Internet Explorer ha il suo bugzilla

Microsoft ha lanciato un sito che permette a chiunque sia in possesso di un account Passport di segnalare bug e suggerimenti relativi a IE7. E' la prima volta che MS fornisce una risorsa pubblica di questo tipo


Redmond (USA) – Ispirandosi al sistema di gestione dei bug di Mozilla.org, il famoso Bugzilla , Microsoft ha creato un database pubblico chiamato Internet Explorer Feedback che consente a utenti e sviluppatori web di segnalare bug, problemi e suggerimenti relativi al proprio browser.

Microsoft spera che questa nuova risorsa pubblica possa accelerare il processo di beta testing di IE7 e aiutarla a far emergere errori e vulnerabilità contenuti in tutte le future release del proprio browser .

Il colosso ha spiegato che IE Feedback permetterà agli utenti di interagire con gli sviluppatori in modo più diretto, contribuendo a fare di IE un software più affidabile e sicuro.

“Sono molti i clienti che ci hanno chiesto un modo migliore per segnalare i bug di IE. In particolare ci veniva chiesto: Perché non fornite qualcosa di simile al Bugzilla di Firefox o a quello di altri gruppi (open source, NdR)? . Non abbiamo mai avuto una buona risposta a questa domanda, a parte dire che non abbiamo mai fatto qualcosa di simile”, ha scritto uno sviluppatore di IE su questo blog . “Dopo una lunga discussione, il nostro team ha ammesso che la gente aveva ragione e che avremmo dovuto fornir loro un mezzo pubblico per segnalare bug e suggerimenti”.

Basato sulla piattaforma Microsoft Connect, IE Feedback è attualmente accessibile esclusivamente a chi possiede un account Passport: entro un paio di mesi l’azienda conta tuttavia di rendere la consultazione del database accessibile a tutti indistintamente .

La mossa rappresenta una svolta nella tradizionale politica di Microsoft di tenere le informazioni sui bug strettamente riservate: va infatti ricordato come oggi nessuno, al di fuori degli sviluppatori del big di Redmond, può accedere alla lista ufficiale dei bug di IE o conoscere le vulnerabilità non ancora rese pubbliche.

Microsoft ha promesso di vagliare tutte le segnalazioni ricevute, tuttavia si riserva piena facoltà decisionale su quali bug correggere e sui tempi di rilascio delle patch.

Nel proprio blog Asa Dotzler , noto sviluppatore di Firefox, ha aspramente criticato l’accostamento di IE Feedback a Bugzilla. Sostiene infatti che quest’ultimo è un vero e proprio sistema di gestione e tracking dei bug, mentre il primo è “un sistema di feed-back semi-pubblico che permette di vedere i bug riportati da chiunque ad eccezione di quelli segnalati dagli sviluppatori di IE”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    http://wikisource.org/
    http://wikisource.org/wiki/Main_PageLa biblioteca digitale multilingue c'é già!..e quello che manca lo si può inserire.Bye!
  • Funz scrive:
    Biblioteca digitale
    Data la natura e le potenzialita' di Internet, e' necessario:una riforma radicale del diritto d'autore che lo renda piu' equo: non piu' valido fino a 70 anni dalla morte dell'autore, ma al massimo 15-20 anni dalla prima pubblicazione, in modo da garantire il giusto sfruttamento commerciale, il profitto degli autori, e l'accrescimento del patrimonio culturale dell'umanita'.l'istituzione di una mediateca online comprendente non solo la riproduzione dei libri in formato digitale, ma di musica, film, e qualunque opera dell'ingegno umano il cui giusto sfruttamento commerciale sia terminato. In pratica quello che la rete Edonkey e' ora, solo legale, ordinato, con garanzie di qualita' e permanenza dei file.Che ne dite? Penso che alle major non piacerebbe, a chi pensa al miglioramento della civilta' si.
  • rumenta scrive:
    Re: principio di non contraddizione
    - Scritto da: fabianope
    P.I. del 08-11-2005: articolo "Jeanneney parla di
    egemonia anglofona in Rete":


    vedi l'url
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=56075

    (e ne ho scelto uno a caso...)

    "il presidente della Bibliotèque Nationale de
    France ha colto l'occasione per scagliarsi contro
    i progetti di biblioteca globale delineati negli
    scorsi mesi da due giganti statunitensi del
    software, Microsoft e Google."


    oggi:

    "L'HLEG conta su un organico di primo piano, tra
    i quali spiccano il vicepresidente europeo di
    Google, Nikesh Arora.."

    ma come...prima contro e poi con
    Google???ovviamente -mi risponderebbero lor
    signori- capisco male io (che non sono un
    istruito politico ma solo un tecnico ignorante)
    in quanto:


    1) non cambiano idee solo i paracarri
    2) google europea e' totalmente indipendente da
    google USA....siamo in democrazia!!!!

    che ne pensate?

    ciao,

    fabianopepenso che tu abbia ragione.ma come, vogliono contrastare "l'egemonia anglofona in Rete" e poi il comitato lo chiamano "High Level Expert Group on Digital Libraries"..... troppo brutto usare il francese o l'italiano??la solita iniziativa di facciata mentre nel frattempo la signora continua a tutelare gli interessi delle major in generale e di vivendi universal in particolare essendo, se non vado errato, la moglie del patron di quest'ultima....ricordiamoci che la commissione europea, della quale la reading è esponente di spicco, ha CANCELLATO il prestito gratuito da parte delle biblioteche.... non oso pensare quale aborto potrà mai essere creato dal mirabolante comitato di "esperti"....
  • fabianope scrive:
    principio di non contraddizione
    P.I. del 08-11-2005: articolo "Jeanneney parla di egemonia anglofona in Rete":vedi l'url http://punto-informatico.it/p.asp?i=56075(e ne ho scelto uno a caso...)"il presidente della Bibliotèque Nationale de France ha colto l'occasione per scagliarsi contro i progetti di biblioteca globale delineati negli scorsi mesi da due giganti statunitensi del software, Microsoft e Google."oggi:"L'HLEG conta su un organico di primo piano, tra i quali spiccano il vicepresidente europeo di Google, Nikesh Arora.."ma come...prima contro e poi con Google???ovviamente -mi risponderebbero lor signori- capisco male io (che non sono un istruito politico ma solo un tecnico ignorante) in quanto:1) non cambiano idee solo i paracarri2) google europea e' totalmente indipendente da google USA....siamo in democrazia!!!!che ne pensate? ciao,fabianope
  • Anonimo scrive:
    Re: boiata...
    sono daccordo :s br1
  • Anonimo scrive:
    Re: boiata...
    Non lo so, certo che scrivi da cani.
  • Anonimo scrive:
    boiata...
    Mi dispiace dirlo, e spero che non sia cosi`, ma credo proprio che il tutto sara` un buco nell'acqua...dov'e` quaero ???? che era stato anticipato ??? perche` si parla di multimedilita` ? da quanti anni non sentivo usare questa parola...Ragazzi... ormai tutto e multimedialita`... sveglia!!! si parlava di multimedialita` 10 (facciamo 15 anni fa).bho... speriamo in bene, ma attenzione che questi progetti non vanno avanti a forze di comunicati stampa... e che mettere insieme un bel gruppo disomogeneo di grandi persone di solito crea bellissimi progetti teorici ed accademici e poco altro o comunque che non ha e non avra` mai una sua consistenza e quindi una sua "esistenza" economica e quindi sacrificabile in qualunque momento.piu` che questo vedrei meglio che la Commissione Europea investisse a livello di VC in alcune realta` della ricerca che anche in europa (e pure in italia) stano re-suscitando... ma voi che pensate ? sono troppo estremista o le boiate le ho dette io ? ;-)br1
  • Anonimo scrive:
    Re: a pago, immagino.......
    - Scritto da: Anonimo

    Quanto ci scommettete?Chi punta soldi su una scommessa già persa? :(
  • Anonimo scrive:
    a pago, immagino.......
    Quanto ci scommettete?
Chiudi i commenti