Il Taser una novità? Macché, è del 1935

È conosciuto come uno dei più temuti strumenti di controllo, molto in voga negli States, ma non è affatto una novità. L'idea alla base del Taser è del 1935. La sua origine? Cuba

Roma – Il Taser , discusso, contestato e apprezzatissimo strumento di controllo di un avversario umano, molto di moda negli Stati Uniti e oggetto dell’ attenzione dei media, non è uno strumento nato ieri ma l’altro ieri, precisamente nel 1935 a Cuba.

Un vecchio numero (il n. 9 di settembre 1935, 15 centesimi a copia) di Modern Mechanix , lo testimonia: la prima idea sarebbe stata partorita proprio in quel periodo, ad opera del cubano Cirilo Diaz.

La “primissima versione”, a differenza degli odierni modelli, era costituita da uno speciale guanto conduttivo e una batteria collegata ad un elevatore di tensione (figura a sinistra). “Il guanto sembra innocuo – spiega la didascalia dell’illustrazione, riportata dall’attuale blog della rivista – ma qualsiasi criminale con esso toccato sulla spalla riceverebbe una scossa di 1500 Volt”.

Valori che fanno sorridere rispetto ai 50 mila Volt erogati – sia pure con tecnologie radicalmente diverse – da un Taser dei giorni nostri . Eppure, “alcuni funzionari di polizia di New York, dove il dispositivo è stato presentato, sono rimasti favorevolmente impressionati dalla sua efficacia”, si legge nell’articolo del 1935.

L’idea di base viene da lontano, dunque. Non solo, ma oggi ha aperto una strada nuova, quella di un business per alcuni aspetti discutibile, ma tra i pochi con variazioni che lasciano in assoluto primo piano il tema .

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Il timer
    Hahahah le metodologie agili.Quelle che usano il timer per dare il tempo agli sviluppatori.In pratica ogni timer (di quelli da cucina) dura 25 minuti, ed ogni 2 timer hai 10 minuti di scazzo o di pausa.Per poi riprendere a lavorare allo scattare del timer di fine pausa.Come i polli in batteria, gli accendi la luce e loro mangiano, gli spegni la luce e loro dormono, gli riaccendi la luce e loro mangiano...
    • alex.tg scrive:
      Re: Il timer
      pfff... m'immagino quando arrivano a implementare QUASI l'ultima parte di listato, che ZAC! pausa forzata, perdono il filo...Mi sa che lo sviluppo piu` "agile" sia a notte fonda, quando tutti dormono e la pausa caffe` la fai dopo quattro ore come minimo.
  • alex.tg scrive:
    Pero`...
    Suona come la piu` grande vittoria della programmazione strutturata su se stessa.
Chiudi i commenti