Iran, il grande scisma digitale

Continuano le operazioni per l'autarchia della Rete. I vertici del ministero delle Comunicazioni annunciano la disconnessione delle principali agenzie governative. Per il bene dei netizen e della sicurezza nazionale

Roma – “Internet non dovrebbe restare nelle mani di una o due nazioni specifiche”. Parola del ministro iraniano alle Comunicazioni Reza Taqipour, recentemente intervenuto nel corso di un incontro tra universitari ed esponenti dell’industria nella capitale Tehran. Un’occasione per ribadire la volontà di sviluppare una rete interna in lingua farsi , lontana anni luce dall’immoralità della cultura di stampo occidentale.

Nei nuovi piani delle autorità iraniane, la disconnessione delle principali agenzie governative dalla Rete globale . A partire dal mese prossimo, il ministro Taqipour darà il via alle operazioni di smantellamento dei presidi digitali, salvo ripristinarli all’interno di una rete chiusa e ovviamente controllata a livello nazionale.

Una situazione esacerbata dalla recente ondata di cyberattacchi guidata dal worm Stuxnet , in particolare contro il sistema iraniano per lo sviluppo di energia nucleare. I vertici della Difesa vorrebbero così implementare dei centri votati alla sicurezza cibernetica, per il continuo monitoraggio degli avamposti digitali .

Dal mal tollerato dominio statunitense alla paura di restare ancora vittima di cracker e worm, il governo di Tehran vuole accelerare il suo personale esodo dalla Rete occidentale. Nella visione di Taqipour, l’ecosistema digitale nazionale permetterà ai netizen locali di spendere meno, con un livello maggiore di sicurezza e banda larga più efficiente . E ovviamente con contenuti purificati.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti