iPad 2 sarà svelato il 2 marzo

In preparazione l'evento di lancio. Intanto arrivano le prime indiscrezioni, accompagnate da un tablet Android positivamente accolto dai commentatori: Xoom con Honeycomb

Roma – Iniziati i preparativi mediatici per la seconda generazione di iPad: prime indiscrezioni e foto del luogo che ospiterà il prossimo evento Apple.

Sono appena iniziati gli allestimenti dello Yerba Buena Center di San Francisco, dal cui palco il 2 marzo verrà presentato iPad 2. Almeno a giudicare dai primi inviti che Cupertino starebbe inviando agli addetti ai lavori.

Secondo alcune indiscrezioni , tuttavia, questa nuova generazione di tavolette Apple dovrebbe incarnare solo un “modesto” miglioramento. Per questo, eclissate le voci su un rinvio rispetto ai tempi attesi di iPad 2 e iPhone 5, qualcuno parla anche della possibilità di vedere quest’anno sia una versione intermedia di innovazione (iPad 2) che una contenente maggiori novità (iPad 2.5, 3, 2S ecc) e su questo si sbizzarriscono le più ardite previsioni.

Fra le novità attese per la nuova generazione di tablet Apple almeno una fotocamera frontale con supporto di FaceTime, un processore più veloce e, a giudicare da alcune riproduzioni la cui originalità non è stata confermata, uno spessore inferiore rispetto alla precedente versione. Su queste nuove dimensioni, peraltro, alcuni produttori di case hanno già annunciato di aver sviluppato prodotti ad hoc.

I più ottimisti parlano anche di doppia telecamera (frontale e posteriore) e display Retina (anche se appare improbabile raggiungere la stessa densità di pixel di iPhone 4).

La mossa di Apple di presentare il suo prossimo tablet giunge in un momento critico per il settore: i concorrenti si fanno avanti, e come nel caso dello Xoom di Motorola ottengono ottime recensioni (a parte la momentanea mancanza di app ad hoc).

Con uno schermo 1280×800 lo Xoom vanta una risoluzione lievemente maggiore degli attuali iPad e con un processore dual-core da 1GHz e 1 GB di RAM dovrebbe supportare giochi 3D e applicazioni grafiche. Inoltre, il tablet Motorola dichiara una durata di batteria di 10 ore, monta due telecamere (quella frontale da 2MP, quella posteriore da 5) e dovrebbe supportare (anche se ancora non lo fa ) Adobe Flash.

L’uscita di un nuovo modello di iPad oggi è strategicamente fondamentale per Apple: non può correre il rischio di rimanere indietro nella dotazione tecnica rispetto alla concorrenza, né perdere le luci della ribalta sui suoi prodotti. Tanto più che, ad oggi, i tablet restano ancora un mercato di nicchia.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Con il P2P su Android
    iOS non avrà speranze: i programmi P2P saranno la killer app, che sarà disponibile solo per android, e avrà un peso decisivo per la scelta di milioni di utenti. Al momento di comprare uno smartphone, la domanda sarà: "con quale dei due posso scaricare la musica gratis?", e la risposta determinerà la scelta.
    • pippO scrive:
      Re: Con il P2P su Android
      - Scritto da: uno qualsiasi
      iOS non avrà speranze: i programmi P2P saranno la
      killer app, che sarà disponibile solo per
      android, e avrà un peso decisivo per la scelta di
      milioni di utenti. Al momento di comprare uno
      smartphone, la domanda sarà: "con quale dei due
      posso scaricare la musica gratis?", e la risposta
      determinerà la
      scelta.a quel punto spariranno le flat mobili... :D
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Con il P2P su Android

        a quel punto spariranno le flat mobili... :DIl P2P non consuma di più dello streaming. E funziona anche con una connessione alla velocità minima, mentre lo streaming no. Se la banda basta per lo streaming, basta anche per il p2p.
        • pippO scrive:
          Re: Con il P2P su Android
          - Scritto da: uno qualsiasi

          a quel punto spariranno le flat mobili... :D

          Il P2P non consuma di più dello streaming. E
          funziona anche con una connessione alla velocità
          minima, mentre lo streaming no. Se la banda basta
          per lo streaming, basta anche per il
          p2p.Con una picoooooolissima differenza se lo streming te lo "offre" tim, lo paghi ;)
  • Funz scrive:
    Traffico in streaming
    Tutto questo traffico tra streaming e P2P (non credo che riusciranno mai a distinguerli né a imporre filtri selettivi), penso che farà crollare le già intasate linee mobili... Forse dovremo fare a meno di spotify, pazienza... tanto un amico con un HD da due tera pieno di musica ce l'abbiamo tutti :p
Chiudi i commenti