Il tablet è un gioco da ragazzi

Fisher-Price lancia quello che definisce l'iPad per i più piccoli. Con tanto di touch screen e applicazioni, acquistabili a parte

Roma – Sull’onda comunicativa creatasi intorno all’iPad di Apple, anche Fisher-Price lancia il suo tablet: si chiama iXL e vuole diventare il must tecnologico dei più piccoli.

A pensarci bene, più che il nuovo prodotto di Cupertino vengono in mente nobili pionieri dei computer per bambini come il Grillo Parlante e il Sapientino della Clementoni, ma il nuovo prodotto è stato presentato da Robert Eckert di Mattel con l’entusiasmo del grande evento, tanto da definirlo “il più atteso giocattolo di natale 2010”, per cui racconta di aver investito “più dollari in ricerca e sviluppo che per ogni altro prodotto della linea Fisher-Price 2010. E li merita tutti”

iXL è un piccolissimo dispositivo che si apre come un libro, con sulla sinistra bottoni e speaker e sulla destra lo schermo (rigorosamente touch) caratterizzato da grandi icone e colori.

Il prodotto sarà, a questo punto non sorprende, accompagnato da alcune applicazioni: Story Book, Giochi, Agenda e dei software per l’ascolto di musica, per la visione di album fotografici e per i disegni. Ma presto saranno disponibili nuove applicazioni, scaricabili dal sito della Fischer-Price. Sarà inoltre compatibile sia con i Mac che con i PC e, a differenza per esempio di iPad avrà slot per schede SD e una porta USB.

iXL, secondo Mattel, permetterà ai più giovani (è indirizzato a bambini fra i 3 e i 6 anni) di imparare attraverso testi interattivi, disegni, suoni, video e giochi. Arriverà nei negozi (per quanto riguarda gli Stati Uniti) a luglio, al prezzo di 79,99 dollari. Con i CD con software aggiuntivi a 24,99.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • silvio scrive:
    sciocchezzzze, temono i wifi
    il punto e' che temono che gli smrtphone usino i wifi per telefonare con skype tagliandoli del tutto fuori, vedi ipod touch, ma anche symbian. percio danno connetivita 3g verso skype, magari con qualche filtro per evitare di perdere traffico voce. noi comunque ci guadagnamo, grazie a skype, che ha messo a nudo che i costi di comunicazione sono crollati mentre queste arpie delle telecom cercano di difendere l'indifendibile...
  • Funz scrive:
    Che minc*a vuole Verizon?
    A Verizzon, te mi fornisci il tubo, vuoi pure stare a sindacare cosa ci faccio passare dentro? mavaff....
    • MeX scrive:
      Re: Che minc*a vuole Verizon?
      ti fornisce il tubo e la banda e il traffico voce.É ovvio (eih sta sul c***o anche me eh!) che si guardi bene da far collassare la sua banda e nel contempo perdere traffico voce
      • FDG scrive:
        Re: Che minc*a vuole Verizon?
        - Scritto da: MeX
        É ovvio (eih sta sul c***o anche me eh!) che si
        guardi bene da far collassare la sua banda e nel
        contempo perdere traffico voceMa una chiamata Skype occupa più o meno banda della chiamata voice?
        • MeX scrive:
          Re: Che minc*a vuole Verizon?
          una chiamata skype occupa la banda utilizzata anche per guardare streaming video e navigare sul web, inoltre, costa meno del traffico voce (all'utente)
          • Funz scrive:
            Re: Che minc*a vuole Verizon?
            - Scritto da: MeX
            una chiamata skype occupa la banda utilizzata
            anche per guardare streaming video e navigare sul
            web, inoltre, costa meno del traffico voce
            (all'utente)Infatti, vogliono farti pagare la banda *E* le telefonate, anche se alla fine sono sempre zeri e uni che passano per lo stesso tubo...
          • ma va la scrive:
            Re: Che minc*a vuole Verizon?
            Ma dato che il tubo è loro, decidono cosa fare che a te piaccia o no. Ma sappiamo bene che se non è tutto gratis, a te viene l'orticaria!
          • Funz scrive:
            Re: Che minc*a vuole Verizon?
            - Scritto da: ma va la
            Ma dato che il tubo è loro, decidono cosa fareTelecom è responsabile di cosa si dice nelle conversazioni al telefono?Le Autostrade sono responsabili delle merci che vengono trasportate?Le Poste di quello che viene spedito?Tu non ci arrivi proprio...
            che a te piaccia o no. Ma sappiamo bene che se
            non è tutto gratis, a te viene
            l'orticaria!ma stai zitto, che fai più bella figura. Qui si parla di libertà fondamentali. Che sono gratis, ma a qualcuno farebbe pure piacere che fossero a pagamento...
    • ma va la scrive:
      Re: Che minc*a vuole Verizon?
      - Scritto da: Funz
      A Verizzon, te mi fornisci il tubo, vuoi pure
      stare a sindacare cosa ci faccio passare dentro?
      mavaff....Pare normale, visto che il tubo è roba sua.Ma finiscila col culto del "faccio quello che mi pare con la roba degli altri".
Chiudi i commenti