iPhone 4G, ecco l'uomo del mistero

Ha nome e cognome colui che ha ritrovato il prototipo. Si tratta di uno studente ventunenne. E mentre si discute sulle sue motivazioni, gli osservatori stigmatizzano l'approccio di Apple alla vicenda

Roma – L’anello mancante del caso che su Twitter è stato ribattezzato iPhonegate ha un nome : a intascare i 5mila dollari per la cessione in esclusiva a Gizmodo del prototipo di iPhone 4G è stato Brian J. Hogan, uno studente di 21 anni residente a Redwood City, California.

La parte centrale della storia è già nota: Gizmodo ha fatto lo scoop e pochi giorni dopo a Chen sono stati sequestrati diversi computer dalla polizia della contea, impegnata nelle indagini per il furto del prototipo denunciato da Apple, ma per il quale nessuno è stato ancora incriminato .

Tutto è cominciato come una normale serata fra amici alla Gourmet Haus Staudt , una birreria tedesca in cui quella stessa sera stava festeggiando il suo compleanno Gray Powell, ventisettenne ingegnere di Apple: che dopo aver trangugiato l’ultima pinta avrebbe dimenticato sul tavolo il prototipo, mascherato con una cover in modo che sembrasse un normale melafonino.

Poco dopo uno degli amici di Hogan avrebbe preso il telefonino chiedendo se fosse di sua proprietà, lasciandolo comunque nelle sue mani. Lasciata la birreria, senza avvertire i proprietari del ritrovamento, e giunto nel suo appartamento, Hogan avrebbe rimosso il “travestimento” intuendo successivamente la natura dell’oggetto che teneva fra le mani.

La prima idea, suggerita da un amico, sarebbe stata quella di rivolgersi ad Apple Care per informare del fatto qualche rappresentante di Cupertino. Di qui in poi il racconto di Hogan assume i connotati di un giallo di Agatha Christie: le email indirizzate alle redazioni di varie testate tra cui Wired , Engadget e Gizmodo non le avrebbe mandate lui ma un suo conoscente, tale Sage Robert Wallower, uno studente di Berkely che in precedenza aveva lavorato nella Marina come esperto di crittografia.

Tuttavia la cifra pattuita con l’editor di quest’ultima, Jason Chen, è stata regolarmente incassata da Hogan, il quale ha riferito di essere stato tranquillizzato dagli stessi responsabili del sito circa la legalità della transazione. All’appello mancherebbe però una terza persona coinvolta nell’affare, della quale Wallower, intervistato da Cnet , non ha voluto fare il nome su consiglio di un docente di legge a lui vicino, il quale gli avrebbe suggerito di esporsi il meno possibile per evitare di essere investito in pieno dalla potenza di fuoco di Apple.

C’è chi infatti fa notare che pur trattandosi di proprietà intellettuale l’oggetto della contesa rimane uno smartphone spento: l’uso della forza, come nell’irruzione a casa di Chen o dei due investigatori privati assunti da Apple che hanno tentato invano di perquisire l’appartamento di Hogan, non può che nuocere all’immagine dell’azienda di Cupertino.

Proprio questo atteggiamento in stile KGB, come lo ha definito Jon Stewart, il presentatore del popolare programma televisivo statunitense The Daily Show , sarebbe la dimostrazione della fine del processo di metamorfosi in cui Apple, da portatrice di un’ideale opposto a quello dell’ impero Microsoft , ha finito per assumere pressoché le stesse sembianze dell’acerrimo rivale: facendo suoi gli stessi comportamenti che per anni hanno invece alimentato l’efficacia dello slogan Think Different come antitesi alle politiche di Redmond.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • simply scrive:
    Google ha acquistato Agnilux
    Se ci pensate le parole del CEO di ARM non sono una notizia, ma una chiosa.Google ha già comprato Agnilux, una società che sta sviluppando proXXXXXri per server basati su architettura ARM.Visto il mestiere che fa Google, non credo ci sia molto da aggiungere... in pratica han già trovato il loro mercato.
    • collione scrive:
      Re: Google ha acquistato Agnilux
      per forza, già solo google basta per pigliarsi il 50% del mercato internet :Dnon so quanti server abbiano attualmente ma leggo che si supera il mezzo milione
      • lordream scrive:
        Re: Google ha acquistato Agnilux
        perdonatemi ma mi passate un link che parla di agnilux che sviluppa proXXXXXri per server?.. per quello che so io si studia proXXXXXri arm e tutto il resto è coperto da quasi totale segretezza
        • simply scrive:
          Re: Google ha acquistato Agnilux
          - Scritto da: lordream
          perdonatemi ma mi passate un link che parla di
          agnilux che sviluppa proXXXXXri per server?.. per
          quello che so io si studia proXXXXXri arm e tutto
          il resto è coperto da quasi totale
          segretezzahttp://tech.fortune.cnn.com/2010/04/21/google-buys-agnilux-eyeing-proXXXXXrs/è un rumor, però piuttosto accreditato.vedremo
          • lordream scrive:
            Re: Google ha acquistato Agnilux
            speriamo bene.. si porta via menti e knowhow da quello che sarebbe dovuto essere proprietà di giobs.. abbastanza inquietante in mano ad un mostro potente come google.. possiede la tecnologia di iphone e ipad ed in piu progetti per futuri proXXXXXri lato server..
  • pentolino scrive:
    Già qualcosa si sta muovendo
    Faccio qualche nome: sheevaplug, tonidoplug, pogoplug, guruplug, freeagent dockstar...Sono minicomputer basati su ARM8 ottimi come serverini casalinghi; potenza discreta e consumi ridicoli. Ottimi come NAS, mulo/torrent 24/7, server ssh per tunnelare il resto etc.Unica sfiga? Nessuno di questi mi risulta in vendita in Italia, tranne il Seagate Freeagent Dockstar che ho visto in un centro commerciale, ma che è il peggiore del lotto per via dei suoi miseri 128MB di ram (gli altri ne hanno tra i 256 e i 512MB).Insomma spero che se ne vadranno delle belle, una nuova architettura lato server è sempre benvenuta; x86 è troppo presente nel segmento, con il power PC relegato ai super computer.
    • Suricato scrive:
      Re: Già qualcosa si sta muovendo
      - Scritto da: pentolino
      x86 è troppo presente nel segmento,
      con il power PC relegato ai super
      computer.più che powerPC forse Power (senza dimenticar SPARC)
  • ruppolo scrive:
    E fu così che iniziò...
    il declino x86. E con lui Microsoft.Tanti auguri, ARM.
    • Ruttolo scrive:
      Re: E fu così che iniziò...
      Posa il fiasco
      • riserva di cancellare scrive:
        Re: E fu così che iniziò...
        e non posarlo sul Mac o si rovina e poi devi andare all'ottima assistenza apple
    • Matteo Italia scrive:
      Re: E fu così che iniziò...
      - Scritto da: ruppolo
      il declino x86. E con lui Microsoft.Francamente, ne dubito. Windows Mobile già gira tranquillamente su ARM, e non credo che un porting di Windows su ARM sarebbe così complicato: attualmente Windows viene compilato per x86, x86_64 e Itanium, per cui il codice - per la maggior parte C - dovrebbe essere abbastanza portabile.D'altra parte, sarebbe un duro colpo per la retrocompatibilità, da sempre il cavallo di battaglia di Microsoft: non ho idea di quanto possa essere lento emulare x86 su ARM, e comunque non sarebbe la stessa cosa che poter eseguire nativamente più o meno tutte le applicazioni create negli ultimi 15 anni per Windows.
      • massi scrive:
        Re: E fu così che iniziò...
        - Scritto da: Matteo Italia
        - Scritto da: ruppolo

        il declino x86. E con lui Microsoft.
        Francamente, ne dubito. Windows Mobile già gira
        tranquillamente su ARM, e non credo che un
        porting di Windows su ARM sarebbe così
        complicato: attualmente Windows viene compilato
        per x86, x86_64 e Itanium, per cui il codice -
        per la maggior parte C - dovrebbe essere
        abbastanza
        portabile.

        D'altra parte, sarebbe un duro colpo per la
        retrocompatibilità, da sempre il cavallo di
        battaglia di Microsoft: non ho idea di quanto
        possa essere lento emulare x86 su ARM, e comunque
        non sarebbe la stessa cosa che poter eseguire
        nativamente più o meno tutte le applicazioni
        create negli ultimi 15 anni per
        Windows.Ta Unix e Linux, molti server non hanno bisogno della compatibilità con Windows
        • Matteo Italia scrive:
          Re: E fu così che iniziò...
          - Scritto da: massi
          Ta Unix e Linux, molti server non hanno bisogno
          della compatibilità con
          WindowsChe c'entra? Il mio discorso riguardava il fatto che l'ascesa di ARM non implicherebbe un declino di Windows, per il semplice fatto che Windows probabilmente può essere portato su ARM senza troppi problemi, anche se la rotta retrocompatibilità con applicazioni x86 potrebbe rallentarne l'adozione. Se non c'è bisogno di retrocompatibilità con applicazioni x86 legacy, tanto di guadagnato per un eventuale Windows ARM.Nota che non è che stia parlando a favore di Windows (ora come ora sto scrivendo da ubuntu), sono solo considerazioni di carattere tecnico.
      • collione scrive:
        Re: E fu così che iniziò...
        un porting adeguato di windows su arm sarebbe un'impresa titanica invecela scarsa modularità di windows richiede modifiche pesanti a tutti i componenti di sistema e infatti ms creò windows mobile e windows ce proprio per questo motivop.s. Itanium è purtroppo stata abbandonata da ms
        • Matteo Italia scrive:
          Re: E fu così che iniziò...
          - Scritto da: collione
          un porting adeguato di windows su arm sarebbe
          un'impresa titanica
          invece

          la scarsa modularità di windows richiede
          modifiche pesanti a tutti i componenti di sistema
          e infatti ms creò windows mobile e windows ce
          proprio per questo
          motivoLa scarsa modularità non è importante, Windows NT e famiglia, come Linux, è scritto in C, con un design di astrazione dalla piattaforma fondato sulle diverse HAL, ed è stato pensato fin dal principio per la compilabilità per diverse piattaforme.Dai tempi di NT è stato compilato quantomeno per x86, x86_64, Alpha e Itanium; se tra Windows 2000 e XP è stato creato del codice poco portabile (visto che se 2000 ha abbandonato il supporto per Alpha, e XP era inizialmente pensato solo per x86), probabilmente dopo il rilascio delle due versioni a 64 bit (x86_64 e Itanium) di XP e 2003 server Microsoft è stata ben attenta a non introdurre codice non portabile, visto che non sono propriamente cretini e siamo in un momento di diffusione di nuove architetture.Il compilatore per ARM ce l'hanno già, appunto perché già realizzano Windows Mobile, e le porzioni di codice condivise tra Windows Mobile e Windows (che francamente non so a quanto ammontino, anche se non credo che sia tanta roba) girano già tranquillamente su ARM.Un porting di Windows su ARM quindi, per me, certamente non sarebbe semplicissimo, ma non credo neanche che richiederebbe sforzi titanici, e dubito comunque che Microsoft intenda tagliarsi fuori da un mercato emergente del genere, regalandolo in blocco a Linux e compagnia.
          • collione scrive:
            Re: E fu così che iniziò...
            - Scritto da: Matteo Italia
            La scarsa modularità non è importante, Windows NT
            e famiglia, come Linux, è scritto in C, con un
            design di astrazione dalla piattaforma fondato
            sulle diverse HAL, ed è stato pensato fin dal
            principio per la compilabilità per diverse
            piattaforme.HAL che non ha mai dato i risultati sperati fin dai tempi dei proXXXXXri Alphail C non vuol dire nulla se poi per supportare i DSP dei SoC arm devi modificare memory manager, scheduler, gestore delle interruzioniprendi il Cell ad esempio che linux ha cominciato a supportare fin dall'inizio e sai come? con un banale driver che creava dei device virtuali in /dev per accedere agli SPEwindows questa flessibilità non ce l'ha e per questo supportare una nuova architettura richiede modifiche consistentise fosse così semplice, microsoft si sarebbe già buttata su ARM e soprattutto non avrebbe creato sistemi ex novo per xbox, windows mobile e ce ( questi tre con NT hanno in comune solo l'api )
            Dai tempi di NT è stato compilato quantomeno per
            x86, x86_64, Alpha e Itanium; se tra Windows 2000certo ma su Alpha e Itanium richiedeva un branch separato con molte differenze all'archiettura, tant'è che entrambi i branch sono stati abbandonati
            Il compilatore per ARM ce l'hanno già, appunto
            perché già realizzano Windows Mobile, e lewindows mobile che è profondamente diverso da windows desktop
            porzioni di codice condivise tra Windows Mobile e
            Windows (che francamente non so a quantol'API win32?
            Un porting di Windows su ARM quindi, per me,
            certamente non sarebbe semplicissimo, ma non
            credo neanche che richiederebbe sforzi titanici,purtroppo si, le differenze tra x86 e arm sono notevoli http://users.ece.gatech.edu/~mmckeown3/ECE3884/pdf/ARM%20Architecture%20Reference%20Manual.pdf
            e dubito comunque che Microsoft intenda tagliarsi
            fuori da un mercato emergente del genere,
            regalandolo in blocco a Linux e
            compagnia.ms è già tagliata fuori da quei mercati, basta vedere che windows phone non decolla e wince è in rottaa ms rimangono solo i pc, i portatili e i netbook e per loro fortuna xboxsui netbook è in forse visto che se gli smartbook faranno il botto, per windows sarà finita anche lìwindows ha bisogno di essere totalmente ripensato oltre che portato su arml'articolo sulla cancellazione dell'hp slate parla chiaro in proposito
    • cruccolo scrive:
      Re: E fu così che iniziò...
      - Scritto da: ruppolo
      il declino x86. E con lui Microsoft.

      Tanti auguri, ARM.Forse non ti ricordi che anche Apple usa x86. Almeno così risulta ufficialmente, fatta salva la "proverbiale segretezza" e la possibile cortina fumogena intorno ai "veri" proXXXXXri usati da Apple, che secondo un anonimo ex dirigente della NASA sarebbero derivati direttamente dalla CPU dell'UFO di Roswell. Sembra che Jobs (benché non fosse ancora nato) sia stato il primo a recarsi sul luogo dell'incidente grazie a una macchina del tempo da lui progettata in garage.
      • collione scrive:
        Re: E fu così che iniziò...
        apple usa quello che più gli conviene al momentonon dimenticare che per decenni ha usato motorola prima e power poipensi che per loro sia un problema cambiare rotta? già si parla dell'ingresso di amd nell'affare mac, figurati se si fanno problemi a mettere arm pure sui loro pc
        • cruccolo scrive:
          Re: E fu così che iniziò...
          - Scritto da: collione
          apple usa quello che più gli conviene al momento

          non dimenticare che per decenni ha usato motorola
          prima e power
          poi

          pensi che per loro sia un problema cambiare
          rotta? già si parla dell'ingresso di amd
          nell'affare mac, figurati se si fanno problemi a
          mettere arm pure sui loro
          pcSarei il primo ad esserne felice. Torneremmo ad avere una Apple che si distingue, come ai tempi del PPC, torneremmo ad avere una Apple che ha il coraggio dei "grandi passi".Vedremo.
          • cats in cool scrive:
            Re: E fu così che iniziò...
            - Scritto da: cruccolo
            - Scritto da: collione

            apple usa quello che più gli conviene al momento



            non dimenticare che per decenni ha usato
            motorola

            prima e power

            poi



            pensi che per loro sia un problema cambiare

            rotta? già si parla dell'ingresso di amd

            nell'affare mac, figurati se si fanno problemi a

            mettere arm pure sui loro

            pc

            Sarei il primo ad esserne felice. Torneremmo ad
            avere una Apple che si distingue, come ai tempi
            del PPC, torneremmo ad avere una Apple che ha il
            coraggio dei "grandi
            passi".
            Vedremo.Come ho scritto in altro post, Apple da macosx in poi non e' piu' legata ad un proXXXXXre, tutto va' bene, meglio se customizzato da/per apple, anche questa e' una forza contrattuale non da poco. ProXXXXXri di qualunque tipo ed eventualmente ad hoc si fondono col sistema senza problemi.. si prende il meglio e si scarta il resto, dal giorno alla notte.
          • collione scrive:
            Re: E fu così che iniziò...
            beh apple il coraggio dei grandi passi ce l'ha fin dai tempi dei primi imac con powerpc, a cui poi sono seguiti ipod, iphone, ipadovviamente per i computer hanno scelto il percorso più corto e facile, del resto non potevano perdere tempo a cercare strani proXXXXXri da mettere nei mac e intel all'epoca con i core fece un passo in avanti non indifferente rispetto al passato
      • cats in cool scrive:
        Re: E fu così che iniziò...
        - Scritto da: cruccolo
        - Scritto da: ruppolo

        il declino x86. E con lui Microsoft.



        Tanti auguri, ARM.

        Forse non ti ricordi che anche Apple usa x86.Hai un po' di disinformazione, perche' se e' vero che su alcuni desktop usa x86 e' anche vero che Apple attualmente utilizza RISC Arm su ipod, iphone e ipad. Magari in futuro anche su altre linee.Ed e' stata la prima ad usare Arm dagli inizi degli anni 90' quando ai tempi fu montato sull'Apple Newton uno strongARM da 166 mhz facendo un palmare in anticipo sui tempi di almeno 10 anni. E poi in seguito ha usato ancora arm su computerini educational come apple emate e altri.E nel tempo Apple ha utilizzato RISC IBM e Motorola, PowerPC, G3, G4, G5 alcuni su desktop e altri su laptop, per cui Apple NON e' legata ad un proXXXXXre, il suo Systema e' sempre stato sviluppato contemporaneamente per piu' architetture per poter utilizzare qualunque proXXXXXre fosse disponibile ed adatto all'uopo in quel momento. Ora a maggior ragione che utilizza un OS derivato dal BSD e next, non ha piu' grossi problemi in termini di tempo dato che il grosso c'e' gia'. A differenza di altre case sw o hw...
    • JosaFat scrive:
      Re: E fu così che iniziò...
      Non per dire, ma che proXXXXXri ha il tuo Mac?
  • attonito scrive:
    tecnofuffa
    "fornire un rapporto performance/watt fino ad otto volte superiore a quello di un Atom di prima generazione"Perche' non mettono MAI nomi e cognomi? primo Atom QUALE? questo, forse? http://it.wikipedia.org/wiki/Silverthorne,e ooi, mai, mai, mai una tabella, dei numeri, un raffronti, roba CERTA su cui fare i conti.Meglio intortatre la gente con un generico "fino a 8 volte bla bla".Azzo, mi sembra di leggere le stesse cialtronerie che NVIDIA sparava per intortare la gente su Fermi....Anche ARM affiata sulla strada del cialtronismo, che tempi....
    • massi scrive:
      Re: tecnofuffa
      - Scritto da: attonito
      "fornire un rapporto performance/watt fino ad
      otto volte superiore a quello di un Atom di prima
      generazione"
      Perche' non mettono MAI nomi e cognomi? primo
      Atom QUALE? questo, forse?
      http://it.wikipedia.org/wiki/Silverthorne,

      e ooi, mai, mai, mai una tabella, dei numeri, un
      raffronti, roba CERTA su cui fare i
      conti.
      Meglio intortatre la gente con un generico "fino
      a 8 volte bla
      bla".
      Azzo, mi sembra di leggere le stesse cialtronerie
      che NVIDIA sparava per intortare la gente su
      Fermi....
      Anche ARM affiata sulla strada del cialtronismo,
      che
      tempi....si bravo saputello...tòhttp://www.arm.com/products/proXXXXXrs/cortex-a/cortex-a9.phpARM Cortex A9 dual core a 2 Giga di clock consuma 1.9 Wti sfido a trovare un proXXXXXre Intel, o x86 in genere, che veda anche solo nel telescopio un simile rapporto prestazioni/consumifuffa?certo, perché alla ARM sono 4 sfigati, le cui proprietà intellettuali fanno funzionare in questo momento alcuni miliardi (non esagero, alcuni miliardi) di microproXXXXXri.... dai, scrivigli che stanno tecnofuffando, magari si metterano le mani nei capelli...
      • nome e cognome scrive:
        Re: tecnofuffa

        ARM Cortex A9 dual core a 2 Giga di clock consuma
        1.9
        W


        ti sfido a trovare un proXXXXXre Intel, o x86 in
        genere, che veda anche solo nel telescopio un
        simile rapporto
        prestazioni/consumiStai scherzando vero? L'atom prima serie, quella di due anni fa consuma due watt per core a 1,6 GHz.
        fuffa?No, marketing. Le CPU a basso consumo attuali sono tutte su quel livello di potenza, il problema è 1) le prestazioni sono in linea con i consumi 2) ci devi aggiungere poi i chip grafici, i XXXXX e i mazzi e il tuo tdp totale arriva a 10W.
        certo, perché alla ARM sono 4 sfigati, le cui
        proprietà intellettuali fanno funzionare in
        questo momento alcuni miliardi (non esagero,
        alcuni miliardi) di microproXXXXXri.... dai,
        scrivigli che stanno tecnofuffando, magari si
        metterano le mani nei
        capelli...Fuffano si, anche con miliardi di proprietà intelletuale. Chi metterebbe in un server un proXXXXXre che ad andare bene avrà le prestazioni di un pentium di 5 anni fa? Per avere prestazioni paragonabili ad un moderno xeon devi mettercene dentro un centinaio e allora vedi i consumi come schizzano (non basta appoggiarli uno sull'altro eh).
        • massi scrive:
          Re: tecnofuffa
          - Scritto da: nome e cognome

          ARM Cortex A9 dual core a 2 Giga di clock
          consuma

          1.9

          W





          ti sfido a trovare un proXXXXXre Intel, o x86 in

          genere, che veda anche solo nel telescopio un

          simile rapporto

          prestazioni/consumi

          Stai scherzando vero? L'atom prima serie, quella
          di due anni fa consuma due watt per core a 1,6
          GHz.Caspita c'è una bella differenza! Vatti a vedere il consumo degli Atom a 2 core... il più "parco", a 1.6 Giga, consuma 8 W! Spingilo a 2 Giga, davvero c'è una differnza 8 a 1!



          fuffa?

          No, marketing. Le CPU a basso consumo attuali
          sono tutte su quel livello di potenza, il
          problema è 1) le prestazioni sono in linea con i
          consumi 2) ci devi aggiungere poi i chip grafici,
          i XXXXX e i mazzi e il tuo tdp totale arriva a
          10W.E questo non vale per gli altri proXXXXXri?Comunque questo video è interessante, parlando di prestazionihttp://www.netbooknews.it/video-arm-cortex-a9-vs-atom-n270/



          certo, perché alla ARM sono 4 sfigati, le cui

          proprietà intellettuali fanno funzionare in

          questo momento alcuni miliardi (non esagero,

          alcuni miliardi) di microproXXXXXri.... dai,

          scrivigli che stanno tecnofuffando, magari si

          metterano le mani nei

          capelli...

          Fuffano si, anche con miliardi di proprietà
          intelletuale. Chi metterebbe in un server un
          proXXXXXre che ad andare bene avrà le prestazioni
          di un pentium di 5 anni fa? Per avere prestazioni
          paragonabili ad un moderno xeon devi mettercene
          dentro un centinaio e allora vedi i consumi come
          schizzano (non basta appoggiarli uno sull'altro
          eh).Dipende da cosa ci devi fare con quel server. Se rileggi l'articolo scoprirai che gli ARM non andrebbero affatto a competere con gli Xeon.
          • nome e cognome scrive:
            Re: tecnofuffa

            Caspita c'è una bella differenza! Vatti a vedere
            il consumo degli Atom a 2 core... il più "parco",
            a 1.6 Giga, consuma 8 W! Spingilo a 2 Giga,
            davvero c'è una differnza 8 a
            1!Il più parco dei proXXXXXri intel è comunque un proXXXXXre di due anni fa. Il più efficiente dei proXXXXXri ARM cortex A9 è ancora sulla carta visto che le prime implementazioni commerciali sono di un paio di mesi fa e integrate in sistemi che consumano un botto di più. 8 W di TDP max reali contro 2 watt di TDP stimato, nessuno ha in mano un cortex a9 per vedere quanto consuma, se riesci a trovare una valutazione del tdp di un cortex a9 commerciale fammelo sapere ... io ho cercato di capire quanto consuma l'omap4 senza riuscirci.
            E questo non vale per gli altri proXXXXXri?
            Comunque questo video è interessante, parlando di
            prestazioni

            http://www.netbooknews.it/video-arm-cortex-a9-vs-aQuel video è una presa in giro. Quel cortex a9 ammesso che lo sia realmente da chi è stato prodotto? Con quale proXXXXX produttivo? Che chip video sta usando? Quanto sta consumando?
            Dipende da cosa ci devi fare con quel server. Se
            rileggi l'articolo scoprirai che gli ARM non
            andrebbero affatto a competere con gli
            Xeon.Tutto dipende da cosa ci devi fare, la sperare di sopperire alla mancanza di "vitamine" con l'aumento del numero di proXXXXXri è puro marketing.
          • simply scrive:
            Re: tecnofuffa
            - Scritto da: nome e cognome

            Caspita c'è una bella differenza! Vatti a vedere

            il consumo degli Atom a 2 core... il più
            "parco",

            a 1.6 Giga, consuma 8 W! Spingilo a 2 Giga,

            davvero c'è una differnza 8 a

            1!

            Il più parco dei proXXXXXri intel è comunque un
            proXXXXXre di due anni fa. Il più efficiente dei
            proXXXXXri ARM cortex A9 è ancora sulla carta
            visto che le prime implementazioni commerciali
            sono di un paio di mesi fa e integrate in sistemi
            che consumano un botto di più.

            8 W di TDP max reali contro 2 watt di TDP
            stimato, nessuno ha in mano un cortex a9 per
            vedere quanto consuma, se riesci a trovare una
            valutazione del tdp di un cortex a9 commerciale
            fammelo sapere ... io ho cercato di capire quanto
            consuma l'omap4 senza
            riuscirci.Quello che a te sembra un limite per me è un punto di forza: scalabilità e adattabilità. A seconda di cosa ci vuoi fare hai il "tuo" SOC basato su ARM. E' questa la chiave del sucXXXXX dell'azienda e la sua possibilità di entrare in ambiti di mercato diversi. Già oggi: dal microcontroller della centralina elettronica della tua auto, al controller del tuo HD esterno e della tua stampante, fino al tuo (eventuale) Smartphone, passando per navigatori e set top boxes, macchine industriali... e via seguitando. Tutto con varie implementazioni dell'architettura Cortex.


            E questo non vale per gli altri proXXXXXri?

            Comunque questo video è interessante, parlando
            di

            prestazioni






            http://www.netbooknews.it/video-arm-cortex-a9-vs-a

            Quel video è una presa in giro. Quel cortex a9
            ammesso che lo sia realmente da chi è stato
            prodotto? Con quale proXXXXX produttivo? Che chip
            video sta usando? Quanto sta consumando?Si, potrebbe essere una trovata pubblicitaria... temo però che quando Samsung e TI (o Google?) valutano se usare o no un proXXXXXre ARM non si limitino a guardare questo video...


            Dipende da cosa ci devi fare con quel server. Se

            rileggi l'articolo scoprirai che gli ARM non

            andrebbero affatto a competere con gli

            Xeon.

            Tutto dipende da cosa ci devi fare, la sperare di
            sopperire alla mancanza di "vitamine" con
            l'aumento del numero di proXXXXXri è puro
            marketing.Però ARM non si rivolge al "pubblico", all'uomo della strada che entra nel supermarket e legge: 4 core, cheXXXXXta!ARM vende licenze ad aziende di elettronica, che non usano il marchio come brand, spesso nemmeno lo dichiarano di usare ARM. Intel è un brand, ARM no. Se le aziende la scelgono (e non è nemmeno tanto economica a quanto sembra) è perchè fanno valutazioni tecniche competenti. Almeno spero.I server poi sono un campo molto particolare, anche lì il marketing lavora fino a un certo punto... se Google (che di server sa qualcosina, soprattutto di quanto gli costano in corrente!) acquista un'azienda che studia proXXXXXri per server basati su ARM (Agnilux, come da mio post sopra), non credo lo faccia perché si fa incantare dal "viral marketing" di ARM.
          • nome e cognome scrive:
            Re: tecnofuffa

            ambiti di mercato diversi. Già oggi: dal
            microcontroller della centralina elettronica
            della tua auto, al controller del tuo HD esterno
            e della tua stampante, fino al tuo (eventuale)
            Smartphone, passando per navigatori e set top
            boxes, macchine industriali... e via seguitando.
            Tutto con varie implementazioni dell'architettura
            Cortex.E questo da cosa dipende secondo te? Scalabilità e adattabilità? Io direi più che altro basso prezzo e facilità di produzione / reperibilità (che poi si traduce sempre in prezzo). Arm licenzia l'architettura quindi significa che sul ferro c'è una concorrenza spietata, puoi trovare lo stesso chip arm prodotto da decine di aziende diverse quindi lo paghi pochi euro. Non sono certo i migliori sul mercato come si vuol far credere (quello è marketing), l'architettura è puramente accademica, prendi un libro di testo e ci trovi l'arm ... e' come credere che gli amplificatori operazionali che si trovano in commercio sono fatti con 4 transistor.
            Si, potrebbe essere una trovata pubblicitaria...
            temo però che quando Samsung e TI (o Google?)
            valutano se usare o no un proXXXXXre ARM non si
            limitino a guardare questo
            video...Samsung e TI li producono i proXXXXXri ARM, non possono produrre proXXXXXri intel invece.
            Però ARM non si rivolge al "pubblico", all'uomo
            della strada che entra nel supermarket e legge: 4
            core, che
            XXXXXta!Invece sta cercando di fare proprio questo. ARM ha capito che non potrà reggere a lungo all'urto di intel che ha deciso di entrare nel segmento mobile. Ad intel bastano un paio di generazioni per surclassare l'architettura più moderna che arm può mettere in campo quindi occorre differenziare meglio il business.
            ARM vende licenze ad aziende di elettronica, che
            non usano il marchio come brand, spesso nemmeno
            lo dichiarano di usare ARM. Intel è un brand, ARM
            no. Se le aziende la scelgono (e non è nemmeno
            tanto economica a quanto sembra) è perchè fanno
            valutazioni tecniche competenti. Almeno
            spero.Se le aziende scelgono lo fanno in primis valutando l'impatto economico, poi "a volte" guardano le specifiche tecniche...
            I server poi sono un campo molto particolare,
            anche lì il marketing lavora fino a un certo
            punto... se Google (che di server sa qualcosina,
            soprattutto di quanto gli costano in corrente!)
            acquista un'azienda che studia proXXXXXri per
            server basati su ARM (Agnilux, come da mio post
            sopra), non credo lo faccia perché si fa
            incantare dal "viral marketing" di
            ARM.Google produce nexus one ...
          • simply scrive:
            Re: tecnofuffa
            - Scritto da: nome e cognome

            ambiti di mercato diversi. Già oggi: dal

            microcontroller della centralina elettronica

            della tua auto, al controller del tuo HD esterno

            e della tua stampante, fino al tuo (eventuale)

            Smartphone, passando per navigatori e set top

            boxes, macchine industriali... e via seguitando.

            Tutto con varie implementazioni
            dell'architettura

            Cortex.

            E questo da cosa dipende secondo te? Scalabilità
            e adattabilità? Io direi più che altro basso
            prezzo e facilità di produzione / reperibilità
            (che poi si traduce sempre in prezzo). Arm
            licenzia l'architettura quindi significa che sul
            ferro c'è una concorrenza spietata, puoi trovare
            lo stesso chip arm prodotto da decine di aziende
            diverse quindi lo paghi pochi euro.Tu sai quanto costano le licenze ARM? Facilità non significa per forza "bassa qualità". Dopo di che le economie di scala fanno comodo a tutti.

            Non sono certo i migliori sul mercato come si
            vuol far credere (quello è marketing),
            l'architettura è puramente accademica, prendi un
            libro di testo e ci trovi l'arm ... e' come
            credere che gli amplificatori operazionali che si
            trovano in commercio sono fatti con 4
            transistor.Migliore e peggiore sono categorie un po' vaghe... quando dici che non sono i "migliori" cosa intendi? Migliori per cosa? Sono d'accordo che non siano i migliori per farci girare applicazioni con uso intensivo di calcoli in virgola mobile, e che non reggano il confronto con gli IBM Power 7 per i Server MainFrame ad alte prestazioni.ARM non dà in licenza solo l'architettura "in astratto": c'è tutta una galassia di Physical IP, strumenti di sviluppo HW e SW... segue lo sviluppo e la caratterizzazione di prototipi in collaborazione con fonderie di silicio (ad esempio GlobalFoundry, TSCM)... Insomma, per chi li hai presi i clienti di ARM? Pensi che ARM sopravviverebbe dando al cliente il disegnino accademico dell'architettura e poi ti arrangi? Ma dai...


            Si, potrebbe essere una trovata pubblicitaria...

            temo però che quando Samsung e TI (o Google?)

            valutano se usare o no un proXXXXXre ARM non si

            limitino a guardare questo

            video...

            Samsung e TI li producono i proXXXXXri ARM, non
            possono produrre proXXXXXri intel invece.Potrebbero comprare proXXXXXri Intel se fossero adatti a sistemi embedded. La stessa Intel per l'embedded aveva licenziato ARM, XScale...



            Però ARM non si rivolge al "pubblico", all'uomo

            della strada che entra nel supermarket e legge:
            4

            core, che

            XXXXXta!

            Invece sta cercando di fare proprio questo. ARM
            ha capito che non potrà reggere a lungo all'urto
            di intel che ha deciso di entrare nel segmento
            mobile. Ad intel bastano un paio di generazioni
            per surclassare l'architettura più moderna che
            arm può mettere in campo quindi occorre
            differenziare meglio il business.Questa è una tua valutazione/previsione... la rispetto ma non la condivido affatto, non ci vedo ragioni valide a sostegno.



            ARM vende licenze ad aziende di elettronica, che

            non usano il marchio come brand, spesso nemmeno

            lo dichiarano di usare ARM. Intel è un brand,
            ARM

            no. Se le aziende la scelgono (e non è nemmeno

            tanto economica a quanto sembra) è perchè fanno

            valutazioni tecniche competenti. Almeno

            spero.

            Se le aziende scelgono lo fanno in primis
            valutando l'impatto economico, poi "a volte"
            guardano le specifiche tecniche...Bè insomma... se vuoi far passare l'idea che tutti usano ARM perché hanno le pezze al c..o libero di farlo. non trovo elementi a sostegno della "povertà tecnica" di questa scelta (a meno che tu non confonda semplicità con povertà tecnica)



            I server poi sono un campo molto particolare,

            anche lì il marketing lavora fino a un certo

            punto... se Google (che di server sa qualcosina,

            soprattutto di quanto gli costano in corrente!)

            acquista un'azienda che studia proXXXXXri per

            server basati su ARM (Agnilux, come da mio post

            sopra), non credo lo faccia perché si fa

            incantare dal "viral marketing" di

            ARM.

            Google produce nexus one ...Non credo sia quello il loro obiettivo, vista la peculiarità di Agnilux e ciò su cui lavorano. Vedremo.
          • lordream scrive:
            Re: tecnofuffa
            se Google (che di server sa qualcosina,
            soprattutto di quanto gli costano in corrente!)
            acquista un'azienda che studia proXXXXXri per
            server basati su ARM (Agnilux, come da mio post
            sopra), non credo lo faccia perché si fa
            incantare dal "viral marketing" di
            ARM.scusa come sai che agnilux fa proXXXXXri per server?.. imo google la ha acquistata per avere un knowhow per i suoi futuri apparecchi mobili poi posso anche sbagliare ma in ogni caso era una startup abbastanza segreta.. non si sapeva a cosa lavorassero..su questo apple insegna.. visto che chi la ha creata erano suoi ex dipendenti
        • cats in cool scrive:
          Re: tecnofuffa
          - Scritto da: nome e cognome

          ARM Cortex A9 dual core a 2 Giga di clock
          consuma

          1.9

          W





          ti sfido a trovare un proXXXXXre Intel, o x86 in

          genere, che veda anche solo nel telescopio un

          simile rapporto

          prestazioni/consumi

          Stai scherzando vero? L'atom prima serie, quella
          di due anni fa consuma due watt per core a 1,6
          GHz.ATOM= proXXXXXre famiglia x86ARM= proXXXXXre famiglia RISCi clock non sono comparabili, diverse potenze di calcolo che si esprimono su metriche differentipertanto la considerazione sul clock da 1.6ghz di un x86 comparata ad un clock di 2 ghz di un RISC e' completamente errata e fuori luogoanche perche' detto inter nos e con dati alla mano, anche se avessero un clock uguale, il risc arm e' piu' performante del atom x86- facilmente si puo' verificare su dati oggettivi su qualunque motore di ricerca.
          • collione scrive:
            Re: tecnofuffa
            e inoltre gli arm sono dei SoC, al massimo i futuri atom con gpu integrata potranno competere, ma di certo non quelli in commerciopoi l'atom single core consuma 4w non 2w
          • nome e cognome scrive:
            Re: tecnofuffa
            - Scritto da: collione
            e inoltre gli arm sono dei SoC, al massimo i"gli arm" sono un'architettura, e qui si sta parlando di cortex a9, ovvero del proXXXXXre. Tegra è un soc, OMAP4 è un soc, cortex A9 è il design di una CPU.
            poi l'atom single core consuma 4w non 2whttp://www.intel.com/products/proXXXXXr/atom/specifications.htm
          • collione scrive:
            Re: tecnofuffa
            - Scritto da: nome e cognome
            "gli arm" sono un'architettura, e qui si sta
            parlando di cortex a9, ovvero del proXXXXXre.
            Tegra è un soc, OMAP4 è un soc, cortex A9 è il
            design di una CPU.
            vabbè questioni semantiche ma il punto è che arm si presenta sempre all'interno di SoC e quindi con tanti chip che servono alle più disparate funzioniatom non ha nulla di tutto ciò e deve fare tutto il proXXXXXreha un pò di unità vettoriali, le sse4 ma nulla di così eclatante come i coproXXXXXri dei SoC arm


            poi l'atom single core consuma 4w non 2w

            http://www.intel.com/products/proXXXXXr/atom/specibeh ero fermo al 230 e da possessore di 330 sapevo che consumava 8 watt e ho semplicemente diviso per 2buon per loro che siano arrivati a 2.5 wma teniamo presente che quello è il tdp e intel ha una spiccata tendenza a non mettere i valori massimi realip.s. lo so che c'è scritto max TDP, ma chi conosce intel sa che quel max va preso con le pinzenon è raro avere un proXXXXXre con un max TDP di 95w che poi arriva fino a 110w
          • nome e cognome scrive:
            Re: tecnofuffa

            vabbè questioni semantiche ma il punto è che arm
            si presenta sempre all'interno di SoC e quindi
            con tanti chip che servono alle più disparate
            funzioni
            atom non ha nulla di tutto ciò e deve fare tutto
            il
            proXXXXXreFino ad ora è stato cosi' perchè i due proXXXXXri avevano target di mercato diversi. Ora che intel vuole entrare nel segmento mobile stanno uscendo i SOC, e a breve si vedranno le CPU arm. Non ci credono nemmeno quelli di arm che si possa gestire un notebook con un SOC, non riesci ad integrare una sufficiente quantità di RAM.
            ha un pò di unità vettoriali, le sse4 ma nulla di
            così eclatante come i coproXXXXXri dei SoC
            armI coproXXXXXri di ARM non sono di ARM. Prendi l'OMAP3 e ci trovi dentro la CPU licenziata da ARM, la scheda grafica powervr, il DSP texas instruments.
            buon per loro che siano arrivati a 2.5 wNon è che sono arrivati, quello è il consumo.
            ma teniamo presente che quello è il tdp e intel
            ha una spiccata tendenza a non mettere i valori
            massimi
            realiOh come ARM visto che se li calcolano. Sapere il TDP di un proXXXXXre cortex sembra essere più difficile che entrare al pentagono.
            non è raro avere un proXXXXXre con un max TDP di
            95w che poi arriva fino a
            110wOvvio, cosi' come solo un ingenuo può pensare che un sistema completo anche se cortex A9 consumerà 1,9 watt. Le leggi della fisica non si cambiano, x transistor grandi y a una certa frquenza z consumano w.
          • simply scrive:
            Re: tecnofuffa
            - Scritto da: nome e cognome

            vabbè questioni semantiche ma il punto è che arm

            si presenta sempre all'interno di SoC e quindi

            con tanti chip che servono alle più disparate

            funzioni

            atom non ha nulla di tutto ciò e deve fare tutto

            il

            proXXXXXre

            Fino ad ora è stato cosi' perchè i due proXXXXXri
            avevano target di mercato diversi. Ora che intel
            vuole entrare nel segmento mobile stanno uscendo
            i SOC, e a breve si vedranno le CPU arm. Non ci
            credono nemmeno quelli di arm che si possa
            gestire un notebook con un SOC, non riesci ad
            integrare una sufficiente quantità di RAM.



            ha un pò di unità vettoriali, le sse4 ma nulla
            di

            così eclatante come i coproXXXXXri dei SoC

            arm

            I coproXXXXXri di ARM non sono di ARM. Prendi
            l'OMAP3 e ci trovi dentro la CPU licenziata da
            ARM, la scheda grafica powervr, il DSP texas
            instruments.



            buon per loro che siano arrivati a 2.5 w

            Non è che sono arrivati, quello è il consumo.


            ma teniamo presente che quello è il tdp e intel

            ha una spiccata tendenza a non mettere i valori

            massimi

            reali

            Oh come ARM visto che se li calcolano. Sapere il
            TDP di un proXXXXXre cortex sembra essere più
            difficile che entrare al pentagono.



            non è raro avere un proXXXXXre con un max TDP di

            95w che poi arriva fino a

            110w

            Ovvio, cosi' come solo un ingenuo può pensare che
            un sistema completo anche se cortex A9 consumerà
            1,9 watt. Le leggi della fisica non si cambiano,
            x transistor grandi y a una certa frquenza z
            consumano
            w.appunto, x transistor: siccome l'architettura ARM è più snella, x transistor è più basso
          • cats in cool scrive:
            Re: tecnofuffa
            Infatti..guardando ai ''vecchi'' arm e atom si nota che :family Arm Cortex a8 (samsung/ipad): 1.0ghz, 1.3gflops, 2000 mips, 0.25/3 watt, 10-$family Atom (eeepc): 1.7ghz, 2.1 gflops , 3300 mips, 2.5/4+ watt, 40-$..con le dovute approssimazioni ed aggiustamenti si puo' dire all'incirca che atom ha prestazioni maggiori del 15% ma per raggiungere la stessa prestazione per Arm si consuma meno di un quarto di un Atom (e ad un costo minore)Ok, Arm ha esagerato col marketing, ma comunque al momento batte Atom sul campo watt/potenza/costo.. per raggiungere una data potenza Arm consuma meno e costa meno di Atom, e per il futuro le premesse ci sono perche' continui a farlo.
      • Matteo Italia scrive:
        Re: tecnofuffa
        - Scritto da: massi
        ARM Cortex A9 dual core a 2 Giga di clock consuma
        1.9
        WNon mi esprimo sul resto in quanto che non ho conoscenze sufficienti sulle architetture in questione, ma ricordo che confrontare il clock al giorno d'oggi può avere un qualche senso solo su CPU della stessa identica famiglia; confrontare il clock proXXXXXri con architetture differenti, poi non vuol dire veramente niente.Comunque, buona fortuna ad ARM, un po' di concorrenza alla obsoleta* architettura x86 non può fare che bene.* magari non come performance, visto che vengono sviluppati i trucchi più strani per incrementarle, ma per come è progettata.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 aprile 2010 09.29-----------------------------------------------------------
    • 4.3BSD scrive:
      Re: tecnofuffa
      - Scritto da: attonito
      Anche ARM affiata sulla strada del cialtronismo,
      che tempi....Sono stretti nella morsa tra Atom e mips devono farsi notare.
      • massi scrive:
        Re: tecnofuffa
        - Scritto da: 4.3BSD
        - Scritto da: attonito

        Anche ARM affiata sulla strada del cialtronismo,

        che tempi....

        Sono stretti nella morsa tra Atom e mips devono
        farsi
        notare.Bé su Atom in termini di numeri ok (anche se non c'è storia a livello di prestazioni/consumi)... ma mips? chi prendi in giro??dai fammi qualche esempio per dimostrarmi la straordinaria diffusione (oggi, 2010) dei proXXXXXri basati su mips
        • 4.3BSD scrive:
          Re: tecnofuffa
          - Scritto da: massi
          dai fammi qualche esempio per dimostrarmi la
          straordinaria diffusione (oggi, 2010) dei
          proXXXXXri basati su
          mipsLa maggior parte dei router ADSL sono mipsel, per non parlare dei print server e tanti altri sistemi embedded.http://www.linux-mips.org/wiki/AR7La Cina sembra voler adottare questi proXXXXXri anche in ambito general purpose (vedi Loongson).http://openbsd.org/loongson.html
          • massi scrive:
            Re: tecnofuffa
            - Scritto da: 4.3BSD
            - Scritto da: massi


            dai fammi qualche esempio per dimostrarmi la

            straordinaria diffusione (oggi, 2010) dei

            proXXXXXri basati su

            mips

            La maggior parte dei router ADSL sono mipsel, per
            non parlare dei print server e tanti altri
            sistemi
            embedded.
            http://www.linux-mips.org/wiki/AR7
            La Cina sembra voler adottare questi proXXXXXri
            anche in ambito general purpose (vedi
            Loongson).
            http://openbsd.org/loongson.htmlOk ma mi sembra presto per parlare di una "morsa che stringe" un'architettura che occupa il 75% dei proXXXXXri embedded...
        • Suricato scrive:
          Re: tecnofuffa
          http://www.dreambox.it/decoder di tv satellitare (con linux dentro)mips (da 300Mhz credo)
          • massi scrive:
            Re: tecnofuffa
            - Scritto da: Suricato
            http://www.dreambox.it/
            decoder di tv satellitare (con linux dentro)
            mips (da 300Mhz credo)non ho detto che mips non esistedico che non insidia ARM (per ora)tanti auguri a mips
  • guast scrive:
    7 Watt
    Tanto tempo fa avevo letto da qualche parte che si può montare una cpu senza ventola con un buon margine di sicurezza se ha un buon dissipatore e non produce più di 7 watt di calore. Vi risulta ?Se fosse vero e se ARM tirasse fuori una cpu del genere per PC sarebbe una buona base per un PC silenzioso. Addesso anche il mio portatile sibila (Però ha tre anni)
    • spruzzo scrive:
      Re: 7 Watt
      il calore non simisura coi watt!
      • guast scrive:
        Re: 7 Watt
        Prima di iniziare a truccare le carte per nascondere i problemi i vari produttori pubblicavano la potenza dissipata in calore dei loro chip misurata in watt.Non so se sia corretto o no, ma continuerò ad usare i watt per avere una unità di misura con cui fare i confronti
        • collione scrive:
          Re: 7 Watt
          in generale ARM tende a pubblicare i consumi massimi del proXXXXXre e quindi ci aggiriamo intorno ai 2 watt per un cortex a9 quad coredissipare 2 watt non è difficile, se si pensa che l'atom arriva a 8 watti proXXXXXri ARM che io sappia vengono montati ovunque senza ventole
      • cats in cool scrive:
        Re: 7 Watt
        - Scritto da: spruzzo
        il calore non simisura coi watt!la quantità di calore che transita nell'unità di tempo attraverso un materiale si misura in ..WATT !Bum!..questa e' fisica, non fantascienza
      • advange scrive:
        Re: 7 Watt
        - Scritto da: spruzzo
        il calore non simisura coi watt!Il calore si misura in joule, ma non credo che qualcuno sia interessato a misurare il calore in senso assoluto: piuttosto si è interessati a misurare il calore per unità di tempo = joule/s = watt
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: 7 Watt
      7 watt di calore? :oDa quando il calore si misura in Watt?
      • Matteo Italia scrive:
        Re: 7 Watt
        - Scritto da: Francesco_Holy87
        7 watt di calore? :o
        Da quando il calore si misura in Watt?Visto che si sta parlando di *potenza dissipata*, che io sappia è corretto parlare di watt.
      • pentolino scrive:
        Re: 7 Watt
        effettivamente è un' indicazione imprecisa, ma la produzione di calore ed il consumo in watt sono piuttosto correlati, nel senso che che se qualcosa consuma X scalda Y e se consuma 2X scalda più o meno 2Y.
      • cats in cool scrive:
        Re: 7 Watt
        - Scritto da: Francesco_Holy87
        7 watt di calore? :o
        Da quando il calore si misura in Watt?la quantità di calore che transita nell'unità di tempo attraverso un materiale si misura in ..WATT !Bum!..questa e' fisica, non fantascienza
      • advange scrive:
        Re: 7 Watt
        - Scritto da: Francesco_Holy87
        7 watt di calore? :o
        Da quando il calore si misura in Watt?Dai, pure tu?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2871001&m=2872058#p2872058
    • ruppolo scrive:
      Re: 7 Watt
      - Scritto da: guast
      Se fosse vero e se ARM tirasse fuori una cpu del
      genere per PC sarebbe una buona base per un PC
      silenzioso. Addesso anche il mio portatile sibila
      (Però ha tre
      anni)Apple fa computer silenziosi da 30 33 anni.
      • nome e cognome scrive:
        Re: 7 Watt

        Apple fa computer silenziosi da 30 33 anni.Prova anche ad accenderli ogni tanto.
        • W.O.P.R. scrive:
          Re: 7 Watt
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • cats in cool scrive:
          Re: 7 Watt
          - Scritto da: nome e cognome

          Apple fa computer silenziosi da 30 33 anni.

          Prova anche ad accenderli ogni tanto.Ti sembra impossibile che un computer non faccia da generatore di rumore.. eh ?Chetteloddicoaffare?
        • collione scrive:
          Re: 7 Watt
          a parte la trollata, ho un imac da qualche anno e non si sente il minimo rumore, nonostante lo usi ad agosto con 35° di temperatura esterna e ci faccia di tuttoforse ti fa male sapere la verità, ma è così non ci possiamo fare nulla
          • pippO scrive:
            Re: 7 Watt

            a parte la trollata, ho un imac da qualche anno e
            non si sente il minimo rumore, nonostante lo usi
            ad agosto con 35° di temperatura esterna e ci
            faccia di
            tuttoAmplifon? :D
          • JosaFat scrive:
            Re: 7 Watt
            - Scritto da: collione
            a parte la trollata, ho un imac da qualche anno e
            non si sente il minimo rumore, nonostante lo usi
            ad agosto con 35° di temperatura esterna e ci
            faccia di
            tutto

            forse ti fa male sapere la verità, ma è così non
            ci possiamo fare
            nullaGuarda, ho un banalissimo HP che ha qualche anno (2-3.. 4? boh) e non si sente. In compenso ho visto l'altr'anno un mostro Apple che veniva usato da un tizio per fare musica. Teneva le casse a palla per non sentire il rumore del pc.
          • lordream scrive:
            Re: 7 Watt
            wow.. col mio i7 con windows seven installato giocando a crysis si sente solo un lieve ronzio.. la pompa del radiatorino..che XXXXX di discorso.. come se solo gli apple possano essere silenziosi
      • cats in cool scrive:
        Re: 7 Watt
        Verissimo- confermo.
      • DarkOne scrive:
        Re: 7 Watt
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: guast

        Se fosse vero e se ARM tirasse fuori una cpu del

        genere per PC sarebbe una buona base per un PC

        silenzioso. Addesso anche il mio portatile
        sibila

        (Però ha tre

        anni)

        Apple fa computer silenziosi da 30 33 anni.Uhm...e i macbook pro?
  • Cobra Reale scrive:
    Buona fortuna, ARM & C.!
    Come da topic
    • collione scrive:
      Re: Buona fortuna, ARM & C.!
      beh di fortuna ne hanno già parecchia, visto che arm è presente pure nei tostapanecerto intel guadagna di più ma fa pure prezzi centinaia di volte superiori
Chiudi i commenti