Inviare SMS non è molestia

di V. Frediani (consulentelegaleinformatico.it) - Ecco perché secondo la Cassazione la trasmissione di SMS indesiderati non può configurarsi come molestia. Una sentenza emblematica


Roma – Inviare SMS indesiderati non è configurabile come reato di molestia. Questo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 18449/2005, a seguito di ricorso presentato da un uomo che era stato condannato in precedenza.

Nei fatti, un uomo invia due messaggi via telefonino ad una donna, il tutto in rapida sequenza, e contenenti ingiurie. La donna si rivolge così all’autorità giudiziaria denunciando l’uomo per il reato di molestia e disturbo alle persone. In sostanza, l’ipotesi di reato lamentata dalla donna è quella di cui all’art. 660 del codice penale, ovvero: “Chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a 516 euro.”

Nei gradi antecedenti alla Cassazione l’accusato viene condannato a 500 euro di ammenda. Ebbene, una volta in Cassazione la valutazione della Corte ribalta totalmente le conclusioni.

Difatti la Cassazione innanzi tutto prende in considerazione l’aspetto razionale della norma, ovvero che la previsione incriminatrice, formulata in epoca in cui l’impiego del telefono era concepibile soltanto mediante comunicazioni vocali, non può ritenersi estensibile anche all’ipotesi in cui detto mezzo (nella specie telefono cellulare) sia utilizzato esclusivamente per l’invio dei cosiddetti “SMS”.

Una volta premesso ciò, occorre considerare altri aspetti caratteristici dell’invio degli SMS.

Primo elemento valutato dalla Corte, il ricorrere della caratteristica della cosiddetta petulanza: questa è considerata in ambito giurisprudenziale come un modo di agire definibile pressante, indiscreto ed impertinente, che in modo sgradevole interferisce nella sfera della libertà propria e di altre persone. Nel caso specifico la Corte sottolinea come i messaggi siano stati inviati in orari diurni – quindi senza un disturbo connesso all’orario di riposo notturno -, siano stati numericamente esigui – due messaggi da valutarsi essenzialmente come una comunicazione unitaria in considerazione del breve tempo intercorso tra gli invii – e soprattutto la manifestazione dei contenuti è avvenuta per iscritto: forma di comunicazione non riconducibile ad una interferenza paragonabile a quella delle telefonata, non integrante l’aspetto delle reiterazione e serialità che una condotta petulante dovrebbe contemporaneamente avere.

La Corte ha quindi annullato la sentenza impugnata (ovvero quella di condanna), richiamando un difetto anche circa la qualificazione del reato: i messaggi offensivi inviati ad una persona possono semmai qualificare il reato di cui all’art. 594, recante l’ingiuria: “Chiunque offende l’onore o il decoro di una persona presente è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a 516 euro. Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto mediante comunicazione telegrafica o telefonica, o con scritti o disegni diretti alla persona offesa. La pena è della reclusione fino ad un anno o della multa fino a 1.032 euro, se l’offesa consiste nella attribuzione di un fatto determinato. Le pene sono aumentate qualora l’offesa sia commessa in presenza di più persone.”

Insomma gli SMS sono arrivati in Cassazione e di cose da dire, sulla normativa di riferimento penale, sembra che ce ne siano in abbondanza anche per un semplice “messaggino”…

Avvocato Valentina Frediani
www.consulentelegaleinformatico.it

Per leggere gli ultimi interventi dell’avv. Frediani clicca qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • curioso scrive:
    Curiosita`
    Salve vorrei porgervi una domanda che da molto mi incuriosisce. Con le nuove norme vigenti sull`evasione i controlli della GDF sono stati intensificati giustamente poiche` ci sono molti che evadono le tasse , ma mi chiedo se in un paesino di giusto 5000 abitanti questi un giorno si e l`altro pure creino posti di blocco , fermano persone che passeggiano , o donne che fanno la spesa chiedendogli nome cognome cosa e se ha comperato qualcosa , agli anziani che vanno in campagna a coltivare cosa fanno e se il terreno e` di loro proprieta`, o controllati addirittura con elicotteri, non vi sembra un po di essere tornati indietro di 50 anni e che la privacy del cittadino venga un po molestata? Molti di questi anche se in regola decidono di cambiar strada quando li avvistano, pur di non essere sottoposti a controlli perdi-tempo e che comunque in un paesino agli occhi della gente sembra chissa` cosa.E` secondo voi un disagio o e` solo una mia fissazione?
  • Anonimo scrive:
    Son Contento
    C'e' stato un periodo in cui passavo le giornate a cancellare messaggi dei sovrascitti malandrini........AH AH AH mi faccio grasse risate a pensarvi con il musino triste davanti alle Forze dell'Ordine!Devono strappargli anche i peli e impedirgli di avvicinarsi a qualsiasi rete, anche da pesca....
    • Anonimo scrive:
      Re: Son Contento
      io ho dovuto addirittura minacciarli legalmente per non avere più i loro messaggi.Infatti se vedo una newsletter anche interessante, ma è gestita da questi tipi preferisco rinunciare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Son Contento
        - Scritto da: Anonimo
        io ho dovuto addirittura minacciarli legalmente
        per non avere più i loro messaggi.
        Infatti se vedo una newsletter anche
        interessante, ma è gestita da questi tipi
        preferisco rinunciare.Anch'io, semplicemente non la sottoscrivo e fine.
  • Anonimo scrive:
    Toooogo!
    Godo!Buongiorno non posso dire cosa mi ha fatto perche' sarebbe magari rilevante in indagini del genere, comunque non ho nessuna prova in mano, comunque godo!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Toooogo!
      - Scritto da: Anonimo
      Godo!
      Buongiorno non posso dire cosa mi ha fatto
      perche' sarebbe magari rilevante in indagini del
      genere, comunque non ho nessuna prova in mano,
      comunque godo!!!ora posso capire perchè su checco74it(at)libero.it avevo tanta di "merda" Tanto se volevo un filtro antispam dovevo pagare ! :@ PI scusate il linguaggio colorato ,ma quando ci vuole ci vuole!
  • Anonimo scrive:
    SPAM
    Quei bastardi di Buongiorno hanno sempre fatto un mucchio di spam. Per liberarmi di loro, ho dovuto cambiare e-mail .....
  • Ottav(i)o Nano scrive:
    Chi di denuncia ferisce...
    ...di denuncia perisce.Chi ha orecchie per intendere, in tenda... Gli altri, in roulotte :D
    • TPK scrive:
      Re: Chi di denuncia ferisce...
      - Scritto da: Ottav(i)o Nano
      ...di denuncia perisce.
      Chi ha orecchie per intendere, in tenda... Gli
      altri, in roulotte :DVediamo se il T-1000 e' gia' ebbro di champagne...CAZZO FIGA CULO TETTE!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi di denuncia ferisce...
        - Scritto da: TPK

        - Scritto da: Ottav(i)o Nano

        ...di denuncia perisce.

        Chi ha orecchie per intendere, in tenda... Gli

        altri, in roulotte :D

        Vediamo se il T-1000 e' gia' ebbro di champagne...

        CAZZO FIGA CULO TETTE!!!!:$
      • avvelenato scrive:
        Re: Chi di denuncia ferisce...
        - Scritto da: TPK

        - Scritto da: Ottav(i)o Nano

        ...di denuncia perisce.

        Chi ha orecchie per intendere, in tenda... Gli

        altri, in roulotte :D

        Vediamo se il T-1000 e' gia' ebbro di champagne...

        CAZZO FIGA CULO TETTE!!!!Ma persino "tette" dovrebbe essere censurabile? :(("culo" no, lo usa pure mantellini :P )
    • avvelenato scrive:
      Re: Chi di denuncia ferisce...
      - Scritto da: Ottav(i)o Nano
      ...di denuncia perisce.
      Chi ha orecchie per intendere, in tenda... Gli
      altri, in roulotte :DEHEHEH vendetta, tremenda vendetta @^ Grande PI!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi di denuncia ferisce...
      - Scritto da: Ottav(i)o Nano
      ...di denuncia perisce.
      Chi ha orecchie per intendere, in tenda... Gli
      altri, in roulotte :DMagari dovranno risarcire Punto Informatico.Ma, purtroppo, siamo in Italia dove le cause civili durano in media 13 anni e qualche sono così lunghe che gli avvocati che le seguono muoiono di vecchiaia senza averne lontanamente intravisto la fine:s :( :'(
Chiudi i commenti