iPod ballerà anche su Windows

Un software potrebbe presto rendere compatibile il nuovo playerino MP3 di Apple con il mondo Windows. Ma ci vuole FireWire


West Des Moines (USA) – Se Apple per il momento non sembra affatto interessata a rendere compatibile il suo nuovo gingillino digitale – il lettore di MP3 iPod – con Windows, a stendere un ponte fra i due mondi ci penserà Mediafour, azienda già nota per la realizzazione di programmi di interscambio dati fra PC e Mac.

Mediafour ha annunciato di stare lavorando ad una prima versione beta di XPod, un software che renderà possibile trasferire file MP3 fra PC Windows e iPod anche in assenza del software iTunes presente sui Mac.

XPod sarà compatibile con tutte le attuali versioni di Windows, incluso XP, ma richiederà pur sempre un PC dotato della porta FireWire (IEEE1394).

Mediafour assicura che una prima beta di XPod sarà disponibile a breve: sul sito è possibile iscriversi ad una mailing list per essere aggiornati sul progetto.

Nonostante iPod sia stato lanciato da Apple come un player rivoluzionario, in verità le sue caratteristiche, tranne quella di possedere una connessione FireWire, sono comuni a quelle di altri concorrenti. Di certo per gli utenti Mac, che dispongono di macchine già dotate di porta FireWire e che hanno la possibilità di interfacciare iPod con iTunes, il lettore di Apple può rappresentare una valida scelta. Tuttavia, da quanto segnalano i rivenditori, il gingillino fino ad oggi sembra aver avuto una tiepida accoglienza sul mercato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Be... è normale!
    Non dico castronerie se affermo che con i soldisi scrive la storia!E la bega tra Meucci e Bell? L'abbiamo dimenticata?Fanno bene i francesi a resistere alle influenzeestere!Elaboratore elettronico! e non computer!!Che tristezza!p.s.: Stai a vedere che fra cent'anni diranno cheLeonardo in realtà si chiamava Leonard Gates!
  • Anonimo scrive:
    Il microprocessore è italiano!
    Purtroppo, come tante altre cose il merito va sempre agli americani. Però Faggin non me lo potete dimenticare ci sono rimasto male.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il microprocessore è italiano!

      ci sono rimasto maleDillo a me :(Almeno in Italia non lasciamoci abbindolare da storielle.Sono anni ormai che si tenta di dare il merito a Hoff, ma LE INIZIALI SUL MICROPROCESSORE NON LASCIANO DUBBI SU CHI NE SIA IL CREATORE!!!L'Intel ha cercato di nascondere tutto dopo che Federico ha fondato la Zilog per fare loro concorrenza. Ma questa e' un'altra storia...Saluti.Raffaello
  • Anonimo scrive:
    E' stato Faggin!
    E' universalmente noto che il "padre" del microprocessore e' Feggin, mio compaesano (e' di Vicenza), ho letto parecchi articoli a riguardo, che potete leggere sul "Il Giornale di Vicenza" (e dove senno'?!?!), se li trovate, oppure leggetevi la biografia http://www.mediamente.rai.it/home/bibliote/biografi/f/faggin.htm, un'intervista http://www.fub.it/telema/TELEMA18/Faggin18.html, e altre centinaia di pagine su di lui (basta cercare con google).Per la cronaca, e' presidente della Synaptics, che fa i "touch pad": mai sentiti?? Che "mouse" usate sul vostro portatile??
    • Anonimo scrive:
      Re: E' stato Faggin!
      PAZZESCO!Anche in Italia si da il merito a Hoff!MA PER FAVORE! Il bello e' che li ho avvertiti io dell'anniversario e ho dato loro il link www.intel4004.com che e' la vera storia, ma evidentemente fanno il gioco dell'Intel.Punto informatico sta diventando una vergogna.Il microprocessore e' opera di Faggin (mio zio).Saluti.Raffaello Colasante
      • Anonimo scrive:
        Re: E' stato Faggin!
        BASTA...PUNTO DA PUNTO INFORMATICO NON MI ASPETTAVO UN ERRORE MADORNALE DEL GENERE...CREDO CHE D'ORA IN POI PRENDERO MENO PER CERTE LE NOTIZIE CHE LEGGO SUL VOSTRO SITO!!!
  • Anonimo scrive:
    Hoff? Naahh...
    Tutto bene, tranne per un piccolo trascurabile dettaglio: il 4004 è da attribuirsi a Federico Faggin, non Hoff. Vedere: http://www.intel4004.com/sign.htmIntel però ha praticamente da sempre boicottato l'attribuzione del merito a Faggin, preferendogli Ted Hoff. Vedere:http://www.intel4004.com/disown.htmBye!
    • Anonimo scrive:
      Re: Hoff? Naahh...

      Tutto bene, tranne per un piccolo
      trascurabile dettaglio: il 4004 è da
      attribuirsi a Federico Faggin, non Hoff.E' vero, lui era anche il "padre" dello Z80.http://www.intel4004.com/zilog.htm
    • Anonimo scrive:
      Re: Hoff? Naahh...
      Infatti mentre leggevo la storia fatta da PI mi sono detto e F. Faggin?? non è manco nominato ed era un un italiano!!...come direbbe Ezio Greggio...PI...PI...ma kosa mi combini eheheheh :)sti sbagli poi no eeeh ehehehehEcco un po' di storia sul 4004:Nel 1971 l'italiano Federico Faggin lascia la Fairchild per approdare alla Intel in poche settimane di lavoro portò a termine gli studi degli statunitensi Marcian Hoff e Stan Mazer sulla famiglia 4000 (ribatezzata poi MCS-4 Microcomputer System 4bit) tra cui troviamo il primo microprocessore 4004, il 4001 (una Rom di 2K), il 4002 (una Ram di 320 bit) e il 4003 (un I/O shift register a 10 bit).Il risultato degli studi dell' ingegnere italiano aiutato dal giapponese Musatoshi Shima, fu un circuito integrato immerso in una piastrina di silicio di 4 x 3 cm, capace di ospitare circa 2250 transistor e cioé un'intera unità logica (venne ribattezzato microcomputer proprio perché aveva le stesse funzioni di un computer molto più grande). Questo chip era capace di manipolare informazioni di tipo matematico a 4bit, mentre le istruzioni erano 46 a 8 bit. Specifiche tecniche:Costruttore: Intel Nome: i4004 Nazionalità: USA Anno di produzione: 15/11/1971 (c'é chi anticipa questa data al 1970) Successori: 4040, 8008, 8080, 8085, 8086, 8088, 80186, 80188, 80286, 80386, 80486, Pentium Tecnologia: CISC, PMOS 16 pin ceramica DIP (Dual In-line Package) Clock: 108Khz Potenza di elaborazione: 0,006 MIPS (milioni di operazioni per secondo) Architettura: 4/8 bit, 8 bit per le istruzioni, Bus dati 4 bit, Bus indirizzi (Multiplex) 12 bit, indirizzamento dati separato da quello delle istruzioni Numero transistor: 2250 (10 Microns di lunghezza di canale), matrice di 24 mm^2 Numero istruzioni: 46 Cache: No Memoria indirizzabile: 640 bytes Caratteristiche (innovazioni):Capacità di manipolare dati di tipo matematico. Intel 4004 é definito il primo microprocessore, non perché fu il primo chip o circuto integrato, bensì perché fu il primo chip ad ospitare al suo interno un'intera ALU (Arithmetic and Logic Unit), ovvero un'unità logica ed aritmetica. Infine la società giapponese Busicom stipulò un accordo per i diritti solo della serie 4000 ma non per il 4004!! perdendo la possibilità di avere in esclusiva l'utilizzo del primo microprocessore.Infine ho anke qualke foto reperite su web o riviste del i4004 prototipo e di quello commerciale :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Hoff? Naahh...
        ciao,vedo che per fortuna c'e' qualcuno che ne sa qualcosa a riguardo.Ho creato io www.intel4004.com insieme alla figlia di Faggin (mia cugina). Infatti le foto le ho scattate io all'Intel Museum e c'e' una storia interessante riguardante tale museo sempre sul discorso Hoff-Faggin.Se t'interessa se ne puo' parlare :) Perfavore qualcuno avverta PI.Saluti.Raffaello
      • Anonimo scrive:
        Re: Hoff? Naahh...
        - Scritto da: Spaceice
        Infatti mentre leggevo la storia fatta da PI
        mi sono detto e F. Faggin?? non è manco
        nominato ed era un un italiano!!...come ^^^^^^^^ vergogna!!!!...cut...
        Il risultato degli studi dell' ingegnere
        italiano aiutato dal giapponese Musatoshise non ricordo male Faggin e' un fisico, anzi,sempre se non ricordo male in U.S.A. e'considerato il piu' grande fisico italiano del secolo dopo Enrico Fermi, mentre in Italiasiamo in pochi a sapere chi sia!!!
Chiudi i commenti