Interpol: individuato il pedomaniaco

L'appello internazionale diffuso in rete ha ottenuto il suo scopo. La polizia internazionale è sulle tracce dell'uomo il cui volto era stato ricostruito digitalmente
L'appello internazionale diffuso in rete ha ottenuto il suo scopo. La polizia internazionale è sulle tracce dell'uomo il cui volto era stato ricostruito digitalmente

Pochi giorni fa l’ appello internazionale ed ora i primi risultati: l’Interpol è sulle tracce dell’uomo ritenuto autore di ripetute violenze ai danni di minori. Una persona il cui volto appariva digitalmente mascherato su numerose fotografie sequestrate nel tempo dagli inquirenti, e che era stato ricostruito “disfacendo” il mascheramento digitale.

Ora la polizia internazionale fa sapere che si ritiene che l’uomo si trovi in Thailandia dove cercherebbe di nascondersi per evitare la cattura. A quanto pare è giunto in Thailandia pochi giorni fa, dopo la diffusione dell’appello dell’Interpol, proveniente dalla Corea del Sud dove “Vico”, questo il nome in codice assegnatoli dalla polizia, è insegnante di inglese.

Interpol ha fatto sapere che all’appello hanno risposto centinaia di cittadini di diversi paesi e li ha ringraziati per i contributi offerti. E ha spiegato per bocca del suo segretario generale Ronald Noble che la “Thailandia è al centro di una caccia all’uomo internazionale e che le autorità del paese, in collegamento con Interpol e forze di polizia in giro per il mondo, stanno stringendo il cerchio”.

Se la caccia avrà successo, Interpol potrebbe decidere di ripetere l’esperimento dell’appello internazionale anche in altri casi “conclamati”, quando cioè la partecipazione della persona ad abusi pedofili è addirittura documentata nelle prove già raccolte dalle autorità.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 10 2007
Link copiato negli appunti