Intel e AMD, sfida sui nanometri

Intel e AMD, sfida sui nanometri

Se Intel produce prototipi di processore con circuiti della dimensione di 45 nanometri, AMD sta per lanciare le sue prime CPU basate sulla tecnologia a 65 nm. Ecco le prossime tappe nella corsa alla miniaturizzazione
Se Intel produce prototipi di processore con circuiti della dimensione di 45 nanometri, AMD sta per lanciare le sue prime CPU basate sulla tecnologia a 65 nm. Ecco le prossime tappe nella corsa alla miniaturizzazione

Se è vero che le architetture multi-core adottate nelle ultime generazioni di processori hanno messo un freno alla vertiginosa crescita dei megahertz, la corsa alla miniaturizzazione dei transistor non è affatto rallentata. Tra i chipmaker che “fanno l’andatura” c’è Intel , che lo scorso anno è stato tra i primi giganti del settore ad avviare la migrazione verso la tecnologia di processo a 65 nanometri.

Intel è ora pronta a fare il passo successivo, ovvero produrre processori con circuiti della dimensione di 45 nm. Il colosso ha mostrato proprio in questi giorni alcuni prototipi di Penryn , nome in codice del primo chip Core 2 prodotto con tecnologia a 45 nm. Penryn sarà alla base della prossima generazione di processori Core 2 Extreme quad-core, Core 2 Duo e probabilmente anche Xeon.

Il passaggio ai 45 nm consentirà ad Intel di integrare sulla sua prossima generazione di CPU fino a 6 MB di cache L2 e spingerne il clock fin quasi alla soglia dei 4 GHz : tutto ciò riducendo il thermal design power (TDP) dagli attuali 65 watt dei modelli di potenza medio-alta a 50 watt .

Penryn, il cui lancio sul mercato è previsto per la seconda metà del 2007, farà parte della piattaforma oggi nota in codice come Montevina : si tratta del Centrino di quarta generazione , la cui commercializzazione dovrebbe avvenire all’inizio del 2008.

La prossima architettura, erede dell’attuale Core utilizzata nei processori Core 2 Duo, verrà lanciata nel 2008 e si baserà interamente sulla tecnologia di pocesso a 45 nm. Il successivo avvicendamento tecnologico avverrà nel 2010, periodo in cui le fabbriche di Intel avranno già iniziato a sfornare chip da 32 nm.

AMD , che oggi produce tutte le proprie CPU con una tecnologia a 90 nm, conta di migrare verso i 65 nm entro la fine dell’anno . Secondo alcune indiscrezioni riportate proprio negli scorsi giorni, il debutto dei primi Athlon 64 X2 a 65 nm (nome in codice Brisbane ) avverrà il 5 dicembre: i nuovi modelli dovrebbero essere rappresentati dal 4000+ (2,1 GHz), 4400+ (2,3 GHz), 4800+ (2,5 GHz) e 5000+ (2,6 GHz). Questi chip saranno accomunati da un TDP di 65 watt e dall’adozione di 1 MB di cache L2.

AMD conta di passare alla tecnologia a 45 nm per la metà del 2008.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 11 2006
Link copiato negli appunti