Internet Explorer 11 si traveste da Firefox

La prossima versione di IE potrebbe aggirarsi "mascherata" per il Web. Con lo scopo probabile di cancellare una volta per tutti la legacy del codice dedicato. Imponendo agli sviluppatori un rinnovo generale

Internet Explorer 11 potrebbe contenere una sorpresa inaspettata: attesa al debutto con Windows Blue , la prossima versione del browser Microsoft sembra essere progettata per “impersonare” un browser web che nulla a che fare né con IE né con il business di Redmond.

Il browser integrato nell’ultima build di Windows Blue divenuta di pubblico dominio ha infatti la capacità di restituire uno User Agent che si riferisce a Mozilla Firefox, inibendo quindi ai siti di mettere in pratica tutti quei “trucchi” nel rendering delle pagine che al momento rappresentano una vera maledizione per IE.

Se in origine la capacità di venire a patti con le peculiarità e le implementazioni fuori standard tipiche di Internet Explorer 6 e successivi poteva essere di aiuto, infatti, il “nuovo corso” Microsoft tutto touch, HTML5 e cloud mal si adatta a quel desiderio di rincorsa all’hi-tech per consumatori di app che ha preso a possedere Redmond come un demone.

Trattandosi di una build ancora provvisoria e nemmeno destinata al pubblico, in futuro il nuovo Internet Explorer potrebbe benissimo tornare a funzionare in maniera tradizionale senza usare User Agent estranei. In caso contrario sarà interessante assistere alla reazione degli sviluppatori di codice Web e soprattutto di Mozilla.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti