Intel Itanium open source!

Intel ha reso di pubblico dominio i documenti integrali riguardanti le specifiche tecniche di Itanium. Un primo grande riconoscimento al mondo open source?


Santa Clara (USA) – A sorpresa Intel ha deciso di rendere di pubblico dominio le specifiche integrali di Merced/Itanium, materiale che fino ad un paio di giorni fa veniva ancora classificato al massimo livello di segretezza. E ‘ davvero una sorpresa vedere i tentativi di approccio di Intel ad una nuova filosofia di pensiero che fa capo al concetto di open source.

La pubblicazione delle specifiche dell’architettura IA-64 di Itanium, oltre a favorire tutti gli sviluppatori, daranno una particolare spinta al mondo open source, dove il leader, nemmeno serve ricordarlo, è Linux.

La pubblicazione dei dettagli tecnici di un chip non è di per sé una grande novità, ma prima di oggi questo tipo di documentazione veniva rilasciato solo dopo la commercializzazione del prodotto. Solamente le più grandi case di software e di hardware avevano la possibilità, firmando un rigoroso patto di riservatezza con Intel, di avere una copia in anteprima dei fogli classificati “top secret”.

E dunque via libera ai piccoli sviluppatori open source e via libera al software per IA-64: applicazioni, compilatori, sistemi operativi. La piattaforma di riferimento per il mondo open source sarà ovviamente il Linux a 64 bit del Trillian Project, un sistema operativo che dovrebbe rivestire un ruolo predominante nell’era a 64 bit.

Alcuni detrattori delle strategie di Intel, sostengono che la pubblicazione delle specifiche di Itanium non si può definire una forma di open source e che fra l’altro esistono già compilatori IA-64 con sorgente libero. I più maligni dichiarano ancora che ad Intel interessa solo far guerra ad AMD e Sun , due pericolosi concorrenti sui 64 bit, e l’open source sarebbe solo un mezzo per incrementare ancor di più la popolarità del suo brand.

Comunque sia, una cosa sembra essere sicura: per l’imminente futuro a 64 bit Intel sembra scommettere molto più su Linux che su Windows. Cosa avrà mai visto Gordon Moore in quella sua mitica sfera di cristallo?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti