Intel passa ai chipset serie 7

Presentati i nuovi chipset per motherboard desktop e ultrabook. Dedicati alle CPU Ivy Bridge e finalmente dotati di controller USB 3.0
Presentati i nuovi chipset per motherboard desktop e ultrabook. Dedicati alle CPU Ivy Bridge e finalmente dotati di controller USB 3.0

La nuova micro-architettura Ivy Bridge ha appena trovato pane per i suoi denti. Intel ha ufficialmente presentato gli appositi chipset serie 7, compatibili con i ritardatari processori a 22 nanometri. Le nuove piattaforme includono anche il controller per USB 3.0.

Ai tre modelli dedicati al desktop (Z77, Z75, H77) si aggiungono quattro soluzioni notebook (HM75, HM76, HM77, UM77). Le soluzioni includono la tecnologia caching “Smart Response” che velocizza il caricamento dei dati, e la funzione “Smart Connect”, che consente di ricevere email e notifiche anche in standby. A quanto pare, i modelli Z77 e H77 metteranno anche il supporto nativo per l’uscita video HDMI al servizio delle schede madri.

Le altre specifiche tecniche non includono solo passi avanti, ma anche qualche conferma. Sarà ad esempio possibile gestire un massimo di sei canali SATA, con due sole porte a 6 Gbps. Grazie alla complicità del socket LGA1155, i nuovi chipset resteranno comunque compatibili con gli attuali processori Sandy Bridge.

La novità più succosa è senza dubbio rappresentata dal controller USB 3.0 integrato, che arriva circa 10 anni dopo il supporto diretto a USB 2.0. Con la nuova specifica sostenuta a livello nativo i produttori non dovranno aggiungere hardware e sarà possibile produrre motherboard più snelle ed economiche. Le nuove proposte Intel supportano nativamente anche lo standard PCI Express 3.0, ma il controller è integrato nel processore Ivy Bridge e non nel chipset.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 04 2012
Link copiato negli appunti