Il robot umanoide parla Linux

Fujitsu ha svelato un nuovo e sofisticato robot umanoide programmabile dall'utente e basato su una versione embedded di Linux
Fujitsu ha svelato un nuovo e sofisticato robot umanoide programmabile dall'utente e basato su una versione embedded di Linux


Tokyo (Giappone) – Da tempo Fujitsu, con le sue due unità operative Automation e Laboratories, sta spingendo molto nella ricerca di nuove tecnologie che possano portare alla produzione in serie di robot sempre più sofisticati ma, nell’egual tempo, economici.

Un altro passo verso questo obiettivo arriva con HOAP-1 (Humanoid for Open Architecture Platform), un piccolo robot umanoide progettato come dimostrazione dei progressi tecnologici compiuti ma pensato anche per raggiungere il mercato consumer e fare concorrenza a Aibo, il cane robot di Sony.

Il software di HOAP-1 gira su RTLinux , un sistema operativo embedded real-time adatto per le applicazioni time-critical. Fujitsu sostiene che la piattaforma sviluppata intorno a questo robot può essere utilizzata per creare algoritmi per far muovere robot umanoidi (che camminano su due gambe meccaniche) e programmare interfacce fra uomo e robot.

Il software di simulazione basato su RTLinux consente poi agli utenti di sviluppare i propri programmi e testarli in un ambiente virtuale.

HOAP-1 pesa 6 Kg ed è alto 48 cm, si può muovere con 20 gradi di libertà e si connette al PC tramite una porta USB.

Fujitsu, che ritiene HOAP-1 “uno strumento ideale per la ricerca ed il lavoro di sviluppo nel campo della robotica”, conta di vendere per uso domestico circa 100 esemplari del robot entro tre anni.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 09 2001
Link copiato negli appunti