Intel, un Atom da tablet

Santa Clara sfodera un nuovo SoC dedicato alle tavolette, pronto a supportare qualunque OS mobile. Per contrastare l'avanzata di Arm e Tegra, serve Oak Trail

Roma – C’è una nuova piattaforma Intel in città. Un Atom versione Oak Trail dedicato al segmento tablet e rimpicciolito del 60 per cento rispetto alle precedenti generazioni. Un system-on-chip studiato per supportare anche Google Android 3.0, sistema operativo mobile specializzato in tablet e conosciuto come Honeycomb .

L’Atom Z670 da 1.5GHz proposto dal colosso di Santa Clara si basa su processore x86 a basso consumo ed è costruito con un processo a 45 nanometri. Il SoC include nello stesso die il controller di memoria DDR2 e la nuova GPU Intel GMA 600 , operante a 400MHz, che offre pieno supporto alle librerie OpenGL 2.1 e OpenGL ES 2.0. La nuova architettura utilizza anche un ulteriore chip, SM35, dedicato alla gestione input-output di USB e audio.

L’idea è insomma quella di non farsi mancare niente. La piattaforma supporta decodifica video 1080P, uscita HDMI, contenuti basati su Adobe Flash e promette una prolungata durata della batteria senza compromettere le prestazioni. Oltretutto, il chip non è legato ad un sistema operativo in particolare, ma potrà utilizzare MeeGo e Android in alternativa a Windows.

Stando al comunicato distribuito da Intel, nel corso dell’anno vedremo almeno una trentina di tablet e progetti “ibridi” basati su Oak Trail. Aziende come Fujitsu, Lenovo, Razer e Viliv avrebbero già scommesso sulle sue capacità. I primi dispositivi mobile equipaggiati con l’Atom Z670 dovrebbero arrivare nei negozi prima dell’estate.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gruppel scrive:
    Bondi
    Hai solo da imparare. Vergognati
  • pietro scrive:
    inutile
    quando i politici capiranno che Inernet è un fenomeno globale e quindi servono leggi sovranazionali (globali) sarà sempre tardi.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: inutile
      O meglio: quando capiranno che il copyright non ha proprio più senso nell'era digitale, e va abrogato, sarà sempre troppo tardi.
  • pietro scrive:
    inutile
    quando i politici capiranno che Inernet è un fenomeno globale e quindi servono leggi sovranazionali (globali) sarà sempre tardi.
  • Enjoy with Us scrive:
    Ottimo!
    Così i prossimi supporti, HD, PC , Smartphone ecc... so dove acquistarli... in Olanda!
    • panda rossa scrive:
      Re: Ottimo!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Così i prossimi supporti, HD, PC , Smartphone
      ecc... so dove acquistarli... in
      Olanda!Organizziamo un bel mercato di import parallelo col bollino di garanzia.[img]http://img147.imageshack.us/img147/3289/bollinonosiaegu3.gif[/img]
    • Valeren scrive:
      Re: Ottimo!
      Sei proprio così sicuro che l'eliminazione dell'equo compenso comporterà la riduzione del costo dei prodotti all'utente finale?
      • enjoy non loggato scrive:
        Re: Ottimo!
        - Scritto da: Valeren
        Sei proprio così sicuro che l'eliminazione
        dell'equo compenso comporterà la riduzione del
        costo dei prodotti all'utente
        finale?Certissimo, già oggi su ebay trovi dvd verbatim full printable a 24 centesimi di euro l'uno, prova a comprali in negozio se li paghi meno di un'euro sei fortunato!
        • Valeren scrive:
          Re: Ottimo!
          E questo lo so anche io.Ma l'equo compenso è caricato ORA.Quindi un prodotto costa X + ECTolto l'EC sei proprio proprio proprio proprio proprio proprio certo che riporteranno il prezzo a X?Oppure lo manterranno uguale guadagnandoci sopra?
          • Paguro scrive:
            Re: Ottimo!
            La tua idea mi fa paura, quindi probabilmente hai ragione.. =(Se invece tu avessi torto, sarei abbastanza felice, visto che vivo in Olanda =D
Chiudi i commenti