Internet non è una malattia: è la cura

Punto Informatico parla delle dinamiche di relazione interpersonali in Rete con un esperto del settore. Che rivela che su Internet tutto, o quasi, è possibile. E che è questa la rivoluzione del 21simo secolo

Roma – Se si parla della Rete gli psicologi vengono tirati in causa solo per commentare disfunzioni, patologie, dipendenze e perversioni. Una tantum vorremmo tracciare un quadro meno allarmistico e più quotidiano di quali siano le dinamiche coinvolte nelle nostre azioni online, la branca interessata della disciplina medica si chiama Cyberpsicologia , chiedendo lumi al professor Yair Amichai-Hamburger , direttore del Centro Ricerche sulla Psicologia dell’uso di Internet ad Herzliya, in Israele.

Punto Informatico: In Internet and Personality suggerisce che i progettisti della Rete e gli psicologi debbano lavorare fianco a fianco. Compara la rivoluzione di Internet alla rivoluzione industriale dove l’enfasi si è spostata dalla corsa a macchinari più efficienti ad un ambiente di lavoro incentrato sull’uomo: come dovrebbe accadere questo sul fronte Web?
Yair Amichai-Hamburger: La Rete ha il potenziale per dare il via ad una rivoluzione incentrata sull’essere umano. Questo perché può produrre un numero infinito di ambienti diversi; e non c’è ragione per cui non possano venire disegnati attorno ai profili della personalità dei navigatori. Sappiamo, ad esempio, che i soggetti con un profondo bisogno di vedere le cose giungere ad un termine non amano i siti pieni di link mentre quelli che non nutrono tale esigenza hanno gusti diametralmente opposti. Servono ulteriori ricerche sull’interazione tra personalità e uso di Internet se vogliamo sfruttare il potenziale del Web in questo campo. Ad ogni modo dobbiamo aggiungere che tali studi vanno usati a beneficio dei navigatori, e non per manipolarli o sfruttarli.

PI: In una accezione più ampia, cosa può fare la Rete per migliorare il nostro benessere psicologico e come conseguirlo?
YAH: Per una risposta esauriente alla domanda vi rimando al mio articolo intitolato E-empowerment: Empowerment by the Internet (lo “empowerment” è il conferimento di potere in inglese, ndr) dove spiego quanto il nostro benessere psichico dipenda dall’aiuto reciproco e dalla costruzione di una comunità reattiva.

PI: È fattibile la cosiddetta e-Therapy?
YAH: La e-therapy ha un potenziale impressionante nell’aiutarci in situazioni dirette di moderata difficoltà. Ci può fornire una soluzione di estrema rilevanza verso coloro che si trovino a disagio nell’andare in terapia per diffidenza, paura, timidezza, costi o una miriade di altre ragioni. Per gli interessati a ricevere questo tipo di trattamento è importante assicurarsi che chi lo somministra sia titolato e ci sia un valido accordo tra le due parti.

PI: Secondo il suo libro The Social Net: human behaviour in cyberspace , Internet permetterebbe di esplorare aspetti di noi stessi altrimenti giudicati obiettabili nei rispettivi circoli sociali, favorendo quindi un coming-out sulla propria natura sessuale o politica. In direzione opposta troviamo il ciberostracismo, l’esclusione dalle comunità online. Ci sentiamo più proni ad accogliere o rigettare gli altri e le loro idee in un tale ambiente?
YAH: Esistono due fattori coinvolti: il primo è che essendoci centinaia di milioni di persone intente a navigare possiamo trovare un gruppo di consimili per ogni nostro interesse. I gruppi sono molto importanti per i loro membri nel costruire l’autostima. In molti casi il gruppo online è l’unica loro fonte di autostima. Il secondo è che hanno leader, obiettivi e regole così come ne hanno quelli del mondo offline. Se non rispetti tali regole potresti trovarti escluso.

PI: Rimanendo sul tema dei sentimenti: è vero amore quello che proviamo per qualcuno, magari a diecimila chilometri da noi, che abbiamo incontrato infinite volte online ma mai nel mondo fisico? O si tratta di una di quelle emozioni fantasma , esperienze apparentemente concrete con poca o nessuna base nella realtà, come le descrive The Oxford Handbook of Internet Psychology ?
YAH: L’amore è negli occhi di chi guarda. Questo valeva già prima dell’avvento del Web. Ci si può innamorare di una ragazza e giudicarla la più bella al mondo mentre il nostro miglior amico non la squadrerebbe due volte. D’altro canto Internet può portare la nostra percezione e immaginazione ad un livello estremo, e dobbiamo essere molto accorti che la persona di cui ci stiamo innamorando sia davvero quella che pensiamo sia.

PI: Non c’è speranza quindi?
YAH: Detto questo, in molti trovano il vero amore grazie alla Rete e spesso i cyber-appuntamenti giocano un ruolo chiave nella vita di soggetti timidi, imbarazzati al dover fare il primo passo faccia a faccia. Tali persone possono ricorrere al Web per le fasi iniziali della relazione salvo spostarla in un secondo momento al mondo reale. Simili appuntamenti sono decisivi anche per chi viva isolato o abbia esigenze speciali oppure ancora chi appartenga a gruppi particolari.

PI: La Ipotesi del contatto sostiene che la vera conoscenza e frequentazione attenui il pregiudizio. Internet riesce a contrastare stereotipi e razzismo?
YAH: Stiamo appunto lavorando ad una grande piattaforma che avvicini gruppi rivali. Il contatto online fornisce grandi vantaggi su quello tradizionale. Comunque deve essere strutturato e supervisionato, altrimenti potremmo non ottenere i risultati positivi cui miriamo.

a cura di Fabrizio Bartoloni

I precedenti interventi di F.B. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • boinc scrive:
    IBERCIVIS
    IBERCIVISProgetto che usa il calcolo distribuito su piattaforma BOINC per simulazioni sulla fusione nucleare.http://en.wikipedia.org/wiki/Ibercivishttp://registro.ibercivis.eshttp://www.ibercivis.eshttp://boinc.berkeley.edu
  • Lurkos scrive:
    Imprecisioni
    1)Consumare 6 MW l'anno non significa nulla: è una potenza, non un'energia!2)
    laboratorio tedesco JulichCasomai è laboratorio *di* Jülich (o Juelich se non si riesce a scrivere "ü").Jülich è una cittadina tedesca vicina a Colonia.
  • Gino Pilotino scrive:
    1080
    1080 nodi? Sarà una fusione a alta definizione! :-)
  • Romualdo Grillo scrive:
    Errore: "megawatt l'anno"
    "megawatt l'anno" non ha senso. Il megawatt è una unità di misura della potenza, equivale a circa 700 cavalli.Avrebbe senso dire la mia macchina ha un motore da settecento cavalli l'anno?
    • Romualdo Grillo scrive:
      Re: Errore: "megawatt l'anno"
      Mi correggo Il megawatt equivale a circa 1350 cavalli. (non 700 cavalli)
    • Nemo_bis scrive:
      Re: Errore: "megawatt l'anno"
      - Scritto da: Romualdo Grillo
      "megawatt l'anno" non ha senso. Tristemente, questo banale concetto fisico è ignoto alla massima parte della popolazione anche laureata. C'è poi chi scrive mw o mW (un millesimo di Watt invece che un milione di Watt): un errore di nove ordini di grandezza, che vuoi che sia.
      • Di_ME scrive:
        Re: Errore: "megawatt l'anno"
        Si ha senso, significa n megawatt consumati costantemente in un'anno ... non mi credi? credi che si confondano unita' di misura diverse?apri il cofano della tua auto, leggerai un cifra espressa con "Ah" la mia punto ha una batteria da 12volt 55Ah ... ossia "Ampere Ora" vuol dire che se collego un carico che succhia da questa batteria 55 ampere la scarichero' in un'ora, se il carico succhia 110 ampere la batteria si scarichera' in mezz'ora etc ... l'ampere ora o il wattora sono unita' di misura comunemente adottate per specificare la capacita' di accumulatori o il consumo energetico di ogni sorta di elettrodomestici
        • Nemo_bis scrive:
          Re: Errore: "megawatt l'anno"
          - Scritto da: Di_ME
          l'ampere ora o il
          wattora sono unita' di misura comunemente
          adottate per specificare la capacita' di
          accumulatori [...]Ti sei risposto da solo: Watt-ora energia, Watt potenza.
  • Stein Franken scrive:
    Re: Vadano a ca*are!
    Eccolo... lo scienziato di turno!Evviva!
  • Petologo scrive:
    I Petaflops sarebbero meglio utilizzati
    ...per le ricerche sul BIOGAS!!! (ghost)
  • del viero scrive:
    Re: Vadano a ca*are!
    funziona ok ma costa troppo poco!e' come la cura dell'aids , forse c'e' masarebbe troppo facile salvare persone con un pasticchino mentre ora ci costano 1000 euro al mesecadauno!e' un mondo cosi...
    • pippo scrive:
      Re: Vadano a ca*are!

      funziona ok ma costa troppo poco!
      e' come la cura dell'aids , forse c'e' ma
      sarebbe troppo facile salvare persone con un
      pasticchino mentre ora ci costano 1000 euro al
      mese
      cadauno!Puoi sempre produrre pile a fusione in cantina e venderle TU! :D
  • ninjaverde scrive:
    Businness
    Le mega centrali oltre che per la loro funzione sono anche delle opere pubbiche o private che veicolano molto denaro.Per questo si continua a cercare questo tipo di soluzione.Probabilmente un Tesla aveva già risolto il problema dell'energia con delle "mini" centrali che utilizzavano un'energia alla porata di tutti (radiazioni cosmiche o simili). Ma il progetto o è stato distrutto o è stato semplicemente nascosto. Tesla è stato assassinato.Un progetto simile infatti farebbe "saltare" l'attuale sistema dei monopoli o le oligarchie economiche del settore.Ecco perchè occorre investire per cercare di "inventare" grosse centrali nucleari come quelle (probabili) sul principio della fusione. Sistema meno inquinante, meno pericoloso, ma sulla base di mega centrali gestite dai poteri forti.
    • MegaJock scrive:
      Re: Businness
      Ecco un altro cultore del Giacobbo.
    • Rag. Bambocci scrive:
      Re: Businness
      giustissimo infatti le perdite di elettricita nella rete sono altissime, piu lunga e la tratta maggiore e la perdita,(unpo come negli acquedotti) Terna ha ottimizzato la rete risparmiando circa 4600 megawaa annnui di sprechi che sono 4 centrali nucleari vallo spigari ai nuclearisti che solo ottimizzando la rete e come se avessimo installato 4 centrali..
      • ninjaverde scrive:
        Re: Businness
        - Scritto da: Rag. Bambocci
        giustissimo infatti le perdite di elettricita
        nella rete sono altissime, piu lunga e la tratta
        maggiore e la perdita,(unpo come negli
        acquedotti) Terna ha ottimizzato la rete
        risparmiando circa 4600 megawaa annnui di sprechi
        che sono 4 centrali nucleari

        vallo spigari ai nuclearisti che solo
        ottimizzando la rete e come se avessimo
        installato 4
        centrali..Certo è la via delle piccole centrali che può cambiare la situazione migliorandola. Le mega centrali non fanno che peggiorare la situazione.Del resto si sa benissimo che la scoperte "scomode" vengono messe "sotto formalina" e non è affatto da escludere che certi inventori scomodi siano stati fatti tacere per sempre...Per risovere queste semplici cose occorre una rivoluzione?Oppure saranno gli eventi a cambiare queste cose.
  • pippo scrive:
    Re: Vadano a ca*are!

    La fusione fredda necessita di poche migliaia di
    euro.E qualcuno che ci creda, come l'omeopatia :D
  • Funz scrive:
    Re: Vadano a ca*are!
    Ma io mi chiedo come mai gli Illuminati abbiano lasciato trapelare simili informazioni rivoluzionarie, forse i rettiliani non sono così potenti? C'è ancora speranza per l'umanità :pScherzi a parte, tutte queste cose sono molto interessanti e probabilmente anche vere, ma il fatto che siano praticamente abbandonate ha una spiegazione semplice: nessuno ci ha visto uno sviluppo pratico fattibile.
  • Funz scrive:
    Re: sogno ad occhi aperti
    - Scritto da: Larry
    "secondo Greenpeace, gli enormi costi complessivi
    con la prospettiva di non arrivare a nulla di
    concreto prima di decenni sarebbero stati meglio
    indirizzati verso le energie eoliche e
    solari."Greenpeace ha ragione a metà, va bene dare 10 miliardi a ITER, ma bisognerebbe darne dieci volte tanto alle rinnovabili.A quello che critica i progressi delle rinnovabili: spendere decine di miliardi di Euro all'anno in gas e petrolio dall'estero è una spesa migliore che investirli in infrastrutture e manodopera in Italia?
  • Rag. Bambocci scrive:
    Abbiamo gia il nostro reattore a fusion
    si chiama SOLE e ogni giorno ci da tanta energia quanto il pianeta ne consuma in un anno basta solo che noi tendiamo la mano per raccoglierla questa energia. nn posso credere che ancora la gente creda a queste farloccate
    • attonito scrive:
      Re: Abbiamo gia il nostro reattore a fusion
      - Scritto da: Rag. Bambocci
      si chiama SOLE e ogni giorno ci da tanta energia
      quanto il pianeta ne consuma in un anno basta
      solo che noi tendiamo la mano per raccoglierla
      questa energia. nn posso credere che ancora la
      gente creda a queste farloccateil problema e' la raccolta di tale energia.I pannelli fotovoltaici hanno basse rese e costi (per unita di energia) superiori ai combustibili fossili.La realizzazione di fusione nucleare controllata consentirebbe di produrre energia per tutti a costi molto bassi e per periodi indefiniti. Le difficolta' realizzative sarebbero cosi ambpiamente compensate. Il problema e' che non ci sono ancora riusciti (l'unica fusione nucleare "terrestre" e' di tipo incontrollato, nelle testare termonucleari)
      • Rag. Bambocci scrive:
        Re: Abbiamo gia il nostro reattore a fusion
        dal sole prendiamo energia nn solo coi pannelli ma anche con le dighe e con l'eolico che sono sempre derivanti dal SOLE...........evaporazione e gradienti di temperatura..
  • ackermann scrive:
    Scissione...
    ...non fissione, perché usare parole straniere "italianizzate" quando è disponibile una traduzione accurata?
    • p4bl0 scrive:
      Re: Scissione...
      perché anche fissione esiste in italiano
      • BlackLukes scrive:
        Re: Scissione...
        http://it.wikipedia.org/wiki/Fissione_nuclearehttp://it.wikipedia.org/wiki/Reattore_nucleare_a_fissioneAnche in altri campi:http://it.wikipedia.org/wiki/Fissione_gemellarehttp://it.wikipedia.org/wiki/Fissione_cellulareDiamo un'occhiata in giro prima di fare i maestrini!
  • Lorenzo scrive:
    elementi comuni (ferro-fusione)
    Forse ho letto male (ferro) se voi usate il ferro nella fusione nucleare, siete arrivate a fare qualche cosa che nessuno riesce sulla terra (per ora). Si usa deuterio e trizio (isotopi dell'idrogeno), anche il ferro puo essere usato come combustibile per la fusione nucleare ... ma parliamo di energie che ad ora ci possiamo scordare!!! Per cortesia correggete l'abominio.
    • Nicola Bassan scrive:
      Re: elementi comuni (ferro-fusione)
      Veramente il ferro è l'ultimo elemento che può essere prodotto per fusione nelle stelle. Gli elementi con numero atomico superiore infatti richiedono più energia per formarsi di quella che rilasciano dopo la formazione.A proposito di abomini..."fissione, vale a dire una reazione a catena controllata in cui elettroni si scindono se bombardati con neutroni"questo è ancora peggio... sarebbe interessante se gli elettroni si scindessero perché rivoluzionerebbe l'attuale modello standard delle particelle elementari. Temo che siano solo i nuclei atomici a scindersi nella fissione, controllata o meno che sia. ;)
      • Nicola Bassan scrive:
        Re: elementi comuni (ferro-fusione)
        giusto per precisare, che non vorrei che a qualcuno venisse il dubbio, i reattori a fusione utilizzeranno deuterio e trizio come detto qui sopra, perché è una delle reazioni che dà più energia per singolo atomo utilizzato.
      • MESCAL. scrive:
        Re: elementi comuni (ferro-fusione)
        - Scritto da: Nicola Bassan
        Veramente il ferro è l'ultimo elemento che può
        essere prodotto per fusione nelle stelle. Gli
        elementi con numero atomico superiore infatti
        richiedono più energia per formarsi di quella che
        rilasciano dopo la
        formazione.Esatto! Io avevo letto qualche anno fa' su una rivista scientifica che le stelle super massicce quando finiscono l' idrogeno iniziano la reazione di fusione carbonio-ossigeno producendo gli elementi "metallici" come ferro, zinco, nickel... e' corretto?
        A proposito di abomini...

        "fissione, vale a dire una reazione a catena
        controllata in cui elettroni si scindono se
        bombardati con
        neutroni"

        questo è ancora peggio... Concordo... nemmeno nei fumetti di NATAN NEVER si e' mai arrivato a tanto! PS: fumetto che tra l'altro mi piace tantissimo!
        • Funz scrive:
          Re: elementi comuni (ferro-fusione)
          - Scritto da: MESCAL.
          - Scritto da: Nicola Bassan

          Veramente il ferro è l'ultimo elemento che può

          essere prodotto per fusione nelle stelle. Gli

          elementi con numero atomico superiore infatti

          richiedono più energia per formarsi di quella
          che

          rilasciano dopo la

          formazione.

          Esatto! Io avevo letto qualche anno fa' su una
          rivista scientifica che le stelle super massicce
          quando finiscono l' idrogeno iniziano la reazione
          di fusione carbonio-ossigeno producendo gli
          elementi "metallici" come ferro, zinco, nickel...
          e'
          corretto?Quando una stella finisce il suo combustibile primario (l'idrogeno) inizia a consumare elio, che libera un quantitativo minore di energia. Poi continua a fondere via via elementi più pesanti con bilanci energetici sempre più sfavorevoli, finché giunge al ferro, che non dà più un surplus di energia, quindi il meccanismo collassa. Se la stella è abbastanza massiccia, a questo punto la produzione interna di calore non riesce più a sostenere gli strati esterni della stella, che quindi collassano per gravità, causando una supernova. In questo proXXXXX si libera una quantità di energia gigantesca, che innesca la sintesi degli elementi più pesanti, che vengono sparati nello spazio ed entrano poi a far parte di stelle e pianeti della generazione successiva.
        • attonito scrive:
          Re: elementi comuni (ferro-fusione)


          questo è ancora peggio...

          Concordo... nemmeno nei fumetti di NATAN NEVER si
          e' mai arrivato a tanto! PS: fumetto che tra
          l'altro mi piace tantissimo!ah, ecco da dove quelli di PI copiamo le "cappellate" tecnologiche. :D(ho tutti i numeri di NN)
        • Legs scrive:
          Re: elementi comuni (ferro-fusione)
          - Scritto da: MESCAL.
          Concordo... nemmeno nei fumetti di NATAN NEVER si
          e' mai arrivato a tanto! PS: fumetto che tra
          l'altro mi piace
          tantissimo!Ti piace talmente tanto che l'hai pure scritto sbagliato...
    • Fabrizio Bartoloni scrive:
      Re: elementi comuni (ferro-fusione)
      Sono andato a rivedermi la fonte su cui mi ero documentato e hai ragione, avevo saltato una riga, sono tutti gli elementi PIU' LEGGERI DEL ferro quelli indicati. Mi scuso, per ora Piero Angela può tenersi saldo il suo posto di lavoro... (però non ho acXXXXX al CMS quindi non sono io che posso correggere, manderò una nota a chi di dovere).- Scritto da: Lorenzo
      Forse ho letto male (ferro) se voi usate il ferro
      nella fusione nucleare, siete arrivate a fare
      qualche cosa che nessuno riesce sulla terra (per
      ora). Si usa deuterio e trizio (isotopi
      dell'idrogeno), anche il ferro puo essere usato
      come combustibile per la fusione nucleare ... ma
      parliamo di energie che ad ora ci possiamo
      scordare!!! Per cortesia correggete
      l'abominio.
      • Lorenzo scrive:
        Re: elementi comuni (ferro-fusione)
        - Scritto da: Fabrizio Bartoloni
        Sono andato a rivedermi la fonte su cui mi ero
        documentato e hai ragione, avevo saltato una
        riga, sono tutti gli elementi PIU' LEGGERI DEL
        ferro quelli indicati. Mi scuso, per ora Piero
        Angela può tenersi saldo il suo posto di
        lavoro... (però non ho acXXXXX al CMS quindi non
        sono io che posso correggere, manderò una nota a
        chi di
        dovere).Nessun problema, a volte sbaglio anch'io ;-)E spesso nel fervore del momento sono più critico e maleducato di quanto il contesto richiederebbe ...
  • Blub scrive:
    Re: sogno ad occhi aperti
    In effetti è vero, altre cose sono già funzionanti, ma ragionando in quel modo, non avremmo neanche i satelliti artificiali ora, col solito ritornello beota: "tutti quei soldi per lo spazio, mentre si potrebbero sfamare milioni, anzi no, miliardi di bambini...", che sicuramente verranno sfamati, se ci fermiamo agli strumenti di pietra, perché quelli di ferro costano troppo e ci vuole di più a farli.
    • Simon scrive:
      Re: sogno ad occhi aperti
      Concordo... I bambini possiamo sempre sfamarli con i 30 milioni di euro che papà Moratti ha usato per Quaresma.Chiaramente gli stessi ipocriti potrebbero essere anche interisti... Ma li va bene, se vince l'inter va bene...Saluti
      • N.C. scrive:
        Re: sogno ad occhi aperti
        Continuiamo pure ad inquinare e vedrete che invece del petrolio ci ucciderà la mancanza di acqua potabile ( che è solo una piccola percentuale dell'acqua del mondo )
  • Kyashan scrive:
    Re: sogno ad occhi aperti
    in parte hanno anche ragione...la verità è che nulla si muoverà finché non finirà il petrolio,quindi muoviamoci!Sono altri 40 anni di patemi!Dopodiché o i potenti inizieranno a ragionare o la razza umana si estinguerà a causa delle guerre...
    • Cornholio scrive:
      Re: sogno ad occhi aperti
      - Scritto da: Kyashan
      in parte hanno anche ragione...la verità è che
      nulla si muoverà finché non finirà il
      petrolio,quindi muoviamoci!Sono altri 40 anni di
      patemi!Dopodiché o i potenti inizieranno a
      ragionare o la razza umana si estinguerà a causa
      delle
      guerre...Hanno ragione un bigolo puzzolente, perché se ti vedi i bilanci, quanti miliardi sono stati spesi per le energie rinnovabili, e a fronte di quali grandi progressi, se il loro ragionamento avesse avuto un minimo di senso logico, avrebbe avuto senso redirottare i fondi per le energie rinnovabili su ITER e altri reattori a fusione.Siccome però il ragionamento è fallato in partenza (togliere fondi alla ricerca è SEMPRE sbagliato, a prescindere), i fondi sulle rinnovabili devono rimanere dove sono (nonostante i risultati ancora tentennino a farsi vedere), e quelli sull'ITER idem.
Chiudi i commenti