Il terrore nei bilanci dell'hi-tech

Un numero elevatissimo di aziende, tra cui HP, Compaq e Amazon, inserisce la voce terrorismo nei propri rendiconti finanziari


New York (USA) – Sono 1.200 le imprese del settore dell’alta tecnologia negli Stati Uniti che hanno utilizzato la parola “terrorismo” all’interno dei propri bilanci, quelli consegnati alle autorità borsistiche in queste settimane.

A svelarlo sono gli analisti di 10KWizard.com , sito dedicato all’osservazione e all’indicizzazione dei numeri della SEC (Securities and Exchange Commission), ovvero l’autorità di controllo della Borsa.

L’inserimento, dallo scorso 11 settembre, del termine terrorismo nei bilanci aziendali è dovuto al fatto che le imprese denunciano perdite dovute agli attentati o alle conseguenze degli attentati stessi nonché sottolineano tutta una serie di rischi dovuti alla situazione attuale e all’incertezza del momento.

Tra i “big” a inserire la parola “terrorismo” nei propri bilanci anche Amazon e Hewlett-Packard. Compaq ha scritto che “quanto accaduto l’11 settembre e quanto ne è seguito ha creato numerose incertezze politiche ed economiche, alcune delle quali rischiano di danneggiare materialmente le attività e il fatturato della nostra azienda”.

Scettici però sulle motivazioni di certe dichiarazioni sono alcuni analisti, secondo cui l’inserimento della questione terrorismo nei bilanci è una precauzione contro eventuali cause contro il management delle aziende da parte di azionisti che non siano soddisfatti per il rendimento dei propri titoli.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ridicoli
    Certo che questi anti-spammatori non hanno piu' argomenti,non sanno piu' che pesci pigliare,si stanno arrampicando sugli specchi,ecc...Ridicoliiiii!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ridicoli
      - Scritto da: Max
      Certo che questi anti-spammatori non hanno
      piu' argomenti,non sanno piu' che pesci
      pigliare,si stanno arrampicando sugli
      specchi,ecc...Ridicoliiiii!Gia'. Pero' gli spammatori lasciano tranquillamente ad altri i costi, alti o bassi che siano, della loro attivita' !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ridicoli
      - Scritto da: Max
      Certo che questi anti-spammatori non hanno
      piu' argomenti,non sanno piu' che pesci
      pigliare,si stanno arrampicando sugli
      specchi,ecc...Ridicoliiiii!Se davvero li ritieni ridicoli, perchè non metti in chiaro il tuo indirizzo email?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ridicoli
      - Scritto da: Max
      Certo che questi anti-spammatori non hanno
      piu' argomenti,non sanno piu' che pesci
      pigliare,si stanno arrampicando sugli
      specchi,ecc...Ridicoliiiii!Questo commento non e' appropriato, mi pare. L'articolo non si riferisce ad anti-spammers, ma ad una compagnia il cui business model si basa sul filtraggio dell'email non desiderata (spam e virus). E il mercato per questo settore c'e' ed e' in crescita (lavoro in un'azienda italiana che ha investito parecchio in quest'area).Paradossalmente, un investimento industriale in questa direzione e' possibile solo perche' - cosi' come escono fuori nuovi virus in continuazione - spuntano fuori nuovi spammers, e quelli esistenti si spostano in continuazione, generando un lavoro costante per chi mantiene i sistemi di filtraggio.
  • Anonimo scrive:
    Interessante
    Credo che dovremmo girare questa mail ai ns amici di BuongiornoCosa ne dite??Marietto
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante
      - Scritto da: Marietto
      Credo che dovremmo girare questa mail ai ns
      amici di Buongiorno

      Cosa ne dite??Ottimo. Ma ti consiglio di usare un anonymous remailer :-)
Chiudi i commenti