Interpol, anonimi in manette

Arrestati 25 attivisti apparentemente legati al celebre collettivo Anonymous: sono stati accusati degli attacchi DDoS contro alcuni siti governativi in America del Sud. Abbattuto per vendetta il sito dell'Interpol

Roma – L’operazione di smascheramento era scattata agli inizi del 2011, coordinata dagli agenti dell’Interpol in seguito ad una serie di scorribande hacker contro alcuni siti governativi in America del Sud . Alla metà dello scorso febbraio, il portale del ministero colombiano della Difesa e della biblioteca nazionale del Cile erano finiti offline con una raffica DDoS piovuta da paesi come l’Argentina e la Spagna.

Numerosi agenti della polizia internazionale hanno ora messo le mani su un gruppo di 25 hacktivisti apparentemente legati al celebre collettivo Anonymous . A dirigere le operazioni è stata la divisione dell’Interpol nota come Latin American Working Group of Experts on Information Technology Crime . Sono stati arrestati in vari paesi del mondo, dall’Argentina al Cile, poi in Colombia e Spagna.

Stando ai dettagli diramati dall’Interpol, un totale di 250 dispositivi – tra cui telefoni cellulari – è stato sottoposto a sequestro nel corso della cosiddetta Operation Unmask . Congelati numerosi conti correnti, che avrebbero permesso il finanziamento coordinato delle attività illecite intraprese da cittadini tra i 17 e i 40 anni, tutti residenti in Europa e in America del Sud .

Immediata la reazione di Anonymous, che ha nuovamente fatto scattare l’offensiva nota come Tango Down . Secondo le prime ricostruzioni, l’ennesimo attacco DDoS sarebbe partito dalla Spagna – annunciato sempre via Twitter – contro il sito ufficiale dell’Interpol. Inizialmente offline, il sito pare ripresosi tra mille difficoltà . Gli agenti di polizia non hanno rivelato i nomi delle persone finite in manette.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nonnogeek scrive:
    ma quale privacy?
    Raga, rendetevi conto che la privacy non è mai esistita in internet (figurarsi Google), semplicemente perchè internet non è stato concepito per tutelare la sicurezza e la privacy degli utenti. Credo che tutti possiate intuirne i motivi... :$
  • metalhammer scrive:
    Da oggi G+ avrà 400 milioni di utenti?
    Se i profili dei vari servizi vengono fusi, vuol dire che Google+ avrà automaticamente tanti utenti quanti sono gli account Gmail? Il fatto che poi siano attivi o meno è un altro discorso ovviamente.
  • Noid scrive:
    Antifurto
    Tempo fa ho chiesto via gmail un preventivo per un antifurto. Dopodichè hanno iniziato a comparire i banner pubblicitari di chi vende antifurto. Sicuramente c'è scritto quando apri l'account gmail, non so in che forma, che ti leggeranno tutte le mail per lucrarci sopra. Il che da un certo punto di vista è pure comprensibile, offrono un servizio grati ma non sono una ONLUS. Ma che nessuno mi venga a parlare di privacy quando si affidano i propri dati ad altri il cui mestiere è proprio quello di trattare questi dati.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Antifurto
      Quello che nessuno sa è che Eric Schmidt legge le nostre mail UNA PER UNA! :D
      • Noid scrive:
        Re: Antifurto
        Sembra che "enlarge penis" puoi dirlo solo tu. A me la risposta l'hanno cestinata a tempo di record. Vediamo se cestinano anche questa...
    • rover scrive:
      Re: Antifurto
      Non me ne parlare.Ho aperto un account gmail per sincronizzare Android. Da allora sono pieno di proposte. Devo dire che alcune possono anche essere prese in considerazione.Ma tanto è gratis. Ciò dovrebbe consolare alcuni fautori del tutto gratis a tutti i costi...
  • sono io scrive:
    meglio cosi'
    Anziche avere 20 norme differenti per tutti i servizi Google, ve ne sara' solo una. Non vedo dove sia il problema onestamente.Parlate di privacy? Quanti hanno un account facebook? Quanti caricano foto/documenti/video/qualunquecosa su siti web della quale non hanno LA MINIMA idea di dove risiedano i server e da chi sono gestiti?Non prendiamoci in giro dai, quando navighiamo in rete ci lasciamo dietro una montagna di informazioni personali e non.Se uno vuole navigare in maniera anonima i metodi ci sono, come al solito basta informarsi!Non vi sta bene essere 'tracciati'? Non usate determinati servizi, fine della storia.Usare pero' Facebook, Twitter o qualsivoglia di servizio di 'condivisione' e lamentarsi delle norme unificate di Google sulla raccolta dei dati personali mi pare un po' un controsenso!
    • Noid scrive:
      Re: meglio cosi'
      - Scritto da: sono io
      Anziche avere 20 norme differenti per tutti i
      servizi Google, ve ne sara' solo una. Non vedo
      dove sia il problema
      onestamente.Forse che questa norma è illegale per le leggi vigenti in Europa ?
      Parlate di privacy? Quanti hanno un account
      facebook? Io noQuanti caricano
      foto/documenti/video/qualunquecosa su siti webIo no
      della quale non hanno LA MINIMA idea di dove
      risiedano i server e da chi sono
      gestiti?Non che abbia tutta questa importanza dove e da chi. Sicuramente più importanti sono le condizioni d'uso, e proprio di questo si sta parlando. Comunque puoi sempre usare nslookup.
      Non prendiamoci in giro dai, quando navighiamo in
      rete ci lasciamo dietro una montagna di
      informazioni personali e
      non.https, TOR, noscript, proxy, ci sono gli strumenti per lasciarne un po' meno...sempre che a uno interessi la cosa. Phil Zimmermann nel suo "Introduction to Cryptography" dice che usare crittografia o no è la stessa differenza che c'è tra scrivere una cartolina o una lettera in busta chiusa. Poi, se a uno gli piace di scrivere cartoline, che male c'è ?
      Se uno vuole navigare in maniera anonima i metodi
      ci sono, come al solito basta
      informarsi!
      Appunto. Ma che serve inviare in maniera anonima una mail da gmail se poi tanto Google ci fa quello che vuole col tuo account ? Comunque con questa affermazione di fatto contraddici da solo quella precedente.
      Non vi sta bene essere 'tracciati'? Non usate
      determinati servizi, fine della
      storia.E' una soluzione. L'Europa dice solo a Google che i suoi cittadini hanno diritto di essere informati in maniera chiara e dettagliata, proprio per poter prendere questa decisione. Il che mi sembra corretto.
      Usare pero' Facebook, Io non lo usoTwitter Io non lo usoo qualsivoglia di
      servizio di 'condivisione' Io non lo uso
      e lamentarsi delle
      norme unificate di Google sulla raccolta dei dati
      personali Io mi lamento
      mi pare un po' un
      controsenso!Non vedo il controsenso.
  • attonito scrive:
    "don't be evil"
    il motto e' rivolto agloi altri, state pur tranquillo che loro, google, si fano i XXXXX propri alla faccia di tutti noi.
  • Sav scrive:
    bah...
    In pratica l'idea di G è di raccogliere uniformemente tutti i dati di un utente in un unico calderone e non 100 diversi. Il cosa ne vogliano fare, a dispetto di quanto alcune autorità dicano, non è solo è piuttosto chiaro ma oserei dire quasi 'ovvio'. Se navighi su youtube e cerchi 'macchine', quando cerchi con G magari ti spuntano di lato offerte di chi vende/compra auto. Questo, integrato a tutti i servizi di G, da parte loro rende la cosa molto interessante, soprattutto perchè possono vendere meglio spazi pubblicitari e a più caro prezzo, visto che la stessa pubblicità sarebbe mirata e non del tutto 'a caso'.Certo che non lo fanno solo per etica, sono un'azienda e hanno degli azionisti e devono produrre utili. A mio avviso però il tutto migliora l'esperienza dell'utente. Primo perchè se tutti i miei dati sono raccolti insieme, modificarli o cancellarli può effettivamente essere più semplice. Secondo perchè, cosa che dimenticano le varie autorità, le norme sulla privacy che ci sono adesso non le legge nessuno perchè sono TROPPE! Diamine non è possibile che uno se usa 10 servizi deve leggersi 10 papiri col rischio di non capirci neanche nulla visto che la chiarezza sembra non essere una prerogativa di molti.Personalmente uso molti servizi di G e nell'ottica di una maggiore integrazione tra i suoi servizi la trovo un'ottima cosa.Se poi non dovesse piacermi posso sempre cambiare. Certo è che non è che altre aziende siano più limpide con le norme sulla privacy e con le modalità di trattazione dei dati utenti. Almeno G sta, sembra, facendo un passo anche verso gli utenti. Se poi il tutto, come spero, sarà gestibile con una dashboard (come è ADESSO) direi che chiunque offra servizi similari dovrebbe seguire l'esempio di G.Il tutto rigorosamente imho e con un pò di 'fiducia' che, insomma, ogni tanto bisognerà pur concedere anche alle innovazioni.
    • say no scrive:
      Re: bah...
      - Scritto da: Sav
      In pratica l'idea di G è di raccogliere
      uniformemente tutti i dati di un utente in un
      unico calderone e non 100 diversi. Il cosa ne
      vogliano fare, a dispetto di quanto alcune
      autorità dicano, non è solo è piuttosto chiaro ma
      oserei dire quasi 'ovvio'. Se navighi su youtube
      e cerchi 'macchine', quando cerchi con G magari
      ti spuntano di lato offerte di chi vende/compra
      auto. Questo, integrato a tutti i servizi di G,
      da parte loro rende la cosa molto interessante,
      soprattutto perchè possono vendere meglio spazi
      pubblicitari e a più caro prezzo, visto che la
      stessa pubblicità sarebbe mirata e non del tutto
      'a
      caso'.

      Certo che non lo fanno solo per etica, sono
      un'azienda e hanno degli azionisti e devono
      produrre utili. A mio avviso però il tutto
      migliora l'esperienza dell'utente. Primo perchè
      se tutti i miei dati sono raccolti insieme,
      modificarli o cancellarli può effettivamente
      essere più semplice. Secondo perchè, cosa che
      dimenticano le varie autorità, le norme sulla
      privacy che ci sono adesso non le legge nessuno
      perchè sono TROPPE! Diamine non è possibile che
      uno se usa 10 servizi deve leggersi 10 papiri col
      rischio di non capirci neanche nulla visto che la
      chiarezza sembra non essere una prerogativa di
      molti.

      Personalmente uso molti servizi di G e
      nell'ottica di una maggiore integrazione tra i
      suoi servizi la trovo un'ottima
      cosa.
      Se poi non dovesse piacermi posso sempre
      cambiare. Certo è che non è che altre aziende
      siano più limpide con le norme sulla privacy e
      con le modalità di trattazione dei dati utenti.
      Almeno G sta, sembra, facendo un passo anche
      verso gli utenti. Se poi il tutto, come spero,
      sarà gestibile con una dashboard (come è ADESSO)
      direi che chiunque offra servizi similari
      dovrebbe seguire l'esempio di
      G.

      Il tutto rigorosamente imho e con un pò di
      'fiducia' che, insomma, ogni tanto bisognerà pur
      concedere anche alle
      innovazioni.1) G non vende spazi pubblicitari ecc.: G vende TE.Tu non sei l'utente che compra/usa un servizio: TU SEI IL PRODOTTO che viene venduto a terzi (i veri utenti dei "servizi" di G)!2)le norme sulla privacy sono in realtà poche... sono (volutamente) mal fatte e inadeguate: perché chi detta le norme agli stati e alla UE (i poteri "nascosti" e quelli economici) non vuole che veramente si protegga la privacy dei cittadini3) 'fiducia' e 'innovazione' sono ben altre cose4) gli unici passi che G ha fatto e sta facendo vanno solo ed esclusivamente verso gli interessi dei pochi azionisti che contano e delel polizie di tutto il mondo che hanno interesse a codizionare e controllare il più possibile tutti i "cittadini"
      • clintock scrive:
        Re: bah...
        Avanti con la solita storia, gli utenti sono idioti passivi che vengono influenzati ... IO USO GOOGLE, ho degli ottimi servizi gratuiti e se il "prezzo" da pagare e avere di lato delle pubblicità, ben vengano.
        • say no scrive:
          Re: bah...
          - Scritto da: clintock
          Avanti con la solita storia, gli utenti sono
          idioti passivi che vengono influenzati ... semplicistico (soprattutto per la parte "idioti", forse hai la coda di paglia...), ma è più o meno così
          IO USO
          GOOGLE, ho degli ottimi servizi gratuiti
          e se il
          "prezzo" da pagare e avere di lato delle
          pubblicità, ben vengano.non hai capito nullatu non hai alcun servizio, il servizio lo hanno i clienti PAGANTI di google (aziende, governi ecc.) e TU sei il prodotto che viene loro venduto
      • dapinna scrive:
        Re: bah...
        Avete ragione entrambi...Occorre però considerare che se NOI non fossimo il PRODOTTO, non avremo servizi gratuiti per fare ricerca, inviare/ricevere email, caricare/vedere video etc.Certo è auspicabile che le norme di G sulla privacy siano più chiare possibili... e magari su quello deve puntare U.E.
      • zupermario scrive:
        Re: bah...

        1)
        G non vende spazi pubblicitari ecc.: G vende TE.
        Tu non sei l'utente che compra/usa un servizio:
        TU SEI IL PRODOTTO che viene venduto a terzi (i
        veri utenti dei "servizi" di
        G)!Premettendo che le opinioni da uno che nel 2012 non ha capito ancora la semplice regola che NON si quotano interi messaggi valgono gia' poco, nello specifico hai scritto la solita frase ad effetto e qualunquista che non vuol dire niente. Sentiamo, come fa a "VENDERE ME" google? Risposta pratica e tangibile, non XXXXXXXte da piazza.
        • say no scrive:
          Re: bah...
          - Scritto da: zupermario

          1)

          G non vende spazi pubblicitari ecc.: G vende TE.

          Tu non sei l'utente che compra/usa un servizio:

          TU SEI IL PRODOTTO che viene venduto a terzi (i

          veri utenti dei "servizi" di

          G)!

          Premettendo che le opinioni da uno che nel 2012
          non ha capito ancora la semplice regola che NON
          si quotano interi messaggi valgono gia' poco,che noia
          nello specifico hai scritto la solita frase ad
          effetto e qualunquista che non vuol dire niente.o che chi legge non è in grado di capire
          Sentiamo, come fa a "VENDERE ME" google? Risposta
          pratica e tangibile, non XXXXXXXte da piazza.ti rispondo volentieri, ma prima mi serve sapere una cosa: per te cosa è che ti rende un individuo? cosa ti fa sentire di avere una tua specifica identità? di cosa sono fatte la tua autocoscienza e la tua autoconsapevolezza? che di cosa parli quando dici "io" o "me"?se sei un essere umano e non una ameba, le risposte a queste domande (cioò quello che sei TU) sono ciò che G vende di te
          • zupermario scrive:
            Re: bah...


            che noia
            Certo, una delle tante scuse per non rispettare le regole. Che poi piu' che una regola e' il semplice rispetto per l'interlocutore.

            Sentiamo, come fa a "VENDERE ME" google?
            Risposta

            pratica e tangibile, non XXXXXXXte da piazza.

            ti rispondo volentieri, ma prima mi serve sapere
            una cosa: per te cosa è che ti rende un
            individuo? cosa ti fa sentire di avere una tuaPerfetto, NON hai risposto. C.v.d.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 marzo 2012 10.24-----------------------------------------------------------
          • say no scrive:
            Re: bah...
            - Scritto da: zupermario

            ti rispondo volentieri, ma prima mi serve sapere una cosa:

            per te cosa è che ti rende un individuo? cosa ti fa sentire

            di avere una tua specifica identità? di cosa sono fatte la tua

            autocoscienza e la tua autoconsapevolezza? che di cosa parli

            quando dici "io" o "me"?



            se sei un essere umano e non una ameba, le risposte a queste

            domande (cioò quello che sei TU) sono ciò che G vende di te
            Perfetto, NON hai risposto. C.v.d.quella sopra è una rispostama forse non sai leggere o non capisci ciò che leggi.o, più semplicemente, tolti gli insulti e la maleducazione, non hai né argomenti né tuoi pensieri autonomi o cose da dire
          • zupermario scrive:
            Re: bah...


            Perfetto, NON hai risposto. C.v.d.

            quella sopra è una risposta

            ma forse non sai leggere o non capisci ciò che
            leggi.Si' si', continua con le chiacchiere inutili, aspetto sempre che mi dica tangibilmente come funziona questa compravendita di google che ha come oggetto ME.
          • Noid scrive:
            Re: bah...

            Si' si', continua con le chiacchiere inutili,
            aspetto sempre che mi dica tangibilmente come
            funziona questa compravendita di google che ha
            come oggetto
            ME.Bè credo che il concetto di "ME" sia un po' diverso da "LE MIE MAIL", ma quelle ti assicuro che le vende (vedi post sotto). Possiamo dire che Google vende "qualcosa di mio". Vende "ME" mi pare eccessivo, se sono schiavo non è di Google che lo sono...
          • zupermario scrive:
            Re: bah...

            diverso da "LE MIE MAIL", ma quelle ti assicuro
            che le vende (vedi post sotto). Possiamo dire cheBene, io sono interessato ad acquistare le tue email, mi daresti il link dove posso perfezionare questa compravendita con google?
          • Noid scrive:
            Re: bah...
            Semplice compra pubblicità da Google. Se poi pensi che tutto al mondo abbia un link, sei fuori strada.
          • zupermario scrive:
            Re: bah...
            - Scritto da: Noid
            Semplice compra pubblicità da Google. Se poi
            pensi che tutto al mondo abbia un link, sei fuori
            strada.Quindi, alla fine del discorso, abbiamo appurato che google vende spazi pubblicitari, e NON vende "ME", e NON vende le "MIE EMAIL".Sono io quello fuori strada, eh?
          • say no scrive:
            Re: bah...
            - Scritto da: zupermario
            - Scritto da: Noid

            Semplice compra pubblicità da Google. Se poi

            pensi che tutto al mondo abbia un link, sei
            fuori

            strada.

            Quindi, alla fine del discorso, abbiamo appurato
            che google vende spazi pubblicitari, e NON vende
            "ME", e NON vende le "MIE
            EMAIL".
            Sono io quello fuori strada, eh?fuori sei fuori...
          • zupermario scrive:
            Re: bah...

            fuori sei fuori...Toh ma guarda, un'altra risposta che non dice niente di concreto...Non dovevi scrivermi come MI VENDE google invece di sta XXXXXXXtina?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 marzo 2012 18.23-----------------------------------------------------------
          • paolo scrive:
            Re: bah...
            mi inserisco nel discorso...tu usi gmail quindi le tue mail sono scansionate e in base a questo ti vengono proposte le pubblicità..ho due amici, uno fidanzato e l'altro no, non ci volevo credere ma quello 'single' si trova SEMPRE pubblicità di società tipo meetic e company. Ti rendi conto che ciò fa 'paura' ? Io voglio essere libero di scrivere quello che voglio nella MIA mail senza che nessuno la possa analizzare, chiedo troppo? Nessuno obbliga google a regalare account mail come nessuno obbliga me ad usare gmail ma il problema è che l'utente 'sprovveduto'ragazzinochi ha poca dimestichezza col pc ma HA IL DIRITTO DI USARLO viene sfruttato perchè non ha modo di capire l'eula. Ed è proprio per questo che intervengono a livello europeo...non fare l'errore di pensare che tutti siano smart come te perchè non è così..ciao!
          • paolo scrive:
            Re: bah...
            io ho cercato di farti ragionare ma vedo che non c'è molto da fare..nessun problema comunque, hai scelto di essere pecora per cui ci sarà sempre qualcuno che avrà il ruolo del pastore che ti dirà cosa fare, meglio così visto che sono le pecore ad arricchire il pastore :Dnota che hai tirato in ballo gli ALIENI...rileggi quella parte del tuo commento e poi chiediti se la probabilità che qualcosa avvenga è più a mio favore o se a tuo...bye bye :D
          • paolo scrive:
            Re: bah...
            ah...tu SICURAMENTE leggerai il mio commento appena scritto..io NO, chiudo questa pagina ora e non la riaprirò più HAHAAHHAHAAHHAHAHA visto che ci ho azzeccato? te l'avevo detto che hai scelto di essere pecora ;)
          • zupermario scrive:
            Re: bah...
            - Scritto da: paolo
            io ho cercato di farti ragionare ma vedo che non
            c'è molto da fare...Questa e' una tua opinione ovviamente non suffragata da nulla, dato che io, invece di "cercare di farti ragionare", ho quotato puntualmente il tuo messaggi e risposto in maniera attinente.
            nessun problema comunque, hai
            scelto di essere pecora A me sembra che la pecora sia tu, pecora per la PAURA di cose campate per aria, e pecora perche' ti accodi a quelli, molti, che insensatamente (vedasi questo stesso ramo di thread, dove tanti si scaldano e di concreto non sanno nemmeno il perche') sotto lo spauracchio della violazione della privacy montano questioni inesistenti.
            per cui ci sarà sempre
            qualcuno che avrà il ruolo del pastore che ti
            dirà cosa fare, meglio così visto che sono le
            pecore ad arricchire il pastoreCerto, certo, parole in liberta'....Aspetto sempre motivazioni concrete.
            nota che hai tirato in ballo gli ALIENI...rileggiNota che hai tirato in ballo la possibilita' che tu abbia sotto le tue mani le mie email.
            quella parte del tuo commento e poi chiediti se
            la probabilità che qualcosa avvenga è più a mio
            favore o se a tuo...Si', certo, aspetta che ora commissiono uno studio statistico per il calcolo delle due probabilita'.
  • attonito scrive:
    vincera' Google.
    L'Europa non ha le PALLE di Cina (dittatura) o India (fita democrazia) che dicono "a casa mia o fai come dico io o te ne vai affanXXXX", la democratica Europa calera' le braghe come al solito e vincera' Google.
    • styx scrive:
      Re: vincera' Google.
      - Scritto da: attonito
      L'Europa non ha le PALLE di Cina (dittatura) o
      India (fita democrazia) che dicono "a casa mia o
      fai come dico io o te ne vai affanXXXX", la
      democratica Europa calera' le braghe come al
      solito e vincera'
      Google.beh di solito in europa vincono i burocrati... fanno spendere anni-uomo in avvocati e poi partoriscono dei topolini (vedi le varie "sanzioni" a M$... l'UNICA che ci doveva essere, non l'hanno mai presa in considerazione...)
  • axl scrive:
    Re: Utente medio
    io per esempio, non ci ho campito nulla.... che diamine vuol fare google ? tracciare i miei dati in che senso ?
    • clintock scrive:
      Re: Utente medio
      Io nemmeno l'ho letta ... Non me ne frega nulla.Mi fido + di G che di qualunque burocrate europeo (o nostrano).Quando e se le cose non mi andranno bene chiuderò l'account.
      • styx scrive:
        Re: Utente medio
        - Scritto da: clintock
        Io nemmeno l'ho letta ... Non me ne frega nulla.
        Mi fido + di G che di qualunque burocrate europeo
        (o
        nostrano).
        Quando e se le cose non mi andranno bene chiuderò
        l'account.bravo! questa e' la cultura che deve passare! Fregarsene e tirare avanti. ehheheNo, a parte gli scherzi... sono + seghe mentali che altro.. xche' google raccoglie tonnellate di dati profilatori GIA' ORA.. dare una shakerata al tutto per unificare,aggiustare ecc... NON cambia di molto il risultato finale per l'utente...
        • clintock scrive:
          Re: Utente medio
          Beh, mi sono espresso male, non è che proprio non me ne frega è che di G mi fido, inoltre tra XXXXXn e virus per il solo fatto di connettersi ad internet considero di dominio pubblico quello che ho sul PC.
          • Noid scrive:
            Re: Utente medio

            ... considero di dominio pubblico quello
            che ho sul
            PC.anche io. Quando uso Windows.
    • ubuntu scrive:
      Re: Utente medio
      - Scritto da: axl
      io per esempio, non ci ho campito nulla.... che
      diamine vuol fare google ? tracciare i miei dati
      in che senso
      ?Te non distingueresti un pc da un vaso da notte!
  • iuia aiau scrive:
    de nulla re
    leggere non implica necessariamente esserne consapevoli
Chiudi i commenti