Il robot si controlla in C

Rilasciato un pacchetto per programmare funzioni nel linguaggio inventato da Dennis Ritchie. Servono a controllare una sorta di Meccano futuristico. Divertimento puro per geek (e non)

Roma – Il linguaggio di programmazione ROBOTC, sviluppato dalla celebre università americana Carnegie Mellon , è ora compatibile con la linea di automi assemblabili marchiati Vex Robotics. Grazie all’ unione del diffuso linguaggio C e dello sconfinato catalogo di pezzi e pezzetti prodotti da Innovation First , gli aspiranti robotisti potranno divertirsi a infondere la vita nelle loro creature.

Il kit di programmazione ROBOTC Nel pacchetto ROBOTC Programming Kit , che costa 99 dollari, c’è tutto quello che serve: un editor per il codice, un debugger, un compilatore C e diversi programmi di esempio. Il tutto gira soltanto su Windows, ma consente di ricodificare da zero il microcontrollore del kit VEX e sviluppare applicazioni multitasking da far eseguire alle proprie creazioni.

Sfruttando l’ambiente di programmazione integrato, è possibile anche gestire il robot via radio in tempo reale. I più esperti potranno anche tentare di simulare il comportamento di una intelligenza artificiale: le doti del C sono note, e non pongono limiti all’inventiva di chi utilizza il linguaggio.

Un esempio di robot costruito con LEGO Mindstorm NXT Il pacchetto ROBOTC è disponibile anche con licenza collettiva per 12 postazioni, per essere sfruttato per fini educativi : nella confezione è incluso un mini-corso dedicato agli insegnanti, corredato di lezioni esempio e video di istruzione, ed è possibile impostare una modalità basic per semplificare l’approccio ai principianti.

Se poi ci fossero appassionati di LEGO Mindstorm che non vedevano l’ora di mettere le mani su un linguaggio più avanzato di quello fornito dalla casa danese, ROBOTC è la risposta alle loro preghiere: è compatibile sia con la serie RCX che con la più recente NXT , e consente di espandere le funzioni dei mattoncini intelligenti verso frontiere mai raggiunte prima.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti