IT per Vendetta

Ancora una volta un dipendente deluso dopo il licenziamento tenta di restituire il torto subito dai suoi ex datori di lavoro. Con l'intento di causare danni milionari

Vendetta, assolutissimamente vendetta: è questo il leitmotiv che sembra descrivere in maniera appropriata la vicenda consumatasi alla Fannie Mae che vede come protagonista un suo ex impiegato. Licenziato in tronco, l’uomo ha deciso di iniettare del codice malevolo nel sistema informatico dell’azienda, con lo scopo di azzerare tutti i database presenti sui server.

La vicenda ruota intorno a Rajendrasinh Babubha Makwana, ingegnere di nazionalità indiana, e ha avuto inizio nel primo pomeriggio dello scorso 24 ottobre, quando all’uomo viene comunicato l’immediato licenziamento dal suo incarico probabilmente a causa di un errore fatto nella creazione di uno script. Immediatamente gli è stato chiesto di riconsegnare il laptop ed il badge, ma stando a quanto dichiarato dalle autorità nell’opera di ricostruzione dell’accaduto, l’ingegnere defenestrato avrebbe riconsegnato il tutto solo tre ore dopo il licenziamento.

In questo lasso di tempo Makwana avrebbe quindi deciso di vendicarsi creando uno script, la cui attivazione era prevista per il 31 gennaio, in grado di disattivare le notifiche relative all’attività sui server, per poi cambiare le password di login ai server di produzione, quindi a quelli di backup e infine a tutti i server di proprietà dell’azienda, ben 4mila sparsi in tutti gli Stati Uniti. L’intento finale era quello di eliminare qualsiasi dato presente, nonché quello di impedire qualsiasi altro accesso una volta compiuto il tutto.

Per fortuna dell’azienda un altro ingegnere si è accorto della presenza dello script ed ha lanciato l’allarme solo 5 giorni dopo l’inserimento dello stesso. Una volta setacciati a dovere i dati nei server alla ricerca di altri file malevoli, il team è riuscito a ripristinare la situazione, scoprendo anche che il file incriminato era stato inserito dall’account di Makwana, per il quale sono scattate subito le manette. Nonostante la sua dichiarazione di innocenza, se verrà giudicato colpevole su di lui graverà una condanna fino a 10 anni di reclusione. Per molti aspetti, l’epopea dell’ingegnere indiano ha molte somiglianze con quella di Terry Childs , passato alla storia come l’informatico che tenne in ostaggio San Francisco.

L’accaduto è stato reso noto a poche ore dall’ allarme lanciato da McAfee, che vede proprio negli ex dipendenti silurati un nemico da cui stare in guardia. Molto più intricato, invece, appare il caso relativo alla vicenda che vede come protagonisti Microsoft e Miki Mullor, CEO di Ancora Technologies , arrivato nel 2005 a lavorare per il colosso di Redmond. Stando all’accusa formulata da Microsoft, Mullor avrebbe sfruttato l’occasione di impiego offertagli per sottrarre dagli archivi dell’azienda dei documenti privati che sarebbero stati utili a dimostrare la violazione, da parte dell’azienda di Redmond, di un brevetto depositato da lui stesso anni addietro.

Secondo le accuse fatte dai legali dell’azienda, Mullor avrebbe quindi mentito sulla situazione di Ancora Technologies, data per spacciata prima di iniziare il suo lavoro in Microsoft e poi risorta. Di rimando, Mullor nega qualsiasi coinvolgimento e accusa Microsoft di un tentativo di ritorsione: stando al suo avvocato, la licenza di sfruttamento del brevetto oggetto del contendere, relativo ad un sistema OEM anti-pirateria, sarebbe stata offerta nel 2005 a Microsoft. Redmond avrebbe rifiutato ed in seguito si sarebbe appropriata della tecnologia senza autorizzazione. Il tutto ruota attorno ad uno scambio reciproco di accuse: ulteriori dettagli sono previsti quando le autorità competenti avranno deciso in materia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mare Salato scrive:
    Google ha sempre dato i numeri...
    Ad esempio del come entra in crisi quando tenta (senza riuscirci) di indicizzare i milioni di queries-links messigli a disposizione attraverso un banalissimo database MySql... Indicizza i links ma su di un milione di essi oltre il 50% sono fasulli, cioè creati "al volo" e pericolosamente fuorvianti per il navigatore abituale oltre che per quelli esperti.Quanto al PageRank di Google, si tratta della bufala del secolo in quanto - allo stato attuale non esiste nessun algoritmo in grado di dare un peso alle pagine web.Allo stato attuale, il valore di un sito web è una cosa molto difficile da determinare e dipendente da alcune molti parametri.Ai webmasters non suggerisco di non fidarsi di Google ma di incominciare ad uscire dal tunnel dell'ignoranza del fatto che - allo stato attuale - esistono strumenti di ricerca che vanno molto oltre la mediocrità del Google.
    • Google scrive:
      Re: Google ha sempre dato i numeri...
      Finalmente qualcuno ha capito che il PageRank non esiste! Lavorando da freelancer per Google ho scoperto molte cose che pochi sanno... per esempio, lo sapevate che ogni singola pagina web indicizzata dal motore viene controllata da persone vere? Google ovviamente sceglie in automatico quali pagine devono essere visualizzate per prime in base alle parole chiave e ad altri fattori, ma ci sono anche migliaia di persone che controllano e VALUTANO le pagine, decidendo se sono valide o meno, e "quanto" sono valide.Oh, e ricordiamoci che il 98% del web NON è indicizzato da nessun motore di ricerca (nemmeno Google)... ciò che possiamo vedere è soltanto la punta di un iceberg.
      • Mare Salato scrive:
        Re: Google ha sempre dato i numeri...
        Direi piuttosto che se il fattore umano che Google Inc. utilizza fosse più qualificato avremmo un motore di ricerca molto più vicino al "semantic web"Con Google si potevano fare delle cose che nemmeno Google Inc. immaginava ;-). La "beta" di Google (molti, molti anni fa) era veramente impareggiabile. Purtroppo, negli ultimi 5 anni hanno messo male le mani "sotto il cofano".Ma il difetto di cui parlavo nel mio precedente post non è il solo: in tre anni ho potuto riscontrare (monitorando una decina di siti notissimi) che vi è una incredibile discrepanza fra il basso PR (1-2) attribuito loro da Google e l'effettiva "notorietà" e "saturazione di rete" di fatto abbondanti e riscontrabili utilizzando altri sei motori di ricerca diversi da Google. Con questo non voglio dire che gli altri engines siano meglio ma, perlomeno, restituiscono dei dati che - pur grezzi - sono molto più attendibili di quelli offerti da Google.Grazie alle decine di bugs mostrati da Google in questi anni (e non ancora risolti) ho capito come NON deve essere un vero motore di ricerca.Forse il peggior difetto di Google sta proprio nell'incapacità dei suoi inventori e gestori di farlo diventare un progetto opensource, cioé migliorabile da coloro che lo utilizzano.Senza voler fare pubblicità a nessuno, le alternative ci sono e sono molto più serie del nostro, vecchio e asmatico Google...:-(
  • MAC EVANGELIST scrive:
    YAHOO!!!! ALTA LA VISTA
    Son un vecchio utente di Altavista, Google solo come seconda scelta...Chissà che mi perdo...
    • ullala scrive:
      Re: YAHOO!!!! ALTA LA VISTA
      - Scritto da: MAC EVANGELIST
      Son un vecchio utente di Altavista, Google solo
      come seconda
      scelta...

      Chissà che mi perdo...Credo non molto...
  • jobb scrive:
    gli utonti
    bastava disabilitare l antivirus e il messaggio scompariva....ma si sa cercare le soluzioni per gli utonti e' cosa impossibile..sempre con la pappa pronta...come quelli che sclerano per la dottrina sarkozy...meglio meno idioti ad occupare la rete chattando con facebook e tavanate simili...lasciate la rete libera per chi ci lavora.
    • ullala scrive:
      Re: gli utonti
      - Scritto da: jobb
      bastava disabilitare l antivirus e il messaggio
      scompariva....ma si sa cercare le soluzioni per
      gli utonti e' cosa impossibile..sempre con la
      pappa pronta...come quelli che sclerano per la
      dottrina sarkozy...meglio meno idioti ad occupare
      la rete chattando con facebook e tavanate
      simili...lasciate la rete libera per chi ci
      lavora.Abbhe! ... mo è arrivato il furbone il giudice di ciò che è lecito fare e non fare sulla rete... un altro dispensatore di "valori" superiori...Aho! è vero! sulla rete c'è un sacco di gente che fa cose discutibili... e anche il mondo è pieno di tali individui!Propongo la riedizione della "soluzione finale" adottata dall'imbianchino austriaco..."Arbeit macht frei" .... Bravo!Cominciamo pure da te....
    • roots scrive:
      Re: gli utonti
      - Scritto da: jobb
      ... lasciate la rete libera per chi ci lavora.E chi ci lavora, PER CHI ci lavora?Per chi li progetto i siti se poi non ho utenti che li navigano?E chi riempie di contenuti un servizio che offre informazioni mediche? Gli sviluppatori ajax?Togliamo anche di mano i computer a chi no è in grado di progettare una cpu e facciamo prima.E le auto? Le lasciamo solo ai meccanici? O meglio i piloti? O meglio gli ingegnieri? Uhm.
  • okats scrive:
    questa è una notizia?
    è forse una notizia? è degna di interesse?mezzora di guasto a un sito seguita immediatamente da riparazione scuse e spiegazioni deve rimbalzare sulla rete per 3giorni?? dai per piacere su
    • Wolf01 scrive:
      Re: questa è una notizia?
      se non ti interessa perchè posti?Su internet c'è spazio per tutti, almeno finchè non finiscono gli IP o lo spazio di archiviazione, quindi vai pure a cercarti altre notizie se queste non sono di tuo gradimento.
      • okats scrive:
        Re: questa è una notizia?
        beh intanto posto perchè è giusto che io possa dire la mia come ogni altra persona, e poi non è questione di interesse o meno, sarà anche una notizia (vedi risposta sotto decisamente ragionevole), quello che mi premeva sottolineare (e magari mi sono male espresso) è che non credo che se ne debba parlare così tanto, in fondo per tre giorni i miei RSS non hanno fatto altro che ripetermi la stessa cosa forse si fa un po' troppo overload di informazione non credete?
    • ocram scrive:
      Re: questa è una notizia?
      - Scritto da: okats
      è forse una notizia? è degna di interesse?
      mezzora di guasto a un sitoCondivido la nota di Mantellini. Sì, è una notizia e deve interessare.Se il sito è quello usato da centinaia di milioni di persone per iniziare a navigare. E se il guasto può avvenire su scala planetaria per opera di un singolo operatore umano distratto, sì. E' una notizia.Il problema è stato circoscritto in pochi minuti. Ma so di persone e aziende allarmate che hanno iniziato una procedura di verifica antivirus sui propri sistemi. Perdendo tempo e soldi. Moltiplicato milioni di volte... sì, mi sembra sia emersa una vulnerabilità rilevante, che dovrebbe interessarci tutti.Invece, non concordo con l'ottimo Mantellini l'idea che il web si è fermato per pigrizia. La maggior parte delle persone non ha pensato a un guasto (e quindi a cercarsi un motore alternativo) perché ha creduto a Google.Ciao.
  • ninjaverde scrive:
    Abitudine
    In effetti troppa abitudine limita l'uso del cervello.Come non ricordare che chi ha imparato ad usare windows solo nella sua forma grafica, è estremamente restio ad usare un altro SO e talvolta non si vuol neanche usare una forma grafica diversa o cambiare certe abitudini d'uso, come pretendere che basta un clik su di un file e si "apre" la pagina word... senza neanache sapere che quel file può essere aperto da un programma di word proXXXXXr diverso o aprire prima Word e poi aprire il file...Oppure usare un certo formato e rimanere imbambolati quando il formato di un file di testo non ha la solita estensione .doc... Altri esempi si potrebbero fare...Una certa versatilità mentale non farebbe male. :D
    • ede scrive:
      Re: Abitudine
      Molte persone utilizzano i computer come dei semplici strumenti e non ritengono di dover variare il loro approccio per ogni singola funzionalità ogni volta.Nessuno sarebbe contento, una volta imparato a programmare la lavastoviglie, di ricominciare da capo perchè gli hanno cambiato l'interfaccia grafica.Volendo posso entrare nella mia auto anche dal baule, ma sono abituato diversamente ed è probabile continuerò ad entrare dalla portiera.
      • Wolf01 scrive:
        Re: Abitudine
        Si ma se ti si rompe la portiera allora non piangere, ma ingegnati ed entra dal baule!
      • ninjaverde scrive:
        Re: Abitudine
        - Scritto da: ede
        Molte persone utilizzano i computer come dei
        semplici strumenti e non ritengono di dover
        variare il loro approccio per ogni singola
        funzionalità ogni
        volta.
        Nessuno sarebbe contento, una volta imparato a
        programmare la lavastoviglie, di ricominciare da
        capo perchè gli hanno cambiato l'interfaccia
        grafica.
        Volendo posso entrare nella mia auto anche dal
        baule, ma sono abituato diversamente ed è
        probabile continuerò ad entrare dalla
        portiera.Certo, piccolo particolare però: è che il computer non è un'auto o una lavastoviglie, neanche un tostapane... :s
        • ede scrive:
          Re: Abitudine
          Quello che gli smanettoni continuano a non capire è che per gli utenti normali i computer non sono niente di più di normali strumenti di lavoro, gioco, svago, proprio come qualunque altro elettrodomestico....oohhhh è uscito il firmware 2.0 della lavatrice, vado subito a fare l'aggirnamento...
  • Sgabbio scrive:
    Utenti con il Cervello atrofizzato
    Nel caso di google posso dire che molti il cervello non l'ho usano affatto!Prima di tutto, i siti che segnalava google mica erano in toto inraggiungibili! Bastava semplicemente copia incollare url che appariva nei risultati, cosi facendo si raggirava il problema! Ma evidentemente moli non sono capaci nemmeno di un semplice copia incolla!La cosa che mi fa invece più ridere, sono i media che hanno riportato i fatti:Parlavano di "prime debolezze del loro core bussines", cioè come se nessuno abbia mai avuto un problema tecnico, per giunta temporaneo!Sequesto questa logica da "panico" che i giornali hanno ingigantito, se guardavano Microsoft e Telecom, cosa facevano? Parlavano della cronaca in diretta dell'apocalisse ?Siceramente: Quandi non si sono fatti problemi per copia incollare url durante quel periodo di tempo ?
    • Wolf01 scrive:
      Re: Utenti con il Cervello atrofizzato
      Prendi aria quando parli che non si capisce nienteComunque sono d'accordo con te, si fa troppo affidamento su cose automatiche la manutenzione delle quali è comunque manuale, e quando il nostro 'giocattolo' automatico si rompe è la fine del mondo.Si sa poi che i media ingrandiscono sempre tutto, per questo ho smesso di guardare la tv che non sia Zelig o Colorado
      • XYZ scrive:
        Re: Utenti con il Cervello atrofizzato
        - Scritto da: Wolf01
        Prendi aria quando parli che non si capisce niente
        Comunque sono d'accordo con te, si fa troppo
        affidamento su cose automatiche la manutenzione
        delle quali è comunque manuale, e quando il
        nostro 'giocattolo' automatico si rompe è la fine
        del
        mondo.

        Si sa poi che i media ingrandiscono sempre tutto,
        per questo ho smesso di guardare la tv che non
        sia Zelig o
        ColoradoQuoto. Questi sono i classici casi "riempiTG".. Cavallo di battaglia dell'Informazione Sostitutiva di Stato. Riguardo a Google:Io ero online ieri, e sinceramente, manco me ne sono accorto! Non che fosse un "problema", in ogni caso.
        • dafsdgfd gad scrive:
          Re: Utenti con il Cervello atrofizzato
          non l'ho usano COMPLIMENTI!!!! W L'ITALIANO!!!!!x fortuna che tu usi il cervello xò...
          • ullala scrive:
            Re: Utenti con il Cervello atrofizzato
            - Scritto da: dafsdgfd gad
            non l'ho usano COMPLIMENTI!!!! W
            L'ITALIANO!!!!!x fortuna che tu usi il cervello
            xò...xò????sicuro che usi l'ita(g)liano?sicuro sicuro?
  • stefdragon scrive:
    Io c'ero ;-)
    Sabato pomeriggio mentre cercavo di raggranellare Drivers per un notebook che stavo riconfigurando..In pratica facendo una ricerca con Google, qualsiasi sito apparisse in elenco presentava una scritta del tipo "sito web pericoloso", nessuno escluso.. mi è quasi venuto da ridere leggendo tale scritta accanto al link ufficiale di Toshiba e company!! :DHo pensato "quelli di Google sono impazziti, dovranno riavviare i server!", poi ho fatto copia/incolla dei link sulla barra degli indirizzi e via...Dov'è il problema? :P
  • roots scrive:
    Non è stata solo dipendenza da Google
    In realtà il problema, più grave a mio parere, è stato generato anche da browser come Firefox.Da un po' di tempo a questa parte il browser è diventato molto efficiente nel riconoscere da sé gli indirizzi.Basta scrivere "Microsoft" nella barra di navigazione per finire sul sito giusto. Il sistema immagino che poggi sulla tecnologia di Google, ma in modo del tutto trasparente per l'utente.Sabato il sistema ha smesso di funzionare per un po', creando effettivamente sconcerto, tutti i siti più importanti venivano segnalati come rischiosi. Per quanto mi riguarda prima di capire cosa fosse sucXXXXX ho avuto paura di essere io quello infetto, in fondo se tutti i siti che provo a raggiungere risultano infetti c'è qualcosa che non va.Un po' come il classico proverbio "se tutti vanno contromano in autostrada... forse sei nella corsia sbagliata"Non esiste solo Google e quando i risultati non sono soddisfacenti si cambia motore. Ma se è il tuo browser di fiducia ad assumere comportamente strani?
    • reXistenZ scrive:
      Re: Non è stata solo dipendenza da Google

      Basta scrivere "Microsoft" nella barra di
      navigazione per finire sul sito giusto. Il
      sistema immagino che poggi sulla tecnologia di
      Google, ma in modo del tutto trasparente per
      l'utente.Macché, ravana nella cronologia!
      Sabato il sistema ha smesso di funzionare per un
      po', creando effettivamente sconcerto, tutti i
      siti più importanti venivano segnalati come
      rischiosi.Sarà stato il filtro antipishing che si appoggia a Google. Io non mi sono accorto di nulla perché non volendo essere tracciato l'avevo disabilitatto da un pezzo.
      • roots scrive:
        Re: Non è stata solo dipendenza da Google
        Il risultato però non cambia. :)Quei messaggi sono pensati per scoraggiare la navigazione, come è giusto che sia.Questo articolo di Mantellini sembra essere costruito su basi quantomeno discutibili:- è giusto ignorare i messaggi del browser che segnala la pericolosità di un sito;oppure- tutti gli utenti devono essere in grado di capire che se ad ogni loro ricerca corrisponde lo stesso risultato è il sistema che non funziona.Dal mio punto di vista sono entrambi presupposti scorretti:- gli utenti devono potersi fidare del browser che vigilia su di loro;- gli utenti non sono tenuti ad essere esperti in grado di riconoscere i falsi allarmi. Sarebbe meglio, ma non può essere obbligatorio.Per cui se si da contro a chi tra i media ha ingiustamnte seminato confusione allora va bene.Ma se si da contro agli utenti che si affidano a servizi ottimi e comodi forse si sta esagerando.
  • Funz scrive:
    Buon senso in bundle col PC
    Se all'improvviso tutti i siti del mondo vengono segnalati come infetti, uno cosa fa:1) pensa che sia in corso una guerra hacker mondiale, e si tuffa sotto la scrivania a strappare la ciabatta dal muro.2) pensa che Google fa le bizze.3) manco se ne accorge, dato che è abituato a ignorare qualsiasi messaggio di warning.Secondo voi qual è la più probabile? :D
    • Sgabbio scrive:
      Re: Buon senso in bundle col PC
      da una classifica personale mia, la terza è la prima ipotesi, seguita dalla seconda :D
      • Wolf01 scrive:
        Re: Buon senso in bundle col PC
        Idem, io manco mi ero accorto che google non funzionava, e comunque faccio molto più affidamento nei miei bookmark (fra un po' mi servirà google per cercare tra i miei bookmark, che hanno raggiunto la modica cifra di 200 pagine ormai)
        • Funz scrive:
          Re: Buon senso in bundle col PC
          - Scritto da: Wolf01
          Idem, io manco mi ero accorto che google non
          funzionava, e comunque faccio molto più
          affidamento nei miei bookmark (fra un po' mi
          servirà google per cercare tra i miei bookmark,
          che hanno raggiunto la modica cifra di 200 pagine
          ormai)Anche io, il mio places.sqlite ha superato i 5.5 MB (ma credo che contenga anche molto altro, visto che i backup in formato .json sono da 1.4 MB)Io uso pesantemente le parole chiave, e trovo molto comoda la barra degli indirizzi intelligente di FF3.E in più organizzo in modo maniacale i bookmarks :)
        • Joliet Jake scrive:
          Re: Buon senso in bundle col PC
          - Scritto da: Wolf01
          Idem, io manco mi ero accorto che google non
          funzionava, e comunque faccio molto più
          affidamento nei miei bookmark (fra un po' mi
          servirà google per cercare tra i miei bookmark,
          che hanno raggiunto la modica cifra di 200 pagine
          ormai)Anche Opera ha la ricerca fra i bookmark... ;)
    • Strider scrive:
      Re: Buon senso in bundle col PC
      E' stato il Papa che benedicendo il Web ha esorcizzato tutti i daemons. :D
    • Mare Salato scrive:
      Re: Buon senso in bundle col PC
      In Italia, la prima al 90%..L'utente medio è paurosamente ignorante...
  • aghost scrive:
    Non ci sono piu le mezze stagioni
    Mah... è come quando va via la luce e tutto si ferma.. embè? Lo si sa da un pezzo no? :Dhttp://aghost.wordpress.com/
  • pchan scrive:
    siete vittime del pagerank
    la gente usa sia live search sia yahoo e messi insieme sono comunque validi
    • Disgraziato scrive:
      Re: siete vittime del pagerank
      - Scritto da: pchan
      la gente usa sia live search sia yahoo e messi
      insieme sono comunque
      validiSpero tu stia scherzando, live search è uno schifo colossale! Una volta stavo facendo una ricerca (non ricordo esattamente il soggetto ma era una cosa normalissima che google mi trovava senza problemi) e gli unici risultati che live search mi trovava erano siti XXXXX! E quello che stavo cercando NON aveva niente di lontanamente attinente col sesso
      • Wolf01 scrive:
        Re: siete vittime del pagerank
        grazie per avermelo fatto sapere, così adesso so come cercare siti XXXXX con termini che non centrano nulla :D
  • Picks scrive:
    Dove è andato a finire il giornalismo?
    Purtroppo devo prendere atto che gli articoli qui in PI sono sempre più un misto di opinioni e dissertazioni generiche su temi vari. In questo articolo la notizia rappresenta solo il 5-10%, il resto è commento.Capisco che avere un team di giornalisti sia costoso, ma affidare dei pezzi a persone non del mestiere, mi sembra un male visti i risultati. Punto Informatico dovrebbe essere un giornale online, purtroppo sta diventando un blog.
    • Mastrox scrive:
      Re: Dove è andato a finire il giornalismo?
      Come ben saprai, anche nel giornalismo ci sono casi in cui un giornalista più "intraprendente" di altri, è chiamato non solo a spiegare la notizia ma anche a commentarla, permettendo delle riflessioni diverse da quelle canoniche.Contrappunti è una sorta di rubrica di PI, che da quando lo leggo (poco a dire la verità), ha sempre fatto questo. Commentare. Ed è proprio per questo che la leggo sempre con piacere. Il punto è che non credo che il lunedì ci si aspetti un articolo giornalistico su qualcosa che è sucXXXXX sabato, se poi aggiungi che è un qualcosa così eclatante da essere rimbalzato davvero ovunque, a cosa ti serve un classico Where When What Who?- Scritto da: Picks
      Purtroppo devo prendere atto che gli articoli qui
      in PI sono sempre più un misto di opinioni e
      dissertazioni generiche su temi vari. In questo
      articolo la notizia rappresenta solo il 5-10%, il
      resto è
      commento.

      Capisco che avere un team di giornalisti sia
      costoso, ma affidare dei pezzi a persone non del
      mestiere, mi sembra un male visti i risultati.
      Punto Informatico dovrebbe essere un giornale
      online, purtroppo sta diventando un
      blog.
    • Balau scrive:
      Re: Dove è andato a finire il giornalismo?
      - Scritto da: Picks
      Dove è andato a finire il giornalismo?Cercalo con Google.
      • giacomo.mason scrive:
        Re: Dove è andato a finire il giornalismo?
        :-D :-D :-D
      • Ricky scrive:
        Re: Dove è andato a finire il giornalismo?
        Confermo quanto gia' detto, si chiama CONTRAPPUNTI mica per caso.E non liquiderei cosi' velocemente quanto scritto qui, e' chiato che l'articolo e' mirato a scavare nel sociale e nella oramai "sonnecchiosa" mente altrui.Se la necessita' aguzza l'ingegno, il suo esatto opposto cosa fara'?Guardatevi WALL-E , magari aiuta... :)
    • pampa scrive:
      Re: Dove è andato a finire il giornalismo?
      Mi domando perché perdi tempo con PI ci sono tantissime testate su cui scrivono i giornalisti seri.Lascialo a noi...
    • 1977 scrive:
      Re: Dove è andato a finire il giornalismo?
      - Scritto da: Picks
      Purtroppo devo prendere atto che gli articoli qui
      in PI sono sempre più un misto di opinioni e
      dissertazioni generiche su temi vari. In questo
      articolo la notizia rappresenta solo il 5-10%, il
      resto è
      commento.Ho capito ma se la notizia è "google è andato giù per 10 minuti".. allora ti basta un RSS feed per essere informato, non PI.
      • wild scrive:
        Re: Dove è andato a finire il giornalismo?
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: Picks

        Purtroppo devo prendere atto che gli articoli
        qui

        in PI sono sempre più un misto di opinioni e

        dissertazioni generiche su temi vari. In questo

        articolo la notizia rappresenta solo il 5-10%,
        il

        resto è

        commento.

        Ho capito ma se la notizia è "google è andato giù
        per 10 minuti".. allora ti basta un RSS feed per
        essere informato, non
        PI.1) tutti i giornalisti esprimono opinioni e il loro modo di vedere su un certo fatto;2) da che mondo e mondo il giornalismo e' solo rendere noto un fatto a parole proprie, se possibile in modo neutrale;3) i giornalisti sono una categoria di potere che decide cosa deve essere messo in risalto e cosa no;Quindi concludo dicendo che per fortuna PI esiste! non tutti saremo d'accordo con le opinioni di chi scrive, ma e' giusto dire che le notizie ci sono e che le opinioni sono palesi e non celate dietro qualche spot per qualche bandiera.Ho sempre trovato abbastanza neutrali gli articoli di punto informatico.Ciao
  • eldi scrive:
    senso unico
    è un articolo a senso unico, come tutta la stampa che ne ha parlato: vede gli internauti solo come una massa di persone sfaticate che passano il tempo a girovagare e non vede tutti quelli che hanno uno-cento siti attraverso cui si interfacciano con la rete e che, allertati, cominciano a pensare al danno d'immagine, economico, di tempo. Soprattutto non sapendo quanto durerà.Poi marginalmente si potrebbe osservare che sì, esistono anche altri motori ma esiste solo google scholar, g.gruppi e g.libri e per le immagini ne restituisce mooolte di + di qualsiasi altro. Purtroppo le critiche a g. son vere ma d'altronde vince chi arriva primo ed è con questo fatto che ci si confronta. Il resto con chiacchiere.
    • MegaLOL scrive:
      Re: senso unico
      - Scritto da: eldi
      vede gli internauti solo come
      una massa di persone sfaticate che passano il
      tempo a girovagarePerchè è ESATTAMENTE quello che siete voi SFIGATI malati di INTERNACCHIO.
  • IL BOSS scrive:
    ipv6 e search engine
    quando si passerà ad ipv6 come faranno i maghi di google ad indicizzare i siti ?
    • Daniel F scrive:
      Re: ipv6 e search engine
      Quando si supereranno le "Colonne d'Ercole", come si farà a non cadere nel vuoto?Fai, per caso, parte di quella schiera che pensa ancora che la Terra sia piatta.Negli ultimi 10 anni credo che Google abbia dimostrato al mondo di avere capacità e potenzialità ben superiori a quelle di una semplice società di un motore di ricerca sul Web.Non penso proprio che Google, che da sempre ha sostenuto ed ha promosso l'adozione dell'IPV6 (v. articolo: http://punto-informatico.it/2288202/PI/News/ipv6-google-lascia-indietro-ritardatari.aspx), avrà problemi in merito...
    • Ale scrive:
      Re: ipv6 e search engine
      ed *ESATTAMENTE* cosa c'entrano le due cose ??Sai almeno di cosa stai parlando ? Perchè le premesse dicono proprio di no...
    • ullala scrive:
      Re: ipv6 e search engine
      - Scritto da: IL BOSS
      quando si passerà ad ipv6 come faranno i maghi di
      google ad indicizzare i siti
      ?Quando la gente saprà di cosa sta parlando come faranno a campare quei "consulenti" che vendono soluzioni a problemi inesistenti?Sai spiegare (con parole tue) la relazione tra IPV6 e gli ipotetici problemi che dovrebbe avere google ad indicizzare?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: ipv6 e search engine
      contenuto non disponibile
  • z f k scrive:
    paranoia
    Non sapevodi 'sta cosa.Quando ho iniziato a leggere l'articolo, ho pensato "bella iniziativa da parte di google, una bella mossa pubblicitaria a base di psicologia inversa".Poi l'articolo prosegue e salta fuori che si sarebbe trattato di un incidente... Pero' la vocetta paranoica si e' messa subito a strillare "NO! NO! MOSSA PUBBLICITARIA!"Se non fosse per il rischio delle conseguenze che un qualunque incidente porterebe al valore delle azioni, sarei daccordo con la vocetta. Ma questo non l'ha ancora convinta, continua a borbottare. :)CYA
  • raptus scrive:
    affann-google
    Mezz'ora di Google in affanno mette sotto una nuova luce la parola "monopolio".Le scene di panico a cui ho assistito mi hanno fatto riflettere sull'importanza dei motori di ricerca e la dipendenza che molti hanno nei confronti Google.Però, ora che hanno anche un lato umano (che commette errori), mi sono più simpatici...
    • Phase II scrive:
      Re: affann-google
      In effetti l'espressione "un dipendente di Google" rischia di poter venire interpretata anche in un altro modo; ma volenti o nolenti, gli altri motori di ricerca non mi sembrano altrettanto efficaci.
  • TranQuillo scrive:
    Google guastato?
    Non me ne ero accorto. Lo saputo da tv e stampa-web.Solite esagerazioni mediatiche sparate a razzo da mediaattori un pò tanto rincitrulliti per non dire rinXXXXXXXXti, sempre pronti a tirar fuori il megafono per suscitare sconvolgimenti d' animo a target beveroni e isterici e a casalinghe annoiate che si fionadano nella Rete per consolarsi.
    • dodo scrive:
      Re: Google guastato?
      - Scritto da: TranQuillo
      Non me ne ero accorto. Lo saputo da tv el'ho
      • Cortisolo scrive:
        Re: Google guastato?
        - Scritto da: dodo
        - Scritto da: TranQuillo

        Non me ne ero accorto. Lo saputo da tv e

        l'hopo', e anche qualche virgola sarebbe stata necessaria. :DComunque, nonostante la grammatica, sono d'accordo.
      • ullala scrive:
        Re: Google guastato?
        - Scritto da: dodo
        - Scritto da: TranQuillo

        Non me ne ero accorto. Lo saputo da tv e

        l'hoDodo eh?Interessante....La attenzione ai particolari inutili :) spiega la causa della estinzione dei dodo!Erano solo dei troll (ce ne sono tanti) ma il loro vero difetto è che erano troppo rompi00!
    • sei un troll scrive:
      Re: Google guastato?
      - Scritto da: TranQuillo
      Non me ne ero accorto. Lo saputo da tv e
      stampa-web.
      Solite esagerazioni mediatiche sparate a razzo da
      mediaattori un pò tanto rincitrulliti per non
      dire rinXXXXXXXXti, sempre pronti a tirar fuori
      il megafono per suscitare sconvolgimenti d' animo
      a target beveroni e isterici e a casalinghe
      annoiate che si fionadano nella Rete per
      consolarsi.
Chiudi i commenti