Intel svela due nuovi Atom

Il big di Santa Clara ha presentato due nuovi modelli Silverthorne della serie Z, tra cui il primo di questa famiglia a raggiungere una frequenza di clock di 2 GHz. Prima dimostrazione anche della piattaforma MID Moorestown

Durante l’Intel Developer Forum ( IDF ) di Pechino, la cui inaugurazione ha coinciso col primo anniversario dalla commercializzazione di Atom, Intel ha ufficialmente annunciato due nuovi modelli del suo fortunato processore a basso consumo: l’Atom Z550 e l’Atom Z515, entrambi indirizzati ai sistemi MID ma utilizzabili, come recentemente dimostrato da MSI con lo Z530, anche sui netbook.

Lo Z550 è il primo chip della famiglia Silverthorne a raggiungere una frequenza di clock di 2 GHz: gli Atom serie “Z” lanciati fino ad oggi hanno infatti frequenze comprese tra 800 MHz e 1,86 GHz. Il thermal design power (TDP) del nuovo chip è di 2,4 watt, identico a quello del modello a 1,86 GHz. Come i suoi più diretti predecessori, lo Z550 supporterà le tecnologie Hyper-Threading e Intel VT, integrerà 512 KB di cache L2, avrà un front-side bus a 533 MHz e consumerà mediamente 220 mW in funzione e 100 mW a riposo.

Lo Z515 è molto simile al modello Z500 lanciato lo scorso anno, con il quale condivide un clock base di 800 MHz, un FSB a 400 MHz, 512 MB di cache L2 e l’assenza della tecnologia Hyper-Threading. Ciò che dovrebbe distinguere lo Z515 dal modello più anziano è la Burst Performance Technology (BPT), che in base al carico di lavoro eleva il clock fino a 1,2 GHz. Questo ovviamente a spese del risparmio energetico: se a 800 MHz il TDP è infatti di 0,65 watt, a 1,2 GHz è di 1,4 watt (un consumo comunque inferiore ai 2 watt assorbiti dal modello Z520, funzionante anch’esso a 1,33 GHz ma con un bus a 533 MHz e il supporto all’Hyper-Threading).

Come suggerisce The Register , la tecnologia BPT non è altro una nuova incarnazione di SpeedStep. Normalmente lo Z515 funziona infatti “undercloccato”, e raggiunge la sua massima frequenza nominale solo quando necessario: qualcosa di simile a quanto già fanno certe CPU per notebook quando alimentate a batteria.

Entrambi i nuovi Atom possono essere accoppiati al core grafico GMA500, che supporta la riproduzione di video 720p e l’accelerazione in hardware dei formati di compressione H.264, MPEG2, MPEG4, VC1 e WMV9.

Presso l’IDF di Pechino, Intel ha anche mostrato dal vivo un prototipo di scheda madre basata su Moorestown , una nuova piattaforma per i MID che, secondo BigI, in idle sarà capace di consumare 10 volte meno dell’attuale piattaforma Atom-based.

Attesa per il 2010, Moorestown comprenderà un system-on-chip chiamato in codice Lincroft che integrerà un processore Atom a 45 nanometri, una GPU, un controller di memoria e un hub per l’I/O chiamato in codice Langwell . Questa piattaforma sarà accompagnata da una nuova versione di Moblin , il sistema operativo Linux-based per MID sponsorizzato da Intel.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ggianchi scrive:
    Non solo giornali ma anche webmaster
    Caro punto informatico, sono un publischer di Google, ovvero un webmaster che ha alcuni siti in cui espone gli annunci di google (google adsense), vorrei ricordare a Google che il comportamento che ha con tantissimi webmaster è dittatoriale, ovvero impone la legge del più forte, ovvero o fai come dice google oppure ti butta fuori sia dal motore di ricerca sia dal loro programma adsense. Ho sempre creduto che google era un motore democratico, ma negli ultimi anni sì è dimostrato il contrario. Nell'eventualità che sia possibile effettuare un sondaggio su tutti i webmaster che sono stati esclusi dal programma, sono certo che riceverete tante di quelle risposte che sia anche possibile unirle per rivolgersi come utenti discriminati all'antitrast. Termino con un testo standard che il supporto di google indica come firma alla fine di una loro risposta.Appreziamo la sua comprensione.Cordiali saluti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 agosto 2009 14.52-----------------------------------------------------------
  • Giornalaio scrive:
    La carta stancata
    Ma perchè in Italia esistono i giornali?Quelle cose che in edicola si portano in giro quintali di pubblicità con informazini a senso unico (ti fanno commentare solo le foto della bonazza di turo) li vogliamo chiamare giornali?Questo articolo non riporta nomi di editori 'di casa nostra', come mai?Ma dai in Italia la stampa non esiste.Io son sempre indeciso se prendere Repubblica il Corriere o Libero...il foglio mai...per accendre il camino non basta, meglio un bel malloppone come i tre che ho detto...se poi c'è anche un inserto mi basta anche per la brace del fornelletto per le salamelle.Ma dai su scriviamo articoli seri, ma dico quelli seri sulla sorte dei giornali.Google che tende la mano ad una folla che affonda nella sabbie mobili (non voglio scendere in volgarità)Ciao a tutti
  • GianGian scrive:
    Leggere on line
    pensa poter leggere alla mattina il TIMES magari in Italiano, chi leggerebbe più i giornali Italiani ?
  • Hytok scrive:
    Speech?
    Perchè non scrivi "discorso" anzichè fare il figo con gli inglesismi?
Chiudi i commenti