

          riparliamo...

          Non si può bloccare un innovazione solo per
          salvare posti di lavoro, questo si chiama
          luddismo.
          Non ti rendi minimamente conto di quanto sia grave questa tua affermazione... "Non si può bloccare un'innovazione SOLO PER SALVARE POSTI DI LAVORO"...?! Ma siamo impazziti?! E le famiglie di quei tassisti che verrebbero messi alla porta per favorire l'innovazione non le calcoliamo affatto, vero?! Ma porca puttana!!! Ma ci pensate a quello che dite?!
          Anche io ho i miei interessi, leggevo oggi su
          metro che lo smog accorcia la vita di 8
          mesi.
          Eh... e allora che vuoi dai tassisti? Credi che un taxi inquini più di un autobus o della tua macchina, o del camion che porta la pasta e lo zucchero nel tuo supermercato di fiducia? Ma dimmi tu che tocca sentire...! Se si decidessero a commercializzare esclusivamente veicoli "ecologici" (gpl, metano, olio di colza, idrogeno) questo problema non ci sarebbe, ma anche qui torniamo al discorso del profitto a tutti i costi! Se non conviene perché non ci si fanno miliardi di euro ogni anno, allora non si vende!!!
          Piuttosto protestate per venire formati e
          ricollocati in altri posti, sarebbe una richiesta
          più
          giusta.Formati e ricollocati in quali posti, scusa? Dove lo mandi un uomo di 60 anni che ormai fa il tassista da una vita? E chi lo prende? E chi investirà per formarlo su una nuova mansione? CHI?! IN ITALIA POI?! Ma per favore!!! Accendete il cervello prima di scrivere stronzate immani!!!
          • gerry scrive:
            Re: qui non funzionera` mai....
            - Scritto da: david74
            Non ti rendi minimamente conto di quanto sia
            grave questa tua affermazione... "Non si può
            bloccare un'innovazione SOLO PER SALVARE POSTI DI
            LAVORO"...?! Ma siamo impazziti?! E le famiglie
            di quei tassisti che verrebbero messi alla porta
            per favorire l'innovazione non le calcoliamo
            affatto, vero?! Ma porca puttana!!! Ma ci pensate
            a quello che
            dite?!Si. Le catene di montaggio automatiche hanno preso il posto di migliaia di operai.Col senno di poi: hai mai sentito di qualcuno che se ne lamenta?Hai pensato a quanti lavori manuali le rivoluzioni industriali hanno messo termine?L'evoluzione umana si basa anche sul fatto che certi lavori possono essere demandati a macchine. Le macchine liberano il lavoro degli uomini. In questo modo il lavoro può essere usato per fare altre cose, che le macchine non possono fare.Questo stesso forum è gestito da macchine. Una volta se volevamo comunicare avremmo dovuto scriverci una lettera.O vogliamo lamentarci dei postini che hanno perso il posto di lavoro? E dei corrieri a cavallo? E delle stazioni di posta?
            Formati e ricollocati in quali posti, scusa? Dove
            lo mandi un uomo di 60 anni che ormai fa il
            tassista da una vita? E chi lo prende? E chi
            investirà per formarlo su una nuova mansione?
            CHI?! IN ITALIA POI?! Ma per favore!!! Appunto, io dico che piuttosto che scioperare per tenere il posto di lavoro dovrebbero scioperare perchè parte dei guadagni vengano usati per garantirgli una formazione ed un posto di lavoro diverso.E' questa mentalità del "a 45 anni ormai sei finito" che mi da fastidio. Certo, non voglio dare mica la colpa tutta da una parte: non solo le occasioni non vengono mai colte, ma spesso non vengono mai date. Ma non si può proprio pensare di cambiare questa mentalità?
        • Anonimo scrive:
          Re: qui non funzionera` mai....

          Non si può bloccare un innovazione solo per
          salvare posti di lavoro, questo si chiama
          luddismo.

          Anche io ho i miei interessi, leggevo oggi su
          metro che lo smog accorcia la vita di 8
          mesi.
          io ho letto che a sparare cassate te la dimezza (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: qui non funzionera` mai....
        - Scritto da: david74

        - Scritto da:

        Appena i taxisti si acoorgono che e` qualcosa di

        piu` di una notizia iniziano a bloccare la

        tangenziale...

        povera italia :-(



        br1

        Lavoraci tu con la paura di non poter più portare
        il pane a casa... poi ne
        riparliamo...Si chiama progresso, per caso i carrettieri hanno fatto una rivoluzione quando sono state inventate le automobili? a me non pare, ma parliamo di tassisti.Abito a Roma, e ti posso garantire che il numero di tassisti e' insufficiente per un servizio adeguato, per non parlare del fatto che se vuoi pagare con carta di credito devi specificarlo, in mezza europa e' standard per i tassisti avere il pos , qui e' una eccezione e manco tanto presente.La verita' e' che rode quando hai fatto come ti pareva e la pacchia sta per finire, come mai se provi a chiamare un taxi che so a piazza venezia, aspetti un botto di tempo? se il servizio fosse adeguato non ci sarebbero problemi invece aspetti.
        • david74 scrive:
          Re: qui non funzionera` mai....
          - Scritto da:

          - Scritto da: david74



          - Scritto da:


          Appena i taxisti si acoorgono che e` qualcosa
          di


          piu` di una notizia iniziano a bloccare la


          tangenziale...


          povera italia :-(





          br1



          Lavoraci tu con la paura di non poter più
          portare

          il pane a casa... poi ne

          riparliamo...
          Si chiama progresso, per caso i carrettieri hanno
          fatto una rivoluzione quando sono state inventate
          le automobili? a me non pare, ma parliamo di
          tassisti.
          Abito a Roma, e ti posso garantire che il numero
          di tassisti e' insufficiente per un servizio
          adeguato, per non parlare del fatto che se vuoi
          pagare con carta di credito devi specificarlo, in
          mezza europa e' standard per i tassisti avere il
          pos , qui e' una eccezione e manco tanto
          presente.
          La verita' e' che rode quando hai fatto come ti
          pareva e la pacchia sta per finire, come mai se
          provi a chiamare un taxi che so a piazza venezia,
          aspetti un botto di tempo? se il servizio fosse
          adeguato non ci sarebbero problemi invece
          aspetti.Allora, ti rispondo su tutti i fronti, visto che abito a Roma pure io e mio padre fa il tassista...Non tutti i taxi sono provvisti ancora di POS, e le cooperative si stanno lentamente adeguando, ma sai quanto costa mettere il POS su un taxi? 1600 euro l'anno per il comodato dell'apparecchiatura. Senza considerare l'affitto dell'impianto di localizzazione satellitare, standard in Europa come in Italia ormai (ah, su questo tra l'altro siamo stati tra i primissimi a montarlo sui taxi...), l'affitto della radio di servizio (che non è mai di proprietà, anche se la macchina è intestata al tassista e non è della cooperativa)... I taxi sono pochi? E' vero, verissimo, ma sai perché sono pochi? Hai mai provato a chiedere quanto costa entrare in possesso di una licenza nuova dal comune? No? Fai un giretto negli appositi uffici e vedi che cifre chiedono... Risparmi senza dubbio qualcosa comprandola "usata" da un altro tassista che intende cambiare mestiere o andare in pensione, ma (ed il caso di mio padre ne è un esempio...) con la stessa cifra ti ci compri una casa, piccola, diciamo sui 50-60 mq, ma ce la compri... e i primi 2-3 anni non fai altro che pagare cambiali a rotta di collo per la licenza, oltre alle tasse, l'INPS, e gli affitti delle apparecchiature di cui sopra, più ovviamente la manutenzione della macchina che deve essere sempre in perfetto stato.Dici "chiamo un taxi a piazza Venezia ed aspetto un botto di tempo prima che arrivi"... è vero, ma hai mai fatto caso al bordello immane di macchine che c'è in giro? E' forse colpa dei tassisti tutto il traffico di Roma? E' forse colpa dei tassisti se i mezzi pubblici camminano a passo di lumaca stanca e sono in sottonumero rispetto alle reali esigenze della cittadinanza romana e dei turisti che, è meglio ricordarlo, qui a Roma ci sono tutto l'anno? O credi forse che ci sia una decina di taxi fermi a piazza di Spagna e dintorni tutto il giorno nell'attesa che qualcuno chiami da piazza Venezia per schizzare a prenderti a bordo? La maggior parte dei taxi è concentrata a Fiumicino e alla stazione Termini, nei turni di mattina e di pomeriggio, cioè nei momenti di massimo traffico automobilistico della città, perciò pretendere che un taxi arrivi in meno di tre minuti con via Nazionale e via del Corso perennemente bloccate mi pare decisamente fuori luogo... Detto questo, traine le tue conclusioni...
          • Anonimo scrive:
            Re: qui non funzionera` mai....
            - Scritto da: david74


            Detto questo, traine le tue conclusioni...Se allora e' cosi' "costoso" come mai c'e' gente che fa il tassista? che e' una missione? , se l'investimento iniziale e' cosi' elevato, perche' nn ti ci compri una casa e te l'affitti? non smadonni, non paghi 1600 euro e rotti all'anno, etc, etc, sara' mica che i guadagni sono elevati date le tariffe e il numero insufficiente di vetture? sara' ma per circa 4 anni ho lavorato in officina e ne vedevo un po' di tassisti, tutti con case di proprieta' ed alcuni piu' di una, per carita' e' giustissimo, ma da come descrivi la situazione sembra che sia una missione farlo e non un lavoro, tipo e' un duro lavoro ma qualcuno deve pur farlo.Sul traffico hai ragione, non e' colpa dei tassisti come non e' colpa dei mezzi pubblici, semplicemente basterebbe spostare fuori dal centro storico ministeri parlamento e quant'altro, lasciare il centro storico per i turisti , far andare il metro' pure di notte e potenziare i mezzi notturni almeno durante il week-end.Io sono favorevole ai taxi robot, magari i tassisti si riconvertiranno in padroncini di taxi robot, vedila cosi' aspettano semplicemente di incassare stando comodamente in panciolle.
          • david74 scrive:
            Re: qui non funzionera` mai....
            - Scritto da:
            Se allora e' cosi' "costoso" come mai c'e' gente
            che fa il tassista? che e' una missione? , se
            l'investimento iniziale e' cosi' elevato, perche'
            nn ti ci compri una casa e te l'affitti? non
            smadonni, non paghi 1600 euro e rotti all'anno,
            etc, etc, sara' mica che i guadagni sono elevati
            date le tariffe e il numero insufficiente di
            vetture?
            I guadagni sono elevati perché le tariffe sono elevate, ma non le decidono mica i tassisti, bensì il comune, che ne trae ampio profitto attraverso le tasse (circa il 40% del guadagno giornaliero di un tassista se ne va al comune, e se ci aggiungi l'INPS che ti scuce circa 2400 euro l'anno, più le spese che ti ho elencato prima, fatti due conti e vedrai che un tassista porta a casa puliti di tutto circa 1400 euro su quasi 4000 di media che incassa in un mese... fai tu... se poi il tassista ha famiglia non ne parliamo nemmeno!). Non è una missione, ma un lavoro come altri. Mio padre, prima di fare il tassista, ha lavorato per 25 anni come dirigente all'IBM Italia...
            sara' ma per circa 4 anni ho lavorato in officina
            e ne vedevo un po' di tassisti, tutti con case di
            proprieta' ed alcuni piu' di una, per carita' e'
            giustissimo, ma da come descrivi la situazione
            sembra che sia una missione farlo e non un
            lavoro, tipo e' un duro lavoro ma qualcuno deve
            pur
            farlo.
            Il fatto che si siano potuti permettere di comprare una o più case da affittare non deriva necessariamente dai guadagni ottenuti con il lavoro di tassisti. Potrebbero anche avere attività parallele, un negozio gestito magari dalla moglie, parte dello stipendio di un figlio investita nel mattone. Ne conosco alcuni anche io che hanno investito in case i loro risparmi di una vita, e ti assicuro che non venivano fuori dal lavoro di tassista. O meglio, non solo da quello.
            Sul traffico hai ragione, non e' colpa dei
            tassisti come non e' colpa dei mezzi pubblici,
            semplicemente basterebbe spostare fuori dal
            centro storico ministeri parlamento e
            quant'altro, lasciare il centro storico per i
            turisti , far andare il metro' pure di notte e
            potenziare i mezzi notturni almeno durante il
            week-end.
            Parole sante, amico mio, parole sante... Ma purtroppo sono parole al vento come al solito, perché all'amministrazione pubblica in fondo situazioni come queste fanno comodo. E poi ce lo vedi un presidente del consiglio che inforca l'Ardeatina in direzione Tor San Lorenzo per andare in parlamento? ;) Non lo accetterebbero mai... né le istituzioni governative dello stato né tanto meno quelle regionali, provinciali o comunali... purtroppo il Campidoglio resterà sempre l'ufficio del sindaco, così come Palazzo Chigi non sarà mai rilasciato come patrimonio architetturale storico, ma rimarrà un palazzo del governo italiano utilizzato per i suoi uffici... Quanto al potenziamento dei mezzi pubblici, auspicabile ed auspicato da anni, si può fare... basterebbe indire dei concorsi per l'assunzione di poche decine (non centinaia, attenzione!) di autisti per gli autobus e di conducenti per tram e metropolitane, mettendo in circolo altri mezzi a potenziare la fatiscente rete di trasporto pubblico romana così come di qualsiasi altra città. Ma tutto questo ha un prezzo, e come al solito, toccherebbe a noi, tramite l'aumento dell'ICI, della TARSU, e di chissà quali e quante altre tasse ed imposte, pagare per i concorsi, le divise, gli stipendi, e quant'altro. Loro, i signori, non si priveranno mai e poi mai di un solo centesimo al mese per affrontare queste spese... E così torniamo a morderci la coda come il cane... :)
            Io sono favorevole ai taxi robot, magari i
            tassisti si riconvertiranno in padroncini di taxi
            robot, vedila cosi' aspettano semplicemente di
            incassare stando comodamente in
            panciolle.Io non sono contrario a prescindere, sia chiaro... come ho detto in un altro intervento (http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1644799&id=1643309), mi sta benissimo l'introduzione di sistemi di trasporto automatizzati, purché questi servano a migliorare i servizi di trasporto pubblico ma senza togliere il lavoro a nessuno, e soprattutto senza pesare in maniera assurda sulle nostre già esigue finanze. ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: qui non funzionera` mai....
            Secondo me avete (e hanno sbagliato) paragone questi Robot sono + adatti a sustituire Autobus/Coriere che Taxi
      • Anonimo scrive:
        Re: qui non funzionera` mai....
        Un perfetto ragionamento da terzo mondo, perchè non emigri in qualche paese africano dove hai solo le tue braccia a disposizione e non c'è nessuna innovazione che ti può rubare il lavoro?
        • david74 scrive:
          Re: qui non funzionera` mai....
          - Scritto da:
          Un perfetto ragionamento da terzo mondo, perchè
          non emigri in qualche paese africano dove hai
          solo le tue braccia a disposizione e non c'è
          nessuna innovazione che ti può rubare il
          lavoro?Perché invece tu non emigri in Alaska a pescare? Fai il piacere va... Leggi tutti i miei interventi la prossima volta, e capirai qualcosa... fai pena.
    • Anonimo scrive:
      Re: qui non funzionera` mai....
      mi auguro con tutto il cuore che tu non perda mai il lavoro, in modo da non capire mai cosa significa andare dalla propria famiglia e dire da oggi è finito tutto!!!!!!!comunque su una cosa concordo con te POVERA ITALIA!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Periodaccio...
    ...per i tassisti, chissà se caleranno un po' le tariffe...
    • Anonimo scrive:
      Re: Periodaccio...
      - Scritto da:
      ...per i tassisti, chissà se caleranno un po' le
      tariffe...Periodaccio?Spero sia ironico
    • david74 scrive:
      Re: Periodaccio...
      - Scritto da:
      ...per i tassisti, chissà se caleranno un po' le
      tariffe...Se dipendesse da loro, si potrebbe pure fare... ma non le decidono mica i tassisti, le tariffe, bensì i comuni...
    • Anonimo scrive:
      Re: Periodaccio...
      Provate a pensare di diminuire il costo di cose veramente importanti tipo cure mediche,medicinali,alimenti,benzina ma forse sono cose che voi non usate quotidianamente mentre il taxi è VITALEEEEE!!!!!MEDITATE GENTE!!!!
      • painlord2k scrive:
        Re: Periodaccio...
        Un sistema robotizzati di trasporti ha la possibilità di ridurre il costo di tutto quello che usiamo per vivere (beni e servizi).Il motivo principale è che, direttamente o indirettamente, tutto quello che usiamo ha bisogno di essere trasportato.Se gente come Amazon, IBS, i venditori su eBay, le poste, gli ipermercati, etc. potessero disporre di furgoni robotizzati per consegnare a domicilio il materiale, il costo del trasporto stesso sarebbe molto inferiore (perché non si deve pagare l'autista, che incide per circa la metà del costo).Dimezzando il costo di consegna, molta roba che adesso costa troppo per essere consegnata a domicilio diventa improvvisamente profittevole.Quindi aumentando la quantità di merci e servizi commercializzabili e che la gente comune si può permettere. Il che significa che la gente diventa più ricca.
        • david74 scrive:
          Re: Periodaccio...
          - Scritto da: painlord2k
          Un sistema robotizzati di trasporti ha la
          possibilità di ridurre il costo di tutto quello
          che usiamo per vivere (beni e
          servizi).Diminuirebbe da una parte (meno stipendi da pagare), ma aumenterebbe inevitabilmente da un'altra (costi di gestione e manutenzione delle macchine)... e chi credi che finirebbe per pagare queste cose?
          Il motivo principale è che, direttamente o
          indirettamente, tutto quello che usiamo ha
          bisogno di essere
          trasportato.
          E fin qui...
          Se gente come Amazon, IBS, i venditori su eBay,
          le poste, gli ipermercati, etc. potessero
          disporre di furgoni robotizzati per consegnare a
          domicilio il materiale, il costo del trasporto
          stesso sarebbe molto inferiore (perché non si
          deve pagare l'autista, che incide per circa la
          metà del
          costo).
          Vedi sopra...
          Dimezzando il costo di consegna, molta roba che
          adesso costa troppo per essere consegnata a
          domicilio diventa improvvisamente
          profittevole.
          Quindi aumentando la quantità di merci e servizi
          commercializzabili e che la gente comune si può
          permettere. Il che significa che la gente diventa
          più
          ricca.La gente che metterebbe in giro i camion robotizzati sicuramente... ma quelli che rimarrebbero senza lavoro? Trasportatori da una vita... cosa gli fai fare poi? E i tassisti? E i conducenti di autobus? Senza considerare l'aspetto della sicurezza delle vite umane... Per quanto mi riguarda mi sento molto più sicuro in una metropolitana controllata da un uomo, piuttosto che da un sistema autonomo di intelligenza artificiale, che potrebbe perdere il controllo in qualsiasi momento per un qualsiasi guasto.
          • painlord2k scrive:
            Re: Periodaccio...
            - Scritto da: david74

            - Scritto da: painlord2k

            Un sistema robotizzati di trasporti ha la

            possibilità di ridurre il costo di tutto quello

            che usiamo per vivere (beni e

            servizi).

            Diminuirebbe da una parte (meno stipendi da
            pagare), ma aumenterebbe inevitabilmente da
            un'altra (costi di gestione e manutenzione delle
            macchine)... e chi credi che finirebbe per pagare
            queste
            cose?Noi, ma il costo totale sarebbe comunque inferiore.Altrimenti quella tecnologia non verrebbe adottata.Una tecnologia viene adottata e ha successo perché permette di fare una cosa ad un costo inferiore (in denaro, tempo, o altro)Inoltre, la dove una macchina può lavorare 24 ore al giorno, un uomo non può e non vuole.Lo stesso veicolo che impiegherebbe 2 anni a fare 150-200.000 km li farebbe in 1 anno.Il che significa che ripagherebbe il costo del mezzo molto velocemente e permetterebbe per l'azienda di abbattere i costi (e quindi i prezzi, in un regime di concorrenza) e farebbe guadagnare meno le banche (per gli interessi sui finanziamenti).Il che significa che si libererebbe liquidità, prestiti a tassi inferiori, etc.

            Dimezzando il costo di consegna, molta roba che

            adesso costa troppo per essere consegnata a

            domicilio diventa improvvisamente

            profittevole.

            Quindi aumentando la quantità di merci e servizi

            commercializzabili e che la gente comune si può

            permettere. Il che significa che la gente
            diventa

            più

            ricca.
            La gente che metterebbe in giro i camion
            robotizzati sicuramente... ma quelli che
            rimarrebbero senza lavoro? Trasportatori da una
            vita... cosa gli fai fare poi? E i tassisti? E i
            conducenti di autobus?Vedi, mi incazzo assai quando sento sempre questa patetica scusa.Sono il primo a dire che ci dovrebbe essere un sussidio di disoccupazione (limitato in importo e tempo di erogazion, peròe), ma anche che ci deve essere un sistema di riqualificazione dei lavoratori obsoleti, per fargli imparare un nuovo lavoro o migliorare le loro conoscenze, rendendoli più competitivi e produttivi.Ma non esiste un diritto a mantenere il proprio posto di lavoro a dispetto del progresso e accollando il costo alla gente.Ti senti in colpa perché gli allevatori di cavalli e i costruttori di carri hanno perso il mercato dei trasporti a favore di treni, aerei, navi e automobili?E quelli che accendevano le luci a gas e fabbricavano candele per illuminazione, non ti senti in colpa a usare l'energia elettrica?E tutti i contabili sostituiti dai computer?I tecnici di laboratorio hanno perso un mucchio di lavoro, quando hanno inventato le macchine per fare la misurazione della glicemia a casa. A loro non ci pensiamo?Quando ci si lamenta che un progresso scientifico o tecnologico produce un danno, vuol dire che c'è qualche cosa di sbagliato in noi, non nel progresso tecnologico.La vita media si sta allungando e la salute media migliora velocemente, tanto che un 70enne adesso è come un 50enne di quando era bambino.Ma si lamentano che mancano i soldi per le pensioni.Se il tuo ragionamento fosse corretto, in questo caso dovremmo aumentare la mortalità degli anziani per far tornare i conti (riportare lo status quo antecedente).La soluzione giusta è riformare il sistema delle pensioni per fare si che uno riceva quello che versa più gli interessi e che le pensioni non siano gestite dallo stato.Per informazioni, prova a leggere della "riforma delle pensioni in Cile".Una delle poche dove, se muori presto, il fondo va agli eredi e non allo stato. Però prendi secondo i soldi che hai versato nel fondo pensione personale e non secondo quanto decide lo stato un giorno o l'altro.
            Senza considerare l'aspetto della sicurezza delle
            vite umane... Per quanto mi riguarda mi sento
            molto più sicuro in una metropolitana controllata
            da un uomo, piuttosto che da un sistema autonomo
            di intelligenza artificiale, che potrebbe perdere
            il controllo in qualsiasi momento per un
            qualsiasi guasto.Infatti, non hai visto su Reporter i servizi sui treni?Fanno viaggiare dei macchinisti anche 60 ore a settimana (e gli danno una busta paga che neanche un pilota d'aereo o un medico...) e poi i treni vanno a sbattere, perché i macchinisti non stanno svegli; comunque, dopo, la colpa è tutta dei macchinisti (che di solito ci rimettono le penne e non possono difendersi).Una macchina, una volta programmata con determinati protocolli di sicurezza, magari ridondanti, se dopo 10.000 km deve fare il cambio delle pastiglie dei freni, lo fa o non riparte (si faceva nelle stampanti, fino a che non è stato vietato). E comunque, i responsabili rimangono vivi per il processo.Gli umani vanno bene per gli imprevisti e quando c'è da pensare e adattarsi; ma se i problemi hanno parametri chiari ("non urtare contro nulla" e "nel dubbio fermati", sono un esempio) le macchine sono meglio, perché possono reagire con tempi che l'umano si sogna. Oltre a poter monitorare la situazione a 360 gradi (casa che gli umani fanno fatica a fare).
  • TheLoneGunman scrive:
    Ma gli si può sparare a fine corsa?
    Ma gli si può sparare ai tassisti robot a fine corsa? No perchè è da quando ho visto "Atto di Forza" che non sogno altro!!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 settembre 2006 00.22-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti