Italia, Internet si impara a scuola?

Educazione e cittadinanza digitale: un nuovo insegnamento che la deputata Anna Ascani (PD) spera di introdurre nei programmi scolastici italiani

Roma – La deputata del Partito Democratico Anna Ascani ha presentato un disegno di legge per introdurre l’insegnamento di “educazione e cittadinanza digitale”.

Secondo il rapporto Eurydice della Commissione Europea l’Italia è uno dei pochissimi paesi dell’Unione a non avere una forma di educazione digitale nei piani di studio scolastici : non si tratterebbe più di un’innovazione d’avanguardia, ma di una necessità richiamata anche dalle istituzioni , vista la diffusione e la trasversalità di Internet. Basti pensare che solo Facebook ormai raggiunge più del 90 per cento dei ragazzi con più di 14 anni.

Secondo Ascani, dunque, nelle scuole di ogni ordine e grado occorrerebbe “introdurre l’insegnamento di educazione e cittadinanza digitale ” e individuare nell’ambito del collegio dei docenti un insegnante che svolga il ruolo di “educatore digitale”: dovrebbe essere in grado di supportare gli studenti nell’approccio alla Rete, guidandoli ad un uso responsabile delle tecnologie.

Questo insegnante dovrebbe altresì fungere da punto di riferimento per il corpo docenti, che spesso arranca rispetto alle conoscenze informatiche e alle abitudini alla vita online. “Questa legge – spiega Ascani – imporrebbe al ministero di formare docenti ad hoc che possano poi trasferire il proprio sapere digitale agli altri, creando una contaminazione positiva”.

A tal proposito, inoltre, la proposta di legge prevede di introdurre le competenze digitali tra quelle utili all’abilitazione all’insegnamento.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • giovanni scrive:
    Putin è XXXXXXXX, ma gli yankee di più
    "Amerikani kativi! WIWA PRUTIN!"in Putinlandia queste XXXXXte non si fanno:http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?tag=Internet-a-due-velocita-negli-USA-Nessuna-restrizione-per-chi-paga-di-piu_10910
  • Rolo scrive:
    Per la redazione
    Ma non è che potreste scrivere (o tradurre dagli altri siti) notizie piu interessanti? A noi quello che fanno i russi non ce ne frega un XXXXX.
  • Surak 2.0 scrive:
    Le due parti
    Da una parte c'è un tizio con il dente avvelenato per essere stato estromesso da un'azienda (che ha fondato, ok)che fa accuse non provate, dall'altra ci sono aziende che sicuramente hanno dato libero acXXXXX all'NSA, probabilmente costruite appositatemente allo scopo,oltre ad occupare così un settore strategico, che prima smentivano e poi hanno dovuto confermare i fatti.
    • cieco scrive:
      Re: Le due parti
      se c'è una cosa che ci hanno insegnato i comunisti è quella di chiudere gli occhi sui peggiori soprusi combinati dai russi, a prescindere.E questo accade ancora a quanto vedo.
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: Le due parti
        - Scritto da: cieco
        se c'è una cosa che ci hanno insegnato i
        comunisti è quella di chiudere gli occhi sui
        peggiori soprusi combinati dai russi, a
        prescindere.Hai fatto delle strane scuole, neh!
        E questo accade ancora a quanto vedo.Come fai a vedere se ti hanno insegnato a tenere gli occhi chiusi? Voli di fantasia?
      • aaaaa scrive:
        Re: Le due parti

        se c'è una cosa che ci hanno insegnato i
        comunisti è quella di chiudere gli occhi sui
        peggiori soprusi combinati dai russi, a
        prescindere.

        E questo accade ancora a quanto vedo.in base al (tanto famoso) LIBERO MERCATO l'azienda e' stata acquisita da dei fondi di investimento (russi nello specifico perche' non esistono solo i fondi d'investimento inglesi, americani o arabi) e senza nemmeno un takeover ostilei nuovi proprietari a questo punto hanno tutto il diritto di gestire la societa' come meglio credono e non solo sono anche liberi di fare a meno del fondatore di rimuovere il consiglio di amministrazione o anche di chiudere la societa' se ritengonoper chi non e' d'accordo c'e sempre l'opzione made in u s a (sempre che decidono di avere dei server in russia)
      • iFart scrive:
        Re: Le due parti
        Se c'è una cosa che ci hanno insegnato in occidente, è chiudere gli occhi sui soprusi combinati dagli USA e da Israele, a prescindere.E questo è quanto accade ancora, a quanto vedo.
        • ... scrive:
          Re: Le due parti
          - Scritto da: iFart
          Se c'è una cosa che ci hanno insegnato in
          occidente, è chiudere gli occhi sui soprusi
          combinati dagli USA e da Israele, a
          prescindere.

          E questo è quanto accade ancora, a quanto vedo.rosso di XXXXX
    • esorciccio scrive:
      Re: Le due parti
      - Scritto da: Surak 2.0
      Da una parte c'è un tizio con il dente avvelenato
      per essere stato estromesso da un'azienda (che ha
      fondato, ok)che fa accuse non provate, dall'altra
      ci sono aziende che sicuramente hanno dato libero
      acXXXXX all'NSA, probabilmente costruite
      appositatemente allo scopo,oltre ad occupare così
      un settore strategico, che prima smentivano e poi
      hanno dovuto confermare i
      fatti.Amerikani kativi! WIWA PRUTIN!
Chiudi i commenti