Iran, attivismo online in manette

Quasi 30 siti messi sotto scacco dalla guardia rivoluzionaria con l'accusa di collaborazione con lo spionaggio USA. Ma non ci sono prove. E si tratta di spazi online dedicati alla difesa dei diritti umani

Roma – Si tratta di un nuovo giro di vite contro alcune presenze online, particolarmente sgradite alle autorità di Teheran. Il corpo armato della rivoluzione islamica pare essersi intrufolato in circa 30 siti web , mettendo KO i loro server con l’accusa di aver collaborato con gli estesi meccanismi di spionaggio degli Stati Uniti.

A rivelarlo , la semi-ufficiale agenzia di stampa iraniana Fars il cui articolo non si è rivelato particolarmente dettagliato. La lista dei siti messi sotto scacco dalle guardie rivoluzionarie è stata tuttavia pubblicata su un sito da loro gestito . Si tratta, per la precisione, di 29 siti web, accusati di aver tramato contro la sicurezza nazionale dietro una facciata umanitaria .

Uno dei siti attaccati – hra-iran.org – risulta al momento ancora inaccessibile. Uno spazio online gestito da un gruppo di attivisti per i diritti umani che avevano precedentemente pubblicato un elenco di circa 400 esponenti dell’opposizione arrestati dalle autorità nel novembre dello scorso anno. Non sono comunque state portate prove evidenti della connessione tra il sito e alcuna entità governativa statunitense.

L’attacco ai vari siti ha fatto immediato seguito ad un’altra operazione con cui le autorità iraniane hanno arrestato circa 30 persone , apparentemente coinvolte in un network dedito ad operazioni di cyberwar nell’ex-Persia. Le infrastrutture sarebbero state finanziate dalla CIA con l’obiettivo di seminare i germi del dissenso nel paese, oltre che per spiare i vari scienziati al lavoro sul programma nucleare delle autorità di Teheran.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Vitalij scrive:
    Shirky e gli errori logici
  • Funz scrive:
    Esiste qualche programma o script...
    ...per cancellare le cose pubblicate su Facebook?Tipo quella poi chiusa, per "suicidare" il proprio account, magari impostabile in modo da cancellare i messaggi più vecchi di un mese, tanto per fare un esempio?Devo fare un giro sul sito di greasemonkey
  • Kolossus scrive:
    abbiamo scoperto l'acqua calda
    lo sanno tutti oramai che la privacy non esiste, figuriamoci su faccialibro
    • La redazione si riserva di cancellare scrive:
      Re: abbiamo scoperto l'acqua calda
      - Scritto da: Kolossus
      lo sanno tutti oramai che la privacy non esiste,
      figuriamoci su
      faccialibroNon tutti.C'è anche chi non sa neanche cos'è la privacy.Peggio per loro.
Chiudi i commenti