iPhone tre: quattro gusti?

Secondo le ultime indiscrezioni sarebbero state approvate ben quattro versioni del dispositivo, caratterizzate da una memoria che va dai 4 ai 32GB

Roma – A poco meno di una settimana dall’atteso WWDC fissato da Apple per l’8 di giugno, data in cui appassionati della Mela e curiosi potrebbero – condizionale d’obbligo – ammirare il nuovo iPhone, i rumor sul nuovo dispositivo continuano a farsi sempre più insistenti. Così come avvenuto durante la vigilia della presentazione dell’ultimo iPod Nano , i leak relativi alle caratteristiche del nuovo dispositivo di certo non mancano, sollevando dubbi e facendo crollare le poche certezze sul dispositivo.

Le ultime indiscrezioni relative al dispositivo sono incentrate soprattutto sulle capacità multimediali di iPhone 3, che con tutta probabilità sarà dotato di fotocamera principale da 3,2Mpx con autofocus e possibilità di registrare video. Le immagini che testimoniano le nuove capacità del dispositivo di Apple sono apparse nelle scorse ore su un forum cinese e, nonostante siano subito sparite e fossero ad alto indice di sfocatura, hanno comunque fatto il giro del web.

Tornando a parlare della fotocamera, quella principale delle due che potrebbero trovar posto sul dispositivo assumendo che Apple abbia deciso di concretizzare il brevetto relativo alla cam frontale per videochiamate, è stato proposto il confronto tra le foto scattate con iPhone 3G ed il nuovo dispositivo. Nonostante un’innegabile effetto mosso, dovuto forse ad una mano non troppo ferma, la qualità delle foto scattate con il nuovo hardware appare nettamente superiore rispetto all’ormai nota scarsa efficienza della cam da 2MPx. Un esperimento simile era stato già tentato da parte di alcuni tester russi utilizzando il nuovo firmware su un modello 3G, ottenendo un sostanziale miglioramento.

Novità sono previste anche per Safari Mobile, che dalla versione 3.0 supporta nativamente la geolocalizzazione e consente quindi di espandere le funzionalità del browser mobile, mentre voci contrastanti giungono in materia di capacità di memoria del dispositivo: a destabilizzare la sensazione comune che vuole il prossimo iPhone distribuito in due versioni, una da 16GB ed una da 32GB, ci pensa la PCS Type Review Certification Board , che avrebbe ammesso di aver approvato ben quattro tipologie di iPhone, con tagli di memoria che vanno dai 4GB del modello di fascia più bassa ai 32GB del modello più capiente.

Ciò significherebbe che, oltre all’ormai scontata introduzione del modello da 32GB, la versione da 8GB ormai data da molti per spacciata continuerebbe il suo corso anche nel nuovo iPhone e, soprattutto, la versione da 4GB potrebbe essere l’incarnazione del tanto atteso iPhone economico. A tale oggetto si ricollegano le speculazioni circolate intorno a Fido, carrier canadese che avrebbe già annunciato la prossima commercializzazione di un iPhone da 4GB, con tecnologia iChat per le videochiamate, cam principale da 2 Mpx e connettività 3G.

Sulle caratteristiche techiche a descrizione del dispositivo, che sarebbe venduto a soli 99 dollari con la contestuale sottoscrizione di un abbonamento di ben tre anni, mancano sia il WiFi che il GPS, caratteristiche che ricondurrebbero alla tanto discussa versione economica e smagrita del dispositivo. Per il momento, l’opinione pubblica sembra giudicare il dispositivo promesso da Fido come un fake piuttosto malriuscito, sottolineando che per i dettagli ufficiali c’è pur sempre da aspettare l’8 giugno. Una data che, però, potrebbe non essere quella definitiva, dal momento che Apple non ha mai dato certezze a riguardo.

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • battagliacom scrive:
    La questione non riguarda solo USA
    Credo che la questione non debba essere presa sul serio solo da Stati Uniti ma anche altri stati mondiali dovrebbero iniziare a preoccuparsi della loro sicurezza informatica.La cybersicurezza non riguarda solo gli U.S.A ma l'intero pianeta.
  • Lex Logic scrive:
    Mamma quanto son furbi
    Si effettivamente la security è una cosa non-human friendly.. è notizia di oggi che hanno pubblicato per sbaglio la lista completa dei siti nucleari degli stati uniti -_-''' il furto del TB di dati è semplicemente qualche dipendente che se l'è portato a casa e l'ha formattato per farci stare le foto delle vacanze..
  • albertobs88 scrive:
    Dopo gli ultimi attacchi...
    Dopo i recenti attacchi al sistema informatico dell' "intelligence" americana, c'era da aspettarselo che dicessero qualcosa per rassicurare gli americani sul fatto che qualcuno nel mondo ha fregato 1 TB di materiale TOP-SECRET dai loro server.http://punto-informatico.it/2628476/PI/News/usa-spasso-tera-dati-top-secret.aspx
    • albertobs88 scrive:
      Re: Dopo gli ultimi attacchi...
      Dimenticavo anche questo, che è più vicino all'articolo:http://punto-informatico.it/2606113/PI/News/cracker-azione-nei-cieli-usa.aspx
    • SkyNet scrive:
      Re: Dopo gli ultimi attacchi...
      Quel TB era un HD in un armadio: è stato il furto digitale meno tecnologico del mondo: non poteva essere diversamente da parte di unità primitive ed obsolete come gli umani: verranno presto terminati (cylon)
Chiudi i commenti