Java compie 10 anni

Festa in casa Sun: dieci candeline per il fortunato linguaggio pensato inizialmente per il web. Una storia di fortune alterne e innovazione


Santa Clara (USA) – Java compie il decimo anno di vita. Un decennio segnato da fortune alterne per il linguaggio di programmazione ideato da Sun Microsystems . La tecnologia Java, come già previsto il giorno che fu annunciata al mondo, è adesso dappertutto : quasi 600 milioni di telefoni cellulari in tutto il mondo utilizzano applicazioni scritte in questo linguaggio ad oggetti platform-independent . Nel mondo, secondo una recente indagine condotta dalla stessa Sun, esistono quattro milioni e mezzo di programmatori specializzati nello sviluppo di software Java.

Il punto di forza di questo linguaggio rivoluzionario, introdotto al grande pubblico esattamente nel 1995 in occasione della SunWorld Conference, è stata proprio la sua indipendenza dai sistemi operativi. Competitore agguerrito della piattaforma.NET di Microsoft , Java è stato commercializzato da numerosi venditori tra cui IBM, BEA e JBoss.

Il CEO di Sun, Scott McNealy, ha comunque colto l’occasione per sottolineare che il compleanno di Java è un momento importante per il suo futuro. Sun spera in un ulteriore rilancio per la piattaforma di sviluppo, che ormai è quasi uno standard mondiale per la telefonia mobile.

Nel frattempo si fanno sempre più reali le prospettive di una prossima apertura del codice in vista di modifiche, previste per la fine del 2005, al sistema operativo Solaris 10. Da tempo Sun manda segnali in direzione di una politica più open anche per gli strumenti di sviluppo, pur rimanendo almeno per ora al di fuori delle tipiche licenze GPL.

T.L.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Iacopo scrive:
    Proget Finanzing
    Sentivo delle interviste a imprenditori toscani che si facevano belli nel dire Project Financing, peccato che lo pronunciavano all'italiana (finanzing).Ma perché poi usare l'espressione inglese?Ma sentite questa, tenetevi..(lezione di farmacologia):
    .................... (silenzio di sgomento).............Ha italianizzato il verbo (re)uptake quando avrebbe potuto dire tranquillamente "recuperata"..........no?PERCHÉ???Da mettersi le mani nei capelli.
    • Iacopo scrive:
      Re: Proget Finanzing
      - Scritto da: Iacopo
      Sentivo delle interviste a imprenditori toscani(che fanno ridere anche quando parlano l' "italiano")
  • Anonimo scrive:
    Francesi nazionalisti di m....
    hmmm...forse l'ho già scritto.....comunque ci vorrebbe qualcosa per eliminare questo nazionalismo (razzismo) francese nei confronti delle altre popolazioni (italiani in particolare)..... :(
  • Anonimo scrive:
    Fatemi capire
    E siti come http://www.canalblog.com/ ?Dovranno cambiare dominio?
  • Anonimo scrive:
    Mi sembrano...
    Come il comitato per le scienze di vulcano questi francesi... :s
  • Anonimo scrive:
    francesi, questi sconosciuti
    i francesi sono dei deficienti con la patente. punto.
  • Anonimo scrive:
    A me i francesi stanno sul....
    ma in questo caso hanno ragione.Il blog non è altro che un appunto, uno scritto, UNA FREGNACCIA ...ricordaaaate?.... scritta sul bloc notes di internet. :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Isolati dal mondo
    Hey, non è che potresti dirmi l'autore o il titolo, di quel racconto?mi incuriosisce molto...Denghiu!Faggiano
  • Anonimo scrive:
    Un consigilio per la Commision gènèrale
    Commission générale de terminologie et de néologie dateci un taglio!Siete semplicemente ridicoli! :D
  • Anonimo scrive:
    Ormai...
    Ormai la lista di parole straniere bandite definitivamente dai confini francesi è sempre più ampia. E l'abisso di ridicolaggine nel quale precipitano questi poveri cretini di francesi, autarchici anacronistici, è sempre più profondo.
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Ormai...

      E l'abisso di ridicolaggine nel quale
      precipitano questi poveri cretini di francesi,
      autarchici anacronistici, è sempre più profondo.Tra cinquant'anni loro si saranno evoluti restando se stessi, noi obliterati dalla neolingua e dal neopensiero insieme a tutto il resto del mondo.A bere Cocalfol (un metaforico orsacchiotto in premio a chi identifica la citazione).
  • Anonimo scrive:
    Poverini...
    Ormai i francesi sono la caricatura di loro stessi...
  • Anonimo scrive:
    sfogo
    CHE TESTE DI CAZZO....(spero non me lo censuriate ma nn è possibile nel 2005 essere così ottusi....poi si ha il coraggio di parlare di villaggio globale)
  • Anonimo scrive:
    Buffoni. Sono solo dei buffoni
    Ho sempre detestato i francesi, e questo aumenta da morire il già altissimo livello di non sopportazione.La lingua di un paese va preservata e su quello son d'accordo, cioè: niente "fiction" o "soap" per dire telenovele, niente "downloadare" per scaricare, niente "matchare" per corrispondere.Però le abbreviazioni, le sigle e i termini tecnici si lasciano come nascono. Wi-Fi è una di queste, e si dice Wi-Fi, punto e basta. Questo forzare la propria lingua in termini nati in un'altra mi ricorda "Cortemaggiore" per Courmayeur e "Ambrosiana" per definire l'Inter, nomi cambiati da qualcuno di basso e pelato ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Buffoni. Sono solo dei buffoni
      - Scritto da: Anonimo
      Ho sempre detestato i francesi, e questo aumenta
      da morire il già altissimo livello di non
      sopportazione.

      La lingua di un paese va preservata e su quello
      son d'accordo, cioè: niente "fiction" o "soap"
      per dire telenovele, niente "downloadare" per
      scaricare, niente "matchare" per corrispondere.
      Però le abbreviazioni, le sigle e i termini
      tecnici si lasciano come nascono. Wi-Fi è una di
      queste, e si dice Wi-Fi, punto e basta. Questo
      forzare la propria lingua in termini nati in
      un'altra mi ricorda "Cortemaggiore" per
      Courmayeur e "Ambrosiana" per definire l'Inter,
      nomi cambiati da qualcuno di basso e pelato ;)daccordo su tutto tranne che TELENOVELA e' di provenienza sudamericana - al limite in italiano diventa SCENEGGIATO :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Buffoni. Sono solo dei buffoni
        :) ok, telenovela promossa allora :)E' comunque incredibile che non si adattino. Si scarica, non si downloada e si ripristina, non si restora, in una gara si arriva al punto per la vittoria, non al match point.Hard disk per disco rigido e pingare sono al limite, ma direi accettabili.Ma il Wi-Fi è tale dovunque, il linguaggio tecnico NON SI TRADUCE! Provate a fare assistenza ad un francese via telefono, fa finta di non capire se dite computer invece di ordinateur!!Ma anche gli spagnoli si difendono bene con il "raton" che è il mouse...
        • Vide scrive:
          Re: Buffoni. Sono solo dei buffoni
          - Scritto da: Anonimo

          Ma il Wi-Fi è tale dovunque, il linguaggio
          tecnico NON SI TRADUCE! Provate a fare assistenza
          ad un francese via telefono, fa finta di non
          capire se dite computer invece di ordinateur!!MA FANNO BENE!!!Se la conversazione è in francese e nella lingua francese qualla cosa che gli inglesi chiamano "computer" si chiama "ordinateur", perchè diamine tu che gli parli in francese devi chiamarla computer?Quando parlerete in inglese se ti dirà "ordinateur" (o come si scrive in francese) farai tu finta di non capire, se vuoi, è un tuo diritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Buffoni. Sono solo dei buffoni
            - Scritto da: Vide

            - Scritto da: Anonimo
            MA FANNO BENE!!!
            Se la conversazione è in francese e nella lingua
            francese qualla cosa che gli inglesi chiamano
            "computer" si chiama "ordinateur", perchè diamine
            tu che gli parli in francese devi chiamarla
            computer?
            Quando parlerete in inglese se ti dirà
            "ordinateur" (o come si scrive in francese) farai
            tu finta di non capire, se vuoi, è un tuo
            diritto.va che i francesi saranno autarchici ma non cojoni - se parli in francese con un francese e gli dici computer o mouse ti capisce benissimo - poi magari lui ti risponde ordinateur e souris e non capisci tu e tutto il resto del mondo...quello che e' sbagliato e' proprio il fatto di non aprirsi al resto del mondo - se oggi l'inglese x vari motivi la fa da padrone su termini tecnici informatici inventati dagli americani e vuoi comunicare con gli altri devi usare MOUSE e non souris, BLOG e non bloc-notes senno' te che sei italiano che minghia capisci?????
    • Iacopo Marmorini scrive:
      Re: Buffoni. Sono solo dei buffoni
      - Scritto da:
      Ho sempre detestato i francesi, e questo aumenta
      da morire il già altissimo livello di non
      sopportazione.

      La lingua di un paese va preservata e su quello
      son d'accordo, cioè: niente "fiction" o "soap"
      per dire telenovele, niente "downloadare" per
      scaricare, niente "matchare" per
      corrispondere.
      Però le abbreviazioni, le sigle e i termini
      tecnici si lasciano come nascono. Wi-Fi è una di
      queste, e si dice Wi-Fi, punto e basta. Questo
      forzare la propria lingua in termini nati in
      un'altra mi ricorda "Cortemaggiore" per
      Courmayeur e "Ambrosiana" per definire l'Inter,
      nomi cambiati da qualcuno di basso e pelato
      ;)Concordo in pieno (per non dire QUOTO, che non mi pare sia molto italiano :)
  • Anonimo scrive:
    Listone
    listone delle parole francesizzate + ridicole (quelle che so)BLOG: bloc(-notes)COMPUTER: ordinateurPASSWORD: mot de passMONITOR: moniteurORGANIZER: organiseurHARD-DISK: disc durMOUSE: sourisce ne saranno sicuramente altre 1000 piu' ridicole ancora...
    • Vide scrive:
      Re: Listone
      - Scritto da: Anonimo
      listone delle parole francesizzate + ridicole
      (quelle che so)

      BLOG: bloc(-notes)
      COMPUTER: ordinateur
      PASSWORD: mot de pass
      MONITOR: moniteur
      ORGANIZER: organiseur
      HARD-DISK: disc dur
      MOUSE: souris

      ce ne saranno sicuramente altre 1000 piu'
      ridicole ancora...Certo, perchè in italiano lasciate invariate come l'originale suonano di un beeeene. Non sapevo che in italiano il dittongo "ou" si pronunciasse "au". Fico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Listone
        - Scritto da: Vide
        Certo, perchè in italiano lasciate invariate come
        l'originale suonano di un beeeene. Non sapevo che
        in italiano il dittongo "ou" si pronunciasse
        "au". Fico.Potremmo chiamarlo "dispositivo optoelettronico di controllo del puntatore".Gia`!Perche` diciamo puntatore e non pointer?E perche` i cani "pointer" si pronunciano in quel modo strano (con fonetica italiana: poénter)?ma la cosa che mi chiedo: davvero i francesi riescono ad adottare una convenzione del genere di punto in bianco, cambiando le abitudini consolidate? o e` solo una proposta cosi` per dire?
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Ridicole, perché?

      listone delle parole francesizzate + ridicole

      BLOG: bloc(-notes)
      COMPUTER: ordinateur
      PASSWORD: mot de pass
      MONITOR: moniteur
      ORGANIZER: organiseur
      HARD-DISK: disc dur
      MOUSE: sourisBLOG. Hanno voluto cercare una parola di significato affine (bloc (notes)) che mantenesse un suono simile, ma (*).COMPUTER. Inglese dal latino computare, immagino. In spagnolo è computador e ordinateur sa un po' di forzoso, avrebbero potuto chiamarlo computeur. I primi computer in effetti servivano a fare dei conti. Oggi che servono a un po' di tutto, l'italiano elaboratore sarebbe perfetto. Ma gli italiani, nelle guerre, accorrono prontamente in soccorso del vincitore.PASSWORD: Mot de pass. Più chiaro non potrebbe.MONITOR. Un'altra parola latina. Moniteur mi pare l'esito linguistico normale per il francese, perfettamente accettabile. In italiano si potrebbe dire schermo come per il televisore, però perché schermo? mica scherma qualcosa. Sospetto un'analogia con il parabrezza che in inglese è windscreen.ORGANIZER. Significa organizzatore, quindi l'equivalente francese è il termine più adatto che potevano trovare.HARD DISC. Disc dur, e in spagnolo disco duro, in effetti strappano un sorriso perché gli italiani non sono un popolo serio e devono trovare secondi significati nelle cose più innocenti. Comunque, disco rigido (in riferimento al materiale) o disco fisso (in riferimento al fatto che di solito non è rimovibile, anche se esistono i cassettini il disco è fisso all'interno del cassettino) sono molto meglio.Però anch'io quando scrivo un tutorial uso hard disk. Paura di non essere capito? No, la naturalezza delle parole viene dall'uso e viene spontaneo usare le più naturali. Se in Italia la televisione, le riviste d'informatica eccetera s'accordassero su una terminologia italiana normale (italiano per standard) tutti la troverebbero naturale e nessuno ridicola. Spezzo una lancia a favore degli Appunti di Informatica Libera che scrivono servente invece di server.MOUSE. Qui l'errore è già degli americani, con la loro mania di coniare neologismi per pittoresche analogie invece di cercare termini corrispondenti alla funzione dell'oggetto indicato.Un esempio per tutti è l'italiano retroazione, molto più preciso di feedback che, inoltre, pare sia usato anche per significare reazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ridicole, perché?
        premessa: a me gli SNOB hanno sempre fatto ridere- Scritto da: Gatto Selvaggio
        BLOG. Hanno voluto cercare una parola di
        significato affine (bloc (notes)) che mantenesse
        un suono simile, ma (*).si ma tutto il mondo lo chiama BLOG e tutti quelli che lo usano ne capiscono benissimo il significato senza bisogno di chiamarlo "pippolo" o "pilu" o altro solo x sentirsi diversi e + intelligenti degli altri...

        COMPUTER. Inglese dal latino computare, immagino.
        In spagnolo è computador e ordinateur sa un po'
        di forzoso, avrebbero potuto chiamarlo computeur.
        I primi computer in effetti servivano a fare dei
        conti. Oggi che servono a un po' di tutto,
        l'italiano elaboratore sarebbe perfetto. Ma gli
        italiani, nelle guerre, accorrono prontamente in
        soccorso del vincitore.si ma il computer cosi' come lo conosciamo oggi l'hanno inventato gli anglosassoni e quindi xk chiamarlo calcolatore, computatore, elaboratore ecc??? non si capisce benissimo lo stesso???? a me se un americano chiamasse la mortadella "porky pie" o gli spaghetti "corn strings" non capirei di che ostia parla...

        PASSWORD: Mot de pass. Più chiaro non potrebbe.si peccato che nel web + 6 coinciso meglio e', spesso x motivi di spazio (pensa in italiano: parola d'ordine o parola d'accesso) e di tempo.

        MONITOR. Un'altra parola latina. Moniteur mi pare
        l'esito linguistico normale per il francese,
        perfettamente accettabile. In italiano si
        potrebbe dire schermo come per il televisore,ma chi? tutti la chiamiamo tele...
        però perché schermo? mica scherma qualcosa.
        Sospetto un'analogia con il parabrezza che in
        inglese è windscreen.eh o vedi anche te...

        ORGANIZER. Significa organizzatore, quindi
        l'equivalente francese è il termine più adatto
        che potevano trovare.si ma anche questo e' un tool (oh scusa, uno strumento) anzi e' qualcosa di + e' un concetto complesso che e' mutuato dagli americani che lo hanno inventato e quindi se mi parli di organizer so perfettamente che intendi il computerino con tutte quelle funzioni strane e non altro

        HARD DISC. Disc dur, e in spagnolo disco duro, inbe' noi nel paleolitico informatico lo si chiamava disco rigido ma x fortuna almeno li ci siamo svecchiati...
        effetti strappano un sorriso perché gli italiani
        non sono un popolo serio e devono trovare secondi
        significati nelle cose più innocenti. Comunque,
        disco rigido (in riferimento al materiale) o
        disco fisso (in riferimento al fatto che di
        solito non è rimovibile, anche se esistono i
        cassettini il disco è fisso all'interno del
        cassettino) sono molto meglio.
        ...ma lascia stare dai...comunque dico tutto questo perche' mentre te e tutti quelli come te stanno chinati a cercare il pelo nell'uovo - in questo caso nel linguaggio - dietro di te americani,francesi,olandesi,cinesi ecc. ecc. ti stanno portando via tutto fino alle mutande a suon di soldoni e non te ne sei nemmeno accorto. apri gli occhi ciccio!
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: Ridicole, perché?
          Aprili tu. Inglesi, olandesi eccetera saranno una massa di consumisti lobotomizzati.Ma attenzione che con la mente aperta il cervello rischia di cadere per terra.Aprire poi altre porte può condurre a ulteriori spiacevoli sorprese.
  • Anonimo scrive:
    Autarchia
    i francesi sono fascisti ma non lo sannoevitiamo di scambiare quello che sembra una forma di resistenza alla colonizzazione americana quello che e' vera autarchia post-fascista e un patetico aggrapparsi al passato che alla fine e' solo di maniera xk poi i macdonalds, le nike, le centrali atomiche ecc.. le hanno anche loro pari pari agli americani e non credo che difendendo a tutti i costi una linga che dire obsoleta e' poco (1 esempio per tutti: provate a dire 999 in francese) basti per conservare la purezza della razza francese e una vera autonomia dalla cultura americana.
  • Anonimo scrive:
    Pagliacci pieni di immigrati
    Come fa uno stato ad essere cosi' stupidamente nazionalista (amo l'identita' ma il nazionalismo patriottardo fatto su una patria-bandiera-innonazionale che non ha nessun fondamento etnoculturale no!) ed essere allo stesso tempo anche pieno di immigrati!Un controsenso assurdo.In francia riemergono pulsioni xenofobe contro gli ebrei ad opera dei sempre piu' presenti immigrati magrebini di religione islamica.E qualcuno perde tempo a dire che si deve dire blocnotes invece di blog?Credo che i problemi, realissimi ed attualissimi, di sbandamento etno-cultural-linguistico della francia non vadano affatto nella direzione dell'inghilterra ma nella direzione del nord africa e del medio oriente.Altro che blog.Svegliatevi pagliacci.
  • ilcaroleader scrive:
    Patetici
    Come quei soldati giapponesi che qualche anno fa saltavano fuori dalle foreste convinti di essere ancora in guerra, questi non si sono accorti che la loro lingua non se la fila più nessuno.Che tristezza quando la cultura deve essere fabbricata per decreto.
  • Anonimo scrive:
    E chi se ne frega...
    Da sempre si sa che i francesi non sono troppo normali come cervello. Bastian contrari fino al midollo. Tutto il mondo si adegua ma loro no. Loro lo definiscono nazionalismo e difesa della proprio lingua... io lo definisco ottusità mentale e scarsa apertura verso i nuovi termini.
  • Anonimo scrive:
    Giusto!!
    Al diavolo questa 'moda' di usare parole inglesi per tutto, difendiamo le nostre identità culturali! Oramai sembra quasi che se non usi l'inglese non vali niente, e via a infarcire riunioni di lavoro di termini come 'mission', 'brain storming', 'target', 'customer satisfaction'... vi assicuro che dopo un po' girano i cosiddetti, e ti viene da urlare:"ma parlate italiano!"..A me dà anche fastidio non pluralizzare la parola Euro, secondo me è giusto dire 1 Euro, 2 Euri (come diceva anche l'Accademia della Crusca), ma forse non c'entra una mazza col discorso :p
    • trepz scrive:
      Re: Giusto!!
      - Scritto da: Anonimo
      Al diavolo questa 'moda' di usare parole inglesi
      per tutto, difendiamo le nostre identità
      culturali! Oramai sembra quasi che se non usi
      l'inglese non vali niente, e via a infarcire
      riunioni di lavoro di termini come 'mission',
      'brain storming', 'target', 'customer
      satisfaction'... vi assicuro che dopo un po'
      girano i cosiddetti, e ti viene da urlare:"ma
      parlate italiano!"..A parte che in una società globale come quella che si profila di qui in avanti tutto ciò è inevitabile, vuoi sapere solo l'italiano e rimanere bello chiuso nella tua penisoletta?
      A me dà anche fastidio non pluralizzare la parola
      Euro, secondo me è giusto dire 1 Euro, 2 Euri
      (come diceva anche l'Accademia della Crusca), ma
      forse non c'entra una mazza col discorso :p Non si fanno i plurali delle abbreviazioni, un altro esempio è fotografia, mica dici "ho fatto 30 foti/fote"
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto!!
        - Scritto da: trepz
        A parte che in una società globale come quella
        che si profila di qui in avanti tutto ciò è
        inevitabile, vuoi sapere solo l'italiano e
        rimanere bello chiuso nella tua penisoletta?un po' di studi di psicologia e di strategia globale, e vedrai quale rischio c'è nel lasciarsi colonizzare prima glottologicamente e successivamente culturalmente da qualcuno.Quest'invasione di parole straniere, anche quando non necessarie, aiutata dalla marea di film puntualmente doppiati, non fa che aiutare una colonizzazione culturale della quale io non sento il bisogno... soprattutto se arriva dall'america, che, proprio per evitare rischi di subire qualche genere di colonizzazione, blocca di fatto, ad esempio, quasi tutta la filmografia straniera.
        Non si fanno i plurali delle abbreviazioni, un
        altro esempio è fotografia, mica dici "ho fatto
        30 foti/fote"scusa, euro è un'abbreviazione? e di quale parola?
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto!!

          un po' di studi di psicologia e di strategia
          globale, e vedrai quale rischio c'è nel lasciarsi
          colonizzare prima glottologicamente e
          successivamente culturalmente da qualcuno.Nemmeno io sono favorevole all'utilizzo indiscriminato degli inglesismi... soprattutto quando servono per sostituire delle parole che in italiano esistono già...Il discorso è diverso quando si parla di neologismi o termini tecnici:I termini tecnici devono essere studiati per essere comprensibili alla maggior parte delle persone, indipendentemente da lingua, cultura, religione, colore della pelle etc... Vorrei vedere degli scienziati ad un congresso che parlano 125 lingue differenti... evoca in maniera molto suggestiva l'antica torre di babele...I neologismi devono essere presi da chi li inventa. Se li inventa un inglese è dovuto utilizzare il nome da lui suggerito... se non ci sta bene questo stato di cose vediamo di investire anche noi in ricerca qualcosa di più (anche poco... sarebbe sempre più di zero, che è l'investimento attuale) e magari inventiamo qualcosa anche noi a cui dare il nome
        • ishitawa scrive:
          Re: Giusto!!
          giusto, ma perchè ci siamo lasciati colonizzare dall'italiano?io parlavo mandrogno, non è una bella lingua ma mi ci trovavo bene, poi per andare al mercato a comprare un paio di buoi va bene come lingua.hai ragione sulle remore della colonizzazione, ma l'alternativa è l'isolazionismo, che temo sia ancora peggio
      • avvelenato scrive:
        Re: Giusto!!
        - Scritto da: trepz

        - Scritto da: Anonimo

        Al diavolo questa 'moda' di usare parole inglesi

        per tutto, difendiamo le nostre identità

        culturali! Oramai sembra quasi che se non usi

        l'inglese non vali niente, e via a infarcire

        riunioni di lavoro di termini come 'mission',

        'brain storming', 'target', 'customer

        satisfaction'... vi assicuro che dopo un po'

        girano i cosiddetti, e ti viene da urlare:"ma

        parlate italiano!"..

        A parte che in una società globale come quella
        che si profila di qui in avanti tutto ciò è
        inevitabile, vuoi sapere solo l'italiano e
        rimanere bello chiuso nella tua penisoletta?


        A me dà anche fastidio non pluralizzare la
        parola

        Euro, secondo me è giusto dire 1 Euro, 2 Euri

        (come diceva anche l'Accademia della Crusca), ma

        forse non c'entra una mazza col discorso :p

        Non si fanno i plurali delle abbreviazioni, un
        altro esempio è fotografia, mica dici "ho fatto
        30 foti/fote"quanti kilo pesi?no, non mi piace.
        • Rex1997 scrive:
          Re: Giusto!!
          Snip

          quanti kilo pesi?

          no, non mi piace.Ovvio che no ti piaccia: Kilo è una lettera presa dall'alfabeto che convenzionalmente indica di moltiplicare per mille l'unità che segue....quindi chiedere "Quanti kilogrammi pesi?" è corretto mentre se chiedi quanti kili (plurale!) pesi ti capiscono lo stesso, ma a me ogni tanto fa nascere la controdomanda:Quanti kilomele o pere?8)
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto!!

        A parte che in una società globale come quella
        che si profila di qui in avanti tutto ciò è
        inevitabile, vuoi sapere solo l'italiano e
        rimanere bello chiuso nella tua penisoletta?
        spero che la società globale sia evitabile, e comunque un conto è sapere le lingue, un altro è lasciare che la propria venga contaminata in malo modo
        Non si fanno i plurali delle abbreviazioni, un
        altro esempio è fotografia, mica dici "ho fatto
        30 foti/fote"Euro è abbreviazione di cosa??? :| :|
        • AndreaMilano scrive:
          Re: Giusto!!
          - Scritto da: Anonimo
          Euro è abbreviazione di cosa???
          :| :|Di nulla nel caso del mio portafogli.A.M.
          • Rex1997 scrive:
            Re: Giusto!!
            (rotfl)(rotfl)Ti capisco, ti capisco....:(==================================Modificato dall'autore il 24/05/2005 11.39.50
        • Rex1997 scrive:
          Re: Giusto!!
          - Scritto da: AnonimoSnip

          Euro è abbreviazione di cosa???
          :| :|Euro non è abbreviazione di nulla: è un nome nato per indicare la moneta comune europea ed è stato stabilito che fosse di genere neutro. Questo significa che la parola non è al singolare maschile o femminile ed al plurale è invariante.Tutto qui.
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!
            - Scritto da: Rex1997

            - Scritto da: Anonimo
            Snip



            Euro è abbreviazione di cosa???

            :| :|
            Euro non è abbreviazione di nulla: è un nome nato
            per indicare la moneta comune europea ed è stato
            stabilito che fosse di genere neutro.
            Questo significa che la parola non è al singolare
            maschile o femminile ed al plurale è invariante.
            Tutto qui.Sì lo so che non è un'abbreviazione! ;) Però gli inglesi e i francesi (guarda caso!) aggiungono la 's' per il plurale e diventano 'euros' come pure penso facciano altri. Così come noi abbiamo sempre detto 2 lire e non 2 lira, 2 dollari e non 2 dollaro, 2 marchi e non 2 marco ecc..Secondo me è stato scelto di renderlo invariante perchè le banconote dovevano stamparle tutte uguali e scrivere 'euros' sarebbe stato discriminante verso di noi o altri stati, così come se avessero scritto euri ecc.Sì insomma secondo me il motivo è pratico, ma per il resto potremmo rispondere alle regole grammaticali delle nostre lingue! Questa è la mia opinione ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto!!
          - Scritto da: Anonimo

          Non si fanno i plurali delle abbreviazioni, un

          altro esempio è fotografia, mica dici "ho fatto

          30 foti/fote"

          Euro è abbreviazione di cosa???
          :| :|Euro non è una abbreviazione, è una unità di misura. E per convenzione (XI dei pesi e misure, Parigi, 1960) delle unità di misura non si fa il plurale.In realtà questa norma del SI, nel parlare comune, è spesso disattesa (220 V, detti "volts"). E l'Euro, non ha fatto eccezione. Originariamente, anche per motivi pratici, si era imposto che fosse invariabile, poi in alcuni stati il plurale si è talmente affermato nell'uso comune che vietarlo sarebbe stato impossibile.Da un punto di vista ufficiale, comunque, l'Euro è una unità di misura e come tale non andrebbe declinata.Infatti sulle banconote è scritto "50 EURO/EYPO" (perdonate la O al posto della Omega maiuscola).Anche in Francia ed in Spagna.
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Giusto!!

        A parte che in una società globale come quella
        che si profila di qui in avanti tutto ciò è
        inevitabile, vuoi sapere solo l'italiano e
        rimanere bello chiuso nella tua penisoletta?A parte che questa bella festa della società globale ci sta impoverendo le tasche, una cosa è conoscere più lingue, un'altra contaminare l'una con l'altra in un solo minestrone.
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto!!
          - Scritto da: Gatto Selvaggio

          A parte che questa bella festa della società
          globale ci sta impoverendo le tasche, una cosa è
          conoscere più lingue, un'altra contaminare l'una
          con l'altra in un solo minestrone.Forse non ti sei accorto che è ciò che avviene dall'inizio della storia dell'uomo?Le culture si fondono, e così le lingue. Le culture si modificano, e così le lingue. E' una cosa assolutamente naturale, è sempre accaduta e sempre accadrà, e questa ostinazione dei francesi mi pare abbastanza patetica!
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Giusto!!


            A parte che questa bella festa della società

            globale ci sta impoverendo le tasche, una cosa è

            conoscere più lingue, un'altra contaminare l'una

            con l'altra in un solo minestrone.

            Forse non ti sei accorto che è ciò che avviene
            dall'inizio della storia dell'uomo?
            Le culture si fondono, e così le lingue. Le
            culture si modificano, e così le lingue. E' una
            cosa assolutamente naturale, è sempre accaduta e
            sempre accadrà, e questa ostinazione dei francesi
            mi pare abbastanza patetica!Ma è sempre stato un fenomeno violento, di imposizione di qualcuno su qualcun altro. In assenza di interferenze esterne le lingue restano pressoché uguali per migliaia di anni (l'egizio, o il sanscrito). E comunque, se proprio bisogna accettare l'esistenza universale dell'imposizione, preferisco essere chi impone piuttosto che colui a cui viene imposto.Poi, qualcuno sul web sostiene che la salvezza dalla globalizzazione viene dal costruire dei sottosistemi finanziariamente indipendenti - e preservare la lingua è un passo in quella direzione.==================================Modificato dall'autore il 25/05/2005 19.57.09
    • AndreaMilano scrive:
      Re: Giusto!!
      In medio stat virtus.L'esasperazione francese, forse retaggio di una grandeur oramai non più esitente, nel tradurre praticamente ogni parola straniera mi sembra una esagerazione. Daltronde la facilità e rapidità con la quale accogliamo, e assorbiamo, parole straniere è una cosa fuori dal mondo.Forse la maggior parte delle persone ingurgita queste parole perchè poi può far bella mostra con gli amici... perchè sa le lingue? ridicolo!La verità, mia modestissima opinione ovviamente, è che oggi le persone sono meno acculturate e forse anche meno curiose. Quante persone conoscete che hanno un vocabolario nello stesso posto dove usano leggere (muahhuahuahuahuahua, scusate, quante sono le persone che Leggono oggi? muhahuahuahuahuhu) e lo consultano quando non conoscono il significato di una parola? mmm non so voi ma io relativamente poche. Se invece di capire il senso generale di un articolo cercassimo di eviscerarne il vero significato, se ne fossimo realmente interessati oserei dire, forse utilizzeremo il vocabolario e cosi sarebbe più facile e più scenografico spiegare agli amici che vuol dire insider trading in Italiano.Critiche costruttive sempre ben accette,A.Mnuovo-
      PS:insider trading=abuso di informazioni privilegiate (secondo me è più affascinante e sostanziosa la versione italiana)vecchio-
      PS:insider trading=abuso di informazioni privilegiate (secondo me è più appariscente la versione italiana)AGGIUNTA: Appariscente=di bella e vistosa apparenza, non sempre sostanziale. Non mi piace, invece di appariscente meglio dire sostanzioso!==================================Modificato dall'autore il 24/05/2005 11.44.47
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto!!
      - Scritto da: Anonimo
      Al diavolo questa 'moda' di usare parole inglesi
      per tutto, difendiamo le nostre identità
      culturali! D'accordissimo per i termini di cui esiste una controparte italiana, ma per i neologismi -soprattutto quando il termine inglese viene usato già da anni- mi pare francamente ridicolo.E perlomeno, se volete tradurre un termine, almeno fatelo in maniera corretta: blog non vuol dire bloc-notes né taccuino, vuol dire diario sul web. E tra il diario e il bloc notes ne passa un po'...
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto!!
      - Scritto da: Anonimo
      Al diavolo questa 'moda' di usare parole inglesi
      per tutto, difendiamo le nostre identità
      culturali! Oramai sembra quasi che se non usi
      l'inglese non vali niente, e via a infarcire
      riunioni di lavoro di termini come 'mission',
      'brain storming', 'target', 'customer
      satisfaction'... vi assicuro che dopo un po'
      girano i cosiddetti, e ti viene da urlare:"ma
      parlate italiano!"..Beh, questi sono i casi limite... lì si usano parole inglesi per fare i fichi, nonostante ci sia magari l'equivalente italiano. Su questo sono d'accordo con te: "la nostra mission è la customer satisfaction" in effetti fa un po' ridere anche me. Molto meglio "il nostro obiettivo è la soddisfazione del cliente".Ma con i termini tecnici è diverso. Pensa ad esempio... un DAC (Digital to Analog Converter) in italiano si chiama "convertitore analogico-digitale", cioè... CAD, che però tutti conoscono come "computer aided design"... nessun problema: chiamiamola "PAC" (progettazione assistita dal computer), ma vedi bene che tutto ciò comincia ad essere un problema... soprattutto perché quando uno deve comunicare con altre persone se ne frega di seghe mentali sulla purezza della lingua e vuole farsi capire. La lingua, poi, non si fa per decreto: essa si modifica spontaneamente, è una cosa viva, altrimenti staremmo ancora parlando tutti il latino... a me pare ridicolo tentare questa difesa della lingua. Parliamoci chiaro: la maggior parte dei neologismi sono inglesi perché è negli stati uniti che le cose nascono. Se i blog li avessero inventati i francesi, avrebbero potuto chiamarli come gli pare. Peccato, però, che non li abbiano inventati loro...
      A me dà anche fastidio non pluralizzare la parola
      Euro, secondo me è giusto dire 1 Euro, 2 Euri
      (come diceva anche l'Accademia della Crusca), ma
      forse non c'entra una mazza col discorso :p Anche qui... ci sono moltissime parole italiane che non variano dal singolare al plurale.. si chiamano "invariabili", e molte le usi tutti i giorni senza farci caso:caffè, città, specie, serie, i nomi che terminano in i (tesi, crisi eccetera)... quindi, dov'è il problema nell'avere un altro invariabile?Quest'idea che per essere una parola italiana debba per forza avere il plurale in "i" è fondamentalmente errata!
  • Anonimo scrive:
    I galli
    Io ci ho lavorato con i galli, sono un pò pesantini, tranne le donne francesi che apprezzo molto, perchè sono veramente speciali, adesso avete capito il perchè degli elmetti con le corna vero ?Ncesco
    • Rex1997 scrive:
      Re: I galli
      - Scritto da: Anonimo
      Io ci ho lavorato con i galli, sono un pò
      pesantini, tranne le donne francesi che apprezzo
      molto, perchè sono veramente speciali, adesso
      avete capito il perchè degli elmetti con le corna
      vero ?
      NcescoEhm, veramente gli elmetti con le corna sono Vichinghi, non Gallici: questi ultimi avevano delle ali stilizzate....
    • Anonimo scrive:
      Re: I galli

      le donne francesi che apprezzo
      molto, perchè sono veramente speciali, che hanno di cosi speciale le francesi?a me hanno sempre dato un senso di frigidità
  • Anonimo scrive:
    Thread assolutamente inutile
    Sabato ero a Chamonix e volendo spedire una cartolina ai miei sono entrato da un tabaccaio e, non ricordando che i francobolli si chiamano "timbre" (mi pare) e frugando tra i lontani ricordi del mio francese scolastico ho chiesto "Excusez-moi, avez des francobolli pour envoyer une carte postale in Italie?" La risposta è stata "francobolli?" seguita da una faccia tipo il doganiere cretino della pubblicità dello shampoo Clear (ve lo ricordate?). Ora, escludendo che un tabaccaio di Chamonix non conosca quelle poche parole di italiano riguardanti ciò che vende, mi è venuta in mente una frase del mio prof di francese che una volta ci disse "Dio ha fatto la Francia così bella che, per non essere ingiusto con il resto del mondo, ha poi fatto i francesi".
    • Anonimo scrive:
      Re: Thread assolutamente inutile
      - Scritto da: Anonimo
      Sabato ero a Chamonix e volendo spedire una
      cartolina ai miei sono entrato da un tabaccaio e,
      non ricordando che i francobolli si chiamano
      "timbre" (mi pare) e frugando tra i lontani
      ricordi del mio francese scolastico ho chiesto
      "Excusez-moi, avez des francobolli pour envoyer
      une carte postale in Italie?" La risposta è stata
      "francobolli?" seguita da una faccia tipo il
      doganiere cretino della pubblicità dello shampoo
      Clear (ve lo ricordate?). Ora, escludendo che un
      tabaccaio di Chamonix non conosca quelle poche
      parole di italiano riguardanti ciò che vende, mi
      è venuta in mente una frase del mio prof di
      francese che una volta ci disse "Dio ha fatto la
      Francia così bella che, per non essere ingiusto
      con il resto del mondo, ha poi fatto i francesi".sono così anche a Bolzano... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Thread assolutamente inutile
      - Scritto da: Anonimo
      Sabato ero a Chamonix e volendo spedire una
      cartolina ai miei sono entrato da un tabaccaio e,
      non ricordando che i francobolli si chiamano
      "timbre" (mi pare) e frugando tra i lontani
      ricordi del mio francese scolastico ho chiesto
      "Excusez-moi, avez des francobolli pour envoyer
      une carte postale in Italie?" La risposta è stata
      "francobolli?" seguita da una faccia tipo il
      doganiere cretino della pubblicità dello shampoo
      Clear (ve lo ricordate?). Ora, escludendo che un
      tabaccaio di Chamonix non conosca quelle poche
      parole di italiano riguardanti ciò che vende, mi
      è venuta in mente una frase del mio prof di
      francese che una volta ci disse "Dio ha fatto la
      Francia così bella che, per non essere ingiusto
      con il resto del mondo, ha poi fatto i francesi".Che combinazione, anche io ho detto dopo aver visitato Parigi per la prima volta :"Il Francese ha di che essere orgoglioso, nonostante se stesso)"
    • Anonimo scrive:
      Re: Thread assolutamente inutile
      - Scritto da: Anonimo
      "Excusez-moi, avez des francobolli pour envoyer
      une carte postale in Italie?" La risposta è stata
      "francobolli?" seguita da una faccia tipo il
      doganiere cretino della pubblicità dello shampoo
      Clear (ve lo ricordate?). Allora io avrei detto (in italiano, tanto lo capisce), "mi spiace, non conosco la parola in francese... andrò a comprare da qualche altra parte dove capiscano l'italiano".Se tutti facessero così, vedresti che inizierebbero a comparire i cartelli "qui si parla italiano" in tutti i negozi...
  • Anonimo scrive:
    Si dice "pingare"
    Oramai il vocabolario della rete è diventato parte di molti di noi, a volte anche in modo canzonatorio...con i miei amici tecnologici, invece di trovare una frase per "ora resto in attesa di una sua risposta e mi aspetto che risponda subito e velocemente" ci basta usare la frase "ora lo pingo" - veloce e di sicuro intendimento!
    • Vide scrive:
      Re: Si dice "pingare"
      - Scritto da: Anonimo
      con i miei amici tecnologici, invece di trovare
      una frase per "ora resto in attesa di una sua
      risposta e mi aspetto che risponda subito e
      velocemente" ci basta usare la frase "ora lo
      pingo" - veloce e di sicuro intendimento!Abbiamo trasmesso: la riduzione e l'impoverimento del lessico. Prima parte della trasformazione 1984. ora abbiamo bisogno del Ministero della Verità.
      • Anonimo scrive:
        Re: Si dice "pingare"
        - Scritto da: Vide

        - Scritto da: Anonimo


        con i miei amici tecnologici, invece di trovare

        una frase per "ora resto in attesa di una sua

        risposta e mi aspetto che risponda subito e

        velocemente" ci basta usare la frase "ora lo

        pingo" - veloce e di sicuro intendimento!

        Abbiamo trasmesso: la riduzione e l'impoverimento
        del lessico. Prima parte della trasformazione
        1984. ora abbiamo bisogno del Ministero della
        Verità.fossero tutti qua i lavaggi del cervello ... guardati una trasmissione di qualche politico italiano governativo e goditi l'uso che si fa di quella che dovrebbe essere la nostra lingua.
      • Anonimo scrive:
        Re: Si dice "pingare"
        - Scritto da: Vide


        Abbiamo trasmesso: la riduzione e l'impoverimento
        del lessico. Prima parte della trasformazione
        1984. ora abbiamo bisogno del Ministero della
        Verità.non centra una mazza in questo contesto - qui non si tratta di impoverire ma di rendere + pratico ed efficace comunicare con altre persone in un contesto fortemente tecnicizzato dove non si fa filosofia ma si risolvono problemi quindi piu' vicino a matematica ed equazioni che come si sa tendono alla coincisione assoluta. se non ti sta bene puoi usare carta penna e calamaio invece che blog, internet ecc...
    • Anonimo scrive:
      OT: Grande RIforma Ortografica Nazionale
      purtroppo non c'entrava nel post, quindi vi passo il linkhttp://xmau.com/humour/riforma.htmlciao
  • Anonimo scrive:
    ma mi chiedo....
    ... ma che cavolo ve ne frega se i francesi ci tengono a parlare francese?ma non ciavete proprio niente a che pensare...sempre a parlar male degli altri... ma vi rendete conto di come siamo messi?? magari fossimo come i francesi...bah
    • Anonimo scrive:
      Re: ma mi chiedo....
      - Scritto da: Anonimo
      ... ma che cavolo ve ne frega se i francesi ci
      tengono a parlare francese?

      ma non ciavete proprio niente a che pensare...

      sempre a parlar male degli altri... ma vi rendete
      conto di come siamo messi?? magari fossimo come i
      francesi...

      bahquoto in toto!
    • Anonimo scrive:
      Re: ma mi chiedo....

      eh la ville en rose merita!
      io sono stato qualche anno a lavorare a
      montpellier, ugualmente nel sud, e sono stati
      anni bellissimi, confermo in pieno la simpatia
      della gente e sopratutto faire toujours la fête
      ;) ;)
      ciao
      (sono lo stesso anonimo che ha aperto il thread)Allora puoi capire cosa intendo, avendolo provato. Purtroppo non ho avuto l'occasione di vedere Montpellier, ma ho potuto imparare il Guascone, come immagino avrai fatto tu :)Hai ragione: noi italiani abbiamo tante pregi, ma abbiamo anche tanto da imparare dai nostri vicini. Forse loro sono troppo "autarchici", noi abbiamo il problema opposto. Anzi, peggio! Siamo invasi dai termini inglesi e la maggior parte delle persone non sa nemmeno parlarlo.Beh, leggevo il Corriere che affermava che la maggior parte della gente non sa nemmeno l'italiano, consoliamoci....
  • MaurizioB scrive:
    Che palle.
    Sarebbe pressoché inutile aggiunger altro.Non se ne può più; noi saremo esagerati nel voler infarcire i nostri dialoghi di termini anglofoni, ma loro sono l'esatto opposto. Nemmeno in Cina fanno così, quasi quasi, e lì sono "chiusi" parecchio!Comincio a detestarli sempre di più.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Che palle.
      - Scritto da: MaurizioB
      Sarebbe pressoché inutile aggiunger altro.
      Non se ne può più; noi saremo esagerati nel voler
      infarcire i nostri dialoghi di termini anglofoni,
      ma loro sono l'esatto opposto. Nemmeno in Cina
      fanno così, quasi quasi, e lì sono "chiusi"
      parecchio!

      Comincio a detestarli sempre di più.

      SalutiSi, e PI potrebbe evitare di dare una notizia del genere una volta alla settimana, sempre pressochè identica
      • Anonimo scrive:
        Re: Che palle.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: MaurizioB

        Sarebbe pressoché inutile aggiunger altro.

        Non se ne può più; noi saremo esagerati nel
        voler

        infarcire i nostri dialoghi di termini
        anglofoni,

        ma loro sono l'esatto opposto. Nemmeno in Cina

        fanno così, quasi quasi, e lì sono "chiusi"

        parecchio!



        Comincio a detestarli sempre di più.



        Saluti

        Si, e PI potrebbe evitare di dare una notizia del
        genere una volta alla settimana, sempre pressochè
        identicaSpero proprio di no, troppo divertente!!!
  • Anonimo scrive:
    Si ma html?
    Vogliono svuotare il mare con un cucchiaino. La forza della lingua si guadagna con il potere economico e tecnologico, non con le imposizioni politiche. Comunque, gli do un piccolo suggerimento. Se fossero davvero coerenti, non tollererebbero che la loro pagina web abbia estensione .html (che dopo tutto sta per hyper text markup language). Io gli suggerisco .lmht (langage de marquage des hyper textes). Cosi' almeno la smettono di rompere le balle.
    • Fulmy(nato) scrive:
      Re: Si ma html?
      - Scritto da: Anonimo
      Vogliono svuotare il mare con un cucchiaino. La
      forza della lingua si guadagna con il potere
      economico e tecnologico, non con le imposizioni
      politiche. Comunque, gli do un piccolo
      suggerimento. Se fossero davvero coerenti, non
      tollererebbero che la loro pagina web abbia
      estensione .html (che dopo tutto sta per hyper
      text markup language). Io gli suggerisco .lmht
      (langage de marquage des hyper textes). Cosi'
      almeno la smettono di rompere le balle.Non suggerire! ;)Che già tocca sorbirci i messaggi di errore dei loro mailserver, sono gli unici che per dirti che un virus ha mandato una mail ad un indirizzo inesistente o ad una casella piena, te lo dicono nella loro incomprensibile lingua.
  • Anonimo scrive:
    Devo aggiornare...
    il materiale del mio ordinatore individuale, ho deciso di aggiungergli un disco duro.
    • HotEngine scrive:
      Re: Devo aggiornare...
      - Scritto da: Anonimo
      il materiale del mio ordinatore individuale, ho
      deciso di aggiungergli un disco duro.il materiale del mio elaboratore, ho deciso di aggiungere un disco rigido.Qual'è il tuo problema? Anzi, qual'è il vostro problema? Fanno benissimo i francesi a tradurseli nel loro idioma, al contrario di noi italiani... O per caso sei uno di quelli che dici 'ho downloadato un file' al posto di 'ho scaricato un file' ?
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: Devo aggiornare...
        - Scritto da: HotEngine
        - Scritto da: Anonimo


        il materiale del mio ordinatore individuale, ho

        deciso di aggiungergli un disco duro.

        il materiale del mio elaboratore, ho deciso di
        aggiungere un disco rigido.

        Qual'è il tuo problema? Anzi, qual'è il vostro
        problema? Fanno benissimo i francesi a tradurseli
        nel loro idioma, al contrario di noi italiani...
        O per caso sei uno di quelli che dici 'ho
        downloadato un file' al posto di 'ho scaricato un
        file' ?A parte il fatto che si dovrebbe dire "ho scaricato un documento"...Mi pare che ci sia una certa differenza.Sicuramente è da criticare l'eccessiva esterofilia lessicale di parecchi nostri compatrioti, i quali molto spesso infarciscono i discorsi di troppi termini stranieri usati a sproposito, forse perché fa figo (o "trendy").Per non parlare poi degli orridi neologismi ottenuti storpiando termini inglesi, in particolare verbi per i quali esiste un ottimo corrispondente italiano.Per cui io preferisco sicuramente "scaricare" a "downloadare", o "cancellare" a "deletare", e "inviare" invece di "sendare".Per altri termini però trovo che l'uso dei termini d'importazione faciliti di molto la comprensione, per cui perdonami se uso "file" al posto del già citato "documento", e se trovo più immediato "zippare" al posto del pur corretto "comprimere".Per non parlare poi di sigle e termini intraducibili (o quasi), per i quali tentare di forzare l'uso di termini italiani a costo di inventarli è, se permetti, ancora più ridicolo del dire "downloadare".I francesi in questo sono più ridicoli di noi italiani, forse se ne renderanno conto quando cercheranno di comunicare col resto del mondo e scopriranno che mente tutti gli altri parlano la stessa lingua, loro ne parlano una diversa. O forse si chiuderanno senza tentare di comunicare... chissà? Affari loro.PS. io sono uno di quelli che dice "scandire"! ;)
        • avvelenato scrive:
          Re: Devo aggiornare...
          - Scritto da: Fulmy(nato)(cut)
          , o "cancellare" a "deletare"mi hai fatto venire in mente una persona che un giorno per chiedere se doveva cancellare un file, disse, ispirandosi all'ormai vetusto "erase", " devo eradere il file? " (rotfl)
          PS. io sono uno di quelli che dice "scandire"! ;)bravo, ottimo lavoro ;) anche io, suona molto bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: avvelenato
            - Scritto da: Fulmy(nato)

            (cut)

            , o "cancellare" a "deletare"

            mi hai fatto venire in mente una persona che un
            giorno per chiedere se doveva cancellare un file,
            disse, ispirandosi all'ormai vetusto "erase",
            "devo eradere il file?" (rotfl)




            PS. io sono uno di quelli che dice "scandire"!
            ;)


            bravo, ottimo lavoro ;) anche io, suona molto
            bene.Sicuramente meglio di "scannare" un documento...
          • Anonimo scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo

            bravo, ottimo lavoro ;) anche io, suona molto

            bene.

            Sicuramente meglio di "scannare" un documento...ehi! anche io scanno i documenti!che avete in contrario?!
          • AndreaMilano scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: munehiro

            - Scritto da: Anonimo


            bravo, ottimo lavoro ;) anche io, suona molto


            bene.



            Sicuramente meglio di "scannare" un documento...Incuriosito ho cercato un pò e suhttp://forum.accademiadellacrusca.it/forum_8/interventi/3479.shtmlho trovato questo:------------------------------------Sulla scelta tra gli equivalenti italiani dell?inglese to scan l?Accademia si è espressa nelle ?Risposte ai quesiti? (attualmente a pagina 3) concludendo che sono accettabili tutte le soluzioni (scandire, scannare, scannerare, scannerizzare, scansionare) ? e non sarò certo io a contraddirne l?accettabilità.Mi interesserebbe piuttosto capire perché così tante forme ? al mio orecchio quasi tutte orripilanti ? quando, logicamente, la soluzione che avrebbe dovuto imporsi subito è scandire per il verbo e scansione per il sostantivo. Il verbo inglese to scan, infatti, deriva dal latino scăndere, il cui diretto discendente è appunto il nostro scandire.------------------------------------poffarbacco e perdindirindina per non dire porcoilmondo.com credo di aver usato sempre un termine diverso...
          • Anonimo scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: AndreaMilano
            il verbo e scansione per il sostantivo. Il verbo
            inglese to scan, infatti, deriva dal latino
            scăndere, il cui diretto discendente è
            appunto il nostro scandire.
            ------------------------------------

            poffarbacco e perdindirindina per non dire
            porcoilmondo.com credo di aver usato sempre un
            termine diverso...io ho sempre usato 'scansire' (pero' senza Crusca) ma mi hanno sempre capito lo stesso...
          • AndreaMilano scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo
            io ho sempre usato 'scansire' (pero' senza
            Crusca) ma mi hanno sempre capito lo stesso...Infatti è proprio quello il termine che avevo sempre usato ritenendo, forse per il pessimo "suono", scannare inidoneo.A.M.
          • Anonimo scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: AndreaMilano

            il verbo e scansione per il sostantivo. Il verbo

            inglese to scan, infatti, deriva dal latino

            scăndere, il cui diretto discendente è

            appunto il nostro scandire.

            ------------------------------------



            poffarbacco e perdindirindina per non dire

            porcoilmondo.com credo di aver usato sempre un

            termine diverso...

            io ho sempre usato 'scansire' (pero' senza
            Crusca) ma mi hanno sempre capito lo stesso...Anch'io. Perché il termine "Scansione lessicografica", ampiamente usato, in origine rappresentava il modo in cui fisicamente si scandiva un documento.Fino a quando, prendendo in mano un vocabolario di italiano, ho scoperto che il verbo "scansire" non esiste in italiano, ed il verbo dal quale deriva la parola "scansione" è "scandire".E così ho scoperto di aver inventato un neologismo inutile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo


            io ho sempre usato 'scansire' (pero' senza

            Crusca) ma mi hanno sempre capito lo stesso...

            Anch'io. Perché il termine "Scansione
            lessicografica", ampiamente usato, in origine
            rappresentava il modo in cui fisicamente si
            scandiva un documento.
            Fino a quando, prendendo in mano un vocabolario
            di italiano, ho scoperto che il verbo "scansire"
            non esiste in italiano, ed il verbo dal quale
            deriva la parola "scansione" è "scandire".
            E così ho scoperto di aver inventato un
            neologismo inutile.ma perche inutile? guarda che la Crusca non discende mica da Gesu' Cristo e quindi gli e' concesso anche qualche errore di valutazione - se la parola scandire esiste gia' e ha un significato che non coglie quello dell' "acquisizione tramite scanner di un documento" ma piu' quello di "pronunciare le parole in sillabe" e che scansire e' palesemente + adatto io insisto ad usarla xk corro meno il rischio di essere frainteso...
          • Rex1997 scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            io ho sempre usato 'scansire' (pero' senza


            Crusca) ma mi hanno sempre capito lo stesso...



            Anch'io. Perché il termine "Scansione

            lessicografica", ampiamente usato, in origine

            rappresentava il modo in cui fisicamente si

            scandiva un documento.

            Fino a quando, prendendo in mano un vocabolario

            di italiano, ho scoperto che il verbo
            "scansire"

            non esiste in italiano, ed il verbo dal quale

            deriva la parola "scansione" è "scandire".

            E così ho scoperto di aver inventato un

            neologismo inutile.

            ma perche inutile? guarda che la Crusca non
            discende mica da Gesu' Cristo e quindi gli e'
            concesso anche qualche errore di valutazione - se
            la parola scandire esiste gia' e ha un
            significato che non coglie quello dell'
            "acquisizione tramite scanner di un documento" ma
            piu' quello di "pronunciare le parole in sillabe"
            e che scansire e' palesemente + adatto io insisto
            ad usarla xk corro meno il rischio di essere
            frainteso...Un alltro modo per NON farsi capire è usare xk al posto di perché..capisco usarlo in un sms dove il limite di 160 caratteri si fa sentire, ma non ne capisco l'utilità in un forum dove tale limite non esiste...:(
          • Anonimo scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Rex1997
            Un alltro modo per NON farsi capire è usare xk al
            posto di perché..
            capisco usarlo in un sms dove il limite di 160
            caratteri si fa sentire, ma non ne capisco
            l'utilità in un forum dove tale limite non
            esiste...:(:D scusa se rido ma a quanto pare ti stai dando una bella zappata sul piede perche' l'acronimo XK mi pare che tu l'hai capito benissimo...e comunque finche' nessuno mi dice "ma che cacchio vuol dire quella parola?" io continuo a pensare di essere capito....
          • Rex1997 scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Rex1997


            Un alltro modo per NON farsi capire è usare xk
            al

            posto di perché..

            capisco usarlo in un sms dove il limite di 160

            caratteri si fa sentire, ma non ne capisco

            l'utilità in un forum dove tale limite non

            esiste...:(

            :D
            scusa se rido ma a quanto pare ti stai dando una
            bella zappata sul piede perche' l'acronimo XK mi
            pare che tu l'hai capito benissimo...
            e comunque finche' nessuno mi dice "ma che
            cacchio vuol dire quella parola?" io continuo a
            pensare di essere capito....Il problema è che se il sottoscritto lo capisce, in quanto utilizzatore anche del servizio sms, qualcuno potrebbe non capire e chiedere spiegazioni non è da tutti, visto che si rischia la solita figura da troglodita informatico.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo
            ma perche inutile? guarda che la Crusca non
            discende mica da Gesu' Cristo e quindi gli e'
            concesso anche qualche errore di valutazione - se
            la parola scandire esiste gia' e ha un
            significato che non coglie quello dell'
            "acquisizione tramite scanner di un documento" ma
            piu' quello di "pronunciare le parole in sillabe"
            e che scansire e' palesemente + adatto io insisto
            ad usarla xk corro meno il rischio di essere
            frainteso...Questa è l'obiezione che sento più spesso quando tiro in ballo il termine "scandire", tanti mi dicono: "ma io scandisco le parole".Non ho lo Zingarelli sottomano per cui vado a memoria, è vero che significa quello, ma per estensione significa anche "analizzare passo per passo qualcosa".Ed è esattamente ciò che fa uno scanner in qualsiasi settore, analizza cioé qualcosa un passo per volta.Lo scanner fotografico analizza una immagine un punto alla volta (ecco perché ci vuole del tempo), lo scanner radio esamina lo spettro delle frequenze radio una frequenza per volta, e così via, anche in medicina, astronomia, ecc. ovunque venga utilizzato uno "scanner".Sempre in informatica c'è il "portscan", ovvero la scansione delle porte, quei programmini che provano le porte una per una...Oppure il famigerato "scandisk", ovvero uno scanner del disco che esamina un cluster alla volta tutto il disco alla ricerca di problemi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Devo aggiornare...

          PS. io sono uno di quelli che dice "scandire"! ;)e dici giusto... forse perchè sei uno dei pochi che ha dato una letta allo "Zingarelli"...
          • Anonimo scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            Sicuri?Secondo me si deve dire "scansionare". Scandire significa dire lentamente le lettere o le sillabe una dopo l'altra... lo spelling!
          • AndreaMilano scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo
            Sicuri?

            Secondo me si deve dire "scansionare".

            Scandire significa dire lentamente le lettere o
            le sillabe una dopo l'altra... lo spelling!
            Comunque scansionare è un lemma "autorizzato" dall'Accademia della Crusca ;)A.M.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: Anonimo
            Scandire significa dire lentamente le lettere o
            le sillabe una dopo l'altra... lo spelling!
            Non solo quello, leggi l'altra risposta
        • HotEngine scrive:
          Re: Devo aggiornare...
          - Scritto da: Fulmy(nato)
          cercheranno di comunicare col resto del mondo e
          scopriranno che mente tutti gli altri parlano la
          stessa lingua, loro ne parlano una diversa.
          O forse si chiuderanno senza tentare di
          comunicare... chissà? Affari loro.Fammi capire... Tu quando comunichi con un tedesco, per esempio, usi l'italiano o l'inglese? Trovi difficoltà a tradurre il tuo idioma in inglese? Per quale motivo invece ne dovrebbe avere un francese?
          • Vide scrive:
            Re: Devo aggiornare...
            - Scritto da: HotEngine
            Fammi capire... Tu quando comunichi con un
            tedesco, per esempio, usi l'italiano o l'inglese?
            Trovi difficoltà a tradurre il tuo idioma in
            inglese? Per quale motivo invece ne dovrebbe
            avere un francese?Ma infatti...qua c'è una quantità di ignoranza e superficialità incredibile...cosa c'entra la normalizzazione della propria lingua autoctona con il comunicare con uno straniero. Qua si parla di comunicare con i propri conterranei!
  • Anonimo scrive:
    Sti francesi...
    ...sempre a rinominare alla francese tutto quello che vedono in giro...mentre se lo facciamo noi italiani ci manca poco che altri italiani (non stranieri) ci facciano passare per dei nostalgici (non dico il termine esatto per evitare flame) che non vogliono includersi dentro il grande mondo globale :| :'(Ecchissenefrega... passerò per nostalgico ma da oggi comincio anch'io a fare l'italiano (come i francesi fanno i francesi)Microsoft (non si legge maicro..guai a chi lo fa) Finestre IcsP (la X non fa parte del nostro alfabeto) Pacco di Servizio 2Adobe Negozio di Fotografie 7Rete Telematica (ebbasta con sto internet, sempre a tifare neroazzurro)Norton Anti Entità Virale Informaticaah già le più famose tanto in voga nelle scuole con i prof "retrò": Calcolatore, Memoria ad Accesso Casuale, Memoria di Sola Lettura, Memoria di Massa (se per queste ultime tre non vi va di chiamarle per esteso abbreviatele ma così: MaAC, MdSL, MdM) mentre le dimensioni degli Archivi (file) così:carattereKiloCaratteriMegaCaratteriGigaCaratteriTeraCaratteriuff... che fatica mi pare d'essere Raul Cremona quando chiama in causa Piero Quark :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Sti francesi...
      fortissime! Dai ce ne hai altre (geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sti francesi...
      - Scritto da: Anonimo
      ...sempre a rinominare ..............

      Microsoft .............. Pacco di Servizio 2
      ........................
      uff... che fatica mi pare d'essere Raul Cremona
      quando chiama in causa Piero Quark
      :DBellissimo quel PACCO di servizio !!!!!
    • Rex1997 scrive:
      Re: Sti francesi...
      Grande! un solo appunto:
      Microsoft (non si legge maicro..guai a chi lo fa)
      Finestre IcsP (la X non fa parte del nostro
      alfabeto) Pacco di Servizio 2Micro**** si legge così anche in inglese in quanto termine mediato dal greco antico: è solo un vezzo italianissimo quello di dire maicro****:( come l'altro di dire midia invece di media :(Bellissimo il "Pacco di Servizio":rende molto bene l'idea...:D:D
      Norton Anti Entità Virale InformaticaVirus è latino e si potrebbe lasciare Anti Virus..ma questo lo ammetto è solo perfezionismo.....;)==================================Modificato dall'autore il 24/05/2005 11.12.04
    • Anonimo scrive:
      Re: Sti francesi...
      - Scritto da: Anonimo
      Microsoft (non si legge maicro..guai a chi lo fa)Beh, in molte parti d'Italia si pronuncia così. E non ci trovo niente di strano.A Trento, se chiedi dove è lo stabilimento della Michelin, devi pronunciarlo "michelin", non "mischlen".E non ci trovo niente di strano.Ci troverei qualcosa di strano se uno facesse il saputello, e perché gli ho chiesto dove è la "michelin", non mi rispondesse perché non l'ho pronunciata alla francese.
      Finestre IcsP (la X non fa parte del nostro alfabeto)Accidenti. Proprio quella che qualche dubbio alle elementari lo metteva anche alla maestra... :D E con Xilofono come la mettiamo? Xenofobia? Si, si, esistono "silofono" e "senofobia", ma sono state inventate proprio da qualcuno che negli anni trenta/quaranta pensava di rendere "pura" la lingua italiana. Va bene, si tratta di eccezioni, come "soqquadro" che è l'unica parola italiana con due"q", ma esistono, sono di origine greca ma le usavano già i latini... Comunque "Windows XP" ed "Adobe Photoshop" sono nomi commerciali, non parole del vocabolario. Come "Nutella" o "Granbiscotto". Come si traducono in Inglese? Non si traducono. Anche se "Bigcookie Rovagnati" non sarebbe male... ;)
      Rete Telematica (ebbasta con sto internet, sempre
      a tifare neroazzurro)Beh, "Rete Telematica" direi che è una parola italiana di uso comune. Solo che non significa "Internet". Anche tre biblioteche connesse con una rete a commutazione di pacchetto sono una "Rete Telematica".
      Norton Anti Entità Virale InformaticaAh, questa poi. :D :D Come lo pronunci "Antivirus"? No,perché gli anglosassoni dicono "Antivairus"...Composto di "Anti", greco, e "Virus", latino. ;)Ed URL? Loro "iuarel". :D
      ah già le più famose tanto in voga nelle scuole
      con i prof "retrò": Calcolatore, Memoria ad
      Accesso Casuale, Memoria di Sola Lettura, Memoria
      di Massa Uh? Che cosa c'è di male? Direi che sono termini chiari, precisi, comprensibili e che descrivono le funzioni di quei dispositivi.Se sei chiaro e comprensibile, puoi anche abbreviare Memoria ad Accesso Casuale in RAM, Memoria di Sola Lettura in ROM, Memoria di Massa in... suggeriscimi una sigla perché un termine di uso comune di derivazione inglese che indichi la stessa cosa non mi viene.
      mentre le dimensioni degli Archivi
      (file) così:Perché Archivio? Da anni la traduzione in italiano di "file" è "documento" e di "folder" è "cartella". Che poi abbiamo imparato tutti sul DOS che non traduceva nulla questo è un altro paio di maniche. Ma sui sistemi MacIntosh, ad esempio, esistevano già ai tempi "cartelle" e "documenti".
      uff... che fatica mi pare d'essere Raul Cremona
      quando chiama in causa Piero Quark Il problema non è l'uso di termini stranieri ("chicane", "sauna", "aufbau", "software") o sigle formulate originariamente in una lingua straniera (HIV - Human Immunodeficiency Virus -, GSM - Groupe Spécial pour le Mobile -, ABS - Anti Blockier System) quanto il fatto che noi non sappiamo e non studiamo più l'italiano. Ed prendiamo a prestito dall'estero parole che già esistono in italiano, con lo stesso identico significato. Ma dato che non le conosciamo, crediamo ci sia bisogno di neologismi. Poi quando sentiamo quelle parole pronunciate da qualcuno che sa qualche migliaio di vocaboli in più, diamo dell'ignorante a lui invece che a noi stessi.Io sono favorevole all'uso dei termini stranieri per quegli ambiti dove l'evoluzione scientifica genera cose che prima non esistevano. Ma usare "Slide" per "lucido", "Show" per esibizione, "Gadget" per accessorio, "Charme" per fascino non significa essere all'avanguardia. Significa conoscere mille vocaboli invece di diecimila. Sapere di meno invece che di più.Una volta, lo chiamavano "ignorare".Come è "ignorare" non conoscere bene una lingua straniera ed accontentarsi di una versione nazionalizzata. Se girate il mondo per conferenze: com'è mediamente la pronuncia inglese degli italiani e dei giapponesi?Da una circolare interna di una azienda per spiegare ai suoi dipendenti un nuovo prodotto che avrebbero dovuto vendere alla clientela: "La Mastercard Gold è distribuita in un welcome pack di standing elevato contenente un gadget"...Se volete l'originale, l'ho tenuto da parte.P.S. Anche i paesi anglosassoni, in materia di tradurre i termini stranieri, non scherzano. Il film "Pret-a-Porter" di Altman, 1994, film USA (Miramax), negli USA fu reintitolato "Ready to wear"...Solo che loro ultimamente sentono meno questo problema... ;)
      • Vide scrive:
        Re: Sti francesi...
        Anononimo, non lascio tutto il tuo messaggio perchè troppo lungo, ma hai ragione su tutta la linea, anche se io non vedo poi così male la normalizzazione dei neologismi anglofoni (il modello spagnolo mi pare il migliore)Comunque, è chiarissimo che sia puro e semplice retaggio culturale questa forma mentale. Noi siamo stati davvero "conquistatori" ormai solo ai tempi dei latini, e da secoli siamo abituati ad essere sottomessi e comandati da fuori...ormai se non succede ci sentiamo strani e sperduti. Normalissimo, è una pura questione socio-culturale, ma ci sarebbe da rendersi conto che la globalizzazione voluta dalle multinazionali, che passa dai McDonalds e Nike varie così come dal brand per il need del market, non è interscambio culturale, è APPIATTIMENTO.La vera globalizzazione sana ed utile è quella in cui tutti hanno lo stesso valore pur mantenendo la loro diversità, non quella dove tutti sono solo dei semplici cloni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sti francesi...

      Microsoft (non si legge maicro..guai a chi lo fa)
      Finestre IcsP (la X non fa parte del nostro
      alfabeto) Pacco di Servizio 2Cmq a pensarci bene il nome più imbecille per un os l'ha proprio scelto bill.... Finestre.... :D...solo perchè ci sono delle finestre...E' come se amiga avesse creato un Amiga Schermi...:'(:
  • Anonimo scrive:
    mah...
    E' vero che l'Italia è esterofila.. e le occasioni in cui ce ne accorgiamo sono decine... basta leggere la prima pagina di un giornale ed ogni giorno leggiamo qualcosa di cui non abbiamosentito parlare. Es.. ce ne ho messo per capire cosa fosse esattamente il Question Time... ma c'è veramente bisogno di questo termine?Comunque... la Francia è invece all'ooposto di noi. Mi sembra assurdo eliminare parole come "computer" o il "break" nel tennis, "DNA" con "ADN" e ancora fastfood con restauration rapide o addirittura "fax" con télécopieur. Mi chiedo, a parte questa loro presunta grandezza, alla quale, non crede nessuno, ma come si rapportano col resto del mondo che usa gli stessi termini?Mi chiedo, ma un ragazzo francese che vuole andare, ad esempio, in vacanza in un altro stato e gli chiedono un fax di conferma, cosa fa? Rimane come un cretino a cercare di capire come gli altri parlino strano? E gli acquisti su internet, se capita su un sito italiano che vende computer, scanner e flash memory cosa capisce?Ripeto, noi italiani a volte esageriamo... ma loro...
    • Anonimo scrive:
      Re: mah...
      Per me quando devono trattare con il mondo esterno riabbassano la cresta e tornano a parlare come tutti
      • Anonimo scrive:
        Re: mah...
        - Scritto da: Anonimo
        Per me quando devono trattare con il mondo
        esterno riabbassano la cresta e tornano a parlare
        come tuttiahhh...quindi tu dici che loro sentono "la grandeur" quando sono nei confini... oltre non vale più? :D
        • Anonimo scrive:
          Re: mah...
          purtroppo vi sbagliate.ho avuto a che fare coi francesi per lavoro e non cè verso di fargli parlare una lingua diversa dalla loro. A volte mi capita di dover fornire assistenza ai clienti (95% internazionali) e come i francesi non ce ne sono (per fortuna!).non sono loro che, in quanto necessitano di aiuto, si adattano a noi. Siamo noi che dobbiamo parlare francese, per non passare come quelli che ignorano le richieste di aiuto dei clienti. ma è possibile???? se tutti facessero così ogni ufficio che deve gestire clienti internazionali dovrebbe avere un impiegato per ogni lingua esistente.Allucinante! così come quei caproni che dicono che anche noi dovremmo diventare come loro. I termini tecnici NON vanno tradotti!!! mentre per quanto riguarda l'uso di parole non tecniche infilate nelle discussioni in italiano, sono daccordo con voi: non centrano niente. sarebbe comunque interessante vedere cosa direste se qualcuno provasse a tradurre Pizza o Pasta nella loro lingua e voi dobbiate adattarvi alle loro traduzioni.
    • HotEngine scrive:
      Re: mah...
      - Scritto da: Anonimo
      Mi chiedo, ma un ragazzo francese che vuole
      andare, ad esempio, in vacanza in un altro stato
      e gli chiedono un fax di conferma, cosa fa?
      Rimane come un cretino a cercare di capire come
      gli altri parlino strano? E gli acquisti suCredi davvero che un francese non sappia probabilmente l'inglese meglio di te o me? Hai problemi a parlare in inglese traducendo dall'italiano? Ecco, per un francese è la stessa cosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: mah...
        - Scritto da: HotEngine
        - Scritto da: Anonimo


        Mi chiedo, ma un ragazzo francese che vuole

        andare, ad esempio, in vacanza in un altro stato

        e gli chiedono un fax di conferma, cosa fa?

        Rimane come un cretino a cercare di capire come

        gli altri parlino strano? E gli acquisti su

        Credi davvero che un francese non sappia
        probabilmente l'inglese meglio di te o me? Hai
        problemi a parlare in inglese traducendo
        dall'italiano? Ecco, per un francese è la stessa
        cosa.Beh cosa vuoi sperare da un popolo che, per dire 80, dice quattro volte 20? :)
        • teddybear scrive:
          Re: mah...
          - Scritto da: Anonimo
          Beh cosa vuoi sperare da un popolo che, per dire
          80, dice quattro volte 20? :)E per dire 90 dicono 4 volte 20, 10.Certo ottieni un vantaggio, un bambino che sa contare fino a 100 sa anche gia' fare le espressioni ;)Sabato notte ero al lavoro, avevo bisogno di assistenza al supporto Internazionale di Praga. Tiro su il telefono e mi sono fatto una bella chiacchierata con il collega. Ovviamente in inglese. Purtroppo ha dovuto dirottarmi al secondo datacenter che e' a Parigi.Non riesco a capire perche' in una multinazionale tedesca, di nome americano, io debba trovare un supporto internazionale al sabato notte (quindi Urgente), che parla solo francese e si rifiuta categoricamente di tentare di capire una sola parola di inglese/spagnolo/tedesco/italano ... le ho provate tutte, alla fine mi sono arreso ed ho dovuto spolverare quel poco di francese che avevo studiato 22 anni fa, alle scuole medie.Non riuscivo a spiegargli di riavviare il servizio LDAP. Alla fine gli ho dettato i comandi da immettere sulla console dell HP-UX ... che tristezza.Qualcuno ha idea di come traducono "daemon" (oppure service) e LDAP ?
      • Anonimo scrive:
        Re: mah...
        - Scritto da: HotEngine
        Credi davvero che un francese non sappia
        probabilmente l'inglese meglio di te o me? Hai
        problemi a parlare in inglese traducendo
        dall'italiano? Ecco, per un francese è la stessa
        cosa.dici? Se a me dalla nascita mi parlano di (boh) telefotocopiatore....e poi mi dicono di inviare un fax... sinceramente non saprei cosa pensare :
        • Vide scrive:
          Re: mah...
          - Scritto da: Anonimo
          dici? Se a me dalla nascita mi parlano di (boh)
          telefotocopiatore....e poi mi dicono di inviare
          un fax... sinceramente non saprei cosa pensare :E via di ignoranzaaaaa. Lo sai vero che fac-simile è latino, lingua da cui l'italiano a differenza dell'inglese discende direttamente? No eh? IGNORANTE
          • Anonimo scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: Vide

            - Scritto da: Anonimo


            dici? Se a me dalla nascita mi parlano di (boh)

            telefotocopiatore....e poi mi dicono di inviare

            un fax... sinceramente non saprei cosa pensare
            :

            E via di ignoranzaaaaa. Lo sai vero che
            fac-simile è latino, lingua da cui l'italiano a
            differenza dell'inglese discende direttamente? No
            eh? IGNORANTEe tu sei un cretino. Mi riferivo alle traduzioni del listone francese. Ma tu sei un cretino e non sei neanche andato a leggertelo.
  • Anonimo scrive:
    Ce l'hanno nel cervello
    il bloc
  • avvelenato scrive:
    sono pazzi, si studino l'etimologia
    blog è una contrazione di web log, ovvero "diario di rete".Il termine francese deputato a sostituirlo non può buttar quest'etimologia nel cesso (etimologia che racchiude in sè lo spunto per indagare sull'origine di questo media), solo perché "troppo anglofono". Sono totalmente fuori di testa!!
    • Anonimo scrive:
      Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
      Evviva l'UE dove tutti pensan per se....
    • Anonimo scrive:
      Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
      cosa vuoi sperare da un popolo di zozzoni...
    • Anonimo scrive:
      Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
      io invece li invidio: non si calano le braghe.qualche giorno fa mi è capitato di vedere un programma sui programmi televisivi.una vera assurdità: telenovela è diventato sop, sceneggiato si dice ficion, sfondo si dice lochescion, di puro è rimasto doppiaggio e moviola. è un vero schifo vedere una cultura colonizzata.vive la france!
      • Anonimo scrive:
        Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
        - Scritto da: Anonimo
        io invece li invidio: non si calano le braghe.
        qualche giorno fa mi è capitato di vedere un
        programma sui programmi televisivi.
        una vera assurdità: telenovela è diventato sop,
        sceneggiato si dice ficion, sfondo si dice
        lochescion, di puro è rimasto doppiaggio e
        moviola. è un vero schifo vedere una cultura
        colonizzata.
        vive la france!ah, dimenticavo, provino si dice casting, e non solo.nello sport è sparito pallacanestro, ora si dice baschet, nella medicina sindrome da immunodeficienza acquisita di dice aids e non correttamente sida, scenografia si dice format, decodificatore decoder, ecc.e pensare che in grecia sono talmente orgogliosi dell'alfabeto che, se non traducono, almeno traslitterano, come ho fatto io nel post.
        • Anonimo scrive:
          Re: sono pazzi, si studino l'etimologia

          ah, dimenticavo, provino si dice casting, e non
          solo.quoto solo questo... come ho scritto in un altro mex... è vero, in italia si esagera. Ma parole come Location o teaser o altre che sono un gergo tecnico usato in tutto il mondo (a parte la Francia) dovrebbero essere lasciate così. Tu dirai, ma perchè in inglese e non in un'altra lingua? Beh sinceramente preferisco usare le lingue più parlate nel mondo che altre. Se un giorno Location sidirà dapperturro Wang Tang, allora diremo wang tang.Ps. non so cosa sia wang tang, ma mi dava l'impressione di una parola cinese :)
          • Anonimo scrive:
            Re: sono pazzi, si studino l'etimologia

            Ma parole come teaserpotrebbero molto più felicemente e comprensibilmente essere sostituite da preambolo, introduzione.spesso questi inglesismi sono un modo per non farsi capire, per entrare in un gergo tecnico e sentirsi superiori ai propri interlocutori.
          • avvelenato scrive:
            Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
            - Scritto da: Anonimo

            Ma parole come teaser

            potrebbero molto più felicemente e
            comprensibilmente essere sostituite da preambolo,
            introduzione.

            spesso questi inglesismi sono un modo per non
            farsi capire, per entrare in un gergo tecnico e
            sentirsi superiori ai propri interlocutori.Mi ricora quello che diceva: "i libri sono un mezzo tramite il quale i lettori vogliono sentirsi superiori rispetto a chi non li legge!"Indovina chi lo disse?
          • Anonimo scrive:
            Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
            - Scritto da: Anonimo

            Ma parole come teaser

            potrebbero molto più felicemente e
            comprensibilmente essere sostituite da preambolo,
            introduzione.

            spesso questi inglesismi sono un modo per non
            farsi capire, per entrare in un gergo tecnico e
            sentirsi superiori ai propri interlocutori.Ma questo agli italiani piace moltissimo!A ognuno il suo :DComunque "teaser" non la sapevo.Nemmeno in inglese, diro` di piu`!
          • Anonimo scrive:
            Re: sono pazzi, si studino l'etimologia

            Beh sinceramente preferisco usare le
            lingue più parlate nel mondo che altre. Se un
            giorno Location sidirà dapperturro Wang Tang,
            allora diremo wang tang.

            Ps. non so cosa sia wang tang, ma mi dava
            l'impressione di una parola cinese :)Quasi, ma si puo' dire che ci sei andato vicino.Si dice "chang suo", usando il terzo accento su entrambe (in cinese 场所)
        • Anonimo scrive:
          Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
          ti sei dimenticato lo "schima", che si scrive schema e che significa schema, poi dimentichi "plus", anzi... plas e poi anche sponsor, che al plurale ho sentito pronunciare sponsors (per chi non lo sapesse è latino e fa sponsores) e tante altre amenità, tra cui l'ultima è la poltrona "global rélax", con l'accento sulla e, perchè relàx era poco anglofono...
        • Anonimo scrive:
          Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
          guarda che il format non e' una scenografia... semmai formato, inteso come modello o soggetto di ideazione televisiva...
      • avvelenato scrive:
        Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
        - Scritto da: Anonimo
        io invece li invidio: non si calano le braghe.
        qualche giorno fa mi è capitato di vedere un
        programma sui programmi televisivi.
        una vera assurdità: telenovela è diventato sop,
        sceneggiato si dice ficion, sfondo si dice
        lochescion, di puro è rimasto doppiaggio e
        moviola. è un vero schifo vedere una cultura
        colonizzata.
        vive la france!guarda, il princìpio non è male, ed è quello di non creare barriere linguistiche endonazionali (il ché accade troppo spesso in italia senza che ce ne accorgiamo, ad esempio mia madre non capisce più i titoli dei film e glieli traduco io*)ma basiamo tutto sul ragionamento che la lingua si è evoluta anche secondo criteri logici, e certe parole hanno assunto determinate forme e suoni non a caso, ma secondo un preciso criterio. C'era la @, la chiamano at in inglese, qualcuno propose il termine apud in italiano, ma chiocciola ha preso il sopravvento, senza leggi e decreti strani: va bene, gli italiani hanno deciso di dimenticarsi che @ è innanzitutto una preposizione di moto a luogo. Ma per lo meno l'abbiamo deciso noi italiani (con "euri" non siamo stati così fortunati...).web log, diario di rete, come vorresti chiamarlo per legge? diarete ? la "r" raddoppierebbe naturalmente per migliorare il suono, e diarrete si presterebbe troppo a facili battute. Allora diciamolo, non si può tradurre in maniera sensata, decente e gradevole. Il bloc notes non c'entra niente coi blog!(per dirla tutta, a volte anche le parole della stessa lingua litigano fra di loro: vedasi la parola laptop , complemento di "lap" e "top", che ben identifica l'oggetto molto più dell'odierno notebook )*a dire il vero, ragionando egoisticamente e non considerando la mi mamma, preferisco ora che i titoli non vengono tradotti, giacché mi sono reso conto delle storture che le traduzioni "Creative" creano...anzi, aspetto di poter comprendere i film in madrelingua, in modo da inorridirmi del lavoro di doppiatori...
        • zirgo scrive:
          Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
          - Scritto da: avvelenato
          *a dire il vero, ragionando egoisticamente e non
          considerando la mi mamma, preferisco ora che i
          titoli non vengono tradotti, giacché mi sono reso
          conto delle storture che le traduzioni "Creative"
          creano...anzi, aspetto di poter comprendere i
          film in madrelingua, in modo da inorridirmi del
          lavoro di doppiatori...mah...i nostri doppiatori sono i migliori al mondo per quanto ne so...personalmente trovo molto più realistico il parlato di un film doppiato che non quello di uno made-in-italy (vabbè...il nostro cinema purtroppo è quello che è)...
        • Anonimo scrive:
          Re: sono pazzi, si studino l'etimologia

          web log, diario di rete, come vorresti chiamarlo
          per legge? diarete?ma perchè, diario non va bene?
        • Anonimo scrive:
          Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
          - Scritto da: avvelenato

          guarda, il princìpio non è male, ed è quello di
          non creare barriere linguistiche endonazionali
          (il ché accade troppo spesso in italia senza che
          ce ne accorgiamo, ad esempio mia madre non
          capisce più i titoli dei film e glieli traduco
          io*)Già però quando anni fa chiacchieravo in rete con gente sparsa per il globo e si finiva a parlare di cinema, facevo spesso gran fatica a capire di che film si trattasse, grazie alle traduzioni "creative", e ci risalivo dalla trama e/o dai protagonisti....A volte si è fortunati, "When Harry met Sally" si riconosce... ma "Home alone"? "Mamma ho perso l'aereo". "The Running Man"? "L'implacabile" etc etc...O misteri distributivi che portano un film inizialmente apparso come "La vita, l'amore e le vacche" ad essere ritirato e ridistribuito un po' di tempo dopo come "Scappo dalla città"Per non parlare di sporchi trucchi di marketing che portano "Martians go home" ad essere rinominato "Balle spaziali 2"... immagino come ci saranno rimasti male all'epoca quelli che andarono convinti di godersi un'altra parodia di Mel Brooks...La soluzione forse sarebbe quella di "Greystoke", titolo originale mantenuto ma arricchito de "La leggenda di Tarzan" tanto per capirsi...KaysiX
      • Anonimo scrive:
        Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
        - Scritto da: Anonimo
        io invece li invidio: non si calano le braghe.
        qualche giorno fa mi è capitato di vedere un
        programma sui programmi televisivi.
        una vera assurdità: telenovela è diventato sop,
        sceneggiato si dice ficion, sfondo si dice
        lochescion, di puro è rimasto doppiaggio e
        moviola. è un vero schifo vedere una cultura
        colonizzata.
        vive la france!Vorrei farti notare che "telenovela" e` un termine spagnolo, non italiano.
    • Anonimo scrive:
      Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
      Piu' che l'etimologia della parola, l'errore di traduzione riguarda proprio il significato...
      • avvelenato scrive:
        Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
        - Scritto da: Anonimo
        Piu' che l'etimologia della parola, l'errore di
        traduzione riguarda proprio il significato...anche. Ma come vedi, ho suggerito ai francofoni una strada per nazionalizzare le parole, ed è partire dall'etimologia; il problema è che scommetto in italia i diarreti non attecchirebbero granché :D
    • Anonimo scrive:
      Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
      - Scritto da: avvelenato
      blog è una contrazione di web log, ovvero "diario
      di rete".

      Il termine francese deputato a sostituirlo non
      può buttar quest'etimologia nel cesso (etimologia
      che racchiude in sè lo spunto per indagare
      sull'origine di questo media), solo perché
      "troppo anglofono". Sono totalmente fuori di
      testa!!Non ci pensare e mangia insieme a me un po' di Freedom Fries
      • avvelenato scrive:
        Re: sono pazzi, si studino l'etimologia
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: avvelenato

        blog è una contrazione di web log, ovvero
        "diario

        di rete".



        Il termine francese deputato a sostituirlo non

        può buttar quest'etimologia nel cesso
        (etimologia

        che racchiude in sè lo spunto per indagare

        sull'origine di questo media), solo perché

        "troppo anglofono". Sono totalmente fuori di

        testa!!

        Non ci pensare e mangia insieme a me un po' di
        Freedom Friesnon posso. Ci ho fatto amicizia, sono simpatiche in verità, anche se spettegolano sempre dello yogurt.(http://punto-informatico.it/p.asp?i=52969&r=PI )
      • Anonimo scrive:
        Re: sono pazzi, si studino l'etimologia

        Non ci pensare e mangia insieme a me un po' di
        Freedom Friessì, magari anche ogm
  • Anonimo scrive:
    Bloc?
    Chiamiamolo BLOB! :)
Chiudi i commenti