In Germania smartbook è tabù

Un tribunale tedesco ha vietato a Qualcomm di utilizzare il termine in associazione a qualsiasi tipo di computer portatile venduto in terra teutonica. Il marchio appartiene a un produttore locale di notebook

Roma – Le recenti scaramucce legali relative all’uso del termine “netbook” sembrano ripetersi, seppure attualmente nella sola Germania, anche per un altro neologismo legato ai mini laptop: ” smartbook “.

Secondo un comunicato apparso sul sito di Smartbook AG, produttore teutonico di PC portatili, un tribunale tedesco ha diffidato Qualcomm dall’utilizzare il termine “smartbook” in associazione a qualsiasi computer portatile commercializzato in Germania. L’eventuale trasgressione di questa ordinanza – recita il comunicato – sarà punita con un’ammenda fino a 250mila euro.

Dirk Pick, CEO di Smartbook AG, ha fatto sapere che i siti Internet di Qualcomm, incluso www.hellosmartbook.com e quelli istituzionali in lingua inglese e tedesca, sono già stati resi inaccessibili a tutti coloro che utilizzano un indirizzo IP tedesco.

“Ci troviamo di fronte ad un assurdo e impudente attacco contro il nostro marchio” ha commentato Pick. “È stata Qualcomm a costringerci ad attuare delle misure difensive. Siamo fermamente intenzionati a proteggere il nostro marchio”.

Qualcomm, che tra le altre cose produce chip utilizzati negli smartphone e in altri device mobili, ha recentemente coniato il termine “smartbook” per indicare una nuova categoria di computer ultraportatili che si pone a metà strada fra uno smartphone e un netbook classico. In particolare, uno smartbook prende dagli smartphone l’architettura ARM, la connettività 3G, il GPS e un’autonomia di circa una giornata; dai netbook uno schermo compreso fra 10 e 12 pollici, una tastiera QWERTY quasi full-size e un qualche tipo di trackpad. Con questo design Qualcomm intende soprattutto promuovere il suo system-on-chip Snapdragon , che attualmente comprende una soluzione con CPU ARM da 1 GHz.

Va ribadito come il nome registrato da Smartbook AG non sia un marchio internazionale, e pertanto non abbia valore al di fuori dei confini tedeschi.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ipse dixit scrive:
    a lavorare...
    Queste major devo andare solo a lavorare... seriemente, dovrebbero trovarsi un "vero" lavoro e non vivere alle spalle di musicisti, cineografi ed artisti in genere: praticamente per me sono i "papponi dell'arte".http://www.rosanelpugno.it/wiki/index.php/Abolizione_della_SIAEAbolizione della SIAEDa Wikipedia, l'enciclopedia libera.PremessaIl punto richiede attenta riflessione. La totale abrogazione della SIAE può avere infatti un risvolto negativo per i produttori indipendenti di contenuti. L'intermediazione nella gestione dei diritti, attualmente operata dalla SIAE, limita infatti il potere contrattuale dei proprietari dei mezzi di comunicazione, a vantaggio degli autori. Inoltre, consente a chiunque il "riuso" di qualsiasi opera, dietro il pagamento dei diritti, senza necessità del particolare consenso del relativo autore. Il problema è che l'attuale SIAE impone balzelli a qualunque autore o distributore di contenuti, ma i suoi servizi vanno a vantaggio di una sola categoria di autori, e cioè quelli che aderiscono al tradizionale modello proprietario. Potrebbe essere utile non tanto abolire del tutto la SIAE, ma ripensarla profondamente alla luce del mutato contesto tecnologico e sociale, puntando all'abolizione delle prerogative esclusive della SIAE che impediscono l'autogestione dei contenuti autoprodotti, anche a fini commerciali.Riforma/Abolizione della SIAE * Abolizione delle prerogative esclusive della SIAE che impediscono l'autogestione dei contenuti autoprodotti, anche a fini commerciali. Questo introdurrebbe una libera concorrenza tra associazioni di autori ed editori. Gli autori - così come gli editori e i fruitori delle opere (che ora sono i meno rappresentati) - dovrebbero essere liberi di associarsi; gli autori dovrebbero poter scegliere un'ente di loro fiducia a cui delegare la tutela dei loro diritti (e la riscossione per loro conto dei loro diritti d'autore). * Istituzione di un registro nazionale delle opere registrate a cui devono essere notificate le registrazioni di opere da parte delle varie associazioni. * Abolizione dei contributi SIAE c.d. equo compenso dovuti sui supporti e sui dispositivi di registrazione. * Eliminazione del mandato alla SIAE per la riscossione di tributi dello stato relativi agli spettacoli e alle manifestazioni, per maggiore trasparenza, e non suscitare ostilita' verso gli autori. * Scissione della tutela degli interessi degli autori da quella degli editori e discografici. * Eliminazione dell'obbligo del bollino Siae. * Limitazione nel tempo della clausola di esclusiva nei contratti tra autore ed editore. L'autore dovrebbe poter scegliere di pubblicare i propri lavori anche presso altri editori e non essere vincolato a vita; attualmente gli autori emergenti hanno un bassissimo potere contrattuale e sono perciò costretti a cedere i loro diritti, perchè gli editori pubblichino i loro lavori.
  • cippa lippa scrive:
    ok sondaggio PI
    1. Quand'e' l'ultima volta che avete comprato un CD, DVD, Software?2. Quanti file illegali avete nel vostro computer?3. Qual e' la media di file scaricati al giorno?4. Qual e' l'ultimo film visto al cinema dopo averlo visto a casa in divx?5. Quanti CD, DVD originali avete a casa?
    • Vault Dweller scrive:
      Re: ok sondaggio PI
      - Scritto da: cippa lippa
      1. Quand'e' l'ultima volta che avete comprato un
      CD, DVD,
      Software?Ieri.
      2. Quanti file illegali avete nel vostro computer?Al momento credo nessuno.
      3. Qual e' la media di file scaricati al giorno?0 (56K docet)
      4. Qual e' l'ultimo film visto al cinema dopo
      averlo visto a casa in
      divx?0
      5. Quanti CD, DVD originali avete a casa?Recuperando i numeri del mio DB, posseggo originali 117 DVD, 90 CD, 173 Videogames
      • Kyuzo scrive:
        Re: ok sondaggio PI
        - Scritto da: Vault Dweller
        - Scritto da: cippa lippa

        1. Quand'e' l'ultima volta che avete comprato un

        CD, DVD,

        Software?

        Ieri.


        2. Quanti file illegali avete nel vostro
        computer?

        Al momento credo nessuno.


        3. Qual e' la media di file scaricati al giorno?

        0 (56K docet)


        4. Qual e' l'ultimo film visto al cinema dopo

        averlo visto a casa in

        divx?

        0


        5. Quanti CD, DVD originali avete a casa?

        Recuperando i numeri del mio DB, posseggo
        originali 117 DVD, 90 CD, 173
        Videogames@ Cippa lippaOra mettici una pezza ! :D
      • Tore_Scaric a scrive:
        Re: ok sondaggio PI
        Io riesco a fare andare il mio lettore divx da tavolo solo con la musica scaricata.Quella originale non la legge.Sapete perchè?Dico sul serio,grazie
      • cippa lippa scrive:
        Re: ok sondaggio PI
        - Scritto da: Vault Dweller
        - Scritto da: cippa lippa

        1. Quand'e' l'ultima volta che avete comprato un

        CD, DVD,

        Software?

        Ieri....E.. ma te non sei uno scroccone del p2p. non puoi partecipare al sondaggione,
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: ok sondaggio PI
      - Scritto da: cippa lippa
      1. Quand'e' l'ultima volta che avete comprato un
      CD, DVD,
      Software?CD: Un anno fa.DVD: Sabato scorso.Software: 5 anni, ormai uso solamente Linux e i software liberi.
      2. Quanti file illegali avete nel vostro computer?Probabilmente decine di migliaia.
      3. Qual e' la media di file scaricati al giorno?4 o 5.
      4. Qual e' l'ultimo film visto al cinema dopo
      averlo visto a casa in
      divx?Non guardo quasi mai films in divx. Ne ho solo poche decine, in compenso vado al cinema almeno 1 volta al mese.
      5. Quanti CD, DVD originali avete a casa?CD: 160DVD: ho perso il conto una volta superati gli 800 (suppongo che oggi devo aver superato i 1000).Software: una decina (roba comperata soprattutto
      10 anni fa).Ho smesso di comperare i CD quando hanno introdotto le protezioni anticopia che mi impedivano di tradurli facilmente in mp3. I DVD invece ho cominciato a comperarli quando hanno creato il DeCSS. Oggi ho ricominciato a comperare anche CD perché ho visto che alcuni programmi di copia riescono di nuovo ad oltrepassare le sicurezze.Ho orrore di perdere la mia musica e i miei films, quindi tutto quello che ho lo riverso regolarmente su HDD. I CD li ho già tutti in formato WAV sul mio HDD. Ho cominciato un paio di mesi fa a riversare anche i DVD su HDD (ho appena comperato 4T di dischi per quello e penso che dovrò comperarne ancora per metterceli tutti).Quindi, pirata si, ma se penso alle migliaia di spesi per CD e DVD mi chiedo se sono stato veramente un cliente meno interessante per l'industria dell'intrattenimento.Uno che non pirata mai è sicuramente anche uno meno interessato alla musica e ai films e quindi anche uno che compera molto meno. Per me l'equazione è evidente dall'inizio. Attaccandosi al P2P e a quelli che scaricano illegalmente, attaccano direttamente anche i loro migliori clienti.
      • Lucia scrive:
        Re: ok sondaggio PI

        Uno che non pirata mai è sicuramente anche uno
        meno interessato alla musica e ai films e quindi
        anche uno che compera molto meno. Per me
        l'equazione è evidente dall'inizio. Attaccandosi
        al P2P e a quelli che scaricano illegalmente,
        attaccano direttamente anche i loro migliori
        clienti.quoto e sottoscrivo, io sono fra quelli descritti nell'indagine: compro musica e DVD. Vado al cine spesso. E scarico: per preview, per curiositàciaoLu
  • funka_user scrive:
    i Coldplay al live regalavano un live
    Alla fine degli ultimi concerti dei Coldplay ti regalano un CD live , di buona qualità in ogni senso.GRATIS.vai al concerto, paghi l'artista e hai anche "il ricordino" (che è appunto un'opera registrata)34 euro per prato intero.non 71 come altri...
Chiudi i commenti