iPad, galeotto fu quel nome?

Fujitsu rivendica la paternità del marchio, avendo provato a registrarlo già dal 2003. Ma non è la sola: iPad sarebbe anche un dispositivo per la lettura di carte di credito, un componente elettronico e un reggiseno

Roma – Come è ormai noto , il nuovo arrivato in casa Apple sembra aver dimenticato alcune cose sulla strada per la sua gestazione. Ad esempio, il supporto ad Adobe Flash e il multitasking. C’è tuttavia un altro fattore che a Cupertino pare essere stato ignorato: il nome iPad sarebbe in circolazione da svariati anni . Il neonato tablet della Mela sfrutterebbe un marchio registrato già esistente. E non solo uno.

Una manciata di ore di vita e l’ultima creatura di Steve Jobs e soci si è ritrovata subito nel vortice della querelle legale incentrata sulla legittimità per Apple di utilizzare il nome iPad. Prima a puntare il dito verso Cupertino, l’azienda nipponica Fujitsu, che ha dichiarato di aver dato lo stesso nome ad un suo dispositivo mobile risalente al 2002 . Un anno dopo, Fujitsu si era rivolta allo U.S. Patent Office per ottenere l’autorizzazione a sfruttare il marchio iPad. Marchio relativo ad un dispositivo mobile destinato ai commessi nei negozi, affinché potessero tenere inventario e transazioni a portata di dito. L’apparecchio supporta il sistema operativo di Microsoft, CE.NET ed è dotato di un processore Intel oltre che del software necessario per chiamate di tipo VoIP.

Un dispositivo mobile , dunque, che potrebbe subire la concorrenza di un tablet come quello di Apple, nonostante il campo di applicazione molto più limitato del device di Fujitsu. L’azienda nipponica non si è ancora espressa sul da farsi, spiegando semplicemente di essere convinta di possedere legalmente i diritti di sfruttamento del trademark iPad.

Marchio che tuttavia sembra essere piombato negli anni in una sorta di limbo, una terra di nessuno dove non è soltanto Fujitsu a richiederne la proprietà. L’azienda del Sol Levante non aveva infatti ottenuto l’autorizzazione da parte dell’agenzia statunitense, dal momento che un’altra società – Magtek aveva rivendicato la paternità del nome per un dispositivo dedicato a gestire carte di credito .

Apple, Magtek e Fujitsu non sono le sole aziende coinvolte in quella che appare sempre più come una battaglia del trademark . Anche se non ha specificato se vi entrerà, la canadese Coconut Grove Pads ha reso noto che il nome iPad esiste già: è un particolare tipo di reggiseno . Probabilmente, Coconut Grove Pads risulterà l’attore meno rilevante del dramma legale, dal momento che il suo settore è evidentemente distante da quello delle tecnologie.

Nel frattempo, l’eco della disputa è giunto anche in Europa. Nella fattispecie, ST Microelectronics ha fatto sapere dalla sua sede di Ginevra di aver registrato il marchio IPAD, acronimo di Integrated Passive and Active Devices . Ottenuto in Europa nel 2000, il trademark di ST dovrebbe scadere a settembre di quest’anno.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Delazione + telecamere a CC
    + regime totalitario (prossimamente)= 1984Guarda caso chi è più avanti col programma è proprio l'Oceania - pardon, UK...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 febbraio 2010 16.07-----------------------------------------------------------
  • blackfire scrive:
    privacy? bestia in estinzione..
    Si, il grande fratello sta diventando realtà..
Chiudi i commenti