Instagram Direct sul Web: i messaggi nel browser

Probabile l'integrazione di Direct nella versione di Instagram accessibile da browser desktop e mobile: potremo scambiare messaggi dal Web.

La piattaforma di photo sharing per eccellenza sta sperimentando l’introduzione di una versione browser friendly del proprio sistema di messaggistica. Emergono oggi indiscrezioni sulla possibilità di accedere a Direct dall’interfaccia Web di Instagram, quella che si può visitare semplicemente digitando l’indirizzo “instagram.com” anziché passando dalle sue applicazioni mobile.

Instagram Direct anche sul Web

La fonte del rumor è Jane Manchun Wong, ricercatrice che in passato ha già scoperto in anteprima alcune caratteristiche inedite di Instagram e Facebook durante le fasi di test. Il funzionamento è presto spiegato: gli utenti saranno in grado di interagire con i propri contatti via chat inviando e ricevendo i messaggi da Chrome, Edge, Safari, Firefox, Opera o mediante qualsiasi altro browser utilizzato per la navigazione. Nella parte alta della UI comparirà un’icona relativa a Direct, come si può vedere nello screenshot allegato di seguito: sarà sufficiente un click (o un tap) per aprire l’elenco delle conversazioni.

L'interfaccia della messaggistica di Instagram Direct in un browser desktop

Varrà lo stesso anche per i browser dei dispositivi mobile. Ciò significa che per scambiare messaggi con i propri follower e gli altri iscritti alla piattaforma non sarà più necessario scaricare e installare l’applicazione ufficiale di Instagram su smartphone e tablet.

L'interfaccia della messaggistica di Instagram Direct in un browser mobile

Trattandosi di un’indiscrezione, come tale va considerata. Non è da escludere che il team al lavoro sulla funzionalità decida di non rilasciarla mai pubblicamente. Considerando però le recenti voci di corridoio in merito alla possibile convergenza tra la messaggistica di Facebook, WhatsApp e Instagram, l’ipotesi non è da scartare a priori. Un’intenzione, quella manifestata dal colosso di Menlo Park, che ha come obiettivo principale trovare nuove vie per monetizzare l’utilizzo delle sue differenti piattaforme, ma che in seguito all’annuncio non ha mancato di sollevare dubbi e preoccupazioni per quanto concerne sia la privacy sia il trattamento dei dati. La Germania, ad esempio, si è espressa sul tema nei giorni scorsi, chiedendo a FB di ottenere il consenso esplicito da parte degli utenti prima di procedere a qualsiasi forma di unificazione. Una conferma potrebbe arrivare in occasione della conferenza F8 2019 organizzata per la fine di aprile.

Fonte: Jane Manchun Wong su Twitter

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti