Internet, dal federalismo delle frequenze alla libertà

In un intervento l'On. Luigi Bobbio ha parlato di una significativa revisione del modello statico d'uso dello spettro radio. Ma anche di neutralità e diritti dei giovani netizen

Roma – “Internet è libertà. La libertà di comunicare, di conoscere, di esprimersi. Ma anche libertà di innovare e di cambiare gli schemi predefiniti. Uno strumento fantastico nelle mani dei giovani, che da sempre hanno questa missione, essenziale per il futuro delle nostre società”. Inizia così il discorso del Consigliere Giuridico del Ministero della Gioventù Luigi Bobbio , intervenuto nel corso del convegno romano La libertà su Internet. Modelli e Regole . Inizia citando il fondatore di Creative Commons Lawrence Lessig: “ostacolare Internet significa dichiarare guerra ai nostri figli”.

Ed è una Rete costantemente minacciata quella descritta da Bobbio, sotto gli “attacchi geriatrici” che renderanno purtroppo difficile il cammino dei giovani italiani. Un cambiamento traumatico quello che dovrebbe portare “l’era del telecomando” ad abbracciare gli aspetti “ultra-mediali” della Rete.

“L’analfabetismo digitale è la nuova piaga culturale che permea indistintamente la società – ha spiegato Bobbio – ma affligge soprattutto i non-nativi digitali”. Sarebbe pertanto indispensabile il pieno sviluppo della fibra ottica, non certo basato su modelli che comportino l’esclusiva discrezionalità degli operatori .

Qui, impossibile non entrare nei delicati territori della cosiddetta neutralità della Rete. “La non discriminazione dei servizi, dei protocolli e dei singoli dati trasmessi in Rete è un principio fondamentale di libertà, che necessita di adeguata tutela di base nel rispetto della libertà d’impresa”, ha aggiunto Bobbio.

Bisognerebbe quindi ripensare quello che è stato definito “modello statico novecentesco di uso dello spettro radio”. Vedere in sostanza assegnate ad Internet e non alla TV le frequenze liberate dai nuovi scenari digitali . Anche perché il futuro della televisione consisterebbe proprio nel viaggiare su Internet.

Bobbio ha dunque invitato ad una fondamentale apertura nei confronti delle frequenze libere e condivise , inaugurando la sperimentazione dei cosiddetti white spaces , sulla scia di alcune iniziative statunitensi. Si è dunque parlato di “federalismo demaniale nelle frequenze” che consentirebbe di riservare un minimo di spazio radio per garantire la connettività di base a livello universale.

Modelli economici differenti secondo le caratteristiche locali , tutti però subordinati ad un presidio cittadino diretto – federale o sussidiario, secondo Bobbio – “sui diritti fondamentali della connettività universale, della banda minima garantita e della neutralità pubblica della Rete”.

L’onorevole ha tuttavia sottolineato come la libertà di Rete non si persegua soltanto per mezzo delle politiche infrastrutturali. “Il pericolo dietro l’angolo per il legislatore è l’astrazione virtuale di logiche sociali e giuridiche della Rete. Non esistono attività illegali commesse su Internet, qualsiasi fattispecie d’illecito si realizza nel mondo reale, anche attraverso lo strumento della Rete”.

Di fenomeni illegali come quello della pirateria online Bobbio aveva peraltro già parlato , definendoli marginali rispetto alla portata storica del processo di successione di Internet a tutti i media del ventesimo secolo. La strada indicata vira verso l’adattamento delle leggi esistenti, aggiornando in maniera significativa il diritto d’autore in Italia.

“L’Italia è il paese delle mille leggi vecchie – ha continuato Bobbio – Riformuliamole, semplifichiamole, adattiamole, ma non pensiamo di aggiungere pezze speciali per rincorrere la novità. Open government significa Internet. Allora rendiamo open data tutte le informazioni sulla Pubblica Amministrazione non protette giusta causa, codice-aperto ogni logica e procedura”.

Quis custodiet ipsos custodes? – lancia una provocazione Bobbio – se non liberi cittadini in una Rete trasparente”?

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gino scrive:
    La migliore risposta
    "Non date ciò che è santo ai cani e non gettate le vostre perle ai porci, perché non le calpestino e, rivoltandosi, vi sbranino", Mt 7,6.
    • pippO scrive:
      Re: La migliore risposta

      "Non date ciò che è santo ai cani e non gettate
      le vostre perle ai porci, perché non le
      calpestino e, rivoltandosi, vi sbranino", Mt
      7,6
      Tu gli hai dato il cervello hai porci!Ma hanno mangiato molto poco :D
      • Gino scrive:
        Re: La migliore risposta
        Sarà... a giudicare dal livello delle battute mi sa che i porci l'hanno dato a te il loro cervello...
    • pippO scrive:
      Re: La migliore risposta

      "Non date ciò che è santo ai cani e non gettate
      le vostre perle ai porci, perché non le
      calpestino e, rivoltandosi, vi sbranino", Mt
      7,6
      Finiti gli argomenti tiriamo fuori il libretto delle favole... :D
      • krane scrive:
        Re: La migliore risposta
        - Scritto da: pippO

        "Non date ciò che è santo ai cani e non gettate

        le vostre perle ai porci, perché non le

        calpestino e, rivoltandosi, vi sbranino", Mt

        7,6
        Finiti gli argomenti tiriamo fuori il libretto
        delle favole...
        :DPerche' poi i porci calpensando le perle dovrebbero rivoltarsi ?!!?
        • pippO scrive:
          Re: La migliore risposta

          Perche' poi i porci calpensando le perle
          dovrebbero rivoltarsi
          ?!!?va interpretato, come tutte le favole :DCorro a chiedere lumi al Grande Puffo ;)
        • attonito scrive:
          Re: La migliore risposta
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: pippO


          "Non date ciò che è santo ai cani e non
          gettate


          le vostre perle ai porci, perché non le


          calpestino e, rivoltandosi, vi sbranino", Mt


          7,6


          Finiti gli argomenti tiriamo fuori il libretto

          delle favole...

          :D

          Perche' poi i porci calpensando le perle
          dovrebbero rivoltarsi
          ?!!?perche gli finiscono tra gi zoccoli, gli fanno male, diventano di cattivo umore e azzannano chiunque
  • attonito scrive:
    cancellare il link a wikipedia non basta
    potere pure rimuovere tutti i link a wikipedia che volete, cari censori, ma i CRIMINI commessi dai preti, quelli restano: le sentenze passate in giudicato! E quelle NON si cancellano.Ora li riposto, vediamo se li ricancellate.http://it.wikipedia.org/wiki/Casi_di_pedofilia_all%27interno_della_Chiesa_cattolicae se li ricancellate, fate il favore di indicare perche': non sono insulti o altro, sono solo la esposizione DI FATTI ACCADUTI, GIUDICATI e CONDANNATI.
    • Gino scrive:
      Re: cancellare il link a wikipedia non basta
      I preti sono persone umane e non sono i preti che fanno la Chiesa, sappi prima cos'è la "Chiesa" e poi parli, ignorante come una capra... (per citare Vittorio Sgarbi)
      • attonito scrive:
        Re: cancellare il link a wikipedia non basta
        - Scritto da: Gino
        I preti sono persone umane e non sono i preti che
        fanno la Chiesa, sappi prima cos'è la "Chiesa" e
        poi parli, ignorante come una capra... (per
        citare Vittorio Sgarbi)Ha parlato il laureato in Storia delle Religioni, Filosofia e Teologia.XXXXXXXXXX XXXXXXX.(dico parolacce per attirare l'attenzione del censore che non potra' esimersi - causa regolamento - dal cancellare QUESTO post causa volgarita' e qeullo che lo precede causa offesa gratuita)
        • puttezzo scrive:
          Re: cancellare il link a wikipedia non basta
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: Gino

          I preti sono persone umane e non sono i preti
          che

          fanno la Chiesa, sappi prima cos'è la "Chiesa" e

          poi parli, ignorante come una capra... (per

          citare Vittorio Sgarbi)

          Ha parlato il laureato in Storia delle Religioni,
          Filosofia e
          Teologia.
          XXXXXXXXXX XXXXXXX.

          (dico parolacce per attirare l'attenzione del
          censore che non potra' esimersi - causa
          regolamento - dal cancellare QUESTO post causa
          volgarita' e qeullo che lo precede causa offesa
          gratuita)io comunque nel frattempo ti quoto e condivido l'epiteto
        • Gino scrive:
          Re: cancellare il link a wikipedia non basta
          Mi risulta difficile mandare uno XXXXXXX a fare nel XXXX, mi viene più facile mandarlo fuori :) lascio a te l'arduo compito che sei più bravo :P
  • pippO scrive:
    Ratzinger: attenti all'innovazione
    ... ricordatevi di Giordano Bruno :D
    • Gino scrive:
      Re: Ratzinger: attenti all'innovazione
      La chiesa ha più volte ammesso gli errori del passato e se non è tollerato chiedere perdono e fare ammenda dei propri errori allora tante persone in questo mondo meriterebbero lo stesso trattamento.E tengo anche a sottolineare che se la chiesa sbaglia di certo non sbaglia la morale Cristiana... sempre uomini ci stanno in chiesa, non santi...
      • pippO scrive:
        Re: Ratzinger: attenti all'innovazione

        La chiesa ha più volte ammesso gli errori del
        passato e se non è tollerato chiedere perdono e
        fare ammenda dei propri errori allora tante
        persone in questo mondo meriterebbero lo stesso
        trattamento.Oh scusa, ti son passato sopra in macchina, ma ti ho chiesto perdono no? :D
        E tengo anche a sottolineare che se la chiesa
        sbaglia di certo non sbaglia la morale
        Cristiana...Quale morale quella che varia a secoda del vento?es. i primi vescovi erano poligami ora sono celibi (in teoria)...
        • Gino scrive:
          Re: Ratzinger: attenti all'innovazione
          La morale Cristiana resta pur sempre identica a se stessa da 2000 anni e puoi sprecare tante e tante parole ma su questo non ci piove...
          • pippO scrive:
            Re: Ratzinger: attenti all'innovazione
            - Scritto da: Gino
            La morale Cristiana resta pur sempre identica a
            se stessa da 2000 anni e puoi sprecare tante e
            tante parole ma su questo non ci
            piove...quanta ignoranza
          • Gino scrive:
            Re: Ratzinger: attenti all'innovazione
            Già...
  • doc allegato velenoso scrive:
    Lucchetto al cervello
    Il lucchetto mettitelo al cervello. XXXXXXXX!
  • doc allegato velenoso scrive:
    PI - Censurazza a manetta
    URCA!!!Stavo leggendo diversi interessanti 3d.In un attimo sono spariti circa la metà se non di più del totale dei commenti all'articolo!Ma vi ha telefonato Nazingher in persona o siete talmente vili che vi autocensurate!!???Fate VERAMENTE XXXXXX!E ADESSO CENSURATE ANCHE QUESTO!!
    • krane scrive:
      Re: PI - Censurazza a manetta
      - Scritto da: doc allegato velenoso
      URCA!!!
      Stavo leggendo diversi interessanti 3d.
      In un attimo sono spariti circa la metà se non di
      più del totale dei commenti
      all'articolo!
      Ma vi ha telefonato Nazingher in persona o siete
      talmente vili che vi
      autocensurate!!???
      Fate VERAMENTE XXXXXX!

      E ADESSO CENSURATE ANCHE QUESTO!!No, ok, c'era un vaff di troppo nel titolo, dovevamo saperlo.
      • doc allegato velenoso scrive:
        Re: Re: PI - Censurazza a manetta
        NO, il 3d che stavo leggendo non conteneva alcun insulto.Questi basluba di PI fanno sempre più pena.Se non fosse per i commenti agli articoli che spessissimo sono più interessanti dell'articolo stesso questo sito potrebbe pure affondare.
    • noid scrive:
      Re: PI - Censurazza a manetta
      Hanno cancellato la quasi totalità dei miei post che non erano certo contro Ratzinger. Cancellino quello che gli pare, babbo Stalin e babbo Mao plaudono dalle cantine del supermegaalbergo. passo e chiudo
  • noid scrive:
    Re: compassione immensa e tristezza infinita
    - Scritto da: Fetente
    uffa. Tu scrivi: "Eppure è un fatto che per lo
    più di ciò che non è spiegabile venga negata
    l'esistenza"...

    Questo è uno dei principali argomenti di chi
    sostiene l'esistenza, o crede nell'esistenza, del
    soprannaturale in generale, e del divino in
    particolare.

    Ma andiamo a vedere nel dettaglio. CHE COSA non è
    spiegabile? Te lo chiedo perchè, andando a vedere
    le singole "cose inspiegabili", il risultato è
    sempre lo stesso: cioè il nulla. Non c'è niente
    da spiegare, nè niente di inspiegabile. Cosa
    sono, di grazia, tutte queste cose inspiegabili
    che portano a credere nel
    soprannaturale?
    Beh intanto una precisazione. Non sono le cose inspiegabili che portano a credere nel soprannaturale. Le cose inspiegabili al massimo "confondono la ragione". Inspiegabile per esempio è il moto delle galassie. Inspiegabile è la natura dell'85% della massa dell'universo o l'energia oscura dell'universo. Questo non ti porta a credere in Dio ma forse a ridimensionare le potenzialità della ragione. Comunque sì, mi riferisco ai miracoli. Ovviamente come ho già detto non sono ripetibili, così come non è ripetibile la nuvola di atomi che ti costituisce. Però sono osservabili, comprati qualche libro, documentati. In effetti chi li ha osservati da vicino spesso è andato in crisi. Vuoi correre questo rischio ? :| :| :|
    • noid scrive:
      Re: compassione immensa e tristezza infinita
      Buffa questa cosa. PI, mi spiegate con che criterio rimuovete i post ?
      • pippO scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        - Scritto da: noid
        Buffa questa cosa. PI, mi spiegate con che
        criterio rimuovete i post
        ?Messaggi dall'alto, dovrebbe bastarti come spiegazione, no? :D
    • krane scrive:
      Re: compassione immensa e tristezza infinita
      - Scritto da: noid
      - Scritto da: Fetente

      uffa. Tu scrivi: "Eppure è un fatto che per lo

      più di ciò che non è spiegabile venga negata

      l'esistenza"...



      Questo è uno dei principali argomenti di chi

      sostiene l'esistenza, o crede nell'esistenza,
      del

      soprannaturale in generale, e del divino in

      particolare.



      Ma andiamo a vedere nel dettaglio. CHE COSA non
      è

      spiegabile? Te lo chiedo perchè, andando a
      vedere

      le singole "cose inspiegabili", il risultato è

      sempre lo stesso: cioè il nulla. Non c'è niente

      da spiegare, nè niente di inspiegabile. Cosa

      sono, di grazia, tutte queste cose inspiegabili

      che portano a credere nel

      soprannaturale?



      Beh intanto una precisazione. Non sono le cose
      inspiegabili che portano a credere nel
      soprannaturale. Le cose inspiegabili al massimo
      "confondono la ragione". Inspiegabile per esempio
      è il moto delle galassie. Inspiegabile è la
      natura dell'85% della massa dell'universo o
      l'energia oscura dell'universo. Questo non ti
      porta a credere in Dio ma forse a ridimensionare
      le potenzialità della ragione. Comunque sì, mi
      riferisco ai miracoli. Ovviamente come ho già
      detto non sono ripetibili, così come non è
      ripetibile la nuvola di atomi che ti costituisce.
      Però sono osservabili, comprati qualche libro,
      documentati. In effetti chi li ha osservati da
      vicino spesso è andato in crisi. Vuoi correre
      questo rischio ? :| :|
      :|Ci porteresti qualche documentazione a riguardo ?Come spieghi le guarigioni spontanee da parte di chi non e' credente ?
      • noid scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        avevo risposto punto per punto al tuo post poi P.I. ha cancellato tutto. Sebbene oggi non abbia gran che da fare qualcosa di meglio che perder tempo a farmi cancellare i post ce l'ho. Scusa a te e vaff... a chi so io
        • krane scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita
          - Scritto da: noid
          avevo risposto punto per punto al tuo post poi
          P.I. ha cancellato tutto. Sebbene oggi non abbia
          gran che da fare qualcosa di meglio che perder
          tempo a farmi cancellare i post ce l'ho. Scusa a
          te e vaff... a chi so ioLo so, avrei dovuto cambiare tread appena letto il titolo :s creandone uno che non avesse un insulto facilmente censurabile come titolo.
      • Guido scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        Non le spiego, la chiesa non spiega un sacco di cose perchè dovremmo cominciare noi?
        • krane scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita
          - Scritto da: Guido
          Non le spiego, la chiesa non spiega un sacco di
          cose perchè dovremmo cominciare noi?Perche' se non c'e' niente da spiegare o da studiare non c'e' niente, quindi di cosa stiamo parlando ?
      • j0e scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita

        Come spieghi le guarigioni spontanee
        da parte di chi non e' credente ?Accidenti, di sicuro non penso ad un intervento divino.
        • krane scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita
          - Scritto da: j0e

          Come spieghi le guarigioni spontanee

          da parte di chi non e' credente ?
          Accidenti, di sicuro non penso ad un
          intervento divino.Conseguentemente e salvo prova contraria questo mi fa pensare che non serva nulla di divino per una guarigione spontanea, conseguentemente ancora forse non c'e' niente di divino se a guarire e' un credente di qualche divinita'.
  • Pino Pigna scrive:
    Papa
    XXXXXXXXXX al papa
  • attonito scrive:
    Cosa e' la Chiesa
    http://www.youtube.com/watch?v=b_tlVqdV1fcdal secondo 50 in poi.
  • LinuxLike scrive:
    Re: Da quale pulpito
    Quanta ignoranza...
    • Fetente scrive:
      Re: Da quale pulpito
      Alla domanda: Ratzy è il rappresentante di Dio in terra?Se rispondi no: allora è uno che racconta favole, per quanto potente sia e quanto seguito abbia, quindi lo mandi a quel paese.Se rispondi sì: allora devi credere a tutto quello che dice, sempre, incondizionatamente, e rinunciare a qualsiasi critica e quindi anche a pensare.Facile, vero?
    • fiertel91 scrive:
      Re: Da quale pulpito
      - Scritto da: LinuxLike
      Quanta ignoranza...Da parte tua o sua? :D Comunque fatti un giro nella policy: http://punto-informatico.it/policy.asp .
  • noid scrive:
    Re: Ma vai affanXXXX
    Mi chiedo se sia l'ora della pausa caffè in redazione di punto informatico...sempre così solerti ad eliminare certi post perchè giudicati semplicemente OT. Invece il tuo post ingiurioso su una delle massime personalità del mondo è qui da più di un'ora. Tu ti qualifichi da solo e nemmeno c'è da perdere tempo a risponderti, ma a punto informatico dico che spero sia una svista oppure stanno facendo proprio una magra figura.
    • pippO scrive:
      Re: Ma vai affanXXXX
      - Scritto da: noid
      Mi chiedo se sia l'ora della pausa caffè in
      redazione di punto informatico...sempre così
      solerti ad eliminare certi post perchè giudicati
      semplicemente OT. Invece il tuo post ingiurioso
      su una delle massime personalitàcriminali...Vedi la sua opposizione all'uso dei preservativi in africa!
      • noid scrive:
        Re: Ma vai affanXXXX
        - Scritto da: pippO
        - Scritto da: noid

        Mi chiedo se sia l'ora della pausa caffè in

        redazione di punto informatico...sempre così

        solerti ad eliminare certi post perchè giudicati

        semplicemente OT. Invece il tuo post ingiurioso

        su una delle massime personalità
        criminali...
        Vedi la sua opposizione all'uso dei preservativi
        in
        africa! Bè io in Africa ci sono stato, propio in posti dove l'HIV è endemico. Sai che succede ? Gli uomini mettono in cinta le donne, spesso giovanissime, le lasciamo con un figlio, l'HIV, niente da mangiare e se ne vanno rifacendo la stessa cosa ancora ed ancora. Quello che la chiesa dice non è solo di non usare il preservativo ma soprattutto di vivere una sessualità diversa rispettosa della donna e della famiglia. Queste donne e questi bimbi abbandonati a sè stessi e senza reddito, quale speranza di sopravvivere hanno, anche senza aver contratto l'AIDS ? Il presevativo sposta quello che è il vero problema, culturale, da affrontare in tempi lunghi e con grandi sforzi, ad un falso problema, che però si può affrontare in poco tempo e con pochi dollari. E quale governo occidentale rinuncierebbe a farsi bello in tempo per le prossime elezioni con 4 spiccioli? Apri gli occhi e informati prima di sparare sentenze...
        • pippO scrive:
          Re: Ma vai affanXXXX


          Vedi la sua opposizione all'uso dei preservativi

          in

          africa!
          Bè io in Africa ci sono stato, propio in posti
          dove l'HIV è endemico. Sai che succede ? Gli
          uomini mettono in cinta le donneMa che strano, pensavo fosse prerogativa dello spirito santo :D
          Quello che la
          chiesa dice non è solo di non usare il
          preservativo ma soprattutto di vivere una
          sessualità diversa rispettosa della donna e della
          famiglia.Intanto le donne MUOIONO ma tanto sono solo africane, non portano euro alla madre chiesa... :D
          Il presevativo sposta quello che è il
          vero problema, culturale, da affrontare in tempi
          lunghi e con grandi sforzi, ad un falso problema,
          che però si può affrontare in poco tempo e con
          pochi dollari. E quale governo occidentale
          rinuncierebbe a farsi bello in tempo per le
          prossime elezioni con 4 spiccioli?E quale CRIMINALE rinuncia alla possibilità di incoraggiare un massacro?
          • noid scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            le donne africane sono certo più care alla chiesa che a quelli come te. E il vero massacro è il massacro del buon senso, che certi indottrinati anticlericali espongono al mondo.
          • pippO scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            - Scritto da: noid
            le donne africane sono certo più care alla chiesa
            che a quelli come te. E il vero massacro è il
            massacro del buon senso, che certi indottrinati
            anticlericali espongono al
            mondo.Si vede dal conteggio dei morti dovuti alla VOSTRA irresponsabilità!!!Andrebbe processato per crimini contro l'umanità altro che autorità morale :D
        • fiertel91 scrive:
          Re: Ma vai affanXXXX
          - Scritto da: noid
          Bè io in Africa ci sono stato, propio in posti
          dove l'HIV è endemico. Sai che succede ?Me lo dice una fonte più che autorevole: http://www.cuamm.org/riviste/salute-e-sviluppo/292-salute-e-sviluppo-ottobre-2009-n-58 (vedi la parte in cui tratta dell'intervento del Papa).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 ottobre 2010 14.17-----------------------------------------------------------
    • fiertel91 scrive:
      Re: Ma vai affanXXXX
      - Scritto da: noid
      Mi chiedo se sia l'ora della pausa caffè in
      redazione di punto informatico...sempre così
      solerti ad eliminare certi post perchè giudicati
      semplicemente OT. Invece il tuo post ingiurioso
      su una delle massime personalità del mondo è qui
      da più di un'ora. Tu ti qualifichi da solo e
      nemmeno c'è da perdere tempo a risponderti, ma a
      punto informatico dico che spero sia una svista
      oppure stanno facendo proprio una magra
      figura.Anche a me insospettisce la poca tempestività (soprattutto dopo che tu avrai segnalato il post migliaia di volte). Comunque puoi fare pure l'avvocato del diavolo, del tuo capo-clan, ma nessuno cancellerà, nemmeno con tutta la retorica del mondo, tutti i crimini da lui commessi:http://it.wikipedia.org/wiki/De_delictis_gravioribus
  • rb1205 scrive:
    Re: Ma vai affanXXXX
    Complimenti, un messaggio pregno di significato e che instaura una costruttiva critica e fruttuosa.
    • pippO scrive:
      Re: Ma vai affanXXXX

      Complimenti, un messaggio pregno di significato e
      che instaura una costruttiva critica e
      fruttuosa.Per dialogare con voi cattolici ci vogliono messaggi chiari, semplici e diretti... :D
      • rb1205 scrive:
        Re: Ma vai affanXXXX
        E tu assumi che io sia cattolico perchè rispondo con sarcasmo ad un post maleducato, ingurioso e stupido? Alla faccia dei pregiudizi.Ti faccio solo notare che la forzatura del "O con noi o contro di noi" è quella assunta dalla chiesa oscurantista.
        • pippO scrive:
          Re: Ma vai affanXXXX

          E tu assumi che io sia cattolico perchè rispondo
          con sarcasmo ad un post maleducato, ingurioso e
          stupido?No, me l'ha detto il tuo dio con un sms :D
          Ti faccio solo notare che la forzatura del "O con
          noi o contro di noi" è quella assunta dalla
          chiesa
          oscurantista.Spero si posso studiare presto il cattolicesimo come si studiano i dinosauri: dopo l'estinzione!!!
          • Jacopo Monegato scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            ateo poser. ecco che bisogna dire a voi "atei" (presumo tu sia ateo perché lo hai insultato di avere il bisogno di credere in qualcosa, e visto che si parla di cristiani lui è cristiano. se fossi stato mussulmano avresti scritto qualcosa tipo allah ak'bar (circa) se fossi stato indù o altro beh non lo o ma si sarebbe detto... ah ah ah che bello vi insulto ah ah ah)
          • pippO scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            - Scritto da: Jacopo Monegato
            ateo poser. ecco che bisogna dire a voi "atei"
            (presumo tu sia ateo perché lo hai insultato di
            avere il bisogno di credere in qualcosa, e visto
            che si parla di cristiani lui è cristiano. se
            fossi stato mussulmano avresti scritto qualcosa
            tipo allah ak'bar (circa) se fossi stato indù o
            altro beh non lo o ma si sarebbe detto... ah ah
            ah che bello vi insulto ah ah
            ah)quanta ignoranza...
          • Fetente scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            In realtà, se ad "ateo" diamo il significato letterale di "senza Dio", allora siamo tutti atei, dato che non esiste alcun Dio, se non nell'immaginazione umana.
          • rb1205 scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            Ma sei ancora dell'idea che io sia cattolico? Altro che fede la tua, è fanatismo antireligioso. Se non ti basta questo leggi i miei messaggi precedenti per convincerti che stai prendendo un granchio.
    • krane scrive:
      Re: Ma vai affanXXXX
      - Scritto da: rb1205
      Complimenti, un messaggio pregno di significato e
      che instaura una costruttiva critica e fruttuosa.E' dimostrato che la critica costruttiva ne' la logica servono se si sta parlando con un dogmatico.
      • kof scrive:
        Re: Ma vai affanXXXX
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: rb1205

        Complimenti, un messaggio pregno di significato
        e

        che instaura una costruttiva critica e
        fruttuosa.

        E' dimostrato che la critica costruttiva ne' la
        logica servono se si sta parlando con un
        dogmatico.Dimostrato da chi?
        • krane scrive:
          Re: Ma vai affanXXXX
          - Scritto da: kof
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: rb1205


          Complimenti, un messaggio pregno di


          significato e che instaura una


          costruttiva critica e fruttuosa.

          E' dimostrato che la critica costruttiva ne'

          la logica servono se si sta parlando con un

          dogmatico.
          Dimostrato da chi?1) Da diverse discussioni in questi forum, ad esempio vedi quelli con ldsboy.2) Logica: se io di faccio una dimostrazione logica e coerente, ma tu sei dogmatico e il tuo dorma non collima con il risultato della mia dimostrazione a te fregera' qualcosa ? No: sei dogmatico e rimarrai a credere nel tuo dogma; altimenti non saresti dogmatico.
          • kof scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            logicamente e scientificamente puoi dimostrare la NON esistenza di Dio?
          • krane scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            - Scritto da: kof
            logicamente e scientificamente puoi dimostrare la
            NON esistenza di Dio?Perche' dovrei dimostrare la NON esistenza di qualcosa ? Dovrei dimostrare la NON esistenza anche di draghi e folletti ? Di quasita' e di pirulluoni ? Dei Klingon e dei Romulani ? Dovrei dimostrare la NON esistenza di una sfumatura superintelligente del colore azzurro ?La NON esistenza di qualsiasi ammasso di lettere che uso per chiamare una qualsiasi parto della fantasia ?La scienza si occupa di studiare quello che c'e'. Se non c'e' non c'e' niente da dimostrare.
          • kof scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            Non c'è? e come fai a dirlo? Io credo nell'esistenza di Dio come tu credi nel Big Bang: ci sono prove certe che sia avvenuto? No, esistono indizi ci sono teorie, ma non è certo che sia andata così.La scienza può dimostrare che appendere un elefante ad un filo d'erba non è possibile, ma non può dimostrare che Dio non esiste, quindi non c'è dimostrazione logica e coerente che sono un perfetto XXXXXXXX (e anche se lo fossi non c'è dimostrazione logica e coerente per cui qualcuno è autorizzato ad offendere vedi post di Cristo Morto).
          • krane scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            - Scritto da: kof
            Non c'è? e come fai a dirlo? Io credo
            nell'esistenza di Dio come tu credi nel
            Big Bang: ci sono prove certe che sia
            avvenuto? No, esistono indizi ci sono
            teorie, ma non è certo che sia andata
            così.Infatti e' una teoria, io non sono certo dell'esistenza del big bang, mentre tu sembri piuttosto certo dell'esistenza di Dio. Io attendo di avere prove prima di esserne certo tu vai nelle divinita' si crede per dogma, senza bisogno di prove.
            La scienza può dimostrare che appendere un
            elefante ad un filo d'erba non è possibile, ma
            non può dimostrare che Dio non esiste, Ne' vedo perche' la scienza dovrebbe avere interesse a la NON esistenza di qualcosa ? Dovrei dimostrare la NON esistenza anche di draghi e folletti ? Di quasita' e di pirulluoni ? Dei Klingon e dei Romulani ? Dovrei dimostrare la NON esistenza di una sfumatura superintelligente del colore azzurro ?
            quindi non c'è dimostrazione logica e coerente
            che sono un perfetto XXXXXXXX (e anche se lo
            fossi non c'è dimostrazione logica e coerente
            per cui qualcuno è autorizzato ad offendere
            vedi post di Cristo Morto).No, pero' se vuoi ci sono spiegazioni psicologiche che spiegano perche' gli uomini hanno "bisogno" di credere in qualcosa di superiore, soprattutto se hanno carattere debole e non trovano o non dispongono in se' stessi gli strumenti per rafforzarsi.
          • kof scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            - Scritto da: krane

            Infatti e' una teoria, io non sono certo
            dell'esistenza del big bang, mentre tu sembri
            piuttosto certo dell'esistenza di Dio. Io attendo
            di avere prove prima di esserne certo tu vai
            nelle divinita' si crede per dogma, senza bisogno
            di
            prove.perfetto, io sono certo, ma non ho mai detto a nessuno di avere prove tangibili si chiama fede appunto perché non esistono prove: preferisci chiamarla teoria? speranza? fai pure non è importante, rimane il fatto che può essere poi ognuno è libero di credere o non credere nella misura che vuole

            Ne' vedo perche' la scienza dovrebbe avere
            interesse a la NON esistenza di qualcosa ? Dovrei
            dimostrare la NON esistenza anche di draghi e
            folletti ? Di quasita' e di pirulluoni ? Dei
            Klingon e dei Romulani ? Dovrei dimostrare la NON
            esistenza di una sfumatura superintelligente del
            colore azzurro
            ?rimane il punto: come fai a dire che non esiste? perché non lo vedi? perché? non lo tocchi? Nomini i Klingon, puoi essere certo che non esistono civiltà aliene solo perché non le vedi? è difficile, ma l'universo è grande. La scienza è interessata a tutto e il dimostrare la non esistenza o la non possibilità di una cosa rientra in questo tutto.

            No, pero' se vuoi ci sono spiegazioni
            psicologiche che spiegano perche' gli uomini
            hanno "bisogno" di credere in qualcosa di
            superiore, soprattutto se hanno carattere debole
            e non trovano o non dispongono in se' stessi gli
            strumenti per
            rafforzarsi.Quello è un altro discorso,posso essere un debole o uno che ha bisogno di credere in qualcosa per stare meglio, non per questo merito di essere offeso: se rientrassi in queste categorie e venissi offeso pesantemente perché faccio qualcosa non sarebbe di grande aiuto non credi?
          • pippO scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX

            perfetto, io sono certo, ma non ho mai detto a
            nessuno di avere prove tangibili si chiama fede
            appunto perché non esistono prove:Quindi?

            Ne' vedo perche' la scienza dovrebbe avere

            interesse a la NON esistenza di qualcosa ?
            Dovrei

            dimostrare la NON esistenza anche di draghi e

            folletti ? Di quasita' e di pirulluoni ? Dei

            Klingon e dei Romulani ? Dovrei dimostrare la
            NON

            esistenza di una sfumatura superintelligente del

            colore azzurro

            ?

            rimane il punto: come fai a dire che non esiste?
            perché non lo vedi? perché? non lo tocchi? Nomini
            i Klingon, puoi essere certo che non esistono
            civiltà aliene solo perché non le vedi? è
            difficile, ma l'universo è grande. La scienza è
            interessata a tutto e il dimostrare la non
            esistenza o la non possibilità di una cosa
            rientra in questo
            tutto.Magari ci sono problemi veri e più interessanti da approfondire, prima di passare a unicorni, folletti e dei... A proposito thor esiste sicuramente l'ho visto al cinema :D

            No, pero' se vuoi ci sono spiegazioni

            psicologiche che spiegano perche' gli uomini

            hanno "bisogno" di credere in qualcosa di

            superiore, soprattutto se hanno carattere debole

            e non trovano o non dispongono in se' stessi gli

            strumenti per

            rafforzarsi.

            Quello è un altro discorso,posso essere un debole
            o uno che ha bisogno di credere in qualcosa per
            stare meglio, non per questo merito di essere
            offeso: se rientrassi in queste categorie e
            venissi offeso pesantemente perché faccio
            qualcosa non sarebbe di grande aiuto non
            credi?problema TUO non nostro...
          • Fetente scrive:
            Re: Ma vai affanXXXX
            L'insistenza con cui i fedeli chiedono che qualcuno dimostri la NON-esistenza di Dio è veramente fastidiosa.Supponiamo che io debba dimostrare la NON-esistenza, ad esempio, della pietra filosofale: potrei iniziare esaminando ad una ad una tutte le pietre della Terra. Quando si completerà la dimostrazione?1. Trovando finalmente la Pietra Filosofale! Ma allora la dimostrazione fallirebbe! Quindi la richiesta di dimostrare la NON-esistenza non ha senso, diventerebbe infatti una dimostrazione DI ESISTENZA. Cioè dovrei FARE IO IL LAVORO CHE INVECE DOVREBBE FARE IL CREDENTE.2. Completando l'analisi di TUTTE le pietre della terra! ma a quel punto si avvicinerà un fanatico alchimista che dirà che forse la PIETRA si trova sulla Luna o su Marte, o su un altro pianeta dell'universo! Quindi la dimostrazione NON FINIREBBE MAI.Ma è inutile aspettarsi che qualcuno capisca...
  • Fetente scrive:
    Re: Ma vai affanXXXX
    Beh almeno questo commento è chiaro e comprensibile.
  • R. Damon scrive:
    questione SOLO economica

    il rischio, connaturato alla vita in mondi virtuali,
    di diventare indifferenti davanti alla vita vera.Se la vita vera non costasse gia' troppo OGGI, e comunque molto piu' di quella virtuale, il rischio di cui si discute non esisterebbe. Se lo smantellamento della produzione di beni e servizi nelle nazioni cosiddette ricche (=sempre piu' povere) non ci fosse stato (e' cominciato almeno trent'anni fa: inutile fare i "no global" solo adesso), se fossero state mantenute misure protezionistiche dove servivano: se, in breve, il potere d'acquisto dei salari e la loro progressione di fronte all'inflazione fossero stati salvaguardati, non staremmo nemmeno qui a parlarne.Rimane il fatto che non e' la tecnologia il problema: il "virtuale" e' sempre esistito. Chi, oggi, cerca avventure virtuali tanto per resistere allo schifo quotidiano, e' esattamente la stessa classe sociale che, una trentina/qurantina d'anni fa, avrebbe cercato rifugio nei libri, divorandone uno via l'altro. La differenza, con chi si occupa di modelle e calciatori, e' un po' di cultura e di curiosita' in piu': tutto talento per lo piu' inespresso, comunque.Bastano trent'anni per rovinare un mondo: aumento del 50% della popolazione mondiale, salari dei supermanager alle stelle e "incubi della terza settimana". Negli USA, per un'imposta sul te', hanno fatto la rivoluzione; ma erano altri tempi. Servono piu' coscienza e piu' equita', nient'altro: potevamo avere tutto quel che volevamo (con giudizio e misura) e stiamo mandando tutto a rotoli.
  • attonito scrive:
    Ratzinger nuovo God Sigma?
    sulla musica di http://www.youtube.com/watch?v=Iwm-bcTYr6wCredenti state in guardia gli atei son quaminacciano il vaticano ce l'hanno con luila loro conoscienza di certo non vache accadra', che accadra', si vedra'!La croce di ratzingher difender sapra'la magica energia creata dai suoilo IOR non gli manca e Ruini e' con luivincera', vincera', vincera', vincera'!ratzingherscagliando la tua croce nello spazioti getti sugli atei a precipiziola croce, la croce, la croce vincera'!Ratzinghercombatti dal balcone i musulmaniche dei cristiani son nemici alienila croce, la croce, la croce vincera'!Nemici della chiesa tremate perche'ratzingher e' superforte e combatte per teper feisbuc non c'e' piu' scampo la fine sara'vincera' vincera' vincera'Il grano di ratzingher coprire sapra'gli scandali pedo creati dai suoiil soldo non gli manca il potere e' con luivincera', vincera', vincera', vincera'!ratzingherscagliando la tua croce nello spazioti getti sugli atei a precipiziola croce, la croce, la croce vincera'!Ratzinghercombatti dal balcone i musulmaniche dei cristiani son nemici alienila croce, la croce, la croce vincera'!la la la la la la la lala la la la la la la lala la la la la la la lavincera' vincera' vincera'..... razingher!
  • Ubunto scrive:
    Cautamente concordo
    Il discorso del Papa non è sbagliato, ma per inquadrarlo correttamente e commentarlo bisognerebbe approfondirne il contesto.Oltre a questo monito, ne sono stati fatti altri riguardanti la società e la sua organizzazione. In particolare nell'ultimo periodo mi pare che la Chiesa stia esercitando una forte critica verso le involuzioni del sistema capitalistico. Un sistema che assume connotati sempre più disumani, dove il divino è sostituito dal profano, dove la nostra "umanità" è schiacciata ed umiliata dalla ricerca sfrenata, senza regole né moralità, del profitto.Il mondo moderno sta alimentando un abominio globale, un inferno terreno in cui i valori *universali*, non solo religiosi, sono irrisi e scherniti mentre le peggiori malefatte vengono legittimate da false dichiarazioni di necessità, emergenza, crisi, ineluttabilità. Tutto questo grazie (anche) alla ignoranza, superficialità, bovinità diffusa nei popoli.Bovinità che c'è sempre stata, ma che oggi è abbandonata a se stessa, che si trova in un vuoto ideologico e spirituale e di cui la chiesa, facendo esercizio di onestà intellettuale, dovrebbe prendersi le sue responsabilità.Riguardo i mondi virtuali, la fuga dalla realtà: il Papa si è domandato come mai questo avviene per tante persone? Davvero possiamo credere che il virtuale sia un mondo talmente "ideale" da imprigionare le persone?Quanto vale il tempo? Quanto vale un'ora di vita di un essere umano? Ma ha un "valore"? Chi mi legge a che tipo di valori sta pensando?Noi, come consideriamo la nostra vita, il nostro tempo, quello che facciamo per e con gli altri? Che significato diamo, come persone e come società , al nostro tempo?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 ottobre 2010 02.10-----------------------------------------------------------
    • FU Pi scrive:
      Re: Cautamente concordo
      Inizi il papa a chiedersi perchè la chiesa stà perdendo fedeli in tutto il mondo...Gesù disse: E perché guardi tu il bruscolo che è nellocchio del tuo fratello, mentre non iscorgi la trave che è nellocchio tuo? Ovvero, come potrai tu dire al tuo fratello: Lascia chio ti tragga dallocchio il bruscolo, mentre ecco la trave è nellocchio tuo? Ipocrita, trai prima dallocchio tuo la trave, e allora ci vedrai bene per trarre il bruscolo dallocchio del tuo fratello (Matteo 7:3-5).
      • Ubunto scrive:
        Re: Cautamente concordo
        - Scritto da: FU Pi
        Inizi il papa a chiedersi perchè la chiesa stà
        perdendo fedeli in tutto il
        mondo...Perché il mondo cambia, la chiesa no o se lo fa lo fa troppo lentamente. Questo è quello che ritengo io.Ciò non toglie che un ragionamento critico sui processi in atto nella società possa essere condiviso o osteggiato anche da punti di osservazione differenti senza che questo comporti il tesseramento a CL.
      • Gino scrive:
        Re: Cautamente concordo
        La chiesa sta perdendo i fedeli?Dalle statistiche veramente emerge che nel corso degli anni la percentuale di cattolici si mantiene sempre uguale... Informati!Anzi, torna alla realtà! Cretino!
        • Linkman scrive:
          Re: Cautamente concordo
          - Scritto da: Gino
          La chiesa sta perdendo i fedeli?
          Dalle statistiche veramente emerge che nel corso
          degli anni la percentuale di cattolici si
          mantiene sempre uguale...
          Informati!

          Anzi, torna alla realtà! Cretino!Non dare del tuo agli altrihttp://www.senzapelisullalingua.it/post/120-le-statistiche-della-chiesa-cattolica/http://lnx.papaseparati.org/psitalia/fisco-e-societ-/istat-matrimonio-in-crisi-riti-civili-in-aumento-2.htmlhttp://www.uaar.it/news/2007/11/01/clero-anziano-diminuzione-sono-problemi-della-chiesa-irlanda/http://www.chiesadimilano.it/or4/or?uid=ADMIesy.main.index&oid=2443463
          • Gino scrive:
            Re: Cautamente concordo
            Il fatto che in Italia i cattolici diminuiscano non implica che nel mondo diminuiscano, so di cosa parlo!http://it.wikipedia.org/wiki/Cattolici#TendenzeTroppo bello prendere statistiche da siti di parte...
          • attonito scrive:
            Re: Cautamente concordo
            - Scritto da: Gino
            Il fatto che in Italia i cattolici diminuiscano
            non implica che nel mondo diminuiscano, so di
            cosa parlo!

            http://it.wikipedia.org/wiki/Cattolici#Tendenze

            Troppo bello prendere statistiche da siti di
            parte...L'idea che abbiate ragione entrambi, dato che parlate di cose diverse, non ti passa per la testa? e tutto queto snzaq dover ricorrere a offese, tanto piu che "Cretino" deriva da "Cristiano", informati.
          • Gino scrive:
            Re: Cautamente concordo
            La logica mi porta a pensare che se Cretino deriva da Cristiano non vuol dire che Cristiano derivi da Cretino :)Cioè, se tutti i cretini sono cristiani non vuol dire che tutti i cristiani siano cretini.E comunque ci sono ragioni storiche del perché cretino derivi da cristiano, e mi sembra che c'entrino poco col discorso...
    • rb1205 scrive:
      Re: Cautamente concordo
      Il tuo avatar, unito al fatto che tu sia bene o male sostendo la posizione ecclesiastica, mi ha fatto ridere :D
      • Ubunto scrive:
        Re: Cautamente concordo
        - Scritto da: rb1205
        Il tuo avatar, unito al fatto che tu sia bene o
        male sostendo la posizione ecclesiastica, mi ha
        fatto ridere
        :DNon sostengo la posizione ecclesiastica, oltretutto sono ateo e questo - sin dalle scuole elementari - mi è costato pesanti discriminazioni.Stai tranquillo che a me i preti, come pastori di greggi, non mi convincono proprio.
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Cautamente concordo
      tiriamo via il pesante mantello dei grandi "atei" e "laici" che stanno qui formato da fibre di ignoranza e schernimento... non sei ateo? puah! fai schifo, ecco che dicono in primo piano... in secondo piano c'è quello che dico io... questa "rivelazione" del papa non è che acqua calda, non è ne il primo ne sarà l'ultimo a dire una cosa del genere
  • indipendent scrive:
    pensi a casa sua
    Come da oggetto si occupi di tutto il marciume che si ritrova a casa sua! pedofilia in primis ecc... ecc..
  • ilcodice antispam scrive:
    compassione immensa e tristezza infinita
    mi è venuto un istinto irrefrenabile di dire la mia, ma questo scoglio del codice anti spam mi ha bloccato (gli odio i captha o come cavolo si scrive!), adesso mi sono preso di coraggio ma mi è passata la voglia, dico solo che provo molta compassione per tutti voipace ;)
    • attonito scrive:
      Re: compassione immensa e tristezza infinita
      - Scritto da: ilcodice antispam
      mi è venuto un istinto irrefrenabile di dire la
      mia, ma questo scoglio del codice anti spam mi ha
      bloccato (gli odio i captha o come cavolo si
      scrive!), adesso mi sono preso di coraggio ma mi
      è passata la voglia, dico solo che provo molta
      compassione per tutti voi pace ;)ti ringraziamo per la tua vicinanza... perche... tu... sai il significato della parola "compassione", vero?http://it.wikiquote.org/wiki/Compassione
      • ilcodice antispam scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        grazie per la definizione, io intendevo proprio compassione nel senso buddhista del termine ovvero capacità di sentirsi vicini alla tristezza degli altri
        • attonito scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita
          - Scritto da: ilcodice antispam
          grazie per la definizione, io intendevo proprio
          compassione nel senso buddhista del termine
          ovvero capacità di sentirsi vicini alla tristezza
          degli altriinfatti io sono triste perche il mido e' pieno di persone che credono ad assurdita' che non hanno ne' capo ne' coda.
    • doc allegato velenoso scrive:
      Re: compassione immensa e tristezza infinita
      Penso che la compassione sia reciproca.Visto che "litighi" con l'antispam almeno fai pace con il tuo cervello :D
      • pippO scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        - Scritto da: doc allegato velenoso
        Penso che la compassione sia reciproca.
        Visto che "litighi" con l'antispam almeno fai
        pace con il tuo cervello
        :Dl'ha già spento da un pezzo...
    • rb1205 scrive:
      Re: compassione immensa e tristezza infinita
      Il fatto che tu consideri il capcha uno scoglio la dice lunga sulle tue facoltà intellettuali e la voglia di sostenere le tue ragioni.
    • Fetente scrive:
      Re: compassione immensa e tristezza infinita
      "FEDE" = credere in assenza di evidenzaLa "fede" non è un dono: è una grave mancanza di buon senso, logica e razionalità. Credere a qualcosa senza la necessaria evidenza o verifica o controllo, denota una leggerezza e una assenza di responsabilità pericolose e dannose per sè e per gli altri.Ciao ciao
      • noid scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        - Scritto da: Fetente
        "FEDE" = credere in assenza di evidenza

        La "fede" non è un dono: è una grave mancanza di
        buon senso, logica e razionalità. Credere a
        qualcosa senza la necessaria evidenza o verifica
        o controllo, denota una leggerezza e una assenza
        di responsabilità pericolose e dannose per sè e
        per gli
        altri.

        Ciao ciaoIl tuo post ha il merito tra tutti gli altri (almeno quelli che ho letto): invece di insultare provi ad argomentare la tua posizione. Voglio farti una domanda: quale evidenza, verifica e controllo ti porta a credere che domani sorgerà il sole più meno alla stessa ora di oggi ? Cosa ti porta a dire che la terra non si fermerà, o inizierà a girare al contrario ? Bene, la scienza osserva, sintetizza le osservazioni in leggi, verifica con nuove osservazioni le leggi che essa stessa ha definito. La scienza non determina il moto della terra attorno al sole, lo osserva. La bontà delle leggi è tale finchè una nuova osservazione non le smentisce; nel qual caso la legge deve essere modificata o rielaborata. Questo è il metodo scientifico. Da quando la scienza è diventata una religione essa pure basata su una fede (fede nella ragione), le osservazioni non conformi alle leggi elaborate vengono valutate come "non possibili" e scartate, semplicemente negate in barba alle evidenze. Niente deve scalfire il falso senso di sicurezza che ci dà la scienza, cioè di poter prevedere e determinare il futuro. Tant'è che l'ostacolo della morte è ancora lì a dirci che abbiamo riempito lo zaino solo di false certezze e falsi miti. La fede come la scienza parte dall'osservazione. La mia esperienza di fede e a contatto con persone di fede mi dice che nessuno inizia un cammino di conversione senza una esperienza che lo scuote, senza un incontro ed un riscontro con la parola di Dio. La differenza è che la vita di ciascuno e unica ed irripetibile, gli incontri che facciamo lo sono e pertanto non possiamo riproporre ancora ed ancora le stesse situazioni. La fede è frustrante per chi vuole dominare e determinare gli eventi in forza della sua paura, ma un esperienza unica e vivificante per gli altri. E non si oppone alla ragione. La ragione è come la frontale che ti metti al campeggio; utilissima per manovrare le cose di quaggiù. Ma non è adeguata se guardi in su, non puoi pretendere di illuminarci il cielo.
        • pippO scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita

          La fede non si oppone alla ragione.ROTFL ROTFL ROTFL
          • Jacopo Monegato scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita
            non necessariamente, io ho deciso pacificamente di non voler affannarmi a spiegare ogni cosa, sequalcosa non lo riesco a spiegare totalmente pazienza, mi basta una traccia che non vada in contraddizione con quello che sono portato a pensare (sennò la si che voglio una spegazione completa) e sono a posto.. tuttavia posso avere fede in qualcosa e non essere primo cattolico (no. li odio i cattolici-presunti-doc che non sono che bigotti da far schifo) secondo cristiano (anche se una certa influenza c'è) ma allo stesso tempo ho il bisogno di avere, per tutto ciò di cui posso trovare una spiegazione, una spiegazione... per quello che non posso spiegare, uno spunto mio personale mi basta a volte...
        • Fetente scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita
          ehi amico ma la scienza si basa proprio SUL CONTINUO METTERE IN DISCUSSIONE, VERIFICARE, CONTROLLARE ED EVENTUALMENTE MODIFICARE le sue teorie. Chi crede che la scienza dia certezze non ha capito cos'è la scienza.Poi le chiacchiere su conversioni, incontro con questo Dio o quell'altro, sono solo chiacchiere. Chi vuole credere all'amico immaginario ci crede, punto. Il problema è che lo fa senza alcuna evidenza, e se poi prende DECISIONI PER CONTO DI ALTRI (come ad esempio i diritti a scegliersi le cure o le non-cure, i divieti all'interruzione di gravidanza che causano la clandestinità, la mancanza di educazione sessuale per i giovani eccetera), allora queste persone sono PERICOLOSE E DANNOSE, perchè appunti IN ASSENZA DI EVIDENZA e quindi contro il buon senso, la logica e il raziocinio, fanno scelte e impongono leggi che fanno MALE alle persone VERE, senza ottenere alcun beneficio per IMMAGINARIE ANIME O VITE NELL'ALDILA' che sono solo frutto di fantasia.QUESTI QUI VOGLIONO CONDIZIONARE LE NOSTRE VITE e imporre determinate regole alle persone NELLA VITA VERA con la scusa di salvare la nostra anima nell'aldilà, ma NON C'E' NESSUNA EVIDENZA di alcun paradiso o inferno, che sono PURE CREAZIONI DELLA FANTASIA UMANA.
          • noid scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita
            - Scritto da: Fetente
            ehi amico ma la scienza si basa proprio SUL
            CONTINUO METTERE IN DISCUSSIONE, VERIFICARE,
            CONTROLLARE ED EVENTUALMENTE MODIFICARE le sue
            teorie. Chi crede che la scienza dia certezze non
            ha capito cos'è la
            scienza.Eppure è un fatto che per lo più di ciò che non è spiegabile venga negata l'esistenza. Poi non sarà forse l'atteggiamento di tutti gli scienziati, ma di molti, anzi, moltissimi. E credo come te che la scienza che dà certezze sia una grossa panzana, ma credo anche che la maggior parte della gente ci creda perchè questo è quello che vuole sentirsi dire. Questo è quello vedo tra le persone con cui mi trovo a vivere, sul lavoro, etc. Poi se ne vuoi la dimostrazione, non so darti la dimostrazione di ogni opinione che mi sono fatto.
            Poi le chiacchiere su conversioni, incontro con
            questo Dio o quell'altro, sono solo chiacchiere.Certo che sono chiacchiere, nè diversamente potrebbe essere. La fede è un fatto soggettivo, dunque, chiacchiere.
            Chi vuole credere all'amico immaginario ci crede,
            punto. Il problema è che lo fa senza alcuna
            evidenza,Su questo non sono d'accordo. Di evidenze nelle nostre vite ce ne sono, solo che spesso non le vogliamo vedere e se poi prende DECISIONI PER CONTO DI
            ALTRI (come ad esempio i diritti a scegliersi le
            cure o le non-cure, i divieti all'interruzione di
            gravidanza che causano la clandestinità, la
            mancanza di educazione sessuale per i giovani
            eccetera),Il punto è che io ho diritto ad una mia opinione diversa dalla tua anche se me la sono fatta lanciando una monetina o tirando un dado. Spesso assisto ad uno spocchioso senso di superiorità per cui tutte le opinioni sono valide e lecite tranne quelle dei credenti. Se poi ti prendi il tempo di farlo, hai la possibilità di scoprire da dove vengono queste convinzioni, che spesso partono dall'uomo a dal rispetto della vita umana prima ancora che dalle scritture.Per esempio se sei uno con mentalità scientifica aperto al dubbio e lontano da un indottrinamento a senso unico dovresti documentarti (a 360°) sull'aborto e su cosa questo comporti alle donne (evidentemente i bambini buttati via non hanno una loro opinione in merito). allora queste persone sono PERICOLOSE
            E DANNOSE,pericoloso e dannoso è piegare il buon senso al proprio comodo perchè appunti IN ASSENZA DI EVIDENZA
            e quindi contro il buon senso, la logica e il
            raziocinio, fanno scelte e impongono leggi che
            fanno MALE alle persone VERE, che mi dici un bimbo nato vivo e vegeto e lasciato a morire sul carrello di un ospedale non è una EVIDENZA di un grande MALE ad una persona VERA ?senza ottenere
            alcun beneficio per IMMAGINARIE ANIME O VITE
            NELL'ALDILA' che sono solo frutto di
            fantasia.
            Su una cosa posso essere d'accordo: preoccupiamoci di come vivere l'aldiqua. Anche se per me esiste anche un aldilà. Per te no. Pace, che problema c'è ?
            QUESTI QUI VOGLIONO CONDIZIONARE LE NOSTRE VITE e
            imporre determinate regole alle persone NELLA
            VITA VERA con la scusa di salvare la nostra anima
            nell'aldilà, ma NON C'E' NESSUNA EVIDENZA di
            alcun paradiso o inferno, che sono PURE CREAZIONI
            DELLA FANTASIA
            UMANA.calma calma calma, qualsiasi legge, giusta o ingiusta, impone delle regole. Come dicevo anche prima le leggi della religione non sono qualcosa di avulso dall'uomo e dal rispetto della vita umana, sia che parli di aborto o di eutanasia o altro. Per il resto, se non vuoi andare in chiesa non andarci. Di certo nella vita di qua non ti creerà nessum problema, nell'aldilà chettifrega, tanto non ci credi...
          • pippO scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita


            Chi vuole credere all'amico immaginario ci
            crede,

            punto. Il problema è che lo fa senza alcuna

            evidenza,

            Su questo non sono d'accordo. Di evidenze nelle
            nostre vite ce ne sono, solo che spesso non le
            vogliamo
            vederePortale pure, ne discutiamo se vuoi...Immagino che dovrò aspettare parecchio :D
          • Fetente scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita
            uffa. Tu scrivi: "Eppure è un fatto che per lo più di ciò che non è spiegabile venga negata l'esistenza"...Questo è uno dei principali argomenti di chi sostiene l'esistenza, o crede nell'esistenza, del soprannaturale in generale, e del divino in particolare.Ma andiamo a vedere nel dettaglio. CHE COSA non è spiegabile? Te lo chiedo perchè, andando a vedere le singole "cose inspiegabili", il risultato è sempre lo stesso: cioè il nulla. Non c'è niente da spiegare, nè niente di inspiegabile. Cosa sono, di grazia, tutte queste cose inspiegabili che portano a credere nel soprannaturale?Forse i miracoli! Peccato che, stringi stringi, i miracoli sono sempre e solo RACCONTI, TESTIMONIANZE, o LIBRI E ARTICOLI. Tutti i "miracoli" hanno una caratteristica in comune: non si ripetono mai, avvengono "una tantum" e pertanto non sono verificabili, MAI, in nessun caso. Quando avvengono GUARIGIONI MIRACOLOSE, si tratta sempre (quando sono vere) di remissioni di malattie, che sono casi rari, ma possibili e documentati dalla medicina (si verificano circa 1 su diecimila remissioni spontanee). Non succede MAI che una gamba amputata ricresca! COS'E', UN MIRACOLO TROPPO DIFFICILE PER UN DIO ONNIPOTENTE? Oppure che un morto risusciti dopo alcuni giorni che è sepolto (tranne un caso, ma è un vecchio romanzo di 2000 anni fa circa). Oppure sono cose indegne anche di un prestigiatore dilettante, come il SANGUE DI SAN GENNARO che si scioglie agitando l'ampolla! MA GUARDA, ANCHE IL KETCHUP FA LA STESSA COSA!!! Oppure le STIMMATE di Padre Pio... questa storia delle stimmate è BELLISSIMA! Padre Pio è vissuto in un periodo in cui l'uso della FOTOGRAFIA era ormai DIFFUSO, FACILE E PRATICO OVUNQUE, eppure NON ESISTE NEANCHE UNA FOTO DECENTE delle sue stimmate, tanto è vero che perfino nei siti dedicati a padre Pio, alla voce "foto delle stimmate", si trovano SOLO I SANTINI tirati su con lo scanner!!!! dove le stimmate appaiono come ombre sfocate di qualche millimetro, in piccolo, del tutto invisibili. Per non parlare del tizio che per 30 anni ha vissuto con P.Pio, non ricordo il nome, come suo assistente personale, nella stessa casa... INTERVISTATO IN TV IN UN NOTO PROGRAMMA RELIGIOSO, alla domanda: lei ha mai visto le stimmate? HA RISPOSTO: NO, MAI, perchè P.P. portava sempre i guanti!!!! Cioè, lui è sicuro che c'erano PERCHE' P.P. portava i guanti.... Beh ragazzi queste sono le testimonianze DI PRIMA MANO dei miracoli... FIGURIAMOCI QUELLE RIPORTATE DA SCRITTORI O GIORNALISTI.... gente che PER VIVERE, DI MESTIERE, SCRIVE... non venderebbero neanche una copia se scrivessero che NON C'E' NIENTE DI MISTERIOSO!!!Andiamo poi a vedere intorno a noi in cosa consiste il fenomeno religioso: sacerdoti, chiese, reliquie, cattedrali. Certo, tutto molto bello e imponente. Però i sacerdoti sono persone in carne e ossa come noi, le chiese sono di pietre e mattoni, le reliquie sono ossa di persone morte (dette "santi" per distinguerle dai cadaveri normali, evidentemente).Oppure andiamo a vedere i fenomeni di contatti con l'aldilà di medium o le voci dei defunti registrate su nastro... tutti casi regolarmente smascherati o finiti nel nulla appena qualcuno (ad es. i tecnici del CICAP) fanno qualche semplice controllo.ALLORA: cosa c'è di così inspiegabile, di grazia? Qualcuno me lo dice?Te lo dico io cosa c'è: L'INCREDIBILE BUSINESS che si è costruito attorno a queste credenze. Un giro enorme di soldi, potere, organizzazioni... gente che ha scoperto che è più facile vivere sulle spalle degli altri sfruttandone le paure, le speranze, la superstizione, l'ignoranza, o anche il bisogno di lenire sofferenza e dolore... che purtroppo esistono sempre... raccontando belle favole su come verremo ricompensati DOPO MORTI per le sofferenze che dobbiamo patire qui sulla terra... MA NEL FRATTEMPO DOBBIAMO OBBEDIRE, OFFRIRE, PAGARE, FINANZIARE questo business. Ad esempio, in ITALIA se contiamo preti-suore-frati-ecc (mi pare anche gli insegnanti di religione, erano nel conteggio) si arriva QUASI A UN MILIONE DI PERSONE che campano SUL BUSINESS RELIGIOSO!!!!!!Ole', e io pago
        • krane scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita
          - Scritto da: noid
          - Scritto da: Fetente

          "FEDE" = credere in assenza di evidenza

          La "fede" non è un dono: è una grave mancanza di

          buon senso, logica e razionalità. Credere a

          qualcosa senza la necessaria evidenza o verifica

          o controllo, denota una leggerezza e una assenza

          di responsabilità pericolose e dannose per sè e

          per gli altri.

          Ciao ciao
          Il tuo post ha il merito tra tutti gli altri
          (almeno quelli che ho letto): invece di insultare
          provi ad argomentare la tua posizione. Voglio
          farti una domanda: quale evidenza, verifica e
          controllo ti porta a credere che domani sorgerà
          il sole più meno alla stessa ora di oggi ? Cosa
          ti porta a dire che la terra non si fermerà, o
          inizierà a girare al contrario ? Bene, la scienza
          osserva, sintetizza le osservazioni in leggi,
          verifica con nuove osservazioni le leggi che essa
          stessa ha definito. La scienza non determina il
          moto della terra attorno al sole, lo osserva. La
          bontà delle leggi è tale finchè una nuova
          osservazione non le smentisce; nel qual caso la
          legge deve essere modificata o rielaborata.
          Questo è il metodo scientifico.Esattamente, cosa assolutamente non applicabile alla religione che e' basata su dogmi che narrano spesso di fatti ne' ripetibili ne' osserbabili, il che rende la religione cattolica simile a quelle dell'unicorno invisibile e del mostro volatte di spaghetti.
          Da quando la scienza è diventata una religione
          essa pure basata su una fede (fede nella
          ragione),La ragione non e' una fede: http://it.wikipedia.org/wiki/Ragione
          le osservazioni non conformi alle
          leggi elaborate vengono valutate come "non
          possibili" e scartate, semplicemente negate
          in barba alle evidenze.Se sono evidenze dopo pochi anni rompolo l'inerzia, questa e' una grande differenza con la relizione.
          Niente deve scalfire il falso senso di
          sicurezza che ci dà la scienza, cioè di
          poter prevedere e determinare il futuro.
          Tant'è che l'ostacolo della morte è
          ancora lì a dirci che abbiamo riempito
          lo zaino solo di false certezze e falsi
          miti.Veramente la scienza da dubbi e non ha paura di ammettere che qualcosa non si sa: la morte per la scienza e' cessazione, poiche' nessuno e' mai riuscito a ritornare da essa con un esperimento riproducibile e delle prove tangibili; quindi la scienza dice quello che conosce ed ha dimostrato. La religione invece su questo punto inventa tutto e il contrario di tutto: da chi resuscita in altro corpo a chi ha costruito hotel multipiano chiamati inferno e paradiso.
          La fede come la scienza parte dall'osservazione. Assolutamente falso: la fede parte da incubi notturni che fanno scrivere libri dopo pesanti peperonate; da passeggiate in montagha dalle quali si torna con tavolette di leggi, da prestigiatori di passaggio.
          La mia esperienza di fede e a contatto
          con persone di fede mi dice che nessuno
          inizia un cammino di conversione senza
          una esperienza che lo scuote,Ovvio e spiegatissimo: dopo un'esperienza che scuote le persone deboli hanno bisogno di attaccarsi a qualcosa, che questo sia il sale di don Cimiento, la tonaca di un prete o le arti marziali o l'omicidio seriale dipende solo dal loro livello culturare ed equilibrio mentale.
          senza un incontro ed un riscontro
          con la parola di Dio. La differenza
          è che la vita di ciascuno e unica ed
          irripetibile, gli incontri che
          facciamo lo sono e pertanto non
          possiamo riproporre ancora ed ancora
          le stesse situazioni. La fede è
          frustrante per chi vuole dominare e
          determinare gli eventi in forza della
          sua paura, ma un esperienza unica e
          vivificante per gli altri. Ma e' ovvio che sia vivificante, nel momento in cui una pesona debole si aggancia a qualcosa di saldo si sente meglio, ma e' una mera questione psicologica, altrimenti non ci sarebbero tante credenze in contrasto tra loro. E non funzionerebbe attaccandosi a filosofie.
          E non si oppone alla ragione.Certo che vi si oppone: e' dogmatica, quindi non segue la ragione.
          La ragione è come la frontale che
          ti metti al campeggio; utilissima
          per manovrare le cose di quaggiù.
          Ma non è adeguata se guardi in
          su, non puoi pretendere di illuminarci
          il cielo.Per quello c'e' il telescopio spaziale Hubble, e l'inquinamento luminoso disturba l'osservazione; non capisco cosa vuoi dire con questa ultima frase.
          • noid scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita

            Esattamente, cosa assolutamente non applicabile
            alla religione che e' basata su dogmi che narrano
            spesso di fatti ne' ripetibili ne' osserbabili,
            il che rende la religione cattolica simile a
            quelle dell'unicorno invisibile e del mostro
            volatte di
            spaghetti.
            Ho cercato di immaginarmi il mostro volante di spaghetti :DL'ambito della scienza è ciò che ci circonda, l'ambito della religione siamo noi stessi non nella nostra fisicità ma nella nostra vita, dalla nascita alla morte. Ovvio che non sia riproducibile. Sul fatto che non sia osservabile sono un po' meno d'accordo; certo nell'epoca dei reality show è più facile incontrare persone che sanno tutto delle vite degli altri e ben poco della propria.

            Da quando la scienza è diventata una religione

            essa pure basata su una fede (fede nella

            ragione),

            La ragione non e' una fede:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Ragione
            Non ho bisogno di wikipedia per sapere cosa è la ragione. piuttosto quello che voglio dire è che la scienza si dà sempre meno spazio al dubbio e viene assurta a verità assoluta. questa è la percezione nella gente, al di là di wikipedia
            Se sono evidenze dopo pochi anni rompolo
            l'inerzia, questa e' una grande differenza con la
            relizione.
            scusa ma questa frase non l'ho capita
            Veramente la scienza da dubbi e non ha paura di
            ammettere che qualcosa non si sa: la morte per la
            scienza e' cessazione, poiche' nessuno e' mai
            riuscito a ritornare da essa con un esperimento
            riproducibile e delle prove tangibili; quindi la
            scienza dice quello che conosce ed ha dimostrato.
            la scienza dice che dopo la morte non c'è niente perchè non ha mai osservato il contrario ? Ci sono persone date per morte dalla scienza e poi tornate in vita che affermano di avere visto e sentito cose, per la scienza tutto ciò non ha valore in quanto non riproducibile. Qualche mese fa hanno scoperto tramite impulsi celebrali che un giovane in coma irreversibile era in grado di rispondere "sì" e "no" a delle domande, quando la scienza ha sempre creduto che in quello stato fosse annullata ogni forma di raziocinio. purtroppo quando l'evidenza è talmente spinta da insinuare il dubbio negli scienziati il danno è già fatto (es. talidomide)
            La religione invece su questo punto inventa tutto
            e il contrario di tutto: da chi resuscita in
            altro corpo a chi ha costruito hotel multipiano
            chiamati inferno e
            paradiso.
            con tanto di portiere, per giunta ! Son convinto dell'importanza della religione in questa vita, poi, se c'è l'hotel multipiano, spero nella visione panoramica

            La fede come la scienza parte
            dall'osservazione.


            Assolutamente falso: la fede parte da incubi
            notturni che fanno scrivere libri dopo pesanti
            peperonate; da passeggiate in montagha dalle
            quali si torna con tavolette di leggi, da
            prestigiatori di
            passaggio.
            posso sorridere, ma sono battute, non argomentazioni

            La mia esperienza di fede e a contatto

            con persone di fede mi dice che nessuno

            inizia un cammino di conversione senza

            una esperienza che lo scuote,

            Ovvio e spiegatissimo: dopo un'esperienza che
            scuote le persone deboli hanno bisogno di
            attaccarsi a qualcosa, che questo sia il sale di
            don Cimiento, la tonaca di un prete o le arti
            marziali o l'omicidio seriale dipende solo dal
            loro livello culturare ed equilibrio
            mentale.
            Già. Il bisogno di Dio, torna sempre fuori quando si parla con un ateo. Lo ammetto, i credenti hanno bisogno di Dio. Questo non vuole dire che me lo sono inventato. Ho anche bisogno di mangiare e di respirare, ma non mi sono inventato ne' l'aria ne' il cibo.Avere poi bisogno di aria e di cibo non mi qualifica come un debole.

            senza un incontro ed un riscontro

            con la parola di Dio. La differenza

            è che la vita di ciascuno e unica ed

            irripetibile, gli incontri che

            facciamo lo sono e pertanto non

            possiamo riproporre ancora ed ancora

            le stesse situazioni. La fede è

            frustrante per chi vuole dominare e

            determinare gli eventi in forza della

            sua paura, ma un esperienza unica e

            vivificante per gli altri.

            Ma e' ovvio che sia vivificante, nel momento in
            cui una pesona debole si aggancia a qualcosa di
            saldo si sente meglio, ma e' una mera questione
            psicologica, altrimenti non ci sarebbero tante
            credenze in contrasto tra loro. E non
            funzionerebbe attaccandosi a
            filosofie.
            Non ci siamo intesi sulla parola "vivificante": per me vuole dire vivere intensamente, non saldamente

            E non si oppone alla ragione.

            Certo che vi si oppone: e' dogmatica, quindi non
            segue la
            ragione.
            La fede è dogmatica perchè ci propone da subito, direi prima del tempo, conclusioni per appropriarci delle quali è necessario il cammino di una vita.

            La ragione è come la frontale che

            ti metti al campeggio; utilissima

            per manovrare le cose di quaggiù.

            Ma non è adeguata se guardi in

            su, non puoi pretendere di illuminarci

            il cielo.

            Per quello c'e' il telescopio spaziale Hubble, e
            l'inquinamento luminoso disturba l'osservazione;
            non capisco cosa vuoi dire con questa ultima
            frase.indendo dire che fede e ragione hanno ciascuna il proprio ambito, come dicevo anche prima. E l'ambito della fede non è esplorabile dalla ragione la quale non ha i mezzi per farlo. Nessuno spodesta la ragione dal ruolo di guida nel suo proprio ambito.
          • pippO scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita

            la scienza dice che dopo la morte non c'è niente
            perchè non ha mai osservato il contrario ?Portaci TU il contrario...
            Ci sono persone date per morte dalla scienza e poi
            tornate in vita che affermano di avere visto e
            sentito cose, per la scienza tutto ciò non ha
            valore in quanto non riproducibile.In medicina esistono le diagnosi SBAGLIATE, questo lo sai vero?Applica il rasoio di Occam e trai le conclusioni...
          • noid scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita

            In medicina esistono le diagnosi SBAGLIATE,
            questo lo sai
            vero?
            Applica il rasoio di Occam e trai le
            conclusioni...Ecco, niente è reale di quello che può turbare il quieto alambiccare degli atei razionalisti per fede. Aveva ragione Pascal...
      • ilcodice antispam scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        Sbagliato FEDE non è "Credere a qualcosa senza la necessaria evidenza o verifica o controllo" ma credere con la ragione, infatti razionalmente non ci sono evidenze scientifiche che spieghino come e perchè esiste tutto ciò che esiste, anche la teoria del big bang sta molto stretta e non soddisfa per nulla neanche lo scienziato che l'ha postulata. Poi dire senza la necessaria "verifica o controllo" dovresti leggere i referti medici di gente spacciata a causa di un tumore grande quando un pallone guarire da un giorno all'altro e ti assicuro che non sono medici credenti!
    • Me io medesimo scrive:
      Re: compassione immensa e tristezza infinita

      bloccato (gli odio i captha o come cavolo si
      scrive!), adesso mi sono preso di coraggio ma miIl captcha te lo passo visto che è un acronimo in una lingua straniera, ma GLI al posto di LI...
      • ilcodice antispam scrive:
        Re: compassione immensa e tristezza infinita
        grazie, andavo di fretta... sono sciattone e faccio molti refusi, poi non rileggendo questo è il risultato!
        • pippO scrive:
          Re: compassione immensa e tristezza infinita

          grazie, andavo di fretta...stavi rincorrendo l'ultimo neurone? :D
          • ilcodice antispam scrive:
            Re: compassione immensa e tristezza infinita
            ah ah carina questa! anche le persone tristi hanno il senso dell'ironia!
  • Gimmi Ridimmi scrive:
    Il tenore dei commenti
    Mi rincuora. Grazie ragazzi, mi fate sentire meno solo,
    • doc allegato velenoso scrive:
      Re: Il tenore dei commenti
      QuotoFa piacere vedere che ci sono ancora un po' di esseri umani senzienti.
    • Fetente scrive:
      Re: Il tenore dei commenti
      VERISSIMO, grazie ragazzi. Da un ATEISTA convinto (che per me significa PEGGIO CHE ATEO)!
      • fiertel91 scrive:
        Re: Il tenore dei commenti
        - Scritto da: Fetente
        VERISSIMO, grazie ragazzi. Da un ATEISTA convinto
        (che per me significa PEGGIO CHE
        ATEO)!Peggio?
        • Mr.x scrive:
          Re: Il tenore dei commenti
          Grazie a dio sono ateo
        • Fetente scrive:
          Re: Il tenore dei commenti
          nel senso che un ateo si limita in genere a non credere, mentre io contesto esplicitamente il diritto di credere alle favole, in quanto le conseguenze delle scelte (politiche, economiche, eccetera) di chi crede alle favole sono dannose ANCHE PER GLI ALTRI.
          • puttezzo scrive:
            Re: Il tenore dei commenti
            - Scritto da: Fetente
            nel senso che un ateo si limita in genere a non
            credere, mentre io contesto esplicitamente il
            diritto di credere alle favole, in quanto le
            conseguenze delle scelte (politiche, economiche,
            eccetera) di chi crede alle favole sono dannose
            ANCHE PER GLI
            ALTRI.Cavoli, quasi quasi preferisco l'intolleranza dei religiosi alla tua.Io mi limiterei a pretendere il pagamento delle tasse da parte della chiesa di Roma e l'inviolabilità del diritto a comportarmi secondo i canoni morali che mi pare a meno che non si limiti la libertà altrui e non lo si danneggi.Ma sei sicuro di non essere religioso? Nel senso che il tuo mi sembra un ragionamento affine a quello che un islamico potrebbe rivolgere ad un cristiano e viceversa-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 ottobre 2010 14.24-----------------------------------------------------------
          • Fetente scrive:
            Re: Il tenore dei commenti
            No, mi limito a pretendere che le persone si ASSUMANO LA RESPONSABILITA' di quello che dicono o decidono. E' TROPPO COMODO DIRE: SI FA COSI' PERCHE' E' SCRITTO IN UN LIBRO DI 2000 anni fa. Poi si scaricano le conseguenze delle scelte su fantomatiche divinità.Insomma, l'etica delle responsabilità al posto dell'etica delle convinzioni.
          • puttezzo scrive:
            Re: Il tenore dei commenti
            - Scritto da: Fetente
            No, mi limito a pretendere che le persone si
            ASSUMANO LA RESPONSABILITA' di quello che dicono
            o decidono. E' TROPPO COMODO DIRE: SI FA COSI'
            PERCHE' E' SCRITTO IN UN LIBRO DI 2000 anni fa.
            Poi si scaricano le conseguenze delle scelte su
            fantomatiche
            divinità.
            Insomma, l'etica delle responsabilità al posto
            dell'etica delle convinzioniOgnuno è libero di credere in quello che vuole, l'importante è non cercare di imporlo ad altri. Questo vale per religiosi e non.Se uno vuole credere alla befana per me è libero sia di farlo sia di crearsi un seguito, basta che non cerchi di impormi per legge di lasciare un piatto di pasta e un bicchiere di vino la sera del 5 gennaio e che cerchi di punirmi per presunte offese al suo credo.La responsabilità di cui parli dovrebbe averla solo nei confronti dei suoi fedeli ma se anche loro credono nella befana, a te che te ne cale?
          • krane scrive:
            Re: Il tenore dei commenti
            - Scritto da: puttezzo
            - Scritto da: Fetente

            No, mi limito a pretendere che le persone si

            ASSUMANO LA RESPONSABILITA' di quello che dicono

            o decidono. E' TROPPO COMODO DIRE: SI FA COSI'

            PERCHE' E' SCRITTO IN UN LIBRO DI 2000 anni fa.

            Poi si scaricano le conseguenze delle scelte su

            fantomatiche divinità.

            Insomma, l'etica delle responsabilità al posto

            dell'etica delle convinzioni
            Ognuno è libero di credere in quello che vuole,
            l'importante è non cercare di imporlo ad altri.
            Questo vale per religiosi e non.
            Se uno vuole credere alla befana per me è libero
            sia di farlo sia di crearsi un seguito, basta che
            non cerchi di impormi per legge di lasciare un
            piatto di pasta e un bicchiere di vino la sera
            del 5 gennaio e che cerchi di punirmi per
            presunte offese al suo credo.
            La responsabilità di cui parli dovrebbe averla
            solo nei confronti dei suoi fedeli ma se anche
            loro credono nella befana, a te che te ne cale?Basta che paghi le tasse come tutti...
          • puttezzo scrive:
            Re: Il tenore dei commenti

            Basta che paghi le tasse come tutti...Questo lo straquoto
          • Guido scrive:
            Re: Il tenore dei commenti
            Scommettiamo che ci fanno pagare qualche multa per inadempienza alla UE piuttosto che far pagare il vaticano (minuscolo)
          • pippO scrive:
            Re: Il tenore dei commenti

            Cavoli, quasi quasi preferisco l'intolleranza dei
            religiosi alla
            tua.Chi prega avvelena anche te, digli di smettere ;)
          • Il Solito scrive:
            Re: Il tenore dei commenti
            - Scritto da: Fetente
            nel senso che un ateo si limita in genere a non
            credere, mentre io contesto esplicitamente il
            diritto di credere alle favole, in quanto le
            conseguenze delle scelte (politiche, economiche,
            eccetera) di chi crede alle favole sono dannose
            ANCHE PER GLI
            ALTRI.tipico integralista ateo:-P
          • Fetente scrive:
            Re: Il tenore dei commenti
            No, mi limito a pretendere che le persone si ASSUMANO LA RESPONSABILITA' di quello che dicono o decidono. E' TROPPO COMODO DIRE: SI FA COSI' PERCHE' E' SCRITTO IN UN LIBRO DI 2000 anni fa. Poi si scaricano le conseguenze delle scelte su fantomatiche divinità.Insomma, l'etica delle responsabilità al posto dell'etica delle convinzioni.
    • Me io medesimo scrive:
      Re: Il tenore dei commenti

      Mi rincuora. Grazie ragazzi, mi fate sentire meno
      solo,Si, in effetti fa riacquistare un po' di speranza in un dio benevolo ;)
  • ephestione scrive:
    D'ora in poi...
    tutti in chiesa ma solo su second life! :P
  • Michele scrive:
    Ma che palla al piede.
    Quanto sarebbe più civile la nostra Italia senza sto ridicolo carrozzone del Vaticano.Delle volte ci rispedisce nel medioevo.Ma pagate l' ICI piuttosto che risaniamo il debito pubblico.
    • Gino scrive:
      Re: Ma che palla al piede.
      L'Italia, già massacrata dai politici, sarebbe un paese ancor più di XXXXX, fidati ;-) per fortuna c'è il Vaticano a dettare un po' di morale!
      • attonito scrive:
        Re: Ma che palla al piede.
        - Scritto da: Gino
        L'Italia, già massacrata dai politici, sarebbe un
        paese ancor più di XXXXX, fidati ;-) per fortuna
        c'è il Vaticano a dettare un po' di morale!tra DETTARE e DETTARE & RISPETTARE ci balla un RISPETTARE.Fate quello che dico ma non quello che faccio.... facile, eh?
        • Gino scrive:
          Re: Ma che palla al piede.
          La chiesa è fatta da uomini e gli uomini sbagliano.Ma la fede e la Chiesa (con la C maiuscola) è un'altra cosa...
          • Africa scrive:
            Re: Ma che palla al piede.
            - Scritto da: Gino
            La chiesa è fatta da uomini e gli uomini
            sbagliano.
            Ma la fede e la Chiesa (con la C maiuscola) è
            un'altra cosa...La coerenza della Chiesa non si discute: basta guardare come sono passati da: "lasciate che i bimbi vengano a me" alla pedofilia.
          • Gino scrive:
            Re: Ma che palla al piede.
            E poi si dice "Non facciamo di tutta l'erba un fascio"...Mi sembra una posizione alquanto facile questa... Come se un giorno ti compare un brufolo sulla faccia e io decido che sei una persona ripugnante, è LA STESSA COSA!
          • pippO scrive:
            Re: Ma che palla al piede.
            - Scritto da: Gino
            La chiesa è fatta da uomini e gli uomini
            sbagliano.
            Ma la fede e la Chiesa (con la C maiuscola) è
            un'altra
            cosa...Quindi visto che la chiesa è fatta da uomini SBAGLIA!
  • Riccardo Landi scrive:
    se ne intende....
    Di scollamento fra realtà e finzione lui è uno che se ne intende.....Vuole avere il monopolio dei "mondi virtuali" oltre la realtà fisica.
  • malvyn scrive:
    Ho capito bene?
    Ditemi se ho capito bene:Un uomo letteralmente vestito d'oro, che abita in palazzo del valore inestimabile, a capo di uno stato che si tiene fuori da qualsiasi organizzazione mondiale e che per la sua ultima vacanza ha sperperato 6.000.000 (sei MILIONI) di euro viene a dire a noi che facebook provoca il distacco dalla realtà?
    • Bohboh scrive:
      Re: Ho capito bene?
      No hai capito male, te la rispiego.Un umile pastore della vigna del Signore mantenuto dai pochi spiccioli raccolti dai fedeli, che vive di fede verso un entità onnipotente, che si prende cura di ogni essere vivente di ogni Credo e religione, ma soprattutto dei bambini e dei poveri, ti sta dicendo che il computer fa effettivamente male in quanto opera del demonio.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • fiertel91 scrive:
      Re: Ho capito bene?
      - Scritto da: malvyn
      Ditemi se ho capito bene:
      Un uomo letteralmente vestito d'oro, che abita in
      palazzo del valore inestimabile, a capo di uno
      stato che si tiene fuori da qualsiasi
      organizzazione mondiale e che per la sua ultima
      vacanza ha sperperato 6.000.000 (sei MILIONI) di
      euro viene a dire a noi che facebook provoca il
      distacco dalla
      realtà?Ma specialmente: un uomo che trova il senso della sua vita in un entità mitica, divina, soprannaturale e mai osservata viene a dire a noi che facebook provoca il distacco dalla realtà.
      • al default con furore scrive:
        Re: Ho capito bene?
        Se fosse per quella gente saremmo ancora ai tempi di Galileo quando bruciavano al rogo gli eretici che osavano mettere in dubbio la loro parola.Scommetto che tra alcuni di loro esiste ancora la credenza che la Terra sia piatta e al centro dell'universo... parlano di tecnologia senza cognizione di causa.... a proposito, com'è andata a finire poi quella vicenda su radio vaticana e l'aumento di tumori tra i residenti?
        • krane scrive:
          Re: Ho capito bene?
          - Scritto da: al default con furore
          Se fosse per quella gente saremmo ancora ai tempi
          di Galileo quando bruciavano al rogo gli eretici
          che osavano mettere in dubbio la loro parola.
          Scommetto che tra alcuni di loro esiste ancora la
          credenza che la Terra sia piatta e al centro
          dell'universo... parlano di tecnologia senza
          cognizione di causa.
          ... a proposito, com'è andata a finire poi quella
          vicenda su radio vaticana e l'aumento di tumori
          tra i residenti?Hanno negato tutto anche l'evidenza, di fronte a prove schiaccianti hanno detto che nel loro paese fanno cio' che vogliono. Hanno detto qualche preghiera per i morti di leucemia e promesso sconti per i funerali.
          • pippO scrive:
            Re: Ho capito bene?


            ... a proposito, com'è andata a finire poi
            quella

            vicenda su radio vaticana e l'aumento di tumori

            tra i residenti?

            Hanno negato tutto anche l'evidenza, di fronte a
            prove schiaccianti hanno detto che nel loro paese
            fanno cio' che vogliono. Hanno detto qualche
            preghiera per i morti di leucemia e promesso
            sconti per i
            funerali.La chiesa che fa sconti?Mi ricorda quella del cammello e dell'ago... :D
          • krane scrive:
            Re: Ho capito bene?
            - Scritto da: pippO


            ... a proposito, com'è andata a finire


            poi quellavicenda su radio vaticana e


            l'aumento di tumori tra i residenti?

            Hanno negato tutto anche l'evidenza, di

            fronte a prove schiaccianti hanno detto

            che nel loro paese fanno cio' che

            vogliono. Hanno detto qualche preghiera

            per i morti di leucemia e promesso sconti

            per i funerali.
            La chiesa che fa sconti?
            Mi ricorda quella del cammello e dell'ago... :DLi hanno "promessi", ma voi "abbiate fede"...
        • Guido scrive:
          Re: Ho capito bene?
          E' andata a finire che radio vaticana ha dichiarato che le sue emissioni rientravano nei canoni previsti dalla legge ed ha continuato a fare quello che faceva prima... alla faccia dei tumori altrui
  • antonello pititto scrive:
    NO pubblicità a simboli religiosi morti
    questi personaggi non esisterebbero senza la tvnon dategli cordavi impiccherebbero
  • kache scrive:
    Non ha tutti i torti
    XXXXXXXte evangeliste a parte, non ha tutti i torti, anche se attualmente il problema non è così grande.Lo diventerà sempre più man mano che l'integrazione tra uomo e macchina diventa più completa.
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: Non ha tutti i torti
      a mio avviso, chi non distingue realtà da fantasia... si chiama schizofrenico...
      • kache scrive:
        Re: Non ha tutti i torti
        - Scritto da: Nome e Cognome
        a mio avviso, chi non distingue realtà da
        fantasia... si chiama
        schizofrenico...No, diventa tale quando è persistente per un tot periodo (wikipedia dice 6 mesi).Nel caso di un'opera di finzione, se è creata per catturare l'attenzione esclusiva dell'utente per un lungo periodo di tempo (4+ giorni) è normale che si inizi a confondere le due realtà (o, per la precisione, è normale che il cervello inizi a ragionare come se si abitasse effettivamente in quella realtà.), sia per puro piacere (aka, quel mondo è migliore e preferisco restare li) che per adattamento (quando passi molto tempo a fare una cosa ci pensi su parecchio e diventi più bravo a farlo, soprattutto se ti appassiona, ma non è indispensabile).Solitamente è necessario un tempo di cooldown per ritornare completamente alla nostra realtà (esempio stupido: qualche anno fa mi ero fatto una maratona di quasi un mese di tutti gli episodi di One Piece, ed intorno alla terza settimana mi sono trovato seriamente a ragionare come se fossi in quel mondo, anche facendo qualche figura di XXXXX. Una volta finita la maratona mi ci sono voluti circa 7 giorni per ritornare nel mondo reale), che dipende dal media e dalla persona.
      • pippO scrive:
        Re: Non ha tutti i torti
        - Scritto da: Nome e Cognome
        a mio avviso, chi non distingue realtà da
        fantasia... si chiama
        schizofrenico...o cattolico... :D
    • Jim scrive:
      Re: Non ha tutti i torti
      Alla fin fine, è anche ovvio che bisogna fare un uso obiettivo di ogni cosa, senza fanatismo.Anche un appassionato sfegatato di un qualunque argomento grosso modo si rende conto che non deve sviluppare dipendenza ed avere equilibrio.Un patito di videogame per esempio dovrebbe essere avvertito "Non abusarne", altrimenti diventa patologico.
      • kache scrive:
        Re: Non ha tutti i torti
        - Scritto da: Jim
        Alla fin fine, è anche ovvio che bisogna fare un
        uso obiettivo di ogni cosa, senza
        fanatismo.

        Anche un appassionato sfegatato di un qualunque
        argomento grosso modo si rende conto che non deve
        sviluppare dipendenza ed avere
        equilibrio.

        Un patito di videogame per esempio dovrebbe
        essere avvertito "Non abusarne", altrimenti
        diventa
        patologico.Chiaro che dovrebbe essere così, ma siamo umani. :DInoltre, guardala dall'altro punto di vista: se uno ha le risorse economiche per autosostenersi senza lavorare, perché non dovrebbe "vivere" nell'altro mondo, se questo non gli piace?E' un po lo stesso tema trattato in Inception...
        • Acheson Kritiont scrive:
          Re: Non ha tutti i torti
          E' un pò quello che fanno gli hikikomori.[img]http://4.bp.blogspot.com/_Xo8rtLtfJKg/S78OilksBXI/AAAAAAAAAP8/saaR2JA2sgE/s1600/hikikomori.jpg[/img]
        • pippO scrive:
          Re: Non ha tutti i torti


          Un patito di videogame per esempio dovrebbe

          essere avvertito "Non abusarne", altrimenti

          diventa

          patologico.
          Chiaro che dovrebbe essere così, ma siamo umani.
          :D
          Inoltre, guardala dall'altro punto di vista: se
          uno ha le risorse economiche per autosostenersi
          senza lavorare, perché non dovrebbe "vivere"
          nell'altro mondo, se questo non gli
          piace?O dal grande rocco siffredi ;)
  • attonito scrive:
    distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
    cioe', un tizio che mi dice di credere ad una serie di panzane tipo "fermati o sole" , "la mela ed il serpente" "a sua immagine e somiglianza" e via discorrendo che cacchio e' se non un MASSICCIO distacco dalla realta'?Questa e' paura della concorrenza, altro che balle!
    • SCF IS EVIL scrive:
      Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
      Mai ascoltato/sentito parlare di Radio Maria?Solo per farti capire a quale pubblico particolare si rivolge The Pope.E ce ne sono più di quanto pensi!
      • attonito scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        - Scritto da: SCF IS EVIL
        Mai ascoltato/sentito parlare di Radio Maria?Sentiti il venerdi sera la "catechesi giovanile" di Padre livio: e' esilarante.
        Solo per farti capire a quale pubblico
        particolare si rivolge The Pope.
        E ce ne sono più di quanto pensi!Senti, alla fine della catechesi, gli ospiti in studio che salutano parenti ed amici ascoltatori... sono agghiaccianti.Tutti intruppati, il cervello all'ammasso! Pero' radiomaria macina qualcsa come 18 milioni di euroo l'anno oin tutto il mondo, soldi che arrivano dalle vecchiette rimorose della morte. Vediamo il lato positivo: Radio Maria non ha pibblicita' ad interrompere i programmi :)
        • krane scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: SCF IS EVIL

          Mai ascoltato/sentito parlare di Radio Maria?
          Sentiti il venerdi sera la "catechesi giovanile"
          di Padre livio: e' esilarante.

          Solo per farti capire a quale pubblico

          particolare si rivolge The Pope.

          E ce ne sono più di quanto pensi!
          Senti, alla fine della catechesi, gli ospiti in
          studio che salutano parenti ed amici
          ascoltatori... sono agghiaccianti.
          Tutti intruppati, il cervello all'ammasso! Pero'
          radiomaria macina qualcsa come 18 milioni di
          euroo l'anno oin tutto il mondo, soldi che
          arrivano dalle vecchiette rimorose della morte.
          Vediamo il lato positivo: Radio Maria non ha
          pibblicita' ad interrompere i programmi
          :)Forse perche' sarebbero la cosa piu' interessante da ascoltare (rotfl)
      • Gino scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        Radio Maria, per tua informazione, ha salvato e continua a salvare ogni giorno gente che è buttata nella depressione.E disprezzare Radio Maria in questo modo, da vero XXXXXXXXX, sminuisce tutto quello che Radio Maria ha fatto negli anni!http://www.lafeltrinelli.it/products/9788883252679/La_santa_XXXXXXX_Storia_vera_di_una_finta_conversione/Roberto_Beretta.htmlSappi le cose prima di scrivere commenti a XXXXX!
        • puttezzo scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          - Scritto da: Gino
          Radio Maria, per tua informazione, ha salvato e
          continua a salvare ogni giorno gente che è
          buttata nella
          depressione.
          E disprezzare Radio Maria in questo modo, da vero
          XXXXXXXXX, sminuisce tutto quello che Radio Maria
          ha fatto negli
          anni!
          Evidentemente abiti molto lontano da Cesano-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 ottobre 2010 23.52-----------------------------------------------------------
    • celestino scrive:
      Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
      - Scritto da: attonito
      cioe', un tizio che mi dice di credere ad una
      serie di panzane tipo "fermati o sole" , "la mela
      ed il serpente" "a sua immagine e somiglianza" e
      via discorrendo che cacchio e' se non un
      MASSICCIO distacco dalla
      realta'?

      Questa e' paura della concorrenza, altro che
      balle!A parlare di cose che non si conoscono si rischia di fare solo figuracce, e tu ne sei la dimostrazione.Benedetto XVI è uno dei maggiori intellettuali della nostra epoca, e le sue parole per chi ha l'intelligenza e la cultura per saperle ascoltare danno sempre indicazioni profonde sull'uomo e sulla società, valide anche per chi non ha il dono della Fede ma desidera un mondo basato sul rispetto della dignità di tutti gli uomini che non siano schiavi di tecnica e profitto.Purtroppo le parole del nostro Papa vengono spesso distorte e decontestualizzate dai media e dai laicisti interessati.Non si rendono conto di fare solo del male a se stessi e agli altri.
      • Flatline scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA

        Benedetto XVI è uno dei maggiori intellettuali
        della nostra epocaEcco forse è questo il problema. Hai ragione. Non è un complimento per il papa, attenzione... Comunque concordo, il papa che parla di distacco dalla realtà è veramente un EPIC FAIL...
        • SCF IS EVIL scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          Ormai la Chiesa non riesce più a guidare e tenta di frenare ma lo schianto è imminente (ghost)
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Si, lo schianto che farà la società però!Stai a vedere le statistiche dei suicidi nel mondo e chiediti perché la percentuale dei suicidi in Italia è minore!Credo che la società farà davvero una botta colossale quando si schianterà!Per dirla alla Celentano: "Tutti quanti insieme salteremo in aria BUM"...Non c'è cosa peggiore di quando si dà voce alla beata ignoranza...
          • Africa scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Si, lo schianto che farà la società però!
            Stai a vedere le statistiche dei suicidi nel
            mondo e chiediti perché la percentuale dei
            suicidi in Italia è minore!Il numero di suicidi in italia non e' mica cosi' basso, anzi; i paesi in cui ci si suicida meno sono quelli atei o musulmani..http://www.who.int/mental_health/prevention/suicide_rates/en/index.htmlNon e' vero: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Suicide_rates_map-en.svg
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Ahahah :)Ti sei risposto da solo!Tasso di suicidi nel mondo: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/5b/Suicide_rates_map-en.svgDistribuzione dei cattolici nel mondo: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c1/Catholicpopulationsnew.png
          • puttezzo scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Ahahah :)
            Ti sei risposto da solo!

            Tasso di suicidi nel mondo:
            http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/5b
            Distribuzione dei cattolici nel mondo:
            http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c1Tanto per curiosità e senza provocazione (davvero) come li consideri ortodossi e protestanti?Dico davvero perché dalle mappe che hai postato si direbbe che i cristiani si suicidano più o meno come gli altri
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            "Il triste primato spetta alla Bielorussia, con 36 suicidi ogni 100.000 persone, al secondo e al terzo posto si trovano la Lituania e la Russia con 31, al quarto lo Sri Lanka con 30, al quinto il Kazakistan con 27, al sesto lUngheria con 26, al settimo il Giappone con 24, allottavo lUcraina con 23, al nono la Slovenia con 22, al decimo la Lettonia con 20. Per contro, i Paesi con il tasso più basso di suicidi sono quasi tutti di tradizione culturale cristiana, specialmente cattolica (fatte salve alcune eccezioni: per esempio lAustria e la Francia, del resto molto secolarizzata, tra i Paesi cristiani, e lIran, tra quelli non cristiani, ma i dati sui Paesi islamici sono pochi). LItalia, per esempio, con 6 suicidi ogni 100.000 persone, è molto indietro in questa triste classifica."
          • Kalaschniko w scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            "Il triste primato spetta alla Bielorussia, con
            36 suicidi ogni 100.000 persone, Ma la Bielorussia e' a maggioranza cristiana, anche la Lituania, in russia la piu' diffusa e' il cristianesimo ortodosso.
            al secondo e al
            terzo posto si trovano la Lituania e la Russia
            con 31, al quarto lo Sri Lanka con 30, al quinto
            il Kazakistan con 27, al sesto lUngheria con 26,
            al settimo il Giappone con 24, allottavo
            lUcraina con 23, al nono la Slovenia con 22, al
            decimo la Lettonia con 20. Per contro, i Paesi
            con il tasso più basso di suicidi sono quasi
            tutti di tradizione culturale cristiana,
            specialmente cattolica (fatte salve alcune
            eccezioni: per esempio lAustria e la Francia,
            del resto molto secolarizzata, tra i Paesi
            cristiani, e lIran, tra quelli non cristiani, ma
            i dati sui Paesi islamici sono pochi). LItalia,
            per esempio, con 6 suicidi ogni 100.000 persone,
            è molto indietro in questa triste classifica."
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Dati dell'OMS, non me li sono tirati fuori dalla tasca...
      • Oracle Guru scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        trovati un buon psichiatra, ne hai bisogno
        • attonito scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          - Scritto da: Oracle Guru
          trovati un buon psichiatra, ne hai bisognonon c'e' miglir schiavo di colui che e' contento e DESIDEROSO di esserlo.
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Quanti schiavi di una mentalità tutta uguale!Schiavi di una società che, in nome della "libertà", vi rende schiavi: schiavi di un pensiero ribelle e finti anticonformisti ma in realtà conformi gli uni gli altri... nelle XXXXXXX poi, manco nelle cose serie...
          • attonito scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Quanti schiavi di una mentalità tutta uguale!
            Schiavi di una società che, in nome della
            "libertà", vi rende schiavi: schiavi di un
            pensiero ribelle e finti anticonformisti ma in
            realtà conformi gli uni gli altri... nelle
            XXXXXXX poi, manco nelle cose
            serie...tranquillo, la tua accidia la puoi compensare con tre pater ave e gloria.
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            E con una spranga... Non scendo al livello delle tue battute mediocri...
          • attonito scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            E con una spranga... Non scendo al livello delle
            tue battute mediocri...Ma guardalo, il cattolico integralista.la spranga. bell'esempio di tolleranza. Metterci tutti al rogo insieme agli infedeli, ai XXXXX ed agli eretici, no?
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Io non ce l'ho né con gli infedeli, né con gli omosessuali, né tanto meno con gli atei, ce l'ho con i mentecatti e con la gente ignorante che parla a vanvera...Penso che la fede sia una questione personale, e qua leggo offese gratuite che la gente come te potrebbe tenersi per se invece che pubblicare qui soltanto perché ha l'appoggio della massa... siete capre o cos'altro?
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Impara prima cos'è l'accidia...
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Impara prima cos'è l'accidia...e una messa per la tua saccenza...
      • fiertel91 scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        - Scritto da: celestino
        Benedetto XVI è uno dei maggiori intellettuali
        della nostra epoca, e le sue parole per chi ha
        l'intelligenza e la cultura per saperle
        ascoltare danno sempre indicazioni profonde
        sull'uomo e sulla società, valide anche per chi
        non ha il dono della Fede ma desidera un mondo
        basato sul rispetto della dignità di tutti gli
        uomini che non siano schiavi di tecnica e
        profitto.Non schiavi della tecnica e del profitto, ma certamente di altro. Uomo di cultura? Certamente. D'intelligenza? Certamente non lo dimostra. Di moralità? Certamente ha dimostrato il contrario.
        Purtroppo le parole del nostro Papa vengono
        spesso distorte e decontestualizzate dai media e
        dai laicisti
        interessati.Laicista non è un termine offensivo, non denota estremismo. Anzi, denota osservanza della Costituzione. Interessati? E chi rappresenterebbe questo interesse? Non certo i nostri dirigenti, indifferentemente succubi (reciprocamente?) di uno Stato straniero quale il Vaticano.
        Non si rendono conto di fare solo del male a se
        stessi e agli
        altri.Il Papa e i cattolici sono i meno autorevoli in fatto di decidere ciò che è bene e male per l'Uomo.
        • Gino scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          La verità è che quando parla il Papa vi brucia il XXXX perché ha ragione e la gente gli dà ragione... Le testoline bacate come le vostre invece gli danno contro perché non sapete a che attaccarvi se non al vostro sudicio sentirvi superiori a tutto!E poi che c'entravano tutti sti commenti a questo articolo che senza dubbio non vuole fare un duello tra atei e cattolici...Beata ignoranza e cervelli rinXXXXXXXXti...
      • fiertel91 scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        - Scritto da: attonito
        e non venirmi a raccontare le solite balle "lui
        non sapeva", "quando ha saputo ha chiesto scusa"
        etc etc perche' offenderesti la mia intelligenza
        (e senza accorgertene, offenderesti ANCHE la
        tua).E soprattutto anche la sua conoscenza: http://it.wikipedia.org/wiki/De_delictis_gravioribus
      • Fetente scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        "... per chi non ha il dono della Fede ...""FEDE" = credere in assenza di evidenzaLa "fede" non è un dono: è una grave mancanza di buon senso, logica e razionalità. Credere a qualcosa senza la necessaria evidenza o verifica o controllo, denota una leggerezza e una assenza di responsabilità pericolose e dannose per sè e per gli altri.Ciao ciao
        • Gino scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          Fede è anche stupirsi di tutto quello che ti circonda e non riuscire a credere che tutta questa bellezza è frutto del caso...Ma in questo secolo tutto è scontato e non ci si stupisce più per niente...Soprattutto la gente è scontata. Credendo di fare gli alternativi si è diventati schiavi della monotonìa e di un pensiero che è omologato... sembrate tutti usciti da una fabbrica... D'altronde anche i giocattoli li fanno in serie e anche loro non sono dotati di intelligenza e anche loro non si stupiscono per niente, che forse siete tutti diventati dei giocattoli?
          • 444 scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Fede è anche stupirsi di tutto quello che ti
            circonda e non riuscire a credere che tutta
            questa bellezza è frutto del
            caso...
            Ma in questo secolo tutto è scontato e non ci si
            stupisce più per
            niente...Io mi stupisco ogni giorno di tutto quello che mi circonda proprio perché ogni cosa è generata dal caso. Se fosse tutto precostituito e predeterminato... di che dovresti stupirti?
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Come fai a crederti che così tanta perfezione sia generata dal caso? Che bisogno aveva il caso di farti due orecchie? E che bisogno aveva di farti due narici? Che bisogno aveva la natura di permettere alla tua bocca di emettere dei suoni a delle frequenze che le tue orecchie possono udire? Che bisogno aveva poi la natura di fare due palle chiamate occhi che potessero permetterti di distinguere un ben determinato campo di frequenze e permetterti di apprezzare tutta la varietà di colori? E che bisogno c'era poi di tutti sti colori? Che bisogno aveva la natura di farti fare sogni la notte? E che bisogno aveva "il caso" di creare così tante varietà di specie animali e vegetali seppur piccole e apparentemente insignificanti? E gli esempi sono a migliaia...Mi dispiace ma io non credo proprio che così tanta perfezione venga dal caso, sarebbe come prendere un mucchio di lettere ritagliate, buttarle su un tavolo tante e tante volte finché non ti esce fuori la divina commedia... fidati che puoi stare anche miliardi di anni a tirare quelle lettere ma una perfezione così non la raggiungi "per caso"...
          • Fetente scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            PERFEZIONE GENERATA DAL CASO, COME NO! Vallo a dire a chi nasce con la spina bifida o idrocefalo o down, o a chi gli viene un tumore a 30 anni.PERFEZIONE? MA DOVE? E chi deve portare occhiali come fondi di bottiglia fin da ragazzino perchè UN SEMPLICE DISPOSITIVO OTTICO COME UNA LENTE, creata dal tuo fantomatico progettista, E' RIUSCITO MALE?????
          • 444 scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Come fai a crederti che così tanta perfezione sia
            generata dal caso? Che bisogno aveva il caso di
            farti due orecchie?Se avessimo avuto due antenne al posto delle orecchie ti saresti facendo la stessa domanda, ritenendo le antenne indice di perfezione.
            E che bisogno aveva di farti
            due narici?Secondo te se ne avessimo avute tre, quindi, non saremmo stati perfetti?
            Che bisogno aveva la natura di
            permettere alla tua bocca di emettere dei suoni a
            delle frequenze che le tue orecchie possono
            udire?Si chiama "evoluzione". È una teoria interessante, peccato non la spieghino abbastanza bene a scuola, dacci una occhiata ;)
            Che bisogno aveva poi la natura di fare
            due palle chiamate occhi che potessero
            permetterti di distinguere un ben determinato
            campo di frequenze e permetterti di apprezzare
            tutta la varietà di colori? E che bisogno c'era
            poi di tutti sti colori?Perché sarebbe indice di perfezione avere la capacità di distinguere proprio QUESTO determinato campo di frequenze? ce ne sono tante, perché il creatore non ci ha permesso di vedere anche gli infrarossi, ad esempio, nascondendoci parte del creato?
            Che bisogno aveva la
            natura di farti fare sogni la notte? E che
            bisogno aveva "il caso" di creare così tante
            varietà di specie animali e vegetali seppur
            piccole e apparentemente insignificanti? E gli
            esempi sono a
            migliaia...La natura non aveva bisogno di niente, proprio perché non esiste una "natura" che ha fatto queste cose. Esiste il caso e l'evoluzione che hanno permesso tutto ciò. Ma dato che la metti su questo piano, ti giro la domanda. Che bisogno aveva una divinità di farmi l'appendice? Che bisogno aveva di mettermi le tonsille? Che bisogno aveva di metterci le unghie dei piedi? Per non parlare dei peli e dei nei... Che bisogno aveva di farci alcuni neri, alcuni gialli e alcuni bianchi? Che bisogno aveva di creare anche la salmonella tifi, la yersinia pestis e l'HIV?
            Mi dispiace ma io non credo proprio che così
            tanta perfezione venga dal caso, sarebbe come
            prendere un mucchio di lettere ritagliate,
            buttarle su un tavolo tante e tante volte finché
            non ti esce fuori la divina commedia... fidati
            che puoi stare anche miliardi di anni a tirare
            quelle lettere ma una perfezione così non la
            raggiungi "per
            caso"...Ti ho appena dimostrato che tanta perfezione non esiste, esiste solo negli occhi di chi è convinto di trovarla (ma tanto tu continuerai a vederla).Comunque, se tu tirassi quelle lettere sul tavolo per miliardi di anni, e insieme a te lo facessero un numero infinito di persone prima o poi capiterebbe anche di poter leggere la divina commedia. Anche se l'esempio della divina commedia non è calzante, se capitasse una semplice frase leggibile non sarebbe forse comunque un risultato?
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Continuo a vederla la perfezione, perché tutto quello che c'è attorno a noi non è una semplice frase ma è tanto di più della divina commedia.E anche se voleste parlare di evoluzione (io credo nell'evoluzione così come anche credo in Dio) non mi spiego perché mai "il caso" avrebbe dovuto creare due esseri chiamati uomo e donna, così complementari (sembrano fatti a "incastro") e per caso sarebbe dovuto venire fuori il piacere dell'amplesso... che forse c'era bisogno ai fini evoluzionistici di questo? Ci sono un sacco di specie che si riproducono in autonomia e non provano neanche piacere nel farlo...Certamente le prime forme di vita si riproducevano in maniera asessuata.Forse "il caso" un giorno però si è fermato e "ha deciso" di dividere in due strade un essere che prima era uno e di inventargli un nuovo sistema di riproduzione? E magari perché no fargli anche provare piacere nel riprodursi... uhm... no.
            Se avessimo avuto due antenne al posto delle orecchie ti saresti facendo
            la stessa domanda, ritenendo le antenne indice di perfezione.Non reputo certo le orecchie un indice di perfezione quanto il fatto che queste siano oggetti altamente precisi e che permettano di udire "casualmente" quelle frequenze che emetti dalla bocca.
            Che bisogno aveva una divinità di farmi l'appendice? Che bisogno aveva
            di mettermi le tonsille? Che bisogno aveva di metterci le unghie dei
            piedi? Per non parlare dei peli e dei nei... Che bisogno aveva di farci
            alcuni neri, alcuni gialli e alcuni bianchi? Che bisogno aveva di creare
            anche la salmonella tifi, la yersinia pestis e l'HIV?Tutte queste parti del corpo sono servite in passato all'uomo e oggi servono meno (o in alcuni casi non servono più), ma l'architetto ha progettato bene il sistema evoluzionistico ;-) perché mai dovrebbe esistere dal nulla un sistema evoluzionistico? Da che mondo e mondo in questo universo materiale tutto ha un inizio, una causa (lo insegna la fisica), perché non dovrebbe averla anche il sistema evoluzionistico?
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA

            Da che mondo e mondo in questo
            universo materiale tutto ha un inizio, una causa
            (lo insegna la fisica), perché non dovrebbe
            averla anche il sistema
            evoluzionistico?quanta ignoranza...
          • Africa scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Continuo a vederla la perfezione, perché tutto
            quello che c'è attorno a noi non è una semplice
            frase ma è tanto di più della divina commedia.E la spina bifida neonatale ? Perfezione anche quella ?
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA


            Continuo a vederla la perfezione, perché tutto

            quello che c'è attorno a noi non è una semplice

            frase ma è tanto di più della divina commedia.

            E la spina bifida neonatale ? Perfezione anche
            quella
            ?Lascia perdere, è uno di quelli con i fondi di bottiglia sui suoi occhi perfetti...
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Avresti bisogno di dare una lettura al Concilio Vaticano II.Semplicemente i miei dubbi li ho avuti anche io in passato e se grazie all'uso della ragione sono arrivato a quello che ora penso con convinzione non è certo una mia colpa.Quanto meno ho usato la ragione e posso estraniarmi dal gregge di pecore...
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Avresti bisogno di dare una lettura al Concilio
            Vaticano
            II.Se questi sono i risultati preferisco leggere playboy...
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Eventualmente ti porto i teletubbies se queste letture sono difficili...
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Eventualmente ti porto i teletubbies se queste
            letture sono
            difficili...no, grazie quella è robbba da ingegnIeri... :D
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Ah vero, continua a farti le ***** con playboy allora, attento che diventi cieco però ;)
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Continua a leggere playboy allora, occhio a non emozionarti troppo però...
          • Africa scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Avresti bisogno di dare una lettura al Concilio
            Vaticano II.Perche' ? Spiegano forse la volonta' di Dio riguardo alla spina bifida neonatale ?
          • 444 scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Continuo a vederla la perfezione, perché tutto
            quello che c'è attorno a noi non è una semplice
            frase ma è tanto di più della divina
            commedia.Potrebbe sembrare, al più, una bellissima poesia in cui ci sono parti fantastiche ma la maggior parte è composta da lettere a caso (basta provare a studiare il DNA, prova a vedere quante sono le sequenze inutili).Insomma, perfettamente compatibile con un "poema scritto a caso".
            E anche se voleste parlare di evoluzione (io
            credo nell'evoluzione così come anche credo in
            Dio)Non si crede in una divinità come si crede in una teoria scientifica. Non si possono paragonare le due cose.
            non mi spiego perché mai "il caso" avrebbe
            dovuto creare due esseri chiamati uomo e donna,
            così complementari (sembrano fatti a "incastro")
            e per caso sarebbe dovuto venire fuori il piacere
            dell'amplesso... che forse c'era bisogno ai fini
            evoluzionistici di questo? Ci sono un sacco di
            specie che si riproducono in autonomia e non
            provano neanche piacere nel
            farlo...Pensa che io non mi spiego che senso abbia che nel nostro cervello ci siano dei recettori che siano perfettamente complementari (mooooolto più di quanto siano complementari un uomo ed una donna) a delle sostanze esogene e che assumendole provochino un piacere cento volte superiore a quello dell'amplesso. Embè?Comunque il fatto che uomo e donna siano così complementari è solo un tuo punto di vista. La realtà è che lo sono solo in parte. Infatti molti uomini scelgono altri uomini e molte donne scelgono altre donne. E, senza citare il mondo omosessuale, quanti litigi e quante rotture ci sono quotidianamente tra le coppie? La complementarietà è solo nella tua testa ;) a meno che tu non intendessi dire "complementari" dal punto di vista "carnale", allora lì anche due uomini lo sarebbero...
            Certamente le prime forme di vita si
            riproducevano in maniera
            asessuata.
            Forse "il caso" un giorno però si è fermato e "ha
            deciso" di dividere in due strade un essere che
            prima era uno e di inventargli un nuovo sistema
            di riproduzione? E magari perché no fargli anche
            provare piacere nel riprodursi... uhm...
            no.Uff... ma perché qualsiasi parola i credenti devono personificarla? Il caso è una parola per indicare una serie di eventi imprevedibili. NON è una persona, non si ferma, non decide, non gliene frega niente se tu provi piacere o meno, così come non gliene frega niente se tuo figlio nasce down, se tuo zio è impotente, se tuo nonno aveva un occhio cieco, se mio nonno muore ucciso da una meteora. È così e basta, non deve esserci un fine. La riproduzione con il piacere ha un senso: casualmente una specie ha cominciato a provare piacere durante la riproduzione e dunque ha cominciato a riprodursi più degli altri, nessun signor Caso si è dovuto fermare a pensare.
            Non reputo certo le orecchie un indice di
            perfezione quanto il fatto che queste siano
            oggetti altamente precisi e che permettano di
            udire "casualmente" quelle frequenze che emetti
            dalla
            bocca.Ti rendi conto vero che nessuna specie sarebbe sopravvissuta se i sistemi di input fossero stati incompatibili con i sistemi di output? Torniamo sempre alla teoria dell'evoluzione, non basta crederci, devi studiarla.
            Tutte queste parti del corpo sono servite in
            passato all'uomo e oggi servono meno (o in alcuni
            casi non servono più), ma l'architetto ha
            progettato bene il sistema evoluzionistico ;-)
            perché mai dovrebbe esistere dal nulla un sistema
            evoluzionistico? Da che mondo e mondo in questo
            universo materiale tutto ha un inizio, una causa
            (lo insegna la fisica), perché non dovrebbe
            averla anche il sistema
            evoluzionistico?La teoria dell'architetto potevi risparmiartela. Il "sistema evoluzionistico" ha una causa nello stesso essere vivente. L'evoluzione è intrinseca alla vita. Punto, stop, non c'è bisogno di progettarla.L'evoluzione è fatta da errori di riproduzione del DNA. ERRORI, non importanti ripensamenti di una divinità.Se io sono G6PD carente lo devo ad un errore della replicazione del DNA, così come una persona con la talassemia. Questi errori possono portare, in casi molto rari, ad un miglioramento della specie, ma la maggior parte delle volte provocano malattie e storture. Se un dio è responsabile dei miglioramenti perché non dovrebbe esserlo, direttamente, anche delle malattie?Di perfetto nella evoluzione non c'è niente... come potrebbe essere perfetto un sistema che non fa altro che "sbagliare" da quando esiste? Ma è grazie a questi errori che ora siamo qui, ma siamo qui in quanto imperfetti, come imperfetto è il mondo che ci circonda.
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Fede è anche stupirsi di tutto quello che ti
            circonda e non riuscire a credere che tutta
            questa bellezza è frutto del
            caso...
            Ma in questo secolo tutto è scontato e non ci si
            stupisce più per
            niente...

            Soprattutto la gente è scontata. Credendo di fare
            gli alternativi si è diventati schiavi della
            monotonìa e di un pensiero che è omologato...
            sembrate tutti usciti da una fabbrica...Quale quella vaticana? :D
      • Sardanapalo scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        - Scritto da: celestino
        Benedetto XVI è uno dei maggiori intellettuali
        della nostra epoca, e le sue parole per chi haAHAHAHAHAHAH.... Ahahahahahahihihihihihh :)Giuro, svelami il segreto della tua comicità, ti renderò ricco...AHAHAHAHAHAHHAHAHHAHHH :)))))
        • Gino scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          Benedetto XVI è uno dei massimi filosofi del nostro tempo, e paragonato alla tua testolina bacata credo che dovresti baciargli i piedi... Ma arrivare a baciare tu i piedi del papa sarebbe da parte del papa un forte gesto di umiltà... AHAHAH! :) Ora si che sto ridendo :)Ti sei svegliato?
      • ___________ __________ __________ _________ scrive:
        Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
        se hai culutra non ascolti il papa,a meno che non lo ascolti come una radio
        • Gino scrive:
          Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
          Io mi sono laureando in Ingegneria e credo di assorbita abbastanza di cultura. E credimi, che il Papa di cultura ne ha da vendere...
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            - Scritto da: Gino
            Io mi sono laureando in Ingegneria e credo di
            assorbita abbastanza di cultura. E credimi, che
            il Papa di cultura ne ha da
            vendere...anche i gerarchi nazisti se è per quello... :D
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Per ignoranza i gerarchi nazisti attaccavano gli ebrei, e per invidia è nato il nazismo, vogliamo ripeterlo?
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA

            Per ignoranza i gerarchi nazisti attaccavano gli
            ebrei, e per invidia è nato il nazismo, vogliamo
            ripeterlo?Vuoi dire che ad aver messo in ginocchio il mondo per 5 anni era una massa di ignoranti? :DIn ogni caso che rapporto c'è tra cultura e morale?
          • Gino scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
            Ignorante vuol dire "Colui che ignora qualcosa" e direi che i nazisti ignoravano abbastanza, dunque erano abbastanza ignoranti.In secondo luogo nessuno ha accostato cultura e morale, semplicemente il post di partenza diceva "se hai culutra non ascolti il papa,a meno che non lo ascolti come una radio" come a dire che il Papa è il primo pinco pallino che passa per strada.Dalla figura del Papa discende poi l'accostamento implicito tra cultura e morale.
          • pippO scrive:
            Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA

            Dalla figura del Papa discende poi l'accostamento
            implicito tra cultura e
            morale.ROTFL ROTFL ROTFL
    • Gino scrive:
      Re: distacco dalla realta'? BWHHWAHWAHWA
      Si, infatti... siccome i casi di distacco dalla realtà con Second Life, The Sims online e altre cazzatine del genere sono solo fantasia!Mi sembri come i cretini che alle scuole medie prendono per il XXXX i secchioni e poi quando i secchioni diventati adulti stanno sopra di loro hanno finito di prendere per il XXXX!Chi ti senti?C'è quella persona che si chiama Papa che è un'arca di sapienza e tu, piccola testolina mentecatta, ti arroghi il diritto di sentirti superiore... bah!
Chiudi i commenti