Itanium, il supporto è d'obbligo

Prima (e certamente non ultima) sentenza per l'acceso dibattimento fra Oracle e HP sul supporto di Itanium: il giudice ha dato torto a Oracle che ora dovrà forzatamente rilasciare upgrade e aggiornamenti al suo software

Roma – Finisce in favore di Hawlett-Packard il primo round della contesa con Oracle sul supporto continuato a Itanium, la tecnologia di processori server di Intel (IA-64) largamente soppiantata dalle più recenti CPU a 64-bit di Santa Clara (Xeon x86-64): Oracle non ha rispettato il contratto, ha stabilito il giudice, e dovrà continuare a supportare IA-64 fintanto che HP continuerà a vendere i suoi server basati su processori Itanium.

La sentenza (preliminare) è stata pronunciata dal giudice James Kleinberg, e stabilisce la responsabilità di Oracle nella violazione degli obblighi contrattuali precedentemente siglati con HP: al colosso dei database viene ora imposto il supporto all’architettura IA-64 con aggiornamenti continui (nuove versioni o update) per i prodotti software già disponibili al 20 settembre del 2010.

Naturalmente contrastanti le reazioni delle parti interessate al pronunciamento del giudice Kleinberg: HP parla di “straordinaria vittoria” per l’azienda e i suoi clienti, e si aspetta che Oracle “si conformi ai suoi obblighi contrattuali così come ordinato dalla corte”.

Più sfumata e altrettanto battagliera la dichiarazione di Oracle, che parla di una sentenza che non influenza in alcun modo le scelte ingegneristiche già fatte – inclusa la volontà di non continuare lo sviluppo dei suoi prodotti software su Itanium.

Sia come sia, i giochi sono tutto fuorché chiusi: la sentenza preliminare del giudice Kleinberg è propedeutica alla fase in cui dovranno essere contabilizzati gli eventuali danni provocati da Oracle ad HP (che chiede 500 milioni di dollari sull’unghia), mentre Oracle ha già fatto sapere di volersi appellare alla decisione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Questione delicata
    Da una parte mi immedesimo in Craigslist: se io avessi un sito di sucXXXXX con enorme partecipazione di utenti, mi darebbe incredibilmente fastidio che qualche altro sito sfruttasse la mia popolarità, per giunta sfruttando anche la mia banda, scaricandosi gli annunci da me e ripubblicandoli in modo diverso per derubarmi di traffico utile.Dall'altra, da utente mi darebbe fastidio se, ad esempio, per pubblicare un annuncio di vendita per un vecchio pc su subito.it, debba accettare una clausola di esclusività per la quale non posso pubblicare lo stesso annuncio su kijiji.La risoluzione dovrebbe avvenire a monte, senza coinvolgere il "diritto sovrano" degli utenti ai loro annunci...
  • Google Junior scrive:
    gli aggregatori che mancano - IMPORTANTE
    L'ultima frase, secondo me, meriterebbe una serie di articoli dedicati, tanta è l'imporatanza degli aggregatori, soprattutto di quelli che devono ancora nascere e che senz'altro molti non fanno nascere anche per paura di incappare in problemi legali
Chiudi i commenti