Contact tracing: attenzione, in Italia solo Immuni

Il Garante Privacy sottolinea e ribadisce che Immuni è l'unica applicazione autorizzata a operare per il contact tracing in Italia.
Il Garante Privacy sottolinea e ribadisce che Immuni è l'unica applicazione autorizzata a operare per il contact tracing in Italia.
Guarda 19 foto Guarda 19 foto

L’unica applicazione per il contact tracing a cui i cittadini italiani possono e devono far riferimento al fine di arginare la circolazione di COVID-19 è Immuni. A quanto pare c’è bisogno di ribadirlo, come messo in evidenza ieri dai profili social del progetto che riprendono una nota attribuita al Garante Privacy.

Garante Privacy: Immuni è l’unica app di contact tracing

Può sembrar paradossale, ma proprio uno dei motivi che hanno fin qui spinto molti a non scaricare l’app, la tutela della privacy, rischia di essere compromessa dal ricorso a software alternativi che, complice il protrarsi della crisi sanitaria, hanno iniziato a circolare. Poco importa se a produrli siano stati comuni, regioni, strutture sanitarie o realtà di altro tipo.

L’autorità lo ribadisce con forza, Immuni è l’unico presidio digitale autorizzato e affidabile, passato attraverso una fase di sviluppo che adottando un approccio “aperto” alla stesura del codice garantisce piena trasparenza per quanto riguarda le modalità di funzionamento. Scaricare e installare sui propri dispositivi altre applicazioni che affermano di svolgere lo stesso compito è deleterio per due motivi: si rischia di mettere a repentaglio la propria sfera privata e si sottrae una risorsa alla rete di contact tracing nazionale che soprattutto in vista dei mesi a venire potrà rivelarsi di fondamentale importanza qualora il numero dei contagi dovesse ricominciare a salire in modo importante.

La diffusione dell’app ha raggiunto a fine luglio i 4,5 milioni di download, quota non sufficiente per una copertura adeguata e capillare del territorio. Non disponiamo al momento di dati ufficiali più aggiornati. Per incrementarne la diffusione è e sarà necessario continuare a comunicarne l’utilità attraverso tutti i canali a disposizione, istituzionali e non. Lo sta facendo tra gli altri il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo proprio nelle settimane in cui si intensificano i movimenti di chi si sposta per le meritate vacanze.

Bending Spoons, la software house milanese che si è occupata dello sviluppo, ha confermato il mese scorso che Immuni potrà evolvere nella direzione dell’interoperabilità con le altre applicazioni europee di contact tracing.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti