Il Web ti aggredisce? Toolbar antitutto

La presentano i geniacci di Site Advisor, secondo cui il 5 per cento dei siti deposita malware sui computer degli utenti. Ora una nuova toolbar classifica le pagine web sicure e quelle da evitare. I dettagli
La presentano i geniacci di Site Advisor, secondo cui il 5 per cento dei siti deposita malware sui computer degli utenti. Ora una nuova toolbar classifica le pagine web sicure e quelle da evitare. I dettagli


Boston (USA) – Il web è un oceano di pagine, contenuti e software: l’importante è non perdere mai la rotta, perché secondo gli analisti di Site Advisor , un’azienda fondata da alcuni esperti di sicurezza provenienti dal prestigioso MIT , il 5% di tutto il web è costituito da siti pericolosi .

Questo significa che milioni di pagine, ogni giorno, vengono utilizzate per diffondere ogni tipo di software malevolo: virus, worm, spyware ed altri programmi che mettono a repentaglio l’integrità dei sistemi informatici.

Tom Pinckney, fondatore di Site Advisor, è convinto che un totale di oltre “100mila differenti software scaricabili liberamente dal web” sono in realtà dei pericolosi malware , creati ad hoc per incastrare gli utenti meno esperti. I dati in possesso di Pinckney sono stati ottenuti attraverso un’attenta attività di monitoraggio condotta su tutta la struttura globale del web, in collaborazione con l’esperto di spyware Ben Edelman .

Gli addetti di Site Advisor hanno perciò catalogato il web in base a tre categorie: verde per siti sicuri, giallo per pagine sospette e rosso per tutte quelle da evitare. “Abbiamo realizzato un crawler che indicizza automaticamente i siti”, sostiene Edelman, “e scarica file eseguibili per poi eseguirli su una macchina virtuale”.

Questo sistema viene utilizzato per la scansione dei siti sicuri. Attraverso l’uso di sniffer , le macchine virtuali di Site Advisor riescono a rintracciare i software considerati “malevoli”: l’analisi dell’attività di rete, infatti, permette di capire se il programma installato invia dati verso terzi – come accade nel caso di worm o spyware che si intrufolano silenziosamente nella privacy degli utenti.

L’azienda ha realizzato un utilissimo plug-in per i due browser più diffusi sul mercato, Internet Explorer e Firefox . La versione gratuita dello strumento, disponibile per il download , si installa all’interno del browser ed informa gli utenti sullo status del sito che si sta visitando.

Il plug-in di Site Advisor riconosce inoltre i link pericolosi direttamente dai risultati dei motori di ricerca. Una funzionalità compatibile con Google , Yahoo! ed MSN Search . Quando rileva un sito sospetto, il plug-in applica un “marchio” ben visibile: una croce rossa, che ricorda di rimanere alla larga dall’indirizzo corrispondente.

Gli utenti possono inoltre segnalare e richiedere l’analisi di siti, o semplicemente controllarne lo status. L’ analisi di Punto Informatico , ad esempio, è un rassicurante “via libera”. Tutto il database di Site Advisor è inoltre coperto da licenza Creative Commons , accessibile ed utilizzabile in maniera del tutto libera.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 03 2006
Link copiato negli appunti