India e Pakistan, torna la cyberwar

Non si placano gli screzi online tra India e Pakistan. Da qualche settimana, gruppi di cyberwarrior duellano a colpi di attacchi sferrati contro siti governativi

Roma – Forse non si aspettavano di innescare un conflitto di queste proporzioni. Sta di fatto che i cyberattivisti indiani del gruppo Guards of Hindustan , con l’attacco di quindici giorni fa ad un website governativo pakistano, hanno dato il via ad una vera e propria cyberguerra tra i due paesi. Con eserciti contrapposti, attacchi a sorpresa, controffensive e tutto il resto.

L’ultima battaglia della quale si ha notizia è quella per il controllo del sito web della Kendriya Vidyalaya Ratlam , una scuola gestita dal governo indiano nello stato settentrionale del Madhya Pradesh. Dopo che, solo qualche giorno fa, cyberattivisti pakistani avevano attaccato e defacciato il website dell’istituto, ieri una “squadra d’assalto” pro-India ha ripreso il controllo del sito, e lasciato un comunicato dove spiega che lo spazio è tornato “in mani indiane”.
Ma, come accennato, gli attacchi incrociati si susseguono ormai da due settimane. Da quando cioè, come riporta il Times of India , un gruppo che si fa chiamare HMG, Guards of Hindustan ha defacciato il sito della Autorità pakistana che regolamenta gas e petrolio, cancellando tutti i dati presenti e lasciando sulla home il proprio sito e l’immagine dei quattro leoni, simbolo della potenza indiana.

Dopo di allora, gli assalti incrociati si sono susseguiti con continuità, interessando siti governativi importanti in entrambi i paesi. Forte clamore ha suscitato, in particolare, il successo di un’azione realizzata contro il Dipartimento di Investigazione Criminale indiano (CID). Clamore legato alla presenza, dentro lo stesso CID, di un ufficio in carico per la persecuzione del cybercrime . Parlando al Times of India , il dirigente del CID Ak Khan ha assicurato che tutti i movimenti degli assaltatori pakistani sono stati tracciati, e che i responsabili saranno presto individuati.

Le azioni di cyberguerriglia appena descritte si inseriscono nel quadro del più ampio conflitto che oppone India e Pakistan per il controllo del Kashmir, una regione di confine. E non sono neppure le prime, nello spazio digitale, tra i due paesi: nei mesi scorsi schermaglie più o meno violente si sono registrate su siti web, gruppi di discussione e anche dentro social network come Orkut di Google.

Il tutto avviene mentre, sullo scacchiere orientale, la Cina affila le armi per la cyberwar e, in Occidente, la NATO organizza centri di addestramento per la difesa elettronica. Dalla cyberwar, si salvi chi può.

Giovanni Arata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gcf scrive:
    ma ?!?!
    ma se non ha violato copyright mi dite come puo' l'azienda aver ragione??? non ce l'ha. punto e basta. checche' ne diciate
  • Nibiru scrive:
    Andate in Cina, vi troverete bene
    Andate in Cina, vi troverete bene, capirete così come è buono, etico e giusto il vostro comunismo.(rotfl)
    • qwerty scrive:
      Re: Andate in Cina, vi troverete bene
      ma come proprio quando in cina applicano rigidamente le leggi del mercato e del copyright li si accusa di comunismo?
    • Alessandro scrive:
      Re: Andate in Cina, vi troverete bene
      E tu rimani pure in Italia e vedrai che fra poco sarai come loro ... solo che non te ne renderai conto
    • Genoveffo il terribile scrive:
      Re: Andate in Cina, vi troverete bene
      - Scritto da: Nibiru
      Andate in Cina, vi troverete bene, capirete così
      come è buono, etico e giusto il vostro
      comunismo.(rotfl)Già ... meglio un bel capitalismo all'antica che toglie alle pensioni per dare alle banche, eh?
      • CheCk OuTSidE scrive:
        Re: Andate in Cina, vi troverete bene
        Mamma mia.. ma quanto è facile parlare di politica in questi tempi!!Questo è un giornale tecnologico, non politico.. tenete le vostre esternazioni (peraltro non documentate) per altri luoghi, invece di sporcare giornali come questi!Personalemente condivido il fatto che il ragazzo avrebbe dovuto consultare la casa produttrice prima di mettere in circolazione l'add-on (anche se certe case produttrici, piuttosto che ammettere l'errore fanno di tutto per miscrederti) ma dargli 3 anni di galera mi sembra eccessivo. Ok la multa e il ritiro dell'addon.. ma il carcere!!!!! Mah!!
        • Condizional e scrive:
          Re: Andate in Cina, vi troverete bene
          Il carcere è previsto anche da noi, solo che c'è la condizionale, le circostanze attenuanti, la sostituzione con l'attività civile, la buona condotta, le visite parenti, la condizione medica e perchè no, anche l'indulto.
    • HaiBevuto scrive:
      Re: Andate in Cina, vi troverete bene
      Ma che centra?Allora se la pena di morte viene applicata in Texas è giusta?
  • DragonFly scrive:
    Dov'è la notizia?
    Si capisce bene che il furbetto stava vendendo un software che per funzionare si appoggiava completamente ad un altro. E allora? Chiesti i danni? Condannato? Beh.. dov'è la notizia?
  • Davide Impegnato scrive:
    Esattamente come in Italia
    L'italia come la cina: anche in italia sarebbe finito in galera. Andatevi a leggere la legge sul diritto d'autore: se io faccio reverse engineering, i risultati di quel lavoro devo tenermeli per me, non posso certo distribuirli o addirittura venderli!E partendo dal presupposto che Mr.QQ non gli abbia dato l'autorizzazione a fare reverse engineering.......
    • asd scrive:
      Re: Esattamente come in Italia
      - Scritto da: Davide Impegnato
      L'italia come la cina: anche in italia sarebbe
      finito in galera. Andatevi a leggere la legge sul
      diritto d'autore: se io faccio reverse
      engineering, i risultati di quel lavoro devo
      tenermeli per me, non posso certo distribuirli o
      addirittura
      venderli!

      E partendo dal presupposto che Mr.QQ non gli
      abbia dato l'autorizzazione a fare reverse
      engineering.......NON mi spiace contraddirti dicendoti che in italia se qualcuno avesse fatto una cosa del genere non sarebbe andato proprio da nessuna parte...
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: Esattamente come in Italia
        Ok, la certezza della pena che non esiste e cose del genere... però, a guardar la legge (ed eventualmente, applicandola), si evince che si "dovrebbe" finire in galera.Comunque, se a denunziarti è M$, in galera ci vai per direttissima...
      • Condizional e scrive:
        Re: Esattamente come in Italia
        Dipende da che avvocato potevi permetterti..Sarebbe stato condannato a pagare i danni ed avrebbe preso la condizionale.Oppure ci sarebbe stato il non luogo a procedere per scadenza dei termini, detto anche prescrizione.
    • francofait scrive:
      Re: Esattamente come in Italia
      non direi proprioEvidentemente non sai neppure cosa sia il reverse enginering ,non ha apportato modifiche al software originale , ha semplicemente sviluppato un plugins per estenderne le sue funzioni , cosa ben diversa. Forse non sai nemmeno cosa sia un plugins.Il revers enginering è quello che viene praticato intervenendo direttamente sul codice sorgente di un prodotto software per trasportarlo su piattaforme diverse da quelle per il quale è stato creato all' origine. Chiaramente richiede consenso ed autorizzazione da parte di chi ne detiene i diritti di proprietà.I plugins sono estensioni alle funzioni di software anche proprietario create senza alcun bisogno di intervenire sui sorgenti del software di cui si vogliono estendere le prestazioni.Non comportando modiche di alcun genere al sotware originale stesso dal quale anzi dipendono strettamente, non hanno neppure alcun vincolo di licenza di conseguenza.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 dicembre 2008 14.30----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 dicembre 2008 14.36----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 dicembre 2008 14.40-----------------------------------------------------------
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: Esattamente come in Italia
        E tu dall'alto della tua grande conoscenza sai perfettamente che, se un software non prevede plugin (cosa che do per scontata, visto che i plugin per questo software pare che non si possano sviluppare), allora bisogna ricorrere al reverse engineering per poter capire come far dialogare un software chiuso (non modificabile né ricompilabile) con un pezzo di software aggiuntivo.Correggimi se sbaglio, ma mi pare che Word non sia pensato per fare plugin da inserire al suo interno. Allora, come si fa? si deve fare reverse engineering per poter capire come e dove far interagire i due software, come e dove installare il nuovo software, denominato plugin.Il mondo non è tutto mozilla firefox e gestore dei plugin! ;-)
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: Esattamente come in Italia
          Ah, ti faccio notare due cose:* reverse engineering si scrive reverse engineering , non revers enginering .* plugins che vuol dire? o è UN plugin, o sono DUE plugins. Detto questo, se scrivi in italiano, non devi mettere la S alle parole inglesi. Quindi, devi scrivere DUE PLUGIN.* il reverse engineering non serve SOLO per portare un software su una piattaforma diversa da quella di origine. Io posso fare reverse engineering anche di un documento .doc, che ovviamente non è un programma, se mi pare.* dire che per fare reverse engineering "serve CHIARAMENTE l'autorizzazione" è una baggianata, perché la legge italiana ti da il diritto di fare reverse engineering del tuo software, COME e QUANDO ti pare e piace. Se non ci credi, vai a leggere la legge sul diritto d'autore.* e chi ha mai detto che fare reverse engineering significa MODIFICARE il software originale?!L'ultima frase, poi, è un capolavoro: non hanno neppure alcun vincolo di licenza di conseguenza. Mai sentito parlare di quella cosa chiamata "brevetto software"?Ok, ok, i punti non erano solo due.... O).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 dicembre 2008 15.52-----------------------------------------------------------
  • Francesco_Holy87 scrive:
    Qualcosa che non mi torna...
    Nell'articolo c'è scritto "al rimborso del guadagno fin qui realizzato": questo significa che l'add-on veniva venduto?Se è così è normale (ma non pienamente giustificato) che la società che ha progettato il programma abbia cercato di succhiare il più possibile da questo ragazzo per guadagno "illecito"...
    • Paolino scrive:
      Re: Qualcosa che non mi torna...
      - Scritto da: Francesco_Holy87
      Nell'articolo c'è scritto "al rimborso del
      guadagno fin qui realizzato": questo significa
      che l'add-on veniva
      venduto?
      Se è così è normale (ma non pienamente
      giustificato) che la società che ha progettato il
      programma abbia cercato di succhiare il più
      possibile da questo ragazzo per guadagno
      "illecito"...Normale cosa???Ma dai... e' pieno di esempi di add-on distribuiti senza che la societa' che ha progettato il programma "succhi".Il caso e' l'anomalia, non la normalita!(ma se riesci a dimostrare che sia normale...beh)
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: Qualcosa che non mi torna...
        Scusa tu fai un programma (non libero).Non ti incazzeresti se qualcuno lucra modificando il tuo programma? Io forse si.
        • Lybra1983 scrive:
          Re: Qualcosa che non mi torna...
          Un add-on non é una modifica, bensì un aggiunta, e per di più non é un applicativo stand alone, ciò significa per l'appunto che necessità del software madre (tale QQ) per funzionare. Non ha rubato assolutamente nulla.
          • Francesco_Holy87 scrive:
            Re: Qualcosa che non mi torna...
            Ma se nella licenza c'è scritto che non si può fare, allora non si deve fare.. purtroppo non era open source altrimenti faceva quello che voleva
    • battagliacom scrive:
      Re: Qualcosa che non mi torna...
      infatti.la casa prodruttrice del software si presuppone abbia speso dei soldi per sviluppare il programma completo gratuito.se poi il ragazzo rivende un add-on e ci guadagna pure, è logico che la società pensi ad un risarcimento, perchè il ragazzo ha sfruttato di baseil lavoro altrui, perchè senza QQ quell'add-on non avrebbe nessun valore, quindi almeno un'autorizzazione dovrebbe farla!
  • Il cinese scrive:
    OPENSORCI AL TAPPETO
    Le cantine sono sempre piene di gente volenterosa ma poco lungimirante...
  • Dti Revenge scrive:
    Questo è l'anno della Cina
    Ma mi sa che stavolta è vero...
  • Los Dovellas Baujiji Parakulahu Brothers scrive:
    SACROSANTO!!!
    Nessuno si deve permettere di toccare un SW senza il permesso di chi detiene i diritti d'autore!!! :@ Che tra l'altro, se provassero a farlo su SW perfetti (geek)(geek)(win)(win)(geek)(geek) come Office o Vista, non potrebbero che peggiorarli, quindi il reato e il danno, cui prodest? (win)(win)(win)(win)(win)(win)
    • drkMaster scrive:
      Re: SACROSANTO!!!
      allora non fai altro che impedire di reazlizzare add-on...ahhhma forse non sai cosa è un add-on... capisco. la cina è per te allora!
    • ninjaverde scrive:
      Re: SACROSANTO!!!
      Giustamente: la merda non deve essere migliorata.LASCIATELA STARE altrimenti puzza molto di più. :@
  • Darwinismo Informatic o scrive:
    Avrà eliminato una backdoor governativa
    E magari avrà commentato il codice con un bel# alla faccia del Detrattore
    • Bastard Inside scrive:
      Re: Avrà eliminato una backdoor governativa
      - Scritto da: Darwinismo Informatic o
      E magari avrà commentato il codice con un bel

      # alla faccia del DetrattoreAvevo pensato anch'io una cosa del genere, ma quella del commento è un tocco di classe! :D
  • Funz scrive:
    Detrattoreeeeee
    Oggi turno a spaccare pietre nel laogai, non hai tempo per la solita propaganda pro-regime?
    • KaysiX scrive:
      Re: Detrattoreeeeee
      Perdonalo, l'assenza del tag "censura" su una notizia riguardante la Cina non ha fatto scattare il Detra-Bat-Segnale! ;)
      • Bastard Inside scrive:
        Re: Detrattoreeeeee
        - Scritto da: KaysiX
        Perdonalo, l'assenza del tag "censura" su una
        notizia riguardante la Cina non ha fatto scattare
        il Detra-Bat-Segnale!
        ;)Sì, però doveva avvertire ugualmente le vibrazioni negative emanate dalle F.O.D.R.I.A., no, no, la nostra guardia rossa preferita sta perdendo colpi! O) :p
  • WTO friend scrive:
    EVVIVA IL WTO!!! questi ci comanderanno
    bravissimi noi a farli entrare nel wto eh?ottimi siamo, ottimissimiquesti tempo 15 anni ci mangiano in testa, ci comandano e ci dicono come dobbiamo vivere.tranquilli, sarete tutti vivi per quando succederà e avrete tempo di dire "ma perché non ho fatto un cazzo quella volta? perché ho lasciato i miei non-rappresentanti fare quello che volevano, ma a nome mio?"questo nei primi 5 secondi prima di crollare esausti e farsi questa dormitina di 5 ore, poi suona la sirena e si torna tutti a spaccarsi la schiena nel modo che comanda il padrone/governo
    • pabloski scrive:
      Re: EVVIVA IL WTO!!! questi ci comanderanno
      ma sei sicuro che i capoccia della finanza occidentale non volessero proprio questo?mi pare questo, non sono dei fessi, quindi o si son fatti fregare perchè troppo pieni di sè o avevano previsto tutto....in fondo per loro Cina significa profitti a go go e salari bassissimi senza previdenza e assistenza per il lavoratore
      • pentolino scrive:
        Re: EVVIVA IL WTO!!! questi ci comanderanno
        credo anch' io che sia così; Cina = manodopera a basso costo.Dei diritti umani in fondo non gliene frega nulla a quelli che davvero contano; per arrivare lì quasi sicuramente qualche diritto umano lo ha violato o quantomeno ha dato qualche bella coltellata alle spalle.
    • krane scrive:
      Re: EVVIVA IL WTO!!! questi ci comanderanno
      - Scritto da: WTO friend
      bravissimi noi a farli entrare nel wto eh?
      ottimi siamo, ottimissimihttp://video.giovani.it/wto-terrorismo-organizzato.htmlW il Terrorismo Organizzatohttp://www.lyricsmania.com/lyrics/punkreas_lyrics_989/falso_lyrics_2568/wto_viva_il_terrorismo_organizzato_lyrics_30119.html
Chiudi i commenti