Itanium 3 e Opteron oltre i 100mln di transistor

I due chipponi a 64 bit di Intel e AMD che duelleranno sulla fascia alta conteranno un numero di transistor superiore ai 100 milioni, questo anche grazie alla futura tecnologia a 90 nanometri
I due chipponi a 64 bit di Intel e AMD che duelleranno sulla fascia alta conteranno un numero di transistor superiore ai 100 milioni, questo anche grazie alla futura tecnologia a 90 nanometri


Roma – Il prossimo anno la sfida fra Intel e AMD si giocherà non più soltanto sul terreno dei processori desktop e notebook, ma anche su quello dei server, dove attualmente AMD, con i suoi Athlon multiprocessore, riveste un ruolo soltanto marginale. Entrambe le aziende tenteranno di penetrare in un settore ancora ampiamente dominato dalle piattaforme RISC e proporre alle grandi aziende la propria tecnologia a 64 bit.

Nel 2003, in particolare, si vedrà la sfida ravvicinata fra la versione server di Hammer, Opteron, e la prossima generazione di Itanium, Madison.

Il primo dovrebbe apparire sul mercato entro la metà del prossimo anno e contenere circa 100 milioni di transistor, circa due volte e mezzo quelli integrati negli attuali Athlon, buona parte dei quali dedicati alla cache L2 da 1 MB e al un controller di memoria integrato. La dimensione del chip sarà di 180 mm quadrati, dunque di una trentina di millimetri superiore a quella del Pentium 4.

Il chip di AMD debutterà ad una frequenza attorno ai 2 GHz e dovrebbe avere un indice prestazionale di riferimento di 3000+, quindi di poco superiore a quello dell’attuale Athlon XP più veloce (il 2800+).

La versione desktop di Opteron, l’Athlon 64, dovrebbe debuttare con qualche mese di anticipo rispetto al fratello maggiore ed essere equipaggiato con una cache L2 più piccola, pari a 256 KB.

Madison dovrebbe invece arrivare sul mercato poco dopo la metà del 2003 ad una frequenza di 1,5 GHz. Il nuovo chip sarà simile al suo predecessore, McKinley, ma grazie ad un processo di produzione più avanzato sarà in grado di integrare, su di una superficie di 374 mm quadrati, ben 410 milioni di transistor: anche qui, buona parte di essi saranno dedicati alla generosa cache, di dimensione pari a 6 MB, tre volte più grande di quella che equipaggia l’attuale generazione di Itanium. Il consumo di elettricità di questo monster-chip toccherà i 130 watt, richiedendo particolari accorgimenti per la dissipazione del calore.

Sia Madison che Opteron verranno inizialmente prodotti con una tecnologia a 0,13 micron: la transizione verso i 90 nanometri dovrebbe avvenire, per Intel, verso la seconda metà dell’anno, e per AMD, verso la prima metà del 2004.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 11 2002
Link copiato negli appunti