Interviste/ Open source e sicurezza: un caso italiano

Il capo di Digitaltrust, una realtà italiana impegnata nella sicurezza, ha spiegato a PI il suo approccio al mondo open source. Un mondo che, a suo avviso, rischia persino l'estinzione. Ecco perché

Roma – Digitaltrust è una società italiana che opera nel campo della sicurezza e che ormai da tempo ha rivolto la propria attenzione al mondo e alla filosofia di sviluppo open source. I prodotti per la sicurezza di Digitaltrust sono infatti in larga parte basati sulla filosofia open source: una scelta, secondo la società, che rende le sue soluzioni software ?più stabili, affidabili e modulari, grazie all?accesso libero al codice sorgente e alla possibilità di analizzare costantemente i processi e correggere gli eventuali bachi?.

Digitaltrust sostiene di aver scelto di basare i suoi progetti sull?open source perché, grazie all?apertura del codice al pubblico e alla comunità di sviluppatori, ?è possibile attivare un circolo virtuoso che favorisce il controllo costante e minuzioso del software, così da rilevare immediatamente eventuali spazi di miglioramento?. L’azienda ritiene inoltre che l?utilizzo di software open source ?garantisca la personalizzazione del prodotto in funzione delle esigenze della singola azienda?. Molti dei tool sviluppati da Digitaltrust possono essere scaricati dal suo portale Web , da cui è anche possibile accedere a news, alert, link, software di terze parti, glossario e guide, inerenti la sicurezza.

Luca la Ferla Per conoscere meglio questa realtà italiana, e il suo approccio al mondo del software open source, Punto Informatico ha intervistato Luca la Ferla, Amministratore Unico e fondatore di ICE (Internet Centre of Excellence), società di cui Digitaltrust è una strategic business unit.

Punto Informatico : Come nasce DigitalTrust e qual è la sua mission?
Luca la Ferla : Nel 1995 abbiamo fondato ICE (Internet Centre of Excellence) che, se non la prima in assoluto, è stata fra le prime aziende italiane ad offrire consulenza sulle applicazioni nate dalla rivoluzione Internet e ad occuparci di progetti di una certa complessità basati sul TCP/IP. Nel 1996 siamo stati, anche qui probabilmente fra i primi, a divenire partner di Netscape.
Già nel ’96 abbiamo cominciato ad utilizzare all?interno della nostra struttura il sistema operativo Linux, in questo facilitati dal fatto di essere sempre stati orientati verso il mondo Unix. Dal ’97 questa scelta si è sempre più radicata e grandi progetti ? quali, a titolo esemplificativo, Linux, Apache e Qmail – sono divenuti le nostre piattaforme di sviluppo standard. All’interno di un sistema di marketplace, LTP.com , è nata l’idea di DigitalTrust. Questa nuova realtà, nata durante i primi mesi del 2001, doveva costruire un sistema di transazioni sicuro e affidabile che sorreggesse tutto l’e-business di LTP. Da allora Digitaltrust offre prodotti, servizi e contenuti per migliorare la qualità e l’affidabilità di reti, host, applicativi, dati ed informazioni dei sistemi informativi basati sulle tecnologie di Internet.
Parallelamente, Digitaltrust intende creare e diffondere una cultura della sicurezza informatica all’interno delle aziende mediante strumenti di formazione rivolti non solo alle risorse tecniche responsabili dei sistemi, ma anche a tutti gli utenti finali.

PI : Perché vi siete orientati verso strumenti e piattaforme open source? L.l.F. : Di certo non perché, come a volte si sente dire, l’open source ?è gratuito?. La nostra scelta è prettamente legata a ragioni di validità, di robustezza, di affidabilità e di tutti quegli aspetti positivi che oggi l’open source è in grado di offrire. Credo che senza entrare nelle solite guerre di religione a cui queste scelte di solito portano, semplicemente abbiamo visto che questi sistemi garantiscono una maggiore affidabilità e di conseguenza minore costi di manutenzione, di monitoraggio, e di gestione. Per quanto riguarda il servizio offerto al nostro cliente, non potremmo essere più soddisfatti: nell’estate del 2001, quando ci fu un’invasione di worm e altri codici virali che innescarono una sorta di denial of service a catena, i nostri sistemi, pur senza nessun particolare accorgimento dal lato hardware, rimasero perfettamente intonsi. Possiamo dunque dire che la scelta è legata ad un’esperienza diretta di utilizzo durato 7 anni. Oggi il mondo open source ha decisamente degli strumenti affidabili, robusti, modulari, e soprattutto estremamente funzionali, che ci permettono di portare avanti con successo la nostra attività.

PI : Utilizzate solo strumenti di terze parti o ne sviluppate anche in proprio?
L.l.F. : Sviluppiamo anche software in proprio e in particolare è previsto a breve un applicativo che va sostanzialmente a sintetizzare tutta una serie di esperienze che abbiamo accumulato in questi anni di attività, e va a riprendere anche i miei studi iniziali legati all’intelligenza naturale, e in particolare alle reti neurali, algoritmi genetici e sistemi ibridi, volte ad un utilizzo dinamico dell’intelligence e alla gestione della sicurezza. Al momento stiamo sviluppando un applicativo di sicurezza basato sul motore di Nessus, uno dei progetti open source più dinamici, interessanti e aggiornati sul panorama mondiale. Su questo validissimo nucleo di codice andiamo a costruire un’interfaccia, o meglio, un’ infrastruttura, in grado di elaborare i dati nella loro forma grezza e fornire in uscita report e analisi che possano essere interpretati dalle aziende più efficacemente, dando loro un miglior quadro della situazione. Quindi il nostro lavoro, oltre quello di sviluppare applicativi per la sicurezza ex novo, è anche quello di creare moduli che vadano ad integrarsi a software open source di terze parti e che ne colmino le lacune o li rendano adatti ad entrare in azienda come soluzioni commerciali.

PI : Che tipo di licenze adottate per i vostri software?
L.l.F. : Dipende. Alcuni, e naturalmente tutti quelli che già integrano parti di codice rilasciate con questo tipo di licenza, adottano la classica GPL. Per altri software possiamo invece avvalerci di altri tipi di licenze più o meno free. Ad esempio, per il nostro applicativo Sonar che si basa su un progetto GPL, offriamo due versioni: una rilasciata sotto una versione modifica della GPL e una che adotta invece una licenza commerciale. Questo lo possiamo fare perché non andiamo a modificare il codice sorgente ma ci limitiamo ad interfacciargli dei moduli sviluppati da noi. In questo caso sono dunque dei componenti software che vivono al di fuori del progetto.

PI : Se doveste sviluppare un prodotto di sana pianta, quale licenza adottereste?
L.l.F. : Anche in questo caso, dipende. Io credo che l’open source sia un movimento composto da persone molto in gamba che dedicano il proprio lavoro e il proprio impegno a sviluppare software che spesso non ha nulla da invidiare, ed anzi talvolta supera, quello di natura commerciale. Però, in un’ottica di medio periodo, il fenomeno a cui si assiste è che molti di questi software ? per ovvie ragioni di ritorno economico ? finiscono per trasformarsi in prodotti commerciali.
Bisogna far capire alla gente che l’open source non è migliore perché è gratis, ma è migliore perché migliore è il modello di sviluppo e distribuzione su cui si basa. Ciò non toglie che io sarei disposto, per alcuni dei software open che utilizzo, a remunerare in qualche modo l’autore o gli autori: nel caso di Nessus, ad esempio, sarei persino propenso ad acquistarlo se divenisse commerciale, e questo perché ritengo che al momento, in circolazione, non ci sia nulla di meglio.
D’altro canto penso anche che nel momento in cui un software open source diventa commerciale, perde parte di quel volano costituito dalla partecipazione di utenti e sviluppatori: perde, in pratica, il favore e l’appoggio di una comunità che, in alcuni casi, può anche essere di proporzioni molto ampie. Ho già visto molti esempi di ottimi software nati come open source che poi, quando probabilmente si è trattato di fronteggiare le spese di mantenimento, hanno adottato licenze commerciali. Personalmente credo che se non si trova una soluzione a questo fenomeno, e non si riesce a trovare forme di remunerazione per coloro che hanno impiegato risorse e tempo nello sviluppo di un software free, rischiamo che l’open source sparisca.

PI : Lei cosa propone? L.l.F. : Crisi economica a parte, io credo che una forma di remunerazione per questi software potrebbe essere quella, da parte del mondo aziendale, di dedicare un specie di fondo economico per lo svezzamento e la promozione dei progetti open source. Da parte nostra questo si potrebbe tradurre nello stanziamento di alcune somme ai progetti open source di cui ci avvaliamo più assiduamente, come Apache, Linux, Snort ed altri, in base ai risultati finanziari ottenuti in una certa stagione.

PI : Lei si aspetta che questa potrebbe divenire una prassi diffusa nel mondo aziendale?
L.l.F. : Piuttosto utopistico, anche perché questo si tradurrebbe nella coltivazione di terreni fertili che possano poi risultare produttivi un po’ per tutti, ma senza dubbio sarebbe presuntuoso pensare che questo potrebbe divenire un esempio da impartire ad altri. In ogni modo, se si continua su questa strada, a mio avviso c’è il fondato rischio che questa terra di cui si parlava, ovvero l’open source, si trasformi a lungo andare in un terreno arido e improduttivo. Restando sulla metafora ?agricola?, non si può pretendere di coltivare i nostri campi senza concimarli.

PI : Non pensa che per remunerare l’open source bastino i servizi?
L.l.F. : Questo è un discorso che sicuramente può valere per un’azienda come la nostra, ma molto meno per chi sviluppa all’origine strumenti open source senza avere la capacità o l’infrastruttura necessaria per rivendere a terzi servizi basati sul proprio software. E in ogni caso penso che in progetti di un certo respiro e complessità la vendita di servizi probabilmente non basterebbe a remunerare sufficientemente gli autori. A mio avviso, se si vincola la sopravvivenza del fenomeno open source alla vendita di servizi, finiremo per perdere per strada molti progetti e molti sviluppatori preziosi.

PI : Quindi pensa che la GPL sia, allo stato delle cose, una licenza poco sfruttabile economicamente?
L.l.F. : Così com’è credo che la GPL sia particolarmente adatta per il singolo sviluppatore, come chi, ad esempio, scrive driver per Linux e li mette a disposizione di tutta la comunità. Per un progetto un po’ più complesso, onestamente userei una licenza che possa garantirmi maggiormente sul lato economico e commerciale. Lo stesso kernel di Linux, un progetto open source che coinvolge un numero enorme di sviluppatori, non dico che sia stato comprato da IBM, ma quasi… In ogni caso IBM è divenuta, se così si può dire, la maggiore azionista di Linux, e senza il suo supporto probabilmente lo sviluppo del kernel non avrebbe fatto i passi da gigante compiuti negli ultimi anni.

PI : Visto che siete una società che opera nel campo della sicurezza, come vi ponete di fronte alla diatriba sull’opportunità o meno di divulgare le vulnerabilità di sicurezza ed eventualmente i relativi exploit?
L.l.F. : Se visita il nostro portale potrà capire che noi siamo decisamente a favore della libera divulgazione delle vulnerabilità, però con un minimo di accortezza. Questo per dire che anche in questo campo dovrebbe esistere una sorta di ?netiquette?che regoli il comportamento di esperti e società di sicurezza al fine di non trasformare questo delicato settore in una sorta di far west digitale.

Intervista a cura di Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sono di destra e sono sviluppatore open source
    Volete che mi incazzi? I verdi hanno ragione.
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra una stumentalizzazione
    Prescidendo dal giusto principio di affermare l'opensource e il suo sviluppo,che appoggio, mi sembra una strumentalizzazione bella e buona visto che il modello 740 online e' stato sviluppato dalla medesima societa' e con gli stessi strumenti che erano stati usati per le precedenti dichiarazioni. Mi domando' perche' ora questa levata di scudi e non prima.
  • Anonimo scrive:
    Giusto dai verdi potete farvi aiutare...
    Linuzisti comunisti e girotondari.Giusto coi verdi... CI manca solo Pannella.VergognateviMichele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto dai verdi potete farvi aiutare...

      Linuzisti comunisti e girotondari.
      Giusto coi verdi...
      CI manca solo Pannella.

      Vergognatevi

      Michele Coppofinalmente dopo tanto trolling qualcuno che fa un commento intelligente! complimenti, ci voleva proprio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto dai verdi potete farvi aiutare...
      - Scritto da: Michele Coppo
      Linuzisti comunisti e girotondari.
      Giusto coi verdi...
      CI manca solo Pannella.

      Vergognatevi

      Michele CoppoToh..Chi si rivede ...Il Coppo...Sempre lo stesso...Arriva...Spara una troiata...E se ne va...Ma va....
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto dai verdi potete farvi aiutare...
        - Scritto da: TeX


        - Scritto da: Michele Coppo

        Linuzisti comunisti e girotondari.

        Giusto coi verdi...

        CI manca solo Pannella.



        Vergognatevi



        Michele Coppo

        Toh..Chi si rivede ...Il Coppo...
        Sempre lo stesso...
        Arriva...
        Spara una troiata...
        E se ne va...

        Ma va....Meno male che se ne va...almeno ci rimane il dubbio sulla reale portata della sua idiozia...
  • Anonimo scrive:
    Ribadisco: è Java, gira dappertutto! LAGNONI!
    Ma basta menarla con queste storie!I signori del Ministero delle Finanze hanno fatto un buonissimo lavoro, l'applicazione è scritta interamente in Java ed è semicompilata in bytecode e non target-compilata per i386, per cui non capisco di che cosa possiate lamentarvi, funziona dappertutto vi sia una JVM, compreso Win32, Mac, OS/2, compresi i vari Unix, Linux, Minux, Ginux e Pinux.L'unico problema è che l'hanno compattato con RAR Sfx e Mac .Sit (se non ricordo male), ma basta scompattarlo su una macchina winsozz, se non ce l'avete usate Wine, e poi RUN EVERYWHERE!La documentazione inclusa è in PDF, e anche qui c'è una quantità di reader anche open source (come xpdf) per tutte le piattaforme!Ma piantatela di lamentarvi, LAGNONI!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ribadisco: è Java, gira dappertutto! LAGNONI!
      - Scritto da: Smarmittaz
      Ma basta menarla con queste storie!

      I signori del Ministero delle Finanze hanno
      fatto un buonissimo lavoro, l'applicazione è
      scritta interamente in Java ed è
      semicompilata in bytecode e non
      target-compilata per i386, per cui non
      capisco di che cosa possiate lamentarvi,
      funziona dappertutto vi sia una JVM,
      compreso Win32, Mac, OS/2, compresi i vari
      Unix, Linux, Minux, Ginux e Pinux.

      L'unico problema è che l'hanno compattato
      con RAR Sfx e Mac .Sit (se non ricordo
      male), ma basta scompattarlo su una macchina
      winsozz, se non ce l'avete usate Wine, e poi
      RUN EVERYWHERE!Se l'avessero fornito per Win3.1 e tu non riuscissi ad usarlo con Win2K o con XP saresti della stessa idea? Beh, è quello che è successo per la piattaforma Mac: è solo per Os9, non più supportato, e non per OsX.Io posso aprirlo con Classic ma chi usa solo Linux ha tutte le ragioni per essere incazzato.Tra qualche anno potresti essere costretto a rinunciare alla tua Volvo perché le strade saranno percorribili solo con le Chrysler o con le Fiat (ma solo la Ritmo e la Tipo...nessuna possibilità per la Stilo).
      La documentazione inclusa è in PDF, e anche
      qui c'è una quantità di reader anche open
      source (come xpdf) per tutte le piattaforme!

      Ma piantatela di lamentarvi, LAGNONI!Toccherà anche a te....prima o poi.
  • Anonimo scrive:
    I DIRITTI civili vanno GARANTITI
    Una Nazione è civile quando garantisce l'esercizio dei diritti civili a tutti.Un sistema politico che, pure a fronte di standard aperti di comunicazione largamente diffusi nel mondo, utilizza e incentiva la scelta di sistemi non aperti e maggiormente onerosi per i cittadini, è un sistema politico che non dà garanzìe di rispetto dell'esercizio dei diritti civili dei suoi cittadini.I cittadini possono mobilitarsi in modi semplici: boicottando i formati e i software non-liberi che vengono implicitamente imposti in modo miope dalle autorità governative.Boicottiamo tutti i prodotti e tutti i formati del monopolio microsoft.Usiamo formati di documento LIBERI:OpenOffice.org garantisce l'uso e la diffusione di formati liberi NON-sottoposti a vincoli incostituzionali come quelli contenuti nelle clausole di licenza microsofthttp://www.apogeonline.com/webzine/2002/09/03/01/200209030101Liberiamoci una volta per tutte del monopolio microsoft e delle scelte illogiche e insane degli esponenti politici.Usiamo OpenOffice.orghttp://it.openoffice.org
    • Anonimo scrive:
      Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
      Che palle zap, sempre le stesse cose??????????
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
        - Scritto da: Kriss
        Che palle zap, sempre le stesse
        cose??????????Non hai altro da dire? Non sai entrare nel merito e ti preoccupi solo di dare un giudizio sulla "novità" del commento? E' tutto qui quello che sai produrre ? Non ti piace quello che propone qualcun altro e riesci solo a esprimere risentimento perché qualcun altro continua a dire "sempre" le stesse cose ? (fosse perché i problemi sono SEMPRE gli stessi?)Non sei interessato a discutere dei temi che propongo? Sei liberissimo di ignorarli, come sono liberissimo io di continuare a trattarli anche in un modo non gradito ad alcuni come te. Ricordo che queste libertà ci sono garantite dall'Articolo 21 della Costituzione, che riguarda la LIBERA ESPRESSIONE dei cittadini Italiani.Per coloro che invece volessero intervenire in modo più costruttivo, accenno a un articolo molto interessante, che sottolinea quanto ANTI-Costituzionale sia la politica di licenze del monopolista microsofthttp://www.apogeonline.com/webzine/2002/09/03/01/200209030101Liberiamoci una volta per tutte del monopolio microsoft e delle scelte illogiche e insane degli esponenti politici.Usiamo OpenOffice.orghttp://it.openoffice.org
    • Anonimo scrive:
      Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
      Un programma per calcolare le tasse non è un "diritto civile".
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI

        Un programma per calcolare le tasse non è un
        "diritto civile".ShhhhSei matto?Non glielo dire!!!Ora ti spara 10 messaggi per dimostrarti che se usi software proprietario ti viene il cancro.
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
        ma se c'è, ed è possibile renderlo accessibile a tutti con pochissimo sforzo (se non *nullo*), perché non farlo? o si è impreparati o si è in malafede, e il trolleggiare di alcuni non aiuta di certo la comunità...
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
        - Scritto da: cosa mi tocca sentire

        Un programma per calcolare le tasse non è un
        "diritto civile".Questo si chiama far finta di non capire. Non è il programma in sè a costituire "diritto civile", bensì il diritto di tutti ad accedere alle stesse funzionalità. Perchè solo chi usa i sistemi operativi della Microsoft deve godere della possibilità in questione? O tutti o nessuno.E questo detto da uno che usa sia Windows che Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
        - Scritto da: cosa mi tocca sentire

        Un programma per calcolare le tasse non è un
        "diritto civile".ma se tale programma viene messo a disposizione dei cittadini, è diritto di TUTTI accedere ad esse senza essere discriminati
    • Anonimo scrive:
      Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
      Posso dire solo una cosa: RIDICOLO.Allora facciamo anche la versione per Amiga, Macintosh, AtariST, BeOS, MSDOS, OS/2, VMS, FreeBSD, Commodore64, ZX Spectrum, Sinclair QL, ZX 81, Vic 20, Commodore 16, Plus 4, Commodore 128, CP/M, AppleII, Calcolatrici programmabili, TI99 4/A.Se non ti va di usare i prodotti Microsoft, non usarli: se poi trovi delle difficolta' accetta il fatto che non stai usando lo standard DE FACTO dell'informatica. Sono razzi tuoi, a questo punto.Boicottiamo pure, ma la gente come te con le sue idee da centro sociale.ZioBill***no linux and no open source software were used to write this post***PS Boikott pompelmo Jaffa... ;-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI

        ZioBill
        ***a usual no brain was
        used to write this post***
        • Anonimo scrive:
          Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
          Da quando ho iniziato a scrivere su questo forum (che e' come se un comunista mandasse una lettera al Giornale...), vedo che molti 'utonti' stanno alzando la testa contro i linux-taleban-lobo. Mi basta questo. ZioBill***La mia e' una missione: far sparire linux ed open source dalla faccia della terra***- Scritto da: ZioBill

          ZioBill

          ***a usual no brain was

          used to write this post***
          • Anonimo scrive:
            Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
            - Scritto da: ZioBill
            ZioBill
            ***La mia e' una missione: far sparire linux
            ed open source dalla faccia della terra***Nooooooooo, come faremo adesso :(Linux scomparirà :(((MEMEMEMEMEMEGALOMAN MEMEGALOMAN:DDDD
          • Anonimo scrive:
            Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
            Il fatto e' che la mia e' un'apprensione inutile: potrei anche starmene a guardare che linzozz sparira' da solo, e con lui tutti i taleban-linozzari...EHeHeheh...ZioBill***prendi un pinguino e fallo soffrire***- Scritto da: gsam
            - Scritto da: ZioBill

            ZioBill

            ***La mia e' una missione: far sparire
            linux

            ed open source dalla faccia della terra***

            Nooooooooo, come faremo adesso :(
            Linux scomparirà :(((
            MEMEMEMEMEMEGALOMAN MEMEGALOMAN
            :DDDD
          • Anonimo scrive:
            Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI

            Il fatto e' che la mia e' un'apprensione
            inutile: potrei anche starmene a guardare
            che linzozz sparira' da solo, e con lui
            tutti i taleban-linozzari...sei strano forte tu, di la scrivi che lotterai per sempre affinche muoia linux e l'opensource, di qua scrivi che potresti startene a guardare che tanto spariscono da soli... insomma, o qualcosa di buono ne viene fuori, e non spariscono da soli e allora non si capisce perche tu debba volere che scompaia, o non ne viene fuori niente di buono e sparisce da solo, e allora non si capisce perche stai qua a rompere le balle...
    • Anonimo scrive:
      Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
      zap e dillo che lavori per suse italia e stai facendo di tutto per fare il lavaggio del cervello alla gente e farli passare a linux, ma tanto mica sono tutti allocchi come te
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
        - Scritto da: ...
        zap e dillo che ...il tuo commento è del tutto ininfluente ai fini della discussione riguardo il rispetto dei diritti civili.Da diverso tempo leggo i tuoi commenti e trovo nella tua firma la cosa più espressiva e significativa.
    • Anonimo scrive:
      Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
      - Scritto da: zap
      Una Nazione è civile quando garantisce
      l'esercizio dei diritti civili a tutti.

      Un sistema politico che, pure a fronte di
      standard aperti di comunicazione largamente
      diffusi nel mondo, utilizza e incentiva la
      scelta di sistemi non aperti e maggiormente
      onerosi per i cittadini, è un sistema
      politico che non dà garanzìe di rispetto
      dell'esercizio dei diritti civili dei suoi
      cittadini.

      I cittadini possono mobilitarsi in modi
      semplici: boicottando i formati e i software
      non-liberi che vengono implicitamente
      imposti in modo miope dalle autorità
      governative.

      Boicottiamo tutti i prodotti e tutti i
      formati del monopolio microsoft.

      Usiamo formati di documento LIBERI:

      OpenOffice.org garantisce l'uso e la
      diffusione di formati liberi NON-sottoposti
      a vincoli incostituzionali come quelli
      contenuti nelle clausole di licenza
      microsoft

      http://www.apogeonline.com/webzine/2002/09/03

      Liberiamoci una volta per tutte del
      monopolio microsoft e delle scelte illogiche
      e insane degli esponenti politici.


      Usiamo OpenOffice.org

      http://it.openoffice.orgPENTITEVI!!!La fine del mondo e' vicina!!!!!..nel frattempo avrei questo prodottinovgratuito che con la mia consulenza a modico prezzo potrebbe aiutarvi a passare piu' in allegria le ultime ore e...
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
        Far sembrare che l'autore abbia reconditiinteressi economici è una tecnica di FUD.Classico, del resto la maggiorparte degli utentidi questo forum non ha a disposizione altro.Quindi "Linux fa schifo" e basta un semplice "Perchè" per far cadere il silenzio (è successonell'altro 3d...), si spara merda gratuita suqualsiasi prodotto senza averlo mai provato ecc.E' veramente incredibile l'intolleranza dicerte persone, è una applicazione scritta in*java*, sapete a cosa serve java ? A rendere leapplicazioni portabili. Il codice c'è ed è portabile *ma* un genio ha fatto l'installerdipendente alla piattaforma.Grande ! Tutti felici ! Viene usato Java perrendere l'applicazione portabile (il che però sipaga in velocità) ma l'applicazione alla finenon è portabile per l'incompetenza di qualcuno.Quindi sono x utenti Linux (10000, 20000 ? Quantifichiamola questa minoranza !) che devonoinstallarsi Windows, non un unico programmatorea fare 4/5 click per rendere l'applicazioneportabile. Tra l'altro se proprio volevano fareun'applicazione dipendente alla piattaforma potevano usare C++, almeno era più performante.Grasse risate, del resto non mi aspettavo altroche un encefalogramma piatto da questo forum.Vediamo Apache è sviluppato su Unix con i soldidei contribuenti americani, ho come l'impressioneche questi bei discorsi non valgano per Apache,che molti non sarebbero così felici se fossedipendente dalla piattaforma e utilizzabile soloin ambito Unix. Sono curioso di vedere se lo sstato mi considera una minoranza anche nel momento di sganciare i soldini, del resto hannoespressamente deciso di non fornirmi unservizio che ho pagato.Patetici.
    • Anonimo scrive:
      Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
      - Scritto da: zap
      Una Nazione è civile quando garantisce
      l'esercizio dei diritti civili a tutti.Vallo a raccontare agli albanesi sotto casa mia.
    • Anonimo scrive:
      Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
      ANCHE PER CHI USA WIN, NON SOLO LINUX.Lo hanno installato anche molti miei amici che non sanno cosa è linux :)A quanto pare non notano differenza fra office e OOffice.Non saranno powerusers ma sono l'emblema dell'uso home quindi Office oltre ad essere un cesso è anche NON FONDAMENTALE.- Scritto da: zap
      Una Nazione è civile quando garantisce
      l'esercizio dei diritti civili a tutti.

      Un sistema politico che, pure a fronte di
      standard aperti di comunicazione largamente
      diffusi nel mondo, utilizza e incentiva la
      scelta di sistemi non aperti e maggiormente
      onerosi per i cittadini, è un sistema
      politico che non dà garanzìe di rispetto
      dell'esercizio dei diritti civili dei suoi
      cittadini.

      I cittadini possono mobilitarsi in modi
      semplici: boicottando i formati e i software
      non-liberi che vengono implicitamente
      imposti in modo miope dalle autorità
      governative.

      Boicottiamo tutti i prodotti e tutti i
      formati del monopolio microsoft.

      Usiamo formati di documento LIBERI:

      OpenOffice.org garantisce l'uso e la
      diffusione di formati liberi NON-sottoposti
      a vincoli incostituzionali come quelli
      contenuti nelle clausole di licenza
      microsoft

      http://www.apogeonline.com/webzine/2002/09/03

      Liberiamoci una volta per tutte del
      monopolio microsoft e delle scelte illogiche
      e insane degli esponenti politici.


      Usiamo OpenOffice.org

      http://it.openoffice.org
      • Anonimo scrive:
        Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
        Non diciamo vaccate gratuite...Il vero cesso e' quella mermaglia di codice scritto da bambini che ci volete spacciare come sistema operativo (linux) o come 'applicazione sostitutiva dello standard di mercato (Openoffice e robaccia del genere).Ma la gente se ne sta accorgendo e vi lascia nel vostro empireo: tanto siete e rimanete quattro gatti che si parlano addosso...ZioBill***linux? open source??? Spariti!***- Scritto da: Numero28

        ANCHE PER CHI USA WIN, NON SOLO LINUX.

        Lo hanno installato anche molti miei amici
        che non sanno cosa è linux :)
        A quanto pare non notano differenza fra
        office e OOffice.
        Non saranno powerusers ma sono l'emblema
        dell'uso home quindi Office oltre ad essere
        un cesso è anche NON FONDAMENTALE.

        - Scritto da: zap

        Una Nazione è civile quando garantisce

        l'esercizio dei diritti civili a tutti.



        Un sistema politico che, pure a fronte di

        standard aperti di comunicazione
        largamente

        diffusi nel mondo, utilizza e incentiva la

        scelta di sistemi non aperti e
        maggiormente

        onerosi per i cittadini, è un sistema

        politico che non dà garanzìe di rispetto

        dell'esercizio dei diritti civili dei suoi

        cittadini.



        I cittadini possono mobilitarsi in modi

        semplici: boicottando i formati e i
        software

        non-liberi che vengono implicitamente

        imposti in modo miope dalle autorità

        governative.



        Boicottiamo tutti i prodotti e tutti i

        formati del monopolio microsoft.



        Usiamo formati di documento LIBERI:



        OpenOffice.org garantisce l'uso e la

        diffusione di formati liberi
        NON-sottoposti

        a vincoli incostituzionali come quelli

        contenuti nelle clausole di licenza

        microsoft




        http://www.apogeonline.com/webzine/2002/09/03



        Liberiamoci una volta per tutte del

        monopolio microsoft e delle scelte
        illogiche

        e insane degli esponenti politici.





        Usiamo OpenOffice.org



        http://it.openoffice.org
        • Anonimo scrive:
          Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
          Q-0 ti vedo un po' incazzoso oggi, non è ora di reinstallare ? Una patchina ? Service Pack ? Una mail sana con Outlook ? Niente ? Che c'è, di allo zio, magari poi ti aiuto a smaltire l'incazzatura... patch cerebrale ?
          • Anonimo scrive:
            Re: I DIRITTI civili vanno GARANTITI
            No, nessuna patch, nessun service pack, niente di niente, solo lavoro e divertimento, come tutti gli altri giorni da quando uso Windows...EHEHEhEheheh...Ciao linux-taleban-lobo, salutami i tuoi simili, ma sono una specie rara, in via d'estinzione...ZioBill***salvate la balena e il pinguino dall'estinzione***- Scritto da: gsam
            Q-0 ti vedo un po' incazzoso oggi, non è ora
            di reinstallare ? Una patchina ? Service
            Pack ? Una mail sana con Outlook ? Niente ?
            Che c'è, di allo zio, magari poi ti aiuto a
            smaltire l'incazzatura... patch cerebrale ?
  • Anonimo scrive:
    Re: cantiamo
    o sei drogato o sei un meledetto genio!
  • Anonimo scrive:
    IL MIO OBIETTIVO È FARVI SKIATTARE, LINUXISTI.
    L'IMPORTANTE È CHE SPERPERIATE, I MIEI CONSIGLI SARANNO TUTTI MASSIMO SPERPERI PER I LINUXISTI.ZAVA CONSIGLIERA' COSE CHE CHIARAMENTE NON FAREBBE.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL MIO OBIETTIVO È FARVI SKIATTARE, LINUXISTI.
      - Scritto da: Paolo Zavarise
      L'IMPORTANTE È CHE SPERPERIATE, I MIEI
      CONSIGLI SARANNO TUTTI MASSIMO SPERPERI PER
      I LINUXISTI.

      ZAVA CONSIGLIERA' COSE CHE CHIARAMENTE NON
      FAREBBE.Miii che troll che sei! "Se tutti i troll gavesse un lampion mama mia che iluminasion!".Cmq il tuo è il tipico esempio di demenza informatica causata dall'abuso di droghe come la temuta Winzozz '98.Unica cura possibile: astinenza da Winzozz ed uso di prodotti sani e naturali come Linux. La cura è difficile: il 90% dei drogati non riesce a fare a meno della loro droga e ritorna all'uso di Winzozz.Da ex drogato devo dire che il periodo di astinenza è stato duro, ma ora che sono disintossicato mi accorgo di come prima mi stavo solo facendo del male usando qualcosa che lentamente mi uccideva.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL MIO OBIETTIVO È FARVI SKIATTARE, LINUXISTI.
        - Scritto da: Paolo Zavarise
        L'IMPORTANTE È CHE SPERPERIATE, I MIEI
        CONSIGLI SARANNO TUTTI MASSIMO SPERPERI
        PER I LINUXISTI.

        ZAVA CONSIGLIERA' COSE CHE CHIARAMENTE NON
        FAREBBE.Quelli che mettono la kappa al posto del ch mi stanno sulle balle. E anche quelli che scrivono tutto in maiuscolo. E anche quelli che parlano di se stessi in terza persona. E anche quelli che usano i verbi senza sapere che cosa significhino.Poi vedete voi.
        • Anonimo scrive:
          Re: IL MIO OBIETTIVO È FARVI SKIATTARE, LINUXISTI.
          lo sappiamo bene che certa gente merita poca considerazione... il fatto è che qui si fa sempre a chi urla più forte e a chi la spara più grossa.che tristezzza...
    • Anonimo scrive:
      Re: IL MIO OBIETTIVO È FARVI SKIATTARE, LINUXISTI.
      Zava può anche scrivere in italiano o questoè il nuovo standard "de facto" che andrà arimpiazzare GPG ?
  • Anonimo scrive:
    Ma non si potrebbe
    Chiedere, contestualmente al download del programma, gli estremi della licenza d'uso del SO? Mi sa tanto che Linux diventerebbe il SO più diffuso...
  • Anonimo scrive:
    Invio OBBLIGATORIO
    Volevo ricordarvi che per le aziende l'invio della dichiarazione dei redditi in via telematica è OBBLIGATORIA e non una cosa facoltativa.Quindi tutte le aziende devono "avere" computers con installato Windows o Mac (almeno uno).Altrimenti possono rivolgersi ad un CAF e/o professionista, che naturalmente a sua volta deve avere un PC con Windows o Mac.Quindi il punto è questo:Lo Stato Italiano stà obbligando tutte le aziende Italiane ad usare un prodotto software di due aziende straniere (USA) a discapito di tutte le altre offerte di mercato (proprietare e non).Naturalmente il vantaggio che queste aziende ne traggono è enorme.E' QUESTO CHE E' SBAGLIATO !!Alessandro
    • Anonimo scrive:
      il monopolio..
      fosse solo questo il problema..ma come potete pretendere che un governo come quello che abbiamo (o avete visto che in quanto italiano all'estero non posso piu votare!) possa fare scelte libere da interessi economici!anche se il calcio non vi interessa andate a leggere quello che dice Zucconi in questo articolo a proposito del Milan..non so se fa piu ridere o piangere...http://www.repubblica.it/online/calcio2002_serie_a/brioche/brioche/brioche.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Invio OBBLIGATORIO

      Quindi tutte le aziende devono "avere"
      computers con installato Windows o Mac
      (almeno uno).Sai che sforzo...Sfido a trovare una azienda sprovvista di questi due sistemi...PS Naturalmente non vale dire quella di mio cugggggino
      • Anonimo scrive:
        Re: Invio OBBLIGATORIO
        Non è questione di "sforzi" per le aziende, ma di obbligatorietà da parte delle Istituzioni di imporre un prodotto rispetto ad altri.E' come se a te, per vedere la TV, lo stato ti imponesse di acquistare una specifica marca/modello, magari che costi molto al di là delle tue possibilità.Cmq questa è una Legge del 1997, quindi governo di sinistra, adesso siamo in un governo di destra, ma non cambia niente.Differenze fa sx e dx ? Basta guardarsi allo specchio, ecco la dx e sx !!ByeAlessandro- Scritto da: matteooooo


        Quindi tutte le aziende devono "avere"

        computers con installato Windows o Mac

        (almeno uno).

        Sai che sforzo...
        Sfido a trovare una azienda sprovvista di
        questi due sistemi...

        PS Naturalmente non vale dire quella di mio
        cugggggino
      • Anonimo scrive:
        Re: Invio OBBLIGATORIO

        Sai che sforzo...
        Sfido a trovare una azienda sprovvista di
        questi due sistemi...aziende che non potranno cambiare sistema operativo se vorranno. mi pare un danno notevole, e un clamoroso favoritismo in questo caso spero involontario nei confronti di un produttore privato di software, tra l'altro manco italiano... ma visto che per te non esistono problemi continuiamo pure cosi, e facciamo pagare alle scuole medie le licenze di windows per far imparare ai bambini il logo, ecc...
        • Anonimo scrive:
          Re: Invio OBBLIGATORIO
          - Scritto da: qweasdzxc

          Sai che sforzo...

          Sfido a trovare una azienda sprovvista di

          questi due sistemi...

          aziende che non potranno cambiare sistema
          operativo se vorranno. Infatti è l'unico motivo che li trattiene per non passare sotto Linux...ma va...
          • Anonimo scrive:
            Re: Invio OBBLIGATORIO
            ovviamente questo e solo un piccolo caso, ma simile a tanti altri.certamente se anche lo stato che piu di chiunque altro dovrebbe essere super partes va a fare di queste vaccate, vuol dire che siamo messi male. vuol dire che anche tu cittadino italiano sei messo male, solo che non te ne rendi conto...
          • Anonimo scrive:
            Re: Invio OBBLIGATORIO
            Cosa-stai-dicendo ?Pensi realmente che tutte le aziende utilizzino solo e unicamente Windows ?Ma dove vivi ?Addirittura in alcune PA vengono usati solo e unicamente os unix.Un azienda Internet che programma in PhP ha bisogno di Windows ?E con quale motivazione ? Unix è difficile ? ROTFL !Non ho parole.P.S. Non vedo Windows dove lavoro io, com'è ? No, non lavoro da mio cugggino, evita di sparare cagate.
      • Anonimo scrive:
        Re: Invio OBBLIGATORIO
        Ce ne sono a decine. Purtroppo a centinaia no.
  • Anonimo scrive:
    linuzzari dove siete?
    ore che si può usare anche il file x linux... che fate??non siete stati capaci ad accorgervene voi? ohhh... allora non siete smanettoni... o forse sì ma in altro...beh... quando avete finito di ricompilare il kernel ripassate di qui... altre lezioni vi attendono...buona serata
    • Anonimo scrive:
      Re: linuzzari dove siete?
      - Scritto da: kikko
      ore che si può usare anche il file x
      linux... che fate??

      non siete stati capaci ad accorgervene voi?
      ohhh... allora non siete smanettoni... o
      forse sì ma in altro...Funziona, ma bisogna avere Win (a questo punto perchè installarlo con Win ed usarlo con Linux?). Penso che chiunque fosse arrivato alla soluzione installalo-con-win, ma il problema rimane.Inoltre complimenti per la finezza e l'educazione.
      beh... quando avete finito di ricompilare il
      kernel ripassate di qui... altre lezioni vi
      attendono...Lezioni di bon ton?
      buona serataSaluti
    • Anonimo scrive:
      Re: linuzzari dove siete?
      Come ti è stato fatto notare, l'uso di questo meccanismo impone l'uso di Windows o, per lo meno, di Wine, per poter aprire il pacchetto ed estrarre i file: nel primo caso la cosa è totalmente inutile, nel secondo, richiede ovviamente, qualora non se ne sia in possesso, di procurarsi e istallare una copia di Wine (cosa fattibilissima, dato che Wine è Open Source, ma ovviamente non immediata). In ogni caso la domanda è: ci voleva molto a realizzare un istaller Java o a predisporre un pacchetto .zip utilizzabile anche da chi ha altri OS comunque dotati di JVM (OS/2, BeOS, MacOSx, tanto per dirne qualcuno)?Disponibilissimo ad ascoltare la prossima lezione, purché tu me la esponga con un tono appropriato ad una discussione civile, grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: linuzzari dove siete?
      - Scritto da: kikko
      buona serataanche a te!PS: perchè hai scritto questo messaggio così stupido?
    • Anonimo scrive:
      Re: linuzzari dove siete?
      - Scritto da: kikko
      beh... quando avete finito di ricompilare il
      kernel ripassate di qui... altre lezioni vi
      attendono...beh, se non ne sei capace almeno non darlo a vedere :)
    • Anonimo scrive:
      Re: linuzzari dove siete?
      Non hai capito l'articolo, non hai seguitola discussione, non hai capito il punto.Post piuttosto superfluo, cerchi il flame senzasuccesso: se queste sono le lezioni che intendidare ben vanga, il mondo ha bisogno di umoristi.
  • Anonimo scrive:
    E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
    Pensate prima di parlare!Funziona benissimo anche sotto linux.Vengono infatti forniti tutti i jar con le classi compilate in bytecode e non in codice i386 finale. Basta installare il tutto su una macchina winsozz e copiare paro paro le directory su Linux, compresi i seguenti JAR:JFC_swing.jar;etymon.jar;controlli2002.jar;UNI02UNI02.jar;BQJBY000.jar Un minimo di smanettamento e il gioco è fatto.Certo, si potrebbe anche fare una mini-distribuzione in .tar.gz ma non è qui il problema.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
      In pratica, come al solito: funziona tutto, ma bisogna sbattersi.Vabè, meglio di niente...
    • Anonimo scrive:
      Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux

      Certo, si potrebbe anche fare una
      mini-distribuzione in .tar.gz ma non è qui
      il problema.Questo post ha fatto scendere la temperatura.....c'è un gelo :-))))
      • Anonimo scrive:
        Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
        - Scritto da: matteooooo


        Certo, si potrebbe anche fare una

        mini-distribuzione in .tar.gz ma non è qui

        il problema.

        Questo post ha fatto scendere la
        temperatura.....c'è un gelo :-))))Il problema e' sempre che chi non ha accesso ad una macchina Win non puo' farlo :-)Ora, dato che e' cosi' semplice soddisfare tutta l'utenza (Qualunque sistema desktop ha una JVM, tranne quelli allo stato Alpha), perche' non ci Hanno pensato loro direttamente?
        • Anonimo scrive:
          Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
          - Scritto da: Co.Bra.


          - Scritto da: matteooooo




          Certo, si potrebbe anche fare una


          mini-distribuzione in .tar.gz ma non è
          qui


          il problema.



          Questo post ha fatto scendere la

          temperatura.....c'è un gelo :-))))

          Il problema e' sempre che chi non ha accesso
          ad una macchina Win non puo' farlo :-)Per estrarre i file dal pacchetto?Wine fa miracoli e non riesce ad aprire un pacchetto?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
            - Scritto da: matteooooo
            Per estrarre i file dal pacchetto?
            Wine fa miracoli e non riesce ad aprire un
            pacchetto?Qui mi cogli in fallo ;-)Non saprei, a casa viaggio in dual boot!(ah, questi giochi...)
    • Anonimo scrive:
      Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
      - Scritto da: Smarmittaz
      Basta installare il tutto su
      una macchina winsozz e copiare paro paro le
      directory su Linux, compresi i seguenti JAR:Meglio di niente, se non fosse che chi ha accesso ad una macchina Win non ha bisogno di copiare nulla su nessuna partizione Linux... Il problema di fondo rimane, e tu stesso hai dimostrato che sarebbe bastata un po' di accortezza in piu' da parte di chi ha realizzato il pacchetto per soddisfare anche l'utenza Linux/MacOs10/Beos etc...
    • Anonimo scrive:
      Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
      - Scritto da: Smarmittaz
      Pensate prima di parlare!

      Funziona benissimo anche sotto linux.
      Vengono infatti forniti tutti i jar con le
      classi compilate in bytecode e non in codice
      i386 finale. Basta installare il tutto su
      una macchina winsozz e copiare paro paro le
      directory su Linux, compresi i seguenti JAR:

      JFC_swing.jar;
      etymon.jar;
      controlli2002.jar;
      UNI02UNI02.jar;
      BQJBY000.jar

      Un minimo di smanettamento e il gioco è
      fatto.
      Certo, si potrebbe anche fare una
      mini-distribuzione in .tar.gz ma non è qui
      il problema.


      • Anonimo scrive:
        Re: La rete a volte fa capricci...
        Il concetto che volevo esporre e' quello della mia risposta a MatteoooScusate i post "a salve" :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux
      - Scritto da: Smarmittaz
      Pensate prima di parlare!

      Funziona benissimo anche sotto linux.
      Vengono infatti forniti tutti i jar con le
      classi compilate in bytecode e non in codice
      i386 finale. Basta installare il tutto su
      una macchina winsozz e copiare paro paro le
      directory su Linux, compresi i seguenti JAR:

      JFC_swing.jar;
      etymon.jar;
      controlli2002.jar;
      UNI02UNI02.jar;
      BQJBY000.jar

      Un minimo di smanettamento e il gioco è
      fatto.
      Certo, si potrebbe anche fare una
      mini-distribuzione in .tar.gz ma non è qui
      il problema.


      ah, sì?? Funziona anche con LINUX?Allora altri agli .jar da copiare copiati anche sta minchia e smanettaci, vedrai che funzerà meglio.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' FALSO, funziona benissimo anche sotto Linux

        ah, sì?? Funziona anche con LINUX?
        Allora altri agli .jar da copiare copiati
        anche sta minchia e smanettaci, vedrai che
        funzerà meglio.Complimenti, sei proprio fine come una palata di liquame ad uso fertilizzazione. In quanto alla copia del tuo aggeggio virile da aggiungere ai file .jar non sono interessato, senti però tua madre, che notoriamente svolge professione correlata (non ai file .jar, agli ammennicoli virili).Ciao bello.
  • Anonimo scrive:
    Ha ragione e non da ora!
    Infatti la questione è stata sollevata anche in passato, a livelli diversi della Pubblica Amministrazione.Quante volte sui siti delle regioni o dei comuni avete visto atti o allegati in formato word o excel?Io ho sempre protestato contro questo tipo di scelta perchè priva di ogni senso: nella maggiorparte dei casi i contenuti potevano essere pubblicati direttamente in html, consentendone la fruibilità anche agli utenti in possesso di semplici "appliance".Eppure le tante proteste in nessun caso hanno prodotto i risultati sperati, tanto che ancor oggi la pagina web è solo la copertina dei contenuti, forniti in formati diversi e purtroppo proprietari.Inoltre, nella quasi totalità dei casi, questi servizi sono appaltati a rinomate società che ancor oggi vi propongono, a dispetto delle regole (ma in effetti con conseguenze nulle) indirizzi del tipo "Sindaco@comune.it" quando tutti sappiamo che per convenzione andrebbero riportati interamente in minuscolo.Certo un patentato ECDL certe cose non le saprà mai.
  • Anonimo scrive:
    monopolio e risparmio
    ribadisco che non ostacolare l' uso di s.o diversi da win* (in particolare mi ha indisposto la mancanza di una versione per mac os x ,ottimo s.o ) alla lungapotrebbe intaccare il monopolio microsoft e ,in un libero mercato , le licenze per il software costerebbero probabilmente di meno , cio ' che che gioverebbe anche alle casse statali; senno' tanto vale scrivere all' antitrust europeoche lasci perdere il caso M$ cosi almeno risparmiamo lo stipendio di quei burocrati ;)
  • Anonimo scrive:
    PERche far pagare alla comunita intera una propria
    scelta.Come il buon senzo insegna fare una scelta controcorrente (non imposta ma cercata voluta seguita ecc...) implica il dover accettare una certa condotta di vita e sapere che molte cose ti saranno precluse, questo e buono e giusto, hai il libero arbitrio e fai ciò che vuoi.Fare una scelta contro corrente e imporre urlando che gli altri si adeguino o pretendere che anche tu venga messo a conoscenza di cose che la tua scelta iniziale ti preclude (facendo pagare questo adeguamento non necessario a tutta la comunita) e da irresponsabili e più irresponsabile e chi ha proposto questo adeguamento.
    • Anonimo scrive:
      Re: PERche far pagare alla comunita intera una propria
      - Scritto da: microtost
      scelta.

      Come il buon senzo insegna fare una scelta
      controcorrente (non imposta ma cercata
      voluta seguita ecc...) implica il dover
      accettare una certa condotta di vita e
      sapere che molte cose ti saranno precluse,
      questo e buono e giusto, hai il libero
      arbitrio e fai ciò che vuoi. Perfettamente d'accordo, ma... c'e' un maIo uso QNX, ok? So che come sistema operativo desktop ha dei limiti, e non mi lamento: so che se voglio giocare a Blood2 devo spostarmi su win, quindi aspetto paziente che questi limiti vengano aggirati.Un modo per aggirare questi limiti e' quello di usare un linguaggio multipiattaforma, proprio come Java. Mi collego al sito e, toh!, trovo il programma in Java, quindi multipiattaforma, che guarda guarda posso bellamente eseguire con la JVM del mio amato QNX. scarico il package e, cavolo, scopro che e' un file autoscompattante per Win! Cerco e cerco, trovo la versione per Mac, spero di trovarne una con Istaller Java o anche un buon vecchio .jar da istallare a manina, ma, cavoli, non c'e'!Quello che dico e' che e' inutile usare un linguaggio multipiattaforma per poi limitarsi a 2 sole piattaforme, specie quando il "porting" si puo' fare con cosi' poco sforzo, non trovi?
    • Anonimo scrive:
      Re: PERche far pagare alla comunita intera una propria
      - Scritto da: microtost
      scelta.

      Come il buon senzo insegna fare una scelta
      controcorrente (non imposta ma cercata
      voluta seguita ecc...) implica il dover
      accettare una certa condotta di vita e
      sapere che molte cose ti saranno precluse,
      questo e buono e giusto, hai il libero
      arbitrio e fai ciò che vuoi.

      Fare una scelta contro corrente e imporre
      urlando che gli altri si adeguino o
      pretendere che anche tu venga messo a
      conoscenza di cose che la tua scelta
      iniziale ti preclude (facendo pagare questo
      adeguamento non necessario a tutta la
      comunita) e da irresponsabili e più
      irresponsabile e chi ha proposto questo
      adeguamento.Penso invece si tratti di rispetto della liberta' di scelta da parte di un organismo che dovrebbe offrire un servizio a tutti i cittadini e non solo ai microsoftmuniti.Qui non si tratta di prendersi le responsabilita' delle proprie scelte (scelgo Linux e non ho che so...Quark Xpress), si tratta di non pregiudicare una possibilita' a nessuno.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Sapete che succederà...???
    Che la prossima volta non sarà più distribuito alcun software così le "minoranze" non potranno più lamentarsi... e tutti noi ringrazieremo e continueremo a fare la coda... grazie mille a tutti gli utenti "non-win".E paragonare una versione di un software ad una scala per disabili mi sembra una sparata fuori luogo... un disabile senza una scala a lui riservata non è in grado di entrare in un edificio ed è per questo che costruire una scala a lui adatta oltre che essere un obbligo di legge dovrebbe essere un obbligo morale per tutti noi...invece rendere disponibile un software "anche" per una minoranza quando esiste l'alternativa della dichiarazione su carta è solo un "capriccio" per non sentirsi più una minoranza...Per favore, facciamo spendere le risorse e le energie di chi lavora per cose utili alla collettività e non per pochi...Saluti(PS: Io posseggo anche un vecchio e glorioso Commodore 64... a quando la versione del software per quell'architettura?)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sapete che succederà...???

      Che la prossima volta non sarà più
      distribuito alcun software così le
      "minoranze" non potranno più lamentarsi... e
      tutti noi ringrazieremo e continueremo a
      fare la coda... grazie mille a tutti gli
      utenti "non-win". Perfettamente d'accordo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sapete che succederà...???
      - Scritto da: dado
      Che la prossima volta non sarà più
      distribuito alcun software così le
      "minoranze" non potranno più lamentarsi... e
      tutti noi ringrazieremo e continueremo a
      fare la coda... grazie mille a tutti gli
      utenti "non-win".
      bel ragionamento, complimenti: cioe` se a te funziona, chi se ne frega? alla faccia della liberta` di scelta.
      E paragonare una versione di un software ad
      una scala per disabili mi sembra una sparata
      fuori luogo... un disabile senza una scala a
      lui riservata non è in grado di entrare in
      un edificio ed è per questo che costruire
      una scala a lui adatta oltre che essere un
      obbligo di legge dovrebbe essere un obbligo
      morale per tutti noi...
      invece rendere disponibile un software
      "anche" per una minoranza quando esiste
      l'alternativa della dichiarazione su carta è
      solo un "capriccio" per non sentirsi più una
      minoranza...

      Per favore, facciamo spendere le risorse e
      le energie di chi lavora per cose utili alla
      collettività e non per pochi...allora cominciamo a non spendere le risorse per pagare migliaia di licenze di win2000 e office2000 e spendiamo questi soldi per la collettivita` e non per tanti pigri che tremano solo al pensiero di non avere piu` la graffetta animata quando srcivono una lettera di dieci righe.ma fammi il piacere

      Saluti

      (PS: Io posseggo anche un vecchio e glorioso
      Commodore 64... a quando la versione del
      software per quell'architettura?)se quel programma fosse stato fatto in modo decente e se tu riuscissi a collegare in rete il tuo c64 (non escludo che sia gia` stato fatto) funzionerebbe.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sapete che succederà...???
        - Scritto da: Raistlin


        - Scritto da: dado......

        (PS: Io posseggo anche un vecchio e
        glorioso

        Commodore 64... a quando la versione del

        software per quell'architettura?)

        se quel programma fosse stato fatto in modo
        decente e se tu riuscissi a collegare in
        rete il tuo c64 (non escludo che sia gia`
        stato fatto) funzionerebbe.http://c64.cc65.org/
        • Anonimo scrive:
          Re: Sapete che succederà...???

          http://c64.cc65.org/lo supponevo :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Sapete che succederà...???
            Gia è tanto ke l'hanno fatto, per la prima volta in Italia qualcosa funziona. E ci lamentiamo pure? Avete voluto usare Linux, e ve lo tenete con tutti i suoi pregi e difetti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sapete che succederà...???
            ma lo _sai_ di cosa stai parlando?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sapete che succederà...???

      E paragonare una versione di un software ad
      una scala per disabili mi sembra una sparata
      fuori luogo...[CUT]
      (PS: Io posseggo anche un vecchio e glorioso
      Commodore 64... a quando la versione del
      software per quell'architettura?)Che trollate pazzesche!Si, il paragone con la scala per disabili regge, credimi!Soluzioni esistono, so che tu sei così lamer da non arrivarci, ma tenterò di spiegartele con calma.Prima di tutto esiste Java che è multi piattaforma... anzi, si è poi scoperto che questo software è in java, quindi non sarebbe costato nulla ai lamer che lo hanno prodotto fare un bel .zip o un tar.gz in modo da poter permettere l'uso su BeOS/Linux/FreeBSD e chi più ne ha più ne metta.Infine se proprio vuoi trollare con la sparata del C64 allora ti rispondo: se proprio vogliamo fare i pignoli si sarebbe adirittura potuto sviluppare il software con una bella GUI testuale oltre che in Java, far girare il tutto su di un bello Unix, e dire agli utenti: "telnettate all'host pincopallino.com porta xyz e potrete usare il programma da remoto". Ovviamente avrebbero dovuto fornire una login e una pass ad ognuno che voleva accedere al servizio in questione, parò così facendo persino col C64 si sarebbe potuto usare il programma... si, perché anche se tu sei lamer e non lo sai, è stato scritto un mini Unix per C64 con tanto di client telnet! E se proprio la vuoi sapere, mio caro troll, per un periodo ho chattato in irc dal mio vecchio C64 collegato come terminale seriale al server Linux di casa mia...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sapete che succederà...???

        se proprio la vuoi sapere, mio caro troll,
        per un periodo ho chattato in irc dal mio
        vecchio C64 collegato come terminale seriale
        al server Linux di casa mia...Che dire, chiara dimostrazione che molte volte perdete il contatto con la realta'...a quando Linux sul barbecue?
        • Anonimo scrive:
          Re: Sapete che succederà...???
          - Scritto da: matteooooo

          se proprio la vuoi sapere, mio caro troll,

          per un periodo ho chattato in irc dal mio

          vecchio C64 collegato come terminale
          seriale

          al server Linux di casa mia...

          Che dire, chiara dimostrazione che molte
          volte perdete il contatto con la realta'...
          a quando Linux sul barbecue?Poco tempo fa fu creato un sistema tramite internet per ottenere le pagine di un URL girate a specchio.Ovviamente tuti i win-dipendenti a dire "che ca9ata, non potevano spendere meglio il loro tempo?" (detto per inciso, ma quelli che si preoccupano tanto di come uno trascorre il proprio tempo, perchè poi perdono tempo a scrivere sul forum di PI? Non hanno di meglio da fare? o forse sono al lavoro e preferiscono cazzeggiare piuttosto che lavorare?).Poco tempo dopo, Google (che era stato censurato in Cina) utilizzando quel metodo riuscì ad aggirare la censura.Morale: una cosa che sembra un giochino potrà avere degli utilizzi impensati.Tra l'altro una delle dimensioni della flessibilità da tener presente nel progetto di un qualunque oggetto è il poterlo utilizzare anche per scopi per i quali non è stato progettato.Ciao troll, torna a studiare le frazioni e a fare i tuoi compitini di prima media.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sapete che succederà...???

            Ciao troll, torna a studiare le frazioni e a
            fare i tuoi compitini di prima media.Magari avessi quell'età la vostre cazzate mi sembrerebbero meno ridicole....Ciao Professore....
        • Anonimo scrive:
          Re: Sapete che succederà...???
          - Scritto da: matteooooo
          Che dire, chiara dimostrazione che molte
          volte perdete il contatto con la realta'...
          a quando Linux sul barbecue?Con i sistemi embedded tra poco Linux te lo troverai nel cellulare (già c'è), nella lavatrice, nel frigorifero, nelle telecamere (già c'è), nei registratori di cassa (in prototipo), probabilente anche nel barbecue (ah, leggiti anche http://punto-informatico.it/p.asp?i=41308).Questo perchè la disponibilità del codice sorgente permette di adattarlo rapidamente a qualunque dispositivo.Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sapete che succederà...???
        Senza contare che c'e` una JVM anche per C64.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sapete che succederà...???
      - Scritto da: dado
      Che la prossima volta non sarà più
      distribuito alcun software così le
      "minoranze" non potranno più lamentarsi... e
      tutti noi ringrazieremo e continueremo a
      fare la coda... grazie mille a tutti gli
      utenti "non-win".

      E paragonare una versione di un software ad
      una scala per disabili mi sembra una sparata
      fuori luogo... un disabile senza una scala a
      lui riservata non è in grado di entrare in
      un edificio ed è per questo che costruire
      una scala a lui adatta oltre che essere un
      obbligo di legge dovrebbe essere un obbligo
      morale per tutti noi...
      invece rendere disponibile un software
      "anche" per una minoranza quando esiste
      l'alternativa della dichiarazione su carta è
      solo un "capriccio" per non sentirsi più una
      minoranza...

      Per favore, facciamo spendere le risorse e
      le energie di chi lavora per cose utili alla
      collettività e non per pochi...
      Risorse ed energie???Te sei pazzo! Usare il formato zipsarebbe costato energie?
      Saluti

      (PS: Io posseggo anche un vecchio e glorioso
      Commodore 64... a quando la versione del
      software per quell'architettura?)Ma vai in c**o, vai!
  • Anonimo scrive:
    i prezzi aumentano la borsa cade i politici si aum
    entano lo stipendio e per ridurre le spese che famo, semplice produciamo di un programma 1000 versioni diverse compatibili anche con il vic 20 (non sia mai che c'è un cittadino ce lo usa ancora)ma andate a chiudervi in parlamento e a far pensate che abbattano i costi invece che aumentarli.
  • Anonimo scrive:
    Scusatemi...
    ...ci sono caduto ancora.Ma non lo faccio apposta.E' più forte di me.Vi prego, aiutatemi.W Linux.W FiorelloW Panariello.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusatemi...
      - Scritto da: ZioBill
      ...ci sono caduto ancora.
      Ma non lo faccio apposta.
      E' più forte di me.
      Vi prego, aiutatemi.

      W Linux.
      W Fiorello
      W Panariello.
      W La Bellucciw Moretti (non la birra)
  • Anonimo scrive:
    Se pubblicavano anche il sorgente?
    Se avessero pubblicato anche il sorgente tutto questo papocchio non sarebbe successo.Lo sviluppo del programma é stato pagato con i soldi della colleccitivitá. Credo sia ragionevole che il sorgente sia disponibile, in modo tale da far girare il programma su tutte le architetture.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se pubblicavano anche il sorgente?
      - Scritto da: Paolo
      Se avessero pubblicato anche il sorgente
      tutto questo papocchio non sarebbe successo.
      Lo sviluppo del programma é stato pagato con
      i soldi della colleccitivitá. Credo sia
      ragionevole che il sorgente sia disponibile,
      in modo tale da far girare il programma su
      tutte le architetture.e come no c'è la sciura lina che vole compilarlo per farlo girare nel suo frullatore.ma siamo seri una volta tanto
      • Anonimo scrive:
        Re: Se pubblicavano anche il sorgente?
        si vede che alcuni concetti non ti sono ancora molto chiari.sai cos'è un sorgente?
        • Anonimo scrive:
          Re: Se pubblicavano anche il sorgente?
          - Scritto da: godzilla
          si vede che alcuni concetti non ti sono
          ancora molto chiari.
          sai cos'è un sorgente?Sí. Sono quasi sviluppatore Debian e conosco una dozzina di linguaggi di programmazione.La sciura Lina usava l'eseguibile Windows, mentre fra chi usa software libero si sarebbe senz'altro trovato qualcuno che ricompilava il programma o ne faceva il porting.
      • Anonimo scrive:
        Re: Se pubblicavano anche il sorgente?
        - Scritto da: contieniti
        e come no c'è la sciura lina che vole
        compilarlo per farlo girare nel suo
        frullatore.La sciura Lina usava l'eseguibile Windows, mentre fra chi usa software libero si sarebbe senz'altro trovato qualcuno che ricompilava il programma o ne faceva il porting.
        ma siamo seri una volta tantoEro serissimo. Sei tu che ci hai scherzato sopra, in maniera che io ritengo poco seria.Non ho detto che non doveva esserci l'eseguibile Windows. Ci mancherebbe altro, visto che attualmente é l'OS + usato. Ma visto che il programma é stato pagato dalla collettivitá non vedo alcun motivo per non pubblicare anche il sorgente. La presunta sicurezza del programma chiuso non puó essere un motivo, perché sono ormai decenni che gli esperti di sicurezza informatica vanno predicando che la sicurezza non si ottiene cercando di nascondere i meccanismi di funzionamento dei programmi.
  • Anonimo scrive:
    Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore.
    Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore.
      Ma non sparare coglionate!Con un nome così, puoi andare solo all'asilo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore.
      e tu l'hai sempre dimostrata a tutti la tua incompetenza tecnica!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore
      Sei semplicemente un IGNORANTE e con questa tua affermazione lo dimostri in pieno!Se non conosci cosa ci sta dietro stai semplicemente zitto!
      :|
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore.
      - Scritto da: Paolo Zavarise
      Saluti.Anche se tu avessi ragione (cosa di cui dubito) questo non ha niente a che vedere con il problema.Il problema è che non hanno fornito il programma di installazione per tutte le piattaforme ma solo per quelle più diffuse (senza considerare la loro qualità)Ah, inoltre... i padroni di Windows (M$) non amano molto Java! Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore
      ehm... cosa c'entra?
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore
      certo che ce ne sono di pesciotti che abboccano all'amo dei troll!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'ho sempre detto che Windows è il migliore.
      - Scritto da: Paolo Zavarise
      Saluti.Uso WinNT dal 1995 e sono molto contento della stabilità che NT4 ed NT5 mi hanno offerto in questi 7 anni, anche perchè ero costretto ad usarlo :)Ma dire che è il migliore... puoi dire che è il più diffuso ed il più supportato ma dire che win è il migliore, ma siamo sicuri che si possa definire Sistema Operativo ? :))
  • Anonimo scrive:
    Presenta la dichiarazione off-line.
    Se i peracottari non riescono a presentare la dichiarazione on-line che la presentino in municipio come ho fatto io per 5 anni di fila. Non è mica una gran fatica, sapete?
    • Anonimo scrive:
      Re: Presenta la dichiarazione off-line.
      Già, ma perchè devono farsi la fila quando la potrebbero presentare on line come tutti coloro che possiedono software proprietario.Un direttore di banca può pagare un cassiere 2000? e l'altro 1000?, dove sta il problema? Tanto si vive anche con 1000?. Che ragionamento eh?Complimenti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Presenta la dichiarazione off-line.
      ..sono anni che non si presenta piu' al Comune, solo uffici postali e banche! :-)
  • Anonimo scrive:
    Precisazioni
    alcuni precisazioni seconde me necessarie: - parlare di minoranza parlando di utenti Unix/linux è inutile; in Italia molta gente ancora oggi non ha il computer oppure la possibilità di collegarsi ad Internet; paragonare L'utente Linux ad un disabile non ha senso. - la dichiarazione telematica è un servizio accessorio offerto dallo stato a complemento della possibilità di redarre la dichiarazione manualmene.Purtroppo sappiamo tutti come funziona la macchina stato.Non vorrei che alla ricerca della perfezione ci vengano tolti tutti questi servizi imperfetti che abbiamo aspettatto da troppo tempo. - per i sostenitori del software libero vi ricordo che, ne Java, ne il formato PDF sono liberi. Nulla è stato fatto per creare degli strumenti del tutto simili a questi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Precisazioni
      - Scritto da: matteooooo
      alcuni precisazioni seconde me necessarie:
      paragonare L'utente Linux ad un disabile non
      ha senso.a parte ovviamente il fatto che e' offensivo
      ...

      - per i sostenitori del software libero vi
      ricordo che, ne Java, ne il formato PDF sono
      liberi. Nulla è stato fatto per creare degli
      strumenti del tutto simili a questi.

      evidentemente kaffe e ghostscript me li sono sognati .
      • Anonimo scrive:
        Re: Precisazioni


        - per i sostenitori del software libero
        vi

        ricordo che, ne Java, ne il formato PDF
        sono

        liberi. Nulla è stato fatto per creare
        degli

        strumenti del tutto simili a questi.




        evidentemente kaffe e ghostscript me li sono
        sognati .Ghostscript crea PDF...Il formato PDF è proprietario...Kaffè è una implementazione dell VM di Java...Kaffè copia Java senza averne avuto la certificazione...
        • Anonimo scrive:
          Re: Precisazioni





          evidentemente kaffe e ghostscript me li
          sono

          sognati .

          Ghostscript crea PDF...
          Il formato PDF è proprietario...

          Kaffè è una implementazione dell VM di
          Java...
          Kaffè copia Java senza averne avuto la
          certificazione...
          e allora ? perche definire un nuovo standard quando il PDF e' abbastanza ben documentato(a differenza del .doc)e kaffe e' in grado di far girare la maggior partedei programmi java ? (avere una certificazione sun non aiuterebbe ,da questo punto di vista, perche il java non e' standard .. ad ogni release del jdk c'e qualche cambiamento , quindi bisognerebbe sempre e comunque rincorrere la sun ) kaffe tecnicamente non e' java , come e' scritto sul sito , pero dal punto di vista pratico non e'che sia tutto questo danno ,anzi !(il jdk 1.4 SE e' grosso 40 MB .. a quanti servonotutte quelle classi ?? )
        • Anonimo scrive:
          Re: Precisazioni
          - Scritto da: matteooooo



          - per i sostenitori del software
          libero

          vi


          ricordo che, ne Java, ne il formato PDF

          sono


          liberi. Nulla è stato fatto per creare

          degli


          strumenti del tutto simili a questi.







          evidentemente kaffe e ghostscript me li
          sono

          sognati .

          Ghostscript crea PDF...
          Il formato PDF è proprietario...almeno è uno standard, pure riconosciuto dall'ISO. vai su www.iso.org e fai una ricerca.
          Kaffè è una implementazione dell VM di
          Java...e allora?
          Kaffè copia Java senza averne avuto la
          certificazione...di chi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Precisazioni
      - Scritto da: matteooooo
      alcuni precisazioni seconde me necessarie:

      - parlare di minoranza parlando di utenti
      Unix/linux è inutile; in Italia molta gente
      ancora oggi non ha il computer oppure la
      possibilità di collegarsi ad Internet;
      paragonare L'utente Linux ad un disabile non
      ha senso.Concordo: oltremodo stupido, mi permetto di aggiungere.Non è mia volontà offendere nessuno ma è irrispettoso porre un confronto di questo tipo: Linux è per lo più una scelta, l'handicap no.IMHO avete proprio toppato.
      - la dichiarazione telematica è un servizio
      accessorio offerto dallo stato a complemento
      della possibilità di redarre la
      dichiarazione manualmene.
      Purtroppo sappiamo tutti come funziona la
      macchina stato.
      Non vorrei che alla ricerca della perfezione
      ci vengano tolti tutti questi servizi
      imperfetti che abbiamo aspettatto da troppo
      tempo.Sostanzialmente d'accordo ma dato che la scelta è ricaduta su Java perchè non renderlo portabile ? E' un gioco da ragazzi che richiede uno sforzo minimo e, nonostante Linux sia una minoranza è una minoranza formata da contribuenti (da migliaia di contribuenti)...
      - per i sostenitori del software libero vi
      ricordo che, ne Java, ne il formato PDF sono
      liberi. Nulla è stato fatto per creare degli
      strumenti del tutto simili a questi.Qui non siamo d'accordo: Python e il formato Postscript sfruttano concetti simili.Ciao :)
  • Anonimo scrive:
    ZioBill è lobotomizzato...
    ...sin da quando la mamma l'ha ca9ato.
  • Anonimo scrive:
    Stato di diritto
    Cerchiamo di pensare con calma per qualche momento? Vorrei prima di tutto pregare tutti di non scrivere post che criticano miei eventuali errori di battitura (succede tutte le volte).Riusciamo a non pensare alla colorazione politica di chi ha mosso le critiche e riflettere solo sulla questione? Dunque, il problema esiste, e non e' da poco, nel senso che la compatibilita' dei dati esiste da quando e' nata l'informatica (soprattutto quella personale). Anche adottando sempre lo stesso sistema potrebbero nascere difficolta' tra versioni diverse del software che ha generato il documento, oppure dalla modalita' binaria con cui sono codificati (EBCD, ASCII, ecc.) insomma i problemi ci sono. Le soluzioni sono sempre state diverse.Inoltre, qui stiamo parlando di una istituzione, non di un'azienda, quindi non si puo' adottare SOLO una politica commerciale ma si deve cercare di raggiungere tutti i cittadini (stato di diritto, non dimentichiamocelo mai per favore). I principi della costituzione devono essere rispettati da tutti, e soprattutto dallo stato.Ora, se ci si pone il problema (giustamente) di far avere le informazioni ai cechi (di nascita e non) traducendo per loro i gazzettini ufficiali in codice apposito e se si publicano gli atti amministrativi all'albo pretorio affinche' tutti possano leggerlo (il fatto che poi pochi lo facciano e' un altro discorso), non vedo perche' non si debba tenere conto delle minoranze (questa volta informatiche) nella diffusione di atti ufficiali della Republica. Stato di diritto e' un'espressione che mi hanno insegnato molti anni fa, la trovo bella, moderna ed affascinante, spero vogliate ricordarla con me nei prossimi post.
    • Anonimo scrive:
      Re: Stato di diritto

      Stato di
      diritto e' un'espressione che mi hanno
      insegnato molti anni fa, la trovo bella,
      moderna ed affascinante, spero vogliate
      ricordarla con me nei prossimi post. anch'io sono rimasto molto affascinato il giorno che a 8 anni, ho scoperto che il nostro stato nasceva per occuparsi di tutti, anche le piccolissime minoranze. Pensare quanti soldi spende per le persone con handicap fisici fa pensare a cosa vuol dire stato di diritto. Mi rende triste che qui (in italia non solo in questo forum) c'è gente che vede lo stato con logiche di profitto e non come stato di diritto. E ahimè uno stato che ragiona con logiche di profitto conosce la rupe di Sparta non le scale di accesso per disabili.
      • Anonimo scrive:
        Re: Stato di diritto
        Secondo me è solo questione di tempo: anche quando c'è stato il problema delle flat lo stato non è intervenuto subito, perchè tutto ciò che è tecnologia per lo stato è incomprensibile, almeno per i primi tempi. Diamogli tempo e vediamo se il polverone gli fa modificare le cose!
    • Anonimo scrive:
      Re: Stato di diritto
      - Scritto da: Sergente Pepper
      Riusciamo a non pensare alla colorazione
      politica di chi ha mosso le critiche..No, non ci riesco.la scelta del formato PDF è ottima, anche Debian che è sicuramente la distrib Linux più attenta nella scelta di formati e tools pubblica la propria documentazione in quel formato, gli howto di linux si trovano in PDF, l'Acrobat Reader è gratuito e comunque ci sono anche programmi open source che gestiscono questo formato.Insomma non c'è nessun limite per l'utenza Linux nella lettura di files in questo formato. Lo stesso vale per chi usa Windows e ovviamente Mac. Allora qual'è il problema se non politico?
      • Anonimo scrive:
        Re: Stato di diritto
        - Scritto da: Amon


        - Scritto da: Sergente Pepper

        Riusciamo a non pensare alla colorazione

        politica di chi ha mosso le critiche..

        No, non ci riesco.
        la scelta del formato PDF è ottima, anche
        Debian che è sicuramente la distrib Linux
        più attenta nella scelta di formati e tools
        pubblica la propria documentazione in quel
        formato, gli howto di linux si trovano in
        PDF, l'Acrobat Reader è gratuito e comunque
        ci sono anche programmi open source che
        gestiscono questo formato.
        Insomma non c'è nessun limite per l'utenza
        Linux nella lettura di files in questo
        formato. Lo stesso vale per chi usa Windows
        e ovviamente Mac. Allora qual'è il problema
        se non politico?Non si parla di PDF, si parla di software sviluppato per certe piattaforme piuttosto che altre
        • Anonimo scrive:
          Re: Stato di diritto
          - Scritto da: marchet
          Non si parla di PDF, si parla di software
          sviluppato per certe piattaforme piuttosto
          che altreAnche in questo caso, nel forum ho letto che si tratta si SW Java, insomma multipiattaforma.Altrimenti non potrebbe comunque funzionare sia per Win che per Mac come dice l'artocolo (o ci sono possibilità di questo tipo?)!
    • Anonimo scrive:
      Re: Stato di diritto
      - Scritto da: Sergente Pepper
      Vorrei prima di tutto pregare tutti di non
      scrivere post che criticano miei eventuali
      errori di battitura (succede tutte le
      volte).

      ... cechi (di
      nascita e non)...intendi gli abitanti della Repubblica Ceca o i non vedenti?Se intendevi i secondi dovevi scrivere ciechi.Questo non è un errore di battitura.E' non conoscere l'italiano.
      • Anonimo scrive:
        Re: Stato di diritto
        - Scritto da: s.


        - Scritto da: Sergente Pepper

        Vorrei prima di tutto pregare tutti di non

        scrivere post che criticano miei eventuali

        errori di battitura (succede tutte le

        volte).



        ... cechi (di

        nascita e non)...

        intendi gli abitanti della Repubblica Ceca o
        i non vedenti?

        Se intendevi i secondi dovevi scrivere
        ciechi.

        Questo non è un errore di battitura.
        E' non conoscere l'italiano.Forse.
  • Anonimo scrive:
    dico la mia...
    Il tema dell'interrogazione parlamentaree' condivisibile un servizio pubblico e necessario(la compilazione dell'unico)deve poter esser fatta da chiunque.Se poi si vuol discutere della coerenza di una certa sinistra (che vota la legge sull'editoria ma contesta la SIAE,che va in piazza contro la riforma dini del primo governo berlusconi e appoggia la riforma dini del governo dini)facciamolo lo contesto anch'io a quella sinistra (normalmente e' la sinistra di tipo riformista)
  • Anonimo scrive:
    Che pena, questo forum
    Questa notizia ha indubbiamente dei risvolti che si presterebbero ad interessanti approfondimenti.Invece, leggendo i post si nota un basso livello di discussione, ad occhio e croce direi che solo il 20% dei messaggi cerca di approfondire la discussione, per il resto sono messaggi che riflettono la propria collocazione politica, pro-verdi (Ulivo), contro-verdi (Polo), oppure sono di sostenitori o detrattori di MS. Piu' che altro si scrive per partito preso.In entrambi i casi, molto spesso sembrano scritti da gente che non conosce neppure l'argomento di cui scrive! Sconfortato, saluto.Ciao, Oscar.
    • Anonimo scrive:
      Re: Che pena, questo forum
      - Scritto da: Oscar
      Invece, leggendo i post si nota un basso
      livello di discussione, ad occhio e croce
      direi che solo il 20% dei messaggi cerca di
      approfondire la discussione, per il resto
      sono messaggi che riflettono la propria
      collocazione politicaTu invece perchè scrivi, per lamentarti?Posat un intervento IT che magari qualcuno risponde.
  • Anonimo scrive:
    Che 2 palle!
    Capisco che uno voglia essere libero di utilizzare il sistema che vuole, d'accordo.Però pretendere che per una minuscola minoranza (eddai, siamo onesti)di utenti open source si rivoluzioni un amministrazione statale mi pare troppo.Lo so , significa limitare quelli che fanno una scelta diversa. Ma quest assalto all'arma bianca da parte di uno che si lancia a pesce nelle battaglie che gli danno un po' di visibilità (e quattro voti in più) mi fanno schifo.Come al solito invece di pensare a quello che si è fatto e eventualmente sollecitare nuove soluzioni si preferisce sparare a zero...
    • Anonimo scrive:
      Re: Che 2 palle!
      Amico mio Word supporta il formato RTF sin dalla versione 1.0E` che forse tu non sai che esiste l'RTF !
    • Anonimo scrive:
      Re: Che 2 palle!
      ok, evitiamo di costruire anche le rampe affianco alle scale per i portatori di handicap, tanto sono solo una minoranza......ma dico, sei fuori? Se la fatica è zero (e cioè semplicemente scegliere salva con nome al posto di salva, quindi scegliere RTF al posto di doc), perché si deve limitare l'accesso?
    • Anonimo scrive:
      Re: Che 2 palle!
      quando un giorno ti troverai tu ad essere nella minoranza (e questo accadrà) sono sicuro che romperai il cazzo a mezzo mondo per riavere i tuoi diritti scippatiSiete i classici italianotti di merda per i quali hanno sempre ragione in assoluto quelli che sono tanti o ricchi, per i quali essere parte del branco più grosso è certezza di avere ragione, che accorrerete sempre in soccorso del vincitore Se non lo capisci ora lo capirai quando i ruoli saranno invertiti, difensore delle maggioranze dei miei coglioni
  • Anonimo scrive:
    Re: cantiamo
    dov'e' andato il tuo pusher? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: cantiamo
      - Scritto da: ryoga
      dov'e' andato il tuo pusher? :)Gli ha dato il fumo avvolto nello spartito di JCS.Mitico il duetto tra Annah e Caiphas, con quella voce da basso che fa vibrare il lampadario quando la ascolti sull'HiFi.
  • Anonimo scrive:
    Unix usato per propaganda politica.
    Bravo il nostro politicante,Votatelo alle prossime elezioni...in pratica si sentiva trascurato e cosi ora sta mettendo a punto la sua crociata.E' giusto dare l'opportunita' a tutti di utilizzare un servizio su qualsiasi piattaforma ma chissa' perche', penso che non ci siano tanti ragionieri (forse neanche 1 ), a cui servira' un servizio del genere sotto unix.Bye
    • Anonimo scrive:
      Re: Unix usato per propaganda politica.
      Il software per la compilazione di UNICOnon è rivolto solo ai ragionieri ma al contribuente qualsiasi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Unix usato per propaganda politica.
        ma il contribuente qualsiasi (medio), va da un ragioniere per la compilazione del modello unico.Se sbaglia a contare anche solo 100 lire, gli arriva un salasso e quindi non ci prova neanche a studiarsi un libro all'anno su tutti i campi da riempire nel modulo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Unix usato per propaganda politica.
          La compilazione guidata e' a prova di Utonto.Da quando la uso non ho piu' commesso errori formali (ed evitate relative multe).E' un peccato che non tutti possano utilizzarla.Ernesto
    • Anonimo scrive:
      Re: Unix usato per propaganda politica.
      sei fatto amico, sei fatto come un coppertone!- Scritto da: ryoga
      Bravo il nostro politicante,
      Votatelo alle prossime elezioni...in pratica
      si sentiva trascurato e cosi ora sta
      mettendo a punto la sua crociata.

      E' giusto dare l'opportunita' a tutti di
      utilizzare un servizio su qualsiasi
      piattaforma ma chissa' perche', penso che
      non ci siano tanti ragionieri (forse neanche
      1 ), a cui servira' un servizio del genere
      sotto unix.

      Bye
  • Anonimo scrive:
    I verdi, a cosa servono?
    Nuova legge sulla SIAE: verdi al governo.Legge sull'editoria: verdi al governo.Leggi a favore del software libero emanate da governi con esponenti verdi: 0.Eppure nessuno si era mai sognato di porre in relazione governo legge.Si criticava la legge o il provvedimento in questione. Punto. Qui invece (anche dai commenti che ho letto) si gioca al massacro: qualunque cosa fatta da un "certo" governo è male. I verdi poi...Pur di rompere sono riusciti a criticare anche la legge che impone i fari accesi anche di giorno, dicendo che così si consumava più benzina!(Ricordo che nei paesi nordici dve tale provvedimento è stato introdotto vari anni fa, gli incidenti sono diminuiti del _20%_).Rompono perchè vogliono l'energia eolica e poi dicono che le turbine rovinano i paesaggi...
    • Anonimo scrive:
      Re: I verdi, a cosa servono?
      i verdi sono i primi ad aprira la stagione della caccia..... mi fanno quasi schifo.
      • Anonimo scrive:
        Re: I verdi, a cosa servono?
        - Scritto da: ryoga
        i verdi sono i primi ad aprira la stagione
        della caccia..... mi fanno quasi schifo.non diciamo ca**ate per favore, i verdi saranno in piazza martedì 17 contro la caccia, come tutti gli anni si battano contro la caccia.Questo non li santifica affatto, ne li esenta dalle colpe, ma da lì ad accusarli di essere pro-caccia ne passa, nei miei anni di militanza animalista, ogni volta che c'erano casini, compresa gente nell mer*a da tirare fuori di gabbia, gli unici politici che ho visto vicino sono stati i verdi.Se poi mi dici che i DS (e l'ex PCI) o la margherita siano pro-caccia, hai perfettamente ragione, è uno scandalo, e se potessi impiombargli l'uccello a rutelli lo farei un gran volentieri
    • Anonimo scrive:
      Re: I verdi, a cosa servono?
      - Scritto da: nerissimo

      Nuova legge sulla SIAE: verdi al governo.
      Legge sull'editoria: verdi al governo.Le leggi sul diritto d'autore e su tutto quello che è materia artistica risalgono al 48, mio caro.Queste che tu citi sono state votate all'UNANIMITA` quando sono passate.Il problema è che in Italia la SIAE è stata *delegata* alla tutela dei diritti, quando invece dovrebbe farlo lo stato !!!Ecco perchè l'arte in Italia sta lentamente morendo...
      Leggi a favore del software libero emanate
      da governi con esponenti verdi: 0.
      http://www.softwarelibero.it/altri/cortiana.shtmle tu dovresti essere così sensibile da promuoverla:http://www.softwarelibero.it/misc/raccoltafirme.shtmlgrazie !
      Eppure nessuno si era mai sognato di porre
      in relazione governo legge.prego ?
      Si criticava la legge o il provvedimento in
      questione. Punto. Qui invece (anche dai
      commenti che ho letto) si gioca al massacro:
      qualunque cosa fatta da un "certo" governo è
      male. I verdi poi...Scusa che ragionamento è questo ?E` come criticare il furto e non chi l'ha commesso !
      Pur di rompere sono riusciti a criticare
      anche la legge che impone i fari accesi
      anche di giorno, dicendo che così si
      consumava più benzina!
      (Ricordo che nei paesi nordici dve tale
      provvedimento è stato introdotto vari anni
      fa, gli incidenti sono diminuiti del _20%_).Ricordo che i paesi nordici hanno una latitudine differente dalla nostra, quindi una illuminazione solare meno forte.Comunque http://www.aclimilano.com/visart.php?id=324
      Rompono perchè vogliono l'energia eolica e
      poi dicono che le turbine rovinano i
      paesaggi...
      Hai ragione. Io voglio l'energia eolica sopra i pannelli solari del mio palazzo !(magari)
      • Anonimo scrive:
        Re: I verdi, a cosa servono?
        - Scritto da: Marco Radossevich

        (Ricordo che nei paesi nordici dve tale

        provvedimento è stato introdotto vari anni

        fa, gli incidenti sono diminuiti del
        _20%_).
        Ricordo che i paesi nordici hanno una
        latitudine differente dalla nostra, quindi
        una illuminazione solare meno forte.veramente mi risulta che il problema fosse "sole basso" non "illuminazione debole"

        Rompono perchè vogliono l'energia eolica e

        poi dicono che le turbine rovinano i

        paesaggi...Ecco, in questo mi stanno troppo sulle OOUn generatore eolico è elegante e NON deturpa nessun paesaggio, anzi!(anche se non so se in Italia tiri abbastanza vento)
      • Anonimo scrive:
        Re: I verdi, a cosa servono?
        - Scritto da: Marco Radossevich
        - Scritto da: nerissimo



        Nuova legge sulla SIAE: verdi al governo©

        Legge sull'editoria: verdi al governo©
        Le leggi sul diritto d'autore e su tutto
        quello che è materia artistica risalgono al
        48, mio caro©
        Queste che tu citi sono state votate
        all'UNANIMITA` quando sono passate©E' qui che volevo arrivare! Le leggi le fa il *parlamento* non il governo!Ma quando si vuole criticare un governo "a prescindere" ci si dimentica i dettagli©©©
    • Anonimo scrive:
      Re: I verdi, a cosa servono?
      A fare un bell'arcobaleno parlamentare.Abbiamo i neri, i rossi, i bianchi, gli azzurri e i verdi.Però confrontando con la scatola di matite di mio figlio (quella da 10), noto che mancano: i giallii grigii violagli arancionii rosai marronii gialli potranno essere gli adepti di Cofferatii grigi sono tutte le amebe inconsistentii viola sono quelli che gufano sempregli arancioni sappiamo chi sonoi rosa potranno essere i comunisti moderatiil marrone merda è la categoria che raggruppa tutto A proposito, per giustificare definitivamente l'OT che bollerà questo post:Nonno e nipote passano vicino ad un frutteto."Nonno, cosa sono quei frutti?""Prugne rosse""E perchè sono gialle?""Perchè sono verdi"
  • Anonimo scrive:
    E io che ho Amiga?
    Ma c'è gente che ha proprio un cacchio da fare trà un girotondo e l'altro!
    • Anonimo scrive:
      Re: E io che ho Amiga?
      ti avviso (casomai non lo sapessi )che e' in corso una accesa disputa commerciale perla conquista del mercato desktop tra apple e microsoft e che il ministero ,non rilasciando ilsoftware per mac os X , prende implicitmente posizione a favore di M$ , mentre dovrebbe essere neutrale.
      • Anonimo scrive:
        Re: E io che ho Amiga?
        - Scritto da: illegalinstruction
        ti avviso (casomai non lo sapessi )
        che e' in corso una accesa disputa
        commerciale per
        la conquista del mercato desktop tra apple e
        microsoft e che il ministero ,non
        rilasciando ilQuesta è bella ... da una parte l'85% dall'altra l'8% sarebbe una sfida....
        • Anonimo scrive:
          Re: E io che ho Amiga?
          :) anche xche' comunque nella pubblica amministrazione, sono cosi bravi che useranno sicuramente unix per poter fare il loro lavoro.....Mapperpiacere....se abbiamo una pubblica amministrazione da paura, che se vai a fare un documento appena arrivi allo sportello dici : "Non me lo dica....non c'e' collegamento e i terminali non funzionano "!Figuriamoci a mettergli unix...."C'e' un problema tecnico e quindi dobbiamo aspettare che arrivi il sistemista" per un semplice cluster da recuperare in fase di boot.
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            Io lavoro nella PA e qui tutti usiamo UNIX.Per essere precisi SUN Solaris.Inoltre in genere UNIX non ha "cluster" da "recuperare al boot" in quanto ha filesystem molto piu' stabili di altri SO.Inoltre la mia workstation la tengo accesa mesi interi senza avere cali prestazionali, ragion per cui e' pure difficile che vi sia un boot...In pratica parli di cose che non sai.
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            in pratica, parlo di cose che so da utente.Ogni volta che vado in un ufficio pubblico, la risposta che mi sento dire e' : "I terminali non funzionano", "Non c'e' il collegamento col server", "C'e' un problema da risolvere nel sistema"....etc.etc.Se poi sei il sistemista in una P.A., e' normale che te e i tuoi colleghi sapete usare Linux.So che il FileSystem e' + stabile, ma puo' andare in tilt x cluster danneggiati e anche se il recover e' abbastanza semplice, non e' abbastanza semplice x come lo e' su Windows, e quindi un utente ( o utonto ) medio, non lo sa fare.
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            Io ho lavorato in una scuola e attualmente sono programmatore presso il ced di un comune...vorrei dirti alcune cose:Con Open Source non si identifica solo Linux.Nella scuola in cui lavoravo usavano (gli utenti) OpenOffice, OpenSissi (versione gratuita di un programma di amministrazione scuole adottata dal ministero). Attualmente stanno installando OpenSissi Rete (la nuova versione di quel prodotto, la precedente lavorava direttamente sui server del ministero tramite intranet).Per l'amministrazione remota usano prodotti OpenSource.Tutti questi prodotti vengono usati in TUTTE le scuole statali dagli impiegati delle segreterie e non da personale informatico specializzato. Nel comune dove attualmente lavoro si usa sia prodotti OpenSource sia prodotti proprietari. Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            So benissimo che l'open source esiste anche su altre piattaforme, anche perche' ho partecipato a diversi progetti in passato open source.Di sicuro, i dipendenti della tua scuola, per sapere usare Linux, avranno seguito dei corsi (costosissimi ) e non so quanto alla tua scuola sia convenuta una cosa del genere.Per problemi + gravi, di sicuro chiameranno dei tecnici che saranno pagati profumatamente....perche' se e' vero che Windows si paga, e' anche vero che di persone competenti in Windows ce ne sono a morire, mentre di competenti sotto Unix ne sono poche e quelle poche si fanno pagare profumatamente.Quindi...tira tu le conclusioni.Bye
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            la differenza?Linux = paghi una volta il corso, i tecnici quando vengono e *zero* per le varie installazioniWindows = paghi OGNI installazione, oltre ai corsi e ai tecnici (che non si pagano, fidati, in maniera inversamente proporzionale al costo o alla diffusione del prodotto)ancora una volta, parli di cose che non sai.
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            - Scritto da: ryoga
            So che il FileSystem e' + stabile, ma puo'
            andare in tilt x cluster danneggiati e anche
            se il recover e' abbastanza semplice, non e'
            abbastanza semplice x come lo e' su Windows,
            e quindi un utente ( o utonto ) medio, non
            lo sa fare.infatti, un FS come Reiser ricostruisce da capo il FS e ci mette anche ore, windows invece ci mette molto meno tempo, il tempo di formattare e reinstallare tutto :)
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            - Scritto da: ryoga
            in pratica, parlo di cose che so da utente.
            Ogni volta che vado in un ufficio pubblico,
            la risposta che mi sento dire e' : "I
            terminali non funzionano", "Non c'e' il
            collegamento col server", "C'e' un problema
            da risolvere nel sistema"....etc.etc....e cosa credi che giri in quei terminali?
            Se poi sei il sistemista in una P.A., e'
            normale che te e i tuoi colleghi sapete
            usare Linux.a parte che non ha parlato di Linux, ma di UNIX in generale... per te bisogna essere sistemisti per usare un qualunque OS diverso da Windows?
            So che il FileSystem e' + stabile, ma puo'
            andare in tilt x cluster danneggiati e anche
            se il recover e' abbastanza semplice, non e'
            abbastanza semplice x come lo e' su Windows,
            e quindi un utente ( o utonto ) medio, non
            lo sa fare.falsissimo! è una delle cose più automatiche di tutto il sistema (almeno sotto Linux: io parlo delle cose che conosco a differenza di te).
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            Anche io lavoro nella PA e posso confermare quanto affermato in merito al reboot.Certo un utente Windows fatica a credere che il reboot serva quasi esclusivamente a sostituire l'hardware, però con molti s.o. è così, e dunque noi poveri e incapaci dipendenti pubblici abbiamo più tempo da perdere davanti alla macchinetta del caffé (come vi piace credere).Per me la questione è molto semplice: chi non conosce i limiti e i benefici dei sistemi alternativi usa Windows e solo quello, pochi altri invece scelgono.
          • Anonimo scrive:
            Re: E io che ho Amiga?
            - Scritto da: ryoga
            Figuriamoci a mettergli unix....unix una volta configurato non si impasta come windows a lung'andare, a meno di un guasto HW, unix non si autodistrugge come win.
            "C'e' un problema tecnico e quindi dobbiamo
            aspettare che arrivi il sistemista" per un
            semplice cluster da recuperare in fase di
            boot.Serve il tecnico sistemista per windows tanto quanto linux, o forse di più visti la miriade di casini ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: E io che ho Amiga?
          - Scritto da: matteooooo

          Questa è bella ... da una parte l'85%
          dall'altra l'8% sarebbe una sfida....
          certo ,perche mac os X come desktop IMO e'_superiore_ a win xp ; windows e' piu' diffusoper motivi tutt'altro che tecnici il ministero ,supportando il monopolio ms ,va contro i suoi propri interessi; infatti , in un _libero mercato_ quasi sicuramente le licenze M$ costerebbero di meno ,cio' che porterebbe un innegabile vantaggio alle casse statali.
        • Anonimo scrive:
          Re: E io che ho Amiga?
          - Scritto da: matteooooo
          Questa è bella ... da una parte l'85%
          dall'altra l'8% sarebbe una sfida....ma non era il 95% e il 3.1% ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E io che ho Amiga?
      Anche tu che hai Amiga potrai usarlo se verrá rilasciato sotto forma di Software Libero (leggi GPL). Avendo a disposizione il sorgente tutto quello che dovrai fare é ricompilarlo. Esiste il compilatore della Gnu (GCC) anche per Amiga. Per l'interfaccia grafica, nessun problema. Anche se useranno GTK o qualsiasi altra cosa "tipo Unix" la cosa + complicata che dovrai fare é installare X che esiste anche x Amiga. Vedrai le applicazioni X in uno "screen" separato.
    • Anonimo scrive:
      SEI UN GRANDE !!!
      Dite che il mio caro Amiga 500 espanso a 1 mega di ram e` ancora usabile ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E io che ho Amiga?
      - Scritto da: ex sinistroperché "ex sinistro"? è arrivato il bonifico?
  • Anonimo scrive:
    E quelli che usano l'MVS??
    Come fanno a presentare la dichiarazione UNICO online?? A quando un'interrogazione parlamentare per estendere il servizio agli utenti di mainframe?? Basta con le discriminazioni!! Avanti con le perdite di tempo pagato dai cittadini!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E quelli che usano l'MVS??
      - Scritto da: Ale
      Come fanno a presentare la dichiarazione
      UNICO online?? A quando un'interrogazione
      parlamentare per estendere il servizio agli
      utenti di mainframe?? Basta con le
      discriminazioni!! Avanti con le perdite di
      tempo pagato dai cittadini!!mi sembra si sottindendesse sistemi desktop.se hai un mainframe a casa per collegarti a internet si puo' pensare di fare un browser in cobol sempre che non esista già ed unirti all'appello.
  • Anonimo scrive:
    AHAhAHaHAh....
    Fiorello che propone l'open sozz... e panariello sara' per la GPL????Grasse risate.ZioBill***no linux and no open source software were used to write this post***
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAhAHaHAh....

      Grasse risate.Il riso abbonda sulla bocca degli utonti.
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAhAHaHAh....
        L'open sozz morira' e voi con lui (intendo professionalmente, per ora... ;-))) )ZioBill- Scritto da: enzogupi

        Grasse risate.

        Il riso abbonda sulla bocca degli utonti.
        • Anonimo scrive:
          6 1 SOMARO
          - Scritto da: ZioBill
          L'open sozz morira' e voi con lui (intendo
          professionalmente, per ora... ;-))) )E se mia nonna avesse le ruote sarebbe una cariola !Ma va la va la che la tua e` tutta invidia perche` hai provato a fare ./configure e poi make, ma al primo errore hai disinstallato tutto e sei tornato alle tue care e affezionate schermate blu.Se non sei capace di usare il computer non venire a lamentarti in pubblico, fai solo brutte figure e dimostri la tua totale incompetenza.Mi chiedo come faccia uno che si spaccia per programmatore a non apprezzare Linux e l'open source in generale, veramente, sei un caso unico in tutto il mondo, anzi, che dico, in tutto l'universo, anzi in tutto il multiverso!E` piu` che evidente che usi uindous perche` ha le iconcine colorate e svolazzanti che ti danno tanta sicurezza e non ti costringono a capire cosa e` realmente un file e cosa e` una cartella (si quella cosa gialla nelal finestra di ecsplorer !).Qui c'e` gente seria che il l'open source lo usa da anni con grande soddisfazione sia in ambito privato che lavorativo, e sempre di piu` per tua informazione.Vai a giocare a tresette che e` meglio va...
          • Anonimo scrive:
            Re: 6 1 SOMARO
            - Scritto da: Memo Remigi
            E se mia nonna avesse le ruote sarebbe una
            cariola !oppure sarebbe rollerdog dehehe
            Qui c'e` gente seria che il l'open source loio uso solo software libero invece
          • Anonimo scrive:
            Re: 6 1 SOMARO

            Ma va la va la che la tua e` tutta invidia
            perche` hai provato a fare ./configure e poi
            make, ma al primo errore hai disinstallato
            tutto e sei tornato alle tue care e
            affezionate schermate blu.

            Se non sei capace di usare il computer non
            venire a lamentarti in pubblico, fai solo
            brutte figure e dimostri la tua totale
            incompetenza.

            Mi chiedo come faccia uno che si spaccia per
            programmatore a non apprezzare Linux e
            l'open source in generale, veramente, sei un
            caso unico in tutto il mondo, anzi, che
            dico, in tutto l'universo, anzi in tutto il
            multiverso!NO, CI SONO ANCH'IO!PZ
          • Anonimo scrive:
            Re: 6 1 SOMARO
            Ah beh, allora... :D
          • Anonimo scrive:
            Re: 6 1 SOMARO
            - Scritto da: Memo Remigi
            Ma va la va la che la tua e` tutta invidia
            perche` hai provato a fare ./configure e poi
            make, ma al primo errore hai disinstallato
            tutto e sei tornato alle tue care e
            affezionate schermate blu.no, non ha dato nemmeno ./configure, gli è bastato vedere la consolle :)
            E` piu` che evidente che usi uindous perche`
            ha le iconcine colorate e svolazzanti che tiiKons e Crystal sono già un botto meglio delle icone di WindowsXP ;)
            Vai a giocare a tresette che e` meglio va...al solitario casomai :)triplice battuta:solitario di windows...solitario perchè è il solo ad odiare l'opensourcesolitario perchè si fa le pippe
        • Anonimo scrive:
          Re: AHAhAHaHAh....
          - Scritto da: ZioBill
          L'open sozz morira' e voi con lui (intendo
          professionalmente, per ora... ;-))) )professionalmente, con linux ho ridato vita a macchine obsolete... fai te.
    • Anonimo scrive:
      Re: AHAhAHaHAh....
      - Scritto da: ZioBill
      ***no linux and no open source software were
      used to write this post***Beh, a quanto pare Uindows ha dentro alcuni pezzi di codice preso da BSD. Come la mettiamo?
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAhAHaHAh....
        - Scritto da: FDG

        ***no linux and no open source software
        were

        used to write this post***

        Beh, a quanto pare Uindows ha dentro alcuni
        pezzi di codice preso da BSD. Come la
        mettiamo?eh si ma la M$ quel codice OPEN, dopo averlo inserito l'ha CHIUSO automaticamente ;)
  • Anonimo scrive:
    Ma non era in formato pdf?
    A me risulta che i documenti di Unico 2002 erano disponibili anche nel formato Pdf. Da quel che avevo capito, il formato Pdf (di Adobe Acrobat Reader) e' leggibile a partire da tutti i sistemi operativi, prorpietari e non, basta infatti avere installato il lettore gratuito.Mi devo essere perso qualcosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non era in formato pdf?

      Mi devo essere perso qualcosa.Infatti. Ti sei perso il fatto che non sista parlando dei modelli (che sono in pdf)ma del software che consente di fare lacompilazione assistita dei modelli.Per ulteriori info:http://www.agenziaentrate.it/modulistica/dichiarazione/2002/uniconline/software_contr.htm
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma non era in formato pdf?
        e xche' qualche bel linuxiaro non lo va a fare open source x la p.a.? Se non l'hanno messo, evidentemente, non hanno trovato un programmatore disposto a lavorare x la gloria :)Byez
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma non era in formato pdf?
          - Scritto da: ryoga
          e xche' qualche bel linuxiaro non lo va a
          fare open source x la p.a.?

          Se non l'hanno messo, evidentemente, non
          hanno trovato un programmatore disposto a
          lavorare x la gloria :)

          ByezU.P.F.Sarebbe bastato scrivere il programma, installer compreso, in Java puro anziche' "imbastardito" con estensioni proprietarie e quindi eseguibile solo sotto Win o Mac (O al limite rendere disponibile il .jar da istallare a manina con relativo HowTo, visto che spesso i Linux User sono piu' smanettoni).NON serviva farlo Open Source NE' farlo aggratis :-)P.S.: U.P.F = Ultime Parole Famose, sempre le stesse
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma non era in formato pdf?
            allora prendetevela con l'azienda a cui la P.A. ha affidato l'implementazione del programma.U.P.F.Purtroppo e' questa la differenza tra Sistema Operativo gratis e Sistema Operativo a pagamento :DByez
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma non era in formato pdf?

            allora prendetevela con l'azienda a cui la
            P.A. ha affidato l'implementazione del
            programma.ah bella questa, la pa non e neanche responsabile di quello che compra...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma non era in formato pdf?
            - Scritto da: ryoga
            allora prendetevela con l'azienda a cui la
            P.A. ha affidato l'implementazione del
            programma.e i ministeri a che servono? fosse stata una ditta privata...
            U.P.F.
            Purtroppo e' questa la differenza tra
            Sistema Operativo gratis e Sistema Operativo
            a pagamento :Dsti cazzi.è la differenza tra essere responsabili di ciò che si fa e non esserlo. impacchettare un .jar non prendeva più tempo che creare un installer, anzi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non era in formato pdf?

      A me risulta che i documenti di Unico 2002
      erano disponibili anche nel formato Pdf. Da
      quel che avevo capito, il formato Pdf (di
      Adobe Acrobat Reader) e' leggibile a partire
      da tutti i sistemi operativi, prorpietari e
      non, basta infatti avere installato il
      lettore gratuito.
      Mi devo essere perso qualcosa.Si: che non si tratta di un documento, ma di un software che aiuta nella compilazione e nella trasmissione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non era in formato pdf?
      Boh? Forse vogliono i documenti scritti col vi :-)
  • Anonimo scrive:
    E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
    sono almeno 3 anni che utilizzo i programmi del ministero a casa, e sono sempre stati fatti così, in Java. quindi, li hanno messi fuori quando c'era al governo l' Ulivo...... fate voi.
    • Anonimo scrive:
      Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
      boh, si.Al di là degli schieramenti, di cui non frega un razzo, penso che l'interrogazione andava fatta.Meglio farla che continuare a sorbirsi MS a colazione, pranzo e cena, no?Poi, se stai a guaradre le contraddizioni non hai ancora capiuto come funziona la politica...ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?

      sono almeno 3 anni che utilizzo i programmi
      del ministero a casa, e sono sempre stati
      fatti così, in Java. quindi, li hanno messi
      fuori quando c'era al governo l' Ulivo......
      fate voi.Ecco il solito intervento stupido...Ma scusa anche se fosse il nuovo governo non è stato in grado di fare nulla in un anno e mezzo?( a parte farci perdere ogni credibilità ed aver affossato il sistema giuridico italiano...)
      • Anonimo scrive:
        Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?

        Ecco il solito intervento stupido...
        Ma scusa anche se fosse il nuovo governo non
        è stato in grado di fare nulla in un anno e
        mezzo?
        ( a parte farci perdere ogni credibilità ed
        aver affossato il sistema giuridico
        italiano...)

        beh, l' altro governo ha affossato la libertà di stampa su internet....., oltre ad aver stretto accordi con ZioBill per diffondere la roba M$ nelle scuoli.stare a interrogare su programmi in Java, mi pare che sia una mera mossa confusionaria, di zero utilità pratica, quindi pura demagogia....
        • Anonimo scrive:
          Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
          - Scritto da: Taumaturgo


          Ecco il solito intervento stupido...

          Ma scusa anche se fosse il nuovo governo
          non

          è stato in grado di fare nulla in un anno
          e

          mezzo?

          ( a parte farci perdere ogni credibilità
          ed

          aver affossato il sistema giuridico

          italiano...)




          beh, l' altro governo ha affossato la
          libertà di stampa su internet....., oltre ad
          aver stretto accordi con ZioBill per
          diffondere la roba M$ nelle scuoli.
          stare a interrogare su programmi in Java, mi
          pare che sia una mera mossa confusionaria,
          di zero utilità pratica, quindi pura
          demagogia....Che sia la classica mossa per farsi pubblicità è palese...Che il governo attuale sia immobile in questo particolare settore anche...
          • Anonimo scrive:
            Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?

            Che sia la classica mossa per farsi
            pubblicità è palese...
            Che il governo attuale sia immobile in
            questo particolare settore anche...che a nessuno dei governi gliene freghi nulla è chiaro..... se c'era linux al potere, i verdi votavano Windows. non è questo il male, il problema è che gli utenti linux abboccano, e danno retta ai verdi, che finché sono stati al governo hanno fatto ne più ne meno come gli altri, ovvero favorire i grandi interessi, quello che in maniera + sfacciata e becera fa berlusconi....
        • Anonimo scrive:
          Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
          pure tu ciai ragione! i communisti hanno affossato la libertà in internet in tutto il mondo fino dai tempi di stalin e dei gulaschma chi è sto zio bill che è andato nelle scuole? un piedofilo?invece Berluschini a me mi sta facendo un sacco di cose, mi fa stare meglio di quando si stava peggio e se vado in tribbunale rifiuto il giudice perchè cellà con me
      • Anonimo scrive:
        Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
        - Scritto da: matteooooo
        Ecco il solito intervento stupido...
        Ma scusa anche se fosse il nuovo governo non
        è stato in grado di fare nulla in un anno e
        mezzo?
        ( a parte farci perdere ogni credibilità ed
        aver affossato il sistema giuridico
        italiano...)

        Tu non sei mai stato credibile, cheddici?
    • Anonimo scrive:
      Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
      Bravo ciai raggione, che hanno fatto i cologisti al governo coi communisti? gniente, dico gnienteee! come è sotto gli occhi di tutto il mondoBrlusconi fa del suo meglio per farci stare a tutti meglio e nessuno che gli dice un grazie, poveruomoE ditegli grazie no?
      • Anonimo scrive:
        Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
        - Scritto da: Il lercio
        Bravo ciai raggione, che hanno fatto i
        cologisti al governo coi communisti?
        gniente, dico gnienteee! come è sotto gli
        occhi di tutto il mondo
        Brlusconi fa del suo meglio per farci stare
        a tutti meglio e nessuno che gli dice un
        grazie, poveruomo
        E ditegli grazie no?GRAZIE
        • Anonimo scrive:
          Re: E il Partito del Cortiana che ha fatto in 5 anni ?
          - Scritto da: mel4tonin


          - Scritto da: Il lercio

          Bravo ciai raggione, che hanno fatto i

          cologisti al governo coi communisti?

          gniente, dico gnienteee! come è sotto gli

          occhi di tutto il mondo

          Brlusconi fa del suo meglio per farci
          stare

          a tutti meglio e nessuno che gli dice un

          grazie, poveruomo

          E ditegli grazie no?

          GRAZIEMi consenta di unirmi ai ringraziamenti :-)
  • Anonimo scrive:
    Java....
    Ma scusatemi Java non doveva essere multipiattaforma?Oppure bisgna sviluppare una versione del programma per ogni VM creata fino ad oggi?E poi scusatemi che volete che sia rimane fuori solo ' 1% del mercato home...
    • Anonimo scrive:
      Re: Java....
      - Scritto da: matteooooo
      E poi scusatemi che volete che sia rimane
      fuori solo ' 1% del mercato home...ok allora togliamo tutti gli scivoli per le carrozzelle dagli edifici pubblici, che vuoi che sia rimane fuori meno dell'1% delle persone; ma per favore! quello e' un servizio pubblico e DEVE essere accessibile a qualsiasi cittadino abbia un sistema che rispetta gli standard punto!
      • Anonimo scrive:
        Re: Java....
        - Scritto da: PorcoWeb


        - Scritto da: matteooooo

        E poi scusatemi che volete che sia rimane

        fuori solo ' 1% del mercato home...
        ok allora togliamo tutti gli scivoli per le
        carrozzelle dagli edifici pubblici, che vuoi
        che sia rimane fuori meno dell'1% delle
        persone; ma per favore! quello e' un
        servizio pubblico e DEVE essere accessibile
        a qualsiasi cittadino abbia un sistema che
        rispetta gli standard puntoSe tu permetti sono due cose ben diverse.Lo stato deve aiutare i portatori di handicap creando a loro strutture adeguate e questo è sacrosanto.Se tu invece decidi di tua iniziativa di uscire della maggioranza è probabile che ti trovi in difficoltà.Se invento una macchina che va a panna montata non posso certo lametarmi che non trovo distibutori in giro... o posso?
        • Anonimo scrive:
          Re: Java....
          ma scherzi o sei serio??? Una struttura pubblica che eroga un servizio pubblico deve rendere accessibile tale servizio a chiunque abbia un sistema che rispetta gli standard, ed e' sacrosanto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            ma scherzi o sei serio??? Una struttura
            pubblica che eroga un servizio pubblico deve
            rendere accessibile tale servizio a chiunque
            abbia un sistema che rispetta gli standard,
            ed e' sacrosanto.E questi standard quali sarebbero? Dove sono codificati? chi li codifica?Adesso non venirmi a dire che è obbligatorio usare Java...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            uno standard e' tale de jure o de factode jure e' imposto da un autorita' che regola queste cose,de facto e' uno standard aperto, libero o proprietario che sia che si e' imposto per la sua diffusione (deve essere aperto per poterne permettere l'implementazione su tutte le piattaforme)
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: PorcoWeb
            uno standard e' tale de jure o de facto
            de jure e' imposto da un autorita' che
            regola queste cose,
            de facto e' uno standard aperto, libero o
            proprietario che sia che si e' imposto per
            la sua diffusione (deve essere aperto per
            poterne permettere l'implementazione su
            tutte le piattaforme)Mettila così.. il ministero ha scelto lo standard di mercato...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo
            Mettila così.. il ministero ha scelto lo
            standard di mercato...non esiste lo "standard di mercato" il ministero eroga un servizio publico e ne deve permettere l'accesso a tutti (dato che tale servizio e' reogato coi soldi delle nostre tasse e non solo con le tasse di chi usa windos) non solo a chi usa un certo sistema operativo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: PorcoWeb


            - Scritto da: matteooooo

            Mettila così.. il ministero ha scelto lo

            standard di mercato...
            non esiste lo "standard di mercato" il
            ministero eroga un servizio publico e ne
            deve permettere l'accesso a tutti (dato che
            tale servizio e' reogato coi soldi delle
            nostre tasse e non solo con le tasse di chi
            usa windos) non solo a chi usa un certo
            sistema operativo.Il buonsenso purtroppo non è legge e quindi se quello che dici non è regolato da uno specifico regolamento stai parlando a vanvera...Aggiungo che quello che dici è sicuramente bello ma,secondo me, non è attuabile...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo
            Il buonsenso purtroppo non è legge e quindi
            se quello che dici non è regolato da uno
            specifico regolamento stai parlando a
            vanvera...non parlo a vanvera sto sostenendo un principio che secondo me e' giusto e che auspico diventi legge quanto prima

            Aggiungo che quello che dici è sicuramente
            bello ma,secondo me, non è attuabile...perche' no? gli standard per permettere la fruizione di contenuti e servizi a tutti esistono, basta seguirli.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....


            Aggiungo che quello che dici è sicuramente

            bello ma,secondo me, non è attuabile...
            perche' no? gli standard per permettere la
            fruizione di contenuti e servizi a tutti
            esistono, basta seguirli.L'unico che mi viene in mento è l'HTML per l'interfaccia e l'XML per i dati.Ma siamo sicuri che verrebbe fuori un prodotto altrettando usabile?
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo
            L'unico che mi viene in mento è l'HTML per
            l'interfaccia e l'XML per i dati.

            Ma siamo sicuri che verrebbe fuori un
            prodotto altrettando usabile?perche' no? E poi finche' non provi non lo puoi apere ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: PorcoWeb


            - Scritto da: matteooooo

            L'unico che mi viene in mento è l'HTML per

            l'interfaccia e l'XML per i dati.



            Ma siamo sicuri che verrebbe fuori un

            prodotto altrettando usabile?
            perche' no? E poi finche' non provi non lo
            puoi apere ;)Puo essere.... perchè qualcuno non crea il software e lo regala al ministero(con l'obbligo di tenerlo in GPL)...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            Puo essere.... perchè qualcuno non crea il
            software e lo regala al ministero(con
            l'obbligo di tenerlo in GPL)...robe da matti.. mi risulta che il ministero lo abbia pagato lo sviluppo di quel software, che non deve essere arrivato dal cielo. se il ministero ha comprato un software che funziona solo sul 90% dei sistemi degli italiani ha speso non bene i suoi soldi.se ha comprato un software che non potra modificare a suo piacimento in futuro per renderlo adeguato alle nuove eventuali esigenze ha speso male i suoi soldi, mi pare evidente.e siccome quei soldi sono anche i tuoi, dovresti essere il primo a sperare che nei prossimi acquisti il ministero sia piu oculato....
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo
            Puo essere.... perchè qualcuno non crea il
            software e lo regala al ministero(con
            l'obbligo di tenerlo in GPL)...credo che qui' ci sia una confusione di fondo, il punto e' che io pago le tasse e con quei soldi debbono essere istituiti servizi come questo; ora non vedo il motivo per cui lo stato non debba provvedere giustamente con i soldi delle nostre tasse a pagare dei programmatori per sviluppare soluzioni multipiattaforma (fattibbilissime), ma qualcuno glielo debba sviluppare gratis.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            credo che qui' ci sia una confusione di
            fondo, il punto e' che io pago le tasse e
            con quei soldi debbono essere istituiti
            servizi come questo; ora non vedo il motivo
            per cui lo stato non debba provvedere
            giustamente con i soldi delle nostre tasse a
            pagare dei programmatori per sviluppare
            soluzioni multipiattaforma
            (fattibbilissime), ma qualcuno glielo debba
            sviluppare gratis.Non continuo a capire le tue pretese...Usi un sistema operativo di nicchia e pretendi di essere tutelato....Le vostre richieste hanno sicuramente senso idealmente parlando ma in pratica sarebbe costoso (economicamente/organizzativamente)accontentare tutti; allora si accontenta la maggioranza.Se vuoi dimostrare al ministero che creare qualcosa che va bene per tutti è possibile fallo , sbattiglielo in faccia...altrimenti siete qua a fare capricci.Domani mi scrivo il MatteOS e mi lamento perchè lo stato non mi tutela...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo
            Non continuo a capire le tue pretese...
            Usi un sistema operativo di nicchia e
            pretendi di essere tutelato....??????? ma scherzi?? io pago le tasse con cui viene reso il servizio in questione e dato che e' possibile offrire un servizio multipiattaforma pretendo che lo si faccia, ma scvherziamo?
            Le vostre richieste hanno sicuramente senso
            idealmente parlando ma in pratica sarebbe
            costoso
            (economicamente/organizzativamente)accontenta??? che cambia? devi comunque pagare dei coder; se li paghi per sviluppare un applicazione multipiattaforma o no che cambia scusa?

            Se vuoi dimostrare al ministero che creare
            qualcosa che va bene per tutti è possibile
            fallo , sbattiglielo in faccia...
            altrimenti siete qua a fare capricci.a me sembra che tu faccia finta di non capire; non sono io che devo chiedere o dimostrare; io quel servizio lo pago e quindi pretendo di poterlo fruire da qualsiasi sistema che rispetti gli standard.

            Domani mi scrivo il MatteOS e mi lamento
            perchè lo stato non mi tutela...se il MatteoOS implementa tecnologie le multipiattaforma in questione hai tutto il diritto di lamentarti. Non bisogna mica scrivere un applicazione per ogni sistema basta scriverne una per una tecnologia multipiattaforma aperta (in modo che chiunque possa implementarla sul suo sistema).
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            a me sembra che tu faccia finta di non
            capire; non sono io che devo chiedere o
            dimostrare; io quel servizio lo pago e
            quindi pretendo di poterlo fruire da
            qualsiasi sistema che rispetti gli standard.Ritorniamo al punto di prima...quali sono questi standard?Chi li fa?Chi li certifica? Mi ripeto... lo standard per lo stato italiano è windows....
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo
            Mi ripeto... lo standard per lo stato
            italiano è windows....mi ripeto:uno standard e' tale de jure o de factode jure e' imposto da un autorita' che regola queste cose,de facto e' uno standard aperto, libero o proprietario che sia che si e' imposto per la sua diffusione (deve essere aperto per poterne permettere l'implementazione su tutte le piattaforme)
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            de jure e' imposto da un autorita' che
            regola queste cose,Su questo siamo d'accordo
            de facto e' uno standard aperto,Qua non sono d'accordo. Lo standard de facto equivale allo standard di mercato....come l'HTML standard de facto è quello supportato da IE
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo


            de jure e' imposto da un autorita' che

            regola queste cose,

            Su questo siamo d'accordo


            de facto e' uno standard aperto,

            Qua non sono d'accordo. Lo standard de facto
            equivale allo standard di mercato....come
            l'HTML standard de facto è quello supportato
            da IEperdonami ma la parola stessa standard vuol dire un qualcosa che nella sua categoria e' il modello e a cui tutti si debbono rifare, ora mi spiegheresti come uno si possa rifare ad uno standard chiuso e quindi non accessibile? che standard e'? Credo tu sappia che gli standard sono nati appositamente per garantire interoperabilita' tra sistemi differenti; come potrai capire uno "standard" chiuso ottiene esattamente l'effetto opposto quindi standard non e', chiaro?Uno standard de facto e' uno standard aperto che si e' imposto grazie alla diffusione (libero o roprietario che sia); se non e' aperto l'interoperabilita' (che e' lo scopo di uno standard) va' a farsi benedire, quindi standard non e'.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            Uno standard de facto e' uno standard aperto
            che si e' imposto grazie alla diffusione
            (libero o roprietario che sia); se non e'
            aperto l'interoperabilita' (che e' lo scopo
            di uno standard) va' a farsi benedire,
            quindi standard non e'.Mi sa che se andiamo avanti così stiamo qui fino a domani mattina. Rispetto la tua opinione ma non la condivido...Buona serata :-)))
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            miiii ma che mi fai gli agguati o vivi sul forum? non faccio in tempo a postare che mi rispondi... cmq vabbe' direi di finirla qua' pure io; alla prossima :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            forse il discorso non è chiaro e cerco di fartelo capire in altra maniera. Come ben sai il ministero delle infrastrutture pubblica le tabelle dei costi delle assicurazioni RC, scaricabili dal proprio sito. Bene, per poter scegliere al meglio mi sono connesso al sito per poi rinunciare al download in quanto il documento era in formato XLS.Io non ho Ecxel e non ho intenzione di spendere centinaia di euro per acquistare office ne' lo voglio installare piratato. Ti sembra giusto che per accedere ad un documento dello Stato debba pagare una tassa anche a M$? il problema è questo, non quello di tutelare le minoranze, bensì di non dover pagare tasse, oltre che allo Stato, anche ad un altro individuo.Come se, tornando all'argomento delle carrozzelle e degli scivoli, questi ultimi fossero costruiti in maniera tale da far passare solo una marca di carrozzelle e nessun'altra; ti va bene l'esempio adesso? Certo che non è calzante al massimo: una cosa è aver la possibilità di usare un pc e un'altra quella di poter camminare, ma è solo un esempio, portato alle estreme conseguenze. A voler essere cinici uno potrebbe sempre dire: e mica è obbligatorio girare in carrozzella: esiste l'elicottero, che tra l'altro mantiene le proporzioni di prezzo tra Linux e M$.Anche questo è un esempio del cavolo che sta li senza voler offendere nessuno, anzi, mi scuso già qui qualora qualcuno si risentisse.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            Anche questo è un esempio del cavolo che sta
            li senza voler offendere nessuno, anzi, mi
            scuso già qui qualora qualcuno si
            risentisse.Mi sembra che:- se usi piattaforma Windows esiste un viewer gratuito- se usi Windows o Linux esiste OpenOffice che tratta in maniera egregia i file .xlsIl problema è che non esiste un formato standard per questi tipi di dati(non ditemi csv perchè non supporta a titolo di esempio i fogli multipli).Siccome non esiste uno standard adeguato lo standard l'ha fatto il mercato...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            Giustissimo, lo standard lo ha creato il mercato: Java (e a dispetto di M$). E allora, visto che è supportato da tutti i so, sarebbe stato così complicato realizzare il programma in maniera da renderlo accessibile a tutti? possibile che con Linux si riesce a giocare a Q2 e a UT (e qui le case avrebbero anche potuto fregarsene di quella minoranza che utilizza Linux) e lo Stato, che ha il DOVERE di raggiungere tutti i cittadini realizza un qualcosa che non raggiunge l'obbiettivo? E se lo Stato cominciasse a regalare 1000 ? a tutti i cittadini e a te no perchè ci sei andato lunedi, come la prenderesti? Mica è obbligato a darteli: è un regalo!Cmq il problema lo stiamo perdendo di vista: il punto, almeno a mio avviso, non è Linux o M$; bensì che ogni programma che si rivolge solo ad una piattaforma non fa altro che rinforzarla. E siccome questa piattaforma è privata, non vorrei cominciare a pagare le tasse anche ad una terza figura oltre stato e provincia (a quando le tasse circoscrizionali)?Ciao ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            Mi sembra che:
            - se usi piattaforma Windows esiste un
            viewer gratuito
            - se usi Windows o Linux esiste OpenOffice
            che tratta in maniera egregia i file .xlsper una tabella di costi delle assicurazioni?? ma stiamo scherzando? scommetto che bastava metterle in una tabella html, senza manco scomodare xml ecc...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: qweasdzxc

            Mi sembra che:

            - se usi piattaforma Windows esiste un

            viewer gratuito

            - se usi Windows o Linux esiste OpenOffice

            che tratta in maniera egregia i file .xls

            per una tabella di costi delle
            assicurazioni?? ma stiamo scherzando?
            scommetto che bastava metterle in una
            tabella html, senza manco scomodare xml
            ecc...E' stano ho sempre pensato che l'informatico fosse un innovatore...Se è per quello va bene anche un normale .txt.Certo che se io voglio ordinare la lista per qualche criterio ecco che devo fare qualcosa di piu' evoluto...Se fosse per alcuni qui i documenti andrebbero ancora incisi su delle steli
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            Dato che sei x Unix e l'open source.....mettitelo a fare tu il software open source x il ministero delle finanze in Unix.Non ti conviene? beh...allora non blaterare tu e il tuo stupido sistema operativo da 10.000 unita' in Italia.(Internet Explorer ha il 98% del mercato mondiale, Netscape solo il 2% di Netscape, poi, puoi dire che il 75% usa Unix, ma non di + ).Di tutti i linuxari, poi, quelli che si mettono a compilare il modello unico online....secondo te quanti sono?1....2.....4? Non di +, quindi xche' pagare un programmatore x fare un programma che utilizzeranno 4 e dico 4 persone massimo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            ma hai letto quello che ho scritto?? Non ho detto di mettere su roba diversa per ogni piattaforma ma usare roba multipiattaforma; anche se ti sembra strano anche chi non usa windows paga le tasse sai?
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            Di tutti i linuxari, poi, quelli che si
            mettono a compilare il modello unico
            online....secondo te quanti sono?
            1....2.....4? Non di +, quindi xche' pagare
            un programmatore x fare un programma che
            utilizzeranno 4 e dico 4 persone massimo?perche sono cittadini italiani come te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            giusto...avete ragione sia tu che Porcoweb (credo che sia cosi il suo nick), ma purtroppo, a volte, non ci si puo' accontentare tutti.....pensa a tutti quelli che hanno bisogno di una casa e sono in lista d'attesa da 15 anni.....pensa a quanti stanno ancora al freddo e al gelo lissu' ad Assisi....Lo stato non puo' provvedere ai fabbisogni di 4 persone che per ripicca non vogliono utilizzare Windows xche' sono dei puristi.Hanno offerto un servizio.Lo hanno offerto su una piattaforma.O usi quella piattaforma o ti stai zitto.Mi sembra chiaro no? specialmente se quella piattaforma e' usata da una larga maggioanza della popolazione MONDIALE.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            giusto...avete ragione sia tu che Porcoweb
            (credo che sia cosi il suo nick), ma
            purtroppo, a volte, non ci si puo'
            accontentare tutti.....pensa a tutti quelli
            che hanno bisogno di una casa e sono in
            lista d'attesa da 15 anni.....pensa a quanti
            stanno ancora al freddo e al gelo lissu' ad
            Assisi....ah certo, peccato che qui parliamo veramente di cose piccole, commissionare un software multipiattaforma invece di un software monopiattaforma, visto il linguaggio usato i tempi di sviluppo sarebbero stati praticamente identici e anche il costo sostenuto in piu sarebbe stato un'inezia. quindi e giusto protestare perche venga corretto in fretta, visto che si puo fare, questo problema, e che in futuro si commissioni il software in maniera meno miope, se neanche in queste piccolissime cose si riesce a mantenere un minimo di spirito democratico, i terremotati di assisi non torneranno nelle loro case manco nel 2050
            Lo stato non puo' provvedere ai fabbisogni
            di 4 persone che per ripicca non vogliono
            utilizzare Windows xche' sono dei puristi.
            Hanno offerto un servizio.non sono 4 persone, non sono dei puristi. manco gli utenti macosx lo possono usare ho letto, mi pare una cosa vergognosa. fossero anche solo gli utenti unix a non poterlo usare sarebbero comunque troppi, non si capisce perche per compilare uno sporco modulo sia necessario andare a comprare un costoso sistema operativo da una ditta americana...
            Lo hanno offerto su una piattaforma.
            O usi quella piattaforma o ti stai zitto.gli costava zero offrirlo su tutte le piattaforme, percio non sto zitto per niente, se quella piattaforma fosse almeno accessibile a tutti, ma non e cosi...
            Mi sembra chiaro no? specialmente se quella
            piattaforma e' usata da una larga maggioanza
            della popolazione MONDIALE.non e chiaro un tubo, spiegami perche per compilare online il modulo delle tasse devo pagare una ditta privata che non e neanche italiana. chissenefrega poi della popolazione mondiale, in italia ci sono centinaia di migliaia se non piu utenti di sistemi operarativi che non possono usare quel modulo se non per miopia di chi ha commissionato il software, non certo per motivi tecnici o economici, non vedo perche mai dovrebbero stare zitti, visto che cosi in futuro queste gravi sviste continueranno a ripetersi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            non e chiaro un tubo, spiegami perche per compilare online il modulo delle tasse devo pagare una ditta privata che non e neanche italiana. chissenefrega poi della popolazione mondiale, in italia ci sono centinaia di migliaia se non piu utenti di sistemi operarativi che non possono usare quel modulo se non per miopia di chi ha commissionato il software, non certo per motivi tecnici o economici, non vedo perche mai dovrebbero stare zitti, visto che cosi in futuro queste gravi sviste continueranno a ripetersi.------------------------------------Beh....diciamo che di ragionieri che sanno utilizzare Linux, si potrebbero contare su 2 mani.....che siano interessati poi a compilare il modello UNICO....O pensi che ci siano + utenti Unix di Windows?( Se credi cosi, vai a vedere un po' le statistiche dei vari siti web ).....
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            Beh....diciamo che di ragionieri che sanno
            utilizzare Linux, si potrebbero contare su 2
            mani.....che siano interessati poi a
            compilare il modello UNICO....
            O pensi che ci siano + utenti Unix di
            Windows?
            ( Se credi cosi, vai a vedere un po' le
            statistiche dei vari siti web ).....mi spieghi che me ne potrebbe fregare a me delle statistiche web? c'e un programma scritto in java che per pura idiozia e stato pacchettizzato solo per windows, non si capisce perche diavolo anche gli altri non lo possano usare, visto che costava ZERO fatica tempo e soldi renderlo possibile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            stai toccando il fondo, non te ne accorgi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            più vado avanti più vedo che non hai la benché minima competenza tecnica né giuridica sull'argomento in questione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            scusa, hai una vaga idea di ciò di cui stai parlando?
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            e qui sbagli: probabilmente il sistema è fatto con i soldi di M$ (capisciammè) e quindi DEVE essere compatibile solo con MS, e possibilmente solo con le ultima vers dei vari SO;-)))) (per qualcuno più intelligente degli altri, questo post è ironico).
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo


            ma scherzi o sei serio??? Una struttura

            pubblica che eroga un servizio pubblico
            deve

            rendere accessibile tale servizio a
            chiunque

            abbia un sistema che rispetta gli
            standard,

            ed e' sacrosanto.

            E questi standard quali sarebbero? Dove sono
            codificati? chi li codifica?
            Adesso non venirmi a dire che è obbligatorio
            usare Java...Non è obbligatorio, ma se devi sviluppare una applicazione che giri sul più vasto numero possibile di piattaforme, allora è la scelta più ragionevole, quella che richiede complessivamente meno lavoro, senza discriminare nessuno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Java....

          Se invento una macchina che va a panna
          montata non posso certo lametarmi che non
          trovo distibutori in giro... o posso?perche, la distribuzione della panna montata e un servizio pubblico adesso? svegliaaaaa
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: qweasdzxc

            Se invento una macchina che va a panna

            montata non posso certo lametarmi che non

            trovo distibutori in giro... o posso?

            perche, la distribuzione della panna montata
            e un servizio pubblico adesso? svegliaaaaaLa distibuzione del carburante è regolato come tale; se io invento la macchina che va a panna montata la panna montata è un carburante...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            La distibuzione del carburante è regolato
            come tale; se io invento la macchina che va
            a panna montata la panna montata è un
            carburante...ci sono le macchine a metano, e la gente si lamenta che distributori ce ne sono troppo pochi infatti. aumentare il numero di distributori di metano non e proprio una cosa facile e istantanea, chissa se poi sotto ci sono interessi ecc... creare un software multipiattaforma per compilare un modulo invece e semplice e istantaneo quanto lo e crearlo per una singola piattaforma, tanto piu che e scritto in questo caso in java, e solo alcune parti non sono portabili. non si capisce perche un buon 5-10% di utenti non possano compilare il modulo col pc, o si tratta di una clamorosa svista di chi ha commissionato il software, il che e probabile, e visto che non bisogna smantellare tutta la rete di distributori di benzina in italia e anche facile rimediare, o, a pensare male, qualcuno lo ha fatto apposta, ma non penso, motivo in piu per protestare...
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo
            La distibuzione del carburante è regolato
            come tale; se io invento la macchina che va
            a panna montata la panna montata è un
            carburante...
            a si? e allora come mai se vado a fare il pieno ci lascio un sacco di euro e non me li paga lo stato coi soldi delle mie tasse come invece avviene per il servizio online in questione?
    • Anonimo scrive:
      Re: Java....
      - Scritto da: matteooooo
      Ma scusatemi Java non doveva essere
      multipiattaforma?
      Oppure bisgna sviluppare una versione del
      programma per ogni VM creata fino ad oggi?Il software del ministero e' in buonaparte in Java ma contiene alcunipezzi realizzati con tecnologie diversee non portabili.Se fosse scritto interamente in Java sarebbe portabile senza problemi dappertutto (Per essere precisi sarebbe portabile su ogni OS per il quale sia stata sviluppato una VM java).
    • Anonimo scrive:
      Re: Java....
      - Scritto da: matteooooo
      E poi scusatemi che volete che sia rimane
      fuori solo ' 1% del mercato home...
      Ti do perfettamente ragione.Basterebbe aggiungere una banalissima nota sul sito:"chi non dispone di un sistema operativo supportato e` esentato dalla presentazione del modello e dal pagamento delle relative imposte."In fondo che sara` mai se rimane fuori l' 1% dei contribuenti ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Java....

        In fondo che sara` mai se rimane fuori l' 1%
        dei contribuenti ...E chi ha casa non ha il computer? lo stato te lo deve fornire?
        • Anonimo scrive:
          Re: Java....
          - Scritto da: matteooooo

          E chi ha casa non ha il computer? lo stato
          te lo deve fornire?
          Per chi non ha il computer il problema nonsi pone.Cosi` come non si pone il problema degliincentivi alla rottamazione per chi non ha la macchina.Sta di fatto che gli utenti win o mac copronoil 99% dei possessori di personal computer.Vogliamo ignorare il restante 1% ?Benissimo, ma allora lo ignoriamo nella buonae nella cattiva sorte.Se invece lo si vuole semplicemente danneggiare il discorso cambia, ovviamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....

            Se invece lo si vuole semplicemente
            danneggiare il discorso cambia, ovviamente.Stai dicendo che la non compatibiltà con Linux/Unix è voluta?
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: matteooooo


            Se invece lo si vuole semplicemente

            danneggiare il discorso cambia,
            ovviamente.

            Stai dicendo che la non compatibiltà con
            Linux/Unix è voluta? No, dico che *se* e` voluta non mi pare giustificabile.Se e` accidentale si tratta semplicemente di una anomalia del sistem (alla stregua di un bug) da appianare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            Il ministero potrebbe sempre dire che la compilazione del modulo per le imposte è aperto a tutti, chi non riesce a farlo con il computer perchè non può permettersi di pagare lo stesso o il software proprietario lo può sempre fare a mano! Tra l'altro pensate agli analfabeti, probabilmente non so più molti ma cmq ci sono, queste persone come fanno a compilare il modulo, sono una minoranza e anche questi non sono rispettati! Lo stato mette forse a disposizione di queste persone qualcuno che gratuitamente le aiuti? Non so ma non credo!E i ciechi i disabili, i malati? Chi tiene conto di queste persone, lo stato le aiuta gratuitamente? Non so ma non credo!In conclusione anche se ci fosse la possibilità di usare linux per compilare il formulario in formato elettronico, ci sarebbero cmq molte ingiustizie per molte persone, anche se sono una minoranza!
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: Luca
            Il ministero potrebbe sempre dire che la
            compilazione del modulo per le imposte è
            aperto a tutti, chi non riesce a farlo con
            il computer perchè non può permettersi di
            pagare lo stesso o il software proprietario
            lo può sempre fare a mano! il servizio di compilazione online e' fatto anche con i MIEI soldi delle tasse quindi esigo che sia compilabile anche da me che non uso un sistema operativo microsoft; sai cosa e' un servizio pubblico?
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: Luca
            E i ciechi i disabili, i malati? Chi tiene
            conto di queste persone, lo stato le aiuta
            gratuitamente? Non so ma non credo!1. Io credo che dovrebbe2. Gratuitamente? Questa gente non paga forsele tasse? Mi sa che gratuitamente lo stato assiste solo gli evasori fiscali.3. Nel caso specifico non mi pare si trattidi *aiutare* ma di *non escludere* che e`cosa ben diversa.
            In conclusione anche se ci fosse la
            possibilità di usare linux per compilare il
            formulario in formato elettronico, ci
            sarebbero cmq molte ingiustizie per molte
            persone, anche se sono una minoranza!D'accordo, ma le ingiustizie, quando si puo`,sarebbe bene evitarle
          • Anonimo scrive:
            Re: Java....
            - Scritto da: Luca
            In conclusione anche se ci fosse la
            possibilità di usare linux per compilare il
            formulario in formato elettronico, ci
            sarebbero cmq molte ingiustizie per molte
            persone, anche se sono una minoranza!vero, ma non giustifica una beneamata.
        • Anonimo scrive:
          Re: Java....
          e quando, in futuro, avere il computer sarà come avere la TV (ovvero ce l'ha anche il morto di fame)? mi spieghi cosa ci guadagnamo noi a cominciare sin d'ora a chinare il capo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Java....
      - Scritto da: matteooooo
      Ma scusatemi Java non doveva essere
      multipiattaforma?
      Oppure bisgna sviluppare una versione del
      programma per ogni VM creata fino ad oggi?Non e' necessario se ci si attiene alle linee guida per la portabilita' del codice: niente estensioni ne' installer proprietari, eccetera
      E poi scusatemi che volete che sia rimane
      fuori solo ' 1% del mercato home...Guardala cosi': tu puoi scegliere se soddisfare il 99% dell'utenza oppure il rimanente 1%; per forza di cose fai in modo di soddisfare la maggioranza.Viceversa, hai modo di soddisfare il 99% dell'utenza oppure, sbattendoti un po' di piu', di soddisfare il 100% dell'utenza: se sei una pubblica istituzione DEVI fare in modo di soddisfare tutti, specie se, come in questo caso, la cosa non richiede salti mortali (altrimenti ricadresti nel primo caso)
  • Anonimo scrive:
    Vai Fiorello
    sei tutti noI!!!
  • Anonimo scrive:
    LA PIU SEMPLICE DELLE SOLUZIONI..
    Invece di pensare con quale software o sistema operativo gestire il modello unico, io la soluzione l'avrei.NON FARE IL MODELLO UNICO.SALUTI.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA PIU SEMPLICE DELLE SOLUZIONI..
      Questa si che e' un scelta responsabile , matura e con un occhio di riguardo verso il futuro.Sono con te !!!- Scritto da: Riccardo S.
      Invece di pensare con quale software o
      sistema operativo gestire il modello unico,
      io la soluzione l'avrei.

      NON FARE IL MODELLO UNICO.

      SALUTI.
  • Anonimo scrive:
    mac os X
    faccio notare la comprovata efficenza del ministero ,che ha fatto una versione del programma per macintosh che non gira su mac os x !cioe':CARATTERISTICHE TECNICHEL?acquisizione ed installazione delle procedure necessita dei seguenti requisiti tecnici minimi: * Power PC; * 64 MB RAM; * sistema operativo MAC OS 8.0 e successivi (ad esclusione di MAC OS X).preso da: http://www.agenziaentrate.it/modulistica/dichiarazione/2002/uniconline/software_contr.htmaltro che supporto per linux ! il ministero se nefrega di qualsiasi utente non-microsoft !
  • Anonimo scrive:
    Wine ?
    Qualcuno ha provato a farlo girare con wine ?così, tanto per dire ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Wine ?
      - Scritto da: New Magic Flash
      Qualcuno ha provato a farlo girare con wine ?
      così, tanto per dire ...Il fatto è che wine serve per far girare i sw proprietari. Il problema non è linux, windows o wine, il problema è che se io sono un'istituzione pubblica, non posso dar via il file pippo che gira in modo nativo col programma pluto di proprietà di qualcuno. Altrimenti vuol dire che sto cercando di favorire quel qualcuno.Tit.
      • Anonimo scrive:
        Re: Wine ?
        - Scritto da: Tit.


        - Scritto da: New Magic Flash

        Qualcuno ha provato a farlo girare con
        wine ?

        così, tanto per dire ...

        Il fatto è che wine serve per far girare i
        sw proprietari. Il problema non è linux,
        windows o wine, il problema è che se io sono
        un'istituzione pubblica, non posso dar via
        il file pippo che gira in modo nativo col
        programma pluto di proprietà di qualcuno.
        Altrimenti vuol dire che sto cercando di
        favorire quel qualcuno.

        Tit.Si, certo. Ma si da il caso che quel "qualcuno" sia il 99,5% degli utenti PC. Anche nei distributori automatici di sigarette si favorisce qualcuno....la maggioranza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Wine ?

          Si, certo. Ma si da il caso che quel
          "qualcuno" sia il 99,5% degli utenti PC.E allora aboliamo gli scivoli dei marciapiedi, tanto il 99,5% della gente non gira su sedie a rotelle!
          Anche nei distributori automatici di
          sigarette si favorisce qualcuno....la
          maggioranza.La maggioranza non fuma. E non mi paragonare la vendita di sigarette ad un servizio pubblico.Garak
          • Anonimo scrive:
            Re: Wine ?

            E allora aboliamo gli scivoli dei
            marciapiedi, tanto il 99,5% della gente non
            gira su sedie a rotelle!
            Purtroppo le persone che sono portatori di handicap non hanno possibilità di scelta...Smettiamola per favore di citare a sproposito persone che hanno problemi veri
          • Anonimo scrive:
            Re: Wine ?
            - Scritto da: matteooooo
            Purtroppo le persone che sono portatori di
            handicap non hanno possibilità di scelta...Forse magari non ti viene in mente che in Italia c'e` gente che non ha molti soldi e usa un vecchio computer e non puo` permettersi il lusso di spendere centinaia di euro per sistemi operativi proprietari.Sai, ce ne tanta di questa gente, certo, e` una minoranza, ma come per i portatori di handicap, la scelta non ce l'hanno.Beh, potrebbero svaligiare una banca, e` vero, tanto poi farebbero il modello unico ! :)
            Smettiamola per favore di citare a
            sproposito persone che hanno problemi veriSmettiamola di aprire bocca senza aver azionato il cervello.
          • Anonimo scrive:
            Re: Wine ?

            Forse magari non ti viene in mente che in
            Italia c'e` gente che non ha molti soldi e
            usa un vecchio computer e non puo`
            permettersi il lusso di spendere centinaia
            di euro per sistemi operativi proprietari.
            Sai, ce ne tanta di questa gente, certo, e`
            una minoranza, ma come per i portatori di
            handicap, la scelta non ce l'hanno.Certo c'è anche chi il computer non se lo può permettere come la connessione ad Internet..Lo stato deve forse regalare il comp ai chi non se lo può permettere.Ti ricordo che la dichiarazione telematica è un accessorio non è l'unico modo per farla

            Smettiamola di aprire bocca senza aver
            azionato il cervello.Il cervello mi sembra che non lo sta usando chi tira fuori questi paragoni del tutto fuori luogo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Wine ?
            - Scritto da: matteooooo
            Certo c'è anche chi il computer non se lo
            può permettere come la connessione ad
            Internet..
            Lo stato deve forse regalare il comp ai chi
            non se lo può permettere.Ma che cavolo dici ?
            Ti ricordo che la dichiarazione telematica è
            un accessorio non è l'unico modo per farlaSi, e allora anche il telefono e` un accessorio, anche l'automobile !E il giornale pure ?Ma lo sai che siamo nel 2000 e passa ?
            Il cervello mi sembra che non lo sta usando
            chi tira fuori questi paragoni del tutto
            fuori luogo.Mapperfavore, non rispondermi perche` ho gia` capito dove vuoi arrivare.Che tristezza
          • Anonimo scrive:
            Re: Wine ?
            Probabilmente non vuoi capire...vuoi difendere le minoranze ma solo quelle che vuoi tu; l'utente Linux va difeso chi non si può permettere il computer no!Vai vai a ricompilare il kernel....
          • Anonimo scrive:
            Re: Wine ?
            - Scritto da: matteooooo
            Vai vai a ricompilare il kernel....E tu vai a farti un giro in carrozzella.Magari fossi menomato solo in quello.
        • Anonimo scrive:
          Re: Wine ?
          Ma naturalmente, favoriamo solo la maggioranza e discriminiamo pure le diversità, loro non hanno diritti (sono solo una minoranza).Continua pure a seguire il gregge.
        • Anonimo scrive:
          Re: Wine ?

          Si, certo. Ma si da il caso che quel
          "qualcuno" sia il 99,5% degli utenti PC.favorisce m$ non gli utenti m$
        • Anonimo scrive:
          Re: Wine ?
          Non era il 110% ?
  • Anonimo scrive:
    Denunciati per "omissione di atti di UTONTO"
    Fosse vero ciò che afferma il Senatore Cortiana, il Ministero delle Finanze, andrebbe denunciato per "omissione di atti di Utonto".Roba che solo in questo paese di UTONTI succede.
    • Anonimo scrive:
      Re: Denunciati per "omissione di atti di UTONTO"
      - Scritto da: buffonik
      Fosse vero ciò che afferma il Senatore
      Cortiana, il Ministero delle Finanze,
      andrebbe denunciato per "omissione di atti
      di Utonto".
      Roba che solo in questo paese di UTONTI
      succede.Quando il 95% degli utonti di questo Paese saranno linusauri succederà il contrario. Ma credo dovrai aspettare alcuni decenni perché succeda.
  • Anonimo scrive:
    non capisco
    su finanze.it i modelli unico sono in pdf, e il software e' in java.dove starebbe il problema ?e' tutta roba di cui esistono specifiche e implementazioni multipiattaforma.
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco
      - Scritto da: munehiro
      su finanze.it i modelli unico sono in pdf, e
      il software e' in java.
      dove starebbe il problema ?Il software è pensato per il JDK 1.1.8, di cui non esiste la versione per Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco
        - Scritto da: valkadesh
        Il software è pensato per il JDK 1.1.8, di
        cui non esiste la versione per Linux.Be'... ma per rendere compatibile il software con Java2 (1.4.0 ad esempio) non dovrebbe volerci molto... o i programmatori che hanno assunto al min. delle finanze sono cosi' affezionati al vecchio Java??? E' una vita che esistono le nuove versioni...
        • Anonimo scrive:
          Re: non capisco
          - Scritto da: J2SE
          - Scritto da: valkadesh... o i programmatori
          che hanno assunto al min. delle finanze sono
          cosi' affezionati al vecchio Java??? E' una
          vita che esistono le nuove versioni...al min. delle finanze non ci sono programmatorie' la Sogei che ha in mano da decenni l'informatica del ministero
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco

        Il software è pensato per il JDK 1.1.8, di
        cui non esiste la versione per Linux.Ma che te stai a inventa????Esiste da una vita.Il ministero ha SCELTO di non rendere il programma compatibile...
        • Anonimo scrive:
          Re: non capisco


          Il ministero ha SCELTO di non rendere il
          programma compatibile...Guarda che le paranoia può essere curata con l'aiuto di un buon professionista....Non è più semplice che i programmatori erano degli incapaci?
          • Anonimo scrive:
            Re: non capisco
            è più semplice ancora che qualcuno si sia messo in tasca qualcosa per non renderlo compatibile, o no?
          • Anonimo scrive:
            Re: non capisco
            - Scritto da: sasino
            è più semplice ancora che qualcuno si sia
            messo in tasca qualcosa per non renderlo
            compatibile, o no?Soppravvaluti i programmatori della SOGEI....
          • Anonimo scrive:
            Re: non capisco


            è più semplice ancora che qualcuno si sia

            messo in tasca qualcosa per non renderlo

            compatibile, o no?

            Soppravvaluti i programmatori della SOGEI....ah, perche per te sarebbe stata una cosa positiva...comunque il programma e perfettamente compatibile pare, il problema nasce solo dall'idiozia di chi lo ha pacchettizzato o di chi ne ha richiesto la pacchettizzazione solo in un formato...
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco

        Il software è pensato per il JDK 1.1.8, di
        cui non esiste la versione per Linux.E sticazzi! Se lo sviluppino...
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco
      - Scritto da: munehiro
      su finanze.it i modelli unico sono in pdf, e
      il software e' in java.
      dove starebbe il problema ?Io non capisco come mai il senatore si svegli solo adesso. Sono anni che la situazione e' questa. Meno male che adesso non c'e' piu' l'Ulivo al governo e quindi sentiamo la coraggiosa denuncia. Al nostro senatore slmmo non frega un tubo del sw libero. Sto Berlusconi e' terribile e asservito alla triade Microsoft/Apple/Adobe ed in un anno di governo ha fatto riscrivere il sw del ministero delle finanze per renderlo incompatibile ai sistemi operativi meno diffusi. Sarebbe auspicabile che la dichiarazione dei redditi fosse sviluppata tutta in Flash; vuoi mettere che bello. E gli utenti DOS, DRDOS o CPM perche' devono essere discriminati?Ernesto
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco
        - Scritto da: Vegetti
        Sarebbe auspicabile che la
        dichiarazione dei redditi fosse sviluppata
        tutta in Flashno, se si vuole fare un web service il lato client deve essere soloed esclusivamente html standard. Altrimenti taglierai sempre fuoriqualcuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco

        Sarebbe auspicabile che la
        dichiarazione dei redditi fosse sviluppata
        tutta in Flash; vuoi mettere che bello. E
        gli utenti DOS, DRDOS o CPM perche' devono
        essere discriminati?LOL!
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco
        - Scritto da: Vegetti
        Io non capisco come mai il senatore si
        svegli solo adesso. Sono anni che la
        situazione e' questa. Meno male che adesso
        non c'e' piu' l'Ulivo al governo e quindi
        sentiamo la coraggiosa denuncia. Al nostro
        senatore slmmo non frega un tubo del sw
        libero. Sto Berlusconi e' terribile e
        asservito alla triade Microsoft/Apple/Adobe
        ed in un anno di governo ha fatto riscrivere
        il sw del ministero delle finanze per
        renderlo incompatibile ai sistemi operativi
        meno diffusi. Siamo al delirio. Adesso il PDF non è più accettabile...!! Ma va'....!
        Sarebbe auspicabile che la
        dichiarazione dei redditi fosse sviluppata
        tutta in Flash; vuoi mettere che bello. E
        gli utenti DOS, DRDOS o CPM perche' devono
        essere discriminati?Ma che stai dicendo? In FLASH?!? E questo sarebbe un formato "aperto"? Uno "standard", come dite voi? Mi sa che non hai le idee chiare...
        • Anonimo scrive:
          Re: non capisco

          Siamo al delirio. Adesso il PDF non è più
          accettabile...!! Ma va'....!Veramente si stá parlando del software per la compilazione assistita che sará anche fatto in Java ma é chiuso dentro ad un programma autoestraente disponibile solo in formato binario per Windows e MacOs Classic.
        • Anonimo scrive:
          Re: non capisco
          Evidentemente ho sprecato la mia ironia.Mettero delle faccine la prossima volta.Ernesto
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco
      - Scritto da: munehiro
      su finanze.it i modelli unico sono in pdf, e
      il software e' in java.
      dove starebbe il problema ?
      e' tutta roba di cui esistono specifiche e
      implementazioni multipiattaforma.già, ma se chi programma lo fa col visual j++ e usa le estensioni M$? Ilprogramma sotto linux parte, ma non è in grado di autentificare idocumenti. E comunque, parlando di multipiattaforma, allora mi spieghiperché invece di dare via il propgramma in un bel .jar te lo danno in unbel .exe? Da lì vedi quanto male viene fatto il programma e se chepiattaforma viene pensato e sviluppato.
      • Anonimo scrive:
        Java o non Java
        E' assurdo che l'installer sia uno zip autoestraente diviso in quattro parti contenente un setup in formato solo windows (almeno per la ver windows)... a me risulta che ormai l'install shield sia disponbile anche in formato java.Certo forse per molti utenti scrivere "$JAVA_HOME/bin/java -jar setup.jar" sarà troppo difficile (soprattutto se vogliamo continuare ad educarli come utonti informatici)...Oltretutto sul mio windows 2000 con jdk ( equindi relativi jre) 1.4.0 e 1.3.1 l'installer si blocca perchè non trova il jre (che cerchi un path specifico per java?)!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Java o non Java
          - Scritto da: Andrea Fabris
          Oltretutto sul mio windows 2000 con jdk (
          equindi relativi jre) 1.4.0 e 1.3.1
          l'installer si blocca perchè non trova il
          jre (che cerchi un path specifico per
          java?)!!!!Quindi è fatto talmente male che neanche su tutti i sistemi window$ parte? Mah!
Chiudi i commenti