Irlanda, i discografici denunciano il governo

Le autorità di Dublino avrebbero fatto poco o nulla per contrastare la condivisione illecita dei contenuti. L'industria della musica chiede l'oscuramento di massa di tutte le piattaforme pirata

Roma – È stato trascinato al cospetto dell’Alta Corte di Dublino, accusato di aver tardato fin troppo nella revisione delle attuali misure legislative a tutela del diritto d’autore sulle nuove reti di comunicazione elettronica. Il governo irlandese è così finito nelle grinfie della Irish Recorded Music Association (IRMA), l’associazione che tutela gli interessi delle grandi etichette discografiche.

Un’ azione legale clamorosa, dati gli intenti già sbandierati dalle autorità nazionali per un piano legislativo nel corso di quest’anno, in modo da bloccare in massa tutti quei siti colti in violazione del copyright. Nella visione dei discografici, l’attuale versione della legge sul copyright non sarebbe affatto in linea con le predisposizioni dettate dall’Unione Europea in materia di pirateria .

C’è chi ha subito sottolineato come IRMA voglia in realtà sfruttare la causa per fare pressione sul governo. Per vincere in tribunale, le grandi etichette dovrebbero dimostrare l’effettivo collegamento tra la mancata azione delle autorità e i danni economici subiti . Si era già parlato di 40 miliardi di euro persi in sei anni per colpa delle attività di scaricamento illecito dei contenuti.

Mentre un giudice di Dublino aveva stabilito che provider del calibro di Vodafone e UPC non siano affatto obbligati a bloccare gli accessi alle varie piattaforme della condivisione selvaggia. Perché appunto c’è un vuoto normativo che non contempla l’implementazione di misure come quelle previste dalla Dottrina Sarkozy. Un buco nella legge irlandese che ora potrebbe essere riempito con le richieste di IRMA.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pino scrive:
    Il tricorder di Star Trek italiano
    Il tricorder di Star Trek lo ha inventato un Italianohttp://22passi.blogspot.com/2011/09/il-tricorder-di-star-trek-lo-ha.htmlIl solito scandalo italiano: un'apparecchiatura veramente all'avanguardia e abbandonata perché la Finmeccanica (che lo produceva) non è più interessata a produrre dispositivi per il campo medico...
  • pampinello scrive:
    Software android
    Ho preso un software per il mio cellulare android che attraverso la fotocamera, ti dá i battiti del cuore. Notevole no? E stiamo parlando di un software/dispositivo non per uso professionale. Non credo ci possano essere grandi problemi a implementare sensori da attaccare a una porta microusb...
Chiudi i commenti