Intel porterà Centrino su Linux

Intel assicura che la nuova piattaforma mobile supporterà anche Linux. Il chipmaker non fornisce però alcuna indicazione sulla data di rilascio dei driver


Santa Clara (USA) – Rispondendo alle critiche relative all’assenza del supporto a Linux in Centrino , Intel ha fatto sapere di aver già pianificato il rilascio di driver che consentiranno al sistema operativo open source di girare sulla sua nuova piattaforma mobile.

Intel ha affermato di aver già condotto approfonditi test su di un primo insieme di driver che permetterà ai produttori di notebook ed altri dispositivi a basso consumo di far girare Linux in congiunzione con i chipset wireless di Centrino e i Pentium-M.

Il colosso di Santa Clara non ha ancora pianificato una data di rilascio per il supporto a Linux, limitandosi a dire che questa dipenderà anche dall’interesse e dalle esigenze dei suoi clienti. Non è neppure ancora chiaro, al momento, se il software sviluppato per Linux verrà rilasciato come open source.

L’interesse di Intel nel Pinguino risale al 1998, anno in cui, insieme a Netscape Communications e due venture capital, acquistò delle quote di Red Hat. Da allora il chipmaker ha collaborato con la comunità Linux per sviluppare una versione del kernel in grado di girare su Itanium, ha stipulato accordi con varie aziende, fra cui Fujitsu, per sviluppare soluzioni enterprise e ha rilasciato diversi compilatori e strumenti di sviluppo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    brutte sorprese
    Tornata da un lungo viaggio oggi la brutta sorpresa, così senza preavviso e senza troppa ragione ... per me il sito web era un purissimo divertimento, che sarei stata anche disposta a pagare, se me ne dessero la possibilità. Ma cambiare gestore telefonico è un altro paio di maniche.Fra l'altro mi risulta che non è più neppure possibile accedere alla posta dal portale di Libero, infatti ricevo un messaggio di username e password errata. Questi è assolutamente imbecille: io ho usato il portale in ogni parte del mondo, dall'America alla Cina, per leggere la mia posta. Ora non potrò più? Dove lo trovo in Cina un computer collegato a un pop di Libero???Non discuto sul fatto che sia un provvedimento 'legalmente ammissibile' , ma la maniera, improvvisa, drastica, senza vie di scampo, con cui è stato messo in pratica contiene una certa dose di sadismo commerciale. Ci meritavamo proprio questo?
  • mARCOs scrive:
    Inizio a capire più loro che voi...
    L'unico torto che ha avuto Infostrada è stato quello di avvisare i clienti all'ultimo secondo, quando invece avrebbe dovuto fatto passare almeno un mese di tempo tra la comunicazione del cambio di policy e l'applicazione delle nuove regole.Per tutto il resto io proprio non vi capisco.C'è chi dice "Come fa la gente che ci lavora"? Ma mi spiegate che senso ha lavorare con Internet e poi appoggiarsi ad uno spazio gratuito? Siete ridotti così male? Ci sono offerte da 200-300 Euro l'anno che non solo dànno molto più spazio ma anche molti più servizi. Ma chi è questa gente che si spaccia per "professionista" e poi non vuole nemmeno pagare un hosting decente?Seconda cosa: gli spazi gratuiti erano stati concepiti per poter fornire a tutti un modo per pubblicare piccole pagine personali. Moltissimi di questi spazi sono stati utilizzati in modo - lasciatemi dire - improprio, riempiendoli con dialer (le mail che mi sono arrivate per pubblicizzare questi siti non si contano più) e MP3. Questo ha portato ad un utilizzo di risorse enorme per i provider (soprattutto in termini di banda), che hanno così deciso di NON offrire più spazio gratuito a chi non si connette coi loro POP.I provider non sono enti di beneficienza ma sono imprese e, in quanto tali, perseguono il profitto. C'è ancora qualcuno di voi che crede che le aziende ci dànno spazio gratis perché "ci vogliono bene"?mARCOs
  • Anonimo scrive:
    Io dico di Reagire!!!
    Ok, era gratis!Ok, era ottimo!MA ERA!!!!! ora è inutile elogiare chi non fa più un cazzo per noi che vediamo nella Rete qualcosa di più di un CANONE!Non ne so molto di diritti in rete ma se qualcuno mi lascia mettere la mia auto nel suo garage, gratis, e poi un giono mi nega la possibilità di accederci (o solo a pagamento) non credo sia da elogiare anzi credo che andrebbe preso a calci in culo!Qualcuno mi saprebbe spiegare come eliminare la mia iscrizione a libero?Visto che i signorini tanto intelligenti guadagnano sul numero di abbonati credo sia arrivato il momento non solo di non utilizzare + il loro servizio ma di togliere i nostri dati che loro rivendono a CARO prezzo alle compagnie pubblicitarie!Loro perdono clienti...ma non lo fanno risultare e continuano a vendere i nostri dati!Grazie e NON FACCIAMOCI METTERE I PIEDI IN TESTAperfavore
    • Anonimo scrive:
      Re: Io dico di Reagire!!!
      Io ho la necessità di "avvertire" gli utenti che il sito si è spostato ad un altro indirizzo...come cazzo faccio a inserire il messaggio se non posso accedere??che stronzi!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Io dico di Reagire!!!
        ma non ce la fai davvero a connetteri via modem.....con Libero???ma è cosi' impossibile?mi sembrano tutte pippe mentali......aldebaran
    • mARCOs scrive:
      Re: Io dico di Reagire!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Non ne so molto di diritti in rete ma se
      qualcuno mi lascia mettere la mia auto nel
      suo garage, gratis, e poi un giono mi nega
      la possibilità di accederci (o solo a
      pagamento) non credo sia da elogiare anzi
      credo che andrebbe preso a calci in culo!Io credo invece che tu di diritto non capisca un beneamato nulla. Se il garage è suo, può farci quello che vuole. Al limite, se è cortese, ti avvisa per tempo ma certo non puoi pretendere che te lo lasci all'infinito.mARCOs
      • Anonimo scrive:
        Re: Io dico di Reagire!!!
        esatto il garage e suo e fa quello che vuolese ti dice che devi pagare o accetti o te ne vaite da utente INTELLIGENTE te ne vainon soloGli mandi raccomandata con ricevuta di ritornoe chiedi la cancellazione dei tuoi dati personali(non al call center e non via internet)Li devono cancellare loroNon solo ma non usi piu il loro servizio, disdici tuttoquello che hai con loro, e dici quello che ti e' successoquando dai consigli a qualcunohanno chiuso libero@sogno (avendo la possibilita tecnica)sono passato ad adsl (non con loro) e nemmeno con telecom
  • Anonimo scrive:
    non solo ftp
    Non solo l'FTP e' bloccato ma anche il "file manager" anche se Libero continua a sostenere il contrario.Peccato perche' hanno perso un'occasione di poter dare qualcosa di piu' rispetto ai concorrenti, e hanno perso la fiducia di tanti che li hanno sempre seguiti in questi anni.
  • Anonimo scrive:
    Cosa cosa cosa?
    Pazzesco!clienti ADSL tin, alice e chiunquealtro che si lamentanoperche' non possono piu' accedere ad un servizio offertoda un concorrente!...Libero credo sia stato l'ultimo ad adottare questa politica...buon per lui... peccato.Vorra' dire che sfruttero' i servizi offerti dal mio provider...Come dite? Il vostro non offre spazio web? Non credoproprio... e se invece cosi' fosse... rifatevela con lui!:
  • Anonimo scrive:
    Tutto dovuto
    tutto dovuto nella solita Italietta eh ?Passi per che si lamenta per i tempidi preavviso, comunuque nulla vi eradovuto, ma si sente un brusio di fondosul gratis che infastidisce come sempre...
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto dovuto
      - Scritto da: Anonimo
      tutto dovuto nella solita Italietta eh ?Se tu offri un servizio gratuito dal 1998, lo chiami "libero" e lo condisci con una serie di servizi accessori, che ti aspetti che succeda? Che chi non puo' o non vuole pagare sale su carrozzone.
      Passi per che si lamenta per i tempi
      di preavviso, comunuque nulla vi era
      dovuto, ma si sente un brusio di fondo
      sul gratis che infastidisce come sempre...E' il brusio della clientela che ha reso forte Libero. E' bello quando si getta sui servizi, ma infastidisce quando alza la voce, vero? Se la politica del gratuito attira tutti, e ovvio che il prezzo per l'azienda che attua questa politica sia di avere anche clienti che si aspettano sempre di piu'. Che ti infastidisca e' un problema tuo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutto dovuto


        tutto dovuto nella solita Italietta eh ?

        Se tu offri un servizio gratuito dal 1998,
        lo chiami "libero" e lo condisci con una
        serie di servizi accessori, che ti aspetti
        che succeda? Che chi non puo' o non vuole
        pagare sale su carrozzone.e quindi questo deve continuare ad esseregratuito perché nell'Italietta non si toccanoi diritti acquisiti.....

        Passi per che si lamenta per i tempi

        di preavviso, comunuque nulla vi era

        dovuto, ma si sente un brusio di fondo

        sul gratis che infastidisce come sempre...

        E' il brusio della clientela che ha reso
        forte Libero. E' bello quando si getta sui
        servizi, ma infastidisce quando alza la
        voce, vero? Se la politica del gratuito
        attira tutti, e ovvio che il prezzo per
        l'azienda che attua questa politica sia di
        avere anche clienti che si aspettano sempre
        di piu'.e' quindi ?cosa c'entra con il fatto che non ci si puo'aspettare granche' dalle cose gratis ?
        Che ti infastidisca e' un problema tuo.solito commento spocchioso ed inutile
        • Anonimo scrive:
          Re: Tutto dovuto
          - Scritto da: Anonimo


          tutto dovuto nella solita Italietta eh
          ?



          Se tu offri un servizio gratuito dal 1998,

          lo chiami "libero" e lo condisci con una

          serie di servizi accessori, che ti aspetti

          che succeda? Che chi non puo' o non vuole

          pagare sale su carrozzone.

          e quindi questo deve continuare ad essere
          gratuito perché nell'Italietta non si toccano
          i diritti acquisiti.....Ho detto "Che chi non puo' o non vuole pagare sale su carrozzone." e non ho aggiunto "e cosi' sia nei secoli dei secoli". Ho descritto cosa succede, visto che forse non lo cogli. Se poi tu estrapoli altro, non addebitarlo a me.


          Passi per che si lamenta per i tempi


          di preavviso, comunuque nulla vi era


          dovuto, ma si sente un brusio di fondo


          sul gratis che infastidisce come
          sempre...



          E' il brusio della clientela che ha reso

          forte Libero. E' bello quando si getta sui

          servizi, ma infastidisce quando alza la

          voce, vero? Se la politica del gratuito

          attira tutti, e ovvio che il prezzo per

          l'azienda che attua questa politica sia di

          avere anche clienti che si aspettano
          sempre

          di piu'.

          e' quindi ?
          cosa c'entra con il fatto che non ci si puo'
          aspettare granche' dalle cose gratis ?Se dai le cose gratis, crei aspettativa, anche se chi riceve non dovrebbe aspettarsi nulla. L'aspettativa e la delusione degli utenti, per quanto impropria, e' il prezzo di simili operazioni commerciali. Per cui il fastidio di chi come te si schifa di questa aspettativa e' quantomento dimostrazione di incapacita' di capire la squallida indole umana, e questa incapacita' si manifesta in un atteggiamento di superiorita' verso il prossimo e si esprime nei termini "solita italietta" "brusio che infastidisce". Per questo e' un problema tuo se ti infastidisce, evidentemente non capisci i tuoi simili e ti ritieni una spanna piu' in alto. E' senza alcun dubbio un tuo problema di cui non frega nulla a nessuno.

          Che ti infastidisca e' un problema tuo.
          solito commento spocchioso ed inutileSempre meglio del tuo commento iniziale che era altezzoso e arrogante.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto dovuto


            e quindi questo deve continuare ad essere

            gratuito perché nell'Italietta non si

            toccano i diritti acquisiti.....

            Ho detto "Che chi non puo' o non vuole
            pagare sale su carrozzone." e non ho
            aggiunto "e cosi' sia nei secoli dei
            secoli". Ho descritto cosa succede, visto
            che forse non lo cogli. Se poi tu estrapoli
            altro, non addebitarlo a me.ah bene, allora grazie per avere dettagliatola questione
            Se dai le cose gratis, crei aspettativa,
            anche se chi riceve non dovrebbe aspettarsi
            nulla. L'aspettativa e la delusione degli
            utenti, per quanto impropria, e' il prezzo
            di simili operazioni commerciali.ovvio
            Per cui il fastidio di chi come te si schifa di
            questa aspettativa e' quantomento dimostrazione
            di incapacita' di capire la squallida indole
            umana, e questa incapacita' si manifesta in
            un atteggiamento di superiorita' verso il
            prossimo e si esprime nei termini "solita
            italietta" "brusio che infastidisce". Per
            questo e' un problema tuo se ti
            infastidisce, evidentemente non capisci i
            tuoi simili e ti ritieni una spanna piu' in
            alto.
            E' senza alcun dubbio un tuo problema
            di cui non frega nulla a nessuno.bene, grazie anche dell'analisisocio-comportamentale


            Che ti infastidisca e' un problema tuo.dai commenti mi sembra di non essere l'unicoa pensarla in questo modo, inoltre mi sembrache una buona percentuale di commenti in questiforum possano essere ricondotti a problemi solodi chi li esprime in ultima istanza

            solito commento spocchioso ed inutile

            Sempre meglio del tuo commento iniziale che
            era altezzoso e arrogante.tante belle parole per dire: "ne, ne"grazie del contributo
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto dovuto

            tante belle parole per dire: "ne, ne"
            grazie del contributoPeccato non si possa dire altrettanto del tuo
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto dovuto
      Si, ma allora non attirare la gente promettendo il gratis e poi innescando queste trappole.Anche se cercheranno di correre ai ripari ormai hanno fatto la figuraccia e perso la fiducia di molti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutto dovuto

        Si, ma allora non attirare la gente
        promettendo il gratis e poi innescando
        queste trappole.Guarda che non sta scritto da nessunaparte che le cose debbano essere gratis.Prima lo erano, ora non piu' per mille motiviche possono andare dalla non sostenibilita'del business alla semplice volonta' di farepiu' grana.
  • Anonimo scrive:
    Manette&Subito
    Vergona Libero-Wind !Sono un Libero EX Sogno: già mi avete rifilato la zeppa per il peggioramento delle condizioni d'uso di Libero&Sogno, adesso mi obbligate a usare la vs. connessione per quello che prima era "libero"; poi mi fate una censura preventiva a vs. insindacabile giudizio... ma perchè non Vi cambiate il nome in "Manette&Subito"? Giovanni Astolfi
  • Anonimo scrive:
    incredibile...
    Perche' chi accede alla rete crede che tutto gli sia dovuto? I servizi (e la loro manutenzione) costano alle societa' perche' gli utenti (in questo caso coloro che si lamentano son quelli che sono utenti di Libero solo "virtualmente") dovrebbero usufruirne gratuitamente? Che io sappia una societa' nasce per conseguire un reddito non per fare beneficienza!
    • Anonimo scrive:
      Re: incredibile...
      - Scritto da: Anonimo
      Perche' chi accede alla rete crede che tutto
      gli sia dovuto?Perche' molte societa', per raccattare utenti si sono gettate nel gratuito: hanno voluto avere come utenti tutto e tutti, semplici indigenti e maligni pidocchiosi. Che si tengano quindi le critiche quando chiudono tali servizi, si sono scelti da se' i clienti con la loro politica del tutto gratis.
      I servizi (e la loro
      manutenzione) costano alle societa' perche'
      gli utenti (in questo caso coloro che si
      lamentano son quelli che sono utenti di
      Libero solo "virtualmente") dovrebbero
      usufruirne gratuitamente?Chi glielo ha chiesto? Sappiamo tutti che i servizi costano. Che si facciano pagare. Se li danno gratis e' una scelta loro ed evidentemente hanno o hanno avuto la loro convenienza.
      Che io sappia una
      societa' nasce per conseguire un reddito non
      per fare beneficienza!Bizzarro allora che abbiano dato i servizi gratis, vuoi vedere che era per fare affari? O anche per affamare la concorrenza? Quando cambiano o chiudono i servizi gratuiti, ovviamente qualcuno si trova senza il terreno sotto i piedi. Non credo che la cosa ti stupisca se sei minimamente istruito.Che sia giusto o no, e' una questione etica, di sicuro e' un po' inelegante perche' c'e' modo e modo di trattare chi ha costuito per te contenuti avvertendolo con l'anticipo di un bradipo.Ma commercialmente e' lecito, nulla da ridire.
      • Anonimo scrive:
        Re: incredibile...
        Dato che libero non ha mai imposto pop up e banner... da cosa ha tratto i guadagni di cui parli?
        • Anonimo scrive:
          Re: incredibile...
          - Scritto da: Anonimo
          Dato che libero non ha mai imposto pop up e
          banner... da cosa ha tratto i guadagni di
          cui parli?beh, ci sono molti modi... vedi la "profilazione dell'utente" aticolo 6 del contratto di Libero, ovvero controllare e catalogare cosa l'utente fa e vendere i dati statistici a terzi. E poi ci sono investimenti a medio-lungo respiro, come ad esempio ammazzare la concorrenza, costruire uno zoccolo duro di affezionati al servizio disposti a pagarlo (e qui ci stiamo arrivati), incanalare gli utenti gia' gratuiti verso offerte di contratti a pagamento (controllare la posta di libero vuol dire trovare anche "ghiotte promozioni"), ecc. Insomma quando hai migliaia di utenti, riesci sempre a specularci su.
      • Anonimo scrive:
        Re: incredibile...


        Perche' chi accede alla rete crede che
        tutto

        gli sia dovuto?

        Perche' molte societa', per raccattare
        utenti si sono gettate nel gratuito: hanno
        voluto avere come utenti tutto e tutti,
        semplici indigenti e maligni pidocchiosi.
        Che si tengano quindi le critiche quando
        chiudono tali servizi, si sono scelti da se'
        i clienti con la loro politica del tutto
        gratis.

        I servizi (e la loro

        manutenzione) costano alle societa'
        perche'

        gli utenti (in questo caso coloro che si

        lamentano son quelli che sono utenti di

        Libero solo "virtualmente") dovrebbero

        usufruirne gratuitamente?

        Chi glielo ha chiesto? Sappiamo tutti che i
        servizi costano. Che si facciano pagare. Se
        li danno gratis e' una scelta loro ed
        evidentemente hanno o hanno avuto la loro
        convenienza.


        Che io sappia una

        societa' nasce per conseguire un reddito
        non

        per fare beneficienza!

        Bizzarro allora che abbiano dato i servizi
        gratis, vuoi vedere che era per fare affari?
        O anche per affamare la concorrenza? Quando
        cambiano o chiudono i servizi gratuiti,
        ovviamente qualcuno si trova senza il
        terreno sotto i piedi. Non credo che la cosa
        ti stupisca se sei minimamente istruito.
        Che sia giusto o no, e' una questione etica,
        di sicuro e' un po' inelegante perche' c'e'
        modo e modo di trattare chi ha costuito per
        te contenuti avvertendolo con l'anticipo di
        un bradipo.
        Ma commercialmente e' lecito, nulla da
        ridire.Politiche di marketing? I libri di economia e gestione delle imprese son pieni di queste cose.
  • Anonimo scrive:
    ma perchè siete cosi' ipocriti.....
    lo pagate il coperto al ristorante??? vi siete mai lamentati di dover pagare una cosa simile che nel mondo non ha eguali....??scommetto di no ma sul web invece dovrebbe essere tutto gratis.....e guai se qualcuno non solo ve lo lascia gratis ma per difendersi dagli attacchi della magistratura vi chiede di scomodarvi un attimo e riconfigurare il vostro modem..poverini che pena mi fate...non mi parlate poi di siti di lavoro e di attività impreditoriali su Digiland bloccate per questa decisione perchè mi vien da ridere.....tutti in miniera!la pacchia è finita. Goldrakep.s. lo fa anche tin.it e tiscali pure anzi, vi caga i banner e per toglierli devi pagare 6 euro con 899.........bel freelosophy
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perchè siete cosi' ipocriti.....
      - Scritto da: Anonimo
      lo pagate il coperto al ristorante??? vi
      siete mai lamentati di dover pagare una cosa
      simile che nel mondo non ha eguali....??Ovvio.E tu il coperto lo paghi perche' sei contento del servizio oppure perche' devi?Se il cameriere ti dicesse "da noi e' gratis" lo pagheresti lo stesso? Facci sapere, se, potendo, non lo pagheresti.Cosi' ci regoliamo l'etica, maestro.
      scommetto di no ma sul web invece dovrebbe
      essere tutto gratis.....e guai se qualcuno
      non solo ve lo lascia gratis ma per
      difendersi dagli attacchi della magistratura
      vi chiede di scomodarvi un attimo e
      riconfigurare il vostro modem..Bah, basta leggere i contratti. Tutto il resto e' aria fritta, anche il tuo paternalismo del menga con i luoghi comuni della pacchia finita e della miniera.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perchè siete cosi' ipocriti.....
      - Scritto da: Anonimo
      lo pagate il coperto al ristorante??? vi
      siete mai lamentati di dover pagare una cosa
      simile che nel mondo non ha eguali....??cambia solo il modo con cui te lo fanno pagare, ma non pensare che te lo regalino ..... il coperto è un costo per il ristorante e come tale deve rientrare .... questa è semplice terra terra economia
      scommetto di no ma sul web invece dovrebbe
      essere tutto gratis.....e cho lo dice?
      e guai se qualcuno
      non solo ve lo lascia gratis ma per
      difendersi dagli attacchi della magistratura
      vi chiede di scomodarvi un attimo e
      riconfigurare il vostro modem..strano il tuo concetto di gratis, utilizzando i loro pop con linea normale una parte dei TUOI soldi(del costo connessione) vanno a finire in tasca direttamente a chi ti offre il servizio ..... e questo da che mondo e mondo è un servizio a pagamento ....per quanto riguarda adsl o flat sempre della stessa casa lo spazio web e l'email non è altro che un qualcosa che accresce il valore del pacchetto aquistato in precedenza ...... ma non è gratis .... perchè se non paghi non utilizzi il serviziops. l'ignoranza non è una colpa, è una tragedia
      poverini che pena mi fate...lol

      non mi parlate poi di siti di lavoro e di
      attività impreditoriali su Digiland bloccate
      per questa decisione perchè mi vien da
      ridere.....tutti in miniera!su questo concordo pienamente .... solo un tarato mentale investirebbe il suo tempo e denaro per alimentare un sito commerciale su uno spazio gratuito
      la pacchia è finita. perchè? non esite solo digiland ..... il peccato era che funzionava molto bene
      Goldrakeora capisco .... problemi nell'infanzia?

      p.s. lo fa anche tin.it e tiscali pure anzi,
      vi caga i banner e per toglierli devi pagare
      6 euro con 899.........bel freelosophy
  • atari scrive:
    e adesso dove lo mettiamo il ns sito ??
    Adesso mi occorre cercare un altro posto dove mettere le mie pagine web.Qualcuno conosce altri provider che offrono spazio gratuito con la possibilità di FTP ?O spazio a pagamento particolarmente economico ?Grazie e Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: e adesso dove lo mettiamo il ns sito ??
      - Scritto da: atari
      Adesso mi occorre cercare un altro posto
      dove mettere le mie pagine web.

      Qualcuno conosce altri provider che offrono
      spazio gratuito con la possibilità di FTP ?
      O spazio a pagamento particolarmente
      economico ?http://www.areamediaweb.it/soluzioni/datacenter/HostPackInfinito.aspio l'ho provato e mi trovo strabenelliera pubblicizzato su PI tempo fa, ho colto la palla al balzo.non sono velocissimi a rispondere ma non è male.caratteristiche:Registrazione di un dominio ".it", ".com", ".net", ".org"; [ utilizzato, funzionante ] Gestione on-line del sito; [claro que si] Spazio su disco illimitato; [all'inizio di danno 500 Mb, ma se arrivi al limite e li chiami non ci sono problemi ... ovvio se inizi a fare cagate recedono dal contratto, leggitelo ] Infinite caselle di posta (username@tuodominio.it) da 50mb cadauna; [ vero, sto godendo , te le amministri come ti pare ] WebMail; [ vero, spartana ma ottima ] Banda internet senza limiti di traffico; [ non posso dire di aver testato questo fattore ... non è che ci arrivi il mondo intero da noi :-) ] Supporto ASP.NET; [ vero, testato, funzionante ] Supporto PHP4; [ non me lo ricordavo nemmeno, ma ne sono felice, così mi metto la forum board gratuita che ho trovato in giro ... ] Supporto PERL 5.6.1; [ non so neanche cosa sia ^__^] DataBase mySql; [ vero, testato, eccellente ] Supporto ODBC e DataBase Access; [ porc!!! non mi rendevo conto di questo fatto!!!!!!!! ] SMS Gateway; [ non avevo dato peso nemmeno a questo!!! ] Supporto WAP; [ minchia, non mi ero letto le condizioni ... l'ho usayto proprio malaccio! ] Estensioni Front Page; [ beh ... comunque dai ] Caricamento dei file via FTP; [ eccoti servito ] Contatori di accessi; [ altro che TheCounter che chiude :-)) ] Form-to-mail; [ desideri altro? ]il tutto per 120 euro annuali, se non erro.Ciao ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: e adesso dove lo mettiamo il ns sito ??
      www.geocities.com , sono 15 MB e puoi eventualmente farti piu' registrazioni in modo avere tanti "15 mb" a disposizione. Quando arriva la pagina ti viene solo una piccola finestra di pubblicita' di geocities.
  • Anonimo scrive:
    Bah!!!
    Da quanto leggo sono in 2 milioni e passa cosa volete che gliene freghi... Avranno fatto i loro calcoli sicuramente.Diventeranno di nicchia e piano piano ci dimenticheremo il servizio... Vi consiglio www.altervista.org spazio php/sql velocita' e molto meglio di digiland che come servizio era pietoso.. ormai l'html e down :)bye byePEACE!
  • Anonimo scrive:
    Scusate, ma dov'è il problema?
    Non capisco questi 90 e passa post di pure pippe mentali.Non c'è bisogno di essere analisti finanziari per capire che *nessun* mercato viene sostenuto dal "free"...Per me è sempre stato ovvio che il c.d. "gratis" era nato per promuovere servizi che -giocoforza- sarebbero diventati a pagamento.Lavoro in un provider, e vi assicuro che i servizi di hosting, specie se complessi, costano. E tanto.E' ovvio che questa manovra di Libero serve per garantirsi più connessioni, ergo più introiti.Ma questo è normale... non mi pare che il mercato si fondi su società di mutuo soccorso...Nessuno ci punta una pistola alla tempia. Non è una droga della quale siamo schiavi (ho sentito paragonare questa tecnica di marketing a quella degli spacciatori...... mapperfavoreeeeeee !!!!!)Vuoi un sito? Vuoi iuno spazio di hosting? Vuoi una mail? Vuoi un servizio qualsiasi?? Vuoi Internet ???Bene: pagalo!Non lo vuoi pagare? Liberissimo... non ne usufruisci....Scusate, non voglio fare polemica........ma qualcuno mi spiega dove sta il vostro problema ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate, ma dov'è il problema?
      - Scritto da: Anonimo....
      ....ma qualcuno mi spiega dove sta il vostro
      problema ???Il problema sta nel fatto che se avessero dato più di 20 minuti di preavviso e se non avessero perso tempo a raccontare tante balle, ci facevano una più bella figura....
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate, ma dov'è il problema?


        Il problema sta nel fatto che se avessero
        dato più di 20 minuti di preavviso e se non
        avessero perso tempo a raccontare tante
        balle, ci facevano una più bella figura.......e su questo sono perfettamente daccordo.Non toglie che il 90% dei post precedenti erano pippette mentali sul tono: "...brutti cattivi ci avete tolto il gratis!"
    • dege scrive:
      Re: Scusate, ma dov'è il problema?
      il problema è che digiland doveva dare la comunicazione molto prima di 5 minuti... capito adesso?
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate, ma dov'è il problema?
      il problema sta solo nel fatto che mi devo sbattere, cercare un altro spazio gratuito e mettere tutto su quello, e ripublicizzare l'url... il problema è ke nessuno è a pagamento per dio per cui x' proprio io ex utente libero (ora alice) devo sbattermi quando le condizioni con le queli mi ero abbonato non parlavano di dover rimanere per tutta la vita legato a quella cazzo di azienda qualè infostrada
  • Anonimo scrive:
    libero non più libero
    è sempre la solita storia. Più si ha potere e più si fa quel che gli pare. Mi sembra più che ovvio. Ora se vuoi infostrada, devi avere solo infostrada. Se vuoi libero devi avere solo libero. Io mi deregistro così ho tutto quello che non sono loro.
  • Anonimo scrive:
    Avete voluto Libero gratis? Tenetevelo!
    Dopo la figuraccia con Yahoogroups, adesso Libero tenta quest'altra carta.I suoi utenti si meritano un disservizio così.
    • Anonimo scrive:
      Re: Avete voluto Libero gratis? Tenetevelo!
      - Scritto da: Anonimo
      Dopo la figuraccia con Yahoogroups, adesso
      Libero tenta quest'altra carta.

      I suoi utenti si meritano un disservizio
      così.Veramente nessuno glielo ha chiesto, sono stati loro ad offire servizi gratuti. Hanno voluto accalappiarsi i clienti offrendo servizi gratis? E allora hanno rastrellato anche la feccia. Che se li tengano! E non vengano a farsi i paladini dei contenuti legali. Societa' del genere si meritano clienti cosi'.
  • Anonimo scrive:
    Ma Wind ancora non ha capito
    Quando Wind capirà che il pop da cui mi collego fa parte della sua rete allora riuscirò (forse) a pubblicare su digiland!!! Mi collego tramite il vecchio e non più sottoscrivibile Altavista Free & Fast fornito da Wind. Il pop è di Wind, l'assistenza anche! Ma non riesco a pubblicare!!!! MISTERI!!!!
  • Anonimo scrive:
    Where is the problem?
    Ingiusto ovviamente avvisare così, il giorno stesso.Ma non capisco .. dove è il problema?1 - Digilander era un ECCELLENTE servizio di hosting free italiano. Ok .. ce ne sono a migliaia .. un esempio? Altervista.org ... con tanto di DB e PHP .. no frame, no banner, no popup!2 - Io uso un redirect per il mio sito .. così ogni volta che succede qualcosa migro da altre parti in 20 secondi. In questo caso uso 135.it (accettato anche da google!)3 - Ho il mio sito su Digilander e non posso piu' recuperarlo? Where is the problem? Lo butto giù via http e il gioco è fatto .. riecco il mio sito bello integro e funzionante, pronto da spostare! Un programmino che fa al caso, mi sembra, si chiami WEBSTRIPPER .. o simile!Ora penso che se qualcuno si sappia organizzare si riescano ad evitare tutti questi casini.Se stai sfruttando risorse FREE devi avere anche la consapevolezza che prima o poi (può succedere) qualcosa possa cambiare in peggio.VUOI IL GRATIS? Bene .. guadagnatelo! :-)Io penso più che altro che il "veleno" che si prova ora verso DIGILAND è piu che altro legato al fatto che sappiamo di aver perso un eccellente servizio ... veramente veramente eccellente.Ma come detto sopra, basta guardarsi in giro et voilà, di situazioni se ne trovano, e anche molte, con la medesima qualità!Baci ai pupi :-)Henry
    • SiN scrive:
      Re: Where is the problem?
      - Scritto da: Anonimo
      Ingiusto ovviamente avvisare così, il giorno
      stesso.esatto.QUESTO è l'unico appunto che possiamo fara a Wind sul temale altre sono tutte str____te di chi non ha capitao una mazza di cosa fosse il gratis nella rete...
  • Anonimo scrive:
    Mi tocca passare a Tiscali
    Sinceramente la fatica me la sarei volentieri risparmiata.Addio digiland....
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi tocca passare a Tiscali
      Anche Tiscali non permette l' accesso al sito (FTP), ospitato dal web tiscali, ovvio, se NON con connessione tiscali e questo succede dall' autunno scorso..............
  • Anonimo scrive:
    e i banner e le immagini?
    e tutti i banner e le immagini che Libero mette sul suo portale di donne nude che collegano siti con dialer che si scaricano in modo aumatico.. questo non è illegale? bah
    • Anonimo scrive:
      Re: e i banner e le immagini?
      Hai ragione! Anche altri portali hannoquesto schifo di banner... Dottor Marrazzo!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: e i banner e le immagini?
        sono anche io della stessa idea.Sinceramente sono disgustato dai contenuti (publicitari e non) che si trovano in questi tipi di sitiRestra comunque da dire che il valore (in termini economici) della pubblicità via banner è crollata negli ultimi tempi e quindi è l'unico modo economicamente vantaggioso per ricevere compenso da utenti che non utilizzano la propria rete di accesso e quindi "entrano gratis".
    • Anonimo scrive:
      Re: e i banner e le immagini?
      - Scritto da: Anonimo
      e tutti i banner e le immagini che Libero
      mette sul suo portale di donne nude che
      collegano siti con dialer che si scaricano
      in modo aumatico.. questo non è illegale?
      bahScusa, mi citi la legge che dichiara i dialer illegali ?
      • Anonimo scrive:
        Re: e i banner e le immagini?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        e tutti i banner e le immagini che Libero

        mette sul suo portale di donne nude che

        collegano siti con dialer che si scaricano

        in modo aumatico.. questo non è illegale?

        bah

        Scusa, mi citi la legge che dichiara i
        dialer illegali ?ma forse un portale come libero non dovrebbre promuovere quel tipo di contenuti che probabilmente accedono anche utenti minori.. a me sinceramante da fastidio vedere culi e tette su un sito come quello.. se avessi voglia di vedere cose del genere andrei su siti pornografici
        • Anonimo scrive:
          Re: e i banner e le immagini?


          ma forse un portale come libero non
          dovrebbre promuovere quel tipo di contenuti
          che probabilmente accedono anche utenti
          minori.. a me sinceramante da fastidio
          vedere culi e tette su un sito come quello..
          se avessi voglia di vedere cose del genere
          andrei su siti pornografici
          ...mai comprato Panorama? L'espresso?Mai stato dentro un edicola ?Mai visto una pubblicità in TV senza tette e culi ?
          • Anonimo scrive:
            Re: e i banner e le immagini?
            C'è un'indagine in corso da parte della Corte Europea portata avanti dalle società dei consumatori di tutta l'Europa.Presto tutti quelli che stanno speculando con i dealers sull'ingenuità del "novellino" di 15 anni, che va e fa partire un dealer senza stare a vedere quello che c'è scritto pur di vedere le tette dell'ennesima letterina (a 15 anni si chiama "raptus ormonale"!), si troveranno con il sedere per terra.Con buona pace di tutti quelli che dicono: "ma è legale perchè c'è scritto"!A proposito:Mi portate l'esempio di siti europei che cercano di guadagnare con i dealers?Solo in Italia siamo tutti una gran massa di "furbi"!
  • Anonimo scrive:
    DIGILAND ADDIO
    già non si poteva fare l'upload FTP se non ti connettevi con libero ... adesso proprio hanno scassato la minchia.ADDIO.di spazio libero nella rete se ne trova a pacchi.e ci sono anche ottimi servizi a pagamento.Oltre al fatto che moltissimi ottimi contenuti e possibilità di pubblicazione non richiedono affatto il mio controllo sullo spazio: posso usare quegli strumenti.ADDIO DIGILAND. Io ti mollo.
  • piter scrive:
    e se fosse per l'ADSL?
    so che sarebbe una malignità, ma se fosse una mossa subdola per acchiappare qualche contratto ADSL in più?è ovvio che chi ha già un abbonamento ADSL con un altro fornitore, di certo non passerà a Wind, però se qualcuno ha il modem e si decide a passare all'ADSL, uno dei fattori decisionali potrebbe essere proprio la possibilità di accedere al proprio spazio web digiland.. ditemi, è fantascienza o qualcosa di vero può esserci?
    • Anonimo scrive:
      Re: e se fosse per l'ADSL?
      credo che chiunque legga un newsgroup su windinfostrada non apra un contratto adsl con loro :-)))
    • Anonimo scrive:
      Re: e se fosse per l'ADSL?
      e per altri moltissimi motivi che portano sempre sempre in una unica strada ...... i $in questa giungla di infami stò diventando ogni giorno di più come loro
  • Anonimo scrive:
    ma cosa pretendete
    ma cosa pretendete da una societa' che ha sempre fatto di tutto per essere scorretta? non ha restituito i soldi anticipati agli ex utenti che avevano no stop, ha lucrato sugli sms del terremoto, ora si e' inventata l'idea dei messaggi della pace da pubblicare tanto x vedere se qualche pesce abbocca. ha la home page piena di pubblicita' che portano a dialer con donnine nude e pubblicizza Tiscali che dovrebbe essere concorrente.....si e' mangiata blu rovinando tutti gli utenti e ha un call center pressoche' inesistente con operatori che non sanno neanche il loro nome.....riempie la posta di spam, si e' inventata di far pagare x non vedere pubblicita' sul portale (questa poi e' una trovata solo loro penso worldwide!) e vi stupitye di questo?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma cosa pretendete
      hai ragione su ognu puntosono sconcertato.non posso nemmeno romperti le palle :-(
      • Anonimo scrive:
        Re: ma cosa pretendete
        purtroppo so di aver ragione, ma che tristezza!!!! avete altri punti da ggiungere??? beh, oltre all'adsl che va come un modem 56k e i vari tentativi di mettersi senza consenso come carrier telefonico non mi sovviene niente ora....e a voi???? :-(((((((((
  • Anonimo scrive:
    gratis?????
    c'è qualcuno che dice che libero offre il servizio web gratis ......... forse fino al 23perchè mi risulta che con questa trasformazione ora è diventato a tutti gli effetti un servizio a pagamentovisto che io proprietario di linea analogica devo per forza utilizzare un pop libero, il che ne consegue che libero percepisce i MIEI soldi per l'utilizzo del servizio(sempre e cmq) ..... quindi questo è ora un servizio a PAGAMENTOnel caso uso servizi flat come adsl(sempre infostrada) lo spazio web è qualcosa che accresce il valore del servizio aquistato in precedenzase volete vi regalo una mercedes(o quella che preferite)però utilizza una benzina particolare che ho solo io e costa 20euro al litoLIBERO NON è + GRATIS
  • Anonimo scrive:
    Via dall'Italia... via!!!
    L'Italia online è sempre più un caos senza senso:Le Leggi vengono fatte da chi non sa neppure accendere un computer ma si arroga il diritto di "regolarizzare", "controllare", "tutelare".Le "aziendone/providers" arrancano perchè non c'è mercato e così, per fare due spiccioli, vendono le ns e-mail o peggio cercano guadagni con le "aziende" (chiamiamole così) fornitrici di dealers.In tutto questo i siti amatoriali chiudono affogati da dubbi, pop-up, pop-under, paure ancestrali di commettere qualcosa di illegale!I siti medi spariscono per mancanza di introiti.I siti "grandi" diventano a pagamento (la nuova moda dei capoccioni italiani del marketing online... in due anni siamo passati dalla "freelosophy" alla "paylosophy").Di questo passo in Italia avremo solo un parco di siti internet "ufficiali" senza alcun interesse. Insomma: il deserto della creatività e del pluralismo dell'informazione e delle idee.Contemporaneamente non si procede ad una campagna di informazione e di educazione alla rete e all'uso del computer.Infine non dimentichiamoci che, pur calando, i prezzi:- un computer +- un corso "serio" per imparare ad usarlo +- un accesso ad internetNON SONO ALLA PORTATA DELLE TASCHE DI UNA FAMIGLIA MEDIA!... perciò non c'è sviluppo... troppo pochi gli italiani online e troppo sporadicamente.Si potrebbe fare la seguente equazione:Pochi Utenti = Poco Mercato = Poche Aziende investitrici = Poco interesse da parte dello Stato a fare leggi chiare e attuabili = poco sviluppo della rete! (l'equazione ha un senso se paragoniamo i ns numeri a quelli degli altri Paesi Europei)Per come la vedo io perdersi nell'interpretazione di leggi inattuabili e ininterpetrabili non serve a nulla.Che fare?1. Imparate l'Inglese!2. Internazionalizzate le vostre idee e concedetevi alla rete globale: in inglese, con hosting o providers esteri con siti e/o progetti originali.Così i nostri politici e i vari "comitati in tutela di chi o cosa non si sa" saranno felici: epurazione dell'internet italiano con promozione di giochini imbecilli e cavolate varie ma... innocue perchè non fanno pensare!!... un po' com'è la ns televisione.E COMUNQUE, IN QUESTO MOMENTO, PENSIAMO ALLA PACE... CHE E' MEGLIO!
    • Anonimo scrive:
      Re: Via dall'Italia... via!!!
      - un computer + - un corso "serio" per imparare ad usarlo + - un accesso ad internet -----------------------------------------------1) Costo : 1000 Euro ( una tantum )2) Costo : 200 Euro ( da privato che sai che ne capisce )3) Costo : 60 Euro mensiliTotale 1° Mese : 1260 EuroMesi Successivi : 60 EuroMi sa che hai un po' esagerato.......
      • Anonimo scrive:
        Re: Via dall'Italia... via!!!
        Se credi che la famiglia italiana media possa disporre di 60,Euro al mese per internet... mi sa che sei troppo ottimista.Lo stesso dicasi per le altre spese che hai elencato. Per una famiglia media queste sono spese superflue e poi... il senso del mio discorso era un altro e questa era solo una riflessione di approfondimento.
      • Anonimo scrive:
        Re: Via dall'Italia... via!!!
        - Scritto da: Anonimo
        - un computer +
        - un corso "serio" per imparare ad usarlo +
        - un accesso ad internet
        ---------------------------------------------
        1) Costo : 1000 Euro ( una tantum )
        2) Costo : 200 Euro ( da privato che sai
        che ne capisce )
        3) Costo : 60 Euro mensili


        Totale 1° Mese : 1260 Euro
        Mesi Successivi : 60 Euro

        Mi sa che hai un po' esagerato.......L'abbonamento ad internet arriva a costare la metà!!ALICE ADSL 256 flat costa 36,00 euro al mese... non 60!!un pc può costare anche 7/800 euro, ma 1000 sarebbe meglio...il computer si impara ad usarlo anche senza fare nessun corso... potrebbe bastare un buon manuale...ciaooo!!!
  • SiN scrive:
    Deprecabile il metodo
    Ovvero la mancanza di preavviso.Ma sul merito, direi che è ineccepibile: il servizio di DIgiland è riservato a chi usa Libero: non ci vedo nulla di male
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra giusto
    In Italia tutto quello che riguarda Internet sembra dover essere gratuito e dovuto.Offrono un servizio gratuito (non parlatemi che si paga con i propri dati personali e la privacy, che fino a pochi anni fa non si sapeva nemmeno di averla e infatti veniva sfruttata da terzi molto di meno), tengono in piedi costosi sistemi per farlo, rischiano regolarmente ingiunzioni, sequestri denuncie per i contenuti illegali che qualcuno ci mette sopra, pagano persone per star dietro alle richieste della polizia postale che regolarmente gli arrivano (succede a tutti i provider medio-grossi).Forzando la gestione dei siti sui loro server da parte di accessi ad Internet che possono controllare (oltre a login, data e ora e indirizzo IP assegnato viene registrato il CLI (numero di telefono) del chiamante) possono quantomeno rivalersi degli atti impropri di altri.Gridare allo scandalo o alla censura mi sembra ridicolo.Certo la tempistica dell'operazione (ad effetti immediato) è deprecabile, ma a mio parere solo quella.Il resto, considerato che il servizio è gratuito per l'utente, mi sembra legittima operazione commerciale / amministrativa per limitare il numero di grane che regolarmente fronteggiano e per le quali è spesso problematico risalire al vero colpevole.Non sono per le censure, non sono per il controllo, non sono per la limitazione delle libertà personali, non ho niente a che fare con Digilander/Libero e non ci vedo in tutto questo niente di veramente grave: se i nuovi termini non piacciono, uno può andare altrove e non vedo perchè Digilander dovrenne continuare a sostenere costi e grane perchè dei suoi utenti impunemente abusano del servizio che loro offrono gratuitamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra giusto
      - Scritto da: Anonimo
      In Italia tutto quello che riguarda Internet
      sembra dover essere gratuito e dovuto.Sono state le compagnie ad offrire le cose gratis, per poi a poco a poco stringere il cordone e tenersi un nocciolo duro di utenti che rendono. Non vedo perche' accusare gli utenti e gli italiani in particolare di essere meschini quando queste ritirano i servizi. E' mercato.
      Offrono un servizio gratuito (non parlatemi
      che si paga con i propri dati personali e la
      privacy, che fino a pochi anni fa non si
      sapeva nemmeno di averla e infatti veniva
      sfruttata da terzi molto di meno)No, una volta i dati venivano sfruttati di piu', solo che nessuno lo sa. La Seac ad esempio ha avuto mano libera ad elenchi di persone per decenni.Parliamo di elenchi con dati sensibili, malattie, gusti. Tutte cose che rivendeva. Se sei miope la Seac lo sa e vendeva questa informazione agli ottici per campagne mirate di pubblicità. Adesso la Seac non lo puo' piu' fare con tanta scioltezza. Per cui adesso la privacy e' piu' tuteata, sebbene il sistema sia farraginoso e bucherellato. Per cui ora i propri dati "valgono" di piu' per le aziende. Per cui e' legittimo dire che certi servizi si pagano cedendo i propri dati e facendosi controllare (vedi attivita' di log di libero ed altri sulle navigazioni degli utenti).
      tengono
      in piedi costosi sistemi per farlo,
      rischiano regolarmente ingiunzioni,
      sequestri denuncie per i contenuti illegali
      che qualcuno ci mette sopra, pagano persone
      per star dietro alle richieste della polizia
      postale che regolarmente gli arrivano
      (succede a tutti i provider medio-grossi).Si chiamano anche rischi di impresa e non abbiamo chiesto noi alle compagnie di imbarcarsi in un mestiere con responsabilita', se lo sono accollato loro. Se non gli garba, possiamo dire loro la stessa cosa che si dice agli utenti scontenti: fate altro, andate da un'altra parte a fare affari.
      Forzando la gestione dei siti sui loro
      server da parte di accessi ad Internet che
      possono controllare (oltre a login, data e
      ora e indirizzo IP assegnato viene
      registrato il CLI (numero di telefono) del
      chiamante) possono quantomeno rivalersi
      degli atti impropri di altri.Si questo e' possibile, la rivalsa intendo, puo' risultare piu' semplice.
      Gridare allo scandalo o alla censura mi
      sembra ridicolo.Vero, e' eccessivo.
      Il resto, considerato che il servizio è
      gratuito per l'utente, mi sembra legittima
      operazione commerciale / amministrativa per
      limitare il numero di grane che regolarmente
      fronteggiano e per le quali è spesso
      problematico risalire al vero colpevole.Come detto prima, il servizio fornito gratuitamente non e' una imposizione degli utenti, e' una scelta della compagnia. Se scopre che ha grande, si accolli onori ed oneri.Se sceglie di limitare gli oneri e' legittimo, se lo fa in maniera brusca, e' deprecabile ma legittimo. Poi pero' si viene a fare la morale agli utenti e si leggono cose del tipo "avete avuto tutto gratis, per cui e' vietato lamentarsi".Ma chi l'ha chiesto di avere Digilander? Lo hanno creato per loro interesse.
      ... uno può andare
      altrove e non vedo perchè Digilander
      dovrenne continuare a sostenere costi e
      grane perchè dei suoi utenti impunemente
      abusano del servizio che loro offrono
      gratuitamente.Perche' non sono state le persone a chiedere di avere Digilander, ma e' stato offerto loro. Liberi di offrire e liberi di ritirare l'offerta. Tra gli oneri, che si tengano anche gli utenti o ex utenti scontenti che hanno voluto attirare. Sara' il male minore tra le spese e i problemi legali, ma se lo sono cercato loro comunque.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi sembra giusto
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        In Italia tutto quello che riguarda
        Internet

        sembra dover essere gratuito e dovuto.

        Sono state le compagnie ad offrire le cose
        gratis, per poi a poco a poco stringere il
        cordone e tenersi un nocciolo duro di utenti
        che rendono. Non vedo perche' accusare gli
        utenti e gli italiani in particolare di
        essere meschini quando queste ritirano i
        servizi. E' mercato.Vero. MA è anche vero che certi motti alla "Internet per tutti" o pure "Banda larga per tutti" qualcuno li proclama, alcuni provano ad offrirlo, e se è vero che è una scelta commerciale (spesso folle, visto che le infrstrutture Internet HANNO un costo) è anche vero che spesso l'utente pretende da un servizio Semi-gratis (contando la "vendita" ei propri dati personale, le bollette o simili) livelli di servizio professionali o comunque validi.A me da fadtidio il "tono da pretesa" , più che il fatto in se....
        Si chiamano anche rischi di impresa e non
        abbiamo chiesto noi alle compagnie di
        imbarcarsi in un mestiere con
        responsabilita', se lo sono accollato loro.
        Se non gli garba, possiamo dire loro la
        stessa cosa che si dice agli utenti
        scontenti: fate altro, andate da un'altra
        parte a fare affari.Infatti. Il punto è questo. Libertà di scelta. Del fornitore e del cliente/utente.Mi va bene se preso con questo approccio.Meno quando si torna alle "pretese" di cui dicevo.
        Se sceglie di limitare gli oneri e'
        legittimo, se lo fa in maniera brusca, e'
        deprecabile ma legittimo. Poi pero' si viene
        a fare la morale agli utenti e si leggono
        cose del tipo "avete avuto tutto gratis, per
        cui e' vietato lamentarsi".
        Ma chi l'ha chiesto di avere Digilander? Lo
        hanno creato per loro interesse.Ok, posto sotto questa luce è un discorso che condivido.I tuoi toni mi hanno fatto cambiare idea su alcune cose scritte.Ma non sono sempre questi i toni e se è condivisibile la lamentela per un servizio venuto meno, non lo sono certe altre accuse e recriminzioni.Considera anche che il cambimento di policy sull'offerta "gratuita" al pubblico di un servizio può essere dovuto ad un uso improprio e non preventivato da parte dell'utenza, quindi in qualche modo non controllabile altrimenti (secondo il gestore) se non con misure come quelle di Digilander.In fondo non credo che sarebbero arrivati a simili misure se un sacco di genete non avesse usato il loro servizio per repository di warez, punto di appoggio di spam vari e altre attività, decisamente contrarie ad ogni netiquette, che hanno reso la gestione del servizio più onerosa di quanto previsto.Per cui, ancor prima di lamentarmi col Digilander di turno, mi lamenterei con chi ne ha fatto un uso improprio (che a volte è proprio il tipo di persona che "pretende" certi servizi con vigore, prepotenza e poca tolleranza).
  • Akiro scrive:
    pro e contro...
    Certo potevan evitare di comunicarlo per il giorno stesso ma dare, diciamo, almeno un apio di settimane di preavviso... suona strana tutta questa fretta, che ci sia sotto altro?cmq per tutti gli utenti di libero cambia poco o nulla...se invece hai un altro provider bhe convien far un paio di conti...in definitiva è l'unico spazio web che ho trovato senza banner e senza pop-up... (per adesso, ok) ed è anke abbastanza veloce.byez
  • Anonimo scrive:
    No Banner, No Popup e...
    I servizi che ti permettono di pubblicare le tuepagine gratuitamente, senza banner e/o popupsono rarissimi... dunque non mi sento di criticarelibero solo perche' concede questo servizio soloai suoi utenti... magari potevano avvertire prima...
    • Anonimo scrive:
      Re: No Banner, No Popup e...
      e magari potevano non nascondersi dietro la bandiera della legalitàè un oltraggio alla mia/nostra intelligenza
      • Anonimo scrive:
        Re: No Banner, No Popup e...
        ...non è completamente vero... per loro è piu'semplice controllare gli IP dei loro utentipiuttosto che chiedere informazioni ad unPOP concorrente!!!! E' evidente!
        • Anonimo scrive:
          Re: No Banner, No Popup e...
          - Scritto da: Anonimo

          ...non è completamente vero... per loro è
          piu'
          semplice controllare gli IP dei loro utenti
          piuttosto che chiedere informazioni ad un
          POP concorrente!!!! E' evidente!Evidente un fico: ma credi che vadano a fare i poliziotti, cioe' se fino a ieri si trovavano con una pagina con contenuti illegali, andavano a risalire dall'IP al colpevole? E con quale autorita'?Semplicemente sino a ieri potevano cancellare la pagina in qualunque momento e denunciare la cosa alla polizia postale che ci avrebbe pensato loro ad indagare.Adesso faranno la stessa cosa, semplicemente guadagneranno anche da chi mantiene il sito su Digilander.Sapranno che l'IP corrispone immediatamente ad un loro utente ma cio' non cambia di un grammo il fatto che non compete a loro indagare per cui non e' certo per alleggerirsi di un tale impegno - ribadisco, che non gli compete - che e' stata presa questa decisione.La cosa dei contenuti illegali e' solo una scusa per indurre chi non vuole perdere il sito ospitato da loro, a usare le loro connessioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            La cosa non funziona così. E' la polizia postale della procura taldetali che ti chiede di porre sotto sequestro il sito e vuole tutto quello che hai sull'utente, i log dei file uploadati e il contenuto. Poi ti manda la pagina da sostituire all'index.
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            - Scritto da: Anonimo
            La cosa non funziona così. E' la polizia
            postale della procura taldetali che ti
            chiede di porre sotto sequestro il sito e
            vuole tutto quello che hai sull'utente, i
            log dei file uploadati e il contenuto. Poi
            ti manda la pagina da sostituire all'index.La polizia postale ti chiede l'IP del tizio che ha messo i contenuti sul sito e i logs ma non ti chiede di indagare sul provider a cui appartiene quell'IP.Quindi stai dicendo la stessa cosa che dico io, la competenza e della polizia postale. La mossa di non dare l'accesso a Digilander che con i propri collegamenti, non e' fatta per rendere piu' semplice la richiesta di informazioni di un IP di un concorrente. Infatti non compete ad un provider indagare su di un altro provider.Se tu sei un provider e la polizia vuole tutto quello che hai su di un utente, che tu abbia poco o molto, non cambia una virgola per te. Gli dai tutto quello che hai e basta. Se e' un tuo cliente, e' semplice sapere di chi si tratta, se non e' tuo cliente, non e' semplice ma non ti compete e non spetta te fare in modo che lo sia.Per cui giustificare questo cambiamento di politica di accesso dicendo che e' stata fatta per il controllo di materiali illegali, e' solo una scusa.Perche' in caso di materiali illegali, che l'autore sia un cliente o non lo sia, lo sforzo di consegnare tutti i dati alla polizia postale e' il medesimo.In caso di materiali legali invece fa molta differenza tra avere 1000 persone collegate ai propri pop per aggiornare i contenuti, rispetto a non averne. Tale differenza si chiama denaro.
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            Vedila cosi'... se digiland si accorge che tutto il suo grossolavoro per sospendere siti illegali (su richiesta) è causato(in gran parte) da utenti ADSL di ALTRI provider (italiani edesteri)... riesci a fare 2 + 2??? Non è che sia cosi' complicato...
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            - Scritto da: Anonimo

            Vedila cosi'... se digiland si accorge che
            tutto il suo grosso
            lavoro per sospendere siti illegali (su
            richiesta) è causato
            (in gran parte) da utenti ADSL di ALTRI
            provider (italiani ed
            esteri)... riesci a fare 2 + 2??? Non è che
            sia cosi'
            complicato...Strane parole dette da chi non sa contare, vuol dire che ti aiuto io:1) le mie repliche sono partite dall'affermazione che con questo tipo di gestione e' piu' facile controllare gli IP, a cui ho ampiamento risposto che non spetta a Libero indagare sugli IP ma gli compete solo fornire le informazioni alla polizia.Quindi la scusa che il cambio di politica e' avvenuto per ragioni di tutela da contenuti illegali non ha fondamento, visto che non compete a Libero indagare per accertarsi di eventuali colpevoli.2) Libero declina per contratto la responsabilita' dei contenuti e si riserva il diritto di rimuoverli. Sapere che a inseriere contenuti non leciti e' un loro cliente o no non cambia un fico ai fini della assoluta autonomia di azione di Libero (poter rimuovere i files) e di indipendenza dai contenuti (responsabilita').Quindi la scusa che il cambio di politica e' avvenuto per ragioni di tutela da contenuti illegali non ha fondamento perche' Libero ha gia' il potere di liberarsi di contenuti scomodi.3) Per quanto mi sforzi non riesco a trovare la differenza legale nelle responsabilita' individuali, penali e civili, per chi e' cliente di libero e chi no.Quindi la scusa che il cambio di politica e' avvenuto per ragioni di tutela da contenuti illegali non ha fondamento, perche' non e' vero che i clienti ADSL della concorrenza non siano responsabili al pari di quelli di Libero. Oppure il contratto di Libero e' al di sopra della legge, il che fin'ora non risulta.4) forse, dice qualcuno, Libero vuole avere la possibilita' di sapere chi e' il responsabile dell'inserimento di contenuti illegali perche' intende da ora in poi rivalersi legalmente su chi, inserendo contenuti illegali, mette in difficolta' Libero stesso (come e' noto in Italia il provider sta diventando responsabile dei contenuti, con iniqua prassi). Allora sarebbe ovvio che conoscendo nome ed indirizzo dei propri clienti, abbia maggior facilita' a farli raggiungere da una lettera di avvocato.Pero' neanche questa scusa ha valore: per inserire contenuti in digilander occorre nome e password, e questi sono forniti associati ad una persona fisica, non sono account regalati a chicchessia. Per cui per averne uno ci sono delle condizioni contrattuali da accettare e devi inserire il codice fiscale.Tu mi puoi dire che e' un ostacolo legale facile da superare e un ostacolo logico nullo: basta un generatore di codici fiscali. Cosi' dopo chiunque potrebbe restare impunito collegandosi dalle Bahamas e inserendo pagine con warez.Ma guarda un po', fin'ora e' stato cosi'!Libero ha accettato connessioni da identita' fittizzie. Prima non c'era questione di contenuti?In vero andava bene a Libero quando tutti si connettevano inserendo identita' false, purche' il traffico si incrementasse e si formasse uno zoccolo di utenti dal 1999 ad oggi e sorgesse un Digilander ricco di contenuti, ma adesso storce il naso quando la polizia postale gli causa piu' lavoro con la chiusura di siti di quanto gradiscano.Libero ha scoperto che Digilander era abbastanza grande da poter cominciare a rendere con canoni ADSL e costi telefonate, anche perdendo una buona percentuale di membri.Legittimo, sul piano legale e commerciale, ma non mentiamoci a vicenda dicendo che le la questione dei contenuti illegali e' la base di questa operazione.Pero' se vuoi continuare ad illuderti, allora sei piu' indietro di me e sei rimasto a non aver compreso nemmeno l' 1+1.
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            Evidentemente faresti meglio a leggere invece diperder tempo cosi'...ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            - Scritto da: Anonimo

            Evidentemente faresti meglio a leggere
            invece di
            perder tempo cosi'...Che bella risposta, ricca di ottime argomentazioni, adesso me la incornicio per tirarla fuori quando non so cosa dire.
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            I tuoi 3486 bytes di risposta sono interessantima troppo soggettivi. Mi spiace ma non hotempo per consolarti.
          • Anonimo scrive:
            Re: No Banner, No Popup e...
            - Scritto da: Anonimo

            I tuoi 3486 bytes di risposta sono
            interessanti
            ma troppo soggettivi. Mi spiace ma non ho
            tempo per consolarti.Beh, pero' hai tempo da perdere pero' se sei ancora qui a dire nulla.
    • TeX scrive:
      Re: No Banner, No Popup e...
      - Scritto da: Anonimo

      I servizi che ti permettono di pubblicare le
      tue
      pagine gratuitamente, senza banner e/o popup
      sono rarissimi... dunque non mi sento di
      criticare
      libero solo perche' concede questo servizio
      solo
      ai suoi utenti...

      magari potevano avvertire prima...Magari le critiche sono prevalentemente queste.....Almeno si poteva cercare spazio altrove e sostituire la home su digilander con un messaggio che linkava al nuovo sito. Così invece bisogna andare a pescare un modem o chiedere a qualche amico per fare tutta l'operazione. E nel frattempo non è possibile aggiornare il sito.
  • Anonimo scrive:
    La pacchia è finita !
    Digiland era l'ultimo spazio web gratuito in Italia senza popup, frames o banner pubblicitari.Anche se non eri cliente Libero potevi uploadare in ftp molto velocemente, davvero il miglior spazio web gratuito in rete.Poi ad un certo punto i manager hanno cominciato a tirare le reti e hanno limitato l'accesso ai non clienti Libero permettendo loro di uploadare solo tramite una maschera HTML sul sito.Adesso come era prevedibile hanno deciso di dare la stretta finale: accesso esclusivo ai soli clienti Libero ADSL o 56k, tutti gli altri sono tagliati fuori.Comportamento deprecabile? Considerando che si usano risorse in modo completamente gratuito senza nemmeno l'onere di un banner direi proprio che fino ad ora è stata un vera pacchia. In fondo l'account Libero potevi anche ignorarlo continuando ad usare il tuo account preferito, dunque neanche lo spam ti beccavi da Libero. Conseguenze immediate:a) i siti dilettantistici migreranno su altri spazi gratuiti bannerizzati oppure sfrutteranno lo spazio web di Alice ADSL del tipo: space.virgilio.it/username@tin.it b) in alcuni casi vedremo invece l'abbandono dei siti dilettantistici, congelati sui server di Libero senza più aggiornamenti, una specie di cimitero virtuale.c) i siti semiprofessionali invece molto probabilmente migreranno su host a pagamento ponendo fine all'albergo a scrocco.A voi la scelta a , b o c ?Io per ora voto per il congelamento, poi magari quando ho voglia e tempo chissà.... Tamerlano
    • Anonimo scrive:
      Re: La pacchia è finita !
      Il problema non è trovare un sito a pagamento, PER DIO!Il problema è il tempo per fare un trasloco!! Per fare un sito discreto bastano anche 10 mega e poi mettere i files grandi su un ftp con banner, ma questi non verranno mai visualizzati, dato che te metti solo i files. Poi, per trasferire tutto il contenuto prima su hard disk per essere modificato, dovrei usare connessione analogica a pagamento?E poi ora che ho il modem adsl tiscali, dove ca..o lo trovo un modem analogico, e poi devo pagare la connessione tramite telecom, e chi mi paga o RIMBORSA per questo???
      • Anonimo scrive:
        Re: La pacchia è finita !

        Il problema non è trovare un sito a
        pagamento, PER DIO!
        Il problema è il tempo per fare un
        trasloco!! A giudicare dall'incazzatura hai preso una bella botta eh?Qual'è il problema? Non sei mica stato molto chiaro. Il tempo per il trasloco?Dunque, è evidente che tu avrai il master(una copia aggiornata) del tuo sito sul tuo hard-disk, se non è così allora scusami sei stato proprio un cog*****.Hai l'ADSL Tiscali? Bene, usa lo spazio web compreso nell'abbonamento.Per trasferire 10MB con ADSL ci metti 10 minuti e hai già finito, hai il sito online.Oppure sgancia i soldi e comprati uno spazio web a pagamento, sono sempre 10 minuti per il trasferimento ora che hai ADSL.Per chi ha solo un 56K ci vuole circa un'ora di telefono, circa 60 centesimi se lo fai di sera.Considerando che finora non hai pagato una lira, non mi pare una gran tragedia no?Tamerlano
    • Anonimo scrive:
      Re: La pacchia è finita !
      - Scritto da: Anonimo

      Digiland era l'ultimo spazio web gratuito in
      Italia senza popup, frames o banner
      pubblicitari.

      Anche se non eri cliente Libero potevi
      uploadare in ftp molto velocemente, davvero
      il miglior spazio web gratuito in rete.


      A voi la scelta a , b o c ?Hai perfettamente ragione.Direi che sceglierò la "C" ;-)A dire il vero era già da un po che ci stavo pensando...L'unico problema sarà mettere un redirect (uso Alice ADSL).Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Quod Nullum Est Nullum Producit Effectum
    come da subject: non erano poi cosi' importanti ...*byeFull Japan Immersion* tutte chiacchiere e distintivo ;-)))
  • Anonimo scrive:
    vergogna!
    mi fa ridere il fatto che si parli di sicurezza dei contenuti, come se collegarsi con wind garantisca un filtro su di essi.. quando molto dello spam che mi arriva in mailbox e' veicolato da libero.. quando le volte che ho scritto ad non mi e' stato dato il minimo ascolto...dico solo che i $$ bisogna guadagnarseli, cosi' come la fiducia del cliente proponendo dei servizi di qualita' non mandando degli ultimatum anche piuttosto offensivi. ma, come al solito, chi fa i business plans, chi decide le nuove strategie, e' cosi' fuurbo, talmente superiore a noi gente comune, da sembrarci un perfetto idiota.qbo
  • dege scrive:
    tempistica
    il problema maggiore è il fatto che non ci hanno avvertito, anzi hanno avvertito la gentile clientela con una mail pessima e molto antipatica, il giorno dopo aver bloccato l'FTP, per cui tutte le varie cazzate che c'erano sul mio FTP sono tutte perse... Grazie Digiland... BRAVIBRAVI
  • Anonimo scrive:
    Quanta solerzia
    E pensare che da circa un anno cerco di cancellare un mio account e-mail su libero e non mi e' possibile. Causa adeguamento tecnico dicono.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanta solerzia
      Basta che ti crei un account GRATIS su libero e te li vai a riprendere.Visto che ti offrono un servizio gratuito... evita dell'inutile polemica!
      • Anonimo scrive:
        Re: Quanta solerzia
        molto + tabacco in quello che fumifai un respiro profondo .... leggi il post a cui hai rispostofai un'altro respiro ... leggi la tua rispostae trovami un nesso logicops. l'ignoranza non è una colpa .... è una tragedia
  • Anonimo scrive:
    Sono fuuuurbi loro.....
    Cosi sono obbligato a collegarmi con loro sia con Dial-ip che con Adsl....E' comprensibile come scelta ma sicuramente non è dettata dalle ragione che hanno paventato nella mail inviata s noi utenti....
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono fuuuurbi loro.....
      Tiscali lo fa da una vita, quindi se usi una adsl telecom o altro devi disconnetterti, collegarti con il vecchio modem analogico e uploadare i file. Questo se usi uno spazio free, se paghi invece sei libero di usare la connessione che vuoi.ciaoTupac
      • Attila Xihar scrive:
        Re: Sono fuuuurbi loro.....
        - Scritto da: Anonimo
        Tiscali lo fa da una vita, quindi se usi una
        adsl telecom o altro devi disconnetterti,
        collegarti con il vecchio modem analogico e
        uploadare i file. Questo se usi uno spazio
        free, se paghi invece sei libero di usare la
        connessione che vuoi.Purtroppo è falso. Ho dovuto aggiornare il sito di un cliente che ha dominio .it e hosting con tiscali (quindi paga).Al posto della fibra ottica fastweb ho dovuto usare il modem isdn con connessione tiscali...
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono fuuuurbi loro.....

          Purtroppo è falso. Ho dovuto aggiornare il
          sito di un cliente che ha dominio .it e
          hosting con tiscali (quindi paga).

          Al posto della fibra ottica fastweb ho
          dovuto usare il modem isdn con connessione
          tiscali...Fastweb è NATtata.... ...il che sta creando non pochi problemi...
  • Anonimo scrive:
    ho cambiato provider, e molti altri
    Chi me lo fa fare di optare per un servizio restrittivo se molti altri mi lasciano fare upload da qualunque host?
  • Anonimo scrive:
    Tiscali è così da tempo
    Senza avvisare Tiscali è diventato così già da parecchio tempo (forse più di un anno).Io avevo diversi spazi su tiscali e adesso ho un'ADSL di Infostrada... non ho più il modem perciò non posso più collegarmi ai pop di Tiscali.Il risultato è che non posso più aggiornare le mie pagine neanche mettendoci tutta la buona volontà!
    • Anonimo scrive:
      Re: Tiscali è così da tempo
      Inoltre nessuno ha mai detto nulla, penso che almeno Libero abbia avuto l'accortezza di comunicarlo ai suoi utenti!Una cosa non ho capito : cosa c'entra il materiale illegale?Spiegatemi perchè un utente con un'altro provider metterebbe su roba illegale invece uno connesso con Libero/Wind no? Non capisco, spiegatemi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Tiscali è così da tempo

        Una cosa non ho capito : cosa c'entra il
        materiale illegale?
        Spiegatemi perchè un utente con un'altro
        provider metterebbe su roba illegale invece
        uno connesso con Libero/Wind no? Non
        capisco, spiegatemi...Infatti non c'entra nulla e' solo una scusa.
  • Anonimo scrive:
    il gratis e l'open non funzionano
    meditate gente meditate quello che oggi è open e gratis domani chi sa.... vi va di rischiare.ormai saranno già 7 volte che sposto il mio portalino in php, all'inizio W l'open poi ti arriva la mail con la richiesta dei soldi che dire di più....
    • Anonimo scrive:
      Re: il cervello di molti non funziona...
      - Scritto da: Anonimo


      meditate gente meditate quello che oggi è
      open e gratis domani chi sa.... vi va di
      rischiare.
      guarda che l'asilo ha chiuso da un pezzo:io guardo canale 5 e INCREDIBBILE e' gratis, certo fa' pieta', ma d'altronde cosa pretendere da un prodotto AGRATIS. Funziona bene anche per YAHOO, e tutti i motori di ricerca che INCREDIBBILE li uso AGRATIS.Certo potrei continuare a prendermelo in saccoccia con OUTLOOK che INCREDIBBILE NON e' AGRATIS, perche' se non prendo WINDOWS col cavolo che me lo danno. Ma guarda caso, SENZA OUTLOOK, un pacco di virus NON MI FANNO UN BAFFO. Eppuro IO PAGO per avere WINDOWS, allora perche' non ho NESSUNA TUTELA DI ALCUN TIPO sui danni che OUTLOOK mi ha causato, a causa DEGLI ERRORI DI CHI LO HA SCRITTO?Mah, e' un mistero.
      ormai saranno già 7 volte che sposto il mio
      portalino in php, all'inizio W l'open poi ti
      arriva la mail con la richiesta dei soldi
      che dire di più....Ma tu lo sai cosa vuol dire open o lavori in M$?
      .... vi va di rischiare.No, per questo, uso il meno possible prodotti M$.
      • Anonimo scrive:
        Re: il cervello di molti non funziona...
        Non sono l'autore del messaggio originale .....e per la risposta che hai dato posso solo dirti :"Si vede che hai tantissimo tempo da perdere a provare-fixare-spostare i tuoi lavori per il gusto di risparmiare poche centinaia di ? all'anno".Personalmente, ritengo che il miglior guadagno, sia quello di acquistare ( servizio, prodotto o altro ) un qualcosa con tanto di "garanzia di funzionamento".Windows costa un pacco....lo compro....si trovano i bug ( io mai trovato 1 eppure ci lavoro ), e ogni tanto il programma si "aggiorna da solo".Linux e' gratis.....lo installo.....trovo un problema (chiamo un esperto che mi fa pagare un pacco ), si trova un bug e devo raccapezzarmi su dove trovare il fix e come fare per tappare la falla.P.s. : Sono 2 filosofie di vita differente.....nessuna e' mglio dell'altra, ma si vede che il tuo tempo non e' tanto prezioso quanto il mio.Bye
        • Anonimo scrive:
          Re: il cervello di molti non funziona...
          bello l'aggiornamento automaticocosi' automaticamente aggiornano i loro archivi su di te .........
    • Anonimo scrive:
      Re: il gratis e l'open non funzionano
      Sarà difficile che tu abbia messo il tuo portalino in php su Digiland visto che supporta solo pagine html statiche.
      • Anonimo scrive:
        Re: il gratis e l'open non funzionano
        - Scritto da: Anonimo
        Sarà difficile che tu abbia messo il tuo
        portalino in php su Digiland visto che
        supporta solo pagine html statiche.ma fa non lo sapevo grazie che dire strano non me ne ero mai accorto :-).che rispondere ad osservazioni cosi inteliggenti
  • Anonimo scrive:
    il motivo è sempre lo stesso: i soldi !
    la verità è che vogliono i quattrini della connessione.Se prima avevo un buon motivo per non andare con Wind ora ne ho due.
    • Anonimo scrive:
      Re: il motivo è sempre lo stesso: i soldi !
      Beh, ma mi sembra un buon motivo: loro ti offrono un servizio perchè non devono guadagnarci?L'unica cosa da biasimare e che l'hanno spacciata per sicurezza.
    • Anonimo scrive:
      Re: il motivo è sempre lo stesso: i soldi !
      beh se uno a un buon motivo per non darti nulla gratis ora ne ha due. internet grqatis è morto perchè al pubblicità non paga volere servizi gratis senza dare nulla in cambio non è corretto. se vuoi spazio gratis almeno pagati al connessione
  • Anonimo scrive:
    delusione
    Come tanti sono deluso dal comportamento di Libero, ho un sito presso di loro da vari anni e mai avrei immaginato che potessero agire in questo modo.Capisco che devono cercare di tutelarsi, ma cosi' penalizzano i tanti utenti che in questi anni hanno permesso a Libero di crescere.Se le cose non cambieranno cerchero' un altro spazio lasciando su Libero solo una pagina con la "ridirezione" al nuovo indirizzo.
  • Anonimo scrive:
    Gratis
    E' gratis, offrono il servizio, quindi fanno quel che vogliono. Non ti piace ? Vai da altri.
    • wilcox scrive:
      Re: Gratis
      - Scritto da: Anonimo
      E' gratis, offrono il servizio, quindi fanno
      quel che vogliono.
      Non ti piace ? Vai da altri.a) non e` gratisb) sicuramente lo faro` :-)non e` gratis perche` tu hai dato qualcosa in cambio, i tuoi dati personali...
      • Anonimo scrive:
        Re: Gratis
        - Scritto da: wilcox
        a) non e` gratis
        b) sicuramente lo faro` :-)
        non e` gratis perche` tu hai dato qualcosa
        in cambio, i tuoi dati personali...ed in più devi riceverti il loro spam in casella...
        • Anonimo scrive:
          Re: Gratis
          E devi accettare i contenuti pubblicitari che Libero propone a margine del tuo sito (di cui potresti anche non condividere i contenuti), dai quali tu non trai personalmente un centesimo.There's nothing like a free lunch...
        • Anonimo scrive:
          Re: Gratis
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: wilcox


          a) non e` gratis

          b) sicuramente lo faro` :-)

          non e` gratis perche` tu hai dato qualcosa

          in cambio, i tuoi dati personali...

          ed in più devi riceverti il loro spam in
          casella...Non è vero!!puoi attivare un'account su Libero.it anche dando solo: Nome, Cognome, data di nascia, luogo di residenza (tutti falsi) nessuno mai cotrollerà l'esattezza dei dati forniti!! alla faccia della sicurezza!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Gratis
            Appunto, hai centrato il nocciolo della questione:visto che tutti, io compreso, banfiamo dando dati falsi, loro si cautelano facendoti accedere dai loro pop di accesso....Dai log files del pop loro sono in grado di associare al tuo ip address il tuo CLI e quindi risalire se richiesto dalla magistratura grazie a Telecom o a loro stessi se in inubundling ai tuoi dati personali.....Bingo direi....ecco spiegato il tutto....
      • Anonimo scrive:
        Re: Gratis

        non e` gratis perche` tu hai dato qualcosa
        in cambio, i tuoi dati personali...Ma chi è che ha messo i propri dati personali registrandosi su Digiland? Che mi mandino pure lo spam a Paperopoli ...Paperon de Paperoni
  • Anonimo scrive:
    che schifo...
    nascondere una mera operazione commerciale dietro una causa da considerarsi giusta(chissà per chi) sembra che sia diventato un sport internazionale(vedi bush)prima hanno iniziato con la email alcuni anni fa, infatti non si possono spedire email(e pure accedere ai newsgroup) da libero se non utilizzando linee loro .......e lo chiamano controllo di materiale illegale ..... ma per favore .... la vergogna è un sentimento che è scomparso dall'animo unamo
    • yusaku scrive:
      Re: che schifo...
      Libero/Digiland/Infostrada/Wind non ha piu' vergogna da molto tempo...più o meno da quando Wind è entrata a far parte della famiglia. Ricordate anche la Faccenda Libero@Sogno? Comunque io non lascerei in mano a questi ladri anche l'ENEL. Io a giorni mi sbarazzo anche del loro collegamento ad Internet e chiudo definitivamente le mie disavventure con Wind.
  • Anonimo scrive:
    Messaggio a Libero.it / InWind.it
    Visto che- avete deciso di bloccare l'accesso il giorno stesso in cui avete dato comunicazione (personalmente ho letto l'e-mail il giorno successivo),- non e' possibile rispondere alla Vs. comunicazione (mailbox full!)il mio consiglio e' di cancellare tutte le pagine che ospitate, avvisando gli utenti (sempre con i preavvisi di cui sopra) di provvedere ad un nuovo upload, previo collegamento ai Vs. POP.Otterrete un sacco di benefici: spazio libero sugli Hard Disk dei server, minore consumo di banda, piu' utenti collegati ai POP (= più $).
  • Anonimo scrive:
    motivo banale
    la telecom dà ai provider che ricevono circa il 20 % di quello che paghiamo quando chiamiamo ed ecco perchè il peggior gestore di telefonia italiano fa questo.comunque da 5 anni ho un bel sito su tripod, passato da server tedeschi a francesi ed ora non posso aggiornarlo fino a sabato perchè passa su server svedesi.si aposta sempre in paesi con leggi meno restrittive
  • Anonimo scrive:
    E hanno il coraggio di chiamarlo LIBERO?
    Prima utilizzano SPEWS la black list più censoria e dannosa (anche per chi spammer non è) non recapitando ai loro utenti TONNELLATE di posta legittima in barba all'articolo 7 del loro contratto !!!Adesso AMMAZZANO la comunità DIGILANDER ... Insomma, se non l'avete capito, LIBERO si è stufato di voi smanettoni che non volete scucire una lira e, come fra due fidanzati fra cui l'amore è finito, vi sta sottilmente facendo capire che è ora di cambiare aria.
    • Anonimo scrive:
      Re: E hanno il coraggio di chiamarlo LIBERO?
      spews ha messo nella black list i server di yahoo.praticamente tutte le mailing list che viaggiano su yahoo sono pesantemente depotenziate anche perchè almeno 30% degli utenti occasionali di internet ha una casella @inwind o @libero.una vera tragedia.
  • Anonimo scrive:
    Ed per quel codice java inserito?
    A dire il vero è un bel pò che posso aggiornare il mio sito solo collegandomi con loro POP... comunque, tra le altre cose, qualcuno sa niente di quel codice javascript: ...che viene inserito in ogni file html, txt (ma forse non solo) dopo l'upload? Tra l'altro non rispetta neppure gli standard w3c. Ma possono modificare il mio codice sorgente HTML senza almeno chiedermene il permesso, od avvisare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ed per quel codice java inserito?
      - Scritto da: Anonimo
      A dire il vero è un bel pò che posso
      aggiornare il mio sito solo collegandomi con
      loro POP... comunque, tra le altre cose,
      qualcuno sa niente di quel codice
      javascript:



      ...

      che viene inserito in ogni file html, txt
      (ma forse non solo) dopo l'upload? Tra
      l'altro non rispetta neppure gli standard
      w3c. Ma possono modificare il mio codice
      sorgente HTML senza almeno chiedermene il
      permesso, od avvisare?lo fanno praticamente TUTTI i siti gratuiti, è il prezzo da dover pagare x poter avere spazio web gratuito.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ed per quel codice java inserito?
        Ok, mi sta bene che pongano delle condizioni per l'utilizzo, ma nel contratto non c'era scritto niente in merito ad una modifica del codice HTML. E poi a cosa serve quel codice? Sono circa una cinquantina di righe:

        773:

        774:
        801:

        802:

        803:

        804:
        • Anonimo scrive:
          Re: Ed per quel codice java inserito?
          - Scritto da: Anonimo
          Ok, mi sta bene che pongano delle condizioni
          per l'utilizzo, ma nel contratto non c'era
          scritto niente in merito ad una modifica del
          codice HTML. E poi a cosa serve quel codice?
          Sono circa una cinquantina di righe:



          773:


          774: ....


          812: if (rs_DLR) document.write("");
          ....


          818: document.write(' src="http://server-it.imrworldwide.com/cgi-bi
          ...


          825:
          ...
          829: In genere lo mettono per aprire un popup pubblicitario ogni volta che apri una pagina.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ed per quel codice java inserito?
      anni fa i server che offrivano spazio libero erano visti come benefattori, erano celebrati nei libri come i veri sostenitori della giovane internet........ oggi occupando uno spazio gratuito ci siamo assunti noi il ruolo di benefattoriconvogliando nel server tutto il traffico indotto che il supposto "benefattore" usa come rating nella tariffazione dei bannersPer quanto mi concerne ho smesso da tempo di usufruire di questi "regali"
    • Anonimo scrive:
      Re: Ed per quel codice java inserito?
      - Scritto da: Anonimo
      che viene inserito in ogni file html, txt
      (ma forse non solo) dopo l'upload? Tra
      l'altro non rispetta neppure gli standard
      w3c. Ma possono modificare il mio codice
      sorgente HTML senza almeno chiedermene il
      permesso, od avvisare?uhm .. sicuro !?loro nn modificano nulla .. di quanto tu uploadi ... e' solo che quando la pagina viene scaricata ... ci viene appiccicato, quel pezzo html/javascript, DOPO. insomma è qualcosa che viene fatto a RunTime dal server ! la pagina sul "disco" e' quella che tu hai uploadato.
      • Anonimo scrive:
        Il codice java(script) inserito..
        Se qualcuno si fosse preso la briga di andare a vedere l'indirizzo URL contenuto nello script si sarebbe reso conto che si tratta di una società di certificazione. In quelle pagine è indicata chiaramente la natura essenziale del servizio: la verifica del numero di pageview.Inoltre chi ha un po' di praticaccia sa che nessun sorgente HTML viene modificato, semplicemente il server "appende" in coda ad ogni pagina servita lo script in questione.
  • Anonimo scrive:
    Lo fanno anche altri
    Lo ha fatto anche Tiscali qualche mese fa, e non ricordo se avvisarono o meno.Penso che diventerà la prassi ovunque, Free Internet è finito da un pezzo ovunque, loro offrono tot (in questo caso lo spazio web) chi vuole usufruirne li ripaga dei costi accedendo a Internet con loro.
    • Elendil scrive:
      Re: Lo fanno anche altri
      - Scritto da: Anonimo
      Lo ha fatto anche Tiscali qualche mese fa, e
      non ricordo se avvisarono o meno.E' stato l'anno scorso, all'inizio dell'estate. Me ne sono accorto ovviamente perché non riuscivo più ad aggiornare un mio sito. L'anno segnalato con qualche giorno di ritardo, il 6 luglio.Da notare che non hanno addotto a fantomatici problemi di sicurezza... questa sa tanto di una balla per mettere calmi i clienti!Eccovi l'email di Tiscali:Gentile Cliente, nel continuo impegno per migliorare la qualità dei nostri servizi,vorremmo fornirti qualche indicazione utile per la gestionedi alcune importanti novità che introdurremo a partire dal 13 luglio: Spazio Web gratuitoPer aggiornare le pagine del tuo Spazio Web gratuito dovraicollegarti con un client FTP all?indirizzo ftp://ftp.tiscali.it esclusivamente tramite unodei servizi di accesso alla Rete offerto da Tiscali.User ID e password resteranno invariate.
      • Elendil scrive:
        Re: Lo fanno anche altri
        - Scritto da: Elendil
        L'anno segnalato con qualche giorno diScusate l'errore mostruoso: dopo 12 ore di lavoro sul computer inizio a dare i numeri...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo fanno anche altri
      ma allora dov'è il freese i miei soldi vanno direttamente nelle tasche di chi mi offre il servizio è un servizio a PAGAMENTOhai uno strano concetto di servizio gratuito
  • Anonimo scrive:
    MANDATELI A CAGARE E PARTITA KIUSA
    POKE KIAKKIERE CAMBIATE HOST
  • samu scrive:
    non centra nulla la legge
    e' solo un modo per "prendere" clienti ad altri provider.Si sono sempre riservati il diritto di togliere un sito qual'ora non rispettasse le policy (come anche detto nell'articolo).Non mi stupirei se a breve togliessero la possibilita' di connettersi a porta 80 degli ip dei loro clienti (sia adsl che modem), visto che per smtp lo hanno gia' fatto Avete un sito piu' per lavoro che per hobby ? passate a qualche provider serio e non italiano.
    • Anonimo scrive:
      Re: non centra nulla la legge
      - Scritto da: samu
      Non mi stupirei se a breve togliessero la
      possibilita' di connettersi a porta 80 degli
      ip dei loro clienti (sia adsl che modem),
      visto che per smtp lo hanno gia' fatto si e lo hanno fatto andando contro il loro stesso contratto che prevedeva la comunicazione per ogni variazione del servizio.Io usavo la porta 25 (smtp). Cmq, adesso che mi sono laureato ho il tempo da perdere (xche` c'e` anche questa fregatura: provate a chiamare i numeri di assistenza) per trovare la soluzione (che sara` passare ad IP fisso, ma non con questi ba$tardi di Wind/Infostrada).Intanto la porta 80 funziona... e cmq non potrebbero farla passare come la cretinata degli open relay che hanno usato per la 25...
      • Anonimo scrive:
        Re: non centra nulla la legge

        Intanto la porta 80 funziona... e cmq non
        potrebbero farla passare come la cretinata
        degli open relay che hanno usato per la
        25... Gli OPEN RELAY non sono una cretinata... sono una cosa seria...è vero che sui miei SMTP ho da tempo bloccato i dialup...ma magari..bloccare il problema alle origini.. non è una cattiva idea...specialmente in un periodo come questo dove in tanti smanettano con linux e non sanno nemmeno cosa sia sendmail...
        • Anonimo scrive:
          Re: non centra nulla la legge
          - Scritto da: Anonimo
          Gli OPEN RELAY non sono una cretinata...
          sono una cosa seria...
          è vero che sui miei SMTP ho da tempo
          bloccato i dialup...si lo so, ma il mio non e` un open relay.e poi i filtri sono impostati solo da reti non Liberoa libero. Chiunque dentro libero puo` usare un openrelay di un altro che usa libero. In ogni caso una voltache li ho chiamati e gli ho fatto presente il problema mi hanno ignorato. Controllare non gli sarebbe costato nulla.
          ma magari..bloccare il problema alle
          origini.. non è una cattiva idea...non lo hanno bloccato affatto... e` questo il bello.
          specialmente in un periodo come questo dove
          in tanti smanettano con linux e non sanno
          nemmeno cosa sia sendmail...e` come mettere in prigione gli innocenti per evitare che i cattivi gli facciano del male... interesante punto di vista.
    • s. scrive:
      Re: non centra nulla la legge
      - Scritto da: samu
      Avete un sito piu' per lavoro che per hobby
      ? passate a qualche provider serio e non
      italiano.Beh, non sarei così assolutista.Di provider italiani e seri ce ne sono un sacco sulla piazza, l'importante è saperli scegliere.Certo però che se si vuole la qualità bisogna pagare.Se non si vuole pagare si prenda quello che c'è.
      • Anonimo scrive:
        Re: non centra nulla la legge
        - Scritto da: s.
        Beh, non sarei così assolutista.
        Di provider italiani e seri ce ne sono un
        sacco sulla piazza, l'importante è saperli
        scegliere.

        Certo però che se si vuole la qualità
        bisogna pagare.
        Se non si vuole pagare si prenda quello che
        c'è.Il problema e` che con una ADSL cambiare non si puo`!Se hai dei problemi (es. libero adsl ha viaggiato a meno di 2KB/s per mesi) cambiare provider, vuol dire rimanere senza ADSL per almeno 3 mesi... fanno i ba$tardi e non ti liberano la portante. Fanno di tutto per renderti la vita impossibile. E il governo non fa nulla per tutelarci.
Chiudi i commenti