Interviste/ Logitech: cordless è futuro

I responsabili dell'azienda ribadiscono la sicurezza dei propri sistemi wireless e rilanciano. Ecco come si sta muovendo il principale produttore di mouse e tastiere. Presto anche in Italia il volante force-feedback per Playstation2


Roma – Qualche tempo fa Punto Informatico aveva riportato la notizia dell’analisi di un esperto tedesco che metteva in dubbio la sicurezza delle tastiere wireless Logitech. Abbiamo chiesto chiarimenti a Logitech e ne abbiamo approfittato per fare il punto della situazione sulle produzioni dell’azienda con la responsabile marketing di Logitech Italia, Evita Barra.

Punto Informatico: ma allora sono sicure o no le tastiere cordless Logitech?
Evita Barra: Lo sono senz’altro. Sono più di 7 milioni i pezzi venduti nel mondo nel 2000, un dato che testimonia l’affidabilità della nostra offerta.
Occorre considerare che questi prodotti cordless sono rivolti ad un pubblico consumer, quindi ad un uso privato e standard. Le disquisizioni in merito a interferenze-intercettazioni sono accademiche, perché per ottenere certi risultati si avrebbe bisogno di strumentazioni professionali e specializzati che non si trovano sul mercato e non sono a disposizione dell’utente privato.
Nessuno naturalmente chiede ad una qualunque azienda di realizzare prodotti consumer a prova di 007…

Va detto che, invece, sul piano teorico questo livello di intercettazione si applica sia a livello cordless che infrarosso, a tutto quello che viaggia via infrarosso, come per i cellulari o i palmari.
I nostri sistemi sono invece testati per l’uso al quale sono destinati. Lavorano su una frequenza, 27 MHz, mentre i kit desktop venduti da Logitech (mouse + tastiera) lavorano su frequenze leggermente diverse per non interferirsi, e ogni prodotto ha un suo ID unico tra 1 e 4999, dunque non c’è alcuna possibilità di interferenza tra nostri prodotti (non c’è “cross talk”).

PI: Logitech sente il fiato dei concorrenti nel settore dei mouse e delle tastiere? Microsoft per esempio…
EB: Direi che solo nel caso del mouse ottico la concorrenza di Microsoft si è fatta sentire, sebbene Logitech da anni utilizzi la tecnologia marble-sensing, un sistema ottico, nelle trackball. Ma siamo certamente davanti, basti pensare che dal 1991 Logitech impiega la tecnologia cordless, offrendo oggi una gamma amplissima di prodotti, che non ha rivali.
La concorrenza c’è, da parte di Microsoft, su mouse, tastiere e periferiche di gioco. Creative è invece il nostro concorrente di riferimento per photo-web-cam e altoparlanti, seguita da Philips. Poi c’è naturalmente la fascia di produttori per l’entry-level, come Trust, produttori taiwanesi e via dicendo.


Con il progressivo aumento della disponibilità di banda larga, aumentano le applicazioni di videoconferenza e videochat. Che effetto ha questo sulle vendite di Logitech?
EB: In Italia la penetrazione internet è inferiore rispetto alla media europea e ai paesi nordici, una diffusione che non va sempre di pari passo con la diffusione delle webcam.
In Italia si va in controtendenza, perché ad una minore percentuale di utenti corrisponde una maggiore attenzione verso questi prodotti, perché l’italiano ama la comunicazione visiva. L’utilizzo della webcam ha arricchito la comunicazione svolta via email.
Nel primo trimestre dell’anno, tra gennaio e marzo, Logitech ha venduto nel mondo un milione di videocam, senza contare quelle comprese negli accordi di bundle con produttori di PC e partner.
Il ritmo di crescita di internet ha sicuramente fatto da motore per la vendita delle webcam ma ci sono altri fattori che vanno considerati nei singoli mercati.

Logitech che penetrazione ha sul mercato Apple?
EB: C’è una crescita in questo segmento, negli ultimi 12 mesi abbiamo visto il numero di periferiche compatibili Apple aumentare. Se prima erano pochi i prodotti Logitech compatibili con Apple, oggi il 70 per cento dei nostri prodotti è compatibile. Adesso possiamo dire a grandi linee che il nostro catalogo è rivolto agli utenti Mac ed Apple. E nei prossimi mesi allargheremo anche la gamma di webcam Logitech disponibili per gli utenti Mac.

Uno dei nodi essenziali della ricerca Logitech è stato quello dell’ergonomia dei prodotti per ridurre “l’impatto” di mouse e tastiere sull’utente. Una recente ricerca della Mayo Clinic sostiene che la sindrome del tunnel carpale ed altre patologie insorgono negli utenti di PC non più di quanto accada alla popolazione generale. Che ne pensa? Avete dati al riguardo?
EB: L’ergonomicità è una definizione soggettiva, non è scientificamente dimostrabile che un prodotto sia obiettivamente ergonomico. Il design dei nostri prodotti è pensato per consentire un utilizzo il più possibile “naturale” delle periferiche ma non bisogna dimenticare che sono moltissimi i fattori che possono influire sul fisico, dalla postura su una sedia alle ore passate davanti ad un monitor e via dicendo.
Non farei una associazione tra uno specifico prodotto e l’insorgenza di patologie, proprio per la varietà degli elementi in campo. Di certo la cura che si mette nella produzione dei prodotti ha un effetto benefico.

Quale è il futuro di Logitech? Dobbiamo aspettarci clamorose novità?
EB: Nei prossimi mesi Logitech intende spingere, anche in abbinamenti “kit”, i nuovi dispositivi cordless, innovando come ha fatto unendo sistemi cordless e sistemi ottici, e dunque rendendo più comode e meno ingombranti le interfacce di lavoro.
Al centro c’è anche il settore videocam e soprattutto quello delle Dual-Cam, il prodotto che funziona sia come webcam che come fotocamera digitale. Nei prossimi mesi, lavorando sulle capacità di memoria e sui sensori ottici, offriremo Dual-Cam per tutte le tasche.
Presto, questione di poche settimane, anche in Italia verrà lanciato il volante per Playstation2 che in Giappone in una settimana ha venduto 100mila unità e che punta su tecnologie avanzate di force feedback.

Intervista a cura di Paolo De Andreis

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non meravigliamoci se poi...
    ...qualcuno va a fare un deface del sito del Vaticano!
  • Anonimo scrive:
    P O R C O D I O
    P O R C O D I O.Scrivi un titolo, la tua opinione/commento, il tuo nome e premi il pulsante InviaFATTO.
  • Anonimo scrive:
    Se è vero...
    ..Che nel sito in questione c'erano veramente le immagini descritte nella motivazione, beh..w la legge!Non sono cattolico praticante, ma mi ha fatto schifo solo leggere quello che c'era in quel sito.Se la gente ha tempo da perdere, non vedo perchè debba farlo offendendo il prossimo.
  • Anonimo scrive:
    LIBERTA' DI ESPRESSIONE
    Penso che la libertà di pensiero e di espressione vada salvaguardata in ogni modo e con ogni forza, ma la parola "tanto usata" libertà non fa riferimento alla possibilità di condurre un certo stile di vita, di pensare in un certo modo, di decidere in un certo modo da parte di una persona sino a quando questo suo agire non offende o calpesta la libertà delle persone che lo circondano? E allora è GIUSTISSIMO CHE ERETICO.COM sia stato chiuso, in quanto sito altamente offensivo per tantissime persone (e non una sola!!!!) ....E come tale ha invaso, calpestato, offeso la libertà altrui!!! Inoltre...definirlo burlesco, come mi pare di aver letto in altre risposte, mi sembra guardare le cose con eccessiva superficialità. Questa è pura ignoranza...perchè ricorre alla volgarità e alla bestemmia per manifestare la propria idea! Purtroppo ci sono tantissimi siti sul genere di eretico.com .... e spero che a breve vengano chiuso tutti...
    • Anonimo scrive:
      Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
      - Scritto da: chobin
      Penso che la libertà di pensiero e di
      espressione vada salvaguardata in ogni modo
      e con ogni forza, ma la parola "tanto usata"
      libertà non fa riferimento alla possibilità
      di condurre un certo stile di vita, di
      pensare in un certo modo, di decidere in un
      certo modo da parte di una persona sino a
      quando questo suo agire non offende o
      calpesta la libertà delle persone che lo
      circondano? E allora è GIUSTISSIMO CHE
      ERETICO.COM sia stato chiuso, in quanto sito
      altamente offensivo per tantissime persone
      (e non una sola!!!!) ....E come tale ha
      invaso, calpestato, offeso la libertà
      altrui!!! Inoltre...definirlo burlesco, come
      mi pare di aver letto in altre risposte, mi
      sembra guardare le cose con eccessiva
      superficialità. Questa è pura
      ignoranza...perchè ricorre alla volgarità e
      alla bestemmia per manifestare la propria
      idea! Purtroppo ci sono tantissimi siti sul
      genere di eretico.com .... e spero che a
      breve vengano chiuso tutti...Rispetto le tue idee circa la validità o meno del sito, c'è però un verso usato nel tuo delirio che è assolutamente errato : invasoEretico.com non ha invaso proprio un bel nulla, non è venuto a casa tua e ti ha costretto ad ascoltarlo, vederlo e magari applaudirlo; io prima del suo sequestro nemmeno sapevo della sua esistenza, così come non sono a conoscenza della maggior parte dei siti che tu, invece, vorresti far chiudere. Non è che per caso tu utilizzi la rete solo per cercare siti da censurare ?Hai qualche problema, fratello.
      • Anonimo scrive:
        Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
        Io non utilizzo assolutamente la rete alla ricerca di siti da censurare...anzi...Però capita, lavorando con Internet, che mi imbatta molte volte in siti che mi offendono. Quando io ho scritto quello che tu hai chiamato "delirio" stavo pensando alle categorie più "deboli" che usano questo potente mezzo di comunicazione, cioè i bambini. Io so difendermi e reagire se capito in un sito che offende la mia morale, ma un bambino? Vuoi sapere una cosa curiosa. Tempo fa ho partecipato ad una conferenza dove si è discusso sui cambiamenti sociali che Internet ha portato in questi ultimi anni. Tra le tante testimonianze che sono state riportate una in particolare mi è rimasta impressa. Un bambino di 8 anni...ha chiesto aiuto a suo zio, perchè tutti i pomeriggi accendendo il computer trovava ciò che suo padre scaricava da Internet la sera...Ora quel bimbo si è imbattuto in qualcosa che lo ha turbato...che lo ha offeso...che ha colpito la sua innocenza. Allo stesso modo ogni bambino può imbattersi in siti "pericolosi" (se vogliamo definirli così) in ogni momento...e soprattutto in modo non voluto...e questo perchè quei siti saltano fuori come risultati nei motori di ricerca. E tu saprai benissimo che sono tanti quelli che tra le parole chiave x farsi trovare inseriscono di tutto di più rispetto al vero e originale contenuto del sito. Tutto qua...Io non penso affatto di avere dei problemi...ma tu sei libero di pensarlo...Sappi cmq che prima di "offendere" qualcuno...dovresti aver modo di conoscerlo meglio...di parlargli...- Scritto da: Abele


        - Scritto da: chobin

        Penso che la libertà di pensiero e di

        espressione vada salvaguardata in ogni
        modo

        e con ogni forza, ma la parola "tanto
        usata"

        libertà non fa riferimento alla
        possibilità

        di condurre un certo stile di vita, di

        pensare in un certo modo, di decidere in
        un

        certo modo da parte di una persona sino a

        quando questo suo agire non offende o

        calpesta la libertà delle persone che lo

        circondano? E allora è GIUSTISSIMO CHE

        ERETICO.COM sia stato chiuso, in quanto
        sito

        altamente offensivo per tantissime persone

        (e non una sola!!!!) ....E come tale ha

        invaso, calpestato, offeso la libertà

        altrui!!! Inoltre...definirlo burlesco,
        come

        mi pare di aver letto in altre risposte,
        mi

        sembra guardare le cose con eccessiva

        superficialità. Questa è pura

        ignoranza...perchè ricorre alla volgarità
        e

        alla bestemmia per manifestare la propria

        idea! Purtroppo ci sono tantissimi siti
        sul

        genere di eretico.com .... e spero che a

        breve vengano chiuso tutti...

        Rispetto le tue idee circa la validità o
        meno del sito, c'è però un verso usato nel
        tuo delirio che è assolutamente errato :
        invaso
        Eretico.com non ha invaso proprio un bel
        nulla, non è venuto a casa tua e ti ha
        costretto ad ascoltarlo, vederlo e magari
        applaudirlo; io prima del suo sequestro
        nemmeno sapevo della sua esistenza, così
        come non sono a conoscenza della maggior
        parte dei siti che tu, invece, vorresti far
        chiudere. Non è che per caso tu utilizzi la
        rete solo per cercare siti da censurare ?
        Hai qualche problema, fratello.
        • Anonimo scrive:
          Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
          - Scritto da: chobin
          Io non utilizzo assolutamente la rete alla
          ricerca di siti da censurare...anzi...Però
          capita, lavorando con Internet, che mi
          imbatta molte volte in siti che mi
          offendono. Quando io ho scritto quello che
          tu hai chiamato "delirio" stavo pensando
          alle categorie più "deboli" che usano questo
          potente mezzo di comunicazione, cioè i
          bambini. Io so difendermi e reagire se
          capito in un sito che offende la mia morale,
          ma un bambino? Vuoi sapere una cosa curiosa.
          Tempo fa ho partecipato ad una conferenza
          dove si è discusso sui cambiamenti sociali
          che Internet ha portato in questi ultimi
          anni. Tra le tante testimonianze che sono
          state riportate una in particolare mi è
          rimasta impressa. Un bambino di 8 anni...ha
          chiesto aiuto a suo zio, perchè tutti i
          pomeriggi accendendo il computer trovava ciò
          che suo padre scaricava da Internet la
          sera...Ora quel bimbo si è imbattuto in
          qualcosa che lo ha turbato...che lo ha
          offeso...che ha colpito la sua innocenza.
          Allo stesso modo ogni bambino può imbattersi
          in siti "pericolosi" (se vogliamo definirli
          così) in ogni momento...e soprattutto in
          modo non voluto...e questo perchè quei siti
          saltano fuori come risultati nei motori di
          ricerca. E tu saprai benissimo che sono
          tanti quelli che tra le parole chiave x
          farsi trovare inseriscono di tutto di più
          rispetto al vero e originale contenuto del
          sito.
          Tutto qua...Io non penso affatto di avere
          dei problemi...ma tu sei libero di
          pensarlo...Sappi cmq che prima di
          "offendere" qualcuno...dovresti aver modo di
          conoscerlo meglio...di parlargli...ALT ! qui nessuno ha offeso nessuno, tanto per chiarire.Analizziamo bene i "pericoli" ai quali incorrono le categorie deboli e nel caso specifico i bambini.Smettiamola di considerarli vittime dei soliti cattivi ignoti: un corno ! I primi colpevoli sono i loro genitori che li abbandonano letteralmente al tutore di turno : prima la TV, poi la play station ed ora il pc connesso ad internet !!!Io non lascio mio figlio libero di scorrazzare in internet da solo ma lo aiuto nelle sue ricerche. Tu riporti il caso del bambino che ha dovuto chiedere aiuto allo zio per difendersi dal padre!!! Ti rendi conto che demandiamo sempre a qualcun altro i nostri doveri ? Mi dispiace ma non sono per nulla d'accordo con te, è troppo facile scaricare la coscienza dicendo che la colpa è degli altri. GLI ALTRI SIAMO NOI, OGNUNO PER CIO' CHE LO RIGUARDA.E nn mi si venga a dire che non c'è tempo, che si deve lavorare e.... bla , bla , blaBALLE !!Io il tempo per mio figlio lo trovo a QUALSIASI COSTO, e, certe volte, è veramente faticoso, però è MIO FIGLIO non un fagotto.Per quanto riguarda invece i contenuti della rete, anche io mi imbatto in siti che tentano di offendermi, bada bene , tentano, perchè con un click del mouse sono altrove. La rete è anche questo : la libertà di scegliere ciò che m'interessa che non necessariamente corrisponde a ciò che interessa te e gli altri milioni di utenti collegati. Senza considerare un altro aspetto, a mio avviso, fondamentale alla natura della rete : legittimare la censura significa legittimare l'operato di qualcuno che si arroga il diritto di decidere ciò che è giusto diffondere, di conseguenza io e te siamo qui a discutere solamente perchè questo qualcuno oggi ce lo permette..... e domani ?
          • Anonimo scrive:
            Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
            Sono PERFETTAMENTE D'ACCORDO CON TE sul fatto che non dobbiamo demandare ad altri le nostre responsabilità. E' vero...i primi responsabili di quelle che io ho chiamato "categorie deboli" siamo proprio noi! Però anche una censura di questo tipo può essere un modo per tutelarli. Di certo non deve sostituire assolutamente la presenza dei genitori quando i figli navigno sulla rete. Ma la può accompagnare. Spesso però molte persone non ragionano come te...e purtroppo mettono i loro figli come ultimo impegno del giorno...se rimane tempo. Questa è purtroppo una realtà. Ed è nella presa di coscienza di questa "cruda" realtà che io vedo un tipo di censura come quella fatta ad eretico.com "giusta". La censura non è di certo il mezzo migliore per costruire una civiltà più umana, attenta e rispettosa di certi valori ... ma a volte se non abusata e strumentalizzata può avere effetti positivi...E' un pò come togliere le erbacce dall'orto. Anche se io sono dell'idea che il modo migliore per tutelare i bambini sia quello di accompagnarli in ogni passo e momento della loro crescita cercando di insegnare loro a discernere ciò che può essere bene da ciò che può essere male. L'importante è che sviluppino e maturini questa capacità critica. E da quel poco che mi è parso di capire in questo scambio di battute tu lo stai facendo con tuo figlio, che , giustamente, occupa una posizione di primaria importanza nella tua vita. - Scritto da: Abele


            - Scritto da: chobin

            Io non utilizzo assolutamente la rete alla

            ricerca di siti da censurare...anzi...Però

            capita, lavorando con Internet, che mi

            imbatta molte volte in siti che mi

            offendono. Quando io ho scritto quello che

            tu hai chiamato "delirio" stavo pensando

            alle categorie più "deboli" che usano
            questo

            potente mezzo di comunicazione, cioè i

            bambini. Io so difendermi e reagire se

            capito in un sito che offende la mia
            morale,

            ma un bambino? Vuoi sapere una cosa
            curiosa.

            Tempo fa ho partecipato ad una conferenza

            dove si è discusso sui cambiamenti sociali

            che Internet ha portato in questi ultimi

            anni. Tra le tante testimonianze che sono

            state riportate una in particolare mi è

            rimasta impressa. Un bambino di 8
            anni...ha

            chiesto aiuto a suo zio, perchè tutti i

            pomeriggi accendendo il computer trovava
            ciò

            che suo padre scaricava da Internet la

            sera...Ora quel bimbo si è imbattuto in

            qualcosa che lo ha turbato...che lo ha

            offeso...che ha colpito la sua innocenza.

            Allo stesso modo ogni bambino può
            imbattersi

            in siti "pericolosi" (se vogliamo
            definirli

            così) in ogni momento...e soprattutto in

            modo non voluto...e questo perchè quei
            siti

            saltano fuori come risultati nei motori di

            ricerca. E tu saprai benissimo che sono

            tanti quelli che tra le parole chiave x

            farsi trovare inseriscono di tutto di più

            rispetto al vero e originale contenuto del

            sito.

            Tutto qua...Io non penso affatto di avere

            dei problemi...ma tu sei libero di

            pensarlo...Sappi cmq che prima di

            "offendere" qualcuno...dovresti aver modo
            di

            conoscerlo meglio...di parlargli...

            ALT ! qui nessuno ha offeso nessuno, tanto
            per chiarire.
            Analizziamo bene i "pericoli" ai quali
            incorrono le categorie deboli e nel caso
            specifico i bambini.
            Smettiamola di considerarli vittime dei
            soliti cattivi ignoti: un corno ! I primi
            colpevoli sono i loro genitori che li
            abbandonano letteralmente al tutore di turno
            : prima la TV, poi la play station ed ora il
            pc connesso ad internet !!!
            Io non lascio mio figlio libero di
            scorrazzare in internet da solo ma lo aiuto
            nelle sue ricerche. Tu riporti il caso del
            bambino che ha dovuto chiedere aiuto allo
            zio per difendersi dal padre!!! Ti rendi
            conto che demandiamo sempre a qualcun altro
            i nostri doveri ? Mi dispiace ma non sono
            per nulla d'accordo con te, è troppo facile
            scaricare la coscienza dicendo che la colpa
            è degli altri. GLI ALTRI SIAMO NOI, OGNUNO
            PER CIO' CHE LO RIGUARDA.
            E nn mi si venga a dire che non c'è tempo,
            che si deve lavorare e.... bla , bla , bla
            BALLE !!
            Io il tempo per mio figlio lo trovo a
            QUALSIASI COSTO, e, certe volte, è veramente
            faticoso, però è MIO FIGLIO non un fagotto.

            Per quanto riguarda invece i contenuti della
            rete, anche io mi imbatto in siti che
            tentano di offendermi, bada bene , tentano,
            perchè con un click del mouse sono altrove.
            La rete è anche questo : la libertà di
            scegliere ciò che m'interessa che non
            necessariamente corrisponde a ciò che
            interessa te e gli altri milioni di utenti
            collegati.

            Senza considerare un altro aspetto, a mio
            avviso, fondamentale alla natura della rete
            : legittimare la censura significa
            legittimare l'operato di qualcuno che si
            arroga il diritto di decidere ciò che è
            giusto diffondere, di conseguenza io e te
            siamo qui a discutere solamente perchè
            questo qualcuno oggi ce lo permette..... e
            domani ?

          • Anonimo scrive:
            Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
            - Scritto da: chobin
            Sono PERFETTAMENTE D'ACCORDO CON TE sul
            fatto che non dobbiamo demandare ad altri le
            nostre responsabilità. E' vero...i primi
            responsabili di quelle che io ho chiamato
            "categorie deboli" siamo proprio noi! Però
            anche una censura di questo tipo può essere
            un modo per tutelarli. Di certo non deve
            sostituire assolutamente la presenza dei
            genitori quando i figli navigno sulla rete.
            Ma la può accompagnare. Spesso però molte
            persone non ragionano come te...e purtroppo
            mettono i loro figli come ultimo impegno del
            giorno...se rimane tempo. Questa è purtroppo
            una realtà. Ed è nella presa di coscienza di
            questa "cruda" realtà che io vedo un tipo di
            censura come quella fatta ad eretico.com
            "giusta". La censura non è di certo il mezzo
            migliore per costruire una civiltà più
            umana, attenta e rispettosa di certi valori
            ... ma a volte se non abusata e
            strumentalizzata può avere effetti
            positivi...E' un pò come togliere le erbacce
            dall'orto. Anche se io sono dell'idea che il
            modo migliore per tutelare i bambini sia
            quello di accompagnarli in ogni passo e
            momento della loro crescita cercando di
            insegnare loro a discernere ciò che può
            essere bene da ciò che può essere male.
            L'importante è che sviluppino e maturini
            questa capacità critica. E da quel poco che
            mi è parso di capire in questo scambio di
            battute tu lo stai facendo con tuo figlio,
            che , giustamente, occupa una posizione di
            primaria importanza nella tua vita.

            Per quanto riguarda invece i contenuti
            della

            rete, anche io mi imbatto in siti che

            tentano di offendermi, bada bene ,
            tentano,

            perchè con un click del mouse sono
            altrove.

            La rete è anche questo : la libertà di

            scegliere ciò che m'interessa che non

            necessariamente corrisponde a ciò che

            interessa te e gli altri milioni di utenti

            collegati.



            Senza considerare un altro aspetto, a mio

            avviso, fondamentale alla natura della
            rete

            : legittimare la censura significa

            legittimare l'operato di qualcuno che si

            arroga il diritto di decidere ciò che è

            giusto diffondere, di conseguenza io e te

            siamo qui a discutere solamente perchè

            questo qualcuno oggi ce lo permette..... e

            domani ?



            Non hai però risposto al resto
          • Anonimo scrive:
            Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
            Se non ti ho risposto è perchè non avevo nulla di interessante da dirti a riguardo. Non trovi? L'unica cosa che voglio aggiungere è che sono fermamente convinto che la rete vada regolamentata, impedendo a chiunque di inserire qualunque contenuto gli passi per la mente. Questo perchè essendo un importante canale mediatico esercita sulle persone una forte pressione e come tale va regolamentato. Se una importante società pubblicitaria creasse una pubblicità dove si deride una religione...dove compaiono bestemmie...atti osceni...etc...e attaccasse tali manifesti pubblicitari negli appositi spazi ai bordi delle strade tu saresti contento se queste cose offendessero il tuo pudore? Penso di no...E' vero che se non le vuoi guardare ti volti...certo...però non ti infastidirebbe ugualmente la cosa? Dal censurare questo...al censurare altre pubblicità c'è molta differenza. Qui si tratta i censurare qualcosa che va contro a quel sentimento che "normalmente" è riconosciuto come morale civile...di ogni persona....o meglio che quasi ogni persona possiede. E guarda bene che questo non significa combattere il "diverso"...o "l'anormale" inteso come "non-normale"...(concetto peraltro molto ma molto difficile)...ma combattere il "perverso"...Accettare come normali siti come eretico.com significa abituarsi all'idea di convivere con i contenuti che promuoveva...L'abitudine alle cose è molto deleteria...Perchè poi queste finiscono per non "infastidirti" più...e così sei pronto ad abituarti ad altre cose ben più "abominevoli"...E concludo dicendo che la nostra società si sta abituando un pò troppo...- Scritto da: Abele


            - Scritto da: chobin

            Sono PERFETTAMENTE D'ACCORDO CON TE sul

            fatto che non dobbiamo demandare ad altri
            le

            nostre responsabilità. E' vero...i primi

            responsabili di quelle che io ho chiamato

            "categorie deboli" siamo proprio noi! Però

            anche una censura di questo tipo può
            essere

            un modo per tutelarli. Di certo non deve

            sostituire assolutamente la presenza dei

            genitori quando i figli navigno sulla
            rete.

            Ma la può accompagnare. Spesso però molte

            persone non ragionano come te...e
            purtroppo

            mettono i loro figli come ultimo impegno
            del

            giorno...se rimane tempo. Questa è
            purtroppo

            una realtà. Ed è nella presa di coscienza
            di

            questa "cruda" realtà che io vedo un tipo
            di

            censura come quella fatta ad eretico.com

            "giusta". La censura non è di certo il
            mezzo

            migliore per costruire una civiltà più

            umana, attenta e rispettosa di certi
            valori

            ... ma a volte se non abusata e

            strumentalizzata può avere effetti

            positivi...E' un pò come togliere le
            erbacce

            dall'orto. Anche se io sono dell'idea che
            il

            modo migliore per tutelare i bambini sia

            quello di accompagnarli in ogni passo e

            momento della loro crescita cercando di

            insegnare loro a discernere ciò che può

            essere bene da ciò che può essere male.

            L'importante è che sviluppino e maturini

            questa capacità critica. E da quel poco
            che

            mi è parso di capire in questo scambio di

            battute tu lo stai facendo con tuo figlio,

            che , giustamente, occupa una posizione di

            primaria importanza nella tua vita.


            Per quanto riguarda invece i contenuti

            della


            rete, anche io mi imbatto in siti che


            tentano di offendermi, bada bene ,

            tentano,


            perchè con un click del mouse sono

            altrove.


            La rete è anche questo : la libertà di


            scegliere ciò che m'interessa che non


            necessariamente corrisponde a ciò che


            interessa te e gli altri milioni di
            utenti


            collegati.





            Senza considerare un altro aspetto, a
            mio


            avviso, fondamentale alla natura della

            rete


            : legittimare la censura significa


            legittimare l'operato di qualcuno che
            si


            arroga il diritto di decidere ciò che è


            giusto diffondere, di conseguenza io e
            te


            siamo qui a discutere solamente perchè


            questo qualcuno oggi ce lo
            permette..... e


            domani ?







            Non hai però risposto al resto
          • Anonimo scrive:
            Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
            - Scritto da: chobin
            Se non ti ho risposto è perchè non avevo
            nulla di interessante da dirti a riguardo.
            Non trovi?
            L'unica cosa che voglio aggiungere è che
            sono fermamente convinto che la rete vada
            regolamentataFinalmente l'hai detto, il resto non conta le argomentazioni che adduci sono come i grattacieli costruiti sulla sabbia.
          • Anonimo scrive:
            Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
            - Scritto da: chobin

            L'unica cosa che voglio aggiungere è che
            sono fermamente convinto che la rete vada
            regolamentataDa chi? Dagli stessi che ci passano per vere notizie false? Dagli stessi che contribuiscono ad educare i bambini con la violenza?Dagli stessi che spacciano pubblicità per cultura?No grazie!!Non sarebbe meglio educare la gente al libero arbitrio?Ciao Marco
          • Anonimo scrive:
            Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
            Forse andrebbe regolamentata dalla gente che ogni giorno per un motivo o per l'altro ne fa uso....ed è stanca di sentirsi continuamente offesa, di vedere continuamente sputare sopra a ciò in cui si crede...Forse siamo noi che dobbiamo impegnarci nella regolamentazione di Internet...Con questo non voglio dire che "noi" siamo i soli ad avere quel buonsenso per poter decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato...Però noi...prima di altri ci siamo sdegnati e ci sentiamo offesi ogni giorno capitando, per caso, su certi siti...e quindi tocca a noi, prima di altri dire la nostra...- Scritto da: Marco


            - Scritto da: chobin


            L'unica cosa che voglio aggiungere è
            che

            sono fermamente convinto che la rete vada

            regolamentata

            Da chi?
            Dagli stessi che ci passano per vere notizie
            false?
            Dagli stessi che contribuiscono ad educare i
            bambini con la violenza?
            Dagli stessi che spacciano pubblicità per
            cultura?
            No grazie!!

            Non sarebbe meglio educare la gente al
            libero arbitrio?

            Ciao Marco


          • Anonimo scrive:
            Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
            - Scritto da: chobin

            Forse andrebbe regolamentata dalla gente che
            ogni giorno per un motivo o per l'altro ne
            fa uso....ed è stanca di sentirsi
            continuamente offesa, di vedere
            continuamente sputare sopra a ciò in cui si
            crede...Forse siamo noi che dobbiamo
            impegnarci nella regolamentazione di
            Internet...Con questo non voglio dire che
            "noi" siamo i soli ad avere quel buonsenso
            per poter decidere cosa è giusto e cosa è
            sbagliato...Però noi...prima di altri ci
            siamo sdegnati e ci sentiamo offesi ogni
            giorno capitando, per caso, su certi
            siti...e quindi tocca a noi, prima di altri
            dire la nostra...Il sommo poeta diceva "non ti curar di loro, ma guarda e passa".E' questa l'arma che si ha per combattere il cattivo gusto di tale "informazione" che troviamo in giro, non solo nella Rete quindi.Ripeto : pur concordando pienamente con te sul non-contenuto di gattobonsai, ritengo che la migliore censura sia scappare immediatamente dal sito e, sopratutto, evitare di fargli tutta la pubblicità che sta ricevendo gratis in questo momento (guarda la home page del sito della colò).P.S. Io lavoro con la rete e ne ho trovati di siti spazzatura ma non mi sono mai sognato di chiuderne nemmeno uno
    • angela liguori scrive:
      Re: LIBERTA' DI ESPRESSIONE
      SCusa, per favore potresti indicarmi quali sono i siti ipo ereticus che è stato chiuso? io non riesco a trovarne. Grazie. W la ragione.
  • Anonimo scrive:
    ancora la censura religiosa
    ancora una volta viene adoperata la censura da parte delle istituzioni ecclesiastiche cattoliche che tendono a criminalizzare le religioni non cristiane. Viene ancora una volta violanto un diritto costituzionale, quello della libertà di parola, e forse anche quello di religione. Non aspettiamoci molto dal governo Berlusconi, che tendo a identificare come una forza reazionaria, piuttosco sfaciamo il sito del vaticano!
    • Anonimo scrive:
      Re: ancora la censura religiosa
      Ti sembra forse libertà di parola quella di eretico.com ? La libertà, ricordati, arriva fino a dove inizia quella del tuo prossimo, cioè fino a quando non offendi e calpesti chi vive con te su questa terra. La decisione di chiudere eretico.com non è assolutamente legata ad una lotta da parte del Vaticano contro le altre religioni...ma al fatto che i contenuti del sito erano altamente offensivi per molte persone. Se tu fossi informato dei fatti sapresti anche che l'attuale Papa si sta muovendo in una direzione di forte unificazione tra tutte le religioni...cercando gli elementi che possono unire e non quelli che dividono. In questo contesto ha pubblicamente chiesto scusa per gli errori del passato.- Scritto da: Luca
      ancora una volta viene adoperata la censura
      da parte delle istituzioni ecclesiastiche
      cattoliche che tendono a criminalizzare le
      religioni non cristiane. Viene ancora una
      volta violanto un diritto costituzionale,
      quello della libertà di parola, e forse
      anche quello di religione. Non aspettiamoci
      molto dal governo Berlusconi, che tendo a
      identificare come una forza reazionaria,
      piuttosco sfaciamo il sito del vaticano!
    • Anonimo scrive:
      Re: ancora la censura religiosa
      Ma guarda che la libertà non vuol mica poter insultare chiunque!Se un sito si mette a insultare gratuitamentequalcuno questi ha il diritto di protestare e di farlo smettere!Qui il fanatico non mi sembra tanto il vaticano ma tu! sei tu che non rispetti il diritto deglialtri!IMpara a rispettare il diritto degli altri primadi pretendere che gli altri lo facciano x te!Ciao
  • Anonimo scrive:
    C'E' POSTA PER TE. (ALIEN)
    Caro Alien,smettira di scrivere cazzate di religione e politica che ne capisci meno di una lumaca col Parkinson.Va, e annuncia ai quattro venti: la FIAT e' proprietaria del piu' potente cluster Linux d'Italia, 24 processori al momento, ma presto superera' i 100.EPS: sentirti parlare di religione e censura nel paese piu' libero e piu' votato alla menzogna al mondo fai venire il torcibudella.
    • Anonimo scrive:
      Re: C'E' POSTA PER TE. (ALIEN)
      - Scritto da: Larry
      Caro Alien,
      smettira di scrivere cazzate di religione e
      politica che ne capisci meno di una lumaca
      col Parkinson.CIAO Larry.BUONA QUESTA.La lumaca col Parkinson la mandiamo a fare un tuffo nelle piscina di lourdes, forse guarisce.UHAUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU
      Va, e annuncia ai quattro venti: la FIAT e'
      proprietaria del piu' potente cluster Linux
      d'Italia, 24 processori al momento, ma
      presto superera' i 100.DOVE CAZZO L' HAI BECCATA QUESTA NOTIZIA???POSSIBILE???? DIRTI LA VERITA' L' AVVOCATO MI STAVA SIMPATICO, SE LA NOTIZIA FOSSE VERA, NON MI MERAVIGLIEREI VISTA L' OPINIONE CHE AVEVO DELL' AVVOCATO.BEN RIPOSTA, SE VERO QUELLO CHE DICI.








      EPS: sentirti parlare di religione e censura
      nel paese piu' libero e piu' votato alla
      menzogna al mondo fai venire il
      torcibudella.LO SO, MA A VOLTE, A VEDERE CERTI UTONTI CHE DICONO DI ESSERE STATI MIRACOLATI IN TIVVU MI VIENE IL VOLTASTOMACO.E NEGLI ULTIMI ANNI, RAI E MEDIASET CI DANNO SOTTO, LEGGI "MIRACOLI" E "LA PIAZZA DEL VILLAGGIO" ETC.UAHUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUA ME QUEGLI UTONTI MI FANNO VENIRE IL TORCIBUDELLA DALLE GHINATE CHE MI FACCIO.
  • Anonimo scrive:
    x la Redazione di P.I.
    A proposito di sequestro per vilipendio:http://valeoggi.tiscali.it/valesabato/200107/07/3b469872062fa/Ma lo sapete che si parla anche di voi?
    • Anonimo scrive:
      Re: x la Redazione di P.I.
      - Scritto da: dfsx
      A proposito di sequestro per vilipendio:

      http://valeoggi.tiscali.it/valesabato/200107/

      Ma lo sapete che si parla anche di voi?E' vero, si vede che PI ha un peso se viene nominato dal quel tizio giornalista in pensione fan di Padre Pio.E' contento che lo fanno santo.A me non me ne frega niente se lo fanno santo; commetto un reato a dirlo???Boh...............
      • Anonimo scrive:
        Re: x la Redazione di P.I.
        quell'articolo dice pure che un sito e' un prodotto editoriale e... di conseguenza...la censura avanza anche sul piano culturale.presto avremo tutti dei bollini. o saremo all'estero.- Scritto da: Alien


        - Scritto da: dfsx

        A proposito di sequestro per vilipendio:




        http://valeoggi.tiscali.it/valesabato/200107/



        Ma lo sapete che si parla anche di voi?

        E' vero, si vede che PI ha un peso se viene
        nominato dal quel tizio giornalista in
        pensione fan di Padre Pio.
        E' contento che lo fanno santo.
        A me non me ne frega niente se lo fanno
        santo; commetto un reato a dirlo???
        Boh...............
        • Anonimo scrive:
          Re: x la Redazione di P.I.
          - Scritto da: matteo je suis
          quell'articolo dice pure che un sito e' un
          prodotto editoriale e... di conseguenza...

          la censura avanza anche sul piano culturale.
          presto avremo tutti dei bollini. o saremo
          all'estero.

          - Scritto da: Alien





          - Scritto da: dfsx


          A proposito di sequestro per
          vilipendio:








          http://valeoggi.tiscali.it/valesabato/200107/





          Ma lo sapete che si parla anche di voi?



          E' vero, si vede che PI ha un peso se
          viene

          nominato dal quel tizio giornalista in

          pensione fan di Padre Pio.

          E' contento che lo fanno santo.

          A me non me ne frega niente se lo fanno

          santo; commetto un reato a dirlo???

          Boh...............

          -------------ringrazia chi apoposto la legge!
    • Anonimo scrive:
      Re: x la Redazione di P.I.
      - Scritto da: dfsx
      A proposito di sequestro per vilipendio:

      http://valeoggi.tiscali.it/valesabato/200107/

      Ma lo sapete che si parla anche di voi?30 anni di carta stampata........ sai quanti culi avrà leccato ?Come pretendere che dei giornalisti critichino una legge che difende i loro interessi, e sopratutto si scaglino contro il sequestro di un sito altamente offensivo della religione cattolica ? Badate bene cattolica, avrei voluto vedere se al posto del papa o padre pio avessero offeso gli imam o i dalai-lama, cosa ne avrebbero scritto queste illustri penne.Bleah ! Sempre più in basso....ma quando arriva il fondo ?
    • Anonimo scrive:
      Re: x la Redazione di P.I.
      DOVE E' CHITI ??????????http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=53716&fid=36695- Scritto da: dfsx
      A proposito di sequestro per vilipendio:

      http://valeoggi.tiscali.it/valesabato/200107/

      Ma lo sapete che si parla anche di voi?
  • Anonimo scrive:
    Pro eretico.com
    Se vi siete espressi a favore della chiusura di eretico.com siete solo dei cattofascisti schifosie viscidi...avete tutto il mio odio.I cappuccini sono una potenza economica,Padre Pioera un invasato(tutto il mio disprezzo) e la legge sull'editoria ve la meritate...brutti figli di puttana...ognuno è libero di esprimere,vilipendere,quel che cazzo vuole...Quell'idiota bastardo che ha scritto che internetva regolata muoia di cancro!!!PAdre Pio Bastardo!!!Vaticano in fiamme!!!Internetlibera!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pro eretico.com
      - Scritto da: PINGUINO
      Se vi siete espressi a favore della chiusura
      di eretico.com siete solo dei cattofascisti
      schifosi
      e viscidi...avete tutto il mio odio.
      I cappuccini sono una potenza
      economica,Padre Pio
      era un invasato(tutto il mio disprezzo) e la
      legge sull'editoria ve la meritate...brutti
      figli di puttana...ognuno è libero di
      esprimere,vilipendere,quel che cazzo
      vuole...
      Quell'idiota bastardo che ha scritto che
      internet
      va regolata muoia di cancro!!!Speriamo che tu non sia uno di quelli che si definiscono pacifisti.Credo che PI dovrebbe bloccare troll come questi.In ogni caso non ribatterò nè alle tue offese nè al tuo simpatico augurio. E' evidente che non ti rendi nemmeno conto di ciò che dici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pro eretico.com
      E' solo uno di quei 14-16enni (brufolosi) che non riesce a scopare, e si sfoga cosi....Anch'io ero cosi' alla sua eta', solo, non c'era internet. (per fortuna)
  • Anonimo scrive:
    ANCORA UNA VOLTA........
    Ancora una volta sia Punto Informatico che tanti altri sbagliano tiro e misura.Bene ha fatto la Magistratura a intervenire usando anche strumentalmente la legge sull'editoria.Che forse in virtù della libertà di opinione e di espressione è lecito usare internet anche per la pedofilia?Sarebbe plausibile che si usasse un sito web per istigare al furto o all'omicidio o a qualunque altro delitto perseguibile penalmente?E per la taumaturgica libertà di internet dovremmo forse rivedere il codice penale ed altre regole della convivenza civile?La libertà di ciascuno di noi inizia e finisce dove comincia e finisce la libertà di un nostro consimile e non solo. Pertanto non esiste libertà assoluta ma relativa: queste sono le regole della democrazia e del civismo.FICCATEVELO BENE IN TESTA TUTTI, PUNTO INFORMATICO PER PRIMO.Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: ANCORA UNA VOLTA........
      Vedi... mio caro..quello che non hai capito, o forse non sai..e' che in rete è bene non porre limiti.tutte le volte che si è tentato di bloccare qualcosa che veniva messa in rete posi si è scatenato un putiferio...Dai un'okkiata ai siti warez, o agli hacker.... pefofilia, omicidi & c. non fanno parte della cultura di chi sta in rete, noi, del popolo di internet, siamo chi piu chi mendo.. degli anarchici con dei sani principi in testa, ma non e' mai bene tirare i sassi in testa al drago che dorme....
      • Anonimo scrive:
        Re: ANCORA UNA VOLTA........
        - Scritto da: - On The Net da parecchiosempre troppo poco al quanto pare......
        Vedi... mio caro..
        quello che non hai capito, o forse non sai..
        e' che in rete Ebene non porre limiti.
        tutte le volte che si Etentato di bloccare
        qualcosa che veniva messa in rete posi si E
        scatenato un putiferio...ecco, e` questa la civilta` di internet? creare putiferi???Vivere in una societa` significa sottostare a regole (buon senso), se queste regole non fanno per voi statevene fuori!

        Dai un'okkiata ai siti warez, o agli hacker.
        ... pefofilia, omicidi & c. non fanno parte
        della cultura di chi sta in rete, noi, del
        popolo di internet,offese gratuite invece fanno parte di internet????? Esattamente come la pedofilia! siamo chi piu chi
        mendo.. degli anarchici con dei sani
        principi in testa, ma non e' mai bene tirare
        i sassi in testa al drago che dorme....
    • Anonimo scrive:
      Re: ANCORA UNA VOLTA........
      - Scritto da: DEMOCRAZIA
      Ancora una volta sia Punto Informatico che
      tanti altri sbagliano tiro e misura.
      Bene ha fatto la Magistratura a intervenire
      usando anche strumentalmente la legge
      sull'editoria.
      Che forse in virtù della libertà di opinione
      e di espressione è lecito usare internet
      anche per la pedofilia?
      Sarebbe plausibile che si usasse un sito web
      per istigare al furto o all'omicidio o a
      qualunque altro delitto perseguibile
      penalmente?
      E per la taumaturgica libertà di internet
      dovremmo forse rivedere il codice penale ed
      altre regole della convivenza civile?
      La libertà di ciascuno di noi inizia e
      finisce dove comincia e finisce la libertà
      di un nostro consimile e non solo. Pertanto
      non esiste libertà assoluta ma relativa:
      queste sono le regole della democrazia e del
      civismo.
      FICCATEVELO BENE IN TESTA TUTTI, PUNTO
      INFORMATICO PER PRIMO.
      Saluti.Hai mai letto www.eretico.com??Se no, in base a cosa dici che hanno fatto bene a chiuderlo?? Al nome??Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: ANCORA UNA VOLTA........
        No, basta leggere le motivazioni del provvedimento:http://www.penale.it/giuris/meri_102.htm- Scritto da: Krecker

        Hai mai letto www.eretico.com??
        Se no, in base a cosa dici che hanno fatto
        bene a chiuderlo?? Al nome??
    • Anonimo scrive:
      Re: ANCORA UNA VOLTA........
      - Scritto da: DEMOCRAZIA
      Ancora una volta sia Punto Informatico che
      tanti altri sbagliano tiro e misura.
      Bene ha fatto la Magistratura a intervenire
      usando anche strumentalmente la legge
      sull'editoria.
      Che forse in virtù della libertà di opinione
      e di espressione è lecito usare internet
      anche per la pedofilia?
      Sarebbe plausibile che si usasse un sito web
      per istigare al furto o all'omicidio o a
      qualunque altro delitto perseguibile
      penalmente?
      E per la taumaturgica libertà di internet
      dovremmo forse rivedere il codice penale ed
      altre regole della convivenza civile?
      La libertà di ciascuno di noi inizia e
      finisce dove comincia e finisce la libertà
      di un nostro consimile e non solo. Pertanto
      non esiste libertà assoluta ma relativa:
      queste sono le regole della democrazia e del
      civismo.
      FICCATEVELO BENE IN TESTA TUTTI, PUNTO
      INFORMATICO PER PRIMO.
      Saluti.Te sei uno dei tanti UTONTI che non capiscono un cazzo.State sempre a nominare le stesse cose che vi hanno ficcato in testa preti invasati e media interessati; PEDOFILIA, ecc.INTENET non è questo, chi commette REATI DI PEDOFILIA deve essere perseguito e le LEGGI ci sono, basta che vengano correttamente applicate e non si fomenti la caccia al mostro mettendoci di mezzo persone che non c' entrano niente con la pedofilia.Te andresti bene a vivere in una dittaura, dove tutto va bene purchè non rompano le palle a te.La tua DEMOCRAZIA, tientela per quelli invasati come te.amen
    • Anonimo scrive:
      Re: ANCORA UNA VOLTA........
      D'accordo su tutto, tranne una cosa.Premesso che ritengo la legge 62/01 una PESSIMA legge e che ho firmato la petizione, ritengo che NON E' STATA l'applicazione della legge in questione a permettere il sequestro del sito e cerco di motivarlo:Il sequestro non è stato effettuato ai sensi di un qualsiasi articolo della legge 62/2001, ma perchè è stato applicato l'art.403 del C.P.L'applicazione delle norme sulla stampa, poteva semmai rappresentare un "aiuto", è proprio in relazione alla equiparazione ai prodotti editoriali infatti che viene citato l'art.2 della legge 47/48:"considerato che per l'applicazione dell'art. 2 della l. n. 47/48 ai prodotti editoriali si deve ritenere che gli stessi siano equiparati, anche ai fini penali, alla disciplina riservata alla stampa e alle conseguenti maggiori garanzie ad essa attribuite in virtù della importante funzione svolta in una società democratica dai mezzi di comunicazione di massa, dei quali internet fa parte a pieno titolo"...NOTA BENE: "...e alle conseguenti maggiori garanzie ad essa attribuite...".Questo punto sembrerebbe quindi preludere alla piena applicazione delle norme sulla stampa e quindi al sequestro "ammesso che fosse possibile" di sole TRE copie, MA, attenzione: il sequestro delle TRE copie non è possibile PROPRIO PER MANCANZA DI CHIAREZZA DELLA LEGGE 62/01, si legge infatti:"ritenuto che di conseguenza non trova applicazione l'art. 1 del R.D.L. n. 561/46 che limita a tre copie il sequestro degli stampati disposto dal giudice penale, poiché si tratta di norma non richiamata dall'art. 1 l. n. 62/01". La legge 62/01 NON CONTIENE un richiamo all'art.1 del R.D.L. n.561/46. Viene quindi sequestrato TUTTO il sito. Ma NOTARE l'ultima parte:"considerato che, anche ove si volesse riconoscere l'applicabilità del R.D.L. n.° 561\46, in ogni caso trattandosi di informazioni con contenuto palesemente osceno e offensivo della pubblica decenza per la violazione dell'art. 403 c.p. l'art. 2 del medesimo R.D.L. n.° 561\46 consentirebbe la deroga al numero di copie da sottoporre a sequestro e quindi la possibilità di sequestrare il sistema informatico attraverso il quale è consentita l'immissione in linea su rete informatica dei dati che generano il contenuto del sito rendendolo accessibile a una molteplicità di persone indeterminata;"Anche nel caso quindi si fosse potuto applicare la norma prevista dall'art. 1 del R.D.L. n.561/46 (cosa che non è stata fatta), questo sarebbe stato comunque superato dal fatto che trattasi di contenuti PALESEMENTE OSCENI E OFFENSIVI DELLA PUBBLICA DECENZA, e pertanto anche in quel caso sarebbe stato ordinato il sequestro TOTALE.CASA C'ENTRA QUINDI LA LEGGE 62/01? Semmai, chi non è d'accordo con il sequestro, dovrebbe chiedere l'abrogazione del codice penale... O perlomeno di quelle norme di esso che non consentono l'impunità (da tanti invocata) per chi offende.- Scritto da: DEMOCRAZIA
      Ancora una volta sia Punto Informatico che
      tanti altri sbagliano tiro e misura.
      Bene ha fatto la Magistratura a intervenire
      usando anche strumentalmente la legge
      sull'editoria.
      Che forse in virtù della libertà di opinione
      e di espressione è lecito usare internet
      anche per la pedofilia?
      Sarebbe plausibile che si usasse un sito web
      per istigare al furto o all'omicidio o a
      qualunque altro delitto perseguibile
      penalmente?
      E per la taumaturgica libertà di internet
      dovremmo forse rivedere il codice penale ed
      altre regole della convivenza civile?
      La libertà di ciascuno di noi inizia e
      finisce dove comincia e finisce la libertà
      di un nostro consimile e non solo. Pertanto
      non esiste libertà assoluta ma relativa:
      queste sono le regole della democrazia e del
      civismo.
      FICCATEVELO BENE IN TESTA TUTTI, PUNTO
      INFORMATICO PER PRIMO.
      Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Ci penserà Berlusconi
    Per fortuna ha vinto la Casa delle LibertàCosì adesso queste leggi liberticide saranno abolite, e eretico.com potrà riaprireInternet potrà essere libera solo con il liberismo, basta lacci e lacciuoli, burocrazia e regolamentiAbbasso i comunistiViva il PoloViva la Padania libera
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci penserà Berlusconi
      - Scritto da: Luke
      Per fortuna ha vinto la Casa delle Libertà

      Così adesso queste leggi liberticide saranno
      abolite, e eretico.com potrà riaprire

      Internet potrà essere libera solo con il
      liberismo, basta lacci e lacciuoli,
      burocrazia e regolamenti

      Abbasso i comunisti

      Viva il Polo

      Viva la Padania liberaCome si usa allo stadio: SC.MOOO!....SC.MOOOOOO!!!......SC.MOOOOOOOOOOO!!!!Una mente atrofizzata, paranoica come la tua cosaltro può meritare?Tuttavia vedremo se questo Governo interverrà.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci penserà Berlusconi
        Perchè sc.moo?E' vero che la legge è stata approvata da uno schieramento trasversale, ma sono convinto che la petizione troverà comunque in questo governo orecchi più sensibili e menti più 'aperte' (rileggi gli interventi di qualche mese fa di esponenti del precedente governo!).- Scritto da: PELO


        - Scritto da: Luke

        Per fortuna ha vinto la Casa delle Libertà



        Così adesso queste leggi liberticide
        saranno

        abolite, e eretico.com potrà riaprire



        Internet potrà essere libera solo con il

        liberismo, basta lacci e lacciuoli,

        burocrazia e regolamenti



        Abbasso i comunisti



        Viva il Polo



        Viva la Padania libera

        Come si usa allo stadio:
        SC.MOOO!....SC.MOOOOOO!!!......SC.MOOOOOOOOOO
        Una mente atrofizzata, paranoica come la tua
        cosaltro può meritare?
        Tuttavia vedremo se questo Governo
        interverrà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci penserà Berlusconi
      - Scritto da: Luke
      Per fortuna ha vinto la Casa delle Libertà

      Così adesso queste leggi liberticide saranno
      abolite, e eretico.com potrà riaprire

      Internet potrà essere libera solo con il
      liberismo, basta lacci e lacciuoli,
      burocrazia e regolamenti

      Abbasso i comunisti

      Viva il Polo

      Viva la Padania liberaSperiamo che Berlusconi riapra i manicomi, tanti sono i padani liberi da rinchiudere, sarebbe un'ottima occasione per creare nuovi posti di lavoro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci penserà Berlusconi

        Per fortuna ha vinto la Casa delle Libertà



        Così adesso queste leggi liberticide
        saranno

        abolite, e eretico.com potrà riaprireCon gente del calibro di casini e buttiglione nella maggioranza?seee... come no...con personaggi del genere è più probabile che istituiscano il pubblico rogo del server...capisco la pura fede di parte, ma politicamente mi sembri un illuso...
    • angela liguori scrive:
      Re: Ci penserà Berlusconi
      Ma cosa dici?? Sei impazzito??
  • Anonimo scrive:
    Ricollocazione simbolica
    Eretico.com mescola le icone che ci vengono sbattute in faccia dai media(vedi p.pio)e lo fa con lo spirito laico di chi vede in esse immaginidi dominio pubblico, quindi legittimamente ricollocabili.Non va a bruciare le chiese eretico.com ma sfida la chiesa nel campo mediatico che essa stessa ha scelto per la sua propaganda.La guerriglia semiologica e' aperta:non ci possono bombardare di messe di beatificazione,last minutes per s.giovanni rotondo,fiction,papa boys, e poi impedirci di farne un nostro collage interpretativo.ma vaffanculo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricollocazione simbolica
      - Scritto da: Kaneblasonato
      Eretico.com mescola le icone che ci vengono
      sbattute in faccia dai media(vedi p.pio)e lo
      fa con lo spirito laico di chi vede in esse
      immagini
      di dominio pubblico, quindi legittimamente
      ricollocabili.Non va a bruciare le chiese
      eretico.com ma sfida la chiesa nel campo
      mediatico che essa stessa ha scelto per la
      sua propaganda.La guerriglia semiologica e'
      aperta:
      non ci possono bombardare di messe di
      beatificazione,last minutes per s.giovanni
      rotondo,fiction,papa boys, e poi impedirci
      di farne un nostro collage interpretativo.
      ma vaffanculo! mi associo,VAFFANCULO!
  • Anonimo scrive:
    netWork-DS prende posizione contro la censura
    Caso Eretico.com: netWork-DS prende posizione contro la censura in reteLa recente ordinanza del GIP tribunale di Latina che ha chiuso il sito Eretico.com desta in noi serie preoccupazioni. Al di là della censurabilità o meno dei contenuti del sito, non possiamo che esprimere allarme per la motivazione dell?ordinanza che richiama la legge sull?editoria (62/2001).La legge sull?editoria ha, come più volte chiarito dagli stessi promotori, l?unico scopo di estendere e migliorare gli interventi a favore del settore, prevedendo che anche i siti internet di tipo informativo possano usufruire delle agevolazioni e dei finanziamenti di cui godono i prodotti editoriali cartacei. La legge non ha quindi lo scopo di estendere ai siti internet le disposizioni restrittive sulla stampa, come invece l?ordinanza nei fatti dispone. Non vorremmo che, sulla base di tale interpretazione, si intervenisse contro i siti di associazioni antagoniste (come ad esempio quelle che fanno parte del movimento anti-G8) con la scusa della mancata indicazione del direttore responsabile.Non vogliamo pensare che, con il cambio di maggioranza di governo, qualche magistrato troppo zelante utilizzi leggi varate a tutt?altro scopo per imbrigliare il dissenso politico, anche quando questo si esprime in modo non gradito a chi detiene il potere.Avevamo già segnalato l?esigenza, su questo punto, di una maggiore chiarezza, attraverso una interpretazione autentica da parte del parlamento.Sollecitiamo pertanto i gruppi dei DS e quelli dell?Ulivo a farsi promotori di una iniziativa che chiarisca, una volta e per sempre, questa spinosa questione.Sito web: www.nwork.itContatto: G.Iodice, v.presidente nazionale netWork-DS 338 9977034 ? iodice@nwork.it
    • Anonimo scrive:
      Re: netWork-DS prende posizione contro la censura
      - Scritto da: netWork-DS
      Caso Eretico.com: netWork-DS prende
      posizione contro la censura in rete

      La recente ordinanza del GIP tribunale di
      Latina che ha chiuso il sito Eretico.com
      desta in noi serie preoccupazioni. Al di là
      della censurabilità o meno dei contenuti del
      sito, non possiamo che esprimere allarme per
      la motivazione dell?ordinanza che richiama
      la legge sull?editoria (62/2001).
      La legge sull?editoria ha, come più volte
      chiarito dagli stessi promotori, l?unico
      scopo di estendere e migliorare gli
      interventi a favore del settore, prevedendo
      che anche i siti internet di tipo
      informativo possano usufruire delle
      agevolazioni e dei finanziamenti di cui
      godono i prodotti editoriali cartacei. La
      legge non ha quindi lo scopo di estendere ai
      siti internet le disposizioni restrittive
      sulla stampa, come invece l?ordinanza nei
      fatti dispone.

      Non vorremmo che, sulla base di tale
      interpretazione, si intervenisse contro i
      siti di associazioni antagoniste (come ad
      esempio quelle che fanno parte del movimento
      anti-G8) con la scusa della mancata
      indicazione del direttore responsabile.
      Non vogliamo pensare che, con il cambio di
      maggioranza di governo, qualche magistrato
      troppo zelante utilizzi leggi varate a
      tutt?altro scopo per imbrigliare il dissenso
      politico, anche quando questo si esprime in
      modo non gradito a chi detiene il potere.

      Avevamo già segnalato l?esigenza, su questo
      punto, di una maggiore chiarezza, attraverso
      una interpretazione autentica da parte del
      parlamento.
      Sollecitiamo pertanto i gruppi dei DS e
      quelli dell?Ulivo a farsi promotori di una
      iniziativa che chiarisca, una volta e per
      sempre, questa spinosa questione.

      Sito web: www.nwork.it
      Contatto: G.Iodice, v.presidente nazionale
      netWork-DS 338 9977034 ? iodice@nwork.it
      potevate pensarci prima.....
    • Anonimo scrive:
      Re: netWork-DS prende posizione contro la censura
      - Scritto da: netWork-DS
      Caso Eretico.com: netWork-DS prende
      posizione contro la censura in rete

      Avevamo già segnalato l?esigenza, su questo
      punto, di una maggiore chiarezza, attraverso
      una interpretazione autentica da parte del
      parlamento.
      Sollecitiamo pertanto i gruppi dei DS e
      quelli dell?Ulivo a farsi promotori di una
      iniziativa che chiarisca, una volta e per
      sempre, questa spinosa questione.

      Sito web: www.nwork.it
      Contatto: G.Iodice, v.presidente nazionale
      netWork-DS 338 9977034 ? iodice@nwork.itè DECISAMENTE tardiva, quest'iniziativa.e mi suona moooolto male. Pensarci prima, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: netWork-DS prende posizione contro la censura
      Ma guardate che la legge sull'editoria e' nata proprio sotto un Governo di centro sinistra.Visto che eravate voi a comandare perche' l'avete votata e approvata?E' stato un grosso "AUTOGOL" da parte vostra.- Scritto da: netWork-DS
      Caso Eretico.com: netWork-DS prende
      posizione contro la censura in rete
    • Anonimo scrive:
      Re: netWork-DS prende posizione contro la censura
      Risposta alle critiche:la nostra associazione ha preso posizione già quando scoppiò il caso chiedendo l'interpretazione autentica della norma. Poi la legislatura finì e non si fece in tempo.(vedi il sito www.nwork.it)Abbiamo chiesto ai gruppi parlamentari di farsi promotori di una interpretazione autentica che sgomberi il campo da ogni equivoco.Lo scopo della legge è quello di permettere anche ai siti di usufruire delle agevolazione per la stampa. Purtroppo la formulazione non chiara lascia il campo all'equivoco. Per questo abbiamo chiesto l'interpretazione da parte del parlamento.
      • Anonimo scrive:
        Re: netWork-DS prende posizione contro la censura
        Bè, complimenti!? Avete le idee chiare e siete un gruppo unito! Bravi, ottimo risultato.- Scritto da: Guido Iodice
        Risposta alle critiche:

        la nostra associazione ha preso posizione
        già quando scoppiò il caso chiedendo
        l'interpretazione autentica della norma. Poi
        la legislatura finì e non si fece in tempo.
        (vedi il sito www.nwork.it)

        Abbiamo chiesto ai gruppi parlamentari di
        farsi promotori di una interpretazione
        autentica che sgomberi il campo da ogni
        equivoco.

        Lo scopo della legge è quello di permettere
        anche ai siti di usufruire delle
        agevolazione per la stampa. Purtroppo la
        formulazione non chiara lascia il campo
        all'equivoco. Per questo abbiamo chiesto
        l'interpretazione da parte del parlamento.
  • Anonimo scrive:
    eretico.com, ma chi lo conosce??
    Ragazzi, ma chi di voi che posta ha visto e letto il contenuto di eretico.com??Io purtroppo ho avuto la possibilita' di leggerne solo una decina, e sono arrivato ad una conclusione molto sicrodante dalla media di PI:Andava lsciato aperto.Viene presentata la bibbia sotto un altro aspetto, inequvocabilmente, ma sono sempre pezzi di bibbia che esistono, brutti ,trucidi, ma sono nella BIBBIA.Storpiare i nomi dei santi non e' bello, ma ragazzi tutta la satira funziona cosi'...Se chiudiamo eretico.com ai Monty Pithon che gli facciamo?? L'avete visto Brian di Nazzareth?? e a SuperFantozzi??Molto spesso la malafede sta negli occhi di chi guarda.Ripeto, per quel poco che ho potuto vedere non mi e' sembrato nulla piu' offensivo di accendere la TV e vedere un film dei fratelli vanzina.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Anche senza la nuova legge sarebbe successo
    Si attenda comunque la prima sentenza.
  • Anonimo scrive:
    La legge del cammello
    Nei paesi arabi, un famoso detto consiglia di non lasciare che i cammelli infilino il naso nelle tende. Si dice infatti che a quel punto gli animali si sentiranno obbligati ad entrare con tutta la mole del loro corpo.Non voglio esprimere giudizi sul suddetto sito (di cui peraltro non avevo mai sentito parlare).Spero solo che questi episodi di censura law-compliant non diventino (grazie al contributo di Tg e quotidiani ed al sostegno del governo) una nuova moda.Tutto cio' si aggiunge alle questioni assurde e infinite sulla generalizzazione dei "prodotti editoriali" e sul copyright. Siamo proprio messi bene ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: La legge del cammello
      Hai ragione,ma la famosa legge del cammello c'è anche per quanto riguarda le case discografiche e quelle del software.Quest'ultime che impongono persino prezzi assurdi sul software e poi si lamentano se c'è la pirateria!Non ho veramente parole!
  • Anonimo scrive:
    Forse è meglio fare una distinzione....
    La liberta di un uomo finisce nel momento in cui essa puo ledere quella del prossimo.Questo insegnamento che mi è stto dato vale per tutte le cose e per tutti gli uomini,di qualsiasi razza ,religione ,ceto sociale siano.La liberta di opinione è una cosa,il vilipendio un'altra.Fate bene attenzione a tale distinzione e cercate di essere critici e non farvi trasportare dalla massa come tante pecorelle.La censura è stupida,pero la sopportazione ha un limite...
    • Anonimo scrive:
      Re: Forse è meglio fare una distinzione....
      Sono d'accordo. Peccato che in questo news ci sono parecchi che, al posto di ragionare con la propria testa e arrivare a una qualche considerazione costruttiva, sputano addosso a qualsiasi forma di legge e potere, solo perchè sono "aternativi" e pro una falsa libera espressione.- Scritto da: iSa80
      La liberta di un uomo finisce nel momento in
      cui essa puo ledere quella del
      prossimo.Questo insegnamento che mi è stto
      dato vale per tutte le cose e per tutti gli
      uomini,di qualsiasi razza ,religione ,ceto
      sociale siano.
      La liberta di opinione è una cosa,il
      vilipendio un'altra.Fate bene attenzione a
      tale distinzione e cercate di essere critici
      e non farvi trasportare dalla massa come
      tante pecorelle.La censura è stupida,pero la
      sopportazione ha un limite...
      • Anonimo scrive:
        Re: Forse è meglio fare una distinzione....
        Anch'io sono della stessa opinione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Forse è meglio fare una distinzione....
          Io invece no.E non mi sento affatto una pecorella, cari amici. Sono convinto, e da tempo, dell'assurdità di una serie di leggi che hanno censurato film in cui un prete si toccava il naso in processione o incriminato qualcuno per aver oltraggiato la bandiera.Forse le distinzioni dovreste cominciare a farle pure voi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Forse è meglio fare una distinzione....
            - Scritto da: @mat
            Io invece no.

            E non mi sento affatto una pecorella, cari
            amici. Sono convinto, e da tempo,
            dell'assurdità di una serie di leggi che
            hanno censurato film in cui un prete si
            toccava il naso in processione o incriminato
            qualcuno per aver oltraggiato la bandiera.

            Forse le distinzioni dovreste cominciare a
            farle pure voi!Caro,quello che dici noin ha niente a che fare con quello che intendevo dire io!!!Rileggitelo meglio il mio messaggio!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Forse è meglio fare una distinzione....
            Ho riletto (giuro! ;-)Vediamo se ho capito bene... Chi sono le pecorelle? Quelli che non sanno distinguere tra vilipendio e libertà di espressione?Bhè, il vilipendio è una megatroiata ed un'offesa alla libertà di espressione.Sono una pecorella?
          • Anonimo scrive:
            Re: Forse è meglio fare una distinzione....
            No, sei un leone.Art. 403 C.P.: OFFESE ALLA RELIGIONE DELLO STATO MEDIANTE VILIPENDIO DI PERSONE.Non ti sta bene che un articolo del codice penale preveda il reato di offesa alla religione? Insultare chi la professa è per te irrinunciabile esercizio del tuo diritto a manifestare il tuo pensiero?Consideri altresì limitazione della tua libertà il non potere modificare - inserendovi organi genitali - immagini ritenute, da milioni di persone, degne di venerazione?La soluzione è semplice: ESPATRIA, recati in un paese dove queste cose sono tenute in poco conto, se non addirittura in spregio, e cambia nazionalità.Non hai che l'imbarazzo della scelta, personalmente ti consiglierei l'Afganistan, l'Arabia Saudita o, in subordine, l'Iran.- Scritto da: @mat
            Ho riletto (giuro! ;-)
            Vediamo se ho capito bene... Chi sono le
            pecorelle? Quelli che non sanno distinguere
            tra vilipendio e libertà di espressione?

            Bhè, il vilipendio è una megatroiata ed
            un'offesa alla libertà di espressione.

            Sono una pecorella?
          • Anonimo scrive:
            Re: Forse è meglio fare una distinzione....

            Non hai che l'imbarazzo della scelta,
            personalmente ti consiglierei l'Afganistan,
            l'Arabia Saudita o, in subordine, l'Iran.tre paesi nei quali c'e' il carcere o la morte per chi fa un sito come eretico.combasta andare in canada...
          • Anonimo scrive:
            Re: Forse è meglio fare una distinzione....

            Non ti sta bene che un articolo del codice
            penale preveda il reato di offesa alla
            religione?No.Primo, perché non esiste una religione di Stato. E dunque anche dire *cazzo di Budda* è un vilipendio.Secondo, perché i pensieri cattivi (e Eretico.com era una vera schifezza) rimangono. Chi si collegava a quel sito lo faceva per curiosità e per lo stesso motivo vi entrava (un avviso metteva in guardia i malcapitati delle oscenità presenti).Terzo, perché con le stesse norme si sono potuti censurare dei film, magari irriverenti, ma con il diritto di essere proiettati.Quarto, perché è un mio diritto sapere qual'è la realtà dei pensieri che mi circondano, che cosa pensa la gente. In maniera da poter scegliere su cosa (o meno) essere d'accordo. Esattamente come si sta a distanza di sicurezza da certi tipi *scoreggioni*. O vuoi mettere un reato anche per questa offesa?
            Consideri altresì limitazione della tua
            libertà il non potere modificare -
            inserendovi organi genitali - immagini
            ritenute, da milioni di persone, degne di
            venerazione?Considero un limite non aver potuto vedere la scena del film di Pasolini in cui un prete, in processione, si tocca il naso. Blasfemo!!!!
            La soluzione è semplice: ESPATRIA, recati in
            un paese dove queste cose sono tenute in
            poco conto, se non addirittura in spregio, e
            cambia nazionalità.Eeeeehhh, essaggerratto!
          • Anonimo scrive:
            Re: Forse è meglio fare una distinzione....
            - Scritto da: @mat

            Non ti sta bene che un articolo del codice

            penale preveda il reato di offesa alla

            religione?

            No.
            Primo, perché non esiste una religione di
            Stato. E dunque anche dire *cazzo di Budda*
            è un vilipendio.Purtroppo per te la religione di stato esiste almeno qui.Personalmente,come ho gia spiegato non farei mai qualcosa che potesse offendere chicchessia,di qualunque religione sia.Non mi interessa Offendere le immagini sacre del buddismo o dell'islamismo,o portare alla conversione chi non crede in certe cose.Li rispetto semplicemente,e mi aspetto la stessa cosa dagli altri.
            Secondo, perché i pensieri cattivi (e
            Eretico.com era una vera schifezza)
            rimangono. Chi si collegava a quel sito lo
            faceva per curiosità e per lo stesso motivo
            vi entrava (un avviso metteva in guardia i
            malcapitati delle oscenità presenti).Non mi pare una buona giustificazione
            Terzo, perché con le stesse norme si sono
            potuti censurare dei film, magari
            irriverenti, ma con il diritto di essere
            proiettati.Questo succedeva tanti tanti anni fa,smattila con sta storia dei films.ormai mi pare che non censurino piu niente(date le schifezze che si possono vedere)
            Quarto, perché è un mio diritto sapere
            qual'è la realtà dei pensieri che mi
            circondano, che cosa pensa la gente. In
            maniera da poter scegliere su cosa (o meno)
            essere d'accordo. Esattamente come si sta a
            distanza di sicurezza da certi tipi
            *scoreggioni*. O vuoi mettere un reato anche
            per questa offesa?Su questo hai ragione....ma puoi conoscere i pensieri della gente anche senza arrivare a offendere la sensibilita di qualcuno


            Considero un limite non aver potuto vedere
            la scena del film di Pasolini in cui un
            prete, in processione, si tocca il naso.
            Blasfemo!!!!
            E smattila con questo esempio limite,ormai non regge piu!!! Comunque non ti considero una pecorella,il fatto e che hai capito del mio messaggio solo questa parte e non il resto.Ciao!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Forse è meglio fare una distinzione....

            Purtroppo per te la religione di stato
            esiste almeno qui.Personalmente,come ho gia
            spiegato non farei mai qualcosa che potesse
            offendere chicchessia,di qualunque religione
            sia.Non mi interessa Offendere le immagini
            sacre del buddismo o dell'islamismo,o
            portare alla conversione chi non crede in
            certe cose.Li rispetto semplicemente,e mi
            aspetto la stessa cosa dagli altri.Ma non ti sei indignata per il *cazzo di Budda*... Niente di male, è la cultura che ci spinge ad accettare o meno certe espressioni o certi pensieri (rivolti ai simboli e non alle persone, si intende).Cmq, l'Italia è un paese laico e non esiste una religione di Stato.
            Non mi pare una buona giustificazioneA me sì.Se qualcuno disprezzasse talmente tanto la religione cattolica da sentire il desiderio di bestemmiare, se lo fa in piazza è un gran maleducato, ma se registra la bestemmia in un recorder, solo chi vuole ascoltarla schiaccia *play*!!!
            Questo succedeva tanti tanti anni
            fa,smattila con sta storia dei films.ormai
            mi pare che non censurino piu niente(date le
            schifezze che si possono vedere)E' solo la cultura che ha fatto crescere l'Italia da questo punto di vista, e non la legge!
            Su questo hai ragione....ma puoi conoscere i
            pensieri della gente anche senza arrivare a
            offendere la sensibilita di qualcunoE come faccio a conoscere i pensieri di eretico.com se non gli viene data la possibilità di esprimersi?
            Comunque non ti considero una pecorella,il
            fatto e che hai capito del mio messaggio
            solo questa parte e non il resto.No. Ho capito che la pensiamo in maniera differente e che dovresti sforzarti di accettarlo.Bye, @mat
  • Anonimo scrive:
    le leggi e l'uomo
    L'uomo si è dato un codice di leggi l fine di creare una società armonica nella quale non prevalga il caos. Non è possibile che in nome della libertà sconsiderata chiunque agisca secondo il suo volere. Se le elggi ci sono vanno rispettate, altrimenti si torna al tempo dei barbari.
  • Anonimo scrive:
    Fuori i censori dal "tempio" della libertà!
    La libertà in senso lato e la libertà di opinione, nel caso specifico, non devono e non possono avere dei limiti, dei confini. Là dove sorgono, la libertà come concetto filosofico e sociopolitico perde tutto il suo valore: non è più libertà.Chi crede nella libertà di pensiero, di espressione, sposa concetti di rispetto verso l'altrui pensiero, l'altrui forma espressiva, sopratutto non condividendo ma rispettando.Rispetto ... parola e concetto spesso dimenticato.Ci sono modi, specialmente attraverso al rete, per manifestare il proprio dissenso in libertà, aprendo un forum, un newsg, etc....ma sopratutto, se i contenuti di quel sito non mi interessano, non mi piacciono, etc.... non ci entro più, lo segnalo, etc. E' tempo che i censori ... escano dal tempio!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Fuori i censori dal
      Io posso rispettare che tu non creda in Dio o nella religione cattolica, che tu abbia altri miti o dei da seguire, ma non posso accettare che tu bestemmi ed offendi liberamente e sopratutto gratuitamente, visto che non ha alcun senso bestemmiare se non quello di offendere chi ti sta di fronte. Io non mi permetto di andare da un ebreo o da un induista ad offenderlo e a prendergli in giro la religione, eppure sono molto libero di pensare che quella religione non è la mia e che non sono d'accordo con chi la professa! Questo non è rispetto nei miei confronti e non è libertà di espressione e di pensiero: è solamente aggressività e voler imporre il tuo pensiero oltretutto in maniera molto irruente ed irrispettosa (vedi insulti e maleducazione che si trova a volontà in questi messaggi). Ciao- Scritto da: Sisco
      La libertà in senso lato e la libertà di
      opinione, nel caso specifico, non devono e
      non possono avere dei limiti, dei confini.
      Là dove sorgono, la libertà come concetto
      filosofico e sociopolitico perde tutto il
      suo valore: non è più libertà.
      Chi crede nella libertà di pensiero, di
      espressione, sposa concetti di rispetto
      verso l'altrui pensiero, l'altrui forma
      espressiva, sopratutto non condividendo ma
      rispettando.
      Rispetto ... parola e concetto spesso
      dimenticato.
      Ci sono modi, specialmente attraverso al
      rete, per manifestare il proprio dissenso in
      libertà, aprendo un forum, un newsg, etc.
      ...ma sopratutto, se i contenuti di quel
      sito non mi interessano, non mi piacciono,
      etc.... non ci entro più, lo segnalo, etc.
      E' tempo che i censori ... escano dal
      tempio!!!
  • Anonimo scrive:
    SE CENSURANO, VI RITENGONO NON CAPACI DI GIUDICARE
    Per me è così, se si censura è perchè non si ritiene la gente capace di giudicare da sola. In altre parole chi censura vi considera imbecilli.
    • Anonimo scrive:
      Re: SE CENSURANO, VI RITENGONO NON CAPACI DI GIUDICARE
      allora, secondo te, tutti sono capaci di distinguere: dal bimbo di tre anni in su.Mmmmm, idea brillante. Senti, fai un esperimento con tuo figlio. Fallo navigare liberamente anzi, fagli vedere i vari siti (sia positivi che negativi) e poi vedi un po' cosa ne tura fuori.Sono curioso...- Scritto da: Per me è così, se si censura è perchè non si
      ritiene la gente capace di giudicare da
      sola. In altre parole chi censura vi
      considera imbecilli.
  • Anonimo scrive:
    Non lo conoscevo prima di apprenderne il sequestro
    A dimostrazione di quanto questa legge faccia acqua da tutte le parti e di quanto poco certa gente abbia ancora capito di cosa e' veramente internet (cioe' un grande mare di compartimenti stagni nei quali ognuno naviga secondo le proprie personali e sacrosante preferenze).La censura ottiene invece sempre l'effetto contrario che si prefigge: far diventare ancora piu' noto al grande pubblico proprio cio' che magari prima era in effetti circoscritto ad una realta' molto ristretta; da poche migliaia di persone si arriva quindi a diffondere la notizia a centinaia di migliaia e a volte anche decine di milioni di persone (con la tv ad esempio), con effetti peggiori del "male" (male agli occhi loro).Invece di cercare di spiegare a queste persone le ragioni (se esistono) per cui e' meglio non visitare certi "siti", censurano.Dicono che la storia insegni, ma a quanto pare i vari periodi di proibizionismo del passato non sono serviti a fare imparare granche' a questi signori della gleba.Benvenuti nel Media Evo.
  • Anonimo scrive:
    Eretico.com: le pagine superstiti.
    ciao,navigando in rete ho trovato un link con le pagine che si sono salvate dalla follia della censura.Si tratta di pagine che rispecchiano idee anticlericali che non per questo debbono essere censurate.Per tutti coloro che hanno un cervello che funziona autonomamente e non necessitano che qualcuno dica loro cosa debbono o non debbono leggere, questo il link:www.geocities.com/ereticomirror/eretico.zipVIVA LA LIBERTA' DI PENSIERO.Grilloparlante
    • Anonimo scrive:
      Re: Eretico.com: le pagine superstiti.
      cliccando su "rispondi" per poter rispondere a questo post la pagina caricata conteneva questa dicitura"testi non devono contenere pubblicità, essere offensivi, ledere la dignità altrui......"quel sito, mi dispiace se non siete d'accordo, io lo ritenevo molto offensivo e tempo fa, quando ancora non si parlava di questa legge sull'editoria, io stessa ho segnalato al sito della chiesa cattolica, un sito a dir poco disgustoso sul tipo di eretico.com (non sto adesso qui a scrivere il link...)libertà di pensiero e di parola certo....ma non per questo noi andiamo in giro per strada offendendo persone o mortificando religioni o ingiuriando contro persone ...non vedo perchè questo si debba fare in internet....
      • Anonimo scrive:
        Re: Eretico.com: le pagine superstiti.
        - Scritto da: viperetta


        cliccando su "rispondi" per poter rispondere
        a questo post la pagina caricata conteneva
        questa dicitura
        "testi non devono contenere pubblicità,
        essere offensivi, ledere la dignità
        altrui......"

        quel sito, mi dispiace se non siete
        d'accordo, io lo ritenevo molto offensivo e
        tempo fa, quando ancora non si parlava di
        questa legge sull'editoria, io stessa ho
        segnalato al sito della chiesa cattolica, un
        sito a dir poco disgustoso sul tipo di
        eretico.com (non sto adesso qui a scrivere
        il link...)

        libertà di pensiero e di parola certo....ma
        non per questo noi andiamo in giro per
        strada offendendo persone o mortificando
        religioni o ingiuriando contro persone
        ...non vedo perchè questo si debba fare in
        internet....Perche' in internet se una cosa non la vuoi vedere sei libera di farlo, vedi il link eretico.com, gia' ti fai un idea del contenuto e non ci vai.Anche io non sono d'accordo col contenuto di quel sito, ma il chiuderlo mi ha dato un senzo di prepotenza alla Io sono la legge di Dredd.Sono molto convinto che se quel sito anzi che offendere (e poi mi pare che ci fosse poco di offensivo, direi che era piu' burlesco che offensivo) la religione cattolica avesso offesso una comunita' delgli indiani d'america nessuno avrebbe detto nulla.Hai letto il contenuto del sito?? Erano quasi tutte citazioni dalla bibbia, mirati a mettere in risalto il lato negativo, ma sempre parte della bibbia.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Eretico.com: le pagine superstiti.
          Metti in luce gli aspetti negativi del Corano, e vediamo se riesci ad arrivare alla fine di quest'anno .... vivo!- Scritto da: Krecker


          - Scritto da: viperetta





          cliccando su "rispondi" per poter
          rispondere

          a questo post la pagina caricata
          conteneva

          questa dicitura

          "testi non devono contenere pubblicità,

          essere offensivi, ledere la dignità

          altrui......"



          quel sito, mi dispiace se non siete

          d'accordo, io lo ritenevo molto offensivo
          e

          tempo fa, quando ancora non si parlava di

          questa legge sull'editoria, io stessa ho

          segnalato al sito della chiesa cattolica,
          un

          sito a dir poco disgustoso sul tipo di

          eretico.com (non sto adesso qui a
          scrivere

          il link...)



          libertà di pensiero e di parola
          certo....ma

          non per questo noi andiamo in giro per

          strada offendendo persone o mortificando

          religioni o ingiuriando contro persone

          ...non vedo perchè questo si debba fare
          in

          internet....

          Perche' in internet se una cosa non la vuoi
          vedere sei libera di farlo, vedi il link
          eretico.com, gia' ti fai un idea del
          contenuto e non ci vai.
          Anche io non sono d'accordo col contenuto di
          quel sito, ma il chiuderlo mi ha dato un
          senzo di prepotenza alla Io sono la legge di
          Dredd.
          Sono molto convinto che se quel sito anzi
          che offendere (e poi mi pare che ci fosse
          poco di offensivo, direi che era piu'
          burlesco che offensivo) la religione
          cattolica avesso
          offesso una comunita' delgli indiani
          d'america nessuno avrebbe detto nulla.

          Hai letto il contenuto del sito?? Erano
          quasi tutte citazioni dalla bibbia, mirati a
          mettere in risalto il lato negativo, ma
          sempre parte della bibbia.

          Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Eretico.com: le pagine superstiti.
            - Scritto da: s.g.o.
            Metti in luce gli aspetti negativi del
            Corano, e vediamo se riesci ad arrivare alla
            fine di quest'anno .... vivo!
            Scusa, ma che cavolo c'entra? se in alcuni stati c'e' la lapidazione, ti devo pigliare a sassate perchè quello che dici mi sta sul ca##o?si da per scontato che siamo in un paese civile, anche se, vedendo episodi di questo genere non si direbbe...
  • Anonimo scrive:
    Decidete voi o il Vaticano?
    ... in campagna elettorale i Radicali ci avevano chiesto: Decidete voi o il Vaticano?... loro sono arrivati ai minimi storici e ora qualcuno ha cominciato a chiudere siti internet ... (una volta si bruciavano i libri).... evidentemente ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Decidete voi o il Vaticano?
      Non hai capito per nulla il problema: il risultato sarebbe stato lo stesso a prescindere dal bersaglio.Il rispetto verso gli altri prima di tutto...
  • Anonimo scrive:
    FANTASTICO!
    Fantastico!La Chiesa passa all'incasso (e questo è solo un primo, piccolo esempio).Fantastico!E' molto più caritatevole andare a fare le missioni di "pace" bombardando e benedicendo.Fantastico!La censura, per quanti doppiopetti esibisca sul video, è sempre all'erta.Fantastico!Il Belpaese è sempre lui, parafrasando Ligabue.
  • Anonimo scrive:
    SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
    Sono d'accordo con la decisione di chiudere il sito in questione. Non sono d'accordo con la legge che impedisce di pubblicare a meno che essere inscritti all'Ordine dei Giornalisti. Sono d'accordo sul fatto che Internet dovrebbe essere controllato da un organo che impedisce gratuite e insensate espressioni di violenza e di offesa senza alcun senso come eretico.com.No, non si tratta di rispondere all'offesa con l'offesa. Chi persegue e pensa che una società del genere sia ideale ha un concetto ben particolare della civiltà e dell'umanità che dovrebbe regolare i rapporti tra gli individui.Internet deve dare a tutti la possibilità di espremenre le proprie opiniioni, qualsiasi esse siano (religiose, politiche e altro), a patto che non offendano gratuitamente come il sito in questione. Chiunque può contrastare la religione cattolica, o qualsiasi altra, esprimendo le proprie opinioni da persona civile. Perchè mettere una foto di Padre Pio svergognata in quella maniera? O di altre persone che hanno dedicato la loro vita ad un ideale svergognarle in quel modo? Chi è che si diverte a ridere sulla tomba di persone che sono pure morte, e che quindi non si possono difendere? Ma vi pare? Allora faccio una foto ad un tizio e con un bel fotomontaggio mostro come si diverte nelle più varie maniere... poi acquisto un sito che si chiama www.tizio.com e ci schiaffo la sua foto sopra, perchè mi va di fare così.... tizio, incazzato, fa la stessa cosa etc. etc.Vi pare che in un mondo che dovremmo far muovere verso una possibile(?) futura(?) pace, debba essere lascato il permesso di insultare tutto e tutti a quel modo? Qua non si tratta di libertà di espressione, ma di buon senso... Ormai tutti navigano su internet. I bambini navigano da soli, e, cascasse il mondo, non devono capitare in un sito come quello (o come tanti altri) nè per sbaglio nè con intenzione. I filtri sul computer servono a poco, dato che basta configurare explorer per accedere a quello che si vuole... Spero che facciano un po' di pulizia, è ora che anche Internet segua delle regole.
    • Anonimo scrive:
      Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
      Ma smettila perbenista da quattro soldi. Padre Pio è la più grossa truffa che il Vaticano ci ha rifilato: ce ne saranno milgiaia di siti osceni, ma guarda caso in Italia si è deciso di chiudere proprio quello che dava noia al Vaticano. E non mi stupisco che mentre tutte le altre volte qui, su queste stesse pagine, si difendeva a spada tratta le argomentazioni di PI, stavolta, davanti a quel cancro che è la religione cattolica, ci siano state tante polemiche. L'Italia è un paese comandato dal Vaticano, e non c'è niente da fare. Voi che fate tanto i perbenisti siete i primi intolleranti, i primi con la puzza sotto il naso, i primi che se vi dovessero portare un albanese in casa lo passereste nel forno a microonde. Fatemi il piacere va prima di sparare tante belle frasi vuote.- Scritto da: tobix
      Sono d'accordo con la decisione di chiudere
      il sito in questione. Non sono d'accordo con
      la legge che impedisce di pubblicare a meno
      che essere inscritti all'Ordine dei
      Giornalisti.
      Sono d'accordo sul fatto che Internet
      dovrebbe essere controllato da un organo che
      impedisce gratuite e insensate espressioni
      di violenza e di offesa senza alcun senso
      come eretico.com.
      No, non si tratta di rispondere all'offesa
      con l'offesa. Chi persegue e pensa che una
      società del genere sia ideale ha un concetto
      ben particolare della civiltà e dell'umanità
      che dovrebbe regolare i rapporti tra gli
      individui.
      Internet deve dare a tutti la possibilità di
      espremenre le proprie opiniioni, qualsiasi
      esse siano (religiose, politiche e altro), a
      patto che non offendano gratuitamente come
      il sito in questione. Chiunque può
      contrastare la religione cattolica, o
      qualsiasi altra, esprimendo le proprie
      opinioni da persona civile. Perchè mettere
      una foto di Padre Pio svergognata in quella
      maniera? O di altre persone che hanno
      dedicato la loro vita ad un ideale
      svergognarle in quel modo? Chi è che si
      diverte a ridere sulla tomba di persone che
      sono pure morte, e che quindi non si possono
      difendere? Ma vi pare? Allora faccio una
      foto ad un tizio e con un bel fotomontaggio
      mostro come si diverte nelle più varie
      maniere... poi acquisto un sito che si
      chiama www.tizio.com e ci schiaffo la sua
      foto sopra, perchè mi va di fare così....
      tizio, incazzato, fa la stessa cosa etc.
      etc.
      Vi pare che in un mondo che dovremmo far
      muovere verso una possibile(?) futura(?)
      pace, debba essere lascato il permesso di
      insultare tutto e tutti a quel modo? Qua non
      si tratta di libertà di espressione, ma di
      buon senso...
      Ormai tutti navigano su internet. I bambini
      navigano da soli, e, cascasse il mondo, non
      devono capitare in un sito come quello (o
      come tanti altri) nè per sbaglio nè con
      intenzione. I filtri sul computer servono a
      poco, dato che basta configurare explorer
      per accedere a quello che si vuole... Spero
      che facciano un po' di pulizia, è ora che
      anche Internet segua delle regole.
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
        Sono felice di scoprire di non essere l'unico a pensare che tutte le organizzazioni religiose siano dei grandi business, gestito attraverso il controllo (diretto o indiretto) sugli Stati "democratici", che dovrebbero invece garantire i diritti di tutti.E' come la faccenda della Madonnina "piangente sangue" (meglio non essere troppo precisi): quando qualcuno li ha finalmente denunciati hanno fatto approvare in fretta e furia la legge che impediva al giudice di obbligare il proprietario della statuina a sottoporsi al test del DNA (che avrebbe certamente smascherato la truffa), col risultato di affossare le indagini sull'accusa di "abuso della credulita' popolare".Ora, naturalmente, intorno a quella statuina e' cresciuto il solito giro d'affari.E' proprio quello che fanno TUTTE le organizzazioni religiose: affari, sfruttando la "credulita' popolare" ... e i media li sanno usare benissimo.Internet e' una minaccia per loro perche' permette a tutti di dire quello che vogliono ... cosi' loro si fanno i propri siti ed utilizzano il proprio potere politico (trasversale) per far chiudere quelli degli avversari.
        • Anonimo scrive:
          Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
          Perfetto se ne puo' parlare... ma erano queste le argomentazioni ed i toni di eretico?A me pare davvero di no, se fosse stato censurato solo per aver espresso, come tu hai fatto ora, opinioni avremo ragione di incazzarci, preoccuparci ecc... ma qui si censura un atteggiamento volgare e scorretto. Scorretto non nei confronti di un'etica (e quindi di qualcosa di discutibile), ma scorretto nei confronti di idee. Qui la vera e preoccupante censura è proprio di Eretico, del suo sito che non ha rispetto per chi ha idee diverse.- Scritto da: Chi censura e' debole e soccombera'
          Sono felice di scoprire di non essere
          l'unico a pensare che tutte le
          organizzazioni religiose siano dei grandi
          business, gestito attraverso il controllo
          (diretto o indiretto) sugli Stati
          "democratici", che dovrebbero invece
          garantire i diritti di tutti.
          E' come la faccenda della Madonnina
          "piangente sangue" (meglio non essere troppo
          precisi): quando qualcuno li ha finalmente
          denunciati hanno fatto approvare in fretta e
          furia la legge che impediva al giudice di
          obbligare il proprietario della statuina a
          sottoporsi al test del DNA (che avrebbe
          certamente smascherato la truffa), col
          risultato di affossare le indagini
          sull'accusa di "abuso della credulita'
          popolare".
          Ora, naturalmente, intorno a quella statuina
          e' cresciuto il solito giro d'affari.
          E' proprio quello che fanno TUTTE le
          organizzazioni religiose: affari, sfruttando
          la "credulita' popolare" ... e i media li
          sanno usare benissimo.
          Internet e' una minaccia per loro perche'
          permette a tutti di dire quello che vogliono
          ... cosi' loro si fanno i propri siti ed
          utilizzano il proprio potere politico
          (trasversale) per far chiudere quelli degli
          avversari.
          • Anonimo scrive:
            Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
            - Scritto da: Mantees de Tara
            Perfetto se ne puo' parlare... ma erano
            queste le argomentazioni ed i toni di
            eretico?
            A me pare davvero di no, se fosse stato
            censurato solo per aver espresso, come tu
            hai fatto ora, opinioni avremo ragione di
            incazzarci, preoccuparci ecc... ma qui si
            censura un atteggiamento volgare e
            scorretto. Scorretto non nei confronti di
            un'etica (e quindi di qualcosa di
            discutibile), ma scorretto nei confronti di
            idee. Qui la vera e preoccupante censura è
            proprio di Eretico, del suo sito che non ha
            rispetto per chi ha idee diverse.Lo hai mai letto eretico?? Io purtroppo mi sono dovuto accontentare di alcune pagine html trovate in rete e non ci ho trovato nulla di cosi' irrispettoso, anzi, dopo aver letto quello poche pagine mi sarebbe piaciuto avere la possibilita' di guardare l'intero sito. La verita' e' che la gente parla perche' c'ha la bocca e che il vaticano rimane lo uno degli stati piu' potenti e arroganti, basti guardare che menata hanno fatto con le antenne di radio vaticana, bambini che si ammalano di leucemia, ma chi se frega, mica lo stato vaticano e' soggetto alle leggi Italiane!!Documentatevi prima di parlare!!!!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
            Antenne come ce ne sono tante in Italia, con la differenza che eravamo sotto elezioni!!! E adesso, le antenne hanno esaurito magicamente le loro malefiche poptenzialità? Ho l'impressione che anche tu parli perchè hai la bocca!- Scritto da: Krecker


            - Scritto da: Mantees de Tara

            Perfetto se ne puo' parlare... ma erano

            queste le argomentazioni ed i toni di

            eretico?

            A me pare davvero di no, se fosse stato

            censurato solo per aver espresso, come tu

            hai fatto ora, opinioni avremo ragione di

            incazzarci, preoccuparci ecc... ma qui si

            censura un atteggiamento volgare e

            scorretto. Scorretto non nei confronti di

            un'etica (e quindi di qualcosa di

            discutibile), ma scorretto nei confronti
            di

            idee. Qui la vera e preoccupante censura
            è

            proprio di Eretico, del suo sito che non
            ha

            rispetto per chi ha idee diverse.

            Lo hai mai letto eretico?? Io purtroppo mi
            sono dovuto accontentare di alcune pagine
            html trovate in rete e non ci ho trovato
            nulla di cosi' irrispettoso, anzi, dopo aver
            letto quello poche pagine mi sarebbe
            piaciuto avere la possibilita' di guardare
            l'intero sito. La verita' e' che la gente
            parla perche' c'ha la bocca e che il
            vaticano rimane lo uno degli stati piu'
            potenti e arroganti, basti guardare che
            menata hanno fatto con le antenne di radio
            vaticana, bambini che si ammalano di
            leucemia, ma chi se frega, mica lo stato
            vaticano e' soggetto alle leggi Italiane!!

            Documentatevi prima di parlare!!!!

            Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
        Concordo pienamente le opinioni di Felix...E' risaputo che a questo mondo comanda il Vaticano!Parlano tanto di rispetto, ecc... ma difficilmente tirano fuori quello che hanno fatto in 2000 anni di storia: vedi inquisizioni, torture, roghi umani ecc...e poi basta che uno si inginocchia e dice "chiedo perdono" che tutto e' definitivamente risolto: abbiamo cancellato 2 millenni in 5 minuti. Tanto per uscire un attimo fuori tema, ricordate le antenne di radio vaticana? A quest'ora quell'emittente sarebbe chiusa se non fosse stata l'emittente del vaticano...Com'e' che si dice? Fai quello che il prete dice, non fare quello che il prete fa...- Scritto da: Felix
        Ma smettila perbenista da quattro soldi.
        Padre Pio è la più grossa truffa che il
        Vaticano ci ha rifilato: ce ne saranno
        milgiaia di siti osceni, ma guarda caso in
        Italia si è deciso di chiudere proprio
        quello che dava noia al Vaticano. E non mi
        stupisco che mentre tutte le altre volte
        qui, su queste stesse pagine, si difendeva a
        spada tratta le argomentazioni di PI,
        stavolta, davanti a quel cancro che è la
        religione cattolica, ci siano state tante
        polemiche. L'Italia è un paese comandato dal
        Vaticano, e non c'è niente da fare. Voi che
        fate tanto i perbenisti siete i primi
        intolleranti, i primi con la puzza sotto il
        naso, i primi che se vi dovessero portare un
        albanese in casa lo passereste nel forno a
        microonde.
        Fatemi il piacere va prima di sparare tante
        belle frasi vuote.


        - Scritto da: tobix

        Sono d'accordo con la decisione di
        chiudere

        il sito in questione. Non sono d'accordo
        con

        la legge che impedisce di pubblicare a
        meno

        che essere inscritti all'Ordine dei

        Giornalisti.

        Sono d'accordo sul fatto che Internet

        dovrebbe essere controllato da un organo
        che

        impedisce gratuite e insensate espressioni

        di violenza e di offesa senza alcun senso

        come eretico.com.

        No, non si tratta di rispondere all'offesa

        con l'offesa. Chi persegue e pensa che una

        società del genere sia ideale ha un
        concetto

        ben particolare della civiltà e
        dell'umanità

        che dovrebbe regolare i rapporti tra gli

        individui.

        Internet deve dare a tutti la possibilità
        di

        espremenre le proprie opiniioni, qualsiasi

        esse siano (religiose, politiche e
        altro), a

        patto che non offendano gratuitamente come

        il sito in questione. Chiunque può

        contrastare la religione cattolica, o

        qualsiasi altra, esprimendo le proprie

        opinioni da persona civile. Perchè mettere

        una foto di Padre Pio svergognata in
        quella

        maniera? O di altre persone che hanno

        dedicato la loro vita ad un ideale

        svergognarle in quel modo? Chi è che si

        diverte a ridere sulla tomba di persone
        che

        sono pure morte, e che quindi non si
        possono

        difendere? Ma vi pare? Allora faccio una

        foto ad un tizio e con un bel
        fotomontaggio

        mostro come si diverte nelle più varie

        maniere... poi acquisto un sito che si

        chiama www.tizio.com e ci schiaffo la sua

        foto sopra, perchè mi va di fare così....

        tizio, incazzato, fa la stessa cosa etc.

        etc.

        Vi pare che in un mondo che dovremmo far

        muovere verso una possibile(?) futura(?)

        pace, debba essere lascato il permesso di

        insultare tutto e tutti a quel modo? Qua
        non

        si tratta di libertà di espressione, ma di

        buon senso...

        Ormai tutti navigano su internet. I
        bambini

        navigano da soli, e, cascasse il mondo,
        non

        devono capitare in un sito come quello (o

        come tanti altri) nè per sbaglio nè con

        intenzione. I filtri sul computer servono
        a

        poco, dato che basta configurare explorer

        per accedere a quello che si vuole...
        Spero

        che facciano un po' di pulizia, è ora che

        anche Internet segua delle regole.
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
        - Scritto da: Felix
        Ma smettila perbenista da quattro soldi.
        Padre Pio è la più grossa truffa che il
        Vaticano ci ha rifilato: ce ne saranno
        milgiaia di siti osceni, ma guarda caso in
        Italia si è deciso di chiudere proprio
        quello che dava noia al Vaticano. E non mi
        stupisco che mentre tutte le altre volte
        qui, su queste stesse pagine, si difendeva a
        spada tratta le argomentazioni di PI,
        stavolta, davanti a quel cancro che è la
        religione cattolica, ci siano state tante
        polemiche. L'Italia è un paese comandato dal
        Vaticano, e non c'è niente da fare. Voi che
        fate tanto i perbenisti siete i primi
        intolleranti, i primi con la puzza sotto il
        naso, i primi che se vi dovessero portare un
        albanese in casa lo passereste nel forno a
        microonde.
        Fatemi il piacere va prima di sparare tante
        belle frasi vuote.

        Tu non hai proprio capito un cazzo, nè di quello che ho detto io nè della vita.1- Come cazzo di permetti di giudicarmi in questa maniera? Ho espresso una opinione e, guarda caso, al posto di esporre civilmente la tua tu (e altri) non siete capaci di far altro che dividere la società a cassetti e insultare chi non la pensa come voi. Non me ne frega nulla nè di Padre Pio nè di altri, ma come loro difendo quelli che hanno passato la vita impegnadosi in una direzione, siano essi religiosi, politici o altri. Nel mio discorso rientrano anche personaggi non religiosi, come potrebbero essere il Che o altri. Semplicemente non è giusto comportarsi così publicando contenuti offensivi.Ah, ho aiutato più extracominitari a trovare lavoro e permesso di soggiorno di quanti te ne puoi sognare sotto l'effetto delle tue belle canne.2- Tutelare i bambini ti sempbra un ragionamento da perbenista? Allora, secondo te, liberalizziamo pure contenuti pornografici e/o pedofili (che sono già abbastanza liberi) perchè tanto i bambini hanno la capacità di distinguere da soli cosa è bene o cosa è meno bene (o sbagliato).Ma questi discorsi sui falsi alternativi come voi non attaccano, vero? Tutti quelli che esprimono una opinione contro questo sistema libero che è internet sono fascisti, perbenisti e chi più ne ha più ne metta.Dalla tua risposta deduco che sei un giovane alternativo che si riempie la bocca di stronzate e poi non ha il coraggio di alzare una mano per cercare di cambiare le cose.§Se è così spero che l'età ti porti un po di sale in zucca. Se invece sei maggiorenne e vaccinato...c'è da preoccuparsi.
    • Anonimo scrive:
      Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO

      Sono d'accordo sul fatto che Internet
      dovrebbe essere controllato da un organo che
      impedisce gratuite e insensate espressioni
      di violenza e di offesa senza alcun senso
      come eretico.com.E chi decide che cos'e' offensivo? (Violento non credo proprio, le parole non sono violente per propria natura)Io sono offeso da molte delle espressioni della religione cattolica - a partire dalle loro cerimonie in cui viene riprodotto un sacrificio umano con elementi di cannibalismo, per proseguire con i loro principi etici e morali che sono in estremo contrasto con tutto cio' in cui credo - ma non per questo vorrei che fosse chiuso il sito del vaticano.
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
        E quali sarebbero queste funzioni cannibali? Ma ci sei mai stato a messa? Se non sei d'accordo puoi anche no entrare, ma non hai nessun diritto di insultarmi perchè tu non sei la verità assoluta come non pretendo di esserla io.- Scritto da: PK


        Sono d'accordo sul fatto che Internet

        dovrebbe essere controllato da un organo
        che

        impedisce gratuite e insensate
        espressioni

        di violenza e di offesa senza alcun senso

        come eretico.com.

        E chi decide che cos'e' offensivo?
        (Violento non credo proprio, le parole non
        sono violente per propria natura)

        Io sono offeso da molte delle espressioni
        della religione cattolica - a partire dalle
        loro cerimonie in cui viene riprodotto un
        sacrificio umano con elementi di
        cannibalismo, per proseguire con i loro
        principi etici e morali che sono in estremo
        contrasto con tutto cio' in cui credo - ma
        non per questo vorrei che fosse chiuso il
        sito del vaticano.
    • Anonimo scrive:
      Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
      - Scritto da: tobix
      Sono d'accordo con la decisione di chiudere
      il sito in questione. riprendendo il tuo sunject, ribadisco: sono assolutamente d'accordo sulla decisione di sequestrare tale sito dal contenuto discutibile.La libertà di espressione finisce laddove si offende volontariamente, con accanimento chi non la pensa come noi. Potrebbe mai un giornale, un rivista, una rete tv o radiofonica comportarsi allo stesso modo? NO. Per fortuna NO,E allora perché un sito internet dovrebbe fare eccezione?Spero che i gestori del sito in questione abbiano imparato la lezione. In più aggiungo che hanno il mio totale ed assoluto disprezzo, per la dimostrazione di ignoranza e maleducazione di cui si sono resi protagonisti.
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
        la liberta di espressione ..nn finisce ....altrimenti nn sarebbe liberta....ma solo una limitazione ......nn tiriamo cazzate coi siti pedofili o porno ....nn dimentichiamo che se ci stanno è xche la gente ci va.... e nn credo che la chiesa o il vaticano possano fare chiudere tutti i siti porno xche offendono la loro morale ... a me personalmente da fastidio che una persona che nn conosco ....che nn ho mai visto...... che magari ha navigato in rete una volta x sbaglio...decida di chiudermi il sito .. xche lo deve decidere lui? xche nn lo facciamo decidere alla gente? oppure vogliamo dare ancora piu potere ad una inquisizione... nn solo cattolica...ma anche pseudopolitica..nn dimenticarti la storia .... prima si bruciavano i libri e si teneva la gente nell'ignoranza.... adesso grazie a gente come te...cosa succedera?- Scritto da: Riccardo


        - Scritto da: tobix

        Sono d'accordo con la decisione di
        chiudere

        il sito in questione.

        riprendendo il tuo sunject, ribadisco: sono
        assolutamente d'accordo sulla decisione di
        sequestrare tale sito dal contenuto
        discutibile.
        La libertà di espressione finisce laddove si
        offende volontariamente, con accanimento chi
        non la pensa come noi. Potrebbe mai un
        giornale, un rivista, una rete tv o
        radiofonica comportarsi allo stesso modo?
        NO. Per fortuna NO,
        E allora perché un sito internet dovrebbe
        fare eccezione?
        Spero che i gestori del sito in questione
        abbiano imparato la lezione. In più aggiungo
        che hanno il mio totale ed assoluto
        disprezzo, per la dimostrazione di ignoranza
        e maleducazione di cui si sono resi
        protagonisti.
        • Anonimo scrive:
          Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
          - Scritto da: *LORD*

          la liberta di espressione ..nn finisce
          ....altrimenti nn sarebbe liberta....ma solo
          una limitazione ......nn tiriamo cazzate coi
          siti pedofili o porno ....nn dimentichiamo
          che se ci stanno è xche la gente ci va.... e
          nn credo che la chiesa o il vaticano
          possano fare chiudere tutti i siti porno
          xche offendono la loro morale ... a me
          personalmente da fastidio che una persona
          che nn conosco ....che nn ho mai visto......
          che magari ha navigato in rete una volta x
          sbaglio...decida di chiudermi il sito ..
          xche lo deve decidere lui? xche nn lo
          facciamo decidere alla gente? oppure
          vogliamo dare ancora piu potere ad una
          inquisizione... nn solo cattolica...ma anche
          pseudopolitica..nn dimenticarti la storia
          .... prima si bruciavano i libri e si teneva
          la gente nell'ignoranza.... adesso grazie a
          gente come te...cosa succedera?Oh, ma gente come me cosa? Ma ti conosco? Mi conosci? Tutti voi che avete contestato il mio intervento fate quei bei ragionamenti che odiate tanto. Tirate le somme senza confrontarvi un momento e fate di tutta l'erba un fascio. Hai dato un'ottima idea: secondo te, se facessimo un referendum nazionale, che fine farebbe eretico.com e tutti i siti come quello?In ogni caso il discorso che si è aperto è molto vasto e andrebbe affrontato a voce. Lo Stato, la sua funzione educatrice e/o limitatrice alla libertà o alla conoscenza/coscienza degli individui...come vedi, non basta sparare a zero una sentenza, come fanno molti, tirando in ballo l'inquisizione, la storia a casaccio e le opinioni personali.La prossima volta cerca di fare un intervento un po' meno superficiale (e questo valga per tutti).
    • Anonimo scrive:
      Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
      - Scritto da: tobix
      Sono d'accordo con la decisione di chiudere
      il sito in questione. Non sono d'accordo con
      la legge che impedisce di pubblicare a meno
      che essere inscritti all'Ordine dei
      Giornalisti.
      Sono d'accordo sul fatto che Internet
      dovrebbe essere controllato da un organo che
      impedisce gratuite e insensate espressioni
      di violenza e di offesa senza alcun senso
      come eretico.com.L'hai letto almeno una volta eretico.com??Il nome fa molta piu' impressione dei fatti, si trattava di una grande sequenza di citazioni dalla bibbia e, effettivamente, di alcune storpiature dei nomi dei personaggi religiosi, a me non sembra una forma di violenza, quanto un sito che presenta una visione diversa della bibbia ponendo l'accento su quei passi ( e ce ne sono molti) in cui si verificano stragi.Comunque se a te non piace sei libero di vederlo, adesso se a qualcuno poteva interessare non e' piu' libero di vederlo.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO


        L'hai letto almeno una volta eretico.com??
        Il nome fa molta piu' impressione dei fatti,
        si trattava di una grande sequenza di
        citazioni dalla bibbia e, effettivamente, di
        alcune storpiature dei nomi dei personaggi
        religiosi, a me non sembra una forma di
        violenza, quanto un sito che presenta una
        visione diversa della bibbia ponendo
        l'accento su quei passi ( e ce ne sono
        molti) in cui si verificano stragi.
        Comunque se a te non piace sei libero di
        vederlo, adesso se a qualcuno poteva
        interessare non e' piu' libero di vederlo.

        CiaoSe si fosse limitato ad una critica alla Bibbia e a storpiature dei nomi non ci sarebbero stati problemi (la satira viaggia sugli stessi canali).Dall'articolo di PI e altri, però, mi risulta che eretico.com non avesse contenuti di critica, ma di offesa e squallidi.Se modificano il sito e tolgono l cose squallide (fotomontaggi e insulti gratuiti) non ho assolutamente nulla in contrario.IMHO possono esserci anche siti di religioni "alternative", o siti che criticano/appoggiano quelle esistenti, a patto che si rimanga entro i "limiti" (se così si vogliono chiamare" della comunicazione, del dialogo e del confronto.Eretico. com andava ben oltre, proponendo non soltanto cose offensive, ma anche prive di una qualsiasi utilità e comunicazione.E questo ragionamento deve abbracciare tutti i siti simili, anche se non collegati alla religione catolica.Un'altro fatto sarà verificare che, in futuro, la battaglia verso siti sbagliati sia condotta al di sopra delle parti. Su questo credo che nessuno possa ancora esprimersi, dato che eretico.com è il primo sito che chiudono.Se la stupida legge sull'editoria si metterà a bloccare le migliaia di siti di varia natura che non offendono, allora mi incazzerò pure io.Se la legge dell'editoria si rivela, invece, semplicemente un espediente per dare un "minimo" di regolazione al sistema libero di Internet in Italia... ben venga. Anche se, IMHO, dovrebbero fare leggi più precise in quanto, come molti hanno detto, questa potrebbe essere usata per colpire ingiustamente.Ma da qui a dire che eretico.com doveva rimanere aperto... ce ne passa!
        • Anonimo scrive:
          Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
          - Scritto da: tobix





          L'hai letto almeno una volta eretico.com??

          Il nome fa molta piu' impressione dei
          fatti,

          si trattava di una grande sequenza di

          citazioni dalla bibbia e, effettivamente,
          di

          alcune storpiature dei nomi dei personaggi

          religiosi, a me non sembra una forma di

          violenza, quanto un sito che presenta una

          visione diversa della bibbia ponendo

          l'accento su quei passi ( e ce ne sono

          molti) in cui si verificano stragi.

          Comunque se a te non piace sei libero di

          vederlo, adesso se a qualcuno poteva

          interessare non e' piu' libero di vederlo.



          Ciao

          Se si fosse limitato ad una critica alla
          Bibbia e a storpiature dei nomi non ci
          sarebbero stati problemi (la satira viaggia
          sugli stessi canali).
          Dall'articolo di PI e altri, però, mi
          risulta che eretico.com non avesse contenuti
          di critica, ma di offesa e squallidi.
          Se modificano il sito e tolgono l cose
          squallide (fotomontaggi e insulti gratuiti)
          non ho assolutamente nulla in contrario.
          IMHO possono esserci anche siti di religioni
          "alternative", o siti che
          criticano/appoggiano quelle esistenti, a
          patto che si rimanga entro i "limiti" (se
          così si vogliono chiamare" della
          comunicazione, del dialogo e del confronto.
          Eretico. com andava ben oltre, proponendo
          non soltanto cose offensive, ma anche prive
          di una qualsiasi utilità e comunicazione.
          E questo ragionamento deve abbracciare tutti
          i siti simili, anche se non collegati alla
          religione catolica.
          Un'altro fatto sarà verificare che, in
          futuro, la battaglia verso siti sbagliati
          sia condotta al di sopra delle parti. Su
          questo credo che nessuno possa ancora
          esprimersi, dato che eretico.com è il primo
          sito che chiudono.
          Se la stupida legge sull'editoria si metterà
          a bloccare le migliaia di siti di varia
          natura che non offendono, allora mi
          incazzerò pure io.
          Se la legge dell'editoria si rivela, invece,
          semplicemente un espediente per dare un
          "minimo" di regolazione al sistema libero di
          Internet in Italia... ben venga. Anche se,
          IMHO, dovrebbero fare leggi più precise in
          quanto, come molti hanno detto, questa
          potrebbe essere usata per colpire
          ingiustamente.
          Ma da qui a dire che eretico.com doveva
          rimanere aperto... ce ne passa!Purtroppo farsi un idea personale e' impossibile, il sito e' stato cjhiuso, ma dalle pagine salvate che ho trovato in rete, cira 10 pagine, mi e' sembrato piu' che tollerabile, forse in altre parti del sito che non ho avuto la possibilita' di trovare c'erano i motivi della sua chiusura.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
          la mamma degli idioti a quanto pare sta sempre incinta...vero tobix? si parla di liberta e tu prediligi la censura ....nn dimenticarti che stai su internet... un luogo fino a poco tempo fa degno di essere chiamato libero... adesso ....(grazie a gente come te ) ci saranno regole restrittive .....informati prima di giudicare un sito che nn hai mai visto ...- Scritto da: tobix





          L'hai letto almeno una volta eretico.com??

          Il nome fa molta piu' impressione dei
          fatti,

          si trattava di una grande sequenza di

          citazioni dalla bibbia e, effettivamente,
          di

          alcune storpiature dei nomi dei personaggi

          religiosi, a me non sembra una forma di

          violenza, quanto un sito che presenta una

          visione diversa della bibbia ponendo

          l'accento su quei passi ( e ce ne sono

          molti) in cui si verificano stragi.

          Comunque se a te non piace sei libero di

          vederlo, adesso se a qualcuno poteva

          interessare non e' piu' libero di vederlo.



          Ciao

          Se si fosse limitato ad una critica alla
          Bibbia e a storpiature dei nomi non ci
          sarebbero stati problemi (la satira viaggia
          sugli stessi canali).
          Dall'articolo di PI e altri, però, mi
          risulta che eretico.com non avesse contenuti
          di critica, ma di offesa e squallidi.
          Se modificano il sito e tolgono l cose
          squallide (fotomontaggi e insulti gratuiti)
          non ho assolutamente nulla in contrario.
          IMHO possono esserci anche siti di religioni
          "alternative", o siti che
          criticano/appoggiano quelle esistenti, a
          patto che si rimanga entro i "limiti" (se
          così si vogliono chiamare" della
          comunicazione, del dialogo e del confronto.
          Eretico. com andava ben oltre, proponendo
          non soltanto cose offensive, ma anche prive
          di una qualsiasi utilità e comunicazione.
          E questo ragionamento deve abbracciare tutti
          i siti simili, anche se non collegati alla
          religione catolica.
          Un'altro fatto sarà verificare che, in
          futuro, la battaglia verso siti sbagliati
          sia condotta al di sopra delle parti. Su
          questo credo che nessuno possa ancora
          esprimersi, dato che eretico.com è il primo
          sito che chiudono.
          Se la stupida legge sull'editoria si metterà
          a bloccare le migliaia di siti di varia
          natura che non offendono, allora mi
          incazzerò pure io.
          Se la legge dell'editoria si rivela, invece,
          semplicemente un espediente per dare un
          "minimo" di regolazione al sistema libero di
          Internet in Italia... ben venga. Anche se,
          IMHO, dovrebbero fare leggi più precise in
          quanto, come molti hanno detto, questa
          potrebbe essere usata per colpire
          ingiustamente.
          Ma da qui a dire che eretico.com doveva
          rimanere aperto... ce ne passa!
          • Anonimo scrive:
            Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
            - Scritto da: *LORD*
            la mamma degli idioti a quanto pare sta
            sempre incinta...vero tobix? si parla diecco che partite con gli insulti...sei monotono (come molti altri).Cerca di scrivere qualcosa di sensato e, quantomeno, ragionato. In parole povere pensa prima di scrivere
    • Anonimo scrive:
      Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
      - Scritto da: tobix
      I filtri sul computer servono a
      poco, dato che basta configurare explorer
      per accedere a quello che si vuole... Spero
      che facciano un po' di pulizia, è ora che
      anche Internet segua delle regole.Ecco, parlando dei filtri è già una cosa piùragionevole. Filtri al posto della censura:chi li vuol vedere li vede, chi non li vuolvedere non li vede. Mi sembra giusto.PS Non mi sembra che sia così facile configurareMSIE se non si conosce la password dellerestrizioni. Dato che ce la puoi mettere,mi pare una restrizione efficace: non credoproprio che un bambino saprebbe creccare lapassword, no?
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
        tobix ...tu che sei cosi accanito .... e soprattutto daccordo colle restrizioni ... saresti daccordo che un "grande fratello" controlli i dati sul tuo pc? o ti dica ....questo (pam anderson nuda) nn mi piace e lo butto ....questo (il padre nostro) lo lascio ....ti piacerebbe? solo questo ti chiedo...- Scritto da: Alex.tg
        - Scritto da: tobix

        I filtri sul computer servono a

        poco, dato che basta configurare explorer

        per accedere a quello che si vuole...
        Spero

        che facciano un po' di pulizia, è ora che

        anche Internet segua delle regole.

        Ecco, parlando dei filtri è già una cosa più
        ragionevole. Filtri al posto della censura:
        chi li vuol vedere li vede, chi non li vuol
        vedere non li vede. Mi sembra giusto.

        PS Non mi sembra che sia così facile
        configurare
        MSIE se non si conosce la password delle
        restrizioni. Dato che ce la puoi mettere,
        mi pare una restrizione efficace: non credo
        proprio che un bambino saprebbe creccare la
        password, no?
        • Anonimo scrive:
          Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
          - Scritto da: *LORD*
          tobix ...tu che sei cosi accanito .... e
          soprattutto daccordo colle restrizioni ...
          saresti daccordo che un "grande fratello"
          controlli i dati sul tuo pc? o ti dica
          ....questo (pam anderson nuda) nn mi piace e
          lo butto ....questo (il padre nostro) lo
          lascio ....ti piacerebbe? solo questo ti
          chiedo...
          Allora, ricominciamo da capo un discorso costruttivo.Dal tuo ragionamento sembra che sia filo comunista, cosa che non è. Allora, prendiamo ad esempio la prostituzione.C'è richiesta? si. Ci sono persone che si prostituiscono perchè vogliono fare quello e guadagnano bene?si. C'è un giro criminale di sfruttamento di ragazze, maggiorenni o no, che si basa sulla prostituzione? si. Poniamo caso di legalizzare la prostituzione (attenzione, non ho detto nè che sono contrario cè che sono a favore, è una semplice ipotesi). come si comporteranno i criminali organizzati che gestiscono lo sfrutamento delle ragazze? in che giro di affari si immetteranno? Continueranno a sfruttare le ragazze in quel modo o in altri? etc.etc.Internet deve essere un sistema libero che lasci a chiunque la possibilità di esprimersi senza offendere la libertà altrui. Ci sono siti porno perchè la gente vuole vederli? si. E' giusto chiuderli? senza fare falso moralismo, se alcune persone (donne e uomini) vogliono fare quel mestiere e sono maggiorenni per deciderlo, hanno la libertà di farlo tanto che, come tutti voi avete detto, si può decidere se visitare un sito o no e , epr i bambini, ci sono i filtri (più che suff, se il moccioso non è un genio del computer).Ci sono siti che viaggiano sullo sfruttamento delle minorenni? si. Sono da chiudere? credo non ci siano dubbi. Come possono essere controllati?Insomma, spero che abbiate capito il mio ragionamento. Sono contro la censura ma Internet, con la larchissima diffusione che ha avuto nei '90, è diventato anche uno strumento criminale.Che c'entra eretico.com? Presto detto, non sopporto gli insulti gratuiti riferiti alla religione (di qualsiasi tipo essa sia). Benvengano le critiche, no gli insulti, che non contribuisco a creare una società civile e, anzi, generano solo conflitti (vi ricordo le guerre religiose che tutt'ora si combattono).La religione, come la politica, è una libera scelta dell'individuo e gli altri HANNO IL DOVERE di rispettarla. Questo vale in tutti i casi.spero di essermi spiegato...Un'ultinma cosa: ho ribadito + volte che non faccio un discorso riferito al cattolicesimo ma abbraccio tutte le religioni... perchè insistete su questo punto?
          • Anonimo scrive:
            Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
            Anche perchè i culti diversi sono tutelati, sotto questo aspetto dall'art. 406 del C.P. "DELITTI CONTRO I CULTI AMMESSI NELLO STATO".- Scritto da: tobix

            ...Un'ultinma cosa: ho ribadito + volte che non
            faccio un discorso riferito al cattolicesimo
            ma abbraccio tutte le religioni... perchè
            insistete su questo punto?
    • Anonimo scrive:
      Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
      se la tua affermazione avesse un seguito ....o se lo avesse avuto in passato ......oggi non esisterebbe internet...... proviamo a pensare se un organo censore sorvegliasse ogni sito....nn ci sarebbero hacker .....e sono loro ad aver creato internet.... nn ci sarebbero battute sui politici.... nn ci sarebbero barzellette sui carabinieri ..... tutto questo avverrebbe solo xche ci sta gente che la pensa come te ..... censurare le idee.....che razza di idea... mi vengono solo parolacce da dire...ma mi astengo ....- Scritto da: tobix
      Sono d'accordo con la decisione di chiudere
      il sito in questione. Non sono d'accordo con
      la legge che impedisce di pubblicare a meno
      che essere inscritti all'Ordine dei
      Giornalisti.
      Sono d'accordo sul fatto che Internet
      dovrebbe essere controllato da un organo che
      impedisce gratuite e insensate espressioni
      di violenza e di offesa senza alcun senso
      come eretico.com.
      No, non si tratta di rispondere all'offesa
      con l'offesa. Chi persegue e pensa che una
      società del genere sia ideale ha un concetto
      ben particolare della civiltà e dell'umanità
      che dovrebbe regolare i rapporti tra gli
      individui.
      Internet deve dare a tutti la possibilità di
      espremenre le proprie opiniioni, qualsiasi
      esse siano (religiose, politiche e altro), a
      patto che non offendano gratuitamente come
      il sito in questione. Chiunque può
      contrastare la religione cattolica, o
      qualsiasi altra, esprimendo le proprie
      opinioni da persona civile. Perchè mettere
      una foto di Padre Pio svergognata in quella
      maniera? O di altre persone che hanno
      dedicato la loro vita ad un ideale
      svergognarle in quel modo? Chi è che si
      diverte a ridere sulla tomba di persone che
      sono pure morte, e che quindi non si possono
      difendere? Ma vi pare? Allora faccio una
      foto ad un tizio e con un bel fotomontaggio
      mostro come si diverte nelle più varie
      maniere... poi acquisto un sito che si
      chiama www.tizio.com e ci schiaffo la sua
      foto sopra, perchè mi va di fare così....
      tizio, incazzato, fa la stessa cosa etc.
      etc.
      Vi pare che in un mondo che dovremmo far
      muovere verso una possibile(?) futura(?)
      pace, debba essere lascato il permesso di
      insultare tutto e tutti a quel modo? Qua non
      si tratta di libertà di espressione, ma di
      buon senso...
      Ormai tutti navigano su internet. I bambini
      navigano da soli, e, cascasse il mondo, non
      devono capitare in un sito come quello (o
      come tanti altri) nè per sbaglio nè con
      intenzione. I filtri sul computer servono a
      poco, dato che basta configurare explorer
      per accedere a quello che si vuole... Spero
      che facciano un po' di pulizia, è ora che
      anche Internet segua delle regole.
      • Anonimo scrive:
        Re: SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
        - Scritto da: *LORD*
        se la tua affermazione avesse un seguito
        ....o se lo avesse avuto in passato
        ......oggi non esisterebbe internet......
        proviamo a pensare se un organo censore
        sorvegliasse ogni sito....nn ci sarebbero
        hacker .....e sono loro ad aver creato
        internet.... nn ci sarebbero battute sui
        politici.... nn ci sarebbero barzellette sui
        carabinieri ..... tutto questo avverrebbe
        solo xche ci sta gente che la pensa come te
        ..... censurare le idee.....che razza di
        idea... mi vengono solo parolacce da
        dire...ma mi astengo ....Non hai capito un cazzo. Ma ci ha parlato di censura?Secondo te eretico.com proporrebbe delle idee?IMHO era semplicemente squallido, e non aveva ragione di esistere. Non proponeva un cazzo con le sue immaginine offensive e squallide. Ne un idea, nè un commento, nè una critica.Se eretico.com avesse trattato semplicemente di critiche (anche pesanti) alla religione, non avrei avuto nulla da dire.A me non frega nulla nè di Padre Pio nè di tutto il resto. Per questo devo fare fotomontaggi offensivi? Allora, se avessi idea che tua madre è una *****, secondo il tuo ragionamento potrei farle una bella foto, fare un bel fotomontaggio e schiaffarlo in internet, tanto è un idea e va rispettata e soprattutto deve avere il suo spazio.Se chiudessero siti che non hanno ragione di esser chiusi allora sì che si parlerebbe di censura. Mi sembra che vi riempiate la bocca giusto per sputare sentenze contro il sistema.Ah, per fortuna ti sei astenuto dallo scrivere parolacce. In questo modo hai espresso civilmente una tua opinione senza offendere. Mi sembra un ragionamento chiaro che non fa una piega.
  • Anonimo scrive:
    Cadete dalle nuvole?
    Internet e' stata sempre cosi'.Quando sottoscrivete un contratto di hosting sia gratuito che a pagamento, nella stragrande maggioranza dei casi dovete sottostare a delle limitazioni che non permettono di pubblicare qualsiasi cosa, regole che esistono anche nel mondo "reale".Solo alcuni provider permettono che si pubblichino contenuti di qualsiasi natura, con le conseguenze che ne derivano.E questo ovviamente non riguarda solo l'Italia e non e' una novita', non lo sapevate?Ripeto, e' stato sempre cosi'. La liberta' che qualcuno pensa di avere su internet e' solo dovuta al fatto che la rete rimane comunque un mezzo difficilmente controllabile.Internet non e' mai stato sinonimo di: "dico quello che voglio, perche' e' un mio diritto" ma di: "dico quello che voglio, perche' tanto, quando mi prendono?"
    • Anonimo scrive:
      Re: Cadete dalle nuvole?
      bravo reel . sei un grande ..approvo in pieno cio che hai scritto ...un solo punto nn mi torna ....hai letto la motivazione della chiusura del sito? nn mi pare normale come motivazione. anche xche prende le parti di una religione ..non di un popolo....- Scritto da: Reel45

      Internet e' stata sempre cosi'.
      Quando sottoscrivete un contratto di hosting
      sia gratuito che a pagamento, nella
      stragrande maggioranza dei casi dovete
      sottostare a delle limitazioni che non
      permettono di pubblicare qualsiasi cosa,
      regole che esistono anche nel mondo "reale".
      Solo alcuni provider permettono che si
      pubblichino contenuti di qualsiasi natura,
      con le conseguenze che ne derivano.
      E questo ovviamente non riguarda solo
      l'Italia e non e' una novita', non lo
      sapevate?
      Ripeto, e' stato sempre cosi'. La liberta'
      che qualcuno pensa di avere su internet e'
      solo dovuta al fatto che la rete rimane
      comunque un mezzo difficilmente
      controllabile.
      Internet non e' mai stato sinonimo di: "dico
      quello che voglio, perche' e' un mio
      diritto" ma di: "dico quello che voglio,
      perche' tanto, quando mi prendono?"
  • Anonimo scrive:
    DEMOCRAZIA DECADENTE E MALATA
    CI HANNO COSTRUITO TONNELLATE DI LEGGI "FINTO DEMOCRATICHE" PER PROTEGGERE IL LORO POTERE; IL POTERE ECONOMICO DEI SOLITI 4 GATTI CHE SI SCAMBIANO MIGLIAIA DI MILAIRDI ACQUISENDO AZIENDE, SOCIETA', FINANZIARIE COME IN UN GIGANTESCO GIOCO DEL MONOPOLI DOVE LE LEGGI "VALGONO PER TUTTI", MA SONO SEMPRE SCRITTE PER LORO PER TRAMANDARSI POTERE E POTENZA ECONOMICA.BASTA QUARDARE UN ATTIMO INDIETRO; MIGLIAIA DI MILIARDI CAMBIANO DI MANO, MA SEMPRE TRA LE MANI DEI SOLITI 4 GATTI.QUALCUNO ROMPE I MARONI PIU' DEL SOLITO?QUALCUN ALTRO PISCIA CONTROVENTO?QUALCUN' ALTRO ANCORA ALZA LA CRESTA?FORZA, GIUDICE DI TURNO, SPOLVERA QUELLA LEGGE E TE LO INCASTRI.CI HANNO COSTRUITO UN RECINTO, A VOLTE BELLO E COMODO, CON APPROPRIATE VALVOLE DI SFOGO DA APRIRE QUANDO LA PRESSIONE NEL PENTOLONE SALE TROPPO: PFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFF, APRONO LA VALVOLA, LA PRESSIONE SBOLLE, TORNA LA CALMA E TUTTO RIMANE COME PRIMA, ANZI, FACCIAMO UN' ALTRA LEGGE PER MEGLIO CONTROLLARE IL PENTOLONE.QUESTA NON E' DEMOCRAZIA, DEMOCRAZIA SONO LEGGI E REGOLAMENTI DEL BUON CONVIVERE CIVILMENTE, DEMOCRAZIA E' POTER ESPRIMERE LE PROPRIE OPINIONI QUALUNQUE ESSE SIANO, ANCHE OFFENSIVE E CONTRARIE AL POTERE DI TURNO.DEMOCRAZIA E' UNA STAMPA LIBERA E NON CONTROLLATA DAL POTERE E DAI GIUDICI.DEMOCRAZIA E' INTERNET LIBERA; CHI LA VUOLE IMBAVAGLIARE CON REGOLE E REGOLAMENTI ASSURDI CON LA SCUSA DI "REGOLARLA" E' UNA DITTATURA CHE MERITA DI ESSERE COMBATTUTA DA TUTTI I LIBERI PENSANTI DELLA TERRA.HANNO STUFATO, CI HANNO DATO UN MONDO GOVERNATO DALLE MULTINAZIONALI CHE FANNO QUEL CAZZO CHE VOGLIONO, CHE INQUINANO ACQUE, TERRE, ARIA, SI AUTOPROTEGGONO A VITA CON BREVETTI ASSURDI, E NOI?!!NOI BUONI SOLO A MANTENERLI CON LE NOSTRE TASSE; PENA L' EMARGINAZIONE, L' ESCLUSIONE DALLA VITA SOCIALE, LA GALERA.VIVIAMO IN UNO STATO DI QUESTO GENERE?FANCULO TUTTI SE E' COSI'.SONO PRETORIANI E VIVIAMO IN MATRIX, BELLA VITA DI SCHIFOSA MERDA SE QUESTA FOSSE LA VERA MISSIONE DESTINATA AI MORTALI UMANI.TI DO' DA MANGIARE A TE ED ALLA TUA FAMIGLIA (SE SEI FORTUNATO E FUNZIONALE, MA NON SEMPRE), SE HAI BISOGNO DEI CONFORTI VAI DAL TUO PRETE CHE TI CONFESSA, ASSOLVE E BENEDICE, E PENSA ALLA TUA ANIMA, MA NON ROMPERE I COGLIONI ALTRIMENTI TI STRONCHIAMO, TI BUTTIAMO IN GALERE, TI ROVINIAMO QUESTA GIA' DI MERDA TRANSIZIONE TERRENA.FANCULOTUTTI.
  • Anonimo scrive:
    Ma che c'entra la libertà di espressione?
    Cosa c'entra la libertà di manifestare liberamente il proprio pensiero attraverso qualsiasi mezzo con il provvedimento in questione? Manifestare il proprio pensiero, le proprie opinioni, il proprio dissenso verso qulcuno o qualcosa non è mai stato messo in discussione ne mai lo potrà essere finchè rimane in vigore l'articolo 21 della Costituzione.Ciò che non è consentito (giustamente) è di offendere.Qualsiasi critica alla religione cattolica, alla Chiesa, alla sua gerarchia, ai fedeli, se fosse stata espressa in modo civile non avrebbe potuto comportare un provvedimento del genere.Uno è padronissimo di non credere e di dichiararlo pubblicamente, ma che diritto ha di ingiuriare chi non la pensa come lui? di modificare immagini che hanno un valore per tantissime persone inserendovi organi genitali o rappresentazioni di atti sessuali.Se a questo punto io, cristiano cattolico, decidessi di chiedere conto (legalmente) delle offese ricevute (in quanto credente), sarei per questo contro la libertà di espressione del pensiero?Ho l'impressione che ciò che alcuni in questo forum rivendicano è la libertà di ingiuriare chicchessia con la garanzia dell'impunità.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
      - Scritto da: CGC
      Cosa c'entra la libertà di manifestare
      liberamente il proprio pensiero attraverso
      qualsiasi mezzo con il provvedimento in
      questione? L'hai letto il testo della legge, CGC?Vuoi mettere un sito tuo?Bene: hai una registrazione all'ordinedei giornalisti?Hai un direttore responsabile?No?Allora non puoi metterlo.QUESTA è la legge sull'editoria.Leggitela, vai...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
        Non soltanto l'ho letta, ma sono stato uno dei primi a firmare la petizione.Non mi sembra però che c'entri alcunchè con il caso in questione.- Scritto da: Alex.tg

        L'hai letto il testo della legge, CGC?

        Vuoi mettere un sito tuo?
        Bene: hai una registrazione all'ordine
        dei giornalisti?
        Hai un direttore responsabile?

        No?
        Allora non puoi metterlo.

        QUESTA è la legge sull'editoria.
        Leggitela, vai...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
          Perche' allora hanno tirato in ballo la legge sull'editoria?Non bastava il reato di vilipendio della religione?- Scritto da: CGC
          Non soltanto l'ho letta, ma sono stato uno
          dei primi a firmare la petizione.
          Non mi sembra però che c'entri alcunchè con
          il caso in questione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
            In effetti non sarebbe stato, a mio avviso, necessario citarla. Non occorre infatti che un sito sia considerato 'prodotto editoriale' per dimostrare la sua capacità di divulgare il proprio contenuto ad un elevato numero di persone, anche perchè non è vero che solo se prodotto editoriale, una volta immesso nell'internet, sia di pubblico dominio.Forse... li si è voluti "graziare", che ne dici?Ricordo comunque che l'articolo citato nella motivazione non riguarda assolutamente le opinioni ma le OFFESE.Art. 403. OFFESE ALLA RELIGIONE DELLO STATO MEDIANTE VILIPENDIO DI PERSONE.Chiunqua pubblicamente offende la religione dello Stato, mediante vilipendio di chi la professa, è punito con la reclusione fino a due anni (1).Si applica la reclusione da uno a tre anni a chi offende la religione dello Stato, mediante vilipendio del culto cattolico.(1) Si applicano le sanzioni sostitutive previste dagli artt. 53 e segg. l. 689/1981.- Scritto da: Piero
            Perche' allora hanno tirato in ballo la
            legge sull'editoria?

            Non bastava il reato di vilipendio della
            religione?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
            Appunto, quel che dico io...la legge dell'editoria è stata citata come altra motivazione...nn serve a nulla (IN QUESTO CASO), solo x fare numero di accuse...(se avete letto la sec. parte dell'articolo sta scritto chiaramente che nn serve a nulla ma potrebbe essere utilizzata anche altre volte con quest'accusa x poi diffondersi anche con altre...come i virus insomma...)- Scritto da: CGC
            In effetti non sarebbe stato, a mio avviso,
            necessario citarla. Non occorre infatti che
            un sito sia considerato 'prodotto
            editoriale' per dimostrare la sua capacità
            di divulgare il proprio contenuto ad un
            elevato numero di persone, anche perchè non
            è vero che solo se prodotto editoriale, una
            volta immesso nell'internet, sia di pubblico
            dominio.
            Forse... li si è voluti "graziare", che ne
            dici?

            Ricordo comunque che l'articolo citato nella
            motivazione non riguarda assolutamente le
            opinioni ma le OFFESE.

            Art. 403. OFFESE ALLA RELIGIONE DELLO STATO
            MEDIANTE VILIPENDIO DI PERSONE.

            Chiunqua pubblicamente offende la religione
            dello Stato, mediante vilipendio di chi la
            professa, è punito con la reclusione fino a
            due anni (1).
            Si applica la reclusione da uno a tre anni a
            chi offende la religione dello Stato,
            mediante vilipendio del culto cattolico.

            (1) Si applicano le sanzioni sostitutive
            previste dagli artt. 53 e segg. l. 689/1981.


            - Scritto da: Piero

            Perche' allora hanno tirato in ballo la

            legge sull'editoria?



            Non bastava il reato di vilipendio della

            religione?

          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
            In ogni caso si dovrebbe poi dimostrare che sia "pertinente".Quella di cui si parla è l'ordinanza di un GIP, non è una sentenza.- Scritto da: BiGAlex

            ...ma potrebbe essere utilizzata anche altre
            volte con quest'accusa x poi diffondersi anche
            con altre...come i virus insomma...)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
            dici bene piero ....ma non avrebbero potuto manifestare il loro potere in maniera cosi subdola e imperante... dovevano fare capire di essere i piu forti ...- Scritto da: Piero
            Perche' allora hanno tirato in ballo la
            legge sull'editoria?

            Non bastava il reato di vilipendio della
            religione?

            - Scritto da: CGC

            Non soltanto l'ho letta, ma sono stato uno

            dei primi a firmare la petizione.

            Non mi sembra però che c'entri alcunchè
            con

            il caso in questione.

          • Anonimo scrive:
            Riflessioni...
            ragà, e voi che fate? Vi basate su ciò che fanno loro? E se volevano aggiungere qualcosa perchè magari 2 motivazioni son meglio di 1? Potrebbero anche fatto questo...sta repubblica fa schifo, si sa, la legge è come se non esistesse, anzi, come se esistesse ma solo x quelli che hanno i $$$ come berlusca...ma che cazzo voleteeeeeee??- Scritto da: *LORD*
            dici bene piero ....ma non avrebbero potuto
            manifestare il loro potere in maniera cosi
            subdola e imperante... dovevano fare capire
            di essere i piu forti ...

            - Scritto da: Piero

            Perche' allora hanno tirato in ballo la

            legge sull'editoria?



            Non bastava il reato di vilipendio della

            religione?

        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che c'entra la libertà di espressione?
          prima che i nazisti diventassero tali ..si chiamavano socialdemocratici .iniziarono a prendere il potere in germania ...e gli altri stati chiesero ...nn vorrai conquistare l'europa? loro dissero .nooooo... cosa c'entra che ammazziamo un po di migliaia di ebrei?cosa c'entra che nn si puo scrivere cio che si vuole ma solo cio che diciamo noi? cosa c'entra che mi togli la liberta in un posto x definizione libero? pensaci un attimino..- Scritto da: CGC
          Non soltanto l'ho letta, ma sono stato uno
          dei primi a firmare la petizione.
          Non mi sembra però che c'entri alcunchè con
          il caso in questione.

          - Scritto da: Alex.tg



          L'hai letto il testo della legge, CGC?



          Vuoi mettere un sito tuo?

          Bene: hai una registrazione all'ordine

          dei giornalisti?

          Hai un direttore responsabile?



          No?

          Allora non puoi metterlo.



          QUESTA è la legge sull'editoria.

          Leggitela, vai...
  • Anonimo scrive:
    LA CENSURA E' UN MALE
    gli idioti, i deficienti, i coglioni, gli imbecilli, gli stolti, i cretini, gli stupidi, i mentecatti, i dementi, le teste di cazzo e i miscredentiSONO UN MALE ANCORA PEGGIOREtra i due mali, scelgo il minore.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA CENSURA E' UN MALE
      preferisco gli idioti i cretini i deficenti e via discorrendo piuttosto che la censura...pensa i danni degli uni e dell'altra....se nn capisci la differenza nn saprei che dirti- Scritto da: Larry
      gli idioti, i deficienti, i coglioni, gli
      imbecilli, gli stolti, i cretini, gli
      stupidi, i mentecatti, i dementi, le teste
      di cazzo e i miscredenti


      SONO UN MALE ANCORA PEGGIORE


      tra i due mali, scelgo il minore.
      • Anonimo scrive:
        Re: LA CENSURA E' UN MALE
        Lord: evidentemente Larry si stava descrivendo...ihihihi- Scritto da: *LORD*
        preferisco gli idioti i cretini i deficenti
        e via discorrendo piuttosto che la
        censura...pensa i danni degli uni e
        dell'altra....se nn capisci la differenza nn
        saprei che dirti

        - Scritto da: Larry

        gli idioti, i deficienti, i coglioni, gli

        imbecilli, gli stolti, i cretini, gli

        stupidi, i mentecatti, i dementi, le teste

        di cazzo e i miscredenti





        SONO UN MALE ANCORA PEGGIORE





        tra i due mali, scelgo il minore.

      • Anonimo scrive:
        Re: LA CENSURA E' UN MALE
        Ma si:e' la stessa differenza tra l'essere travolti da un'automobile ed il ritrovarsi un palo piantato nel culo!
  • Anonimo scrive:
    Stare svegli?
    Forse stare svegli non è sufficiente!Dovremmo costituirci immediatamente come libera associazione e diventare una contro-parte compatta e in grado di farsi vedere: in Italia le iniziative di rete sono considerate (dagli psicologi di Stato - ci sono anche quelli - non lo sapevate ?) poco meno che aria... Non fanno paura a nessuno!Incominceranno a preoccuparsi quando (udiranno?) l'accelerato battere delle scarpe sul selciato...dietro ai loro profumatissimi deretani....
  • Anonimo scrive:
    Buonisti d'assalto
    Trovo interessante tutto questo Buonismo.E questa filosofia, dove è meglio permettere tutto piuttosto che avere delle regole.Non credo che la soluzione sia solo quella, e noncredo che o è tutto o è niente.Per esempio non è che possiamo fare qualsiasi azione che ci passa per la testa.Abbiamo dei limiti. Uccidere per esempio è reato.Ora mentre accettiamo delle limitazioni sulle nostre azioni, non vogliamo accettare delle limitazioni su quello che diciamo.Tutto si puo' dire?Allora perche' non si puo' fare tutto?Uccidi e' nella tua libertà.Se sei piu' forte, perche' impedirtelo facendo gruppo? (alcuni lo chiamano stato).E cosi' strilli piu' forte.Perche' impedirtelo? Fallo subissa chi è piu' debole con le tue ingiurie, offendi, mortifica, ecc. ecc. se strilli piu' forte perche dovremmo impedirtelo?Io non sono daccordo.Non si puo' uccidere, e me ne frego se ce ne hai la voglia.Cosi' ci sono cose che non si devono dire, e me ne frego se le vuoi dire.Il discorso quindi è semplice.Che chiudano i siti per pedofili, quelli razzisti, eretico.com ecc.Io non credo che la comunità internet ne abbia bisogno.La penso diversa dai mafiosi, dagli spacciatori, dagli sfruttatori di prostitute e molte altre persone, e vi giuro non me ne frega un accidente se censurano le loro opinioni, e reprimono in tutti i modo il loro agire. Non nutro il minimo rimorso per il fatto che non sono liberi di agire come meglio credono.Rimane infine la questione su chi decide cosa è giusto o no, e se una volta fosse la maggioranza (in senso lato, non politico)?Cosi' tanto per cambiare.Houdy
    • Anonimo scrive:
      Re: Buonisti d'assalto
      - Scritto da: Houdini
      Trovo interessante tutto questo Buonismo.
      E questa filosofia, dove è meglio permettere
      tutto piuttosto che avere delle regole.

      Non credo che la soluzione sia solo quella,
      e non
      credo che o è tutto o è niente.

      Per esempio non è che possiamo fare
      qualsiasi azione che ci passa per la testa.
      Abbiamo dei limiti. Uccidere per esempio è
      reato.
      Ora mentre accettiamo delle limitazioni
      sulle nostre azioni, non vogliamo accettare
      delle limitazioni su quello che diciamo.

      Tutto si puo' dire?
      Allora perche' non si puo' fare tutto?Perche' tra il dire e il fare c'e' di mezzo il mare, come dice un noto proverbio.Mi sembra ovvio, tra l'altro.
      Uccidi e' nella tua libertà.
      Se sei piu' forte, perche' impedirtelo
      facendo gruppo? (alcuni lo chiamano stato).

      E cosi' strilli piu' forte.
      Perche' impedirtelo? Fallo subissa chi è
      piu' debole con le tue ingiurie, offendi,
      mortifica, ecc. ecc. se strilli piu' forte
      perche dovremmo impedirtelo?

      Io non sono daccordo.
      Non si puo' uccidere, e me ne frego se ce ne
      hai la voglia.

      Cosi' ci sono cose che non si devono dire, e
      me ne frego se le vuoi dire.

      Il discorso quindi è semplice.
      Che chiudano i siti per pedofili, quelli
      razzisti, eretico.com ecc.Lo hai mai letto eretico.com??
      Io non credo che la comunità internet ne
      abbia bisogno.

      La penso diversa dai mafiosi, dagli
      spacciatori, dagli sfruttatori di prostitute
      e molte altre persone, e vi giuro non me ne
      frega un accidente se censurano le loro
      opinioni, e reprimono in tutti i modo il
      loro agire. Non nutro il minimo rimorso per
      il fatto che non sono liberi di agire come
      meglio credono.

      Rimane infine la questione su chi decide
      cosa è giusto o no, e se una volta fosse la
      maggioranza (in senso lato, non politico)?
      Cosi' tanto per cambiare.Non mi pare che il paragone eretico.com - assassino sia molto calzanteCiao
  • Anonimo scrive:
    La liberta' di espressione e' una conquista.
    La liberta' di espressione e' una conquista del popolo. Nessuno te la regala. Il potere fara' sempre di tutto per sottrarre al popolo questa conquista. Occorre fare molta attenzione e non stare a dormire.
  • Anonimo scrive:
    Ne so una piu' del diavolo
    "Lontano dal mio corpo,tu non mi raggiungerai;perche' molte cose io so,per non farmi toccare dalle tue luride mani..."Eppure quella sottospecie di "intellighenzia" che ci governa, ci ha governato (ci governera'?), ha studiato ma lo ha fatto in un modo veramente penoso..Si dovrebbero vergognare e dovrebbero farlo anche i loro genitori, nonni, che li hanno messi al mondo...Il Maiale di Bruxelles
  • Anonimo scrive:
    Dichiaro Internet ufficialmente morta
    E' con dolore che dichiaro ufficialmente morta Internet. Insomma, Internet cos'è (pardon, cos'era), se non un luogo dove tutti possono esprimere le proprie opinioni??? Indipendentemente dal contenuto del sito censurato, questa legge sull'editoria lede (e non poco) questa ex-area di nessuno dove mi auguro che il governo possa presto "schiantarsi" contro l'amara verità... e cioè che Internet non può essere fermato, anche perchè non ha confini...Ste
    • Anonimo scrive:
      Re: Dichiaro Internet ufficialmente morta
      ottimista. se ce lo vogliono mettere nel culo lo faranno e basta.- Scritto da: Ste
      E' con dolore che dichiaro ufficialmente
      morta Internet. Insomma, Internet cos'è
      (pardon, cos'era), se non un luogo dove
      tutti possono esprimere le proprie
      opinioni??? Indipendentemente dal contenuto
      del sito censurato, questa legge
      sull'editoria lede (e non poco) questa
      ex-area di nessuno dove mi auguro che il
      governo possa presto "schiantarsi" contro
      l'amara verità... e cioè che Internet non
      può essere fermato, anche perchè non ha
      confini...

      Ste
    • Anonimo scrive:
      Re: Dichiaro Internet ufficialmente morta

      E' con dolore che dichiaro ufficialmente
      morta Internet. Insomma, Internet cos'è
      (pardon, cos'era), se non un luogo dove
      tutti possono esprimere le proprie
      opinioni??? quello e' il bar sport ;)))
    • Anonimo scrive:
      Re: Dichiaro Internet ufficialmente morta
      - Scritto da: Ste
      E' con dolore che dichiaro ufficialmente
      morta Internet. Insomma, Internet cos'è
      (pardon, cos'era), se non un luogo dove
      tutti possono esprimere le proprie
      opinioni??? Indipendentemente dal contenuto
      del sito censurato, questa legge
      sull'editoria lede (e non poco) questa
      ex-area di nessuno dove mi auguro che il
      governo possa presto "schiantarsi" contro
      l'amara verità... e cioè che Internet non
      può essere fermato, anche perchè non ha
      confini...

      SteMorta internet? Nasce Freenet! Io ho già donato. Fallo anche tu, dai dei soldi a questi sviluppatori che stanno costruendo la Tua libertà futura.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dichiaro Internet ufficialmente morta
      - Scritto da: Ste
      E' con dolore che dichiaro ufficialmente
      morta Internet. Insomma, Internet cos'è
      (pardon, cos'era), se non un luogo dove
      tutti possono esprimere le proprie
      opinioni???E che grandi e profonde opinioni esprimono le immagini presenti su quel sito?
      Indipendentemente dal contenuto
      del sito censurato, Indipendentemente un ca##o... quel sito andava censurato, a prescindere dalla 62/01
      questa legge
      sull'editoria lede (e non poco) questaLa legge sull'editoria non c'entra nulla con la censura del sito: il reato contestato è un altro, e la legge è servita solo per definire il sito come "prodotto editoriale". Se volete prendervela con la leggo ci sto anch'io, se volete prendervela con la censura indiscriminata pure, ma se mi dite che quel sito era degno di esistere allora non sono d'accordo
      • Anonimo scrive:
        Re: Dichiaro Internet ufficialmente morta

        ma se mi dite
        che quel sito era degno di esistere allora
        non sono d'accordoE tu ? Sei forse degno di esistere ?
  • Anonimo scrive:
    Offese alla religione dello Stato mediante vilipen
    Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di personeE' questo l'articolo 403 del codice penale per cui e' stato chiuso Eretico.com (se volete leggerlo, andate su www.tutticodici.it) e non per la legge sull'editoria che è stata utilizzata dai difensori per non far finire in prigione per uin periodo tra 1 e 3 anni il proprietario del sito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Offese alla religione dello Stato mediante vilipen
      allora l'Anticristo di Nietzsch è un libro illegale...
      • Anonimo scrive:
        Re: Offese alla religione dello Stato mediante vilipen
        Prova a denunciarlo.Probabilmente con una provocazione tipo questa il problema salterebbe agli occhi dell'opinione pubblica- Scritto da: maya
        allora l'Anticristo di Nietzsch è un libro
        illegale...
    • Anonimo scrive:
      Re: Offese alla religione dello Stato mediante vilipen
      sai cos'e' lo spam?- Scritto da: Michele Mader
      Offese alla religione dello Stato mediante
      vilipendio di persone

      E' questo l'articolo 403 del codice penale
      per cui e' stato chiuso Eretico.com (se
      volete leggerlo, andate su
      www.tutticodici.it) e non per la legge
      sull'editoria che è stata utilizzata dai
      difensori per non far finire in prigione per
      uin periodo tra 1 e 3 anni il proprietario
      del sito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Offese alla religione dello Stato?
      Se non sbaglio non esiste più in Italia la religione dello stato....- Scritto da: Michele Mader
      Offese alla religione dello Stato mediante
      vilipendio di persone

      E' questo l'articolo 403 del codice penale
      per cui e' stato chiuso Eretico.com (se
      volete leggerlo, andate su
      www.tutticodici.it) e non per la legge
      sull'editoria che è stata utilizzata dai
      difensori per non far finire in prigione per
      uin periodo tra 1 e 3 anni il proprietario
      del sito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Offese alla religione dello Stato mediante vilipen
      Provate a leggervi i "Vangeli Apocrifi" http://www.spippolatori.com/memberspp/master/vapo/eva.htm e come minimo vi sbattono dentro per aver pensato....Libero fino alla morte...NESSUNO FERMERA' IL MIO CANTO LIBERO....
    • Anonimo scrive:
      Re: Offese alla religione dello Stato? AHAHAH
      - Scritto da: Michele Mader
      Offese alla religione dello Stato mediante
      vilipendio di personeNo no, caro mio, religione di maggioranza della cittadinanza italiana. Non dello Stato, lo Stato è laico, anche se molti italiani si ostinano a non volerlo così.Visto che in Italia ci sono molti laici ed agnostici ed anche credenti di altre religioni, un po' di rispetto e tolleranza e' un dovere. Quindi non riesumiamo la "Religione di Stato" e vediamo, come gesto di buona tolleranza, di cominciare a togliere quegli orribili crocefissi sanguinolenti dalle aule scolastiche che sono irrispettosi per chi non crede ed impropri ed inopportuni nelle scuole di uno stato laico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Offese alla religione dello Stato? AHAHAH
        - Scritto da: Ugo
        No no, caro mio, religione di maggioranza
        della cittadinanza italiana.... siamo proprio sicuri sicuri?
        Stato, lo Stato è laico... magari lo fosse veramente ...... ed in ogni caso, secondo me, in Italia si usa non correttamente il termine laico, che non vuol dire non credente ...
        togliere quegli
        orribili crocefissi sanguinolenti dalle aule
        scolastiche... e dagli uffici di polizia, dai tribunali, dagli uffici pubblici, dagli ospedali (che portano pure sfiga), etc. ... ma le religioni, si sa', sono presuntuose e prepotenti ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Offese alla religione dello Stato? AHAHAH
          - Scritto da: Olandesi, uomini liberi! ...
          - Scritto da: Ugo

          No no, caro mio, religione di maggioranza

          della cittadinanza italiana.

          ... siamo proprio sicuri sicuri?Il concetto di "religione di stato" e' stato abrogato durante il primo governo Craxi, poco prima della firma del nuovo concordato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Offese alla religione dello Stato? AHAHAH

            Il concetto di "religione di stato" e' stato
            abrogato durante il primo governo Craxi,
            poco prima della firma del nuovo concordato.... col "sicuri sicuri" intendevo riferirmi al fatto che i cattolici rappresentino ancora la maggioranza in Italia ...
  • Anonimo scrive:
    A questo punto..trasferiamo i siti all'estero
    Se cosi' vogliono far girare le cose qui in Italia mi sa che allora siamo proprio costretti a mandarli a quel paese, in una maniera molto semplice, mettiamo i siti in hosting su servers esteri, tanto non mi pare ke in questi casi ci sia l'estradizione no? :)PS: "1. L'Italia e' una Repubblica democratica fondata sul lavoro.." ma che è? la costituzione o nu' romanzo?? :PP
    • Anonimo scrive:
      Re: A questo punto..trasferiamo i siti all'estero
      Si, repubblica costituzionale fondata sul lavoro....degli altri.....- Scritto da: Michele
      Se cosi' vogliono far girare le cose qui in
      Italia mi sa che allora siamo proprio
      costretti a mandarli a quel paese, in una
      maniera molto semplice, mettiamo i siti in
      hosting su servers esteri, tanto non mi
      pare ke in questi casi ci sia l'estradizione
      no? :)

      PS: "1. L'Italia e' una Repubblica
      democratica fondata sul lavoro.." ma che è?
      la costituzione o nu' romanzo?? :PP
    • Anonimo scrive:
      Re: A questo punto..trasferiamo i siti all'estero
      è esattamente la mia opinionebasta trasferire i siti su hosting all'estero, la nuova legge sull'editoria ammazzerà i provider italiani e mi dispiace, ma se non si muovono loro contro questa legge............ciaorosso&nero
  • Anonimo scrive:
    cari SIGNORI: E' GIUNTO IL MOMENTO di partire.....
    MI SEMBRA CHE QUESTA SIA PROPRIO LA GOCCIA CHE HA FATTO TRABOCCARE IL VASO.E' INUTILE CHE STIAMO QUI A SCANNARCI E A DIRE: "NON E' GIUSTO"LO SAPPIAMO CHE NON E' GIUSTO.SIAMO RITORNATI AI TEMPI NAZI-FASCISTI.NON C'E' PIU' LA LIBERTA' D'ESPRESSIONE, E' FINITA LA LIBERTA' IN ITALIA.NON CI RESTA CHE PARTIRE, ED APRIRE OFF-SHORE PER STARE TRANQUILLI.E RACCONTARE QUANTO "SIA BELLA L'ITALIA""LA REPUBBLICA & LA DEMOCRAZIA ITALIANA"BLEAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHA BERLUSCONI, STIAMO ASPETTANDO TE !!DATTI UNA MOSSA, MI CONSENTA !!
    • Anonimo scrive:
      Re: cari SIGNORI: E' GIUNTO IL MOMENTO di partire.....
      Ma cosa non è giusto? cosa c'entrano i nazi-fascisti e la libertà di espressione?Un conto è esprimere la propria opinione, il proprio dissenso, altra cosa è l'insulto.Qualsiasi tipo di critica sia alla religione cattolica o alla sua gerarchia espressa in modo civile non avrebbe comportato provvedimenti di alcun genere.Si augurino piuttosto che nei loro confronti non vengano avviate ulteriori azioni giudiziarie da parte delle persone che hanno ingiuriato.In altri paesi (a proposito del consiglio a "partire") le conseguenze sarebbero state ben più gravi.Che si vergognino.- Scritto da: MAX
      MI SEMBRA CHE QUESTA SIA PROPRIO LA GOCCIA
      CHE HA FATTO TRABOCCARE IL VASO.

      E' INUTILE CHE STIAMO QUI A SCANNARCI E A
      DIRE: "NON E' GIUSTO"

      LO SAPPIAMO CHE NON E' GIUSTO.

      SIAMO RITORNATI AI TEMPI NAZI-FASCISTI.

      NON C'E' PIU' LA LIBERTA' D'ESPRESSIONE, E'
      FINITA LA LIBERTA' IN ITALIA.

      NON CI RESTA CHE PARTIRE, ED APRIRE
      OFF-SHORE PER STARE TRANQUILLI.

      E RACCONTARE QUANTO "SIA BELLA L'ITALIA"

      "LA REPUBBLICA & LA DEMOCRAZIA ITALIANA"

      BLEAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

      A BERLUSCONI, STIAMO ASPETTANDO TE !!

      DATTI UNA MOSSA, MI CONSENTA !!
      • Anonimo scrive:
        Re: cari SIGNORI: E' GIUNTO IL MOMENTO di partire.....
        - Scritto da: CGC
        Ma cosa non è giusto? cosa c'entrano i
        nazi-fascisti e la libertà di espressione?
        Un conto è esprimere la propria opinione, il
        proprio dissenso, altra cosa è l'insulto.Non vedo tutta questa differenza fra esprimereopinioni ed insultare. Per me l'opinione diqualcuno può già essere un insulto. Premettoperò, che in tutti e due i casi la censura èuna violenza materiale contro un'atto che haripercussioni solo morali. E' una punizionesovradimensionata, repressiva, oppressiva.I nazi-fascisti in effetti non c'entrano.La cosa più grave, direi, è che la leggesull'editoria è stata varata da quegli idiotidel centro-sinistra. Non che consideri gliattuali governanti come necessariamentemigliori, infatti non ho votato quest'anno.E guarda che io sono più vicino alla sinistrache alla destra. Ma ammetto la manifestainettitudine del precedente governo, ungoverno inesistente, che non ha fatto niente,tranne qualche cazzata come questa legge.Ma non credo volessero farla: non se ne sonoresi conto, come non si sono resi conto di moltealtre cose.
  • Anonimo scrive:
    Viviamo in un paese che non ci fa vivere !
    Viviamo in un paese che non ci fa vivere !Boicottiamo il paese delle banane !
  • Anonimo scrive:
    IO INVECE DIREI CHE: VIVIAMO IN UN PAESE DI MERDA
    PERMETTETEMI DI SCRIVERLO, MA NON E' POSSIBILE !!!SOLO IN ITALIA SUCCEDONO QUESTE STRRRRRRRR ****TE!!!!!!!!!L'ITALIA,IL BLE PAESE DEL CA**O.TUTTO ALL'ESTERO SI DEVE FARE PER QUESTI POLITICI IGNORANTI & GIUDICI CHE NON CONOSCONO LA DIFFERENZA TRA UN MODEM ED UN MOUSE !!!!SE IL SITO FOSSE STATO COMPRATO SU UN PROVIDER ESTERO, NON SAREBBERO MAI RIUSCITI A CHIUDERLO.QUESTO SOTTOLINEA L'INAFFIDABILITA' DEI PROVIDER ITALIANI.NON COMPRATE DOMINI DA PROVIDER ITALIANI O FARETE LA FINE DI ERETICO.COM;-)
  • Anonimo scrive:
    VIVIAMO IN UNA FINTA DEMOCRAZIA..........
    Lo ripeto, questa Legge sull' editoria è l' ennesima prova che lor signori vogliono CONTROLLARE INTERNET, quindi hanno attivato uno strumento da poter usare come e quando più gli aggrada colpendo chi non è funzionale al gradimento del potere.Di leggi simili lo Stato Italiano ne è pieno, ce ne sono migliaia ed in tutti i campi, basta volerlo e qualsiasi cittadino Italiano potrebbe essere colto in infrazione in un qualsiasi momento della giornata e punito o con la galera o amministrativamente.Il sistema di Leggi Italiano è una giungla funzionale al potere e per il potere.Oramai si potrebbe costruire un muro lungo tutto il perimetro della Penisola e rinchiudere tutto il popolo Italiano in una immensa galera, tanto chiunque volente o nolente per il sistema ha sicuramente violato una "legge".Siamo all' assurdo, siamo in una "DEMOCRAZIA" finta e malata.
    • Anonimo scrive:
      Re: VIVIAMO IN UNA FINTA DEMOCRAZIA..........
      Visto ch enon siamo aniamali, iviamo in una società che ha delle regole, e non nell'anarchia. Anch'io sono contro la 62/01, ma la chiusura di questo sito non c'entra nulla con quella leggeciao
    • Anonimo scrive:
      Re: VIVIAMO IN UNA FINTA DEMOCRAZIA..........
      La legge sull'editoria non c'entra niente. E' per Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di persone che e' stato chiuso il sito.La legge sull'editoria e' servita per non far finire in carcere il web master.- Scritto da: Alien
      Lo ripeto, questa Legge sull' editoria è l'
      ennesima prova che lor signori vogliono
      CONTROLLARE INTERNET, quindi hanno attivato
      uno strumento da poter usare come e quando
      più gli aggrada colpendo chi non è
      funzionale al gradimento del potere.
      Di leggi simili lo Stato Italiano ne è
      pieno, ce ne sono migliaia ed in tutti i
      campi, basta volerlo e qualsiasi cittadino
      Italiano potrebbe essere colto in infrazione
      in un qualsiasi momento della giornata e
      punito o con la galera o
      amministrativamente.
      Il sistema di Leggi Italiano è una giungla
      funzionale al potere e per il potere.
      Oramai si potrebbe costruire un muro lungo
      tutto il perimetro della Penisola e
      rinchiudere tutto il popolo Italiano in una
      immensa galera, tanto chiunque volente o
      nolente per il sistema ha sicuramente
      violato una "legge".
      Siamo all' assurdo, siamo in una
      "DEMOCRAZIA" finta e malata.
      • Anonimo scrive:
        Re: VIVIAMO IN UNA FINTA DEMOCRAZIA..........
        - Scritto da: m
        La legge sull'editoria non c'entra niente.
        E' per Offese alla religione dello Stato
        mediante vilipendio di persone che e' stato
        chiuso il sito.

        La legge sull'editoria e' servita per non
        far finire in carcere il web master.A parte che la Religione di Stato fortunatamente non c'e' piu' sono d'accordo con teCiao
  • Anonimo scrive:
    Scusate ma...
    Scusate una cosa chiudere un sito che offre informazione "libera" e ciò sarebbe errato...una situazione differente chiudere un sito che offende... ecco un sito che dovrebbe essere chiuso, se qualcuno di voi lettori di questo mi messaggio ha il potere di farlo... www.porcamadonna.comè scandaloso... (spero di non aver sbagliato url, ma non voglio neppure controllare)Cmq con il nuovo governo le cose cambieranno sicuramente, bisogna portare all'attenzione del pres. del cons. il problema. Da imprenditore e autorevole simbolo della democrazia, potrebbe esserci d'aiuto
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma...
      Hai ragione. Questo sito andrebbe chiuso, e chiusi in cella gli autori.E qui la legge sull'editoria non c'èntra per nulla.- Scritto da: e.
      Scusate una cosa chiudere un sito che offre
      informazione "libera" e ciò sarebbe
      errato...
      una situazione differente chiudere un sito
      che offende...

      ecco un sito che dovrebbe essere chiuso, se
      qualcuno di voi lettori di questo mi
      messaggio ha il potere di farlo...
      www.porcamadonna.com
      è scandaloso... (spero di non aver sbagliato
      url, ma non voglio neppure controllare)

      Cmq con il nuovo governo le cose cambieranno
      sicuramente, bisogna portare all'attenzione
      del pres. del cons. il problema. Da
      imprenditore e
      autorevole simbolo della democrazia,
      potrebbe esserci d'aiuto
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma...
        - Scritto da: Alberto

        Hai ragione. Questo sito andrebbe chiuso, e
        chiusi in cella gli autori.
        E qui la legge sull'editoria non c'èntra per
        nulla.E IO TI APRO UN SITO www.PORCAPUTTAZZA.it.


        - Scritto da: e.

        Scusate una cosa chiudere un sito che
        offre

        informazione "libera" e ciò sarebbe

        errato...

        una situazione differente chiudere un sito

        che offende...



        ecco un sito che dovrebbe essere chiuso,
        se

        qualcuno di voi lettori di questo mi

        messaggio ha il potere di farlo...

        www.porcamadonna.com

        è scandaloso... (spero di non aver
        sbagliato

        url, ma non voglio neppure controllare)



        Cmq con il nuovo governo le cose
        cambieranno

        sicuramente, bisogna portare
        all'attenzione

        del pres. del cons. il problema. Da

        imprenditore e

        autorevole simbolo della democrazia,

        potrebbe esserci d'aiuto
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma...
        Caro Alberto, non sai cosa stai dicendo.Non ti piace quel sito ne fai un altro.Io sono contrario per principio alla chiusura di qualsiasi sito. Avere paura del "lato oscuro" della personalita' e' ingenuo, bacchettone... In definitiva... debole.Cordialmente.- Scritto da: Alberto

        Hai ragione. Questo sito andrebbe chiuso, e
        chiusi in cella gli autori.
        E qui la legge sull'editoria non c'èntra per
        nulla.



        - Scritto da: e.

        Scusate una cosa chiudere un sito che
        offre

        informazione "libera" e ciò sarebbe

        errato...

        una situazione differente chiudere un sito

        che offende...



        ecco un sito che dovrebbe essere chiuso,
        se

        qualcuno di voi lettori di questo mi

        messaggio ha il potere di farlo...

        www.porcamadonna.com

        è scandaloso... (spero di non aver
        sbagliato

        url, ma non voglio neppure controllare)



        Cmq con il nuovo governo le cose
        cambieranno

        sicuramente, bisogna portare
        all'attenzione

        del pres. del cons. il problema. Da

        imprenditore e

        autorevole simbolo della democrazia,

        potrebbe esserci d'aiuto
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma...


      ecco un sito che dovrebbe essere chiuso, se
      qualcuno di voi lettori di questo mi
      messaggio ha il potere di farlo...Modo scadente di farsi pubblicita'.Andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma...

      ecco un sito che dovrebbe essere chiuso, se
      qualcuno di voi lettori di questo mi
      messaggio ha il potere di farlo...
      www.porcamadonna.comBeh, a me e' piaciuto... e allora???Io bestemmio come un turco, non credo in dio e comunque cerco di non offendere nessuno (non vado certo in chiesa a farlo!)Mi sembra che il sito non possa lasciare dubbi sul contenuto, a partire dal titolo e dall'URL: mi spieghi come ci sei finito???? Hai digitato porcamadonna per caso??? Hai seguito un link??? Se non ti andava potevi non aprirlo e non andarlo a cercare!Basta con 'sti falsi moralismi di chi smanetta in cerca di sconcezze salvo poi indignarsi se trova qualcosa non di suo gusto!!!Vanno chiusi i siti che incitano alla violenza in ogni sua forma, dal razzismo alla pedofilia, e quant'altro... ma per favore non tocchiamo la liberta' di pensiero, di opinione e di parola!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate ma...
        Sei un ossimoro!uno che non crede in Dio e lo bestemmia...Non bestemmia in chiesa per non offendere nessuno ma fuori si:Fatti sentire da me e vedrai se mi limito ad offendermi!
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate ma...

          uno che non crede in Dio e lo bestemmia...Beh, tu non hai mai deto "PerBacco"??? Sono tuti pagani quelli che lo dicono? E se ti interesa conosco un prete (veneto) che semina piu' "dioc*n" che avemarie...No, non ci credo, ma detesto tuto cio' che rappresenta (dalle crociate all'oscurantismo, dal sostegno ai regimi fascisti e militari fino al genocidio perpetrato tuttora in africa condannando l'uso di preservativi nella lotta all'aids). Quindi di motivi per insultarlo, pur non credendoci, ne ho da vendere (oppure mi devi imporre anche il TUO modo di pensare, oltre ai siti che posso o ono posso visitare????).
          Fatti sentire da me e vedrai se mi limito ad
          offendermi!Se mi dovessi incazzare per ogni persona che offende -che so- marx e il marxismo sarei a fare a pugni dal mattino alla sera. Ma evidentemente io sono tollerante, mentre quando al catechismo i tuoi amici insegnavano a porgere l'altra guancia tu eri assente...
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate ma...

            evidentemente io sono tollerante, mentre
            quando al catechismo i tuoi amici
            insegnavano a porgere l'altra guancia tu eri
            assente...E -per restare IT- evidentemente non eri l'unico assente quel giorno. Ecco alcuni estratti dal vituperato eretico.com (confesso di non aver controllato tutti gli originali):---Numerosi furono i feriti e i morti, perchè la guerra era voluta da Dio. 1 Cronache 5,22---Improvvisamente un angelo del signore lo colpì, perchè non aveva dato gloria a Dio; e, roso dai vermi, spirò. Atti 12,23---Eliseo andò a Betel. Mentre egli camminava per strada, uscirono dalla città alcuni ragazzetti che si burlarono di lui dicendo "Vieni su, pelato; vieni su, calvo!". Egli si voltò, li guardò e li maledisse nel nome del Signore. Allora uscirono dalla foresta due orse, che sbranarono quarantadue di quei fanciulli. 2 Re 2,23-25---Dalla donna ha avuto inizio il peccato, per causa sua tutti moriamo. Siracide 25,24---Meglio la cattiveria di un uomo che la bontà di una donna. Siracide 36,21---Come in tutte le comunità di fedeli, le donne nelle assemblee tacciano perchè non è loro permesso di parlare, stiano invece sottomesse,come dice anche la legge. 1 Corinzi 14,34---Il signore disse ancora a Mosè "Parla a Aronne e digli: Nelle generazioni future nessun uomo della tua stirpe, che abbia qualche deformità, potrà accostarsi a offrire il pane del suo Dio. Levitico 21,16---Rendiamo grazie a dio.........
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate ma...

            Beh, tu non hai mai deto "PerBacco"??? mai, sono astemio.
            No, non ci credo, ma detesto tuto cio' che
            rappresenta (dalle crociate
            all'oscurantismo, dal sostegno ai regimi
            fascisti e militari fino al genocidio
            perpetrato tuttora in africa condannando
            l'uso di preservativi nella lotta all'aids).
            Quindi di motivi per insultarlo, pur non
            credendoci, ne ho da vendere stiamo parlando del Padreterno o di comuni mortali? (non fare confusione)oppure mi devi imporre anche il TUO modo di pensare, oltre ai siti che posso o non posso visitare????).io non decido cosa tu puoi o devi fare a casa tua, lo decido se vuoi interloquire con me.O, lo decidiamo, se siamo piu' di voi...
            Se mi dovessi incazzare per ogni persona che
            offende -che so- marx e il marxismo sarei a
            fare a pugni dal mattino alla sera. No, saresti in minoranza e te le suonerebbero(vale anche per me che sono utente Apple contro il Capitalismo Microsoft) Ma
            evidentemente io sono tollerante, mentre
            quando al catechismo i tuoi amici
            insegnavano a porgere l'altra guancia tu eri
            assente...(ero nei bagni a fare graffiti/seghe/canne o pisciare fuori dalla tazza)Non sarebbe meglio se la gente non offendesse Carl Marx (nonostante abbia fatto parecchio peggio di Gandhi) tanto perche' chi per una ragione o per l'altra lo stima (...)non abbia ad adirarsi o a sentirsi umiliata?Visto che io (pur essendo violento e non incline ai bis di guancia) mi preoccupo di non urtare la suscettibilita' degli altri per motivi inutili, tu potresti benissimo SMETTERLA di bestemmiare in presenza d'altri per la stessa ragione.Cosa manca a chi bestemmia?L'eleganzal'educazionela credibilita'la dignita'la sicurezza in se stessodimmi tu cos'e' un uomo senza quanto sopra...
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate ma...
      - Scritto da: e.
      Scusate una cosa chiudere un sito che offre
      informazione "libera" e ciò sarebbe
      errato...
      una situazione differente chiudere un sito
      che offende...

      ecco un sito che dovrebbe essere chiuso, se
      qualcuno di voi lettori di questo mi
      messaggio ha il potere di farlo...
      www.porcamadonna.com
      è scandaloso... (spero di non aver sbagliato
      url, ma non voglio neppure controllare)Comunque il contenuto di quel sito che te non vuoi neanche controllare alcune volte e' veramente forte, specie la sezione dedicata ai disservizi statali.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Finalmente, era ora!
    Stamani ho letto la + bella notizia degli ultimi tempi! Sono molto felice della chiusura di un sito cosi' squallido, inutile e di pessimo gusto! Spero che non sia l'ultimo...siti del genere non mi mancheranno neanche un po' e credo che le persone a cui mancheranno hanno bisogno di cure psichiatriche.Era ora, bisognava pur cominciare! Credo che siano partiti col piede giusto!Insomma, nulla da eccepire.Buona serata.P.s. io rispetto tutte le opinioni che ho letto finora, mi auguro che anche la mia meriti il rispetto di chi non la pensa come me...so che sarete in tanti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente, era ora!
      - Scritto da: Mario
      Stamani ho letto la + bella notizia degli
      ultimi tempi! Sono molto felice della
      chiusura di un sito cosi' squallido, inutile
      e di pessimo gusto!allora lo hai visitato?!
      Spero che non sia
      l'ultimo...siti del genere non mi
      mancheranno neanche un po' e credo che le
      persone a cui mancheranno hanno bisogno di
      cure psichiatriche.io non ci sono stato.. e siccome sono una persona che prima di giudicare vuole vedere e leggere...(non mi fido dei giudizi degli altri)...non posso più perchè il sito è stato chiuso
      Era ora, bisognava pur cominciare! Credo che
      siano partiti col piede giusto!incominciare a farci comandare dai censori?
      Insomma, nulla da eccepire.contento te!

      Buona serata.

      P.s. io rispetto tutte le opinioni che ho
      letto finora, mi auguro che anche la mia
      meriti il rispetto di chi non la pensa come
      me...so che sarete in tanti!ti rispetto... cmq spero che la cosa ti faccia riflettere
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente, era ora!
      - Scritto da: Mario
      e di pessimo gusto! Spero che non sia
      l'ultimo...siti del genere non mi
      mancheranno neanche un po' e credo che le
      persone a cui mancheranno hanno bisogno di
      cure psichiatriche.
      Era ora, bisognava pur cominciare! Credo che
      siano partiti col piede giusto!
      Insomma, nulla da eccepire.Spero sinceramente tu stia scherzando. Non ho mai visto il sito, ma da quanto ho letto non condivido i contenuti.Ma sono sicuro che molta altra gente non condivide le mie idee, eppure vorrei continuare a poterne parlare.In un sacco di paesi criticare il governo e' un reato. Questo e' giusto per te? Qual'e la differenza rispetto a questo caso?Forse cambia solo da che parte ti trovi *tu*.
      Buona serata.

      P.s. io rispetto tutte le opinioni che ho
      letto finora, mi auguro che anche la mia
      meriti il rispetto di chi non la pensa come
      me...so che sarete in tanti!Mi spiace deluderti, ma se tu plaudi alla censura *non* rispetti le opinioni degli altri.E mi spiace, posso parlarti in modo civile come hai fatto tu, ma il rispetto deve essere reciproco.Buona sera anche a te.
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente, era ora!
      - Scritto da: Mario
      Stamani ho letto la + bella notizia degli
      ultimi tempi! Sono molto felice della
      chiusura di un sito cosi' squallido, inutile
      e di pessimo gusto! Spero che non sia
      l'ultimo...siti del genere non mi
      mancheranno neanche un po' e credo che le
      persone a cui mancheranno hanno bisogno di
      cure psichiatriche.
      Era ora, bisognava pur cominciare! Credo che
      siano partiti col piede giusto!
      Insomma, nulla da eccepire.

      Buona serata.

      P.s. io rispetto tutte le opinioni che ho
      letto finora, mi auguro che anche la mia
      meriti il rispetto di chi non la pensa come
      me...so che sarete in tanti!Io non capisco che fastidio ti abbia dato quel sito, se non ti piace non andare a vederlo, sconsiglialo agli amici, ecc...Chiuderlo di prepotenza a me pare un atto di violenza, un albanese che violenta una bambina lo mandano a casa col foglio di via, uno che si fa un sito provocatorio provano a metterlo dentro per un anno... Ciao
  • Anonimo scrive:
    non esiste nulla da non vedere e da non leggere
    non esiste nulla da non vedere e da non leggere!!!!poi si può condividere o meno quello che si vede e si legge... ci può fare schifo...ma una persona impara anche analizzando e studiando idee sbagliate... criticandoleogni forma di censura è sbagliata......ed è definita sempre dalla cultura dominantesia essa religiosa /politica /economica /socialeW internet W la libera internet
    • Anonimo scrive:
      Re: non esiste nulla da non vedere e da non legger
      - Scritto da: maya
      non esiste nulla da non vedere e da non
      leggere!!!!
      poi si può condividere o meno quello che si
      vede e si legge... ci può fare schifo...
      ma una persona impara anche analizzando e
      studiando idee sbagliate... criticandole
      ogni forma di censura è sbagliata...
      ...ed è definita sempre dalla cultura
      dominante
      sia essa religiosa /politica /economica
      /sociale

      W internet W la libera internetStragiustissimo, secondo me molti di questi che postano hanno letto eretico e hanno fatto = sito demoniaco, ma non hanno letto neanche una pagina di quello che c'era scritto.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Siamo al paradossale ed al grottesco
    Mi vedo censurati un paio di post, dove esprimevo le mie preoccupazioni sulla salute mentale dei frequentatori. vabbè, ho usato un linguaggio forse disinibito, ma mi viene da ridere leggendo quel che appare dopo aver premuto la x rossa:"I testi non devono contenere pubblicità, essere offensivi, ledere la dignità altrui o essere palesemente off topic."Ahahahah... E qui stiamo a discutere se è giusto o meno sequestrare un sito DISGUSTOSO come eretico.com dove appunto si LEDEVA LA DIGNITA' ALTRUI in modo inequivocabile? Ahahahha!
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo al paradossale ed al grottesco
      coerenza di PI :-(si lamentano per la censura di eretico.com e ti censurano msg scomodi a loro.....e i messaggi che contengono parole volgari? Li lasciano? Ma era di PI il sito censurato?- Scritto da: HotEngine
      Mi vedo censurati un paio di post, dove
      esprimevo le mie preoccupazioni sulla salute
      mentale dei frequentatori. vabbE ho usato
      un linguaggio forse disinibito, ma mi viene
      da ridere leggendo quel che appare dopo aver
      premuto la x rossa:

      "I testi non devono contenere pubblicitE
      essere offensivi, ledere la dignitEaltrui o
      essere palesemente off topic."

      Ahahahah... E qui stiamo a discutere se E
      giusto o meno sequestrare un sito DISGUSTOSO
      come eretico.com dove appunto si LEDEVA LA
      DIGNITA' ALTRUI in modo inequivocabile?
      Ahahahha!
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo al paradossale ed al grottesco
      - Scritto da: HotEngine
      Mi vedo censurati un paio di post, dove
      esprimevo le mie preoccupazioni sulla salute
      mentale dei frequentatori. vabbè, ho usato
      un linguaggio forse disinibito, ma mi viene
      da ridere leggendo quel che appare dopo aver
      premuto la x rossa:

      "I testi non devono contenere pubblicità,
      essere offensivi, ledere la dignità altrui o
      essere palesemente off topic."

      Ahahahah... E qui stiamo a discutere se è
      giusto o meno sequestrare un sito DISGUSTOSO
      come eretico.com dove appunto si LEDEVA LA
      DIGNITA' ALTRUI in modo inequivocabile?
      Ahahahha!Secondo me è una sorta di provocazione: vogliono dimostrati che è brutto sentirsi censurati per difendere ad oltranza la loro tesi...Prevedo altro due belle -x- sul tuo e il mio post.Peccato... l'idea era buona ma hanno scelto l'esempio sbagliato...
    • Anonimo scrive:
      HotEngine, so chi sei
      - Scritto da: HotEngine
      Mi vedo censurati un paio di post, dovesono tutti on line.Visto che ho capito chi sei, dillo a tutti.chi si nasconde dietro questo nick?quali interessi hai a screditare qui PI ?Almeno dillo, e smetti di fare rumore.grazie.altrimenti sei solo un altro RIDICOLO troll che ignora la notizia, ignora i problemi della legge sull editoria ed evidentemente E' BEN PAGATO da qualcuno per fare quello che stai facendo da ore.ciao,Sandrokan
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo al paradossale ed al grottesco
      Sono solidale con te sulla sostanza del tuo intervento: la chiusura del sito in questione non c'entra un fico secco con legge sull'editoria, che pure rimane una legge infame ed illiberale.Il motivo per cui è stato chiuso il sito eretici.com è lo stesso per cui una ventina d'anni fa veniva sequestrato il settimanale satirico "Il male": vilipendio alla religione di stato. In tempi più recenti lo stesso articolo del codice Rocco è stato usato contro il film di Ciprì e Maresco "Totò che visse due volte"Se solo avessi evitato di apostrofare in quel modo i partecipanti a questo forum forse si sarebbe potuto ragionare meglio, non credi?Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Siamo al paradossale ed al grottesco
        - Scritto da: libertà va cercando...
        Se solo avessi evitato di apostrofare in
        quel modo i partecipanti a questo forum
        forse si sarebbe potuto ragionare meglio,
        non credi?Si certamente. Però vedere che praticamente NESSUNO aveva letto la sentenza o ne aveva capito la sostanza mi ha fatto imbestialire un po'... Mi sembrava di vedere un gregge che si sposta col capobranco o col cane da pastore...
  • Anonimo scrive:
    Carlo Pelliccia
    Caro signore, P.I è una nota, competente rivista on-line che dedica gran tempo ai lettori e alle persone che hanno voglia di leggerla ;certo nessuno vieta di non farlo, se vuoi la leggi e poi, sempre se credi, trai le tue conclusioni.Presumo che non sia solo una persona a scrivere gli articoli e quindi, penso, che ci siano diverse menti che la pensano e si esprimono in modo diverso.Sta allo spettatore leggere, ricevere input per poi trarre le conclusioni.Il tuo decantare nel forum, oltre a "sporcarlo" non rende onore e gloria a persone che per quattro soldi e magari anche rimettendoci, perdono e spendendo del loro tempo per informarti.Sig. Carlo non si sta comportando bene.Per nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: Carlo Pelliccia
      - Scritto da: Ziomik
      Caro signore, P.I Euna nota, competente
      rivista on-linela competenza l` ha dimostrata oggi :-( che dedica gran tempo ai
      lettori e alle persone che hanno voglia di
      leggerla ;certo nessuno vieta di non farlo,
      se vuoi la leggi e poi, sempre se credi,
      trai le tue conclusioni.E` quello che ha fatto... di che ti lamenti? :-)
      Presumo che non sia solo una persona a
      scrivere gli articoli e quindi, penso, che
      ci siano diverse menti che la pensano e si
      esprimono in modo diverso.Non si tratta di pensare in un certo modo. Informazione e` informazione mentre l` opinione e` un` altra.
      Sta allo spettatore leggere, ricevere input
      per poi trarre le conclusioni.
      Il tuo decantare nel forum, oltre a
      "sporcarlo" non rende onore e gloria a
      persone che per quattro soldi e magari anche
      rimettendoci, perdono e spendendo del loro
      tempo per informarti.Ma ne sei certo?
      Sig. Carlo non si sta comportando bene.Per
      nulla.postando un msg OT con l` aria dell` intelligentone invece e` un comportamento superiore :-))))
  • Anonimo scrive:
    Re: -X-
    CVDno comment
  • Anonimo scrive:
    Punto Informatico dacci il buon esempio.
    HotEngine ha postato in questo forum due messaggi, il cui contenuto mi risulta inaccettabile, che sono stati censurati. Chiedo che la X rossa venga rimossa dai messaggi di HotEngine immediatamente, o che altrimenti venga apposta anche su questo e sugli altri due miei messaggi di questro forum. In generale mi sembra che PI decida di censurare (cosa in sé sbagliata, ove non si configurino reati penali) troppo spesso ed in modo arbitrario.
  • Anonimo scrive:
    ***Ecco cosa dice l'ADUC***
    LEGGE SULL'EDITORIACOMUNICATO STAMPA DELL'ADUCAssociazione per i diritti degli utenti e consumatoriURL: http://www.aduc.itmailto aduc.it@aduc.itTel.055290606 - 0552302266APPLICATA IN PIENO PER FAR CHIUDERE UN SITO INTERNET: DOVE SONO LE SIRENEDELL'ALLORA SOTTOSEGRETARIO VANNINO CHITI? E COSA NE DICE IL MINISTRO DELLECOMUNICAZIONI?Firenze, 4 Luglio 2001. Il sito Internet eretico.com e' stato posto sottosequestro dall'autorita' giudiziaria fin dai primi del mese di giugno, masolo in questi giorni sono state rese note le motivazioni giuridiche chehanno indotto i magistrati ad arrivare al sequestro.Cosi' il presidente dell'Aduc, Vincenzo Donvito.Il sito in questione poteva piacere o meno (cercava di mettere alla berlina,con un linguaggio e immagini truci, la religione cattolica romana), esseregiudicato pro o contro questa o quell'altra morale, e, forse, c'era unasfilza di reati del codice penale (tutti, ovviamente, d'opinione, e quindidi per se' altrettanto discutibili) che potevano essere utilizzati persequestralo, ma non e' un caso che, invece, si e' utilizzata la legge62/2001, quella sull'editoria che e' passata alcuni mesi fa e che,nonostante a suo tempo ci fosse stato detto da piu' parti che per essereapplicata occorrevano i regolamenti attuativi, e' stata subito messa inpratica dai magistrati della citta' di Latina. Con questa legge i magistratihanno definito il sito in questione come un prodotto editoriale, e quindicon gli stessi diritti e doveri di quanto previsto per la stampa dalla leggedel 1948.Chissa' cosa ci dira' oggi l'allora sottosegretario all'Editoria, on.Vannino Chiti, che tanto si sgolo' a suo tempo per dire che la leggesull'editoria era una cosa, mentre i siti di informazione non periodica o asinghiozzo, o comunque non riconducibili a prodotti editoriali che gia'operavano nell'informazione cartacea e radiotelevisiva, erano un'altra cosa.Noi abbiamo sempre sottolineato che l'on.Chiti diceva corbellerie sapendo didirle, solo per farsi bello davanti ad una massiccia contestazione cresciutain Internet grazie al capofila "punto-informatico.it", e anche perche',avvicinandosi le elezioni, faceva opera di "raccatto voti" in ogni dove.La legge era ed e' chiara, e i giudici di Latina, senza orpelli o pruritipolitici, la hanno applicata come di dovere.Il problema e' la legge, e neanche tanto quella sull'editoria, ma proprioquella sulla stampa, la 47/1948, che obbliga, per fare informazione, adavere un direttore responsabile iscritto all'Ordine dei giornalisti. Infattila legge sull'editoria e' solo un compromesso tra governo, opposizione ededitori per meglio spartirsi i contributi pubblici dell'editoria e che,marginalmente, ha inserito questo aspetto, mentre il macigno e' quello chegia' esisteva, e che ha solo trovato occasione per esprimersi nella vicendadi Latina.Cosa ne pensa il ministro delle Comunicazioni? Sapra' essere al di sopradelle parti, soprattutto perche' si tratta di riconoscere il diritto di chi,come il sito eretico.com, parla male di quei valori che lui ad ogni angolodifende? Diciamo che questo e' un vero e proprio banco di prova per ilministro Maurizio Gasparri.
  • Anonimo scrive:
    Un po' d'America...
    Dichiarazione di Carlo Stagnaro, scrittore, giornalista National Review Online"E' opinione comune -e giusta- che in America la liberta' di parola sia assolutamente garantita. Oltreoceano vige una precisa norma costituzionale (il Primo Emendamento) che impedisce esplicitamente ai politici di approvare leggi volte a limitare la facolta' dei cittadini di esprimere il proprio pensiero. Fu questa la ragione per cui Larry Flint pote' vincere il processo intentato contro di lui per la pubblicazione della rivista pornografica "Hustler Magazine", reso poi celebre nel nostro paese dal film "The People vs. Larry Flint" di Milos Forman. Flint affermo' una volta che "Poiche' il Primo Emendamento tutelera' i diritti di un'immondizia come me, tutelera' anche i diritti di tutti voi, perche' io sono la feccia". Nella sentenza della Corte Suprema su tale caso si legge: "La liberta' di esprimere le proprie idee non e' solo un aspetto della liberta' individuale, ma e' essenziale per la ricerca della verita' e per la vitalita' della societa' tutta". Oggi in Italia vi e' una grande carenza di argomentazioni di questo genere: tanto piu' perche' la nuova legge sull'editoria non si maschera neppure dietro argomentazioni falsamente moralistiche, ma eleva a "garanzia della qualita' dell'informazione" i propri intenti apertamente, se non dichiaratamente, censori. Fare informazione -vera, di qualita'- significa anche diffondere un tale messaggio: bisogna pero' avere cuore e ideali. Difficile trovare l'uno o gli altri negli stanzoni ministeriali, e ancor piu' negli uffici polverosi delle corporazioni giornalistiche."5 giugno 2001http://snail.utenti.org
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' d'America...
      Sono d'accordo con te. W l'america!!!agli altri dico:Sono d'accordo sul fatto che eretico sia un sito offensivo e decisamente irriverente-irrispettoso. Anche a me non va giù. Il problema della libertà però è altra cosa. Io mi chiederei piuttosto come mai c'è qualcuno che si sogna di fare una cosa del genere. E se ci hanno fatto un sito è probabile che l'autore non sia l'unico ad avere certi pensieri... Il problema è quindi a monte, nella nostra cultura, che raggiunge certe punte di devianza veramente disgustose. Il cui riflesso sono pensieri alla "eretico.com". Il problema però è che quei pensieri esistono indipendentemente dal fatto che esista il sito. Così come esistono i nazisti, i pedofili e tanti altri "deviati". Possiamo far finta di nulla. Nascondere ai più che quei pensieri esistono. Ma cosa otteniamo? Viceversa se facciamo vedere quei pensieri la gente si inorridisce e magari insegna meglio i valori morali ai propri figli... Come fate a sapere qual'è la realtà se non c'è libertà di esprimere *qualsiasi* pensiero?Non potete.Vivete, come abbiamo fatto per millenni, all'interno di una campana nella quale si dice che tutti sono bravi e buoni, salvo poi uccidere i figli, stuprare le ragazze, abbandonarsi all'eroina, sfruttare gli altri, ecc, ecc. Se i pensieri cattivi non si conoscono come si possono combattere? Combatterli non vuol dire reprimerli con la forza ma prenderne atto e cambiare il nostro modo di pensare al fine di evitare che certi pensieri possano esistere, perlomeno nelle generazioni future. Ad esempio, Internet ha messo in luce che una buona metà dei naviganti frequenta siti pornografici. Che facciamo? Eliminiamo la pornografia o cerchiamo di arricchire le persone? E' possibile eliminare la pornografia? E le prostitute? Saperlo aiuta a risolvere il problema o lo aggrava? E se io fossi uno di loro mi sentirei più o meno emarginato, frustrato, stano a sapere che non sono il solo? Insomma... io penso propio che non abbia senso nascondersi le cose... anzi, penso che è un bene che certe cose si sappiano. Internet è una specie di coscienza collettiva.... vogliamo farci i conti o preferiamo mettere la testa sotto la sabbia e pensare che tutto va bene e che nessuno pensa cose strane? Ditemi voi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' d'America...
      Mhmmm... L'America (o, meglio, gli Stati Uniti d'America) è quel posto dove la grande libertà ti permette anche di comprare una pistola, fare una strage in una scuola, e morire per condanna a morte su una sedia elettrica?Bravo: bell'esempio di libertà che hai postatoCiao
      • Anonimo scrive:
        Re: Un po' d'America...
        - Scritto da: gix
        Mhmmm...

        L'America (o, meglio, gli Stati Uniti
        d'America) è quel posto dove la grande
        libertà ti permette anche di comprare una
        pistola, fare una strage in una scuola, e
        morire per condanna a morte su una sedia
        elettrica?Ridicolo, i tuoi luoghi comuni sugli USA puzzano di rancido lontano un miglio.Acquistare un'arma è permesso anche in Italia, anche se' piu' difficile (ma neanche troppo se vuoi prenderne una al mercato nero) e fare un strage è un delitto anche in USA.Prova pero' a dire che il papa è un po*co in Italia e prova a dirlo in USA.E quale dei due (la strage ed offendere il papa) è un delitto di opinione secondo te?
        Bravo: bell'esempio di libertà che hai
        postatoIn effetti, molto meglio di quelli illiberali dei governanti cinesi. Vacci una volta in questi due paesi, commetti un "reato di opinione" in entrambi, offendi con una scritta su di uno striscione i rispettivi governi, e poi vediamo quale paese è piu' tollerante.Anzi vai prima in USA e poi in Cina, li' potresti doverci rimanere ospite a lungo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un po' d'America...
          - Scritto da: Ugo
          Ridicolo, i tuoi luoghi comuni sugli USA
          puzzano di rancido lontano un miglio.Luoghi comuni ???Stai a vedere che adesso non è vero che in USA posso acquistare un'arma senza troppi problemi, oppure che in alcuni stati è ancora in vigore la pena di morte... Questa è la verità cicciobello... altro che luoghi comuni... e dimostra che anche troppa libertà può far male, perché non tutte le persone sono in grado di "gestirsela"
          Acquistare un'arma è permesso anche in
          Italia, anche se' piu' difficile (ma neanche
          troppo se vuoi prenderne una al mercato
          nero) e fare un strage è un delitto anche in
          USA.Ma va??? Sei un genio allora!!!Studiati le due legislazioni e vedrai bene le differenze

          Bravo: bell'esempio di libertà che hai

          postato

          In effetti, molto meglio di quelli
          illiberali dei governanti cinesi.Cosa c'entrano adesso i cinesi?Non hai nient'altro da inventarti?
  • Anonimo scrive:
    e i siti anti-g8?
    se han sequestrato eretico anche i siti contro la globabizzazione, i quali incitano alla guerriglia urbana, dovrebbero essere posti sotto sequestro.La legge italiana inutile e arraffazzonata dà ancora una volta prova del suo infallibile fiuto...
    • Anonimo scrive:
      Re: e i siti anti-g8?
      - Scritto da: guardie infami
      se han sequestrato eretico anche i siti
      contro la globabizzazione, i quali incitano
      alla guerriglia urbana, dovrebbero essere
      posti sotto sequestro.Mi potresti indicare un sito Anti-G8 e indicarmi la pagina in cui incitano alla guerriglia urbana?grazie
  • Anonimo scrive:
    Siete una massa di senza cervello...
    Tutti a bersi la ca%%ata della legge sull'editoria, banda di babbioni! Ma l'avete letta la sentenza? Avete perlomeno capito per QUALE motivo si è deciso di agire nei confronti del gestore e manutentore del sito? Non certo per colpa della legge sull'editoria, che seppur citata non riveste primaria importanza nelle decisioni del giudice, ma per quell'articoletto citato proprio all'inizio della sentenza stessa:Art. 403 - Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di persone - Chiunque pubblicamente offende la religione dello Stato, mediante vilipendio di chi la professa, è punito con la reclusione fino a due anni. Si applica la reclusione da uno a tre anni a chi offende la religione dello Stato, mediante vilipendo di un ministro del culto cattolico. Ovvero un reato penale, e non centra che sia stato commesso su internet, su un muro o su un giornale. Il sequestro del sito, poi, è eseguito in base all'art. 321 del codice di procedura penale:321 Oggetto del sequestro preventivo 1. Quando vi è pericolo che la libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati, a richiesta del pubblico ministero il giudice competente a pronunciarsi nel merito (91 att.) ne dispone il sequestro con decreto motivato (104 att.). Prima dell`esercizio dell`azione penale provvede il giudice per le indagini preliminari (328).....Ora, banda di ingollatori di fregnacce, imparate ad usare il vostro cervello, non quello di PI.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete una massa di senza cervello...
      - Scritto da: HotEngine
      Tutti a bersi la ca%%ata della legge
      sull'editoria, banda di babbioni! Ma l'avete
      letta la sentenza? Avete perlomeno capito
      per QUALE motivo si è deciso di agire nei
      confronti del gestore e manutentore del
      sito? Non certo per colpa della legge
      sull'editoria, che seppur citata non riveste
      primaria importanza nelle decisioni del
      giudice, ma per quell'articoletto citato
      proprio all'inizio della sentenza stessa:

      Art. 403
      - Offese alla religione dello Stato mediante
      vilipendio di persone -
      Chiunque pubblicamente offende la religione
      dello Stato, mediante vilipendio di chi la
      professa, è punito con la reclusione fino a
      due anni. Si applica la reclusione da uno a
      tre anni a chi offende la religione dello
      Stato, mediante vilipendo di un ministro del
      culto cattolico. MA VA?? DAVVERO??????????????PURE LA GALERA???????????????MA..........NON GLI BASTA L' INFERNO?SINCERAMENTE, NON SAPEVO CHE I PATTI LATERANENSI CONTEMPLASSERO ANCHE L' ADOZIONE DI UNA RELIGIONE DI STATO.

      Ovvero un reato penale, e non centra che sia
      stato commesso su internet, su un muro o su
      un giornale. Il sequestro del sito, poi, è
      eseguito in base all'art. 321 del codice di
      procedura penale:

      321 Oggetto del sequestro preventivo
      1. Quando vi è pericolo che la libera
      disponibilità di una cosa pertinente al
      reato possa aggravare o protrarre le
      conseguenze di esso ovvero agevolare la
      commissione di altri reati, a richiesta del
      pubblico ministero il giudice competente a
      pronunciarsi nel merito (91 att.) ne dispone
      il sequestro con decreto motivato (104
      att.). Prima dell`esercizio dell`azione
      penale provvede il giudice per le indagini
      preliminari (328).....


      Ora, banda di ingollatori di fregnacce,
      imparate ad usare il vostro cervello, non
      quello di PI.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete una massa di senza cervello...
      - Scritto da: HotEngine

      Art. 403
      - Offese alla religione dello Stato

      Ovvero un reato penale, allora incarcereranno anche me, visto che non considero la religione cristiana come "la" religione del mio stato! .-)Comunque come al solito P.I. ha dato le informazioni correttamente e soprattutto le ha date al contrario dei mass-media tradizionali che tacciono vigliaccamente.Marco
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete una massa di senza cervello...
      Ma ancora la religione cattolica e' la religione "di stato"?Ma il concilio vaticano II (se non mi sbaglio), non la aveva eliminata questa cosa? e com'e' che ancora ci sono articoli del codice penale che ne fanno riferimento?
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete una massa di senza cervello...
        - Scritto da: andrea
        Ma ancora la religione cattolica e' la
        religione "di stato"?

        Ma il concilio vaticano II (se non mi
        sbaglio), non la aveva eliminata questa
        cosa? e com'e' che ancora ci sono articoli
        del codice penale che ne fanno riferimento?Infatti la religione cattolica non è più religione di stato dal 1983, data dell'ultimo concordato. Tuttavia rimane in piedi il codice Rocco, elaborato in periodo fascista: questo è il grosso scandalo, che in un paese che si dice democratico e liberale le decisioni dei giudici siano ancora prese facendo riferimento ad un codice fascista tutto improntato al trinomio dio-patria-famiglia
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete una massa di senza cervello...
      Signor HotEngine,- Scritto da: HotEngine
      Avete perlomeno capito
      per QUALE motivo si è deciso di agire nei
      confronti del gestore e manutentore del
      sito?

      [...]

      Art. 403
      - Offese alla religione dello Stato mediante
      vilipendio di persone -
      Chiunque pubblicamente offende la religione
      dello Stato, mediante vilipendio di chi la
      professa, è punito con la reclusione fino a
      due anni. Si applica la reclusione da uno a
      tre anni a chi offende la religione dello
      Stato, mediante vilipendo di un ministro del
      culto cattolico.

      Ovvero un reato penale [...]Questa sua risposta mi risulta inaccettabile sotto molti profili:(1) Religione di stato: da quando uno stato deve avere una religione? Gli USA per costituzione non si danno istituti di religione. Sa perché? Perché altrimenti si creano cittadini di serie A e di serie B. In uno stato a maggioranza cattolico, dire "religione di stato" significa che chi non è cattolico è un po' meno cittadino degli altri. Gli ebrei, i buddisti, i TdG, i musulmani, gli atei non sono forse cittadini come gli altri? In alcuni paesi islamici dove un'analoga confusione esiste tra stato e chiesa, ad esempio, i cattolici devono chiedere il permesso per svolgere funzioni religiose. Lei la Mecca *non* ha legalmente il diritto di visitarla. Chi in Arabia Saudita si converte ad altra religione è passibile di pena di morte.Lei mi dirà: "sì, ma questo sito mi offendeva come cattolico..." Anche io vengo da una famiglia cattolica, ma è quasi impossibile offendermi. Inoltre, le Crociate le abbiamo fatte come cattolici, Galileo e la scienza li abbiamo osteggiati come cattolici, il Sillabo è stato scritto da un Papa cattolico. Allora, se altri si offendevano, a certa gente non è che interessasse poi tanto.Mi scusi poi, ma
      tre anni a chi offende la religione dello
      Stato, mediante vilipendo di un ministro del
      culto cattolicosignifica che se io la insulto, il mio reato è di minore entità. Signor HotEngine, la legge che lei cita la mette su un piano di inferiorità rispetto ai preti. Si renda conto!(2) Art. 403 cp: le rispondo artt. 18 e 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Il sito oscurato, sicuramente offensivo, non invitava, mi sembra a commettere atti di natura violenta. Ha mai visto, in giro per la rete, i siti antisemiti dove vengono curate liste di cognomi ebraici? Non ci sente una certa intimidazione in questo?(3) Un reato penale: beh, il Codice Penale è sbagliato (ci sono anche stati tentativi di riformarlo per referendum). In Iran bere il vino è reato penale. Mi auguro che lei non auspichi per l'Italia un futuro iraniano. Recentemente in Iran è stata lapidata una regista di film pornografici. Hanno fatto una buca in terra, ci hanno interrato la poveretta con la testa fuori, e poi giù sassate. La prima pietra è stata scagliata da coloro che avevano emesso la sentenza. Fonte: Radio Radicale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete una massa di senza cervello...
        - Scritto da: un confine deve pur esserci
        Signor HotEngine,Egregio "un confine etc.. etc..."
        Questa sua risposta mi risulta inaccettabile
        sotto molti profili:Io non ho risposto a nessuno, egregio, io ho TENTATO di spiegarvi quali siano le reali cause che hanno portato al sequestro del sito, che non dipendono dalla recente legge sull'editoria. Anzi, dipendono da antiche leggi del codice penale. Già uno dei miei primi messaggi, infatti, titolava: non è questo il problema...
        Mi scusi poi, ma


        tre anni a chi offende la religione dello

        Stato, mediante vilipendo di un ministro
        del

        culto cattolico

        significa che se io la insulto, il mio reato
        è di minore entità. Signor HotEngine, la
        legge che lei cita la mette su un piano di
        inferiorità rispetto ai preti. Si renda
        conto!Egregio, io non sono cattolico, sono ateo, si figuri! Dove legge che io sia a favore di simili discriminazioni? Io vi ho citato LA LEGGE che, nonostante siano passati oltre 50 anni dalla sua emissione, è purtroppo tutt'ora valida. E' questo il problema!
        (3) Un reato penale: beh, il Codice Penale è
        sbagliato (ci sono anche stati tentativi diCerto, nulla è perfetto. Però lo dovrà spiegare al giudice nel momento in cui infrangerà una legge che lei considera ingiusta, non a me!
  • Anonimo scrive:
    Siete una massa di imbranati...
    Tutti a bersi la ca%%ata della legge sull'editoria, banda di babbei! Ma l'avete letta la sentenza? Avete perlomeno capito per QUALE motivo si è deciso di agire nei confronti del gestore e manutentore del sito? Non certo per la legge sull'editoria, ma per quell'articoletto citato proprio all'inizio:Art. 403 - Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di persone - Chiunque pubblicamente offende la religione dello Stato, mediante vilipendio di chi la professa, è punito con la reclusione fino a due anni. Si applica la reclusione da uno a tre anni a chi offende la religione dello Stato, mediante vilipendo di un ministro del culto cattolico. Ovvero un reato penale, e non centra che sia stato comemsso su internet, su un muro o su un giornale. Il sequestro del sito, poi, è eseguito in base all'art. 321 del codice di procedura penale:321 Oggetto del sequestro preventivo 1. Quando vi è pericolo che la libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati, a richiesta del pubblico ministero il giudice competente a pronunciarsi nel merito (91 att.) ne dispone il sequestro con decreto motivato (104 att.). Prima dell`esercizio dell`azione penale provvede il giudice per le indagini preliminari (328).....Ora, banda di ingollatori di fregnacce, imparate ad usare il vostro cervello, non quello di PI.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sei un imbecille...
      - Scritto da: HotEngine
      Art. 403
      - Offese alla religione dello Stato mediante
      vilipendio di persone -
      Chiunque pubblicamente offende la religione
      dello Stato, mediante vilipendio di chi la
      professa, è punito con la reclusione fino a
      due anni. Si applica la reclusione da uno a
      tre anni a chi offende la religione dello
      Stato, mediante vilipendo di un ministro del
      culto cattolico. Il cristianesimo non è più religione di stato, quindi informati prima di sparare sentenze, sei sono un povero troll!
      Ora, banda di ingollatori di fregnacce,
      imparate ad usare il vostro cervello, non
      quello di PI.Impara ad usare il tuo, ed aggiornati, siamo nell'anno 2001 e non nel 1901!
      • Anonimo scrive:
        Re: Sei un povero frescone
        - Scritto da: **
        Il cristianesimo non è più religione di
        stato, quindi informati prima di sparare
        sentenze, sei sono un povero troll!Povero frescone... E alloa che ci sta a fare quell'art. nel codice penale? Fessacchiotto, fino a che non lo tolgono da lì continuerà a fare danni!
        Impara ad usare il tuo, ed aggiornati, siamo
        nell'anno 2001 e non nel 1901!Sei un ignorante, dal momento che ignori come funzionino le cose. Non dipende da me, fesso, l'applicazione o meno di leggi oscurantiste! Il problema reale, che non viene affrontato da PI, non è la legge sull'editoria, in questo caso, ma la legge 403, quella sul vilipendio alla religione di stato! E' per quel reato che il sito è stato chiuso, non per aver infranto la legge sull'editoria. In ogni caso, IL RISPETTO DI OGNI TIPO DI RELIGIONE penso sia una cosa doverosa, sia in uno stato laico che in uno stato religioso! Ignorante.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sei un povero frescone
          - Scritto da: HotEngine
          Il problema reale, che non
          viene affrontato da PI, non è la legge
          sull'editoria, in questo caso, ma la legge
          403, quella sul vilipendio alla religione di
          stato! E' per quel reato che il sito è stato
          chiuso, non per aver infranto la legge
          sull'editoria. In ogni caso, IL RISPETTO DI
          OGNI TIPO DI RELIGIONE penso sia una cosa
          doverosa, sia in uno stato laico che in uno
          stato religioso! Ignorante.Perchè quando finalmente uno dice le cose come stanno viene censurato con una bella X rossa? (proprio da PI, il garante contro la censura)
        • Anonimo scrive:
          Re: Sei un povero frescone
          - Scritto da: HotEngine
          - Scritto da: **
          oscurantiste! Il problema reale, che non
          viene affrontato da PI, non è la legge
          sull'editoria, in questo caso, ma la legge
          403, quella sul vilipendio alla religione e meno maleema KE KAZZO C'ENTRA IL VILIPENDIO ALLA RELIGIONE CON UN GIORNALE DE INFORMATICAAAAAAA AOOOMA CHE SU INTERNET NEWS IN EDICOLA O PC OPEN PARLANO DE STE COSE?MA CHE STAI A DI' A TROLLOOOO
          • Anonimo scrive:
            Re: Sei un povero frescone
            - Scritto da: ANTITROLLI
            ma KE KAZZO C'ENTRA IL VILIPENDIO ALLA
            RELIGIONE CON UN GIORNALE DE
            INFORMATICAAAAAAA AOOOTanto quanto questa tua osservazione
            MA CHE SU INTERNET NEWS IN EDICOLA O PC OPEN
            PARLANO DE STE COSE????
            MA CHE STAI A DI' A TROLLOOOOBoh...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sei un povero frescone
            - Scritto da: ANTITROLLI

            403, quella sul vilipendio alla religione

            e meno malee

            ma KE KAZZO C'ENTRA IL VILIPENDIO ALLA
            RELIGIONE CON UN GIORNALE DE
            INFORMATICAAAAAAA AOOO
            MA CHE SU INTERNET NEWS IN EDICOLA O PC OPEN
            PARLANO DE STE COSE?
            MA CHE STAI A DI' A TROLLOOOOMa perchè vi ostinate ad aprire bocca senza neppure sapere di cosa si sta parlando? Sparisci dalla circolazione, ignorantotto!
        • Anonimo scrive:
          -X-
          Mi sa che anche la crocetta rossa di PI è andata in tilt.I post censurati non sono in contrasto con la policy, oppure alla policy bisogna aggiungere "I testi non devono criticare PI o le sue idee o le sue tesi"
  • Anonimo scrive:
    Freenet: come combattere l'oscurantismo
    "Mi preoccupo continuamente della mia bambina e di Internet, anche se è ancora troppo piccola per potersi connettere. Ecco cosa mi preoccupa. Mi preoccupa il fatto che fra 10 o 15 anni, lei verrà da me e mi dirà "Papà, dov'eri quando hanno tolto la libertà di parola in Internet?'" -- Mike Godwin, Electronic Frontier Foundationhttp://freenet.sourceforge.net/lang/it/
  • Anonimo scrive:
    In Internet si deve rispondere solo a Dio.
    Non entro nel merito del provvedimento giudiziario.Le bestemmie e i sacrilegi sono vietate anche dalla saggezza popolare che dice non giocare con i fanti e lascia stare i Santi.Premesso questo la libertà anche di bestemmiare come principio di manifestazione del proprio pensiero anche condannabile in Internet non può essere repressa, in Internet si deve essere responsabili soltanto di fronte a Dio.E' la stessa legge che vale sul mare, in Internet si è fuori dalle acque territoriali, altrimenti che navigazione è?
    • Anonimo scrive:
      Re: In Internet si deve rispondere solo a Dio.
      secondo me Internet e' terra di tutti e nessuno, e' anarchia "applicata",e' spazio contaminato, plurale,sacro e profano insiemenessuna censura, MAI, per nessuna ragionela censura non elimina le cause ci cio' che occultala censura e' ipocritaW la RETE MONDIALE LIBERAP.Sche ne pensate di Freenet?http://freenet.sourceforge.net/lang/en/- Scritto da: Montecristo
      Non entro nel merito del provvedimento
      giudiziario.Le bestemmie e i sacrilegi sono
      vietate anche dalla saggezza popolare che
      dice non giocare con i fanti e lascia stare
      i Santi.Premesso questo la libertà anche di
      bestemmiare come principio di manifestazione
      del proprio pensiero anche condannabile in
      Internet non può essere repressa, in
      Internet si deve essere responsabili
      soltanto di fronte a Dio.E' la stessa legge
      che vale sul mare, in Internet si è fuori
      dalle acque territoriali, altrimenti che
      navigazione è?
      • Anonimo scrive:
        Freenet: non mi sembra che funzioni
        Ciao:Ho scaricato freenet ma non mi sembra funzionare:qualcuno e' riuscito nell'intento ?Grazie- Scritto da: VelvetAcidChrist
        secondo me Internet e' terra di tutti e
        nessuno, e' anarchia "applicata",
        e' spazio contaminato, plurale,
        sacro e profano insieme
        nessuna censura, MAI, per nessuna ragione
        la censura non elimina le cause ci cio' che
        occulta
        la censura e' ipocrita
        W la RETE MONDIALE LIBERA

        P.S
        che ne pensate di Freenet?
        http://freenet.sourceforge.net/lang/en/

        - Scritto da: Montecristo

        Non entro nel merito del provvedimento

        giudiziario.Le bestemmie e i sacrilegi
        sono

        vietate anche dalla saggezza popolare che

        dice non giocare con i fanti e lascia
        stare

        i Santi.Premesso questo la libertà anche
        di

        bestemmiare come principio di
        manifestazione

        del proprio pensiero anche condannabile in

        Internet non può essere repressa, in

        Internet si deve essere responsabili

        soltanto di fronte a Dio.E' la stessa
        legge

        che vale sul mare, in Internet si è fuori

        dalle acque territoriali, altrimenti che

        navigazione è?
  • Anonimo scrive:
    Un sito di mer.... però si è creato un precedente
    La chiusura del sito tutto sommato può essere giusta er un sito del cavolo....del resto la potenza della chiesa non si discute. altro che forza italia....però quello che è grave, è che il guidice ha creato un precedente chiamando in causa la nuova legge sull'editoria/internete questo è grave davvero.....ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Un sito di mer.... però si è creato un precedente
      - Scritto da: ginello
      La chiusura del sito tutto sommato può
      essere giusta er un sito del cavolo....
      del resto la potenza della chiesa non si
      discute. altro che forza italia....

      però quello che è grave, è che il guidice
      ha creato un precedente chiamando in causa
      la nuova legge sull'editoria/internet

      e questo è grave davvero.....

      ciaoSi, oggi siamo qui a discutere di un sito che perlatro faceva pena.. Ma domani, quando magari ti diranno che hai diffamato qualcuno, ti diranno anche che non sei registrato come avresti dovuto essere.Oppure ti diranno che se eri registrato eri garantito.COME IN CINA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Un sito di mer.... però si è creato un precedente
      - Scritto da: ginello
      però quello che è grave, è che il guidice
      ha creato un precedente chiamando in causa
      la nuova legge sull'editoria/internetC'e' anche il lato positivo. Il come e' stata applicata la legge (a prescindere dal sito) ha messo in evidenza che chi vedeva qualcosa di strano nella legge non era in torto.
  • Anonimo scrive:
    Facciamo ordine
    Secondo me i problemi sono due:il primo è che uno non può mettersi a insultare, a riempire di frasi oscene le proprie pagine senza pagarne le conseguenze.Un conto è l'informazione, ma se io apro un sito e dico che tua madre è una puttana, tuo padre un rimbecillito, ecc. ecc., NON faccio informazione, scrivo solo degli insulti e - secondo me -è giusto l'oscuramento.Il secondo dei problemi è la legge sull'editoria: quella è veramente pericolosa e non posso che concordare su tutte le critiche mosse contro questa legge.L'unico mio rammarico è che è stata fatta un'azione giusta (rimuovere un sito di non-informazione ma di insulti) con una legge sbagliata.
  • Anonimo scrive:
    A TUTTI GLI ESPERTI !
    Scusate, ma se eretico.com fosse stato registrato, non lo avrebbero sequestrato ???Perchè?Grazie delle eventuali risposte.
    • Anonimo scrive:
      Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
      Secondo me sarebbe stato sequestrato ugualmente, dato che il reato contestato è vilipendio alla religione di stato- Scritto da: carlo
      Scusate, ma se eretico.com fosse stato
      registrato, non lo avrebbero sequestrato ???
      Perchè?

      Grazie delle eventuali risposte.
      • Anonimo scrive:
        Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
        Allora se così fosse non si è creato un precedente....- Scritto da: m
        Secondo me sarebbe stato sequestrato
        ugualmente,
        dato che il reato contestato è vilipendio
        alla religione di stato

        - Scritto da: carlo

        Scusate, ma se eretico.com fosse stato

        registrato, non lo avrebbero sequestrato
        ???

        Perchè?



        Grazie delle eventuali risposte.
      • Anonimo scrive:
        Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
        ma esiste ancora il concetto di religione di stato???son io a essere convinto di vivere in uno stato laico???continua ad allettarmi sempre più l'idea di espatriare...- Scritto da: m
        Secondo me sarebbe stato sequestrato
        ugualmente,
        dato che il reato contestato è vilipendio
        alla religione di stato

        - Scritto da: carlo

        Scusate, ma se eretico.com fosse stato

        registrato, non lo avrebbero sequestrato
        ???

        Perchè?



        Grazie delle eventuali risposte.
      • Anonimo scrive:
        Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
        - Scritto da: m
        Secondo me sarebbe stato sequestrato
        ugualmente,
        dato che il reato contestato è vilipendio
        alla religione di statovilipendio a che?che razza di reato...skull aspettami, vengo anch'io.
    • Anonimo scrive:
      Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
      - Scritto da: carlo
      Scusate, ma se eretico.com fosse stato
      registrato, non lo avrebbero sequestrato ???
      Perchè?ùsarebbe stato chiusio lo stesso perche' in lingua italiana (percio' rientrante nella legge sull'editoria) e pergiunta residente su di un server italiano...
      • Anonimo scrive:
        Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
        Attenzione.Il sito **probabilmente** non sarebbbe stato sequestrato perche' esiste una legge che vieta il sequestro dei giornali e delle testate giornalistiche.R.D.L. 31 maggio 1946, n. 561 Norme sul sequestro dei giornali e delle altre pubblicazioniArt.1Non si può procedere al sequestro della edizione dei giornali o di qualsiasi altra pubblicazione o stampato, contemplati nell'Editto sulla stampa 26 marzo 1848, n.695, se non in virtù di una sentenza irrevocabile dell'autorità giudiziaria.E' tuttavia consentito all'autorità giudiziaria di disporre il sequestro di non oltre tre esemplari dei giornali o delle pubblicazioni o stampati, che importino una violazione della legge penale.Art.2In deroga a quanto è stabilito nell'articolo precedente, si può far luogo al sequestro dei giornali o delle altre pubblicazioni o stampati, che, ai sensi della legge penale, sono da ritenere osceni (o offensivi della pubblica decenza) ovvero che divulgano mezzi rivolti (a impedire la procreazione o) a procurare l'aborto o illustrano l'impiego di essi o danno indicazioni sul modo di procurarseli o contengono inserzioni o corrispondenze relative ai mezzi predetti.Qualora siasi proceduto al sequestro preveduto nel comma precedente, contro il colpevole si deve procedere per giudizio direttissimo, anche se non ricorrono le condizioni prevedute nell'art.502 del Codice di procedura penale, e la competenza è in ogni caso del tribunale.In ogni caso non mi sembra che si possa rientrare nell'ambito delle eccezioni dell'art.2 sopra trascritto.SalutiAvv. Luca-M. de GraziaPer riferimenti:http://www.interlex.it/testi/rdl46561.htm- Scritto da: RedFoxy


        - Scritto da: carlo

        Scusate, ma se eretico.com fosse stato

        registrato, non lo avrebbero sequestrato
        ???

        Perchè?
        ùsarebbe stato chiusio lo stesso perche' in
        lingua italiana (percio' rientrante nella
        legge sull'editoria) e pergiunta residente
        su di un server italiano...
        • Anonimo scrive:
          Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
          Grazie avvocato.Finalmente una risposta.- Scritto da: Avv. Luca-M. de Grazia
          Attenzione.
          Il sito **probabilmente** non sarebbbe stato
          sequestrato perche' esiste una legge che
          vieta il sequestro dei giornali e delle
          testate giornalistiche.

          R.D.L. 31 maggio 1946, n. 561
          Norme sul sequestro dei giornali e delle
          altre pubblicazioni

          Art.1
          Non si può procedere al sequestro della
          edizione dei giornali o di qualsiasi altra
          pubblicazione o stampato, contemplati
          nell'Editto sulla stampa 26 marzo 1848,
          n.695, se non in virtù di una sentenza
          irrevocabile dell'autorità giudiziaria.
          E' tuttavia consentito all'autorità
          giudiziaria di disporre il sequestro di non
          oltre tre esemplari dei giornali o delle
          pubblicazioni o stampati, che importino una
          violazione della legge penale.

          Art.2
          In deroga a quanto è stabilito nell'articolo
          precedente, si può far luogo al sequestro
          dei giornali o delle altre pubblicazioni o
          stampati, che, ai sensi della legge penale,
          sono da ritenere osceni (o offensivi della
          pubblica decenza) ovvero che divulgano mezzi
          rivolti (a impedire la procreazione o) a
          procurare l'aborto o illustrano l'impiego di
          essi o danno indicazioni sul modo di
          procurarseli o contengono inserzioni o
          corrispondenze relative ai mezzi predetti.
          Qualora siasi proceduto al sequestro
          preveduto nel comma precedente, contro il
          colpevole si deve procedere per giudizio
          direttissimo, anche se non ricorrono le
          condizioni prevedute nell'art.502 del Codice
          di procedura penale, e la competenza è in
          ogni caso del tribunale.

          In ogni caso non mi sembra che si possa
          rientrare nell'ambito delle eccezioni
          dell'art.2 sopra trascritto.
          Saluti
          Avv. Luca-M. de Grazia

          Per riferimenti:
          http://www.interlex.it/testi/rdl46561.htm


          - Scritto da: RedFoxy





          - Scritto da: carlo


          Scusate, ma se eretico.com fosse stato


          registrato, non lo avrebbero
          sequestrato

          ???


          Perchè?

          ùsarebbe stato chiusio lo stesso perche'
          in

          lingua italiana (percio' rientrante nella

          legge sull'editoria) e pergiunta residente

          su di un server italiano...
        • Anonimo scrive:
          Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
          - Scritto da: Avv. Luca-M. de Grazia
          Attenzione.
          Il sito **probabilmente** non sarebbbe stato
          sequestrato perche' esiste una legge che
          vieta il sequestro dei giornali e delle
          testate giornalistiche.Avvocato, ma almeno l'ha letta la sentenza? Sembrerebbe di no. E pare non abbia nemmeno letto molto bene la norma che cita, senza offesa:"...considerato che, anche ove si volesse riconoscere l'applicabilità del R.D.L. n.° 561\46, in ogni caso trattandosi di informazioni con contenuto palesemente osceno e offensivo della pubblica decenza per la violazione dell'art. 403 c.p. l'art. 2 del medesimo R.D.L. n.° 561\46 consentirebbe la deroga al numero di copie da sottoporre a sequestro e quindi la possibilità di sequestrare il sistema informatico attraverso il quale è consentita l'immissione in linea su rete informatica dei dati che generano il contenuto del sito rendendolo accessibile a una molteplicità di persone indeterminata;"
      • Anonimo scrive:
        Re: A TUTTI GLI ESPERTI !
        Allora non ci capiamo...ho chiesto se fosse stato registrato cosa sarebbe accaduto, e tu mi rispondi che sarebbe stato chiuso perchè in italiano....HO CHIESTO SE FOSSE STATO REGISTRATO COSA SAREBBE ACCADUTO !!!!!!!! - Scritto da: RedFoxy


        - Scritto da: carlo

        Scusate, ma se eretico.com fosse stato

        registrato, non lo avrebbero sequestrato
        ???

        Perchè?
        ùsarebbe stato chiusio lo stesso perche' in
        lingua italiana (percio' rientrante nella
        legge sull'editoria) e pergiunta residente
        su di un server italiano...
  • Anonimo scrive:
    legge liberticida: reagire si puo'!!!
    Si puo' reagire contro i mass-media e i giornalisti protestando e partecipando al "bombardamento telematico" via mail organizzato da "Operazione Snail e-mail". http://snail.utenti.orgPiu' di 1000 persone hanno gia' aderito a questa battaglia civile che e' ormai imminente!
  • Anonimo scrive:
    E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
    Non ho mai visitato quel sito, ma della descrizione non posso che essere contento che sia stato chiuso.E non è censura, ma semplicemente buon gusto.
    • Anonimo scrive:
      Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?

      Non ho mai visitato quel sito, ma della
      descrizione non posso che essere contento
      che sia stato chiuso.
      E non è censura, ma semplicemente buon gusto.Caro "x" ,premetto che sono un capo Scout di una associazione cattolica.Quando un giudice censura qualcuno basandosi sul "gusto" o sulla "decenza", sta uccidendo la libertà. Gli americani avranno tanti difetti, ma hanno un fenomenale "1° emendamento", che farebbe tanto bene anche da noi..
      • Anonimo scrive:
        Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?

        Caro "x" ,
        premetto che sono un capo Scout di una
        associazione cattolica.Premesso che il mio nick è ":-x" scelto apposta per ricordare la legge sulla censura su internet e che io non sia cattolico....
        Quando un giudice censura qualcuno basandosi
        sul "gusto" o sulla "decenza", sta uccidendo
        la libertà. Gli americani avranno tanti
        difetti, ma hanno un fenomenale "1°
        emendamento", che farebbe tanto bene anche
        da noi..Guarda che libertà non significa poter fare tutto quello che ci pare, ma che bisogna 'stare attenti' a non ridurre la libertà al prossimo, non offenderlo fisicamente o moralmente.Dalle descrizioni di tale sito non posso che essere contento che tale sito sia chiuso.E' semplicemente un sito offensivo per la dignita di qualunque persona...Va bene la libertà, ma ci vuole rispetto anche verso il prossimo....
        • Anonimo scrive:
          Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?


          Quando un giudice censura qualcuno
          basandosi

          sul "gusto" o sulla "decenza", sta
          uccidendo

          la libertà. Gli americani avranno tanti

          difetti, ma hanno un fenomenale "1°

          emendamento", che farebbe tanto bene anche

          da noi..

          Guarda che libertà non significa poter fare
          tutto quello che ci pare, ma che bisogna
          'stare attenti' a non ridurre la libertà al
          prossimo, non offenderlo fisicamente o
          moralmente.Premetto che avevo visitato eretico.com, ridendo dell'swf in cui si "sparava" ai papa-boys, scouts compresi.Io non ho sentita offesa la mia libertà di Cattolico. Potevo continuare a professare mie idee e mio credo con o senza eretico.com.Adesso invece eretico.com non può professare niente. Per me questa non è libertà.Prendo atto della nostra diversa visione della libertà di pensiero ed espressione, o della libertà in generale.
          • Anonimo scrive:
            Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
            Allora io posso sentirmi libero di offenderti, l'importante e' che ti lascio professare le tue idee.Allora se ti dico che sei un gran cornuto su internet, non ti devi offendere, perche' io sono libero!!!E gli altri? Non sono liberi di offendersi?- Scritto da: Emanuele Polidoro


            Quando un giudice censura qualcuno

            basandosi


            sul "gusto" o sulla "decenza", sta

            uccidendo


            la libertà. Gli americani avranno tanti


            difetti, ma hanno un fenomenale "1°


            emendamento", che farebbe tanto bene
            anche


            da noi..



            Guarda che libertà non significa poter
            fare

            tutto quello che ci pare, ma che bisogna

            'stare attenti' a non ridurre la libertà
            al

            prossimo, non offenderlo fisicamente o

            moralmente.

            Premetto che avevo visitato eretico.com,
            ridendo dell'swf in cui si "sparava" ai
            papa-boys, scouts compresi.
            Io non ho sentita offesa la mia libertà di
            Cattolico. Potevo continuare a professare
            mie idee e mio credo con o senza
            eretico.com.
            Adesso invece eretico.com non può professare
            niente. Per me questa non è libertà.
            Prendo atto della nostra diversa visione
            della libertà di pensiero ed espressione, o
            della libertà in generale.
          • Anonimo scrive:
            Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
            Per l'articolo 403 del codice penale non sei libero di offendere la religione di stato.La legge sull'editoria non c'entra.- Scritto da: Reel45

            Allora io posso sentirmi libero di
            offenderti, l'importante e' che ti lascio
            professare le tue idee.
            Allora se ti dico che sei un gran cornuto su
            internet, non ti devi offendere, perche' io
            sono libero!!!
            E gli altri? Non sono liberi di offendersi?


            - Scritto da: Emanuele Polidoro



            Quando un giudice censura qualcuno


            basandosi



            sul "gusto" o sulla "decenza", sta


            uccidendo



            la libertà. Gli americani avranno
            tanti



            difetti, ma hanno un fenomenale "1°



            emendamento", che farebbe tanto bene

            anche



            da noi..





            Guarda che libertà non significa poter

            fare


            tutto quello che ci pare, ma che
            bisogna


            'stare attenti' a non ridurre la
            libertà

            al


            prossimo, non offenderlo fisicamente o


            moralmente.



            Premetto che avevo visitato eretico.com,

            ridendo dell'swf in cui si "sparava" ai

            papa-boys, scouts compresi.

            Io non ho sentita offesa la mia libertà di

            Cattolico. Potevo continuare a professare

            mie idee e mio credo con o senza

            eretico.com.

            Adesso invece eretico.com non può
            professare

            niente. Per me questa non è libertà.

            Prendo atto della nostra diversa visione

            della libertà di pensiero ed espressione,
            o

            della libertà in generale.
        • Anonimo scrive:
          Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?

          Dalle descrizioni di tale sito non posso che
          essere contento che tale sito sia chiuso.
          E' semplicemente un sito offensivo per la
          dignita di qualunque persona...
          Va bene la libertà, ma ci vuole rispetto
          anche verso il prossimo....Non è un volantino che ti mandano a casa...se non vuoi vedere cosa c'e' dentro fai a meno di andarci, a maggior ragione se c'è un banner che ti avverte del contenuto.Se appiccico in piazza o mando sulla tv pubblica un porno mi arrestano, ma esistono pur sempre i siti porno...vorrà pur dire qualcosa...
          • Anonimo scrive:
            Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?

            Non è un volantino che ti mandano a casa...A casa mi arriva lo stesso, non con un volantino, ma tramite un browser....
            se non vuoi vedere cosa c'e' dentro fai a
            meno di andarcimmmmmmm....occhio non vede, cuore non duole?
            , a maggior ragione se c'è un
            banner che ti avverte del contenuto.Sul banner mi sono già espresso qualche link + in giù....(nella risposta a Dbg)
            Se appiccico in piazza o mando sulla tv
            pubblica un porno mi arrestano, ma esistono
            pur sempre i siti porno...

            vorrà pur dire qualcosa...
      • Anonimo scrive:
        Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
        - Scritto da: Emanuele Polidoro
        premetto che sono un capo Scout di una
        associazione cattolica....e allora?
        Quando un giudice censura qualcuno basandosi
        sul "gusto" o sulla "decenza", sta uccidendo
        la libertà. Gli americani avranno tanti
        difetti, ma hanno un fenomenale "1°
        emendamento", che farebbe tanto bene anche
        da noi..La libertà personale è tale finchè non invade la libertà (e il rispetto) altrui. Io non sono affiliato a nessuna associazione e sono (quasi) ateo, ma credo nel rispetto reciproco e nella tolleranza: certe cose non si fanno, né contro la chiesa, né contro i musulmani, né contro qualsiasi altra categoria, associazione, religione.La libertà è anche libertà di vivere "tranquilli" senza essere offesi da quattro sbruffoni che si sentono "grandi" facendo queste pagliacciate...ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
      D'accordissimo con Emanuele Polidoro.Il "buon gusto" è una cosa soggettiva.Quel sito non faceva del male a nessuno.Mi spiego: se si sequestra un sito dipedofilia, che IMPLICA crimini per allestirlo,allora tutto bene.Ma quel sito (che, ammetto, neanche io avevomai visitato) era solo un sito, e come taleinnocuo. La violenza è stata tutta del governo.Non è giusto, punto e basta.E forza Punto Informatico!Chiunque in possesso di un QI decenteè sempre con voi.- Scritto da: :-x
      Non ho mai visitato quel sito, ma della
      descrizione non posso che essere contento
      che sia stato chiuso.
      E non è censura, ma semplicemente buon gusto.
      • Anonimo scrive:
        Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
        Il fatto e' che il sito e' stato chiuso per vilipendio alla religione di stato e non per "buon gusto"La legge sull'editoria e' stata utilizzato solo per non far arrestare l'imputato (vedi miei post precedenti)- Scritto da: Alex.tg
        D'accordissimo con Emanuele Polidoro.
        Il "buon gusto" è una cosa soggettiva.
        Quel sito non faceva del male a nessuno.
        Mi spiego: se si sequestra un sito di
        pedofilia, che IMPLICA crimini per
        allestirlo,
        allora tutto bene.
        Ma quel sito (che, ammetto, neanche io avevo
        mai visitato) era solo un sito, e come tale
        innocuo. La violenza è stata tutta del
        governo.
        Non è giusto, punto e basta.

        E forza Punto Informatico!
        Chiunque in possesso di un QI decente
        è sempre con voi.

        - Scritto da: :-x

        Non ho mai visitato quel sito, ma della

        descrizione non posso che essere contento

        che sia stato chiuso.

        E non è censura, ma semplicemente buon
        gusto.
        • Anonimo scrive:
          Vilipendio alla religione di stato? ROTFL

          Il fatto e' che il sito e' stato chiuso per
          vilipendio alla religione di stato e non per
          "buon gusto"Questo aspetto mi era proprio sfuggito!E lo trovo molto + grave rispetto al problema se sia giusto o meno censurare quella spazzatura.Ma come? Se offendo il papa o la religione cattolica vengo eliminato?E se invece me la prendessi con la religione ebraica? Visto che non è la religione di stato sarebbe rimasto lì?E se fosse stata un'offesa per i musulmani (la cui religione x me è un insulto - ma è una opinione personale e OT qui)?O col Buddismo?Trovo giusto 'abbattere' quel sito per i contenuti volutamente offensivi verso una certa categoria, non mi importa che la categoria sia una minoranza o una maggioranza (di stato)...
          • Anonimo scrive:
            Re: Vilipendio alla religione di stato? ROTFL
            Esattamente... ;(Se non ci credi, puoi confrontare la sentenza, con il codice penale, disponibile su www.tutticodici.it.- Scritto da: :-x


            Il fatto e' che il sito e' stato chiuso
            per

            vilipendio alla religione di stato e non
            per

            "buon gusto"

            Questo aspetto mi era proprio sfuggito!
            E lo trovo molto + grave rispetto al
            problema se sia giusto o meno censurare
            quella spazzatura.

            Ma come? Se offendo il papa o la religione
            cattolica vengo eliminato?
            E se invece me la prendessi con la religione
            ebraica? Visto che non è la religione di
            stato sarebbe rimasto lì?
            E se fosse stata un'offesa per i musulmani
            (la cui religione x me è un insulto - ma è
            una opinione personale e OT qui)?
            O col Buddismo?

            Trovo giusto 'abbattere' quel sito per i
            contenuti volutamente offensivi verso una
            certa categoria, non mi importa che la
            categoria sia una minoranza o una
            maggioranza (di stato)...
    • Anonimo scrive:
      Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
      - Scritto da: :-x
      Non ho mai visitato quel sito, ma della
      descrizione non posso che essere contento
      che sia stato chiuso.
      E non è censura, ma semplicemente buon gusto.A si??? il buon gusto di chi? il tuo?Da quello che ho letto la pagina iniziale avvertiva esplicitamente del contenuto pesante e offensivo.Il mio buon gusto e' offeso da un sacco di pubblicazioni volgari che trovi tranquillamente in edicola, e' offeso da trasmissioni tv dove le persone sono trattate da oggetti in vendita, e' offeso dai telegiornali che sparano le notizie come se fossero spot, e' offeso da parecchie pubblicita' ....Ci sono alcui regole delle religioni che le ritengo un reato contro l'umanita' ...Che facciamo?? e' giusto chiudere anche quelle?Non sono per niente d'accordo con questa idea che a cio' che ci fa schifo deve essere impedito la pubblicazione, la cosa giusta e' consentire a chi non vuole leggere cose contrarie al suo buon gusto di evitarle.E' cosa molta diversa fare una pubblicazione che solo chi vuole legge dal fare un bel cartellone stradale.
      • Anonimo scrive:
        Non è buon gusto, è vilipiendio...
        ... alla religione di stato.Che poi sia assurda l'esistenza di una religione di stato in Italia siamo d'accordo, però vediamo di dare il nome giusto alle cose.E la legge sull'editoria è servita solo ad evitare l'arresto dell'autore del sito.- Scritto da: Dbg
        - Scritto da: :-x

        Non ho mai visitato quel sito, ma della

        descrizione non posso che essere contento

        che sia stato chiuso.

        E non è censura, ma semplicemente buon
        gusto.

        A si??? il buon gusto di chi? il tuo?
        Da quello che ho letto la pagina iniziale
        avvertiva esplicitamente del contenuto
        pesante e offensivo.

        Il mio buon gusto e' offeso da un sacco di
        pubblicazioni volgari che trovi
        tranquillamente in edicola, e' offeso da
        trasmissioni tv dove le persone sono
        trattate da oggetti in vendita, e' offeso
        dai telegiornali che sparano le notizie come
        se fossero spot, e' offeso da parecchie
        pubblicita' ....
        Ci sono alcui regole delle religioni che le
        ritengo un reato contro l'umanita' ...

        Che facciamo?? e' giusto chiudere anche
        quelle?

        Non sono per niente d'accordo con questa
        idea che a cio' che ci fa schifo deve essere
        impedito la pubblicazione, la cosa giusta e'
        consentire a chi non vuole leggere cose
        contrarie al suo buon gusto di evitarle.

        E' cosa molta diversa fare una pubblicazione
        che solo chi vuole legge dal fare un bel
        cartellone stradale.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non è buon gusto, è vilipiendio...
          ma dici sempre le stesse cose? anche se sono sbagliate :-)vabbe' va
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è buon gusto, è vilipiendio...
            Leggiti la sentenza e poi il codice penale, disponibile su www.tutticodici.it e vedrai che non sono sbagliate.- Scritto da: matteo je suis
            ma dici sempre le stesse cose? anche se sono
            sbagliate :-)
            vabbe' va
      • Anonimo scrive:
        Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
        Ciao Dbg, daun pò che non chiaccheriamo....
        A si??? il buon gusto di chi? il tuo?
        Da quello che ho letto la pagina iniziale
        avvertiva esplicitamente del contenuto
        pesante e offensivo.Allora io ora creo un sito dove ti insulto pesantemente (Ma MOLTO pesantemente)....Solo che nella pagina iniziale ti avverto che potresti offenderti se vai avanti...Sarebbe tutto OK allora? Ovviamente è una provocazione....Non mi permetterei mai...
        • Anonimo scrive:
          Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
          - Scritto da: :-x
          Ciao Dbg, daun pò che non chiaccheriamo....Ciao, in effetti e' un pezzo che non .... tastieriamo eheheh .... beh dai comunque tu ti sei tenuto occupato con Mr. CAPS-LOCK ....]zac[
          Allora io ora creo un sito dove ti insulto
          pesantemente (Ma MOLTO pesantemente)....
          Solo che nella pagina iniziale ti avverto
          che potresti offenderti se vai avanti...
          Sarebbe tutto OK allora?E' un discorso non semplice, le soluzioni sono tante e tutte parziali.Accettare che domini il buon gusto della maggioranza, accettare che domini il buon gusto di chi e' piu' forte, dare delle regole che difendano il piu' debole (se tu sei una ditta e attacchi me un singolo io ho il diritto di avere delle protezioni), ecc.Per un attacco da pari a pari ci sono leggi piu' che a sufficenza, diffamazione, danni morali ....Certo servirebbe una giustizia rapida e efficente.Pero' stai sicuro che se ad essere offesa fosse stata la mia singola e privata religione personale quel sito non lo avrebbero mai chiuso, non gli avrebbero sequestrato i materiali hardware (incredibile!!! non succedeva da quando 10-15 anni fa hanno mandato down una parte dell'usenet italiana, ma quelli erano tempi di ignoranza informatica, adesso sono tempi di soprusi (intesi come eccessi, magari anche di legittima difesa)).Poi dipenderebbe da quanta pubblicita' e come la fai al tuo sito.Ma ribadisco attaccarsi al buon gusto e' veramente pericoloso, specialmente su internet, dove molte cose sono private (non sono pubblicizzate, non sono a larga diffusione) ma sono solo raggiungibili da tutti (non e' il sito che raggiunge tutti ma tutti possono raggiungere il sito).
          Ovviamente è una provocazione....
          Non mi permetterei mai...Non serve che fai precisazioni, faccio sempre la tara a quello che leggo :).Non la considero neanche una provocazione, ma un modo efficace di esprimere un'idea.Ah per la precisione l'esempio che hai fatto non e' molto calzante, sarebbe stato piu' giusto se tu avessi fatto un sito dove offendi pesantemente un'idea a cui credo, facciamo per es. la filofia dell'open source (noti che gia' con questo esempio l'idea di buon gusto assume la forma di censura?).Ciao Dbg
          • Anonimo scrive:
            Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?

            Ah per la precisione l'esempio che hai fatto
            non e' molto calzante, sarebbe stato piu'
            giusto se tu avessi fatto un sito dove
            offendi pesantemente un'idea a cui credo,
            facciamo per es. la filofia dell'open source
            (noti che gia' con questo esempio l'idea di
            buon gusto assume la forma di censura?).Secondo me è tutto nei toni del sito...Se lo facessi argomentando i motivi per essere contro l'open source è un conto - esprimo liberamente una idea...Se invece ti (ripreso dalla descrizione di PI)raffiguto in disegno o in fotomontaggio in modo mostruoso con corpo di animale e testa di uomo ovvero mentre subivano sodomizzazioni e altri atti sessuali o osceni da parte di Bill Gates , quali la fuoriuscita di un pene [..ZAC..]E' un'altra cosa!Non descrivere te o una categoria di persone in modo fortemente offensivo...
    • Anonimo scrive:
      Massima
      - Scritto da: :-x
      Non ho mai visitato quel sito, ma della
      descrizione non posso che essere contento
      che sia stato chiuso."Non sono d'accordo con quello che pensi, ma sono disposto a morire perchè tu possa parlarne liberamente."E' solo un esempio: come la penseresti se la maggioranza fosse convinta che niente di quello che dici passi i loro standard di censura?
      • Anonimo scrive:
        Re: Massima
        E proprio per questo motivo l'imputato non è stato rinchiuso per un periodo che va da 1 a 3 anni, come previsto dal reato di vilipendio alla religione di stato.- Scritto da: Roberto


        - Scritto da: :-x

        Non ho mai visitato quel sito, ma della

        descrizione non posso che essere contento

        che sia stato chiuso.

        "Non sono d'accordo con quello che pensi, ma
        sono disposto a morire perchè tu possa
        parlarne liberamente."

        E' solo un esempio: come la penseresti se la
        maggioranza fosse convinta che niente di
        quello che dici passi i loro standard di
        censura?
        • Anonimo scrive:
          Re: Massima

          reato di
          vilipendio alla religione di stato.MA NON ERA STATO DEPENALIZZATO?MA CHE DICI?
          • Anonimo scrive:
            Re: Massima
            Mi sono informato: e' stato eliminato il vilipendio alla religione distato tal quale, ma sono rimasti403 Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di persone *404 Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di cose *405 Turbamento di funzioni religiose del culto cattolico *- Scritto da: MAH!!!!!!!!!!!

            reato di

            vilipendio alla religione di stato.

            MA NON ERA STATO DEPENALIZZATO?
            MA CHE DICI?
      • Anonimo scrive:
        Re: Massima
        - Scritto da: Roberto
        "Non sono d'accordo con quello che pensi, ma
        sono disposto a morire perchè tu possa
        parlarne liberamente."La libertà di espressione non coincide con la libertà di offendere, in quanto quest'ultima invade la libertà altrui... ci vuole rispetto per gli altri prima di tutto, altrimenti la stessa frese che hai citato perde di significatociao
        • Anonimo scrive:
          Re: Massima
          - Scritto da: gix
          La libertà di espressione non coincide con
          la libertà di offendere, in quanto
          quest'ultima invade la libertà altrui... ci
          vuole rispetto per gli altri prima di tutto,
          altrimenti la stessa frese che hai citato
          perde di significatotsk tsk tskNon si può dire assolutamente nulla senzainvadere la libertà altrui. Ad esempio, vedereuna pubblicità della tale ditta X mi offendemoltissimo. Se fossi un capo di stato che farei?Farei censurare lo spot?O ci si tappa tutti la bocca, per tutto il giorno,o si permette a tutti di dire la propria. CHIARO?
          • Anonimo scrive:
            Re: Massima
            - Scritto da: Alex.tg
            tsk tsk tsk
            Non si può dire assolutamente nulla senza
            invadere la libertà altrui. Appunto!!!
            Ad esempio, vedere
            una pubblicità della tale ditta X mi offende
            moltissimo. Deve essertci un motivo per cui ti offende... non è che uno decide così, tra il 2 e il 3 che tal cosa lo offende...
            Se fossi un capo di stato che farei?
            Farei censurare lo spot?Ci sono molti spot censurati, per vari motivi...
            O ci si tappa tutti la bocca, per tutto il
            giorno,
            o si permette a tutti di dire la propria.
            CHIARO?Quindi ???Dobbiamo dare libero sfogo anche a razzisti e pedofili? Anche loro non fanno altro che esprimere la loro opinione...Più leggo questi thread più mi rendo conto che al giorno d'oggi manca il RISPETTO, rispetto verso le persone, verso le idee, verso le religioni (qualunque essa sia... io sono ateo).Mi spieghi che razza di idea espimeva eretico.com? Nessuna: erano solo offese...CHIARO???
    • Anonimo scrive:
      Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
      Bravo :-x !E non pensi che lo stesso ragionamento potrebbe essere applicato alla tua opinione/commento ?Come si risolverà il problema ?Beh francamente mi sembra abbastanza semplice, quanto pensi che ci voglia a muovere il sito in questione su un altro server (fuori dall'Italia) dove non esiste il vilipendio alla religione di stato o alla censura di comodo ?Saluti- Scritto da: :-x
      Non ho mai visitato quel sito, ma della
      descrizione non posso che essere contento
      che sia stato chiuso.
      E non è censura, ma semplicemente buon gusto.
      • Anonimo scrive:
        Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
        No, perché non è vilipendio alla religione di stato.Ma perché non vi documentate prima di scrivere?- Scritto da: Jimmy
        Bravo :-x !
        E non pensi che lo stesso ragionamento
        potrebbe essere applicato alla tua
        opinione/commento ?
        Come si risolverà il problema ?
        Beh francamente mi sembra abbastanza
        semplice, quanto pensi che ci voglia a
        muovere il sito in questione su un altro
        server (fuori dall'Italia) dove non esiste
        il vilipendio alla religione di stato o alla
        censura di comodo ?
        Saluti

        - Scritto da: :-x

        Non ho mai visitato quel sito, ma della

        descrizione non posso che essere contento

        che sia stato chiuso.

        E non è censura, ma semplicemente buon
        gusto.
        • Anonimo scrive:
          Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
          scusate è vero non è vilipendio verso La Religione di Stato, ma ...IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARIletti gli atti del proc. n.° ?????. R.G. a carico della persona indicata in dispositivo, ind. del reato p. e p. dall'art. 403 c.p. quale titolare del dominio internet denominato WWW???...COM e gestore del relativo sito vilipendeva le persone che professano la religione cattolica e i ministri del culto cattolico pubblicando sul detto sito le immagini del Sommo Pontefice, del beato ... ecc...piccola correzzione il vilipendio verso lareligione di stato non esite più,esiste il vilipendio verso le persone che la professano (religione) e suoi Ministri ... - Scritto da: m
          No, perché non è vilipendio alla religione
          di stato.
          Ma perché non vi documentate prima di
          scrivere?

          - Scritto da: Jimmy

          Bravo :-x !

          E non pensi che lo stesso ragionamento

          potrebbe essere applicato alla tua

          opinione/commento ?

          Come si risolverà il problema ?

          Beh francamente mi sembra abbastanza

          semplice, quanto pensi che ci voglia a

          muovere il sito in questione su un altro

          server (fuori dall'Italia) dove non esiste

          il vilipendio alla religione di stato o
          alla

          censura di comodo ?

          Saluti



          - Scritto da: :-x


          Non ho mai visitato quel sito, ma della


          descrizione non posso che essere
          contento


          che sia stato chiuso.


          E non è censura, ma semplicemente buon

          gusto.
          • Anonimo scrive:
            Re: E serviva una legge x chiudere certe porcherie?
            Hai ragione, sono stato impreciso e me ne scuso.- Scritto da: Jimmy
            scusate è vero non è vilipendio verso La
            Religione di Stato, ma ...
            IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

            letti gli atti del proc. n.° ?????. R.G. a
            carico della persona indicata in
            dispositivo, ind. del reato p. e p.
            dall'art. 403 c.p. quale titolare del
            dominio internet denominato WWW???...COM e
            gestore del relativo sito vilipendeva le
            persone che professano la religione
            cattolica e i ministri del culto cattolico
            pubblicando sul detto sito le immagini del
            Sommo Pontefice, del beato ... ecc...
            piccola correzzione il vilipendio verso
            lareligione di stato non esite più,
            esiste il vilipendio verso le persone che la
            professano (religione) e suoi Ministri ...


            - Scritto da: m

            No, perché non è vilipendio alla religione

            di stato.

            Ma perché non vi documentate prima di

            scrivere?



            - Scritto da: Jimmy


            Bravo :-x !


            E non pensi che lo stesso ragionamento


            potrebbe essere applicato alla tua


            opinione/commento ?


            Come si risolverà il problema ?


            Beh francamente mi sembra abbastanza


            semplice, quanto pensi che ci voglia a


            muovere il sito in questione su un
            altro


            server (fuori dall'Italia) dove non
            esiste


            il vilipendio alla religione di stato o

            alla


            censura di comodo ?


            Saluti





            - Scritto da: :-x



            Non ho mai visitato quel sito, ma
            della



            descrizione non posso che essere

            contento



            che sia stato chiuso.



            E non è censura, ma semplicemente
            buon


            gusto.
  • Anonimo scrive:
    Allucinante
    non ho parole
  • Anonimo scrive:
    chissà con quale criterio...
    ... hanno preferito eretico.com a porcamadonna.com!Eretico era un sito veramente pesante (non per me che sono un bastardo), comunque sia mi pare di ricordare al suo interno anche qualche rubrica interessante circa la storia del papato... o almeno la linkava... Dalla home si evinceva il genere e l'ingresso era frutto di un libero arbitrio. E secondo me tanta ferocia non era frutto di cieco e dissennato odio, piuttosto un modo di fare satira estrema e molto spesso di pessimo gusto, con qualche (anche qui eccessiva) manifestazione di pensiero meramente goliardico.Comunque sia non è questo il punto. Non ricordo se bestemmiare è ancora reato. Fino a qualche tempo fa sicuramente sì. Se ancora lo fosse e avessero addotto alla chiusura la violazione delle norme relative a tale "crimine", pace.Ma nell'ordinanza hanno fatto appello alla legge sull'editoria. E' un precedente. Non ci dicessero più stronzate a tranquillizzarci. Domani può capitare anche a noi.Amen.
  • Anonimo scrive:
    TALEBANI
    Non sapevo che avessimo anche noi la nostra versione di talebani...
    • Anonimo scrive:
      Re: TALEBANI
      - Scritto da: freeworld
      Non sapevo che avessimo anche noi la nostra
      versione di talebani...Non diciamo cacchiate per favore... sono due cose completamente differenti.Se non riesci a distinguere la differenza vuol dire che sei tu ad avere la mente "chiusa", non quelli che tu chiami "censori".ciao
  • Anonimo scrive:
    Dove e' Chiti ?
    Non entro nel merito del buono o cattivo gusto di un sito che non ho visto.Non entro neanche nel merito se tale sito andava chiuso per vilipendio o per qualche altro reato.Vorrei solo far notare alcune cose:Legge 62/2001 - Art. 1 "1. Per «prodotto editoriale», ai fini della presente legge, si intende il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici."(http://www.camera.it/parlam/leggi/01062l.htm)Intervista di Vannino Chiti a "La Repubblica" : "Cito testualmente: 'Per prodotto editoriale ai fini della presente legge', c'è scritto all'inizio. Solo ai fini della presente legge, ripeto, quindi questa indicazione sancisce in maniera esplicita e vincolante l'impossibilità di estendere la norma in via interpretativa."(http://www.repubblica.it/online/politica/leggeditoria/forum/forum.html)Motivazioni dell'ordinanza di sequestro: "considerato che il sito internet in esame deve essere ritenuto prodotto editoriale ai sensi dell'art. 1 l. n.° 62\01"(http://www.penale.it/giuris/meri_102.htm)Non sono certo un esperto di giurisprudenza, ma a me sfugge qualche cosa ....Qualcuno potrebbe darmi una mano a capire come far quadrare i punti che ho riportato ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove e' Chiti ?
      Bella domanda....Non so se ti consola ma credo che Chiti non sia stato rieletto...Le contraddizioni mi sembrano evidenti...- Scritto da: TeX
      Non entro nel merito del buono o cattivo
      gusto di un sito che non ho visto.

      Non entro neanche nel merito se tale sito
      andava chiuso per vilipendio o per qualche
      altro reato.

      Vorrei solo far notare alcune cose:

      Legge 62/2001 - Art. 1 "1. Per «prodotto
      editoriale», ai fini della presente legge,
      si intende il prodotto realizzato su
      supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o
      su supporto informatico, destinato alla
      pubblicazione o, comunque, alla diffusione
      di informazioni presso il pubblico con ogni
      mezzo, anche elettronico, o attraverso la
      radiodiffusione sonora o televisiva, con
      esclusione dei prodotti discografici o
      cinematografici."
      (http://www.camera.it/parlam/leggi/01062l.htm

      Intervista di Vannino Chiti a "La
      Repubblica" : "Cito testualmente: 'Per
      prodotto editoriale ai fini della presente
      legge', c'è scritto all'inizio. Solo ai fini
      della presente legge, ripeto, quindi questa
      indicazione sancisce in maniera esplicita e
      vincolante l'impossibilità di estendere la
      norma in via interpretativa."
      (http://www.repubblica.it/online/politica/leg

      Motivazioni dell'ordinanza di sequestro:
      "considerato che il sito internet in esame
      deve essere ritenuto prodotto editoriale ai
      sensi dell'art. 1 l. n.° 62\01"
      (http://www.penale.it/giuris/meri_102.htm)

      Non sono certo un esperto di giurisprudenza,
      ma a me sfugge qualche cosa ....

      Qualcuno potrebbe darmi una mano a capire
      come far quadrare i punti che ho riportato ?


  • Anonimo scrive:
    ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
    Visitate questo:http://www.google.com/search?q=cache:HTS90VvszxE:www.eretico.com/+eretico+com&hl=enè la copia cache di Google del sito in questione.Forza Governo Italiano: prova un po' a direqualcosa a Google. Censura anche Google, se tiriesce... forza con la nuova inquisizione.Olè! Anche il governo spagnolo farà qualcosa delgenere. Forza, vediamo se si riescono a convertireanche quei statanici dei russi. Forza cattoliciuniti, cancellate le altre religioni! Forza, comeavete sempre fatto, in nome dell'amore per Dio,senza rendervi conto di aver violentato tutti glialtri credenti. Avanti così. Mi piacete molto.Dio è contento di voi, sicuramente.
    • Anonimo scrive:
      Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
      - Scritto da: Alex.tg
      Visitate questo:

      http://www.google.com/search?q=cache:HTS90Vvs

      è la copia cache di Google del sito in
      questione.
      Forza Governo Italiano: prova un po' a dire
      qualcosa a Google. Censura anche Google, se
      ti
      riesce... forza con la nuova inquisizione.
      Olè! Anche il governo spagnolo farà qualcosa
      del
      genere. Forza, vediamo se si riescono a
      convertire
      anche quei statanici dei russi. Forza
      cattolici
      uniti, cancellate le altre religioni! Forza,
      come
      avete sempre fatto, in nome dell'amore per
      Dio,
      senza rendervi conto di aver violentato
      tutti gli
      altri credenti. Avanti così. Mi piacete
      molto.
      Dio è contento di voi, sicuramente.Cosa c'entra???Sei solo un fanatico!!!Stai a vedere che adesso se uno mi offende pesantemente non posso neanche reagire perchè sarai accusato di volermi imporre.Gli effetti sarebbero stati i medesimi anche se invece del Papa e PardePio c'erano Budda e Allah
      • Anonimo scrive:
        Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM

        Cosa c'entra???
        Sei solo un fanatico!!!
        Stai a vedere che adesso se uno mi offende
        pesantemente non posso neanche reagire
        perchè sarai accusato di volermi imporre.
        Gli effetti sarebbero stati i medesimi anche
        se invece del Papa e PardePio c'erano Budda
        e AllahFanatico?Tu riesci ad essere cattolico senza dire agli altri quanto e' bello, quanto stai bene, su ragazzi veniti che c'e' posto nella grande arca dell'alleanza?Posso denunciare un sito cattolico che dipinge l'inquisizione come una cosa utile, che ha fatto del male per le necessita' del bene?
        • Anonimo scrive:
          Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
          - Scritto da: Stefano Calzetti
          Tu riesci ad essere cattolico senza dire
          agli altri quanto e' bello, quanto stai
          bene, su ragazzi veniti che c'e' posto nella
          grande arca dell'alleanza?Io non sono cattolico, ma non sono neanche contro il cattolicesimo. Mi danno enormemente fastidio le offese gratuite come quelle di cui stiamo discutendo, e non perchè sono rivolte a personaggi ecclesiastici, ma perchè sono buffonate fatte da 4 galletti senza alcun rispetto per gli altri. Sono stati loro i primi a non dimostrarsi toleranti verso i cattolici: perchè mai debbano poi pretendere che il loro venga tollerato e rispettato? E lo stesso discorso sarebbe valido per qualsiasi altra religione o "categoria".O forse secondo te i razzisti avrebbero il diritto di mostrare persone di colore impalate o cose simili? La libertà di espressione è una cosa, l'offesa e il mancato rispetto è un'altra.
          Posso denunciare un sito cattolico che
          dipinge l'inquisizione come una cosa utile,
          che ha fatto del male per le necessita' del
          bene?Certo: nessuno te lo vieta
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: pico
            Io non sono cattolico, ma non sono neanche
            contro il cattolicesimo.Non hai capito qual'è il punto, vedo.Tu PUOI dire che non sei cattolico e chenon sei contro. eretico.com non può più direche preferisce "bestemmiare" come direbbe uncattolico.
            Mi danno
            enormemente fastidio le offese gratuite come
            quelle di cui stiamo discutendo, e non
            perchè sono rivolte a personaggi
            ecclesiastici, ma perchè sono buffonate
            fatte da 4 galletti senza alcun rispetto per
            gli altri. Sono stati loro i primi a non
            dimostrarsi toleranti verso i cattolici:
            perchè mai debbano poi pretendere che il
            loro venga tollerato e rispettato?Ma scusa, eretico.com ha mica fatto un leggeche obbligasse a chiudere i siti cattolici?No. Loro sì.
            E lo
            stesso discorso sarebbe valido per qualsiasi
            altra religione o "categoria".
            O forse secondo te i razzisti avrebbero il
            diritto di mostrare persone di colore
            impalate o cose simili?Sì.Non condivido.Ma hanno il diritto di farlo,a patto che naturalmente non implichino crimini.
            La libertà di
            espressione è una cosa, l'offesa e il
            mancato rispetto è un'altra.L'offesa e la mancanza di rispetto FANNO PARTEdella libertà di espressione. E all'offesa sipuò sempre rispondere con un'altra offesa.Finché si è liberi di farlo.

            Posso denunciare un sito cattolico che

            dipinge l'inquisizione come una cosa
            utile,

            che ha fatto del male per le necessita'
            del

            bene?

            Certo: nessuno te lo vietaAppunto.Quando invece qualcuno comincia a vietare,allora sì che il problema si fa grave.
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: Alex.tg

            Io non sono cattolico, ma non sono neanche

            contro il cattolicesimo.

            Non hai capito qual'è il punto, vedo.
            Tu PUOI dire che non sei cattolico e che
            non sei contro. eretico.com non può più dire
            che preferisce "bestemmiare" come direbbe un
            cattolico.Forse non hai visto eretico.com....

            Mi danno

            enormemente fastidio le offese gratuite
            come

            quelle di cui stiamo discutendo, e non

            perchè sono rivolte a personaggi

            ecclesiastici, ma perchè sono buffonate

            fatte da 4 galletti senza alcun rispetto
            per

            gli altri. Sono stati loro i primi a non

            dimostrarsi toleranti verso i cattolici:

            perchè mai debbano poi pretendere che il

            loro venga tollerato e rispettato?

            Ma scusa, eretico.com ha mica fatto un legge
            che obbligasse a chiudere i siti cattolici?
            No. Loro sì.vedi sopra...

            E lo

            stesso discorso sarebbe valido per
            qualsiasi

            altra religione o "categoria".

            O forse secondo te i razzisti avrebbero il

            diritto di mostrare persone di colore

            impalate o cose simili?

            Sì.
            Non condivido.
            Ma hanno il diritto di farlo,
            a patto che naturalmente non implichino
            crimini.Ah... bene...allora ho già capito il tipo...Se sei veramente convinto di ciò è meglio lasciare stare

            La libertà di

            espressione è una cosa, l'offesa e il

            mancato rispetto è un'altra.

            L'offesa e la mancanza di rispetto FANNO
            PARTE
            della libertà di espressione. E all'offesa si
            può sempre rispondere con un'altra offesa.
            Finché si è liberi di farlo.Allora aboliamo la querela


            Posso denunciare un sito cattolico che


            dipinge l'inquisizione come una cosa

            utile,


            che ha fatto del male per le necessita'

            del


            bene?



            Certo: nessuno te lo vieta

            Appunto.
            Quando invece qualcuno comincia a vietare,
            allora sì che il problema si fa grave.E a quale pro faresti la denuncia allora?
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: pico

            Non hai capito qual'è il punto, vedo.

            Tu PUOI dire che non sei cattolico e che

            non sei contro. eretico.com non può più
            dire

            che preferisce "bestemmiare" come direbbe
            un

            cattolico.

            Forse non hai visto eretico.com....In effetti non l'ho visto.L'ho già detto e lo ri-ammetto...Ma io parlavo in linea di principio.

            Ma scusa, eretico.com ha mica fatto un
            legge

            che obbligasse a chiudere i siti
            cattolici?

            No. Loro sì.

            vedi sopra...Vedo che?Vuoi dire che avevano proposto una legge delgenere, sul serio?


            E lo


            stesso discorso sarebbe valido per

            qualsiasi


            altra religione o "categoria".


            O forse secondo te i razzisti
            avrebbero il


            diritto di mostrare persone di colore


            impalate o cose simili?



            Sì.

            Non condivido.

            Ma hanno il diritto di farlo,

            a patto che naturalmente non implichino

            crimini.

            Ah... bene...
            allora ho già capito il tipo...Che tipo sarei, scusa?Hai pregiudizi, pico? Sei prevenuto?Sarai mica anche razzista, per caso?Sai, dal giudicare al reprimere il passo è breve.
            Se sei veramente convinto di ciò è meglio
            lasciare stareMi limito a interpretare la Costituzione Italianache prevede libertà di parola per tutti.E' la costituzione di una repubblica democraticala quale rischia di non esserlo più.


            La libertà di


            espressione è una cosa, l'offesa e il


            mancato rispetto è un'altra.



            L'offesa e la mancanza di rispetto FANNO

            PARTE

            della libertà di espressione. E
            all'offesa si

            può sempre rispondere con un'altra offesa.

            Finché si è liberi di farlo.

            Allora aboliamo la querelaMi ricordi un bimbo che si rifugia dai genitoriperché i compagni di scuola lo prendono in giro.Non sei capace di rispondere alle offese?



            Posso denunciare un sito cattolico
            che



            dipinge l'inquisizione come una cosa


            utile,



            che ha fatto del male per le
            necessita'


            del



            bene?





            Certo: nessuno te lo vieta



            Appunto.

            Quando invece qualcuno comincia a vietare,

            allora sì che il problema si fa grave.

            E a quale pro faresti la denuncia allora?Denuncerei, forse, se ci fosse un qualchedanno materiale derivato da diffamazione.Però io non farei una denuncia del genere:dipingere l'inquisizione come una cosa utileè solo esprimere un parere...
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: Alex.tg

            Forse non hai visto eretico.com....

            In effetti non l'ho visto.
            L'ho già detto e lo ri-ammetto...
            Ma io parlavo in linea di principio.Se parli in linea di principio non fare riperimenti a questo caso particolare allora.


            Ma scusa, eretico.com ha mica fatto un


            legge che obbligasse a chiudere i siti


            cattolici? No. Loro sì.



            vedi sopra...

            Vedo che?
            Vuoi dire che avevano proposto una legge del
            genere, sul serio?No: voglio dire che non eretico.com non esprimeva alcuna opinioe: era solamente un sito dissacrante, creato con il puro scopo di prender per il c**o (in maniera molto pesante ed offensiva) alcuni personaggi. Questa non è libertà di espressione da tutelare...

            Ah... bene...

            allora ho già capito il tipo...

            Che tipo sarei, scusa?
            Hai pregiudizi, pico? Sei prevenuto?
            Sarai mica anche razzista, per caso?
            Sai, dal giudicare al reprimere il passo è
            breve.Io no: o ci siamo capitoi male o sei tu a dire che anche i razzisti avrebbero la libertà du esprimere i loro concetti (chissà in che modo poi...)

            Allora aboliamo la querela

            Mi ricordi un bimbo che si rifugia dai
            genitori
            perché i compagni di scuola lo prendono in
            giro.
            Non sei capace di rispondere alle offese???? Sto solo dimostrando che la tua tesi fa acqua da tutte le parti: sei tu che non hai risposto a questa mia osservazione.Se tutti hanno il diritto di dire qualsiasi cosa in qualsiasi modo (anche invadendo la libertà altrui), la querela non ha più senso di esistere...

            E a quale pro faresti la denuncia allora?

            Denuncerei, forse, se ci fosse un qualche
            danno materiale derivato da diffamazione.
            Però io non farei una denuncia del genere:
            dipingere l'inquisizione come una cosa utile
            è solo esprimere un parere...Allora mandami una tua foto, cosi faccio qualche fotomontaggio e pubblico scene di te sodomizzato da 10 persone e cose simili... questa come la chiami? E' libertà di espressione mia o no?
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: pico


            - Scritto da: Alex.tg



            Forse non hai visto eretico.com....



            In effetti non l'ho visto.

            L'ho già detto e lo ri-ammetto...

            Ma io parlavo in linea di principio.

            Se parli in linea di principio non fare
            riperimenti a questo caso particolare
            allora.Credo che, qualunque cosa abbiano detto,avessero il diritto di farlo. Pensala comevuoi, ma io la vedo così.



            Ma scusa, eretico.com ha mica fatto
            un



            legge che obbligasse a chiudere i
            siti



            cattolici? No. Loro sì.





            vedi sopra...



            Vedo che?

            Vuoi dire che avevano proposto una legge
            del

            genere, sul serio?

            No: voglio dire che non eretico.com non
            esprimeva alcuna opinioe: era solamente un
            sito dissacrante, creato con il puro scopo
            di prender per il c**o (in maniera molto
            pesante ed offensiva) alcuni personaggi.
            Questa non è libertà di espressione da
            tutelare...Non mi hai ancora spiegato come distinguiuna presa di c-asterisco-asterisco-o, comedici te, da un sito "da conservare".Chi sei per giudicare?


            Ah... bene...


            allora ho già capito il tipo...



            Che tipo sarei, scusa?

            Hai pregiudizi, pico? Sei prevenuto?

            Sarai mica anche razzista, per caso?

            Sai, dal giudicare al reprimere il passo è

            breve.

            Io no: o ci siamo capitoi male o sei tu a
            dire che anche i razzisti avrebbero la
            libertà du esprimere i loro concetti (chissà
            in che modo poi...)In modo civile.Lo so che sembra paradossale,ma se lo facessero in modo civile,ne avrebbero tutto il diritto.


            Allora aboliamo la querela



            Mi ricordi un bimbo che si rifugia dai

            genitori

            perché i compagni di scuola lo prendono in

            giro.

            Non sei capace di rispondere alle offese?

            ??? Sto solo dimostrando che la tua tesi fa
            acqua da tutte le parti: sei tu che non hai
            risposto a questa mia osservazione.
            Se tutti hanno il diritto di dire qualsiasi
            cosa in qualsiasi modo (anche invadendo la
            libertà altrui), la querela non ha più senso
            di esistere...E i danni materiali dove li metti?In quel caso non ho mica detto che nonci sia una responsabilità oggettiva.Dico solo che un offesa sulla carta, senon produce danni materiali o finanziari,è sempre parte della categoria "opinioni".


            E a quale pro faresti la denuncia
            allora?



            Denuncerei, forse, se ci fosse un qualche

            danno materiale derivato da diffamazione.

            Però io non farei una denuncia del genere:

            dipingere l'inquisizione come una cosa
            utile

            è solo esprimere un parere...

            Allora mandami una tua foto, cosi faccio
            qualche fotomontaggio e pubblico scene di te
            sodomizzato da 10 persone e cose simili...
            questa come la chiami? E' libertà di
            espressione mia o no?Sì, se mi mandi una foto anche te,così pubblico scene dove vieni sodomizzatoda 20 persone. Capisci cosa voglio dire?
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: Alex.tg

            Se parli in linea di principio non fare

            riperimenti a questo caso particolare

            allora.

            Credo che, qualunque cosa abbiano detto,
            avessero il diritto di farlo. Pensala come
            vuoi, ma io la vedo così.A tutto c'è un limite... l'anarchia non porta a nulla

            No: voglio dire che non eretico.com non

            esprimeva alcuna opinioe: era solamente un

            sito dissacrante, creato con il puro scopo

            di prender per il c**o (in maniera molto

            pesante ed offensiva) alcuni personaggi.

            Questa non è libertà di espressione da

            tutelare...

            Non mi hai ancora spiegato come distingui
            una presa di c-asterisco-asterisco-o, come
            dici te, da un sito "da conservare".Uno può dire quello che vuole nel rispetto degli altri: se manchi di rispetto (tantopiù senza alcun motivo) non hai diritto di dire quello che vuoi
            Chi sei per giudicare?E allora chi sei tu per dire il contrario?Scusa ma il discorso è lo stesso...

            Io no: o ci siamo capitoi male o sei tu a

            dire che anche i razzisti avrebbero la

            libertà du esprimere i loro concetti

            (chissà in che modo poi...)

            In modo civile.Quindi non come eretico.com(che, ti ricordo, non hai visto...)[ti stai contraddicendo ancora]
            Lo so che sembra paradossale,
            ma se lo facessero in modo civile,
            ne avrebbero tutto il diritto.Appunto: in modo civile e con rispetto degli altri: cosa che non era vera per eretico.com
            E i danni materiali dove li metti?
            In quel caso non ho mica detto che non
            ci sia una responsabilità oggettiva.
            Dico solo che un offesa sulla carta, se
            non produce danni materiali o finanziari,
            è sempre parte della categoria "opinioni".La querela implica sia "danni morali" che "danni materiali" causati da conseguenze di una possibile diffamazione. In ogni caso anche questa tua osservazione ci azzecca poco: se, come proponi tu, ognuno può dire sempre (e senza limiti) quello che vuole, la querela non ha senso di esistere. punto e basta.

            Allora mandami una tua foto, cosi faccio

            qualche fotomontaggio e pubblico scene di te

            sodomizzato da 10 persone e cose simili...

            questa come la chiami? E' libertà di

            espressione mia o no?

            Sì, se mi mandi una foto anche te,eh no... in base a quello che dici tu io ho il diritto di pubblicare quello che voglio senza alcuna conseguenza...
            così pubblico scene dove vieni sodomizzato
            da 20 persone. Capisci cosa voglio dire?si... "la legge del taglione"... oppure "gridiamo tutti che vince chi grida più forte"...Mi spiace per te ma non funziona così...
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: pico

            Credo che, qualunque cosa abbiano detto,

            avessero il diritto di farlo. Pensala come

            vuoi, ma io la vedo così.

            A tutto c'è un limite... l'anarchia non
            porta a nullaNon sarebbe anarchia, solo una maggioreapertura mentale.

            Non mi hai ancora spiegato come distingui

            una presa di c-asterisco-asterisco-o, come

            dici te, da un sito "da conservare".

            Uno può dire quello che vuole nel rispetto
            degli altri: se manchi di rispetto (tantopiù
            senza alcun motivo) non hai diritto di dire
            quello che vuoiEh, sì. Ma il rispetto cos'è?E' come dici anche te più avanti... (vedi sotto)

            Chi sei per giudicare?

            E allora chi sei tu per dire il contrario?
            Scusa ma il discorso è lo stesso...Appunto,però non si può passare a vie di fattosulla base di un giudizio che, a livellooggettivo, rimane indimostrabile.Cioè, si può, ma non mi sembra ancora giusto.


            Io no: o ci siamo capitoi male o sei
            tu a


            dire che anche i razzisti avrebbero la


            libertà du esprimere i loro concetti


            (chissà in che modo poi...)



            In modo civile.

            Quindi non come eretico.com
            (che, ti ricordo, non hai visto...)
            [ti stai contraddicendo ancora]Macché contraddizione e contraddizione:qualunque cosa abbiano detto, se non haprovocato danni tangibili, non vedo che malepotesse fare... e non credo che abbia provocatodanni tangibili o si sarebbe saputo.

            Lo so che sembra paradossale,

            ma se lo facessero in modo civile,

            ne avrebbero tutto il diritto.

            Appunto: in modo civile e con rispetto degli
            altri: cosa che non era vera per eretico.comRimane un tuo giudizio.
            La querela implica sia "danni morali" che
            "danni materiali" causati da conseguenze di
            una possibile diffamazione. In ogni caso
            anche questa tua osservazione ci azzecca
            poco: se, come proponi tu, ognuno può dire
            sempre (e senza limiti) quello che vuole, la
            querela non ha senso di esistere. punto e
            basta.Non si può semplicemente chiudere un occhiosui "danni morali"?

            Sì, se mi mandi una foto anche te,

            eh no... in base a quello che dici tu io ho
            il diritto di pubblicare quello che voglio
            senza alcuna conseguenza......senza alcuna conseguenza CENSORIA.Io ho il diritto di rispondere alla tuaprovocazione nello stesso modo. Par condicio.

            così pubblico scene dove vieni sodomizzato

            da 20 persone. Capisci cosa voglio dire?

            si... "la legge del taglione"... oppure
            "gridiamo tutti che vince chi grida più
            forte"...Allora, se io ad esempio ho un sito piùpopolare del tuo (il mio fa sui 5000 tizi al mese,non troppo popolare ma neanche sconosciuto),allora una legge obbliga ME ad ospitare ladiatriba sul mio spazio, in modo che ognunodi noi possa rispondersi per le rime nellestesse condizioni. Guarda un po': lo stiamofacendo adesso usando il forum di P.I.
            Mi spiace per te ma non funziona così...Peccato.Sarebbe meglio.
          • Anonimo scrive:
            Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
            - Scritto da: Alex.tg

            A tutto c'è un limite... l'anarchia non

            porta a nulla

            Non sarebbe anarchia, solo una maggiore
            apertura mentaleSe non è anarchia, allora da qualche parte un limite ci deve essere...(continua la tua contraddizione :)

            Uno può dire quello che vuole nel rispetto

            degli altri: se manchi di rispetto

            (tantopiù senza alcun motivo) non hai diritto

            di dire quello che vuoi

            Eh, sì. Ma il rispetto cos'è?Non credo ci siano dubbi su questo concetto...
            E' come dici anche te più avanti... (vedi
            sotto)

            [...] non si può passare a vie di fatto
            sulla base di un giudizio che, a livello
            oggettivo, rimane indimostrabile.Guarda che in questo caso specifico tutto è dimostrabile... il sito era palesemente offensivo.Un seno nudo può essere offensivo o meno in base a giudizi personali. Ma quello che c'era in quel sito era indiscutibilmente offensivo


            In modo civile.



            Quindi non come eretico.com

            (che, ti ricordo, non hai visto...)

            [ti stai contraddicendo ancora]

            Macché contraddizione e contraddizione:
            qualunque cosa abbiano detto, se non ha
            provocato danni tangibili, non vedo che male
            potesse fare... e non credo che abbia
            provocato danni tangibili o si sarebbe saputo.Tu hai parlato di "modi civili", ed eretico.com era tutto tranne che civile.Ti ricordo, tanto per fare un altro esempio,; che esiste anche il reato di "offesa a pubblico ufficiale"... forse che forse dovremmo abolire anche quello perché ognuno è libero di dire quello che vuole, offese comprese?


            Lo so che sembra paradossale,


            ma se lo facessero in modo civile,


            ne avrebbero tutto il diritto.



            Appunto: in modo civile e con rispetto

            degli altri: cosa che non era vera per

            eretico.com

            Rimane un tuo giudizio.Nooo... non è un mio giudizio, è giudizio comune!!! e sarebbe pure il tuo giudizio se solo avessi visto le immagini di quel sito (a meno che tu non soffra di qualche "deviazione" mentale).

            La querela implica sia "danni morali" che

            "danni materiali" causati da conseguenze di

            una possibile diffamazione. In ogni caso

            anche questa tua osservazione ci azzecca

            poco: se, come proponi tu, ognuno può dire

            sempre (e senza limiti) quello che vuole,

            la querela non ha senso di esistere. punto e

            basta.

            Non si può semplicemente chiudere un occhio
            sui "danni morali"?"chiudere un occhio" ???Stiamo parlando di leggi...


            Sì, se mi mandi una foto anche te,



            eh no... in base a quello che dici tu io ho

            il diritto di pubblicare quello che voglio

            senza alcuna conseguenza...

            ...senza alcuna conseguenza CENSORIA.
            Io ho il diritto di rispondere alla tua
            provocazione nello stesso modo. Par condicio.No no no... se cominci ad imporre condizioni non siamo più in piena libertà (nuova contraddizione :)Chi ha "subito" le offese di eretico.com non ha mica avuto la possibilità di "controbattere" con le stesse armi.
            Allora, se io ad esempio ho un sito più
            popolare del tuo (il mio fa sui 5000 tizi al
            mese,
            non troppo popolare ma neanche sconosciuto),
            allora una legge obbliga ME ad ospitare la
            diatriba sul mio spazio, in modo che ognuno
            di noi possa rispondersi per le rime nelle
            stesse condizioni. Guarda un po': lo stiamo
            facendo adesso usando il forum di P.I.Stiamo discutendo nel pieno rispetto l'uno dell'altro... non stiamo offendendo nessuno... se ci fosse un'offesa lo stesso PI provvederebbe a censurare con la -x-

            Mi spiace per te ma non funziona così...

            Peccato.
            Sarebbe meglio.Al di là di non averlo visto, credo che tu non abbia neanche la minima idea di cosa c'era su eretico.comciao
      • Anonimo scrive:
        Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
        Non solo, se c'era Allah partivano anche 15 o 20 condanne a morte. Alex.tg, io il fanatismo non lo sopporto, nè quello religioso, nè quello anti-religioso come il tuo.- Scritto da: pico


        - Scritto da: Alex.tg

        Visitate questo:




        http://www.google.com/search?q=cache:HTS90Vvs



        è la copia cache di Google del sito in

        questione.

        Forza Governo Italiano: prova un po' a
        dire

        qualcosa a Google. Censura anche Google,
        se

        ti

        riesce... forza con la nuova inquisizione.

        Olè! Anche il governo spagnolo farà
        qualcosa

        del

        genere. Forza, vediamo se si riescono a

        convertire

        anche quei statanici dei russi. Forza

        cattolici

        uniti, cancellate le altre religioni!
        Forza,

        come

        avete sempre fatto, in nome dell'amore per

        Dio,

        senza rendervi conto di aver violentato

        tutti gli

        altri credenti. Avanti così. Mi piacete

        molto.

        Dio è contento di voi, sicuramente.

        Cosa c'entra???
        Sei solo un fanatico!!!
        Stai a vedere che adesso se uno mi offende
        pesantemente non posso neanche reagire
        perchè sarai accusato di volermi imporre.
        Gli effetti sarebbero stati i medesimi anche
        se invece del Papa e PardePio c'erano Budda
        e Allah
        • Anonimo scrive:
          Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
          - Scritto da: whites
          Alex.tg, io il
          fanatismo non lo sopporto, nè quello
          religioso, nè quello anti-religioso come il
          tuo.Non sono un fanatico.Ma mi sono svegliato da parecchio tempo,e da parte mia non sopporto l'imposizionedi una cultura. Religiosa o di altro tipo.Guardala bene la storia del cattolicesimo.Scoprirai che hanno costruito chiese su templidi culti precedenti, sovrapposto festività afestività precedenti... non so te, ma a me questopiù che sincera ed onesta volontà di diffondereun qualche "amore per una divinità", mi sembrauna campagna elettorale senza scrupoli.Informati, se non l'hai già fatto.Comunque, considera che la legge sull'editoriaimplica che qualunque sito non retto da unatestata giornalistica registrata E CON un direttore responsabile, possa essere chiuso.Al di là del fatto che sia offensivo o meno:solo i giornalisti registrati hanno il dirittodi parlare in pubblico.A me questo ricorda qualcosa di molto brutto.
      • Anonimo scrive:
        Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
        - Scritto da: pico
        - Scritto da: Alex.tg

        Visitate questo:
        http://www.google.com/search?q=cache:HTS90Vvs



        è la copia cache di Google del sito in

        questione.

        [...]

        Dio è contento di voi, sicuramente.

        Cosa c'entra???
        Sei solo un fanatico!!!mi sono scaricato da google meta' sitoe' consultabilissimo.ci mancano img e flash ma i testi ci sono tuttiERETICO.COM sopravvive
      • Anonimo scrive:
        Re: ECCOVELO DI NUOVO, ERETICO.COM
        - Scritto da: pico


        - Scritto da: Alex.tg

        Visitate questo:




        http://www.google.com/search?q=cache:HTS90Vvs



        è la copia cache di Google del sito in

        questione.

        Forza Governo Italiano: prova un po' a
        dire

        qualcosa a Google. Censura anche Google,
        se

        ti

        riesce... forza con la nuova inquisizione.

        Olè! Anche il governo spagnolo farà
        qualcosa

        del

        genere. Forza, vediamo se si riescono a

        convertire

        anche quei statanici dei russi. Forza

        cattolici

        uniti, cancellate le altre religioni!
        Forza,

        come

        avete sempre fatto, in nome dell'amore per

        Dio,

        senza rendervi conto di aver violentato

        tutti gli

        altri credenti. Avanti così. Mi piacete

        molto.

        Dio è contento di voi, sicuramente.

        Cosa c'entra???
        Sei solo un fanatico!!!
        Stai a vedere che adesso se uno mi offende
        pesantemente non posso neanche reagire
        perchè sarai accusato di volermi imporre.
        Gli effetti sarebbero stati i medesimi anche
        se invece del Papa e PardePio c'erano Budda
        e AllahNo se c'era di mezzo Allah il primo mussulmano che incontravi per strada ti sgozzava senza manco salutarti, altro che sequestrare il sito, il sito te lo bombardavano !!!!!
  • Anonimo scrive:
    La legge sull'editoria è servita agli avv.difensor
    Se vi leggeste la sentenza, c'è scritto che il reato è l'art. 403 del codice penale che è il vilipendio alla religione di stato e che prevede la reclusione da 1 a 3 anni.Il sequestro ai sensi dell'art 321 del codice di procedura penale e' per evitare il protrarsi e l'aggravarsi del reato e la legge sull'editoria serve solo come appiglio per non far recludere l'imputato.Quindi, la legge sull'editoria non c'entra niente con la chiusura del sito.
    • Anonimo scrive:
      Re: La legge sull'editoria è servita agli avv.difensor

      Se vi leggeste la sentenza, Non e' una sentenza.
      Quindi, la legge sull'editoria non c'entra
      niente con la chiusura del sito.Spiegalo al GIP che ha scritto:considerato che il sito internet in esame deve essere ritenuto prodotto editoriale ai sensi dell'art. 1 l. n.° 62\01, di un prodotto realizzato su supporto informatico destinato alla diffusione di informazioni con mezzo elettronico attraverso la diffusione nella rete mondiale, accessibile in pratica a chiunque, di una serie di opinioni e informazioni sugli appartenenti alla religione cattolica, sui suoi simboli e sulle abitudini dei suoi ministri di culto; considerato che per l'applicazione dell'art. 2 della l. n.° 47\48 ai prodotti editoriali si deve ritenere che gli stessi siano equiparati, anche ai fini penali, alla disciplina riservata alla stampa e alle conseguenti maggiori garanzie ad essa attribuite in virtù della importante funzione svolta in una società democratica dai mezzi di comunicazione di massa, dei quali internet fa parte a pieno titolo;"
      • Anonimo scrive:
        Re: La legge sull'editoria è servita agli avv.difensor
        Esatto, questo serve ad evitare che l'imputato sia arrestato per vilipendio alla religione di stato.In pratica la sentenza dice:L'imputato e' colpevole di vilipendio alla religione di stato per questo, questo e quest'altro motivo.Per impedire che il reato venga continuato e aggravato, il sito e' sequestrato.Dato che l'oggetto del reato e' un prodotto editoriale e che c'e' la liberta' di stampa, non recludiamo per un periodo che va dagli uno ai tre anni l'imputato, ma ci limitiamo al sequestro.Detto questo, in realta', secondo me l'interpretazione e' sbagliata ed ai sensi di legge l'imputato andava arrestato perche' l'articolo 1 della legge 62/01 specifica che la definizione e' valida solo all'interno della legge.Detto quest'altro, secondo me e' anche assurdo che in Italia esista una religione di stato, e con essa il vilipendio.- Scritto da: ma guarda te

        Se vi leggeste la sentenza,

        Non e' una sentenza.


        Quindi, la legge sull'editoria non c'entra

        niente con la chiusura del sito.

        Spiegalo al GIP che ha scritto:

        considerato che il sito internet in esame
        deve essere ritenuto prodotto editoriale ai
        sensi dell'art. 1 l. n.° 62\01, di un
        prodotto realizzato su supporto informatico
        destinato alla diffusione di informazioni
        con mezzo elettronico attraverso la
        diffusione nella rete mondiale, accessibile
        in pratica a chiunque, di una serie di
        opinioni e informazioni sugli appartenenti
        alla religione cattolica, sui suoi simboli e
        sulle abitudini dei suoi ministri di culto;
        considerato che per l'applicazione dell'art.
        2 della l. n.° 47\48 ai prodotti editoriali
        si deve ritenere che gli stessi siano
        equiparati, anche ai fini penali, alla
        disciplina riservata alla stampa e alle
        conseguenti maggiori garanzie ad essa
        attribuite in virtù della importante
        funzione svolta in una società democratica
        dai mezzi di comunicazione di massa, dei
        quali internet fa parte a pieno titolo;"
  • Anonimo scrive:
    Censura NO, rispetto SI
    A prescindere dalla religione cattolica, ma se io faccio un sito ed offendo una persona o un azienda o chi volete quest'ultima ha tutti i diritti a querelermi e se la querela trovasse fondamento DEVO modificare il sito.La legge sull'editoria (che io trovo ingiusta) non centra niente secondo me in questo caso!Altrimenti giustifichiamo tutto e Internet non sarà più una rete libera ma un puttanaio! (in parte lo è gia).Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Censura NO, rispetto SI
      - Scritto da: Cesare
      A prescindere dalla religione cattolica, ma
      se io faccio un sito ed offendo una persona
      o un azienda o chi volete quest'ultima ha
      tutti i diritti a querelermi e se la querela
      trovasse fondamento DEVO modificare il sito.Allora non si puo' piu' esprimere la propria opinione su niente in quanto chiunque potrebbe ritenersi offeso.....se il sito non ti andava bastava non entrarci......e poi sarebbe meglio che i cattolici per primi imparassero a rispettare chi non la pensa come loro....
      La legge sull'editoria (che io trovo
      ingiusta) non centra niente secondo me in
      questo caso!
      Altrimenti giustifichiamo tutto e Internet
      non sarà più una rete libera ma un
      puttanaio! (in parte lo è gia).
      Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Censura NO, rispetto SI
        - Scritto da: Jackal
        - Scritto da: Cesare

        A prescindere dalla religione cattolica,
        ma

        se io faccio un sito ed offendo una
        persona

        o un azienda o chi volete quest'ultima ha

        tutti i diritti a querelermi e se la
        querela

        trovasse fondamento DEVO modificare il
        sito.

        Allora non si puo' piu' esprimere la propria
        opinione su niente in quanto chiunque
        potrebbe ritenersi offeso.....se il sito non
        ti andava bastava non entrarci......e poi
        sarebbe meglio che i cattolici per primi
        imparassero a rispettare chi non la pensa
        come loro....rispettare chi li offende? Riesci a capire quello che dici??? :-))))
  • Anonimo scrive:
    logo della repubblica?
    non vedo nessuna ordinanza, nessun avvertimento e nessun logo della repubblica.Comunque se va avanti male, qualsiasi dominio (che non sia un portale di proprietà del potere) non sia .it tra un po' potrebeb avere il logone della repubblica.Un web italiano bianco con il logo della repubblica.Chissà che qualcuno non inizi a farci i graffiti sopra...
  • Anonimo scrive:
    Gravissimo
    Il fatto che la legge sull'editoria sia citata nell'ordinanza e che dia forza a questo atto censorio e' gravissimo.Secondo me e' anche indice di come molti hanno stupidamente sottovalutato la sua portata.Oggi chiudono eretico.com... domani? A chi tocca?
  • Anonimo scrive:
    fantasia hack
    pensate quanto ci vuole per un cracker cazzuto fare un trova dei siti sotto sequestro e cambiare la homepage da quella con il logo della repubblica a quella di cicciolina e moana.
  • Anonimo scrive:
    responsabilità delle proprie azioni
    la legge sull'editoria c'entra poco.C'entra poco sia per PI che cita questo caso parlando di legge sull'editoria, sia per quanto riguarda la Legge: è un'offesa e basta.Internet o stampa o televisione o posto pubblico.Per dire che uno è stronzo o che ha la faccia come il culo non ho bisogno certo di autorizzazioni o di essere iscritto all'ordine dei giornalisti e questo è chiaro.Se faccio una cosa sbagliata però, devo pagare.Chi stabilisce che è sbagliata?Se non vi basta la legge, in generale, che forse avete già considerata in giusta e retrograda, guardate un po' voi questo caso e usate il buon senso: secondo voi tutti, qui è in gioco la libertà di espressione o è una massa di persone puramente offensive che hanno smesso di offendere?Se non sei Cattolico, rispetti i Cattolici.Se vuoi esprimere una opinione, lo puoi ancora fare!Temo piuttosto per chi ha messo su un sito su qualcosa coperta da CopyRight perché gli piaceva... e chi detiene il CopyRight si incazza invece di compiacersi!Come il Milan! Come Harry-Potter (!!!!!????)un ingiuria bella e buona, punita, non mi da molto da pensare.Mi da da pensare che un po' di bambini e di meno piccoli abbiano messo su dei siti sul loro idolo Harry POtter e la WarMer B. che ha rilevato i marchi sta rompendo le palle a tutti...Oppure il professore di Papetti... (vedi articoli passati) ... quello mi da da pensare.Oppure il mio sito... che comunque ti "informa" ... ma non offende nessuno... se quello dovesse avere problemi... allora direi che qualcosa non va. Ma se la legge si dimostra giusta come in questo caso... credo che fino ad oggi ci siamo allarmati inutilmente.
    • Anonimo scrive:
      Re: responsabilità delle proprie azioni
      A parte le contraddizioni in quello che scrivi
      Ma se la legge si
      dimostra giusta come in questo caso... credo
      che fino ad oggi ci siamo allarmati
      inutilmente.
      Ma hai bevuto?
  • Anonimo scrive:
    conoscere la legge prima di giudicare!
    la questione è che, al di là della lettura distorta che vuole ricorndurre il tutto alla famigerata legge sull'editoria, il vilipendio alla religione è un reato indipendentemente dalla credo oggetto del vilipendio. E in questi casi è dovere della magistratura procedere. Al contrario, se gli insulti si riferiscono ad una determinata persona, sarà questa a dovere agire in giudizio per tutelarsi. Forse dovrebbe attivarsi direttamente Allah in caso di vilipendio alla religione musulmana? Non credo proprio... E comunque, a livello di tutela giurisdizionale, tutte le religioni sono uguali per lo stato. Informarsi sulle leggi prima di commentare è un dovere se non si vogliono scrivere solenni cazzate! E poi, come in tutti i campi, la libertà del singolo non deve limitare quella degli altri; se poi il concetto non è chiaro a qualcuno e vogliamo disquisire sui limiti della libertà personale agitano fanatsmi di dittature più o meno plausibili, allora forse sarebbe meglio ripassarsi le norme del vivere civile. E Internet, in quanto viviere civile, non mi sembra abbia motivo alcuno per riternersi un caso a sè con norme del tutto diverse.Mi associo, infine, alle critiche sulle letture strumentali che continuamente vengono fatte in merito alla famigerata legge sull'editoria elettronica; che questa debba essere abolita è un punto assodato e condiviso penso da tutti, ma che ogni volta si interpretino i fatti in modo distorto per giustificarne l'eliminazione, mi sembra proprio un comportamento infantile.
    • Anonimo scrive:
      Re: conoscere la legge prima di giudicare!
      - Scritto da: lex
      la questione è che, al di là della lettura
      distorta che vuole ricorndurre il tutto alla
      famigerata legge sull'editoria, il
      vilipendio alla religione è un reato
      indipendentemente dalla credo oggetto del
      vilipendio. sono d'accordoE in questi casi è dovere della
      magistratura procedere. Al contrario, se gli
      insulti si riferiscono ad una determinata
      persona, sarà questa a dovere agire in
      giudizio per tutelarsi. Forse dovrebbe
      attivarsi direttamente Allah in caso di
      vilipendio alla religione musulmana? Non
      credo proprio... E comunque, a livello di
      tutela giurisdizionale, tutte le religioni
      sono uguali per lo stato. Informarsi sulle
      leggi prima di commentare è un dovere se non
      si vogliono scrivere solenni cazzate! E poi,
      come in tutti i campi, la libertà del
      singolo non deve limitare quella degli
      altri; se poi il concetto non è chiaro a
      qualcuno e vogliamo disquisire sui limiti
      della libertà personale agitano fanatsmi di
      dittature più o meno plausibili, allora
      forse sarebbe meglio ripassarsi le norme del
      vivere civile. E Internet, in quanto viviere
      civile, non mi sembra abbia motivo alcuno
      per riternersi un caso a sè con norme del
      tutto diverse.
      Mi associo, infine, alle critiche sulle
      letture strumentali che continuamente
      vengono fatte in merito alla famigerata
      legge sull'editoria elettronica; che questa
      debba essere abolita è un punto assodato e
      condiviso penso da tutti, ma che ogni volta
      si interpretino i fatti in modo distorto per
      giustificarne l'eliminazione, mi sembra
      proprio un comportamento infantile.Ok, ma se la magistratura dice che il sito è sequestrato "perchè prodotto editoriale ai sensi della ....." allora capisci che qualcosa non funziona? Perchè il reato contestato non è semplicemente il vilipendio alla religione (cioè l'azione) ma in qualche modo tocca il mezzo (internet)?Per lo stesso motivo, anche le bestemmie e i disegni che trovo nei bagni pubblici dovrebbero essere "censurate". Eppure credo che queste abbiano un numero di impressions maggiore rispetto a quel sito schifezza.In linea di massima però è meglio che siti offensivi vengano chiusi.
    • Anonimo scrive:
      Re: conoscere la legge prima di giudicare!
      ma l'hai letta l'ordinanza? parla della legge sull'editoria e della definizione di prodotto editoriale. e tu stai tranquillo??????????????
  • Anonimo scrive:
    Caso limite: fatto apposta?
    Non ho ancora letto tutto, ma ho quasi finito... eppure sono contrariato.Ho lasciato la religione Cristiana-Cattolica, nella quale sono stato immerso "per forza" e "per abitudine" fino all'adolescenza, età nella quale mi sono reso conto che le regole imposte dalla religione Cattolica e dalla Chiesa, non mi stavano bene ed ereano troppo rigide per me.Per rispetto a me stesso e anche per il culto ho deciso che "le nostre strade" si separavano li.Scopare è bello, andare a messa non mi interessa, credo nell'esistenza di Dio, non credo in una certa quantità di regole dell'uomo.Detto questo, diciamo che sono un laico, no?Ciononostante credo che offendere gratuitamente, come recita la denuncia, "senza alcun apporto critico" ecc ecc... sia uno dei pochi casi in cui non si può non pensare di essere denunciati.Sarebbe come se io qui, dicessi "Alessio Fighinboldi stronzo!" e allegassi una bella immagine di tale personaggio con fotomontaggio di costui con una bella caccona in testa.Che cosa c'è, se non un'offesa in questo?Attaccarsi alla SBAGLIATISSIMA (io sono assolutametne contro) legge sull'editoria, in questo caso, mi pare come quando il mondo dice che gli Hacker di Cobr4s hanno agito contro il G8.Secondo la mia opinione, mettere sotto questa luce questo fatto è il primo caso di disinformazione operato da PI.
    • Anonimo scrive:
      Re: Caso limite: fatto apposta?
      - Scritto da: Alessio Fighinboldi (stronzo)

      Non ho ancora letto tutto, ma ho quasi
      finito... eppure sono contrariato.

      Ho lasciato la religione
      Cristiana-Cattolica, nella quale sono stato
      immerso "per forza" e "per abitudine" fino
      all'adolescenza, età nella quale mi sono
      reso conto che le regole imposte dalla
      religione Cattolica e dalla Chiesa, non mi
      stavano bene ed ereano troppo rigide per me.

      Per rispetto a me stesso e anche per il
      culto ho deciso che "le nostre strade" si
      separavano li.
      Scopare è bello, andare a messa non mi
      interessa, credo nell'esistenza di Dio, non
      credo in una certa quantità di regole
      dell'uomo.

      Detto questo, diciamo che sono un laico, no?

      Ciononostante credo che offendere
      gratuitamente, come recita la denuncia,
      "senza alcun apporto critico" ecc ecc... sia
      uno dei pochi casi in cui non si può non
      pensare di essere denunciati.

      Sarebbe come se io qui, dicessi "Alessio
      Fighinboldi stronzo!" e allegassi una bella
      immagine di tale personaggio con
      fotomontaggio di costui con una bella
      caccona in testa.

      Che cosa c'è, se non un'offesa in questo?

      Attaccarsi alla SBAGLIATISSIMA (io sono
      assolutametne contro) legge sull'editoria,
      in questo caso, mi pare come quando il mondo
      dice che gli Hacker di Cobr4s hanno agito
      contro il G8.

      Secondo la mia opinione, mettere sotto
      questa luce questo fatto è il primo caso di
      disinformazione operato da PI.leggiti questo:http://punto-informatico.it/pol.asp?fid=36695&mid=53692
  • Anonimo scrive:
    Mossa astuta, non c'è che dire
    usare una legge repressiva per eliminare un sito sgradito ai più: evidentemente speranopin tal modo di giustificare tzale legge davanti all'opinione pubblica.Attenzione: questo dimostra quanto perversa la legge sia.BTW, X P.I. ma l'avete presentata al governo la petizione o cosa????
    • Anonimo scrive:
      Re: Mossa astuta, non c'Eche dire
      quanto volevasi dimostrare:Cercare il massimo supporto del pubblico contro la legge dell` editoria quando non centra per niente con quello successo con eretico.com.BRAVO PUNTO-INFORMATICO bella informazione!E poi ci si lamenta che un giornale online debba essere iscritto!- Scritto da: Salkaner
      usare una legge repressiva per eliminare un
      sito sgradito ai piE evidentemente
      speranopin tal modo di giustificare tzale
      legge davanti all'opinione pubblica.

      Attenzione: questo dimostra quanto perversa
      la legge sia.


      BTW, X P.I. ma l'avete presentata al governo
      la petizione o cosa????
      • Anonimo scrive:
        Re: Mossa astuta, non c'Eche dire

        BRAVO PUNTO-INFORMATICO bella informazione!
        E poi ci si lamenta che un giornale online
        debba essere iscritto!Hai bisogno di qualcuno per leggere un giornale, online o no?Per comprare un libro, leggi solo la critica o provi anche a sfogliarlo?Qualcuno ti obbliga a leggere PI?La tutela delle persone da un'informazione falsificata si fa o con la censura (a questo punto diventa censura buona) o formando lo spirito critico nelle persone.Insisto, l'ho detto tante volte. Io lavoro nelle scuole volontariamente e non vedo questo.Mi devo preoccupare o penso che tanto non c'e' problema, perche' c'e' la censura buona?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mossa astuta, non c'è che dire

      BTW, X P.I. ma l'avete presentata al governo
      la petizione o cosa????Stiamo aspettando delle date per la consegna ufficiale. Purtroppo dipende da "tempi istituzionali", per qualsiasi cosa che questo possa voler dire... :-)
  • Anonimo scrive:
    Lo Stato Laico sulla carta
    Benvenuti nello Stato Borbonico e Latitante quale L'Italia è e sempre sarà.Il cancro del Vaticano non sarà mai estirpato da questo paese di pecore...Ma poteva rimanere la santa sede in Francia porca miseria!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo Stato Laico sulla carta
      perche non vai tu in francia ???
      Benvenuti nello Stato Borbonico e Latitante
      quale L'Italia è e sempre sarà.
      Il cancro del Vaticano non sarà mai
      estirpato da questo paese di pecore...
      Ma poteva rimanere la santa sede in Francia
      porca miseria!!!
  • Anonimo scrive:
    La "Santa" Inquisizione vs Internet
    Che ci aspettavamo? le premesse c'erano tutte, la guerra contro Internet è cominciata. Per adesso stanno solo affilando le armi, fra un pò ne vedremo delle belle. Non c'è niente da fare in questo paese - non solo in questo, ma questo è il paese del papa, voglio dire il paese in cui comanda il papa - c'è sempre qualcuno che è convinto di poter decidere se il pensiero degli altri è giusto o sbagliato. Fino a che ci sarà un papa - il pastore - ci saranno i "fedeli" - le pecore. Infatti siamo un paese di pecoroni lillipuziani. Forti coi deboli e deboli coi forti. Guarda come si stanno muovento per il G8... c'è da farsi venire il vomito. Un Paese di cardinali... mi viene da urlare quando sui quotidiani - e parlo di quelli cosiddetti "laici" - trovo le interviste fatte a preti e cardinali, che commentano i più svariati fatti di cronaca, come se avessero la verità infusa. Come disse il poeta: "Questo è un paese di merda!" Forse chi legge PI non si ricorda del "famoso" giudice Salemi, quello che faceva censurare i manifesti pubblicitari se si vedeva una donna un poco scollacciata... ma almeno lui ci faceva ridere ed tutto sommato era innocuo, questi qui sono pericolosi.
    • Anonimo scrive:
      Re: La
      tanto siti sui demoni li trovi in giro...
      Che ci aspettavamo? le premesse c'erano
      tutte, la guerra contro Internet è
      cominciata. Per adesso stanno solo affilando
      le armi, fra un pò ne vedremo delle belle.
      Non c'è niente da fare in questo paese - non
      solo in questo, ma questo è il paese del
      papa, voglio dire il paese in cui comanda il
      papa - c'è sempre qualcuno che è convinto di
      poter decidere se il pensiero degli altri è
      giusto o sbagliato. Fino a che ci sarà un
      papa - il pastore - ci saranno i "fedeli" -
      le pecore. Infatti siamo un paese di
      pecoroni lillipuziani. Forti coi deboli e
      deboli coi forti. Guarda come si stanno
      muovento per il G8... c'è da farsi venire il
      vomito. Un Paese di cardinali... mi viene da
      urlare quando sui quotidiani - e parlo di
      quelli cosiddetti "laici" - trovo le
      interviste fatte a preti e cardinali, che
      commentano i più svariati fatti di cronaca,
      come se avessero la verità infusa. Come
      disse il poeta: "Questo è un paese di
      merda!"
      Forse chi legge PI non si ricorda del
      "famoso" giudice Salemi, quello che faceva
      censurare i manifesti pubblicitari se si
      vedeva una donna un poco scollacciata... ma
      almeno lui ci faceva ridere ed tutto sommato
      era innocuo, questi qui sono pericolosi.
  • Anonimo scrive:
    E NON MI STANCHERO' MAI DI RIPETERLO:
    L'ITALIA è UN PAESE DI MERDA.E CON QUESTO HO DETTO TUTTO, NON VOGLIO ALIMENTARE NESSUNA POLEMICA.SE IL SITO FOSSE STATO COMPRATO DA UN PROVIDER ALL'ESTERO E NON DAL SOLITO PROVIDER ITALIANO"CALA-BRAGHE"NON SAREBBE STATO CHIUSO.
    • Anonimo scrive:
      Re: E NON MI STANCHERO' MAI DI RIPETERLO:
      ... infatti ho letto attentamente tutti i tuoi interventi (notizia su fausto papetti) e mi sono chiesto: Quando prendi lo spazio all'estero ti registri con il tuo nome o con un nick?Ciao - Scritto da: MAX
      L'ITALIA è UN PAESE DI MERDA.

      E CON QUESTO HO DETTO TUTTO, NON VOGLIO
      ALIMENTARE NESSUNA POLEMICA.

      SE IL SITO FOSSE STATO COMPRATO DA UN
      PROVIDER ALL'ESTERO E NON DAL SOLITO
      PROVIDER ITALIANO
      "CALA-BRAGHE"

      NON SAREBBE STATO CHIUSO.
    • Anonimo scrive:
      Re: E NON MI STANCHERO' MAI DI RIPETERLO:
      Sarebbe stato chiuso ugualmente MAXLa legge italiana lo prevede!!!- Scritto da: MAX
      L'ITALIA è UN PAESE DI MERDA.

      E CON QUESTO HO DETTO TUTTO, NON VOGLIO
      ALIMENTARE NESSUNA POLEMICA.

      SE IL SITO FOSSE STATO COMPRATO DA UN
      PROVIDER ALL'ESTERO E NON DAL SOLITO
      PROVIDER ITALIANO
      "CALA-BRAGHE"

      NON SAREBBE STATO CHIUSO.
  • Anonimo scrive:
    Libero Stato????
    Purtroppo lo Stato stà diventando una succursaledel Vaticano,la censura è il primo passo delladittatura clerical-fascista del pluri-inquisitoche ieri si è recato dal Papa.Provi un divorziatoqualunque a chiedere la Comunione.Le regole valgono solo per il popolo,non per i potenti pienidi soldi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Libero Stato????

      Purtroppo lo Stato stà diventando una
      succursale
      del Vaticano,la censura è il primo passo
      della
      dittatura clerical-fascista del
      pluri-inquisito
      che ieri si è recato dal Papa.preferisco una succursale del VATICANO, che una di una multinazionale...
      Provi un
      divorziato
      qualunque a chiedere la Comunione.Le regole
      valgono solo per il popolo,non per i potenti
      pieni
      di soldi.ci sono delle regole...si rispettano o no...i divorziati in chiesa hanno giurato (davanti a DIO) di AMARSI E ONNORARSI PER SEMPRE...
  • Anonimo scrive:
    Quel membro del Che Guevara
    Voglio mettere su un sito con tante fotodel Che Guevara abilmente ritoccate, magari con qualche membro che gli entra da tutte le parti.www.inculoalguevara.comtanto per la libertà di opinioneLino
    • Anonimo scrive:
      Re: Quel membro del Che Guevara
      - Scritto da: Lino Abetone
      Voglio mettere su un sito con tante foto
      del Che Guevara abilmente ritoccate, magari
      con qualche membro che gli entra da tutte le
      parti.
      www.inculoalguevara.com
      tanto per la libertà di opinione

      LinoPer la gioia di grandi e piccini, propongo iniziativa analoga avente quale star d'eccezione un personaggio di indubbio valore:www.berluscanus.cum
      • Anonimo scrive:
        Re: Quel membro del Che Guevara
        - Scritto da: Cornélius Pornoticus-----
        TI ADORO.


        Per la gioia di grandi e piccini, propongo
        iniziativa analoga avente quale star
        d'eccezione un personaggio di indubbio
        valore:
        www.berluscanus.cum
  • Anonimo scrive:
    E se fosse stato anti musulmano o anti Indu?
    Ma lo vedete voi un giudice che sequestra un sito che sostiene che la religione musulmana e' frutto di fanatismo religioso?O che prende per i fondelli gli Indu per la loro religione enoteista?Andiamo, siamo seri!!!!Altro che manifestazioni anti G8, qui dovremmo scendere in ogni piazza di ogni paese per manifestare la nostra rabbia contro i "nuovi" censori.
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse stato anti musulmano o anti Indu?
      - Scritto da: Alessandro D'Arpini
      Andiamo, siamo seri!!!!Appunto: levati da qui allora...se fosse stato anti-musulmano o anti-Indu, dove con "anti-..." si intende lo stesso metodo offensivo utilizzato lì, il risultato sarebbe statop il medesimo, anche senza la legge sull'editoria (sulla quale sono contrario, ma che in questo caso ha fornito solamente un "arma in più")ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: E se fosse stato anti musulmano o anti Indu?
        - Scritto da: pico

        Appunto: levati da qui allora...Perche'?

        se fosse stato anti-musulmano o anti-Indu,
        dove con "anti-..." si intende lo stesso
        metodo offensivo utilizzato lì, il risultato
        sarebbe statop il medesimo,Filo diretto con i pensieri dei magistrati? anche senza la
        legge sull'editoria (sulla quale sono
        contrario, ma che in questo caso ha fornito
        solamente un "arma in più")L'arma dello spirito critico e' sempre sotto sequestro vero?
  • Anonimo scrive:
    Re: Giustizia e`fatta. Amen.
    - Scritto da: Pino Silvestre
    La legge anche se e`dura e`sempre la legge.
    Questo serva di lezione,
    per fortuna siamo
    ancora una repubblica democratica.
    GRAZIE A SANTA ROMANA CHIESA.
    Grazie al Santo Padre.
    Grazie a Padre Pio da Pietrelcina

    Pino SilvestreHai pienamente ragione
  • Anonimo scrive:
    Complimenti a chi lo ha seguestrato!
    Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo sito ha abusato della libertà di opinione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      - Scritto da: Alberto
      Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo
      sito ha abusato della libertà di opinione.Abusato della libertà di opinione?! Ma stiamo scherzando? Di libertà di opinione non ce n'è mai abbastanza!Casomai è il governo che ha abusato del POTERE di CENSURARE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      - Scritto da: Alberto
      Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo
      sito ha abusato della libertà di opinione.Il fine non giustifica i mezzi.Non dovevano far leva sulla legge per l'editoria.Questa legge non deve esistere, punto e basta.
    • Anonimo scrive:
      "SEGUESTRATO" ?
      "Complimenti a chi lo ha seguestrato!"?Parli come un democristiano avellinesedi recente memoria.SI SCRIVE "SEQUESTRATO"CIUCCIONE!ASINACCIO!Studia l'italiano prima di parlare.[ pinosilv ]
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      - Scritto da: Alberto
      Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo
      sito ha abusato della libertà di opinione.Si prega di definire il limite oltre il quale inizia l'abuso della libertà di opinione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
        Il limite è l'intelligenza umana che a te evidentemente manca. Rifletti.- Scritto da: Cornélius P.


        - Scritto da: Alberto

        Hanno fatto benissimo. Chi ha creato
        questo

        sito ha abusato della libertà di opinione.

        Si prega di definire il limite oltre il
        quale inizia l'abuso della libertà di
        opinione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
          - Scritto da: adler
          Il limite è l'intelligenza umana che a te
          evidentemente manca. Rifletti.Che risposta inutile, peccato, se ne poteva parlate.
          - Scritto da: Cornélius P.

          - Scritto da: Alberto


          Hanno fatto benissimo. Chi ha creato

          questo


          sito ha abusato della libertà di
          opinione.

          Si prega di definire il limite oltre il

          quale inizia l'abuso della libertà di

          opinione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      Ma siete matti???Lamlibertà è libera anche su uno vuole scorreggiare in parlamento.Altrimenti che libertà è?Si indaghi, piuttosto, su perché ci sono persone che pensano certe cose!Il fatto di sapere che ci sono persone che pensano certe cose è esclusivamente un bene comune: sappiamo chi siamo e con chi qabbiamo a che fare.Continua pure a mettere la testa sotto la sabbia... è la tua vita!- Scritto da: Alberto
      Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo
      sito ha abusato della libertà di opinione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      Premetto che sono cristiano e cattolico praticante...Il sito l'ho visto e mi ha dato un fastidio "dell'anima" (per rimanere in tema :), ciò non vuol dire che sia giusto censurarlo! a che prò ? per evitare che istighi altre persone ?perchè offende il nostro senso del pudore ? NO, non è quella la strada giusta, persone "eretiche" continueranno ad esistere con e senza "eretico.com", che è solo una loro espressione, ma allora siamo o non siamo liberi di esprimerci ?La strada che si sta percorrendo ormai è quella della repressione e (AhiMè) il futuro è fatto da c.u.l.i - t.e.t.t.e - e veline.Viva la nostra amata italietta dunque !
      • Anonimo scrive:
        Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
        Allora,alla luce di questa sentenza, la condanna dello scrittore iraniano da parte delle autorità del suo Paese e cosa ? Ah,Ah,Ah,...
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      Senti, io sono credente e praticante, dal punto di vista strettamente religioso posso dire che hanno fatto bene (come uno fanatico del che guevara o di berluska potrebbe dire che va chiuso il sito di immagini comiche che hanno postato più su) comunque io non ero obbligato ad andarlo a vedere quel sito e quindi, se ci capitavo, bastava chiudessi la finestra (di Opera che è meglio di Explorer :-)), non importava che sequestrassero il sito. E' altrettanto vero che "la mia libertà finisce dove comincia la tua" ma è altrettanto complicatissimo capire questo limite.Saluti a tutti.- Scritto da: Alberto
      Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo
      sito ha abusato della libertà di opinione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      - Scritto da: Alberto
      Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo
      sito ha abusato della libertà di opinione.Complimenti: hai scritto la cazzata del giorno.Pensavo che fosse necessario (giustamente) rispettare i doveri e le leggi, ma questa e' la prima volta che sento dire parlare di abuso di un diritto. Almeno in Italia (in Cina e' un altro discorso ...).
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti a chi lo ha seguestrato!
      - Scritto da: Alberto
      Hanno fatto benissimo. Chi ha creato questo
      sito ha abusato della libertà di opinione.Mi pare invece il contrario :))
  • Anonimo scrive:
    E hanno fatto bene!
    Un conto è fare un sito utile e protestare contro le leggi che danneggiano il diffondersi di internet, un altro è fare siti creati da persone malate che anzichè essere riposte in manicomi (purtroppo sono stati chiusi) vengono lasciate libere di fare cosa vogliono!!!La censura è un atto dittatoriale, d'accordo, ma... QUANDO CI VUOLE CI VUOLE!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E hanno fatto bene! (cazzate)
      Caro Edwars, non tutti la pensano come te.Informazione libera non vuol dire che debba per forza piacerti.Altrimenti non è più libera...- Scritto da: Edwards
      Un conto è fare un sito utile e protestare
      contro le leggi che danneggiano il
      diffondersi di internet, un altro è fare
      siti creati da persone malate che anzichè
      essere riposte in manicomi (purtroppo sono
      stati chiusi) vengono lasciate libere di
      fare cosa vogliono!!!
      La censura è un atto dittatoriale,
      d'accordo, ma... QUANDO CI VUOLE CI VUOLE!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: E hanno fatto bene! (cazzate)
        - Scritto da: Ombra
        Caro Edwars, non tutti la pensano come te.
        Informazione libera non vuol dire che debba
        per forza piacerti.
        Altrimenti non è più libera... Ma siete de coccio? ndov'era l'informaZZione ???
        • Anonimo scrive:
          Re: E hanno fatto bene! (cazzate)
          Che ti aspettavi su un sito che si chiama eretico.com? elogi verso il vaticano?se non ti interessa non lo vai a guardare.
          Ma siete de coccio?
          ndov'era l'informaZZione ???hai fatto una giusta osservazione, dunque, se la legge sull'editoria impone in caso di mancata iscrizione all'albo il sequestro di siti CHE DANNO INFORMAZIONE, perchè hanno chiuso eretico.com che, a tuo dire, non ne da ?- Scritto da: Deborah


          - Scritto da: Ombra

          Caro Edwars, non tutti la pensano come te.

          Informazione libera non vuol dire che
          debba

          per forza piacerti.

          Altrimenti non è più libera...

          Ma siete de coccio?
          ndov'era l'informaZZione ???
          • Anonimo scrive:
            Re: E hanno fatto bene! (cazzate)
            NO, SOLO DI QUELLI CHE HANNO AGGIORNAMENTI PERIODICILEGGI BENE IL TXT DELLA LEGGE- Scritto da: Ombra
            Che ti aspettavi su un sito che si chiama
            eretico.com? elogi verso il vaticano?
            se non ti interessa non lo vai a guardare.


            Ma siete de coccio?

            ndov'era l'informaZZione ???

            hai fatto una giusta osservazione, dunque,
            se la legge sull'editoria impone in caso di
            mancata iscrizione all'albo il sequestro di
            siti CHE DANNO INFORMAZIONE, perchè hanno
            chiuso eretico.com che, a tuo dire, non ne
            da ?





            - Scritto da: Deborah





            - Scritto da: Ombra


            Caro Edwars, non tutti la pensano come
            te.


            Informazione libera non vuol dire che

            debba


            per forza piacerti.


            Altrimenti non è più libera...



            Ma siete de coccio?

            ndov'era l'informaZZione ???
    • Anonimo scrive:
      Re: E hanno fatto bene!
      - Scritto da: Edwards
      Un conto è fare un sito utile e protestare
      contro le leggi che danneggiano il
      diffondersi di internet, un altro è fare
      siti creati da persone malate che anzichè
      essere riposte in manicomi (purtroppo sono
      stati chiusi) vengono lasciate libere di
      fare cosa vogliono!!!
      La censura è un atto dittatoriale,
      d'accordo, ma... QUANDO CI VUOLE CI VUOLE!!!Ah sì?Ed allora vai a vivere in Birmania, lì il sistema giuridico nei confronti di Internet è 10 volte più evoluto di quello Itagliano:In Birmania internet è VIETATA!
    • Anonimo scrive:
      Re: E hanno fatto bene!
      - Scritto da: Edwards
      Un conto è fare un sito utile e protestare
      contro le leggi che danneggiano il
      diffondersi di internet, un altro è fare
      siti creati da persone malate che anzichè
      essere riposte in manicomi (purtroppo sono
      stati chiusi) vengono lasciate libere di
      fare cosa vogliono!!!
      La censura è un atto dittatoriale,
      d'accordo, ma... QUANDO CI VUOLE CI VUOLE!!!tu giri per strada e fucili il primodistinto signore che si fa sfuggireuna bestemmia?Non è una domanda, è una affermazione.Cmq il punto non è la censura/non censura di QUEL sito. E' possibile chiudere il sito dei "Bambini dell'Asilo di Settefichi, frazione di Fisciano (SA)" esattamentefacendo leva sullo stesso principio."Prodotto editoriale"Made in Itagly...
    • Anonimo scrive:
      Re: Edwards Testa di Forbice
      E chi lo decide se uno è pazzo o no? Tu?Anche nelle dittature se non gli piacevi di dichiaravano pazzo e ti intenravano nei lager.Ma quanti anni hai? e non intendo l'età anagrafica, parlo di età mentale.- Scritto da: Edwards
      Un conto è fare un sito utile e protestare
      contro le leggi che danneggiano il
      diffondersi di internet, un altro è fare
      siti creati da persone malate che anzichè
      essere riposte in manicomi (purtroppo sono
      stati chiusi) vengono lasciate libere di
      fare cosa vogliono!!!
      La censura è un atto dittatoriale,
      d'accordo, ma... QUANDO CI VUOLE CI VUOLE!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E hanno fatto bene!
      - Scritto da: Edwards
      Un conto è fare un sito utile e protestare
      contro le leggi che danneggiano il
      diffondersi di internet, un altro è fare
      siti creati da persone malate che anzichè
      essere riposte in manicomi (purtroppo sono
      stati chiusi) vengono lasciate libere di
      fare cosa vogliono!!!
      La censura è un atto dittatoriale,
      d'accordo, ma... QUANDO CI VUOLE CI VUOLE!!!Sai qual è la differenza tra un pazzo e un credente?Il numero (di credenti).
      • Anonimo scrive:
        Sai invece cosa li accomuna ???
        il fato di vedere entrambi cose che il resto del mondo non s'immagina neanche...
        Sai qual è la differenza tra un pazzo e un
        credente?
        Il numero (di credenti).
  • Anonimo scrive:
    eh ma allora siete deficenti
    Mi raccomando, continuate a registrare domini .it, ecco poi che fine fanno i vostri siti.Registrateli altrove, fuori dalla giurisdizione italiana, e soprattutto, fuori da questa stellare puttanata della legge sull'editoria, dove criminale è colui che la pensa diversamente..
    • Anonimo scrive:
      Re: eh ma allora siete deficenti
      - Scritto da: Ombra
      Mi raccomando, continuate a registrare
      domini .it, ecco poi che fine fanno i vostri
      siti.ciccio han chiuso eretico.comdot COM ".COM" come si dice a Palo Alto...
      • Anonimo scrive:
        Re: eh ma allora siete deficenti

        ciccio han chiuso eretico.com
        dot COM
        ".COM" come si dice a Palo Alto...Ciccio, che cazzo hosti in Italia, hosta in Svizzera, Germania, USA, hanno connessioni in ordine, ottimi servizi e soprattutto non hai un governo di paperini che combina ste cazzate.Capitto mi hai? No? E allora compra lo spazio web in Italia, ma poi non ti lamentare...
  • Anonimo scrive:
    w l'italia dell'ignoranza
    quasi un decennio fa si istigava il popolo italiano a leggere di più, si affermava che esso era quello fra gli altri d'europa che lo facesse di meno. Allora, dopo tante rotture di coglioni, anche i ciechi si sono messi a leggere di più x mettersi a l pari dei cittadini europei. Adesso, dopo 10 anni vedo che tutto questo non ha fatto comodo e inizia una involuzione del processo, cioè, leggere di meno e scrivere niente, in fondo a detta di politici e magistrati fa male sapere troppe cose : scoppiano scandali la gente si può ribellare; è meglio far sapere qualcosa da fonti filtrate, la gente così è pù calma e piena di affetto verso chi la "amministra"....ricorda che tu sei schiavo e tuo figlio lo sarà più di te...e lui maledirà te, non il suo padrone.....meditate...!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: w l'italia dell'ignoranza
      - Scritto da: iod
      ...ricorda che tu sei schiavo e tuo figlio
      lo sarà più di te...e lui maledirà te, non
      il suo padrone.....meditate...!!!Infatti col cazzo che faccio un figlio in questo paese di merda.E quando dico una cosa, e' quella.Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: w l'italia dell'ignoranza
        - Scritto da: Spurious
        - Scritto da: iod

        ...ricorda che tu sei schiavo e tuo figlio

        lo sarà più di te...e lui maledirà te, non

        il suo padrone.....meditate...!!!

        Infatti col cazzo che faccio un figlio in
        questo paese di merda.
        E quando dico una cosa, e' quella.

        Salutihai ragione, fai come me.Fallo in Brasile, che è meglio...;)
        • Anonimo scrive:
          Re: w l'italia dell'ignoranza

          hai ragione, fai come me.
          Fallo in Brasile, che è meglio...
          ;)Fantastico!!! Io ti voto per il post più divertente dell'anno!!!! :)))))))
      • Anonimo scrive:
        Re: w l'italia dell'ignoranza

        Infatti col cazzo che faccio un figlio in
        questo paese di merda.
        E quando dico una cosa, e' quella.le ultime parole famose....hahahhahaha...

        Saluti
  • Anonimo scrive:
    Ma quel sito faceva schifo!
    Ho visitato molte pagine di quel sito grazie a google e devo dire che non aveva ragione d'esisterees:Chi sarà il prossimo papa? un brutto porco negro da ucciderenon voglio continuare ma ce n'erano di tutti i colori. Non mi sembra davvero un modo di esprimere la propria opinione quanto un primordiale modo di offendere gratuitamente il prossimo (cattolico o meno che sia)Lo so che qui si pone in risalto il fatto che sia consierato un prodotto editoriale ma credetemi non vi siete persi niente :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quel sito faceva schifo!
      - Scritto da: a
      Ho visitato molte pagine di quel sito grazie
      a google e devo dire che non aveva ragione
      d'esistere

      es:
      Chi sarà il prossimo papa? un brutto porco
      negro da uccidere

      non voglio continuare ma ce n'erano di tutti
      i colori. Non mi sembra davvero un modo di
      esprimere la propria opinione quanto un
      primordiale modo di offendere gratuitamente
      il prossimo (cattolico o meno che sia)

      Lo so che qui si pone in risalto il fatto
      che sia consierato un prodotto editoriale ma
      credetemi non vi siete persi niente :-)INVECE ABBIAMO PROPRIO PERSO QUALCOSA PER SALVAGUARDARE UN MODO DI ESSERE E DI PENSARE.GRAVISSIMO.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quel sito faceva schifo!
        - Scritto da: Alien
        INVECE ABBIAMO PROPRIO PERSO QUALCOSA PER
        SALVAGUARDARE UN MODO DI ESSERE E DI
        PENSARE.
        GRAVISSIMOHey ma siamo sicuri che fose un modo di pensare? Che pensieri erano espressi? Non era una semplice critica del cattolicesimo, era un'offesa alle tante persone che hanno una testa pensante!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quel sito faceva schifo!
          - Scritto da: qwertyno
          - Scritto da: Alien


          INVECE ABBIAMO PROPRIO PERSO QUALCOSA PER

          SALVAGUARDARE UN MODO DI ESSERE E DI

          PENSARE.

          GRAVISSIMO

          Hey ma siamo sicuri che fose un modo di
          pensare? Che pensieri erano espressi? Non
          era una semplice critica del cattolicesimo,
          era un'offesa alle tante persone che hanno
          una testa pensante!!!NON PUOI TAPPARE LA BOCCA A CHI LA PENSA DIVERSAMENTE, ANCHE PESANTEMENTE, L' ITALIA E' UN PAESE LAICO, IL CATTOLICESIMO NON E' RELIGIONE DI STATO.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quel sito faceva schifo!
            - Scritto da: Alien


            - Scritto da: qwertyno

            - Scritto da: Alien




            INVECE ABBIAMO PROPRIO PERSO QUALCOSA
            PER


            SALVAGUARDARE UN MODO DI ESSERE E DI


            PENSARE.


            GRAVISSIMO



            Hey ma siamo sicuri che fose un modo di

            pensare? Che pensieri erano espressi? Non

            era una semplice critica del
            cattolicesimo,

            era un'offesa alle tante persone che hanno

            una testa pensante!!!

            NON PUOI TAPPARE LA BOCCA A CHI LA PENSA
            DIVERSAMENTE, ANCHE PESANTEMENTE, L' ITALIA
            E' UN PAESE LAICO, IL CATTOLICESIMO NON E'
            RELIGIONE DI STATO.
            E se insultavano tua madre? Non è la stessa cosa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quel sito faceva schifo!

      Lo so che qui si pone in risalto il fatto
      che sia consierato un prodotto editoriale ma
      credetemi non vi siete persi niente :-)Puo' darsi, ma vorrei essere libero di visitare il sito per potere giudicare (esattamente come tu hai fatto);il problema e' proprio questo: io e molte altre persone non possiamo piu' visitare il sito (e quindi poterne giudicare liberamente il contenuto) perche' e' stato censurato.
    • Anonimo scrive:
      E te non lo guardare
      - Scritto da: a
      Ho visitato molte pagine di quel sito grazie
      a google e devo dire che non aveva ragione
      d'esistere

      es:
      Chi sarà il prossimo papa? un brutto porco
      negro da uccidere

      non voglio continuare ma ce n'erano di tutti
      i colori. Non mi sembra davvero un modo di
      esprimere la propria opinione quanto un
      primordiale modo di offendere gratuitamente
      il prossimo (cattolico o meno che sia)

      Lo so che qui si pone in risalto il fatto
      che sia consierato un prodotto editoriale ma
      credetemi non vi siete persi niente :-)seee stai a vedere che era l'incarnazione di Xibo.Mettono online 2 cavolate provocatoriee tutti a sbattere le natiche ululando "ohhhh ohhh mammamia mammamia, che cchifo che cchifo" come massaie isteriche.Personalmente sono convinto che anche questi siti hanno la loro utilità,in particolare servono a schernire l'idea sterra che si propongono di diffondere, mettendola a nudo, sparandola sotto al naso di tutti, in modo che tutti si rendano conto di quanto essa è ridicola.Ora che han chiuso il sito comasichiama.com non sono l'autore continuerà a far quello che vuole, ma nessuno potrà rendersi conto della sua pochezza.Questa lo sai cos'è ? E' una forma ignoranza.
    • Anonimo scrive:
      Re: E adesso si sentiranno degli eroi!
      Pensi davvero che chiudergli il sito d'autorità, a loro e a tutti gli altri idioti fascinazirazzibullicafoecc., sia la soluzione?Adesso si sentono eroi, gli stiamo facendo un sacco di pubblicità, riapriranno il sito da qualche altra parte e si sentiranno più forti di prima. E saranno anche più pericolosi perchè - tra l'altro - troveranno molti altri idioti al seguito. Non bisogna aver paura delle zone oscure della società, non serve a niente cercare di eliminarle, le cacci solo più in profondità e diventano anche più pericolose. Ma questo è un altro discorso...- Scritto da: a
      Ho visitato molte pagine di quel sito grazie
      a google e devo dire che non aveva ragione
      d'esistere

      es:
      Chi sarà il prossimo papa? un brutto porco
      negro da uccidere

      non voglio continuare ma ce n'erano di tutti
      i colori. Non mi sembra davvero un modo di
      esprimere la propria opinione quanto un
      primordiale modo di offendere gratuitamente
      il prossimo (cattolico o meno che sia)

      Lo so che qui si pone in risalto il fatto
      che sia consierato un prodotto editoriale ma
      credetemi non vi siete persi niente :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quel sito faceva schifo!
      - Scritto da: aNon hovisto il sito,e non stento a credere che facesse schifo. Non mi da problemi la sua sparizione. Mi da problemi i l"peschè" della sua sparizione.
  • Anonimo scrive:
    Facciamoci sentire!
    No, non vi propongo manifestazioni di piazza perché tanto non verrebbero accolte.Vi propongo una cosa facile: se avete un sito internet (anche quelli du Digilander o geocities) fate un articoletto su quanto stà accadendo, e forse un pò più persone verrebbero sensibilizzate al problema. Io il mio articolo l'ho già fatto, ho già violato questa legge!http://digilander.iol.it/salgari
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamoci sentire!
      Non preoccuparti, non hai infranto proprio nulla.Hai solo scritto delle cose di cui non conosci manco il significato. :-)))forse non e` chiaro il concetto di liberta`: la liberta finisce dove comincia la liberta` altrui. Viviamo in una societa` e se cio` non sta` bene: chiudetevi nel c-e-s-s-o- Scritto da: atari 2600
      No, non vi propongo manifestazioni di piazza
      perchEtanto non verrebbero accolte.
      Vi propongo una cosa facile: se avete un
      sito internet (anche quelli du Digilander o
      geocities) fate un articoletto su quanto stE
      accadendo, e forse un pEpiEpersone
      verrebbero sensibilizzate al problema.
      Io il mio articolo l'ho giEfatto, ho giE
      violato questa legge!

      http://digilander.iol.it/salgari
  • Anonimo scrive:
    che tristezza
    Quando il censore non riesce a cogliere la libertà dell'altrui pensiero. Non ci ero mai entrato in quel sito, ma sapere che non esiste perchè un giudice lo ha chiuso in base alla legge sull'editoria mi fa schifo. Non ci sarei neanche mai entrato ma ora che non posso più decidere se entrarci o no lo rimpiango.Una filastrocca da bambini diceva qualcosa del genere:"Muore il papa muore il remuore anche l'imperatore muore la gente piena di guaima i rompicoglioni non muoiono mai"Dedicata al genio che ha partorito la legge e a chi la applica
    • Anonimo scrive:
      Re: che tristezza
      Non e` stato chiuso in base alla legge sull` editoria! E` una voce inventata da PI... i reati contestati sono altri.leggete la penale!___________considerato che le immagini e le espressioni utilizzate sono volte palesemente a tenere a vile chi professa la religione cattolica e i ministri del suo culto, oggetto di atti sessuali, osceni e di scherno, senza che possa essere invocato l'esercizio del diritto di manifestazione del pensiero, in quanto i modi usati si sostanziano in una mera, gratuita e volgare aggressione visiva e scritta a quanti professano il culto cattolico, senza alcun utile apporto critico o revisionista ma con uno sterile spirito offensivo________________________Quindi liberta` di pensiero fino ad un certo punto, quelle non erano liberta` di pensiero! E nulla hanno a che fare con la legge sull` editoria!Spero che PI chiarisca sta storia in modo decente e senza strumentalizzazioni!!!!!- Scritto da: Flat Eric
      Quando il censore non riesce a cogliere la
      libertEdell'altrui pensiero. Non ci ero mai
      entrato in quel sito, ma sapere che non
      esiste perchEun giudice lo ha chiuso in
      base alla legge sull'editoria mi fa schifo.
      Non ci sarei neanche mai entrato ma ora che
      non posso piEdecidere se entrarci o no lo
      rimpiango.
      Una filastrocca da bambini diceva qualcosa
      del genere:
      "Muore il papa muore il re
      muore anche l'imperatore
      muore la gente piena di guai
      ma i rompicoglioni non muoiono mai"
      Dedicata al genio che ha partorito la legge
      e a chi la applica
      • Anonimo scrive:
        Re: che tristezza
        Ce la 62-2001 citata nella sentenza.Ce citata anche la legge sulla stampa e si parla di prodotto editoriale. Ma quale voce?- Scritto da: nick a caso
        Non e` stato chiuso in base alla legge sull`
        editoria! E` una voce inventata da PI... i
        reati contestati sono altri.
        leggete la penale!
        ___________
        considerato che le immagini e le espressioni
        utilizzate sono volte palesemente a tenere a
        vile chi professa la religione cattolica e i
        ministri del suo culto, oggetto di atti
        sessuali, osceni e di scherno, senza che
        possa essere invocato l'esercizio del
        diritto di manifestazione del pensiero, in
        quanto i modi usati si sostanziano in una
        mera, gratuita e volgare aggressione visiva
        e scritta a quanti professano il culto
        cattolico, senza alcun utile apporto critico
        o revisionista ma con uno sterile spirito
        offensivo
        ________________________

        Quindi liberta` di pensiero fino ad un certo
        punto, quelle non erano liberta` di
        pensiero! E nulla hanno a che fare con la
        legge sull` editoria!
        Spero che PI chiarisca sta storia in modo
        decente e senza strumentalizzazioni!!!!!







        - Scritto da: Flat Eric

        Quando il censore non riesce a cogliere la

        libertEdell'altrui pensiero. Non ci ero
        mai

        entrato in quel sito, ma sapere che non

        esiste perchEun giudice lo ha chiuso in

        base alla legge sull'editoria mi fa
        schifo.

        Non ci sarei neanche mai entrato ma ora
        che

        non posso piEdecidere se entrarci o no lo

        rimpiango.

        Una filastrocca da bambini diceva qualcosa

        del genere:

        "Muore il papa muore il re

        muore anche l'imperatore

        muore la gente piena di guai

        ma i rompicoglioni non muoiono mai"

        Dedicata al genio che ha partorito la
        legge

        e a chi la applica
  • Anonimo scrive:
    Beh, direi che il problema è ben altro...
    In questa sentenza mi sembra che il problema reale non sia la legge sull'editoria (se anche non ci fosse il sito sarebbe stato ugualmente soggetto a sequestro, a causa del contenuto), ma ben altro... Sarei preoccupato se sequestrassero un normale sito solo perchè a carattere *periodico*... Ecco, in questo caso si che si dovrebbe gridare ALLARME...
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, direi che il problema Eben altro...
      Concordo pienamente, penso sia una mossa di PI per far cadere tutto sulla legge sull` editoria e tutti che ci credono. una brutta uscita di PI!- Scritto da: HotEngine
      In questa sentenza mi sembra che il problema
      reale non sia la legge sull'editoria (se
      anche non ci fosse il sito sarebbe stato
      ugualmente soggetto a sequestro, a causa del
      contenuto), ma ben altro... Sarei
      preoccupato se sequestrassero un normale
      sito solo perchEa carattere *periodico*...
      Ecco, in questo caso si che si dovrebbe
      gridare ALLARME...
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, direi che il problema Eben altro...
        Io ho letto l'ordinanza e' sono rabbrividito.Appoggio ancora una volta PI, che ringrazio perche' mette in luce le cose come sono.Quel GIP ha parlato espressamente della legge sull'editoria con cui ha motivato il sequestro, associandola alla legge sulla stampa.Tutto questo parlando di un sito. E' veramente allucinante.
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
          - Scritto da: incredulo@allibiti.com
          Io ho letto l'ordinanza e' sono rabbrividito.Saresti rabbrividito anche vedendo il sito
          Appoggio ancora una volta PI, che ringrazio
          perche' mette in luce le cose come sono.[che in realtà non sono come dici tu qui sotto]
          Quel GIP ha parlato espressamente della
          legge sull'editoria con cui ha motivato il
          sequestro, associandola alla legge sulla
          stampa.NO!!!Il motivo del sequestro è il reato associato alla violazione di un'altra legge (leggiamo bene per favore...)
          Tutto questo parlando di un sito. E'
          veramente allucinante.Eh già... e allora W l'anarchia... Ma per favore
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
            - Scritto da: ciao
            - Scritto da: incredulo@allibiti.com


            Io ho letto l'ordinanza e' sono
            rabbrividito.

            Saresti rabbrividito anche vedendo il sito


            Appoggio ancora una volta PI, che
            ringrazio

            perche' mette in luce le cose come sono.

            [che in realtà non sono come dici tu qui
            sotto]


            Quel GIP ha parlato espressamente della

            legge sull'editoria con cui ha motivato il

            sequestro, associandola alla legge sulla

            stampa.

            NO!!!
            Il motivo del sequestro è il reato associato
            alla violazione di un'altra legge (leggiamo
            bene per favore...)



            Tutto questo parlando di un sito. E'

            veramente allucinante.

            Eh già... e allora W l'anarchia... Ma per
            favoreGuarda, probabilmente il sito andava chiuso per la violazione di n-mila leggi. Il problema pero' e' un altro e cioe' che questa sentenza ha stabilito che un sito internet e' un prodotto editoriale, quando poco tempo fa molti addetti ai lavori continuavano a giurare e spergiurare che non era cosi'.http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=53716&fid=36695
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
            - Scritto da: TeX
            Guarda, probabilmente il sito andava chiuso
            per la violazione di n-mila leggi. Il
            problema pero' e' un altro e cioe' che
            questa sentenza ha stabilito che un sito
            internet e' un prodotto editoriale, ma non è stato chiuso in quanto tale... cacchio!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
            - Scritto da: ciao
            - Scritto da: TeX


            Guarda, probabilmente il sito andava
            chiuso

            per la violazione di n-mila leggi. Il

            problema pero' e' un altro e cioe' che

            questa sentenza ha stabilito che un sito

            internet e' un prodotto editoriale,

            ma non è stato chiuso in quanto tale...
            cacchio!!!MA ALLORA SCRIVO IN ARABO ??????NON HO DETTO CHE IL SITO E' STATO CHIUSO PER LA 62/01 !!!HO DETTO CHE LA SENTENZA, GRAZIE LA 62/01, HA STABILITO CHE UN SITO WEB E' UN PRODOTTO EDITORIALE !!!!P.S. Scusate se ho urlato, ma a volte a parlare a bassa voce non ti capiscono ....
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
            - Scritto da: TeX
            NON HO DETTO CHE IL SITO E' STATO CHIUSO PER
            LA 62/01 !!!

            HO DETTO CHE LA SENTENZA, GRAZIE LA 62/01,
            HA STABILITO CHE UN SITO WEB E' UN PRODOTTO
            EDITORIALE !!!!Ma questo era già stabilito dalla legge stessa: il solo fatto che esiste la legge fa si che ogni sito sia equiparato ad un prodotto editoriale.In definitiva:-il sito sarebbe stato censurato anche senza la 62/01-ogni sito è (purtroppo) già equiparato a un prodotto editorialeNulla di nuovo in queste due notizie, se non quello che volete leggerci voi
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
            - Scritto da:
            ........
            Ma questo era già stabilito dalla legge
            stessa: il solo fatto che esiste la legge fa
            si che ogni sito sia equiparato ad un
            prodotto editoriale.

            In definitiva:

            -il sito sarebbe stato censurato anche senza
            la 62/01Sicuro !

            -ogni sito è (purtroppo) già equiparato a un
            prodotto editorialeSicuro anche questo !Solo che un po' di tempo fa un certo Vannino Chiti diceva il contrario ....http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=53716&fid=36695

            Nulla di nuovo in queste due notizie, se non
            quello che volete leggerci voiE chi ci ha letto qualche cosa di diverso ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
            - Scritto da: TeX
            Sicuro anche questo !

            Solo che un po' di tempo fa un certo Vannino
            Chiti diceva il contrario ....Il punto è che il sito non è stato chiuso in quanto la 62/01 lo equipara a un prodotto editoriale. Serebbe grave se, come ha già detto qualcuno venisse censurato un sito che fa libera informazione (o un sito "normale" di un privato cittadino) in quanto l'ideatore non è iscritto all'albo dei giornalisti o cose del genere.In questo caso è scattata la censura per il reato di vilipendio, ed è scattata "esattamente come sarebbe scattata per un qualsiasi altro prodotto editoriale". Non facciamo polveroni inutili...Abbasso la 62/01 e abbasso la censura indiscriminata, ma abbasso anche ai siti "squallidi" e inutilmente offensivi: non è certo questa la censura alla quale ci dobbiamo ribellare, anzi, dovremmo essere contenti che sia intervenuta in questo caso
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema ?Eben altro...
            - Scritto da: del


            - Scritto da: TeX


            NON HO DETTO CHE IL SITO E' STATO CHIUSO
            PER

            LA 62/01 !!!



            HO DETTO CHE LA SENTENZA, GRAZIE LA 62/01,

            HA STABILITO CHE UN SITO WEB E' UN
            PRODOTTO

            EDITORIALE !!!!

            Ma questo era già stabilito dalla legge
            stessa: il solo fatto che esiste la legge fa
            si che ogni sito sia equiparato ad un
            prodotto editoriale.

            In definitiva:

            -il sito sarebbe stato censurato anche senza
            la 62/01

            -ogni sito è (purtroppo) già equiparato a un
            prodotto editoriale

            Nulla di nuovo in queste due notizie, se non
            quello che volete leggerci voiFINALMENTE ... Le cose stanno esattamente così ...Mi chiedo ... perchè PI (cerca) di far credere il contrario?e cioè che sia la Legge Sull'Editoria e quella del 1948 ad aver permesso l'oscuramento di quel sito?A prescindere dalla 62/01 il sito sarebbe stato oscurato comunqueNell'ordinanza, il riferimento alla 62/01 è stato fatto per sottolineare che il sito Web è POTENZIALMENTE accessibile a milioni di personein quanto è un 'prodotto editoriale'Non va contestata la legge n°62 del 2001 ... bensì quella ''garante'' n°47 del 1948che impone un 'ordine burocratico' NON IDONEO al 'prodotto editoriale' Siti Web (Iscrizione all'Albo - ecc.. ecc.. che per lo strumento INTERNET come mezzo di informazione, è assolutamente in contrasto)Al Legislatore bisogna proporre argomentazioni convincenti, metodi-modi-idee-innovazionie non solamente le lunghissime interminabili liste pallose di firme ad un documento pre-confezionato che dice: "Questa legge non Và ... CAMBIATELA"Firmiamo invece un vero DISEGNO DI LEGGE (che tra l'altro può tranquillamente essere proposto in Parlamento mediante richiesta di un certo num. di Parlamentari o Cittadini Elettori)
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, direi che il problema è ben altro...
      Mi pare che il problema invece sia proprio quello, perche' e' tra le "scuse" con cui si e' chiuso eretico.com. Se quella legge non ci fosse stata avrebbero dovuto attaccarsi all'ultimo paragrafo dell'ordinanza, che sarebbe stata molto meno forte.Insomma, adesso possiamo pure cominciare a piangerci addosso e dire che l'avevamo detto... ;(- Scritto da: HotEngine
      In questa sentenza mi sembra che il problema
      reale non sia la legge sull'editoria (se
      anche non ci fosse il sito sarebbe stato
      ugualmente soggetto a sequestro, a causa del
      contenuto), ma ben altro... Sarei
      preoccupato se sequestrassero un normale
      sito solo perchè a carattere *periodico*...
      Ecco, in questo caso si che si dovrebbe
      gridare ALLARME...
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, direi che il problema è ben altro...
        - Scritto da: cassandra
        Se quella legge non
        ci fosse stata avrebbero dovuto attaccarsi
        all'ultimo paragrafo dell'ordinanza, che
        sarebbe stata molto meno forte.Si certo ... come no[Per la serie] meno leggi ci sono e meglio è!Leggi qui sotto e dimmi se secondo te un sito Internet è prodotto editoriale o menoIl punto più contestato:Il sito Internet è un "prodotto editoriale" e perciò sottoposto ai maggiori "diritti e doveri" di cui alla legge sulla stampa (47/1948). (Nota Bene: 1948)I giornali sono prodotti editoriali?SIPerchè?Perchè sono destinati a divulgare Informazioni ad una quantità di persone non indifferenteUn sito Internet è destinato a divulgare Informazioni ad una quantità di persone non indifferente?NO (scherzo)SI e allora al pari del Giornale è un prodotto editoriale e per questo è sottoposto ai maggiori "diritti e doveri" di cui alla legge sulla stampa (47/48) [legge del 1948]Noto che ancora non si hanno le idee chiare su questa benedetta legge (quella del 2001)Io sono RABBRIVIDITO dal commento dell'articolista di PI (fatta alla fine) che è daccordo con ciò che è stato scritto su VITA.IT e ci mette pure la ciliegina:ecco l'ultima parte dell'articolo:Insiste Vita.it: "Nessuno avrebbe il cattivo gusto di definire 'prodotto editorialè anche i graffiti 'pubblicatì sui muri dei bagni pubblici, ma in questa ordinanza si legge che 'il sito internet in esame deve essere ritenuto prodotto editoriale ai sensi dell'art. 1 l. n.° 621', subito dopo aver affermato che le pagine in questione non sono altro che 'una mera, gratuita e volgare aggressione visiva e scritta a quanti professano il culto cattolico, senza alcun utile apporto critico o revisionista ma con uno sterile spirito offensivo'.COMMENTO DELL'ARTICOLISTA (che penso dovrebbe andare a ZAPPARE - mi scuso x il mio commento ma manifesto il mio pensiero 'libero' - A questo punto Calvino, Pirandello, Hemingway e gli autori di "prodotti editoriali" di ben altro spessore si saranno rivoltati più volte nella tomba per questo accostamento davvero singolare tra la cultura dei libri e la volgarità da bagno pubblico, forme espressive molto distanti tra loro che tuttavia sull'internet sono separate solamente da un click del mouse."le volgarità da bagno pubblico, non sono lette DA UNA NOTEVOLE QUANTITA' DI PERSONE o per lo meno queste non potrebbero farloquindi NON sono 'prodotti editoriali' perchè al max li leggeranno coloro che a loro volta scrivono volgarità e quei 3-4 disperati che vi accedono per ovvi motivi
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, direi che il problema è ben altro...
          - Scritto da: TWIN
          .......
          Leggi qui sotto e dimmi se secondo te un
          sito Internet è prodotto editoriale o meno
          .......
          SI e allora al pari del Giornale è un
          prodotto editoriale e per questo è
          sottoposto ai maggiori "diritti e doveri" di
          cui alla legge sulla stampa (47/48) [legge
          del 1948]Appunto... Il problema non e' tanto quello di ritenere un sito web prodotto editoriale o meno, ma quello di assoggettarlo, una volta dichiarato prodotto editoriale, alle regole di una legge del 1948 che non ha eguali in Europa e che prescrive la registrazione della testata e l'individuazione di un direttore responsabile iscritto all'albo dei giornalisti.
          ............
          le volgarità da bagno pubblico, non sono
          lette DA UNA NOTEVOLE QUANTITA' DI PERSONE o
          per lo meno queste non potrebbero farlo
          quindi NON sono 'prodotti editoriali' perchè
          al max li leggeranno coloro che a loro volta
          scrivono volgarità e quei 3-4 disperati che
          vi accedono per ovvi motiviPoverini questi 3 o 4 disperati che ogni tanto gli scappa ....Fortunati noi che ormai non la facciamo piu' ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema è ben altro...
            caro TeX, saro' OT, ma ti leggo sempre con piacere.- Scritto da: TeX


            - Scritto da: TWIN

            .......

            Leggi qui sotto e dimmi se secondo te un

            sito Internet è prodotto editoriale o meno

            .......

            SI e allora al pari del Giornale è un

            prodotto editoriale e per questo è

            sottoposto ai maggiori "diritti e doveri"
            di

            cui alla legge sulla stampa (47/48) [legge

            del 1948]

            Appunto...
            Il problema non e' tanto quello di ritenere
            un sito web prodotto editoriale o meno, ma
            quello di assoggettarlo, una volta
            dichiarato prodotto editoriale, alle regole
            di una legge del 1948 che non ha eguali in
            Europa e che prescrive la registrazione
            della testata e l'individuazione di un
            direttore responsabile iscritto all'albo dei
            giornalisti.


            ............

            le volgarità da bagno pubblico, non sono

            lette DA UNA NOTEVOLE QUANTITA' DI
            PERSONE o

            per lo meno queste non potrebbero farlo

            quindi NON sono 'prodotti editoriali'
            perchè

            al max li leggeranno coloro che a loro
            volta

            scrivono volgarità e quei 3-4 disperati
            che

            vi accedono per ovvi motivi

            Poverini questi 3 o 4 disperati che ogni
            tanto gli scappa ....
            Fortunati noi che ormai non la facciamo piu'
            ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema è ben altro...

            Poverini questi 3 o 4 disperati che ogni
            tanto gli scappa ....
            Fortunati noi che ormai non la facciamo piu'
            ...Mi riferivo al commento dell'articolista di PI..credo che lui abbia le idee più confuse di me perchè considera le scritte sui muri come 'prodotti editoriali'Il suo articolo ed annesso commento finale è stato fatto con i piedi perchè ha 'quotato' l'ordinanza di quel tribunale in modo da far sembrare che la chiusura di quel sito dipenda dalla legge sull'editoria ....quando invece chiaramente si legge che il reato contestato è quello dell'art. 403 c.p. (codice penale) che si riferisce a: Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di persone http://www.penale.it/giuris/meri_102.htmIl richiamo alla Legge sull'editoria fatta nell'ordinanza del tribunale ha un altro scopo:il sito internet è un 'prodotto editoriale' e perciò potenzialmente visionabile da una quantità alta di persone ... e dato che in quel sito si infrange il CODICE PENALE ITALIANO (vedi Art. 403) non gli è parso il caso di farlo continuare a vivere
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, direi che il problema è ben altro...
            A me la preoccupazione che traspare dall'articolo di Punto-Informatico.it mi sembra del tutto in linea con la preoccupazione che questa legge rappresenta. E con il fatto che un sito e' stato sequestrato.Leggo dall'articolo: "una decisione che trae fondamento anche dalla legge sull'editoria (62/2001), quella stessa legge i cui effetti erano stati minimizzati da importanti siti internet, oltreché dai principali responsabili della sua approvazione"Questo e' il punto principale della preoccupazione che nei toni di P.I. non diventa allarme ma che piu' di un campanello di allarme rappresenta.Leggo ancora:"L'ordinanza è la prima manifestazione dei guasti che la nuova legge sull'editoria può provocare"Non solo mi sembra condivisibile, ma mi stupisco che non tutti abbiano colto la portata della prima sentenza che in questo paese collega la liberticida 62/2001 al sequestro di un sito Web (atto gia' in se' assolutamente condannabile).Per non parlare poi dei virgolettati da Vita, organo di informazione che seguo da tempo e che apprezzo moltissimo per l'equilibrio.. Sono molto felice, anzi, di vedere una tale "sintonia" tra questo giornale e il "mio" Vita :-)Ad ogni modo non mi farei bollire il sangue, quello della censura e' un problema che non si esaurisce con oggi ne' con domani. E' una lotta perpetua che dura da sempre.Un saluto a tutti
  • Anonimo scrive:
    Provare
    Provate a fare la stessa cosa in Cina, paese comunista, minimo vi mandano a marcire come prigionieri politici.Provate a mettere su un sito uguale ad Eretico e lo immolate ad Allah, minimo vi tagliano la gola.Andate in Iran, Afghanistan, andate...
  • Anonimo scrive:
    Siamo su Internet non su Italianet.
    Per nostra fortuna, e per la sfortuna di lor signori.La libera espressione delle idee e' un concetto difficile da far digerire qui in europa, specialmente in Itaglia.E poi qui da noi guai a toccare il Papa, purtroppo abbiamo il Vaticano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo su Internet non su Italianet.
      - Scritto da: NiCky
      Per nostra fortuna, e per la sfortuna di lor
      signori.
      La libera espressione delle idee e' un
      concetto difficile da far digerire qui in
      europa, specialmente in Itaglia.
      E poi qui da noi guai a toccare il Papa,
      purtroppo abbiamo il Vaticano.E' tutto verissimo, siamo ancora sottomessi al vaticano, altro che repubblica itagliana, città del vaticano da Bolzano a Catania!
  • Anonimo scrive:
    CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
    DI UNA MERDOSA LEGGE SULL' EDITORIA FATTA APPOSTA PER TENERE SOTTO TIRO TUTTO E TUTTI E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA APPENA APPENA UNO PISCIA CONTROCORRENTE DA QUALCHE GIUDICE INVASATO.CHE CAZZO VI ASPETTAVATA DA UN PAESE VATICANISTA DOVE TORME DI MILIONATE DI UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE PISCINE A LOURDES PER CHIEDERE QUALCHE GRAZIA O PIU' SOLDI AL SOMMO.CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE CHE FA SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A COMANDO APPENA UNO PESTA I PIEDI A QUALCHE DOGMA NAZIONALE.CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DI UTONTI MASTERIZZATI.CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DOVE I MEDIA SONO IN MANO AI SOLITI POTENTI ED I LORO GIORNALISTI MEZZIBUSTO E DELLA CARTA SONO SOLO MISERABILI PREZZOLATI PASSACARTE.CHE CAZZO ........CONTINUA......
    • Anonimo scrive:
      Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?

      CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DOVE I
      CHE CAZZO ........CONTINUA......Non c'e' bisogno di URLARE.
      • Anonimo scrive:
        Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
        - Scritto da: NeurO



        CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DOVE
        I

        CHE CAZZO ........CONTINUA......
        Non c'e' bisogno di URLARE.TU SEI NeurO..., IO SONO ....DELIRI.COME VEDI TI MANCA L' ACCOPPIATA.
    • Anonimo scrive:
      Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
      - Scritto da: Alien
      DI UNA MERDOSA LEGGE SULL' EDITORIA FATTA
      APPOSTA PER TENERE SOTTO TIRO TUTTO E TUTTI
      E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA APPENA APPENA
      UNO PISCIA CONTROCORRENTE DA QUALCHE GIUDICE
      INVASATO.

      CHE CAZZO VI ASPETTAVATA DA UN PAESE
      VATICANISTA DOVE TORME DI MILIONATE DI
      UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE PISCINE A
      LOURDES PER CHIEDERE QUALCHE GRAZIA O PIU'
      SOLDI AL SOMMO.

      CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE CHE FA
      SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A COMANDO APPENA UNO
      PESTA I PIEDI A QUALCHE DOGMA NAZIONALE.

      CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DI
      UTONTI MASTERIZZATI.

      CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DOVE I
      MEDIA SONO IN MANO AI SOLITI POTENTI ED I
      LORO GIORNALISTI MEZZIBUSTO E DELLA CARTA
      SONO SOLO MISERABILI PREZZOLATI PASSACARTE.



      CHE CAZZO ........CONTINUA......guarda che tutta l'europa è cosi'!Vabbè qui in itaGlia facciamo propriopena, ma altrove non è che ci sia da ridere
      • Anonimo scrive:
        Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
        - Scritto da: maomao


        - Scritto da: Alien

        DI UNA MERDOSA LEGGE SULL' EDITORIA FATTA

        APPOSTA PER TENERE SOTTO TIRO TUTTO E
        TUTTI

        E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA APPENA APPENA

        UNO PISCIA CONTROCORRENTE DA QUALCHE
        GIUDICE

        INVASATO.



        CHE CAZZO VI ASPETTAVATA DA UN PAESE

        VATICANISTA DOVE TORME DI MILIONATE DI

        UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE PISCINE A

        LOURDES PER CHIEDERE QUALCHE GRAZIA O
        PIU'

        SOLDI AL SOMMO.



        CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE CHE
        FA

        SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A COMANDO APPENA
        UNO

        PESTA I PIEDI A QUALCHE DOGMA NAZIONALE.



        CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DI

        UTONTI MASTERIZZATI.



        CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DOVE
        I

        MEDIA SONO IN MANO AI SOLITI POTENTI ED I

        LORO GIORNALISTI MEZZIBUSTO E DELLA CARTA

        SONO SOLO MISERABILI PREZZOLATI
        PASSACARTE.







        CHE CAZZO ........CONTINUA......


        guarda che tutta l'europa è cosi'!

        Vabbè qui in itaGlia facciamo proprio
        pena, ma altrove non è che ci sia da ridereD' ACCORDO, MA QUI DA NOI LI BATTIAMO SEMPRE TUTTI, NELLE CAROGNATE SIAMO SEMPRE I PRIMI A DISTINGUERCI, MOLTO PIU' DEGLI ALTRI.IN QUANTO ALLA STAMPA, NON ME NE INTENDO, DA QUESTE PARTI DOVREBBE GIRARE GENTE CHE SICURAMENTE NE SA IN QUANTO GIORNALISTI, MI RISULTA CHE IN ALTRI PAESI EUROPEI, AD ESEMPIO, ESISTA LA FIGURA DEI GIORNALISTI FREE-LANCE, COSA CHE QUI DA NOI E' VIETATA.INSOMMA, DA CHE MONDO E' MONDO, L' INFORMAZIONE E'' UN GANGLO SENSIBILISSIMO PER QUALSIASI POTERE, E GLI RISERVANO SEMPRE UN PARTICOLARE TRATTAMENTO, E' UN GRAVE PECCATO ED UNA FORTISSIMA LIMITAZIONE DELLA LIBERTA'.UN PAESE CHE SI POSSA VERAMENTE FREGIARE DEL TITOPLO DI "PAESE DEMOCRATICO", OLTRE CHE DALLA DIFFUSIONE DELLE FOGNE ANCHE NEI PAESI DI PERIFERIA, LO SI VEDE ANDANDO SA LEGGERE LE SUE LEX SULLA INFORMAZIONE.
        • Anonimo scrive:
          Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
          Certo che non brilli mica di intelligenza, a continuare ad usare quel CAPS LOCK, Alien.Te lo hanno detto anche i sassi ...
        • Anonimo scrive:
          Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
          Certo che non brilli mica di intelligenza, a continuare ad usare quel CAPS LOCK, Alien.Te lo hanno detto anche i sassi ...
        • Anonimo scrive:
          Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
          - Scritto da: Alien


          - Scritto da: maomao







          - Scritto da: Alien



          DI UNA MERDOSA LEGGE SULL' EDITORIA
          FATTA



          APPOSTA PER TENERE SOTTO TIRO TUTTO E

          TUTTI



          E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA APPENA
          APPENA



          UNO PISCIA CONTROCORRENTE DA QUALCHE

          GIUDICE



          INVASATO.







          CHE CAZZO VI ASPETTAVATA DA UN PAESE



          VATICANISTA DOVE TORME DI MILIONATE DI



          UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE PISCINE A



          LOURDES PER CHIEDERE QUALCHE GRAZIA O

          PIU'



          SOLDI AL SOMMO.







          CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE
          CHE

          FA



          SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A COMANDO
          APPENA

          UNO



          PESTA I PIEDI A QUALCHE DOGMA
          NAZIONALE.







          CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE DI



          UTONTI MASTERIZZATI.







          CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE
          DOVE

          I



          MEDIA SONO IN MANO AI SOLITI POTENTI
          ED I



          LORO GIORNALISTI MEZZIBUSTO E DELLA
          CARTA



          SONO SOLO MISERABILI PREZZOLATI

          PASSACARTE.















          CHE CAZZO ........CONTINUA......






          guarda che tutta l'europa è cosi'!



          Vabbè qui in itaGlia facciamo proprio

          pena, ma altrove non è che ci sia da
          ridere

          D' ACCORDO, MA QUI DA NOI LI BATTIAMO SEMPRE
          TUTTI, NELLE CAROGNATE SIAMO SEMPRE I PRIMI
          A DISTINGUERCI, MOLTO PIU' DEGLI ALTRI.

          IN QUANTO ALLA STAMPA, NON ME NE INTENDO, DA
          QUESTE PARTI DOVREBBE GIRARE GENTE CHE
          SICURAMENTE NE SA IN QUANTO GIORNALISTI, MI
          RISULTA CHE IN ALTRI PAESI EUROPEI, AD
          ESEMPIO, ESISTA LA FIGURA DEI GIORNALISTI
          FREE-LANCE, COSA CHE QUI DA NOI E' VIETATA.
          INSOMMA, DA CHE MONDO E' MONDO, L'
          INFORMAZIONE E'' UN GANGLO SENSIBILISSIMO
          PER QUALSIASI POTERE, E GLI RISERVANO SEMPRE
          UN PARTICOLARE TRATTAMENTO, E' UN GRAVE
          PECCATO ED UNA FORTISSIMA LIMITAZIONE DELLA
          LIBERTA'.
          UN PAESE CHE SI POSSA VERAMENTE FREGIARE DEL
          TITOPLO DI "PAESE DEMOCRATICO", OLTRE CHE
          DALLA DIFFUSIONE DELLE FOGNE ANCHE NEI PAESI
          DI PERIFERIA, LO SI VEDE ANDANDO SA LEGGERE
          LE SUE LEX SULLA INFORMAZIONE.
          Non so da quale buco sei uscito, ma penso che tu abbia le idee molto confuse sul termine informazione: fare informazione non significa insultare a tuo piacimento persone che non hanno le tue stesse idee! Avrei riso se avessero fatto un sito sui musulmani con gli stessi contenuti: gli avrebbero rintracciati molto in fretta e gli avrebbero tagliato le p...e, altro che libertà di espressione. Spero di non aver usato concetti troppo difficili per te, visto che non ho avuto bisogno neanche di una parolaccia!!!!!!! Tornatene sul tuo pianeta, che qui non c'è posto per te.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
            - Scritto da: d.g.o.


            - Scritto da: Alien





            - Scritto da: maomao












            - Scritto da: Alien





            DI UNA MERDOSA LEGGE SULL' EDITORIA

            FATTA





            APPOSTA PER TENERE SOTTO TIRO TUTTO
            E


            TUTTI





            E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA APPENA

            APPENA





            UNO PISCIA CONTROCORRENTE DA QUALCHE


            GIUDICE





            INVASATO.











            CHE CAZZO VI ASPETTAVATA DA UN PAESE





            VATICANISTA DOVE TORME DI MILIONATE
            DI





            UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE PISCINE
            A





            LOURDES PER CHIEDERE QUALCHE GRAZIA
            O


            PIU'





            SOLDI AL SOMMO.











            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE

            CHE


            FA





            SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A COMANDO

            APPENA


            UNO





            PESTA I PIEDI A QUALCHE DOGMA

            NAZIONALE.











            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN
            PAESE DI





            UTONTI MASTERIZZATI.











            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN PAESE

            DOVE


            I





            MEDIA SONO IN MANO AI SOLITI POTENTI

            ED I





            LORO GIORNALISTI MEZZIBUSTO E DELLA

            CARTA





            SONO SOLO MISERABILI PREZZOLATI


            PASSACARTE.























            CHE CAZZO ........CONTINUA......










            guarda che tutta l'europa è cosi'!





            Vabbè qui in itaGlia facciamo proprio


            pena, ma altrove non è che ci sia da

            ridere



            D' ACCORDO, MA QUI DA NOI LI BATTIAMO
            SEMPRE

            TUTTI, NELLE CAROGNATE SIAMO SEMPRE I
            PRIMI

            A DISTINGUERCI, MOLTO PIU' DEGLI ALTRI.



            IN QUANTO ALLA STAMPA, NON ME NE INTENDO,
            DA

            QUESTE PARTI DOVREBBE GIRARE GENTE CHE

            SICURAMENTE NE SA IN QUANTO GIORNALISTI,
            MI

            RISULTA CHE IN ALTRI PAESI EUROPEI, AD

            ESEMPIO, ESISTA LA FIGURA DEI GIORNALISTI

            FREE-LANCE, COSA CHE QUI DA NOI E'
            VIETATA.

            INSOMMA, DA CHE MONDO E' MONDO, L'

            INFORMAZIONE E'' UN GANGLO SENSIBILISSIMO

            PER QUALSIASI POTERE, E GLI RISERVANO
            SEMPRE

            UN PARTICOLARE TRATTAMENTO, E' UN GRAVE

            PECCATO ED UNA FORTISSIMA LIMITAZIONE
            DELLA

            LIBERTA'.

            UN PAESE CHE SI POSSA VERAMENTE FREGIARE
            DEL

            TITOPLO DI "PAESE DEMOCRATICO", OLTRE CHE

            DALLA DIFFUSIONE DELLE FOGNE ANCHE NEI
            PAESI

            DI PERIFERIA, LO SI VEDE ANDANDO SA
            LEGGERE

            LE SUE LEX SULLA INFORMAZIONE.



            Non so da quale buco sei uscito, ma penso
            che tu abbia le idee molto confuse sul
            termine informazione: fare informazione non
            significa insultare a tuo piacimento persone
            che non hanno le tue stesse idee!
            Avrei riso se avessero fatto un sito sui
            musulmani con gli stessi contenuti: gli
            avrebbero rintracciati molto in fretta e gli
            avrebbero tagliato le p...e, altro che
            libertà di espressione.
            Spero di non aver usato concetti troppo
            difficili per te, visto che non ho avuto
            bisogno neanche di una parolaccia!!!!!!!
            Tornatene sul tuo pianeta, che qui non c'è
            posto per te.La gente come te è proprio quella che fa del tuo pianeta una merda.L' organizzazione per la civile convivenza dei benpensanti come te è semplicemente penosa; te sei il tipico prodotto pubblicitario funzionale ad una società di consumi produttrice di UTONTI MASTERIZZATI.La satira non è insulto e questo non è un Paese ) PER FORTUNA) dove esite una religione di stato.Quindi liberissimi di ridere di padre pio e delle masse di UTONTI MIRACOLATI.Vatti a fare un giro a Lourdes.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
            Proprio come pensavo! Discutere con un ... un ... !? Pensa, sei talmente rozzo che non trovo un termine civile per definirti. Comunque non sei abbastanza intelligente per proseguire la discussione. Aggiungo solo una cosa: non importa di che religione sei, di che partito sei, che idee hai, ecc... Importa solo che la tua libertà di esprimerti, di pensare, di parlare FINISCE (spero che come termine sia per te comprensibile) dove INIZIA (altro termine difficile) quella di un altro, Lo ripeto, ALIEN: tornatene sul tuo pianeta di ignoranti.- Scritto da: Alien


            - Scritto da: d.g.o.





            - Scritto da: Alien








            - Scritto da: maomao

















            - Scritto da: Alien







            DI UNA MERDOSA LEGGE SULL'
            EDITORIA


            FATTA







            APPOSTA PER TENERE SOTTO TIRO
            TUTTO

            E



            TUTTI







            E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA
            APPENA


            APPENA







            UNO PISCIA CONTROCORRENTE DA
            QUALCHE



            GIUDICE







            INVASATO.















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATA DA UN
            PAESE







            VATICANISTA DOVE TORME DI
            MILIONATE

            DI







            UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE
            PISCINE

            A







            LOURDES PER CHIEDERE QUALCHE
            GRAZIA

            O



            PIU'







            SOLDI AL SOMMO.















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN
            PAESE


            CHE



            FA







            SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A COMANDO


            APPENA



            UNO







            PESTA I PIEDI A QUALCHE DOGMA


            NAZIONALE.















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN

            PAESE DI







            UTONTI MASTERIZZATI.















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN
            PAESE


            DOVE



            I







            MEDIA SONO IN MANO AI SOLITI
            POTENTI


            ED I







            LORO GIORNALISTI MEZZIBUSTO E
            DELLA


            CARTA







            SONO SOLO MISERABILI PREZZOLATI



            PASSACARTE.































            CHE CAZZO ........CONTINUA......














            guarda che tutta l'europa è cosi'!







            Vabbè qui in itaGlia facciamo
            proprio



            pena, ma altrove non è che ci sia da


            ridere





            D' ACCORDO, MA QUI DA NOI LI BATTIAMO

            SEMPRE


            TUTTI, NELLE CAROGNATE SIAMO SEMPRE I

            PRIMI


            A DISTINGUERCI, MOLTO PIU' DEGLI ALTRI.





            IN QUANTO ALLA STAMPA, NON ME NE
            INTENDO,

            DA


            QUESTE PARTI DOVREBBE GIRARE GENTE CHE


            SICURAMENTE NE SA IN QUANTO
            GIORNALISTI,

            MI


            RISULTA CHE IN ALTRI PAESI EUROPEI, AD


            ESEMPIO, ESISTA LA FIGURA DEI
            GIORNALISTI


            FREE-LANCE, COSA CHE QUI DA NOI E'

            VIETATA.


            INSOMMA, DA CHE MONDO E' MONDO, L'


            INFORMAZIONE E'' UN GANGLO
            SENSIBILISSIMO


            PER QUALSIASI POTERE, E GLI RISERVANO

            SEMPRE


            UN PARTICOLARE TRATTAMENTO, E' UN GRAVE


            PECCATO ED UNA FORTISSIMA LIMITAZIONE

            DELLA


            LIBERTA'.


            UN PAESE CHE SI POSSA VERAMENTE
            FREGIARE

            DEL


            TITOPLO DI "PAESE DEMOCRATICO", OLTRE
            CHE


            DALLA DIFFUSIONE DELLE FOGNE ANCHE NEI

            PAESI


            DI PERIFERIA, LO SI VEDE ANDANDO SA

            LEGGERE


            LE SUE LEX SULLA INFORMAZIONE.






            Non so da quale buco sei uscito, ma penso

            che tu abbia le idee molto confuse sul

            termine informazione: fare informazione
            non

            significa insultare a tuo piacimento
            persone

            che non hanno le tue stesse idee!

            Avrei riso se avessero fatto un sito sui

            musulmani con gli stessi contenuti: gli

            avrebbero rintracciati molto in fretta e
            gli

            avrebbero tagliato le p...e, altro che

            libertà di espressione.

            Spero di non aver usato concetti troppo

            difficili per te, visto che non ho avuto

            bisogno neanche di una parolaccia!!!!!!!

            Tornatene sul tuo pianeta, che qui non c'è

            posto per te.

            La gente come te è proprio quella che fa del
            tuo pianeta una merda.
            L' organizzazione per la civile convivenza
            dei benpensanti come te è semplicemente
            penosa; te sei il tipico prodotto
            pubblicitario funzionale ad una società di
            consumi produttrice di UTONTI MASTERIZZATI.
            La satira non è insulto e questo non è un
            Paese ) PER FORTUNA) dove esite una
            religione di stato.
            Quindi liberissimi di ridere di padre pio e
            delle masse di UTONTI MIRACOLATI.
            Vatti a fare un giro a Lourdes.
          • Anonimo scrive:
            Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
            - Scritto da: d.g.o.
            Proprio come pensavo! Discutere con un ...
            un ... !? Pensa, sei talmente rozzo che non
            trovo un termine civile per definirti.
            Comunque non sei abbastanza intelligente per
            proseguire la discussione. Aggiungo solo una
            cosa: non importa di che religione sei, di
            che partito sei, che idee hai, ecc...
            Importa solo che la tua libertà di
            esprimerti, di pensare, di parlare FINISCE
            (spero che come termine sia per te
            comprensibile) dove INIZIA (altro termine
            difficile) quella di un altro, Lo ripeto,
            ALIEN: tornatene sul tuo pianeta di
            ignoranti.No ho bisogno di lezioni da Te.Sono molto rispettoso dei diritti e della libertà altrui nel rispetto di quella degli altri.A differenza di te, a quanto pare.Tornatene a Lourdes e fatti dare un' altra benedizione, forse rinsavisci.

            - Scritto da: Alien





            - Scritto da: d.g.o.








            - Scritto da: Alien











            - Scritto da: maomao






















            - Scritto da: Alien









            DI UNA MERDOSA LEGGE SULL'

            EDITORIA



            FATTA









            APPOSTA PER TENERE SOTTO TIRO

            TUTTO


            E




            TUTTI









            E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA

            APPENA



            APPENA









            UNO PISCIA CONTROCORRENTE DA

            QUALCHE




            GIUDICE









            INVASATO.



















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATA DA UN

            PAESE









            VATICANISTA DOVE TORME DI

            MILIONATE


            DI









            UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE

            PISCINE


            A









            LOURDES PER CHIEDERE QUALCHE

            GRAZIA


            O




            PIU'









            SOLDI AL SOMMO.



















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN

            PAESE



            CHE




            FA









            SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A
            COMANDO



            APPENA




            UNO









            PESTA I PIEDI A QUALCHE DOGMA



            NAZIONALE.



















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN


            PAESE DI









            UTONTI MASTERIZZATI.



















            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE DA UN

            PAESE



            DOVE




            I









            MEDIA SONO IN MANO AI SOLITI

            POTENTI



            ED I









            LORO GIORNALISTI MEZZIBUSTO E

            DELLA



            CARTA









            SONO SOLO MISERABILI
            PREZZOLATI




            PASSACARTE.







































            CHE CAZZO
            ........CONTINUA......


















            guarda che tutta l'europa è
            cosi'!









            Vabbè qui in itaGlia facciamo

            proprio




            pena, ma altrove non è che ci
            sia da



            ridere







            D' ACCORDO, MA QUI DA NOI LI
            BATTIAMO


            SEMPRE



            TUTTI, NELLE CAROGNATE SIAMO SEMPRE
            I


            PRIMI



            A DISTINGUERCI, MOLTO PIU' DEGLI
            ALTRI.







            IN QUANTO ALLA STAMPA, NON ME NE

            INTENDO,


            DA



            QUESTE PARTI DOVREBBE GIRARE GENTE
            CHE



            SICURAMENTE NE SA IN QUANTO

            GIORNALISTI,


            MI



            RISULTA CHE IN ALTRI PAESI EUROPEI,
            AD



            ESEMPIO, ESISTA LA FIGURA DEI

            GIORNALISTI



            FREE-LANCE, COSA CHE QUI DA NOI E'


            VIETATA.



            INSOMMA, DA CHE MONDO E' MONDO, L'



            INFORMAZIONE E'' UN GANGLO

            SENSIBILISSIMO



            PER QUALSIASI POTERE, E GLI
            RISERVANO


            SEMPRE



            UN PARTICOLARE TRATTAMENTO, E' UN
            GRAVE



            PECCATO ED UNA FORTISSIMA
            LIMITAZIONE


            DELLA



            LIBERTA'.



            UN PAESE CHE SI POSSA VERAMENTE

            FREGIARE


            DEL



            TITOPLO DI "PAESE DEMOCRATICO",
            OLTRE

            CHE



            DALLA DIFFUSIONE DELLE FOGNE ANCHE
            NEI


            PAESI



            DI PERIFERIA, LO SI VEDE ANDANDO SA


            LEGGERE



            LE SUE LEX SULLA INFORMAZIONE.









            Non so da quale buco sei uscito, ma
            penso


            che tu abbia le idee molto confuse sul


            termine informazione: fare informazione

            non


            significa insultare a tuo piacimento

            persone


            che non hanno le tue stesse idee!


            Avrei riso se avessero fatto un sito
            sui


            musulmani con gli stessi contenuti: gli


            avrebbero rintracciati molto in fretta
            e

            gli


            avrebbero tagliato le p...e, altro che


            libertà di espressione.


            Spero di non aver usato concetti troppo


            difficili per te, visto che non ho
            avuto


            bisogno neanche di una
            parolaccia!!!!!!!


            Tornatene sul tuo pianeta, che qui non
            c'è


            posto per te.



            La gente come te è proprio quella che fa
            del

            tuo pianeta una merda.

            L' organizzazione per la civile convivenza

            dei benpensanti come te è semplicemente

            penosa; te sei il tipico prodotto

            pubblicitario funzionale ad una società di

            consumi produttrice di UTONTI
            MASTERIZZATI.

            La satira non è insulto e questo non è un

            Paese ) PER FORTUNA) dove esite una

            religione di stato.

            Quindi liberissimi di ridere di padre pio
            e

            delle masse di UTONTI MIRACOLATI.

            Vatti a fare un giro a Lourdes.

          • Anonimo scrive:
            Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
            A giudicare dal tuo modo di esprimerti, direi che hai bisogno non di lezioni ma di Cepu! Comunque, se posso, direi che i toni si sono già pacati molto rispetto all'inizio, perlomeno non urli più e questo è un punto a tuo favore. Per quanto riguarda invece Lourdes, mi spiace che tu continui a tirarla fuori perchè non vedo proprio cosa c'entra con il nostro discorso! Non vorrei essere preso per chi vive di proverbi (ne conosco pochissimi), ma anche in questo caso ce n'è uno azzeccato: vivi e lascia vivere! Perchè hai questo rancore così forte nei confronti dei cattolici? Se loro vogliono esternare la loro fede in determinata maniera, che lo facciano pure, non me ne può fregar di meno! Non per questo sono autorizzato a sparargli contro. Loro hanno la loro vita ed io la mia! Punto.Ciao- Scritto da: Alien


            - Scritto da: d.g.o.

            Proprio come pensavo! Discutere con un ...

            un ... !? Pensa, sei talmente rozzo che
            non

            trovo un termine civile per definirti.

            Comunque non sei abbastanza intelligente
            per

            proseguire la discussione. Aggiungo solo
            una

            cosa: non importa di che religione sei, di

            che partito sei, che idee hai, ecc...

            Importa solo che la tua libertà di

            esprimerti, di pensare, di parlare FINISCE

            (spero che come termine sia per te

            comprensibile) dove INIZIA (altro termine

            difficile) quella di un altro, Lo ripeto,

            ALIEN: tornatene sul tuo pianeta di

            ignoranti.

            No ho bisogno di lezioni da Te.
            Sono molto rispettoso dei diritti e della
            libertà altrui nel rispetto di quella degli
            altri.
            A differenza di te, a quanto pare.
            Tornatene a Lourdes e fatti dare un' altra
            benedizione, forse rinsavisci.




            - Scritto da: Alien








            - Scritto da: d.g.o.











            - Scritto da: Alien














            - Scritto da: maomao



























            - Scritto da: Alien











            DI UNA MERDOSA LEGGE SULL'


            EDITORIA




            FATTA











            APPOSTA PER TENERE SOTTO
            TIRO


            TUTTO



            E





            TUTTI











            E PRONTA AD ESSERE ATTIVATA


            APPENA




            APPENA











            UNO PISCIA CONTROCORRENTE
            DA


            QUALCHE





            GIUDICE











            INVASATO.























            CHE CAZZO VI ASPETTAVATA
            DA UN


            PAESE











            VATICANISTA DOVE TORME DI


            MILIONATE



            DI











            UTONTI SI BUTTANO IN FETIDE


            PISCINE



            A











            LOURDES PER CHIEDERE
            QUALCHE


            GRAZIA



            O





            PIU'











            SOLDI AL SOMMO.























            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE
            DA UN


            PAESE




            CHE





            FA











            SCATTARE LA "GIUSTIZIA" A

            COMANDO




            APPENA





            UNO











            PESTA I PIEDI A QUALCHE
            DOGMA




            NAZIONALE.























            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE
            DA UN



            PAESE DI











            UTONTI MASTERIZZATI.























            CHE CAZZO VI ASPETTAVATE
            DA UN


            PAESE




            DOVE





            I











            MEDIA SONO IN MANO AI
            SOLITI


            POTENTI




            ED I











            LORO GIORNALISTI
            MEZZIBUSTO E


            DELLA




            CARTA











            SONO SOLO MISERABILI

            PREZZOLATI





            PASSACARTE.















































            CHE CAZZO

            ........CONTINUA......






















            guarda che tutta l'europa è

            cosi'!











            Vabbè qui in itaGlia facciamo


            proprio





            pena, ma altrove non è che ci

            sia da




            ridere









            D' ACCORDO, MA QUI DA NOI LI

            BATTIAMO



            SEMPRE




            TUTTI, NELLE CAROGNATE SIAMO
            SEMPRE

            I



            PRIMI




            A DISTINGUERCI, MOLTO PIU' DEGLI

            ALTRI.









            IN QUANTO ALLA STAMPA, NON ME NE


            INTENDO,



            DA




            QUESTE PARTI DOVREBBE GIRARE
            GENTE

            CHE




            SICURAMENTE NE SA IN QUANTO


            GIORNALISTI,



            MI




            RISULTA CHE IN ALTRI PAESI
            EUROPEI,

            AD




            ESEMPIO, ESISTA LA FIGURA DEI


            GIORNALISTI




            FREE-LANCE, COSA CHE QUI DA NOI
            E'



            VIETATA.




            INSOMMA, DA CHE MONDO E' MONDO,
            L'




            INFORMAZIONE E'' UN GANGLO


            SENSIBILISSIMO




            PER QUALSIASI POTERE, E GLI

            RISERVANO



            SEMPRE




            UN PARTICOLARE TRATTAMENTO, E' UN

            GRAVE




            PECCATO ED UNA FORTISSIMA

            LIMITAZIONE



            DELLA




            LIBERTA'.




            UN PAESE CHE SI POSSA VERAMENTE


            FREGIARE



            DEL




            TITOPLO DI "PAESE DEMOCRATICO",

            OLTRE


            CHE




            DALLA DIFFUSIONE DELLE FOGNE
            ANCHE

            NEI



            PAESI




            DI PERIFERIA, LO SI VEDE ANDANDO
            SA



            LEGGERE




            LE SUE LEX SULLA INFORMAZIONE.












            Non so da quale buco sei uscito, ma

            penso



            che tu abbia le idee molto confuse
            sul



            termine informazione: fare
            informazione


            non



            significa insultare a tuo piacimento


            persone



            che non hanno le tue stesse idee!



            Avrei riso se avessero fatto un sito

            sui



            musulmani con gli stessi contenuti:
            gli



            avrebbero rintracciati molto in
            fretta

            e


            gli



            avrebbero tagliato le p...e, altro
            che



            libertà di espressione.



            Spero di non aver usato concetti
            troppo



            difficili per te, visto che non ho

            avuto



            bisogno neanche di una

            parolaccia!!!!!!!



            Tornatene
          • Anonimo scrive:
            Re: CHE CAZZO VI ASPETTAVATE?
            - Scritto da: s.g.o.
            A giudicare dal tuo modo di esprimerti,
            direi che hai bisogno non di lezioni ma di
            Cepu!
            Comunque, se posso, direi che i toni si sono
            già pacati molto rispetto all'inizio,
            perlomeno non urli più e questo è un punto a
            tuo favore.
            Per quanto riguarda invece Lourdes, mi
            spiace che tu continui a tirarla fuori
            perchè non vedo proprio cosa c'entra con il
            nostro discorso! Non vorrei essere preso per
            chi vive di proverbi (ne conosco
            pochissimi), ma anche in questo caso ce n'è
            uno azzeccato: vivi e lascia vivere! Perchè
            hai questo rancore così forte nei confronti
            dei cattolici? Se loro vogliono esternare la
            loro fede in determinata maniera, che lo
            facciano pure, non me ne può fregar di meno!
            Non per questo sono autorizzato a sparargli
            contro. Loro hanno la loro vita ed io la
            mia! Punto.
            Ciao
            Mi spiace: non sono d'accordo con te:da cosa si distingue la (il)libertà di insultare o meno una religione? dal fatto che molte sono legate ad essa in maniera viscerale? e la politica? per alcuni non vale la stessa cosa? gli ideali? e perchè non una casa automobilistica, allora....Nessuno avrebbe da ridire se eretico avesse affisso manifesti con quei contenuti davanti alle chiese, ma siamo su una rete... se non vuoi andare in un posto non ci vai.. o se ci finisci per sbaglio ... è esattamente questo.. uno sbaglio.. tuo, non di chi ha fatto il sito... che, per inciso, portava un nome parecchio indicativo... mica si chiamava caritacristiana.com...Sarebbe la stessa cosa se denunciassi e facessi sequestrare casa di qualcuno perche' ci sono finito per sbaglio e li ho trovati a bestemmiare...Colpa mia o colpa loro?A me stava sui coglioni da morire il faccione di berlusconi in formato 25x10 metri affisso ad ogni angolo di strada durante la campagna elettorale. Molto più di quanto mi desse fastidio eretico...E conosco decine di altre persone che la pensano allo stesso modo...Perchè nessuno ha sequestrato la tipografia?
  • Anonimo scrive:
    Il nuovo nazismo e' iniziato
    Benvenuti in italia!Ognuno ha il DIRITTO di dire cio' che pensa, giusto o sbagliato che sia. E poi "offendere" una religione come quella cattolica e' una cosa che viene naturale. Il clero dimostra il contrario di cio' che va predicando.Holtzen
  • Anonimo scrive:
    Trasferiamoci all'estero!
    Signori miei, siamo in pieno regime fascista, e se vogliamo salvare la nostra libertà di pensiero e parola bisogna trasferire il nostro sito in uno di questi paesi;ho scelto quelli più difficilmente raggiungibili:-Madagascar-Filippine-Russia -Argentina-Armenia-Pakistan-Iran-MongoliaQuì la mano dei censori non può arrivare.Buona fuga per la LIBERTÀ
    • Anonimo scrive:
      Re: Trasferiamoci all'estero!
      La cosa mi interessa.M puoi spegare come si fa o indicarmi un sito dove posso chiedere?- Scritto da: Atari 2600
      Signori miei, siamo in pieno regime
      fascista, e se vogliamo salvare la nostra
      libertà di pensiero e parola bisogna
      trasferire il nostro sito in uno di questi
      paesi;
      ho scelto quelli più difficilmente
      raggiungibili:
      -Madagascar
      -Filippine
      -Russia
      -Argentina
      -Armenia
      -Pakistan
      -Iran
      -Mongolia

      Quì la mano dei censori non può arrivare.
      Buona fuga per la LIBERTÀ
      • Anonimo scrive:
        Re: Trasferiamoci all'estero!
        - Scritto da: carlo
        La cosa mi interessa.
        M puoi spegare come si fa o indicarmi un
        sito dove posso chiedere?
        La cosa non è molto complicata:Basta andare su un motore di ricerca e cercare un internet provider .ru per la russia, .ar per l'argentina...Basta un motore di ricerca e la conoscenza dell'inglese!
    • Anonimo scrive:
      Re: Trasferiamoci all'estero!

      Quì la mano dei censori non può arrivare.
      Buona fuga per la LIBERTÀMica serve !Non vorrei aver interpretato male la legge, ma comunque sia, se TU sei responsabile dei contenuti del sito, allora lo sei dovunque esso sia, insomma se e' fruibile dall'italia!Fruibile cosa vuole dire ? che possa essere raggiunto senza problemi, che sia in lingua italiana, per esempio.Sei TU, responsabile dei contenuti che devi espatriare oltre al sito, se non vuoi avere problemi legali :-|roba da matti. Siamo tornati agli esuli politici...
      • Anonimo scrive:
        Re: Trasferiamoci all'estero!
        - Scritto da: lord auberon


        Quì la mano dei censori non può arrivare.

        Buona fuga per la LIBERTÀ

        Mica serve !

        Non vorrei aver interpretato male la legge,
        ma comunque sia, se TU sei responsabile dei
        contenuti del sito, allora lo sei dovunque
        esso sia, insomma se e' fruibile
        dall'italia!

        Fruibile cosa vuole dire ? che possa essere
        raggiunto senza problemi, che sia in lingua
        italiana, per esempio.

        Sei TU, responsabile dei contenuti che devi
        espatriare oltre al sito, se non vuoi avere
        problemi legali :-|

        roba da matti. Siamo tornati agli esuli
        politici...BENISSIMO!Quindi un bambino della Svizzera Italiana, se fà un sito in cui disprezza (e non ci sono pochi motivi) la religione cristiana viene incriminato e si fà TOT anni di carcere in Italia! Senza essersi mosso dalle alpi Svizzere! È una vergogna, questa quindi è una legge che non riguarda solo noi, ma tutto il mondo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Trasferiamoci all'estero!
          - Scritto da: Atari 2600
          BENISSIMO!
          Quindi un bambino della Svizzera Italiana,
          se fà un sito in cui disprezza (e non ci
          sono pochi motivi) la religione cristiana
          viene incriminato e si fà TOT anni di
          carcere in Italia! Senza essersi mosso dalle
          alpi Svizzere!
          È una vergogna, questa quindi è una legge
          che non riguarda solo noi, ma tutto il
          mondo...eheh... nooo le leggi italiane non mi tokkano minimamente... non sono un bambino.. ma abito proprio nella regione da te menzionata.. 7 Km a nord di Lugano.. e tutto cio' mi fa molto ridere.. Non avete in giro una copia di backup di quel sito da mandarmi? (eretico.it) che lo metto online qua, e poi che ci provino a venirmi a rompere i coglioni!!!!!!!! TERRONI di merda!
      • Anonimo scrive:
        Re: Trasferiamoci all'estero!
        - Scritto da: lord auberon


        Quì la mano dei censori non può arrivare.

        Buona fuga per la LIBERTÀ

        Mica serve !

        Non vorrei aver interpretato male la legge,
        ma comunque sia, se TU sei responsabile dei
        contenuti del sito, allora lo sei dovunque
        esso sia, insomma se e' fruibile
        dall'italia!

        Fruibile cosa vuole dire ? che possa essere
        raggiunto senza problemi, che sia in lingua
        italiana, per esempio.
        Fiko.. ma se faccio il sito solo in inglese? rispondo a tutte le nazioni anglofone? questo non include l'italia... ma la giurisdizione? di chi è? perchè se il sito è in italiano non ricado, per dire sotto la giurisdizione di san marino?è una cazzata.. la verità è il fatto che queste leggi son fatte solo ed esclusivamente per dar modo a chi ne ha il potere di rivalersi e affossare chi ha meno potere di loro...aprite gli occhi: la LEGGE ITALIANA è QUESTO...se mi beccano a rubare 50.000 finisco dentro, ma c'e' gense sgamata dopo essersi appropriata di centinaia (o migliaia) di miliardi e non le è stato torto un capello... sono ancora li' a farsi gli affari loro... qualcuno addirittura a fare il presidente del consiglio... io vi anticipo in nuova zelanda... spero di essere, almeno li', abbastanza distante dalla puzza di letame che qui in italia regna sovrana...e a giudicare dalle scelte che vengono fatte dalle masse... direi che piace anche...
    • Anonimo scrive:
      Re: Trasferiamoci all'estero!

      ho scelto quelli più difficilmente
      raggiungibili:Ragazzi non c'e' bisogno di andare cosi' lontano... comprate lo spazio web in Svizzera (in Ticino parlano italiano) e non vi rompera' le balle piu' nessuno.Prezzi giusti, ottima qualita', servizio e assistenza.qualche nome? ticino.com, adhoc.ch, tinet.com, bluewin.ch, cybernet.ch, ... tutti con il www davanti.
  • Anonimo scrive:
    E se fosse stato un sito nazi ?
    Ci sarebbe stato altrettando scandalo per la sua chiusura ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse stato un sito nazi ?
      Penso di si...il concetto è lo stesso.Però avrei dei dubbi se fosse stato un sito anti-shintoismo o qualcosa del genere.Vanno a beccare quelli "fastidiosi", quelli che puniti fanno dire all'opinione pubblica "che bravi che sono stati a chiudere quel sito"...- Scritto da: rioka
      Ci sarebbe stato altrettando scandalo per la
      sua chiusura ?
      • Anonimo scrive:
        Re: E se fosse stato un sito nazi ?
        - Scritto da: carlo
        Penso di si...il concetto è lo stesso.Quindi secondo te non dovrebbe esistera nessuna censura su nessun argomento (compresi razzismo e pedofilia, tanto per citarne un paio...)Non sono assolutamente d'accordo
        • Anonimo scrive:
          Re: E se fosse stato un sito nazi ?
          - Scritto da:


          - Scritto da: carlo

          Penso di si...il concetto è lo stesso.

          Quindi secondo te non dovrebbe esistera
          nessuna censura su nessun argomento
          (compresi razzismo e pedofilia, tanto per
          citarne un paio...)

          Non sono assolutamente d'accordocredo ci sia una differenza non da poco...molestare sessualmente bambini è reato.incitare alla violenza contro altre razze o popoli anche.la bestemmia non lo è... o non lo dovrebbe essere...
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse stato un sito nazi ?
      Siamo alle solite.Allora prendiamocela con chi fa il sito, chiudiamolo, ed ignoriamo che c'è gente che pensa certe cose.A me sembra evidente che se qualcuno scrive cose naziste c'è un problema a monte. Vogliamo risolverlo o preferiamo metter la testa sotto la sabbia?Non so voi. Ma io non mi sento uno struzzo e non sopporto che qualcuno possa decidere cosa posso leggere e cosa no, che qualcuno possa dire per me, al mio posto, cos'è buono o meno per me.Ben venga a galla il fango (per non essere volgari) di molti così che gli altri possano spazzarlo via, crescendo.Se non si spazza via prima o poi ci sommergerà e allora saremo davvero tutti fregati in un mare di fango (sempre per dirla civilmente).La censura è un atto meschino contro la libertà. Per definizione.Forza! Un po' di vita, che ce ne è una sola!
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse stato un sito nazi ?
      - Scritto da: rioka
      Ci sarebbe stato altrettando scandalo per la
      sua chiusura ?Se fosse stato un sito nazi, probabilmente avrebbe violato qualche altra legge, ad esempio qualcosa sull'incitamento alla violenza o a delinquere, e lo si sarebbe potuto chiudere per qual motivo.Se invece fosse stato il sito di qualcuno che in modo pacifico e non violento esprimeva le sue preferenze per un regime di tipo diverso dalla democrazia non ci sarebbe stato niente di male: prima non potevano farci niente, adesso potrebbero chiuderlo ugualmente.
      • Anonimo scrive:
        Re: E se fosse stato un sito nazi ?

        Se fosse stato un sito nazi, probabilmente
        avrebbe violato qualche altra legge, ...
        Se invece fosse stato il sito di qualcuno
        che in modo pacifico e non violento
        esprimeva le sue preferenze per un regime di
        tipo diverso dalla democrazia non ci sarebbe
        stato niente di male...Posizione ineccepibile; io pero' mi domandavo se, in particolare in riferimento alla tua seconda ipotesi, ci sarebbe stato altrettanto scandalo per la liberta' di opinione negata.
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse stato un sito nazi ?
      Mi auguro di no:io bestemmio ma non ho mai fatto del male a nessuno, non mi offenderei se qualcuno insultasse gli atei come me, ma mi indigno se qualcuno incita o fa un'apologia di chi ha creato (tra l'altro...) i campi di sterminio.Lo stesso varrebbe per i gulag di staliniana memoria, naturalmente (e te lo dice un comunista).
  • Anonimo scrive:
    Ho pauraaaa!
    "£(%$)££% *********£ )£"$=£" Non avete idea di quante cose vorrei dire in questo momento ma preferisco auto-censurarmi...la paura di essere messo sotto sequestro è troppa!
    • Anonimo scrive:
      Non sono il direttore responsabile
      di me stesso. E se mi chiudono che faccio?Con chi parlo?E se sono il direttore responsabile posso dire quello che voglio osolo quello che fa comodo?E se voglio dire "cacca" lo posso dire?Aiuto... ho paura anche io.
  • Anonimo scrive:
    Benvenuti
    Benvenuti nel nuovo millennio....oggi il 4 luglio 1942.Gli americani festeggiano l'indipendenza...noi no.
    • Anonimo scrive:
      Re: Benvenuti
      A noi al massimo resta un 14 luglio...- Scritto da: carlo
      Benvenuti nel nuovo millennio....
      oggi il 4 luglio 1942.

      Gli americani festeggiano
      l'indipendenza...noi no.
    • Anonimo scrive:
      Re: Benvenuti
      - Scritto da: carlo
      Benvenuti nel nuovo millennio....
      oggi il 4 luglio 1942.

      Gli americani festeggiano
      l'indipendenza...noi no.W la libera circolazione dell'informazione su interner!!!!!!![.] [.] !(-----)Langly@netlab
  • Anonimo scrive:
    Odio la censura
    Qui rischiamo tutti di fare un bel passo indietro.Non discuto sul cattivo gusto del sito ma...vi ricordate bonsai-kitten dove venivano mostrati fotomontaggi di gatti torturati?Insomma... cos'è il cattivo gusto? Quante cose di cattivo gusto esistono? La satira è di cattivo gusto?Non ho parole.Tra un po' non si potrà dire nulla, e non è una questione di direttori responsabili. A quando la chiusura di Usenet?Io mi vergogno di essere italiano per la decisione di questo giudice e non per il sito blasfemo.Amen.
  • Anonimo scrive:
    Si salvi chi può!!!
    Ovviamente all'estero...
    • Anonimo scrive:
      Re: Si salvi chi può!!!
      - Scritto da: ex-italiano
      Ovviamente all'estero...Allora non hai capito nulla! Leggi la sentenza... Che il sito sia in italia o meno non conta molto, perchè bene o male i dati transitano (per creare il sito) dalla TUA linea telefonica, in Italia...
      • Anonimo scrive:
        Re: Si salvi chi può!!!
        Si', e queste sono "specifiche" contenute nella 62-2001.- Scritto da: HotEngine
        - Scritto da: ex-italiano

        Ovviamente all'estero...

        Allora non hai capito nulla! Leggi la
        sentenza... Che il sito sia in italia o meno
        non conta molto, perchè bene o male i dati
        transitano (per creare il sito) dalla TUA
        linea telefonica, in Italia...
Chiudi i commenti