Intercettare senza mandato, negli USA si può

Una corte di appello capovolge la sentenza precedente e stabilisce il principio secondo cui il governo statunitense non può essere giudicato sulle intercettazioni disposte illegalmente. Illegittimo usarle, perfettamente legittimo farle

Roma – La United States Court of Appeals for the Ninth Circuit ha ribaltato la sentenza sul caso Al-Haramain, società non profit di matrice islamica i cui avvocati erano stati illegalmente intercettati dal governo USA : quelle intercettazioni sono perfettamente legittime, ha stabilito ora la corte, mentre a essere illegittimo potrebbe essere l’eventuale utilizzo delle succitate intercettazioni.

Nel ribaltare la sentenza di primo grado, la corte ha applicato il principio della cosiddetta irresponsabilità regia ( sovereign immunity in lingua originale): il governo in quanto istituzione non ha alcuna responsabilità, spiega Electronic Frontier Foudation (EFF), mentre i legali potrebbero rivalersi contro i singoli agenti che avessero fatto uso delle intercettazioni illegali.

Per i due avvocati della ora defunta Al-Haramain sfuma la possibilità di farsi risarcire dalle istituzioni, con danni precedentemente stimati in 40.800 dollari e spese legali per 2,5 milioni di dollari. La sentenza di appello potrebbe rappresentare la fine della speranza per chi volesse inchiodare il governo USA (presidenti George Bush jr. prima e Barack Obama poi) alle proprie responsabilità sulle intercettazioni illegali.

Ma EFF non si dà per vinta: l’organizzazione che si batte per i diritti digitali mette alla berlina le norme legali stabilite dal Congresso statunitense – tutte in favore delle intercettazioni illegali con un contentino per chi avesse eventualmente avuto notizia di operazioni di spionaggio a proprio danno – e dice di voler continuare a dare battaglia alla Casa Bianca nei casi ancora da giudicare.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • collione scrive:
    hahahahaha
    oracle è stata costretta a confessare che il mitico Florian è un prezzolato al soldo delle multinazionali :D
    • ruppolo scrive:
      Re: hahahahaha
      - Scritto da: collione
      oracle è stata costretta a confessare che il
      mitico Florian è un prezzolato al soldo delle
      multinazionali
      :DLa lista è già stata pubblicata?
      • mirko scrive:
        Re: hahahahaha
        - Scritto da: ruppolo
        La lista è già stata pubblicata?cos'è, ti tremano le gambe? =)
        • James Kirk scrive:
          Re: hahahahaha
          - Scritto da: mirko
          - Scritto da: ruppolo

          La lista è già stata pubblicata?

          cos'è, ti tremano le gambe? =)he he ... la TAP (Tame Apple Press) è sotto gli occhi di tutti, non c'è bisogno di ordini di giudici.
      • bradipao scrive:
        Re: hahahahaha
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: collione

        oracle è stata costretta a confessare che il

        mitico Florian è un prezzolato al soldo delle

        multinazionali

        :D

        La lista è già stata pubblicata?Venerdì.Ci sono però alcuni problemi con la formulazione dell'ordinanza. Perchè attualmente è così ampia che tecnicamente Google dovrebbe includere anche tutti i blog e siti che hanno adsense sul proprio blog.
        • collione scrive:
          Re: hahahahaha
          al che uno si chiede "ma i giudici pensano prima di scrivere?"considerare i blog che guadagnano con adsense come markettari al soldo di google è un tantinello assurdo
        • Jacopo scrive:
          Re: hahahahaha
          Quindi a google basterebbe dire:Questi sono quelli che noi paghiamo direttamente mentre per i rimanenti andate su google searche e cercate "adsense" e scegliete a caso tra le migliaia di siti in tutto il mondo che lo utilizzano! :)
Chiudi i commenti