Il robot più mini che c'è

E ' con tutta probabilità quello appena progettato dai Sandia National Laboratories, piccolo quanto una moneta e capace di esplorare il territorio in tutta autonomia. Potrà impersonare molti ruoli, da spia a ricognitore
E ' con tutta probabilità quello appena progettato dai Sandia National Laboratories, piccolo quanto una moneta e capace di esplorare il territorio in tutta autonomia. Potrà impersonare molti ruoli, da spia a ricognitore

Albuquerque (USA) – Il Dipartimento per l’Energia dei Sandia National Laboratories ha progettato quello che potrebbe rappresentare il più piccolo robot autonomo e non guidato della storia. Le sue dimensioni sono infatti di poco superiori a quelle di una moneta da 100 lire ed il suo peso è inferiore a 30 grammi.

Il robottino, alimentato con tre batterie da orologio, è dotato di un microprocessore con 8KB di ROM, un sensore della temperatura e due motori che guidano le ruote cingolate. Ma i progettisti assicurano che il gingillino è già pronto per supportare telecamere in miniatura, microfoni, dispositivi di comunicazione e sensori chimici. Insomma, sarà presto pronto ad andare in guerra, spalleggiare 007 hi-tech o prestarsi a missioni suicida nel bel mezzo di ambienti ostili o tossici.

Fra i campi d’utilizzo di questi mini-robot ci saranno infatti quelli prettamente militari, di spionaggio o di controllo del territorio, e quelli civili, dove potrà essere utilizzato in tutti quei casi dove i robot più grandi non possono svolgere il loro compito.

I progettisti affermano che la dimensione di questi robot è primariamente condizionata dalla dimensione delle batterie, che a loro volta sono dimensionate in base al consumo dei componenti elettronici. Uno dei maggiori problemi riguarda proprio l’autonomia, al momento ancora troppo limitata per esigenze di reale utilizzo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 02 2001
Link copiato negli appunti