iOS ha un problema con Exchange

Confermate da Apple e Microsoft le difficoltà per la release 6.1 con i calendari gestiti dal protocollo di Redmond. In lavorazione una patch

Roma – L’ultima release di iOS, ovvero la 6.1 (la 6.1.1 per gli iPhone 4S), ha anche un problema con le attività inserite nel calendario gestite tramite Exchange . Se si modificano singole istanze di eventi ricorrenti, si incappa in un fastidioso bug che manda in sovraccarico i server e rischia di far finire i dispositivi iOS nella lista dei device “cattivi”. Lo hanno confermato entrambe le aziende coinvolte.

Stando ai sintomi descritti, il problema riguarderebbe le versioni di Exchange successive alla 2010 SP1 (compreso Office 365): Microsoft parla chiaramente di consumo eccessivo di memoria e CPU, nonché di crescita rapida della dimensione dei log, fino alla perdita di prestazioni del server. In certi casi il sistema potrebbe addirittura diventare inservibile e rifiutarsi di erogare il servizio. Da parte sua, Redmond suggerisce tre workaround per mettere una pezza temporanea alla situazione, e lo stesso fa Apple consigliando di disabilitare la sincronizzazione dei calendari nei propri profili Exchange impostati sui dispositivi.

Apple ha comunque promesso un aggiornamento a breve (non dice quando) per sistemare la questione definitivamente. Qualcun altro parla della possibilità di disabilitare/riabilitare la sincronizzazione sul device per eliminare il problema. C’è comunque da augurarsi che Cupertino decida di produrre e rilasciare rapidamente una patch , come accaduto nel caso del problema alla connettività 3G di iPhone 4S. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • thebecker scrive:
    i gestionali e adobe reader
    Ovviamente io ormai da anni nel mio computer non uso più Adobe Reader.Dei software per la contabilità per visualizzare le informazioni usano il formato PDF, fin qui tutto bene, ma ti obbligano ad usare Adobe Reader, se installi un altro lettore PDF per il gestionale e come se non fosse installato nessun lettore PDF.Visto che PI è frequentato da sviluppatori sofware, vorrei sapere perchè vengono fatte queste cose stupide, accordi con Adobe com i produttori di Gestionali che vengono pagati?Parlo per esperienza personale.
  • Dr.House scrive:
    Solito articolo da Novella2000
    Dott.Ing. Maruccia, ma buttare via due parole e dire anche quale opzione di sicurezza abilitare sarebbe stato troppo hi-level per il target di PI giusto ? Meglio linkare arstechnica in inglese, non si sa mai che non sappiate tradurre una frase in inglese senza scrivere qualche XXXXXXXta.
  • bancai scrive:
    ai livelli di java
    fra poco lo farò fuori come la java machine (per fortuna su chrome c'è un reader integrato)
  • bubba scrive:
    malware di stato?
    Notavo che il Maruccia, concentrandosi solo sulla segnalazione di fireeye (che parla di CVE-2013-0640, CVE-2013-0641, visto che il bollettino adobe linkato parla di quelle vuln), si e' perso una cosa ASSAI piu gustosa (e non e' detto che non siano correlate).Ovvero della vuln CVE-2013-0633, sempre degli stessi giorni, segnalata qui http://www.securelist.com/en/blog/208194112/Adobe_Flash_Player_0_day_and_HackingTeam_s_Remote_Control_SystemNoi baldi italiani, in unione con i venditori di exploit francesi, ci diamo ai "trojan di stato" :) Il collegamento tra le due cose ci puo essere, visto che i fireeye trovano nel "loro" exploit, testo italiano. Feco :P
  • luisito scrive:
    Meanwhile, at Adobe...
    [yt]iRuHQagPyi4[/yt]
  • Addobbo scrive:
    Adobe Reader
    Un hacker mentre scruta attentamente le possibili falle di Adobe Reader.[img]http://writethecompany.com/wp-content/uploads/2010/07/Swiss-Cheese.jpg[/img]
  • Leguleio scrive:
    Reader ormai...
    Adobe Reader ormai è un cavallo di XXXXX a tutti gli effetti. È dal febbraio 2010 che ci sono vulnerabilità piuttosto serie che Adobe non identifica in tempo, oppure tarda a tappare:http://www.adobe.com/support/security/bulletins/apsb10-07.html
    • thebecker scrive:
      Re: Reader ormai...
      - Scritto da: Leguleio
      Adobe Reader ormai è un cavallo di XXXXX a tutti
      gli effetti. È dal febbraio 2010 che ci sono
      vulnerabilità piuttosto serie che Adobe non
      identifica in tempo, oppure tarda a
      tappare:

      http://www.adobe.com/support/security/bulletins/apCon le ampie alternative disponibili in rete non ci sono problemi.Se ti serve un semplice visualizzatore, veloce e leggero ti consiglio SumatraPDF.
Chiudi i commenti