Italia, gli hacker si incontrano

"Cracca al tesoro" a Orvieto, Hackmeeting a Roma: la scena italiana si incontra. E parla di sicurezza, privacy e controllo

Roma – Orvieto, 3 luglio, Cat2010; Roma, 2-4 luglio, Hackmeeting 2010. I primi caldi hanno spinto gli hacker italiani ad uscire per un attimo dalla Rete per incontrarsi in due diversi eventi, occasioni entrambe per parlare delle linee di sviluppo di Internet, di sicurezza informativa, privacy e, in generale, ICT.

“Cracca al Tesoro”, Cat2010 Summer edition , è un hack game che si svolgerà all’interno della città umbra e la diretta sarà trasmessa in streaming sul sito dell’iniziativa: il centro storico verrà disseminato di access point wireless e i partecipanti, a squadre, dovranno, partendo da un indizio iniziale, individuare il primo, violarlo, “bucare” l’eventuale sistema collegato per trovare l’indizio che porta al successivo access point , fino al bersaglio finale.

In pratica il meccanismo della caccia al tesoro è contaminata con il wardriving : ma la gara è tutta una scusa, da un lato perché, in fondo, essere hacker significa anche volersi mettere alla prova, e dall’altro c’è la volontà di incontrarsi per parlare dei temi caldi del momento. L’evento è infatti patrocinato dall’Associazione Informatici Professionisti ( aipnet ) e organizzato in collaborazione con OPSI , l’Osservatorio Privacy e Sicurezza delle Informazioni.

È proprio Andrea Violetti, Presidente di AIP che dichiara: “Occorre sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sugli incidenti legati alla violazione della privacy e sulle conseguenze di una scarsa protezione dei dati personali”. Non si tratta solo di sensibilizzare per rafforzare l’anello debole della catena della sicurezza, l’uomo, ma spiega ancora “il problema coinvolge anche la questione della contrattualistica online, vero scandalo del nostro paese dove imperterriti operatori continuano a scambiare dissensi con consensi, perpetrando vere e proprie azioni di telemarketing scorrette, ingannevoli e senza cautele rispetto agli innovativi furti di identità”.

In parziale contemporanea, dal 2 al 4 luglio, si svolgerà l’ hackmeeting 2010 , il raduno nazionale degli hacker, giunto quest’anno alla sua tredicesima edizione, e che quest’anno sarà ospitato dal centro sociale La Torre, a Roma.

Anche il luogo, lo spazio autogestito, non è una scelta casuale: tutta l’organizzazione dell’evento è orizzontale, segue infatti una mailing list i cui partecimanti hanno l’occasione di incontrarsi per approfondire i temi trattati per iscritto. Così come non è casuale che l’evento sia completamente gratuito (a parte eventuali libere offerte da parte dei partecipanti per contribuire alle spese organizzative): si ricalca l’ottica della comunità, del movimento Open Source, dell’arrangiarsi con le risorse che si hanno. Così che anche la forma trasmetta qualcosa.

La partecipazione, d’altronde, sarà l’elemento fondante dell’hackmeeting: una serie di seminari hanno l’obiettivo di condividere competenze tecniche, ma anche per discutere di nuovi media, privacy e controllo, software, hardware e reti di comunicazione . Il tutto per capire o approfondire temi di attualità come le conseguenze della convergenza di telefonia mobile, internet e media, l’esplosione dei social network con la commistione tra pubblico e privato, tra commerciale e personale. Perché essere hacker, in fondo, significa soprattutto curiosità.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pino scrive:
    La facessero da noi ...
    Se facessero un cosa cosi in Italia, immagino ci sarebbe un esplosione di gay da tutte le parti. E poi scoppierebbe lo scandalo dei falsi gay, vi già lo vedo "... il tale dei tali che si dichiarava gay e stato visto con una ... "
  • lindoro scrive:
    Discriminazione???
    Giusto per chiarire un punto che ha sollevato sgradevoli commenti, l'aggravante di omofobia si applica NON se la vittima di un'aggressione è omosessuale, MA se la persona è stata aggredita PERCHÉ omosessuale. Se la ragione dell'aggressione è la semplice appartenenza del bersaglio a una minoranza, è giusto che questo comportamento costituisca un'aggravante.Esempio: alcuni mesi fa un ragazzo è stato accoltellato a roma perché si è permesso di baciare (subito fuori da un noto locale gay, per di più) un altro ragazzo. Lui è stato aggredito IN QUANTO omosessuale, perché l'aggressore certo non l'avrebbe mai aggredito se avesse baciato una ragazza o non avesse baciato nessuno in sua presenza. Non vi pare questa un'ottima ragione per istituire un'aggravante? A me sì.Riguardo alla libertà di espressione, com'è noto non si può dire tutto quello che ci passa per la testa. Esistono limiti, nella fattispecie l'istigazione all'odio. Uno può dirsi contrario (per esempio) ai rom, ma non può dire che andrebbero fucilati.
    • MeX scrive:
      Re: Discriminazione???
      uhm... secondo me non puoi nemmeno essere "contrario ai ROM" non puoi essere "contrario" ad una razza... che senso ha?
      • panda rossa scrive:
        Re: Discriminazione???
        - Scritto da: MeX
        uhm... secondo me non puoi nemmeno essere
        "contrario ai ROM" non puoi essere "contrario" ad
        una razza... che senso
        ha?Io sono contrario a windows!
  • Elim Garak scrive:
    Osteria numero 1000... Paraponziponzipò!
    I commenti 1, 2 e 4 a questa notizia, oltre a essere scritti da esseri terrestri evidentemente mancanti di qualsiasi substrato umano, sono anche un'istruttiva antologia sulla stupidità. Grazie a voi, oggi ho imparato qualcosa di nuovo.Tra l'altro anche a segnalare un abuso, nella fattispecie il quarto messaggio.Auguri, poveri "uomini veri" che venite tartassati ogni giorno perché non potete picchiare chi volete o perché se mettete la mano sul XXXX alla collega rischiate di essere condannati. Ah, giusto per tranquillizzarvi... nel 75% dei casi, le denunce per molestia si risolvono con l'assoluzione degli uomini. Alla faccia del "due contro uno". Ma non voglio disturbarvi oltre, che siete in mezzo alla vostra bella partita di briscola con carico a bastoni e bestemmia alla XXXXXXX di serie. Fatevi un altro goccio dal fiasco della casa e continuate pure a inveire contro donne, tempo e governo.Ad maiora!
    • Undertaker scrive:
      Re: Osteria numero 1000... Paraponziponzipò!
      - Scritto da: Elim Garak
      Auguri, poveri "uomini veri" che venite
      tartassati ogni giorno perché non potete
      picchiare chi volete o perché se mettete la mano
      sul XXXX alla collega rischiate di essere
      condannati. Ah, giusto per tranquillizzarvi...Quindi leggi liberticide come queste non ti riguardano a meno che tu non sia un maniaco sessuale o un picchiatore esaltato.Queste leggi, fatta sull'onda emotiva delle aggressioni a Roma e fatte per tutelare i membri di una comunitá avranno un altra conseguenza:D'ora in poi, per esempio chi protesterá contro gli schiamazzi ad un gay bar sará a rischio denuncia.
      disturbarvi oltre, che siete in mezzo alla vostra
      bella partita di briscola con carico a bastoni e
      bestemmia alla XXXXXXX di serie. Fatevi un altro
      goccio dal fiasco della casa e continuate pure a
      inveire contro donne, tempo e
      governo.niente luoghi comuni vedo !
      • nessuno scrive:
        Re: Osteria numero 1000... Paraponziponzipò!
        - Scritto da: Undertaker
        D'ora in poi, per esempio chi protesterá contro
        gli schiamazzi ad un gay bar sará a rischio
        denuncia.ma che sta a di... sembri la paranoia fatta persona
        • molokko scrive:
          Re: Osteria numero 1000... Paraponziponzipò!
          Alcuni dei commenti spero siano solo provocatori, altrimenti mi sale una gran paura. Paura dei violenti senza motivo che fanno quel che fanno seguendo uno slogan di qualche furbo (per di più senza neanche capirlo o provarci)... Oggi uomoni politici stanno sfruttando questa incapacità dell'elettorato al raziocinio, sventolando luoghi comuni, paure ancestrali e ogni genere di scemenza! Periodo poco illuminato il nostro e credo durerà ancora qualche annetto...Ciao
      • Nedanfor scrive:
        Re: Osteria numero 1000... Paraponziponzipò!
        - Scritto da: Undertaker
        D'ora in poi, per esempio chi protesterá contro
        gli schiamazzi ad un gay bar sará a rischio
        denuncia.Mai sentito parlare di Polizia? Se c'è un reato ci pensano giustamente loro. Detto questo, io non posso protestare in alcun modo per le parate carnevalesche (a spese del comune) di quei maniaci cattolici che popolano la mia città e che, per altro, passano sotto casa mia a orari impossibili (impedendomi di dormire o d'ascoltare musica, con tutti i doppi vetri). Ce ne sono almeno quattro all'anno, figurati. Stando a quanto dici avrei il diritto di tirargli una molotov? Ma andiamo...
      • Zopla scrive:
        Re: Osteria numero 1000... Paraponziponzipò!
        Non vedo nessuno in piazza a lamentarsi della nuova tecnologia per lo swish!Quindi!!
      • MeX scrive:
        Re: Osteria numero 1000... Paraponziponzipò!
        se protesti per schiamazzi notturni sono dalla tua parte, se protesti per il solo fatto che é un locale gay no.
  • ottomano scrive:
    Non l'ho mica capita...
    Da come è scritto l'articolo io ho capito, a fatica, che Google darà 1000$ in più ad ogni dipendente omosessuale per consentire di pagare una tassa che devono pagare coloro che convivono.Ai dipendenti eterosessuali invece non da questi 1000$ perchè hanno la possibilità di sposarsi.E' questo il succo della storia?Nel caso fosse così, perchè un omosessuale deve essere "avvantaggiato" rispetto ad un eterosessuale? Che la parità tanto decantata si stia in realtà girando al contrario, penalizzando gli etero?Nicola
    • Undertaker scrive:
      Re: Non l'ho mica capita...
      - Scritto da: ottomano
      eterosessuale? Che la parità tanto decantata si
      stia in realtà girando al contrario, penalizzando
      gli
      etero? :) perché non é cosí dappertutto ?In Usa hanno giá l'affirmative action, con quote di studenti e lavoratori di colore che devono essere assunti obbligatoriamente.vedi in Italia i processi per "molestie" dove la testimonianza di una donna vale quella di due uomini, alle quote rosa, alle assicurazioni per donne scontate, ecc...Il tutto sotto l'occhio vigile della ministra con ingoio Carfagna
      • Bof scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...
        Ma non mi pare che l'articolo intenda questo. Dico "non mi pare", perché in effetti è scritto in modo poco chiaro. Mi sembra invece che intenda che lo stato della California abbia messo una tassa non equa per le coppie omosessuali, rispetto a quelle etero, così Google ha compensato con un aumento di stipendio per gli omosessuali, così da pareggiare i conti.
      • giuffre scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...
        e infatti il governo vuole fare una legge che punisca maggiormente i reati contro gli omosessuali, vi sembra giusto? Perche' se picchio un etero dovrei beccarmi 2 anni mentre se picchio un XXXXXo 4? Questa disparita' di trattamenti non fa altro che esplicitare la loro diversita', se davvero si credono come gli altri allora non dovrebbero predentere trattamenti speciali
        • fiertel91 scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...
          - Scritto da: giuffre
          e infatti il governo vuole fare una legge che
          punisca maggiormente i reati contro gli
          omosessuali, vi sembra giusto? Perche' se picchio
          un etero dovrei beccarmi 2 anni mentre se picchio
          un XXXXXo 4?Capace di andare oltre le apparenze? L'aggravante che si vuole proporre è per i reati in base all'orientamento sessuale. Che poi questo si riveli uno strumento più frequentemente utilizzato dagli omosessuali è soltanto il risultato dell'omofobia (se esistessero più eterofobici la situazione sarebbe opposta, sebbene la legge rimarrebbe uguale).Spegni il TG1 e attiva il cervello (o Google), per favore.
          • il signor rossi scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: fiertel91
            Spegni il TG1 e attiva il cervello (o Google),
            per
            favore.fatica sprecata... quello il cervello non ce l'ha nemmeno.
        • fiertel91 scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...
          - Scritto da: Bof
          Sono d'accordo che non devono avere favoritismi,
          ma la proposta di legge inseriva l'odio verso gli
          omosessuali insieme agli attacchi per odio
          razziale o religioso e lo trovo più che
          giusto.Non è contro "l'odio verso gli omosessuali", ma contro l'odio verso appartenenti ad un orientamento sessuale differente. Il che è soltanto un'applicazione del terzo articolo della Costituzione, la stessa che impone vengano approvate leggi per garantirlo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 luglio 2010 20.00-----------------------------------------------------------
          • Undertaker scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: fiertel91
            orientamento sessuale differente. Il che è
            soltanto un'applicazione del terzo articolo della
            Costituzione, la stessa che impone vengano
            approvate leggi per
            garantirlo.tanto la costituzione italiana, come tutte le leggi e leggine italiane é fatta in modo da poterla interpretare in un modo o nel suo contrario a seconda delle convenienzeSe io dico "Non mi piacciono gli zingari" dovrei essere libero di farlo, dato che la libertá di parola é tutelata, ma le leggi contro l' "odio razziale" possono essere usate per tappare la bocca a me o a chiunque altro a secondo di come gli tira al giudice.Se trovi il giudice/PM di sinistra... sei fregato.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: Undertaker
            Se io dico "Non mi piacciono gli zingari" dovrei
            essere libero di farlo, dato che la libertá di
            parola é tutelata, ma le leggi contro l' "odio
            razziale" possono essere usate per tappare la
            bocca a me o a chiunque altro a secondo di come
            gli tira al
            giudice.
            Se trovi il giudice/PM di sinistra... sei fregato.Guarda, non so da dove derivi questa tua convinzione. Fatto sta che esprimere i propri gusti non è assolutamente reato. E' reato istigare all'odio, questo è perseguibile. Non altro.
          • molokko scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            Tante parole per nulla.Deve essere garantita ugualianza e dignità sociale! L'azione di Google va sistemare una falla del governo californiano, quindi tanto di cappello a Mr. Google ma in ogni caso non c'è da giore.Poi chiedo per piacere a tutti di evitare di menzionare "giudici di sinistra". E' un tormento ormai e come categoria è praticamente inesistente. Già abbiamo il nostro politicante che ci frantuma "non dico cosa" ogni santo giorno con sta storia... quindi chiederei un po' di pietà dal resto della popolazione.Un cordiale saluto.
        • Undertaker scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...
          - Scritto da: Bof
          Sono d'accordo che non devono avere favoritismi,
          ma la proposta di legge inseriva l'odio verso gli
          omosessuali insieme agli attacchi per odio
          razziale o religioso e lo trovo più che
          giusto.L'"odio" non é proibito. Io sono libero di odiare chi preferisco.Vengono applicate delle aggravanti per i reati di violenza ed ingiuria.Questi reati sono giá puniti dalla legge.Qui si vuole la leggina particolare per tutelare qualcuno a seconda delle convenienze e non é giusto.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: Undertaker
            L'"odio" non é proibito. Io sono libero di odiare
            chi
            preferisco.
            Vengono applicate delle aggravanti per i reati di
            violenza ed
            ingiuria.
            Questi reati sono giá puniti dalla legge.Forse non sai quanto il sistema giuridico è sofisticato. Ad ogni modo, al reato di aggressione si aggiunge anche la violazione della Costituzione, che per quanto non appaia, è pur sempre legge.
            Qui si vuole la leggina particolare per tutelare
            qualcuno a seconda delle convenienze e non é
            giusto.Qualcuno? Tutte le minoranze, forse. Dalla tutela data alle minoranze di qualsiasi sorta si misura la civiltà di un paese.
          • shevathas scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...

            Forse non sai quanto il sistema giuridico è
            sofisticato. Ad ogni modo, al reato di
            aggressione si aggiunge anche la violazione della
            Costituzione, che per quanto non appaia, è pur
            sempre
            legge.
            non essendo la costituzione una legge penale non esiste il reato di violazione della costituzione.
            Qualcuno? Tutte le minoranze, forse. il rischio di una legge ad ampio spettro è che alla fine venga stravolta e si caschi in situazioni assurde.In primo luogo dovresti definire precisamente cosa sia una "minoranza" e già in questo caso potresti far nascere tanti assurdi.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: shevathas
            non essendo la costituzione una legge penale non
            esiste il reato di violazione della
            costituzione.Sì, hai ragione, ho detto una cazz**a. Ad ogni modo è giustificabile che lo Stato approvi aggravanti per tali reati, come già fatto altrove per arginare fenomeni analoghi.
            il rischio di una legge ad ampio spettro è che
            alla fine venga stravolta e si caschi in
            situazioni
            assurde.Che intendi? Non è ancora stata formulata, pertanto è difficile misurare la sua definizione.
            In primo luogo dovresti definire precisamente
            cosa sia una "minoranza" e già in questo caso
            potresti far nascere tanti
            assurdi.No, aspetta. "Minoranza" sarebbe soltanto parte della ragione del provvedimento, la logica con cui verrebbe formulato ed approvato. Non della legge stessa. Il termine minoranza, ad ogni modo, potrei definirlo come da dizionario, ovvero "il gruppo che all'interno di uno stato si differenzia (per lingua, religione, cultura e altro) dalla maggioranza".
          • shevathas scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...

            Sì, hai ragione, ho detto una cazz**a. Ad ogni
            modo è giustificabile che lo Stato approvi
            aggravanti per tali reati, come già fatto altrove
            per arginare fenomeni
            analoghi.
            le aggravanti per "motivi abietti" ci sono già.

            Che intendi? Non è ancora stata formulata,
            pertanto è difficile misurare la sua
            definizione.
            chiarisco il mio pensiero: una legge dovrebbe essere il più possibile precisa e determinata in maniera da ridurre al minimo da una parte i margini di discrezionalità nella sua applicazione e dall'altra evitare che possa venire applicata anche in situazioni in cui il legislatore avrebbe voluto non venisse applicata.Spiego con un esempio: supponiamo che esista una legge che sanzioni più severamente gli atti di violenza se fatti contro un esponente di una "minoranza", senza specificare come tale minoranza debba essere valutata potrebbero capitare anche questi casi assurdi:1) Tizio, tifoso della squadra X, viene menato in una delle solite idiote sXXXXXttate domenicali fra tifosi. Siccome i tifosi della squadra X sono una minoranza rispetto all'insieme di tifosi l'avocato di Tizio cerca di far scattare l'aggravante dell'aggressione contro la minoranza.2) Tizio, immigrato di colore, pesta solennemente Caio, suo conterraneo. Siccome Caio appartiene ad una minoranza Tizio, appartenente lo stesso alla minoranza stessa, dovrebbe ricevere l'aggravante ?3) ha senso applicare la legge nel caso di discriminazioni nord contro sud ? o quartiere bene contro quartiere malfamato.Tutto questo per dirti che una legge, apparentemente semplice e giusta, rischia di infilarti in un pantano legale. Bisogna muoversi con molta attenzione e fare molta attenzione a come verrà formulato il provvedimento.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: shevathas

            Sì, hai ragione, ho detto una cazz**a. Ad ogni

            modo è giustificabile che lo Stato approvi

            aggravanti per tali reati, come già fatto
            altrove

            per arginare fenomeni

            analoghi.


            le aggravanti per "motivi abietti" ci sono già.Sì, ma dà un'occhiata a com'è definita: è abietto il motivo turpe, ignobile, che rivela nellagente un tale grado di perversità, da destare un profondo senso di ripugnanza in ogni persona di media moralità. Il motivo è futile allorché sussista una notevole sproporzione tra il movente e lazione delittuosa.A te, che tieni tanto alla definizione sufficiente di ogni legge, come trovi quella attuale? Ti pare sufficientemente definita? Ti pare equivalente al provvedimento che intendevano elaborare ed approvare?
            Spiego con un esempio: supponiamo che esista una
            legge che sanzioni più severamente gli atti di
            violenza se fatti contro un esponente di una
            "minoranza", senza specificare come tale
            minoranza debba essere valutata potrebbero
            capitare anche questi casi
            assurdi:
            1) Tizio, tifoso della squadra X, viene menato in
            una delle solite idiote sXXXXXttate domenicali
            fra tifosi. Siccome i tifosi della squadra X sono
            una minoranza rispetto all'insieme di tifosi
            l'avocato di Tizio cerca di far scattare
            l'aggravante dell'aggressione contro la
            minoranza.L'odio verso la minoranza (come la si voglia definire) deve essere dimostrata parte o il tutto del movente. Non una causa contingente.
            2) Tizio, immigrato di colore, pesta solennemente
            Caio, suo conterraneo. Siccome Caio appartiene ad
            una minoranza Tizio, appartenente lo stesso alla
            minoranza stessa, dovrebbe ricevere l'aggravante
            ?Vale quello detto sopra.
            3) ha senso applicare la legge nel caso di
            discriminazioni nord contro sud ? o quartiere
            bene contro quartiere
            malfamato.Questo dipende appunto dalla definizione di minoranza. Se ne può parlare, ma è ingiusto contestare preventivamente.
            Tutto questo per dirti che una legge,
            apparentemente semplice e giusta, rischia di
            infilarti in un pantano legale. Bisogna muoversi
            con molta attenzione e fare molta attenzione a
            come verrà formulato il
            provvedimento.Non verrà formulato alcunché nel breve termine. E a quanto pare, tu ne saresti soddisfatto.
          • shevathas scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...

            A te, che tieni tanto alla definizione
            sufficiente di ogni legge, come trovi quella
            attuale? Ti pare sufficientemente definita? Ti
            pare equivalente al provvedimento che intendevano
            elaborare ed
            approvare?
            abbastanza:Tizio mena Caio perché Caio ha protestato vivacemente per come Tizio è uscito dallo stop: motivo futile c'è sproporzione fra l'azione di Caio e la reazione di Tizio.Tizio mena Caio perché gli stanno sulle palle gli omosessuali: motivo abietto in quanto alla base dell'azione di Tizio c'è il voler colpire Caio a causa del suo orientamento sessuale.volendo si può esplicitare che se alla base dell'azione c'è una volontà discriminatoria allora automaticamente il motivo è abietto. Mi sembra una via molto pulita e generale.
            Non verrà formulato alcunché nel breve termine. E
            a quanto pare, tu ne saresti
            soddisfatto.meglio nessuna legge od una legge XXXXXta ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 luglio 2010 13.51-----------------------------------------------------------
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: shevathas
            volendo si può esplicitare che se alla base
            dell'azione c'è una volontà discriminatoria
            allora automaticamente il motivo è abietto. Mi
            sembra una via molto pulita e
            generale.E come giustifichi allora l'aggravante della discriminazione razziale? Ovvero per reati commessi «per finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso, ovvero al fine di agevolare l'attività di organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi che hanno tra i loro scopi le medesime finalità». Giusto per certe distinzioni, ingiusto per altre?
            meglio nessuna legge od una legge XXXXXta ?Secondo questo principio, il Parlamento potrebbe pure chiudere.
        • botero scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...
          Io ti arresterei solo perche' hai usato la parola "XXXXXo"!
      • fiertel91 scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...
        - Scritto da: Undertaker

        eterosessuale? Che la parità tanto decantata si

        stia in realtà girando al contrario,
        penalizzando

        gli
        etero?
        :) perché non é cosí dappertutto ?No.
      • nessuno scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...
        - Scritto da: Undertaker
        - Scritto da: ottomano

        :) perché non é cosí dappertutto ?
        In Usa hanno giá l'affirmative action, con quote
        di studenti e lavoratori di colore che devono
        essere assunti
        obbligatoriamente.perchè, non dovrebbe andare bene cosi?ritengo che l' affirmative action sia + che giusta.un imprenditore dovrebbe scegliere i propri dipendenti in base alle loro capacità, non in base al colore della pelle, alla lunghezza dei capelli o alle preferenze sessuali.In Italia ad esempio c' è una legge (penso da + di 20 anni) che obbliga al datore di lavoro, di assumere personale con deficienze motorie o psichiche (ovviamente entro determninati livelli)adesso che mi ricordo il sindaco di Vicenza (parlo di Achille Variati, non di quel XXXXX di Hullwek) qualche anno fa ha emanato una delibera molto intelligente relativa alle scuole: ripartisce scolari e studenti extracomunitari residenti nel Comune di Vicenza, in parti uguali nelle classi, evitando in tal modo che vengano a crearsi delle "classi ghetto".
        • shevathas scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...


          :) perché non é cosí dappertutto ?

          In Usa hanno giá l'affirmative action, con quote

          di studenti e lavoratori di colore che devono

          essere assunti

          obbligatoriamente.

          perchè, non dovrebbe andare bene cosi?
          ritengo che l' affirmative action sia + che
          giusta.
          un imprenditore dovrebbe scegliere i propri
          dipendenti in base alle loro capacità, non in
          base al colore della pelle, alla lunghezza dei
          capelli o alle preferenze
          sessuali.purtroppo con l'affirmative action questo non avviene. Se il datore di lavoro, per un caso o per un altro, si trova ad aver raggiunto il massimo numero di dipendenti di un colore/sesso/gusto sessuale allora deve per forza assumere dipendenti dell'altro colore/sesso/gusto sessuale.In ogni caso è una discriminazione con tutti i contro del caso, quindi sarebbe un sistema da usare con le pinze.I rischi rimangono i soliti due: magari potrebbe rivelare falsi positivi di razzismo dove in realtà non ne esiste e potrebbe causare inc*re a chi si vede discriminato perché ha, al momento, il colore della pelle sbagliato.
          • Nedanfor scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            In linea di massima sono d'accordo, è sbagliato fare "discriminazioni politicamente corrette". Di contro, se lo stato mette una tassa su *gruppo X*, trovo giusto che un datore di lavoro copra quella tassa per evitare ogni sorta di discriminazione tra i suoi dipendenti.
          • shevathas scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: Nedanfor
            In linea di massima sono d'accordo, è sbagliato
            fare "discriminazioni politicamente corrette". Di
            contro, se lo stato mette una tassa su *gruppo
            X*, mi sembra assurdo che abbia messo una tassa specifica sui gay. Credo invece che sia una tassa sulla salute che debba pagare chi non ha una assicurazione sanitaria e credo che Big G si sia mossa perché l'assicurazione sanitaria che offre ai suoi dipendenti copre, come spesso avviene, anche la famiglia. Un etero che vuol rendere partecipe il partner della copertura basta che si sposi, un omosessuale in california non può invece farlo.
    • ciccio pasticcio scrive:
      Re: Non l'ho mica capita...
      questo è quello che ho capito io:"il governo della California ha imposto una tassa che dovrà pagare chi non è sposato (quindi single di tutte le "sponde", ma anche coppie omosessuali, dato che i componenti delle coppie omosessuali non sono comunque sposati).Per andare incontro a questa ingiustizia, Google in un certo modo rimborsa le coppie omosessuali"comunque io non ho capito come faccia poi Goggle a controllare che non siano false coppie omosessuali (se io condivido l' appartamento con un amico potrei con questo dimostrare che lui è il mio compagno e percepire il bonus)
      • shevathas scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...
        - Scritto da: ciccio pasticcio
        questo è quello che ho capito io:

        "il governo della California ha imposto una tassa
        che dovrà pagare chi non è sposato (quindi single
        di tutte le "sponde", ma anche coppie
        omosessuali, dato che i componenti delle coppie
        omosessuali non sono comunque
        sposati).
        mi sembra strano. Credo invece che riguardi l'assicurazione medica che le aziende offrono come benefit e che spesso copre l'intero nucleo familiare. Diciamo che bigG considera come appartenente al nucleo familiare anche il "compagno" stabile di un coppia omo.
        comunque io non ho capito come faccia poi Goggle
        a controllare che non siano false coppie
        omosessuali (se io condivido l' appartamento con
        un amico potrei con questo dimostrare che lui è
        il mio compagno e percepire il
        bonus)sarei curioso anche io.
        • fiertel91 scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...
          Vedo che la censura made in PI ha ghigliottinato la costruttiva discussione di prima. Un plauso sonoro alla redazione di PI!I commenti pacati e informativi sono cancellati. Altri commenti omofobici, discriminatori e urlati invece passano. Viva PI, nostro Grande Fratello!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 luglio 2010 11.52-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...

            I commenti pacati e informativi sono cancellati.
            Altri commenti omofobici, discriminatori e urlati
            invece passano. Viva PI, nostro Grande
            Fratello!vabbe' per evitare la censura la prossima volta aggiungiamo qualche insulto e/o qualche bestemmia ai messaggi :)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...
        contenuto non disponibile
    • fiertel91 scrive:
      Re: Non l'ho mica capita...
      - Scritto da: ottomano
      Nel caso fosse così, perchè un omosessuale deve
      essere "avvantaggiato" rispetto ad un
      eterosessuale? Che la parità tanto decantata si
      stia in realtà girando al contrario, penalizzando
      gli
      etero?Se la copertura dell'assicurazione medica ti pare un vantaggio, quando è diritto per altri, allora non vedo la penalizzazione. Ah no, giusto! L'uguaglianza è una penalizzazione dei privilegiati :O
      • Trollshiro scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...
        Se A ha una copertura medica gratis in quanto omosessuale e B non ce l'ha in quanto eterosessuale, non è un vantaggio?
        • fiertel91 scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...
          - Scritto da: Trollshiro
          Se A ha una copertura medica gratis in quanto
          omosessuale e B non ce l'ha in quanto
          eterosessuale, non è un
          vantaggio?B non ce l'ha? Ma che dici! Sono le famiglie dei dipendenti a cui viene garantita la copertura medica gratuita, come di prassi per molte attività negli USA. Le coppie omosessuali, nonostante siano di fatto una famiglia, non sono riconosciuti dalla (iniqua) legge californiana e pertanto non possono accedere alla copertura. Google cerca, invece, di garantire questo diritto (che tuttora è solo un privilegio) anche a loro. Trovi scorretto che un diritto non sia dato anche aldilà delle distinzioni di genere?Ad ogni modo, dato che evidentemente non hai compreso assolutamente il messaggio dell'articolo, ti invito a rileggerlo.
          • Trollshiro scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: fiertel91
            B non ce l'ha? Ma che dici! Sono le famiglie dei
            dipendenti a cui viene garantita la copertura
            medica gratuita, come di prassi per molte
            attività negli USA. Le coppie omosessuali,
            nonostante siano di fatto una famiglia, non sono
            riconosciuti dalla (iniqua) legge californiana e
            pertanto non possono accedere alla copertura.
            Google cerca, invece, di garantire questo diritto
            (che tuttora è solo un privilegio) anche a loro.
            Trovi scorretto che un diritto non sia dato anche
            aldilà delle distinzioni di
            genere?

            Ad ogni modo, dato che evidentemente non hai
            compreso assolutamente il messaggio
            dell'articolo, ti invito a
            rileggerlo.Un articolo non deve trasmettere messaggi o farmi la morale, deve raccontare fatti. Il fatto è che se io sono etero e convivo piglio 1000$ in meno di un frufru che convive. O se preferisci, un etero che convive secondo google non ha diritto all'assistenza medica gratuita per il convivente. Ergo sono discriminato (nello specifico: si discrimina la maggioranza per non discriminare la minoranza).
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: Trollshiro
            Un articolo non deve trasmettere messaggi o farmi
            la morale, deve raccontare fatti. Il fatto è che
            se io sono etero e convivo piglio 1000$ in meno
            di un frufru che convive. O se preferisci, un
            etero che convive secondo google non ha diritto
            all'assistenza medica gratuita per il convivente.
            Ergo sono discriminato (nello specifico: si
            discrimina la maggioranza per non discriminare la
            minoranza).Guarda, non capisco perché tu debba essere così indisponente: un articolo necessariamente deve veicolare dei messaggi, altrimenti non comunicherebbe alcunché.Al di là di questa tua confusione, un etero non "prende" 1000 in meno, ma li ottiene già sottoforma di copertura sanitaria (ti ripeto che è già legalmente concessa alla sua famiglia). E resta il fatto che una coppia etero convivente, se costituisce una famiglia, ha la possibilità di unirsi in matrimonio: esistono già delle forme di unione che permetto l'acXXXXX al diritto alla copertura medica. Per una coppia omosessuale no.Hai colto ora la questione?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 luglio 2010 12.03-----------------------------------------------------------
          • interceptor scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: fiertel91Premetto che anche io non l'ho capita più di tanto...Riassumento:Uomo donna sposati - Famiglia legale - no tassaUomo donna conviventi - Possono formalizzare il fatto di essere una famiglia (quello che da noi sarebbero dovuti essere i DICO) e quindi no tassaUomo Uomo / Donna Donna - Nessuna possibilità di formalizzare il legame e quindi tassaMa se il legame non è formalizzato non esiste (legalmente o giuridicamente), giusto?Ma a questo punto mi chiedo perchè non vengano considerati come single (omo o etero) e non pagare la tassa?Davvero, non è chiaro...Saluti
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: interceptor
            Uomo donna conviventi - Possono formalizzare il
            fatto di essere una famiglia (quello che da noi
            sarebbero dovuti essere i DICO) e quindi no
            tassaQuesto l'articolo non lo specifica (effettivamente è poco chiaro). Penso tuttavia che intenda che le coppie conviventi sono esentate soltanto se sposate, cosa che però per le coppie etero è possibile.
            Ma se il legame non è formalizzato non esiste
            (legalmente o giuridicamente),
            giusto?Giusto, altrimenti Google avrebbe già dovuto regolarizzarsi e non avrebbe avuto quindi la libertà di concedere o meno il rimborso della tassa alle coppie che non avrebbero potuto accedervi.
            Ma a questo punto mi chiedo perchè non vengano
            considerati come single (omo o etero) e non
            pagare la
            tassa?Io non conosco il sistema statunitense, né sanitario, né giuridico. Penso però che la cosiddetta "tassa" sia in realtà il costo dell'assicurazione sanitaria (lì non è una tassa diretta come la nostra, ma indiretta. e non penso nemmeno si possa definire propriamente tassa, dato che è versata a compagnie assicurative). Ad ogni modo questa "tassa" andrebbe a coprire il compagno non già coperto. Questo il motivo del costo aggiuntivo.
            Davvero, non è chiaro...Sì, un articolo che poco dice sul contesto, largamente sconosciuto, della sanità negli USA.
    • Nedanfor scrive:
      Re: Non l'ho mica capita...
      Che in sostanza prevede il pagamento di una media di circa mille dollari a dipendente, affinché il proprio convivente - se non dipendente a sua volta - possa beneficiare di una copertura sanitaria. Una tassa che non viene tuttavia applicata a tutti i dipendenti eterosessuali , in quanto sposati o comunque in grado di farlo.Non tutti non vuol dire nessuno. Capisco che l'articolo non sia chiarissimo di per sé... ma questa frase mi sembra che chiarisca eventuali dubbi. Se hai già un'assicurazione sanitaria (perché sei sposato - e in California è possibile solo tra eterosessuali, è questa l'iniquità - o per qualche altro motivo) Google non dà i 1000$ bonus a questo scopo.
      • ottomano scrive:
        Re: Non l'ho mica capita...

        Non tutti non vuol dire nessuno. Capisco che
        l'articolo non sia chiarissimo di per sé... ma
        questa frase mi sembra che chiarisca eventuali
        dubbi. Se hai già un'assicurazione sanitaria
        (perché sei sposato - e in California è possibile
        solo tra eterosessuali, è questa l'iniquità - o
        per qualche altro motivo) Google non dà i 1000$
        bonus a questo
        scopo.Si, ma quello che io invece non capisco è cosa accade a coppie eterosessuali non sposate. Io, ad esempio, convivo con la mia compagna ed ho anche un figlio.Se fossi dipendente Google quindi sarei "discriminato" rispetto ad un omosessuale perchè, a parità di condizioni di vita, prenderei 1000 $ in meno.Non rispondetemi "si, ma ti puoi sposare mentre gli omosessuali no", io parlo di coppie conviventi (e sono in numero sempre maggiore).Nicola
        • fiertel91 scrive:
          Re: Non l'ho mica capita...
          - Scritto da: ottomano
          Si, ma quello che io invece non capisco è cosa
          accade a coppie eterosessuali non sposate. Io, ad
          esempio, convivo con la mia compagna ed ho anche
          un
          figlio.
          Se fossi dipendente Google quindi sarei
          "discriminato" rispetto ad un omosessuale perchè,
          a parità di condizioni di vita, prenderei 1000 $
          in
          meno.
          Non rispondetemi "si, ma ti puoi sposare mentre
          gli omosessuali no", io parlo di coppie
          conviventi (e sono in numero sempre
          maggiore).Alle coppie omosessuali non è possibile accedere all'esenzione. Alle coppie etero sì. Poi, che la forma consentita non sia il meglio si può pure discutere, ma non muovere certe contestazioni, nonostante pure io sia convinto che siano necessari contratti alternativi a quelli matrimoniali per coppie che vivono more uxorio.
          • shevathas scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...

            Alle coppie omosessuali non è possibile accedere
            all'esenzione. Alle coppie etero sì. Poi, che la
            forma consentita non sia il meglio si può pure
            discutere, ma non muovere certe contestazioni,
            nonostante pure io sia convinto che siano
            necessari contratti alternativi a quelli
            matrimoniali per coppie che vivono more
            uxorio.io invece sarei favorevole a rimettere mano al contratto matrimoniale ribilanciando diritti e doveri. Trovo abbastanza stupido creare N diversi tipi di contratto matrimoniale fra due persone.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: shevathas
            io invece sarei favorevole a rimettere mano al
            contratto matrimoniale ribilanciando diritti e
            doveri. Trovo abbastanza stupido creare N diversi
            tipi di contratto matrimoniale fra due
            persone.Allora permettere una certa libertà nella stipulazione sarebbe ancora più adeguato alle esigenze non valide universalmente che il contratto deve saper soddisfare. Per evitare la stipulazione di contratti prematrimoniali esterni.
          • ldsboy scrive:
            Re: Non l'ho mica capita...
            - Scritto da: shevathas
            io invece sarei favorevole a rimettere mano al
            contratto matrimoniale ribilanciando diritti e
            doveri.Ribilanciando in pratica che vuol dire?
            Trovo abbastanza stupido creare N diversi
            tipi di contratto matrimoniale fra due persone.Quoto.
Chiudi i commenti