Intel, un Atom nella TV

All'IDF Santa Clara mette in mostra il suo ultimo processore per i dispositivi multimediali pensati per un uso prettamente televisivo. Fuori e dentro il salotto

Roma – Intel dice di aver visto il futuro della TV, e naturalmente in quel futuro i suoi processori x86 giocheranno un ruolo da protagonisti . Lo scenario è sempre il solito Intel Developer Forum che si tiene in questi giorni a San Francisco, ma invece che di informatica questa volta si parla di digital personal media, schermi televisivi e set-top box “intelligenti”.

Il palco è occupato dalla piattaforma System-On-Chip (SoC) CE4100 , il sistema integrato realizzato con processo produttivo a 45 nanometri precedentemente noto con il nome in codice di Sodaville , che succede al CE3100 presentato all’IDF dello scorso anno e prova ancora una volta, dopo il non esattamente travolgente successo del predecessore, a vendere presso pubblico e partner tecnologici l’idea che Intel si è fatta di come dovrebbe essere la TV nel secolo digitale.

CE4100 è retrocompatibile con CE3100 ma sostituisce il core Pentium M con quello più moderno di Atom sfoggiando un clock di 1,2 GHz, la capacità di decodificare in contemporanea due flussi video in Full HD (1080p), il supporto alla grafica 3D, ai codec audio high-end, il video in MPEG-4 e la cattura di un flusso Full HD non compresso. Integrati, inoltre, un controller per la memoria NAND Flash e supporto DDR2-DDR3, 512 KB di memoria cache di secondo livello e la gestione delle comunicazioni su bus Serial ATA-300 / USB 2.0

Nelle intenzioni di Intel Sodaville dovrebbe farsi largo all’interno di box multimediali, player di supporti digitali e tutti quei dispositivi (non necessariamente “da salotto”) nati in questi anni dalla convergenza tra elettronica, TV, home video e digitale. “Entro l’anno 2015 – ha detto il chief technology officer di Intel Justin Rattner durante il suo keynote all’IDF – ci si attende la disponibilità di 15 miliardi di dispositivi consumer capaci di fornire contenuti televisivi con miliardi di ore di video disponibili”.

Per prepararsi all’evoluzione della televisione, che una volta uscita dal salotto “non sarà più la stessa” e invaderà ogni schermo digitale mini o gigante che sia, Rattner sostiene che “avremo bisogno di modi più sofisticati di organizzare i contenuti e fornirli on-demand”. I ricercatori di Intel Labs stanno in tal senso lavorando “sull’evoluzione della tecnologia di modo che le persone possano avere i contenuti televisivi che vogliono, quando vogliono e in qualunque modo vogliono”.

Oltre che ad Atom-CE4100, le attenzioni del chipmaker di Santa Clara per la conquista del mondo del digital media sono rivolte alle partnership con specialisti in tecnologia telematica (Cisco) e fornitori e distributori di contenuti (CBS, BBC), start-up impegnate nella televisione tridimensionale (HDI, 3ality Digital) senza dimenticarsi di Adobe e della sua piattaforma Flash , che nella visione di Intel rappresenta la chiave di sviluppo fondamentale per un’esperienza televisiva nuova, ricca, personale e sempre più interconnessa.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giulio scrive:
    fa sorridere pensare alle macchine.....
    Come da oggetto:"fa sorridere pensare alle macchine che giravano a 100MHz con 32MB di RAM".Si questo fa sorridere. Ma il fatto che quelle macchine andassero meglio di quelle di oggi fa proprio ridere.
    • bigotto scrive:
      Re: fa sorridere pensare alle macchine.....
      - Scritto da: Giulio
      Come da oggetto:"fa sorridere pensare alle
      macchine che giravano a 100MHz con 32MB di
      RAM".
      Si questo fa sorridere. Ma il fatto che quelle
      macchine andassero meglio di quelle di oggi fa
      proprio ridere.Sarà... ma il mio MBP15" con SL va molto meglio della macchina che avevo 10 anni fa (e che, tra parentesi, era costata pure molto di più)
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: fa sorridere pensare alle macchine.....
      sisi convinto tu...
    • lroby scrive:
      Re: fa sorridere pensare alle macchine.....
      - Scritto da: Giulio
      Come da oggetto:"fa sorridere pensare alle
      macchine che giravano a 100MHz con 32MB di
      RAM".
      Si questo fa sorridere. Ma il fatto che quelle
      macchine andassero meglio di quelle di oggi fa
      proprio
      ridere.se tu oggi hai delle macchine che viaggiano di mexxa di chi è la colpa?!?!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Massimo scrive:
    Non siete obbligati a scrivere...
    Parallelamente, CPU e GPU continueranno ad evolversi aumentando a dismisura la potenza di elaborazione, il che consentirà di avere a disposizione maggiori risorse per i sistemi operativi e nuovi software sempre più ricchi di funzioni. Anche senza spingersi troppo in là immaginando proXXXXXri quantici o altre tecnologie che al momento vivono solo nei laboratori, nel giro di pochi anni il numero di core aumenterà a dismisura: sarà normale avere computer a 16 o 32 core, e si sorriderà pensando a quando si lavorava con un singolo proXXXXXre, un po' come oggi (anche senza andare troppo indietro nel tempo) fa sorridere pensare alle macchine che giravano a 100MHz con 32MB di RAM.Questo capoverso lo potrebbero mettere in un dizionario alla voce "ovvietà"... grazie, lo so anch'io che tra 10 anni sorrideremo degli attuali sistemi come ora sorridiamo... ecc... e poi tra 100 anni saremo anche morti...Ma dai, se non avete niente da dire non dite niente!
    • bigotto scrive:
      Re: Non siete obbligati a scrivere...
      Mi pare ovvio che era un semplice aggancio per dire che l'OS deve adeguarsi a queste nuove tendenze di sviluppo, cosa che Apple ha fatto (in modo anche radicale, tagliando i ponti con tutte le machine più vecchie), ma MS non l'ha ancra digerito bene...
      • Massimo scrive:
        Re: Non siete obbligati a scrivere...
        - Scritto da: bigotto
        Mi pare ovvio che era un semplice aggancio per
        dire che l'OS deve adeguarsi a queste nuove
        tendenze di sviluppo, cosa che Apple ha fatto (in
        modo anche radicale, tagliando i ponti con tutte
        le machine più vecchie), ma MS non l'ha ancra
        digerito
        bene...Ti do ragione su questo... contesto però il fatto che i SW (lasciamo perdere quelli che devono eseguire compiti "estremi", tipo elaborare modelli dell'atmosfera terrestre o prevedere il comportamento di miliardi di transistor su un microchip a 32nm...) abbiano la necessità di richiedere sempre più risorse o più core per eseguire compiti più complessi... credo che uno sforzo dei programmatori nel senso di un alleggerimento generale del SW potrebbe portare a buoni risultati... in effetti Apple sta seguendo "anche" questa strada con snow leopard. In particolare i sistemi operativi, infatti, dovrebbero diventare mooooolto meno invadenti... l'OS è un mezzo, non un fine, e non serve a nulla esibire mirabolanti funzionalità ed effetti grafici, specie se lo devo fare a costo di mangiarmi metà della potenza di un sistema...
        • bigotto scrive:
          Re: Non siete obbligati a scrivere...
          - Scritto da: Massimo
          Ti do ragione su questo... contesto però il fatto
          che i SW (lasciamo perdere quelli che devono
          eseguire compiti "estremi", tipo elaborare
          modelli dell'atmosfera terrestre o prevedere il
          comportamento di miliardi di transistor su un
          microchip a 32nm...) abbiano la necessità di
          richiedere sempre più risorse o più core per
          eseguire compiti più complessi... Guarda che quello che avviene normalmente è il contrario... l'hadware si sviluppa per i fatti suoi, e il sw sfrutta l'hardware che ha a disposizione
          credo che uno
          sforzo dei programmatori nel senso di un
          alleggerimento generale del SW potrebbe portare a
          buoni risultati... in effetti Apple sta seguendo
          "anche" questa strada con snow leopard.Sta seguendo la strada di sfruttare al meglio i core e la GPU... ma se i multicore non ci fossero e le GP fossero ferme a 10 anni fa, tutto questo non sarebbe possibile
          In
          particolare i sistemi operativi, infatti,
          dovrebbero diventare mooooolto meno invadenti...
          l'OS è un mezzo, non un fine, e non serve a nulla
          esibire mirabolanti funzionalità ed effetti
          grafici, specie se lo devo fare a costo di
          mangiarmi metà della potenza di un
          sistema...i "mirabolandi effetti grafici" sono molto poco invadenti, soprattutto se la GPU ad occuparsene
          • Massimo scrive:
            Re: Non siete obbligati a scrivere...
            - Scritto da: bigotto
            - Scritto da: Massimo


            Ti do ragione su questo... contesto però il
            fatto

            che i SW (lasciamo perdere quelli che devono

            eseguire compiti "estremi", tipo elaborare

            modelli dell'atmosfera terrestre o prevedere il

            comportamento di miliardi di transistor su un

            microchip a 32nm...) abbiano la necessità di

            richiedere sempre più risorse o più core per

            eseguire compiti più complessi...

            Guarda che quello che avviene normalmente è il
            contrario... l'hadware si sviluppa per i fatti
            suoi, e il sw sfrutta l'hardware che ha a
            disposizionebravissimo, è questo il guaio, caro bigotto... hai presente il concetto di "ottimizzare"? ecco, del tutto estraneo a chi progetta le CPU... sarebbe meglio che l'HW "servisse" il SW, e non viceversa... forse ci toglieremmo dai piedi questi forni che sono i moderni proXXXXXri x86, che consumano come delle TV...


            credo che uno

            sforzo dei programmatori nel senso di un

            alleggerimento generale del SW potrebbe portare
            a

            buoni risultati... in effetti Apple sta seguendo

            "anche" questa strada con snow leopard.

            Sta seguendo la strada di sfruttare al meglio i
            core e la GPU... ma se i multicore non ci fossero
            e le GP fossero ferme a 10 anni fa, tutto questo
            non sarebbe
            possibilenon ho detto che non debba esistere il multicore, però fin'ora è stata, almeno in parte, un'occasione persa... appunto perché, come dicevi, i progettisti di HW e quelli di SW seguono strade parallele che solo ogni tanto convergono... siamo pieni di 500 col motore di una ferrari, per usare un vecchio modo di dire...


            In

            particolare i sistemi operativi, infatti,

            dovrebbero diventare mooooolto meno invadenti...

            l'OS è un mezzo, non un fine, e non serve a
            nulla

            esibire mirabolanti funzionalità ed effetti

            grafici, specie se lo devo fare a costo di

            mangiarmi metà della potenza di un

            sistema...

            i "mirabolandi effetti grafici" sono molto poco
            invadenti, soprattutto se la GPU ad
            occuparseneva bé, mettila come vuoi... per me ogni OS che non si limiti a fare lo stretto indispensabile per far girare le applicazioni e trovare i file che mi servono E' invadente... per quanto poco un effetto grafico senza utilità pratica mi possa pesare sull'HW, fosse pure occuparmi uno 0,1% delle risorse, è comunque troppo, nella misura in cui NON MI SERVE.
          • bigotto scrive:
            Re: Non siete obbligati a scrivere...
            - Scritto da: Massimo


            Ti do ragione su questo... contesto però il

            fatto


            che i SW (lasciamo perdere quelli che devono


            eseguire compiti "estremi", tipo elaborare


            modelli dell'atmosfera terrestre o prevedere
            il


            comportamento di miliardi di transistor su un


            microchip a 32nm...) abbiano la necessità di


            richiedere sempre più risorse o più core per


            eseguire compiti più complessi...



            Guarda che quello che avviene normalmente è il

            contrario... l'hadware si sviluppa per i fatti

            suoi, e il sw sfrutta l'hardware che ha a

            disposizione

            bravissimo, è questo il guaio, caro bigotto...guaio o non guaio, le cose stanno così, e non puoi certo pretendere che lo sviluppo dell'hardware si fermi in nome della necessità di ottimizzazione del sw...
            non ho detto che non debba esistere il multicore,
            però fin'ora è stata, almeno in parte,
            un'occasione persa... appunto perché, come
            dicevi, i progettisti di HW e quelli di SW
            seguono strade parallele che solo ogni tanto
            convergono... siamo pieni di 500 col motore di
            una ferrari, per usare un vecchio modo di
            dire...Si sta dicendo che finalmente Apple li utilizzerà al meglio, direttamente da sistema, e/o con istruzioni facilmente implementabili da chi sviluppa il sw... più di così cosa vuoi?
        • Pascquale scrive:
          Re: Non siete obbligati a scrivere...
          OK.Secondo me hai centrato il punto.Se l'Hardware diventa sempre piu' potente, il SW diventera' sempre piu' leggero (ed inutile, dico io).Microsoft incomincia a soffrire per il fatto che un portatile costi "SOLO" 250 euro: come fa a venderci un S.O. da 200 euro insieme?Alle fine si scoprira' di nuovo che il SW non e' altro che un sistema per far assumere all'HW diverse configurazioni, cioe', come hardwerista, posso pensare che il SW stabilisca in maniera dinamica diversi collegamenti temporanei e successivi tra le sezioni logiche HW a disposizione.Al limite se l'HW diventa potentissimo, il SW si potra' limitare moltissimo. e.... by by Bill GatesD'altra parte si e' visto che Windows XP che ha gia' qualche anno, e' soddisfacente anche per gli HW costruiti quest'anno. Ed il flop di Vista, che voleva a tutti i costi occupare le nuove risorse HW disponibili oggi, non ha avuto sucXXXXX: un buon SW deve comparire il meno possibile....
    • Foy scrive:
      Re: Non siete obbligati a scrivere...
      A me sinceramente il fatto che una volta le "macchine che giravano a 100MHz con 32MB di RAM" fa solo piangere. Con 32MB di RAM girava un OS rispettabile e funzionante, ora ne servono almeno 50 volte tanto per fare andare un OS minimale. Comprendo perfettamente che i software si evolvono con l'hardware, ma ultimamente mi pare che si sia perso di vista l'obiettivo di usare solo le risorse che servono.Comunque questo è solo un punto di vista. Per il resto l'articolo è paragonabile a un discorso da bar, ci mancava solo che scrivessero che tra 100 anni i computer saranno grandi come un francobollo e avremmo completamente spaziato nel campo delle banalità.- Scritto da: Massimo
      Parallelamente, CPU e GPU continueranno ad
      evolversi aumentando a dismisura la potenza di
      elaborazione, il che consentirà di avere a
      disposizione maggiori risorse per i sistemi
      operativi e nuovi software sempre più ricchi di
      funzioni. Anche senza spingersi troppo in là
      immaginando proXXXXXri quantici o altre
      tecnologie che al momento vivono solo nei
      laboratori, nel giro di pochi anni il numero di
      core aumenterà a dismisura: sarà normale avere
      computer a 16 o 32 core, e si sorriderà pensando
      a quando si lavorava con un singolo proXXXXXre,
      un po' come oggi (anche senza andare troppo
      indietro nel tempo) fa sorridere pensare alle
      macchine che giravano a 100MHz con 32MB di
      RAM.

      Questo capoverso lo potrebbero mettere in un
      dizionario alla voce "ovvietà"... grazie, lo so
      anch'io che tra 10 anni sorrideremo degli attuali
      sistemi come ora sorridiamo... ecc... e poi tra
      100 anni saremo anche
      morti...
      Ma dai, se non avete niente da dire non dite
      niente!
      • quota scrive:
        Re: Non siete obbligati a scrivere...
        - Scritto da: Foy
        Comunque questo è solo un punto di vista. Per il
        resto l'articolo è paragonabile a un discorso da
        bar, ci mancava solo che scrivessero che tra 100
        anni i computer saranno grandi come un
        francobollo e avremmo completamente spaziato nel
        campo delle
        banalità.Se fra 100 anni saranno cosi grandi probabilmente avremo sbagliato qualche cosa.. .fra 100 anni i computer saranno dentro di noi, e circoleranno con il sangue nei nostri organi...Noi è il pc saremo un tutt'uno
      • bigotto scrive:
        Re: Non siete obbligati a scrivere...
        - Scritto da: Foy
        A me sinceramente il fatto che una volta le
        "macchine che giravano a 100MHz con 32MB di RAM"
        fa solo piangere.se vuoi puoi tornare ad utilizzare i monitor a fosfori verdi, o le schede perorate
        • Massimo scrive:
          Re: Non siete obbligati a scrivere...
          - Scritto da: bigotto
          - Scritto da: Foy

          A me sinceramente il fatto che una volta le

          "macchine che giravano a 100MHz con 32MB di RAM"

          fa solo piangere.

          se vuoi puoi tornare ad utilizzare i monitor a
          fosfori verdi, o le schede
          peroratea me basterebbe non avere proXXXXXri costantemente sovradimensionati perché progettati senza pensare al SW che ci girerà su... ;-)
      • Scola scrive:
        Re: Non siete obbligati a scrivere...
        - Scritto da: Foy
        A me sinceramente il fatto che una volta le
        "macchine che giravano a 100MHz con 32MB di RAM"
        fa solo piangere. Con 32MB di RAM girava un OS
        rispettabile e funzionante, ora ne servono almeno
        50 volte tanto per fare andare un OS minimale.
        Comprendo perfettamente che i software si
        evolvono con l'hardware, ma ultimamente mi pare
        che si sia perso di vista l'obiettivo di usare
        solo le risorse che
        servono.Qualcuno definisce tutto questo come "The great Moore's law compensator"...
      • lroby scrive:
        Re: Non siete obbligati a scrivere...
        - Scritto da: Foy
        A me sinceramente il fatto che una volta le
        "macchine che giravano a 100MHz con 32MB di RAM"
        fa solo piangere. Con 32MB di RAM girava un OS
        rispettabile e funzionante, ora ne servono almeno
        50 volte tanto per fare andare un OS minimale.ehi, guarda che oggi con 32mb ci fai girare Puppy o DSL, 2 versioni di Linux davvero minimali e pratiche. invece all'epoca ci giravano giusto il dos, il windows 3.xx e il Windows 95/98.
    • Alan Turing scrive:
      Re: Non siete obbligati a scrivere...
      [/img]http://www.appletreeblog.com/wp-content/2008/12/captain-obvious.jpg[/img]
    • nome e cognome scrive:
      Re: Non siete obbligati a scrivere...
      sempre peggio sto XXXXX di sito ...
  • littlegauss scrive:
    Ma che articolo è?! Che sta dicendo??
    ma cosa ci sta dicendo?! che i computer si stanno rimpicciolendo? che si stanno abbassando i costi? che cosa sta dicendo questo qui? Sono anni che punto informatico riporta interviste a managers del settore e c'era bisogno di un articolo apposta per sparare ste cose?Una prova: chi di voi non sapeva già che stiamo andando verso il cloud computing e che le vendite di dispositivi portatili si stanno alzando?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 settembre 2009 18.32-----------------------------------------------------------
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Ma che articolo è?! Che sta dicendo??
      PI negli ultimi tempi sta diventando come il TG: pur di scrivere 10 notizie al giorno ripete le stesse cose e da notizie inutili, giusto per scatenare le solite guerre Windows vs Linux, ATI vs AMD, PC vs Mac.Prima su 10 notizie ne leggevo 9 con molto interesse, oggi trovarne una è già una buona cosa.Proposta per la redazione: non dovete avere un numero fisso di news, fate uscire solo quelle vere e non le "solite" ansa. Per quelle bastano 10 righe come fa Tom's Hardware ad esempio. Anzi, ne bastano 3, quelle che riportate nella mail appunto.
      • DarkOne scrive:
        Re: Ma che articolo è?! Che sta dicendo??
        - Scritto da: Nome e cognome
        PI negli ultimi tempi sta diventando come il TG:
        pur di scrivere 10 notizie al giorno ripete le
        stesse cose e da notizie inutili, giusto per
        scatenare le solite guerre Windows vs Linux, ATI
        vs AMD, PC vs
        Mac.

        Prima su 10 notizie ne leggevo 9 con molto
        interesse, oggi trovarne una è già una buona
        cosa.

        Proposta per la redazione: non dovete avere un
        numero fisso di news, fate uscire solo quelle
        vere e non le "solite" ansa. Per quelle bastano
        10 righe come fa Tom's Hardware ad esempio. Anzi,
        ne bastano 3, quelle che riportate nella mail
        appunto.Veramente prima le scrivevano pure...adesso le notizie arrivano nel pomeriggio e sono di questo stampo...una vera delusione.
    • Anonymous scrive:
      Re: Ma che articolo è?! Che sta dicendo??

      --------------------------------------------------E' questo il problema: stiamo andando verso il Cloud Computing.
    • bigotto scrive:
      Re: Ma che articolo è?! Che sta dicendo??
      - Scritto da: littlegauss
      ma cosa ci sta dicendo?! che i computer si stanno
      rimpicciolendo? non mi pare...
      che si stanno abbassando i costi?questo si
      che cosa sta dicendo questo qui? Sono anni che
      punto informatico riporta interviste a managers
      del settore e c'era bisogno di un articolo
      apposta per sparare ste cose?tu si che sei esperto
      Una prova: chi di voi non sapeva già che stiamo
      andando verso il cloud computing e che le vendite
      di dispositivi portatili si stanno alzando?mi pare ci sia scritto anche altro... ma ognuno vede quello che vuole
  • DarkOne scrive:
    I costi sono scesi?
    Ma dove sarebbero scesi questi costi?I "netbook", se così li vogliamo chiamare, iniziano a costare anche 600 euro. I modelli ultravecchi costano 200-250 euro che nemmeno economici sono.Gli smartphone e i palmari in generale hanno subito una impennata dei prezzi veramente allucinante dopo il passaggio all'euro, siamo passati dal massimo 600mila lire ai 700 euro per l'ultimo iphone.E si ha il coraggio di dire che i costi sono scesi...saranno scesi per i produttori, i consumatori lo stanno prendendo dove non batte il sole.
    • Enjoy yuorself scrive:
      Re: I costi sono scesi?
      Ma checc'entrano i Netbook?I Netbook sono arrivati in un periodo "storico" in cui i portatili avevano già superato i fissi di gran lunga... Il confronto va chiaramente fatto con i prodotti di almeno 5-6 anni fa (o più)... tanto per intenderci, nel 2000-2001 spesi ben 900'000 lire per un Handspring (clone ufficiale del Palm), e nel 2002-2003 spesi 1500 Euro per un portatile.Oggi i portatili (scarsi) li trovi anche a 400 Euro, una cifra impensabile fino 4-5 anni fa... vatti a rivedere i prezzi del 2004 o giù di lì, e guarda quando si scese sotto la soglia psicologica dei 1000 dollari
      • Enjoy yuorself scrive:
        Re: I costi sono scesi?
        Forse sono stato ottimista... bisogna andare ancora più indietro, intorno al 2000
        • Scoppiato scrive:
          Re: I costi sono scesi?
          - Scritto da: Enjoy yuorself
          Forse sono stato ottimista... bisogna andare
          ancora più indietro, intorno al
          2000 veramente troppo ottimista.....ad ascoltarti sembra che te li abbiano regalati i tuoi prodotti elettronici
        • Nome e cognome scrive:
          Re: I costi sono scesi?
          In quegli anni comprai un Palm V che costava appunto 960.000 lire. Uno sproposito, mi è durato poco perchè poi per problemi alla batteria non l'ho più usato (se lasciato senza carica più di una settimana, perdeva tutta la memoria e io avevo circa 1000 contatti tutti debitamente compilati a manina).Dopo due ripristiti di backup ed aver perso qualche contatto, l'ho rimesso nel cassetto (tra l'altro le porte COM iniziavano a scomparire sui pc quindi con cosa facevo il backup?)A parte questo piccolo problema, i portatili sono scesi e parecchio perchè adesso con 500 euro prendi qualcosa di decente, prima sotto i 2 milioni di lire ti davano qualcosa con schermo monocromatico e niente ram.Forse l'informatica è l'unico settore in cui i prezzi sono davvero scesi (vedi hard disk a 100 euro quando prima costavano 600.000 lire).Tutto il resto delle cose, dalle case ai vestiti, dai servizi (acqua, luce, gas) ai viveri, è triplicata come minimo rispetto al 2000.E lo stipendio, per chi ce l'ha ancora, è rimasto sempre fermo o aumenti ridottissimi.
    • Massimo scrive:
      Re: I costi sono scesi?
      - Scritto da: DarkOne
      Ma dove sarebbero scesi questi costi?

      I "netbook", se così li vogliamo chiamare,
      iniziano a costare anche 600 euro. I modelli
      ultravecchi costano 200-250 euro che nemmeno
      economici
      sono.

      Gli smartphone e i palmari in generale hanno
      subito una impennata dei prezzi veramente
      allucinante dopo il passaggio all'euro, siamo
      passati dal massimo 600mila lire ai 700 euro per
      l'ultimo
      iphone.
      E si ha il coraggio di dire che i costi sono
      scesi...saranno scesi per i produttori, i
      consumatori lo stanno prendendo dove non batte il
      sole.Fatti un giro in uno store... nel 2003 spesi quasi 1000 euro (monitor escluso) per un desktop P4 da 2,6 Ghz con 512MB di Ram e 128MB di scheda video, per allora era un discreto PC ma non certo un top di gamma... e un portatile dignitoso a meno di 1000 euro non lo trovavi manco ad andare in capo al mondo... oggi con 600 euro circa ti compri tranquillamente un desktop quad, con 4 giga di RAM e 1 giga di scheda video... un po 'sono calati sti prezzi, o no?Quelli dei portatili sono addirittura crollati, oggi ne trovi a 500 euro che non spaccheranno il mondo ma il loro dual core a oltre 2Ghz e i loro 4 giga di ram li hanno tranquillamente... molto più di ciò che serve alla maggioranza dell'utenza di un portatile...
      • Joe Tornado scrive:
        Re: I costi sono scesi?
        In effetti ... nel 2000 comprai il mio primo computer senza ricorrere alle tasche di papà, ed era il minimo del minimo che si trava già assemblato : un K6/2 450 MHz, 64 MBytes di RAM, scheda video Trio 3D/2X, cdrom, floppy, Soundblaster 128, modem 56K e disco rigido da 15 GBytes. No monitor, no sistema operativo : prezzo 1.199.000 lire !!!
        • ercolinux scrive:
          Re: I costi sono scesi?
          Se vogliamo parlare di prezzi alti mi ricordo ancora quando ho fatto espandare a 1MB (si 1 mega!) la ram del PC più potente che avevamo in ufficio (che per inciso un 486DX e 33MHz, ampliato poi a DX4 100, e che ho usato fino a 2 anni fa) : 1.000.000 di lire tonde tonde e si parla del 1992....Però è vero che da un po' di mesi i prezzi sono stabili o in salita e che si trovano portatili nuovi con celeron a 2GHz nei listini e sugli scaffali di molti distributori a prezzi di 1-2 anni fa...
          • Nome e cognome scrive:
            Re: I costi sono scesi?
            Io, pochi anni dopo, ho fatto espandere il mio 386 da 8 a 16MB di ram. Erano appena "crollati" i prezzi, un periodo in cui la ram si dimezzava ogni tot mesi.Costo dell'operazione: 900.000 lire!!!!!!!!!!Certo, il pc ha impennato le prestazioni, ma 6 mesi dopo lo stesso banco è costato 450.000 lire a mio fratello e l'anno dopo era già sotto i 300.000. Poi è arrivato l'euro e la discesa si è impennata ulteriormente (solo la ram, il resto è calato ma poco).Bei tempi... quando l'informatico era un lavoro per gente specializzata...
          • lroby scrive:
            Re: I costi sono scesi?
            - Scritto da: ercolinux
            Se vogliamo parlare di prezzi alti mi ricordo
            ancora quando ho fatto espandare a 1MB (si 1
            mega!) la ram del PC più potente che avevamo in
            ufficio (che per inciso un 486DX e 33MHz,
            ampliato poi a DX4 100, e che ho usato fino a 2
            anni fa) : 1.000.000 di lire tonde tonde e si
            parla del
            1992....nello stesso anno feci espandere la memoria ram del mio 386 sx 16mhz da 1mb a 2mb, erano otto zoccolini neri da 8*2 piedini e mi costato 120.000 lire. poi me li sono montati io.
      • DarkOne scrive:
        Re: I costi sono scesi?
        - Scritto da: Massimo
        Fatti un giro in uno store... nel 2003 spesi
        quasi 1000 euro (monitor escluso) per un desktop
        P4 da 2,6 Ghz con 512MB di Ram e 128MB di scheda
        video, per allora era un discreto PC ma non certo
        un top di gamma... e un portatile dignitoso a
        meno di 1000 euro non lo trovavi manco ad andare
        in capo al mondo... oggi con 600 euro circa ti
        compri tranquillamente un desktop quad, con 4
        giga di RAM e 1 giga di scheda video... un po
        'sono calati sti prezzi, o
        no?
        Quelli dei portatili sono addirittura crollati,
        oggi ne trovi a 500 euro che non spaccheranno il
        mondo ma il loro dual core a oltre 2Ghz e i loro
        4 giga di ram li hanno tranquillamente... molto
        più di ciò che serve alla maggioranza dell'utenza
        di un
        portatile...Il paragone è sbagliatissimo, secondo me.La tecnologia avanza e quindi si lascia dietro gli strascichi delle vecchie tecnologie, che inevitabilmente devono costare di meno.E' solo impressione che i prezzi siano crollati, perchè in realtà il portatile che trovi a 500 euro è un prodotto con tecnologia di anni ed anni fa, è ovvio che costi così poco. Tu mi dirai: ma io con quei 500 euro ci faccio home office e internet, cosa che prima non potevo fare...d'accordo, puoi...ma questo non significa che i prezzi sono scesi ma solo che la tecnologia è andata avanti e il vecchio viene svenduto.Quando all'epoca compravi un PC, diciamo con un pentium 4 o un athlon, lo compravi perchè era l'ultimo modello...tu oggi stai dicendo che ti compri un celeron a pochi spiccioli quando in giro ci sono i core i7. Ti renderai conto che non ha senso, perchè all'epoca avresti potuto comprarti un pentium 2 a pochi spiccioli.Quello che cerco di dire è che la tecnologia avanza e che sarà pure vero che oggi con 500 euro ti compri un portatile senza troppe pretese, ma che per comprarti un portatile serio non spendi meno di quanto spendevi 5 anni fa, anzi spendi il doppio!Io anni fa ho comprato un portatile acer di fascia medio-alta che mi consentiva di giocare a tutti i giochi attuali e fare le magie, al prezzo di 1 MILIONE e 200 mila LIRE.Oggi se vuoi comprare un portatile che ti consenta di giocare ai giochi attuali devi spendere almeno MILLE EURO e rotti, che sono DUE MILIONI DI LIRE e rotti.I prezzi non mi sembrano scesi per niente.
        • nome e cognome scrive:
          Re: I costi sono scesi?
          io a febbraio 2008 mi son preso un dell vostro 1700 ( 1600 euri ) pero e un signor portatile :)
          • bubu scrive:
            Re: I costi sono scesi?
            Controlla bene che te l'abbiano dato con la tastiera con le lettere accentate :-)
        • Massimo scrive:
          Re: I costi sono scesi?
          - Scritto da: DarkOne
          - Scritto da: Massimo

          Fatti un giro in uno store... nel 2003 spesi

          quasi 1000 euro (monitor escluso) per un desktop

          P4 da 2,6 Ghz con 512MB di Ram e 128MB di scheda

          video, per allora era un discreto PC ma non
          certo

          un top di gamma... e un portatile dignitoso a

          meno di 1000 euro non lo trovavi manco ad andare

          in capo al mondo... oggi con 600 euro circa ti

          compri tranquillamente un desktop quad, con 4

          giga di RAM e 1 giga di scheda video... un po

          'sono calati sti prezzi, o

          no?

          Quelli dei portatili sono addirittura crollati,

          oggi ne trovi a 500 euro che non spaccheranno il

          mondo ma il loro dual core a oltre 2Ghz e i loro

          4 giga di ram li hanno tranquillamente... molto

          più di ciò che serve alla maggioranza
          dell'utenza

          di un

          portatile...

          Il paragone è sbagliatissimo, secondo me.
          La tecnologia avanza e quindi si lascia dietro
          gli strascichi delle vecchie tecnologie, che
          inevitabilmente devono costare di
          meno.
          E' solo impressione che i prezzi siano crollati,
          perchè in realtà il portatile che trovi a 500
          euro è un prodotto con tecnologia di anni ed anni
          fa, è ovvio che costi così poco. Tu mi dirai: ma
          io con quei 500 euro ci faccio home office e
          internet, cosa che prima non potevo
          fare...d'accordo, puoi...ma questo non significa
          che i prezzi sono scesi ma solo che la tecnologia
          è andata avanti e il vecchio viene
          svenduto.

          Quando all'epoca compravi un PC, diciamo con un
          pentium 4 o un athlon, lo compravi perchè era
          l'ultimo modello...tu oggi stai dicendo che ti
          compri un celeron a pochi spiccioli quando in
          giro ci sono i core i7. Ti renderai conto che non
          ha senso, perchè all'epoca avresti potuto
          comprarti un pentium 2 a pochi
          spiccioli.

          Quello che cerco di dire è che la tecnologia
          avanza e che sarà pure vero che oggi con 500 euro
          ti compri un portatile senza troppe pretese, ma
          che per comprarti un portatile serio non spendi
          meno di quanto spendevi 5 anni fa, anzi spendi il
          doppio!

          Io anni fa ho comprato un portatile acer di
          fascia medio-alta che mi consentiva di giocare a
          tutti i giochi attuali e fare le magie, al prezzo
          di 1 MILIONE e 200 mila
          LIRE.
          Oggi se vuoi comprare un portatile che ti
          consenta di giocare ai giochi attuali devi
          spendere almeno MILLE EURO e rotti, che sono DUE
          MILIONI DI LIRE e
          rotti.

          I prezzi non mi sembrano scesi per niente.I prezzi sono scesi, in genere, se fai un rapporto prestazioni/prezzo: ovvero, cosa posso fare a un certo prezzo... non dimenticare che la tecnologia, specialmente quella informatica, ha dei costi di sviluppo, che sono sempre più alti... tanto è vero che l'unica azienda al mondo che riesce ad affrontare da sola i costi di sviluppo della tecnologia a 32nm è intel... tutte le altre aziende di semiconduttori, anche grandi multinazionali tipo samsung o IBM, devono riunirsi in consorzi... i prezzi dei prodotti ad alta tecnologia non devono e non possono abbassarsi, pena uno stop del progresso tecnologico. detto questo insisto: i prezzi scendono, perché un'applicazione che ieri girava su un PC da 1000euro, oggi gira su uno da 500... per l'utente domestico, che non ha necessità di avere l'ultimo grido dell'HW e del SW per navigare in internet, ritoccare le foto, guardare i DIVX, questo è un innegabile vantaggio... la tecnologia "vecchia" di oggi offre già un surplus di prestazioni, per il 90% dell'utenza non pro...
Chiudi i commenti